Rivelato un altro livello di corruzione nello scandalo degli oppioidi

Source: April 25, 2022; analisi del Dr. Joseph Mercola [>FactChecked<]

Nel 2021, McKinsey & Company, uno dei maggiori consulenti di società e governi di tutto il mondo, ha risolto una causa intentata da 47 procuratori generali statali per il suo ruolo nella crisi degli oppioidi negli Stati Uniti. L’azienda ha accettato di pagare $ 573 milioni di multa per aver aumentato le vendite dell’antidolorifico OxyContin di Purdue Pharma, anche se gli americani stavano morendo a frotte.


La storia in breve
  • Nel 2021, McKinsey & Company, uno dei maggiori consulenti di società e governi di tutto il mondo, ha risolto una causa intentata da 47 procuratori generali statali per il suo ruolo nella crisi degli oppioidi negli Stati Uniti
  • Un’indagine della Camera degli Stati Uniti rivela che McKinsey stava consigliando la Food and Drug Administration statunitense sulla sicurezza degli oppioidi, mentre allo stesso tempo consigliava a Purdue come massimizzare le vendite
  • Jeff Smith, un consulente senior della McKinsey, ha lavorato a una strategia di valutazione e mitigazione del rischio (REMS) per OxyContin, consigliando contemporaneamente la FDA sulla sicurezza del farmaco
  • McKinsey ha promosso le sue connessioni con la FDA durante la presentazione di servizi ai suoi clienti farmaceutici. La FDA, nel frattempo, afferma di non avere idea che McKinsey stesse lavorando con Purdue
  • Purdue conosceva i pericoli del suo farmaco, lo ha coperto e ha assunto addetti ai lavori della FDA per consigliare la sua strategia di vendita e come influenzare la FDA. Hanno anche assunto Publicis per gestirne il marketing. Publicis, la più grande società di pubbliche relazioni del mondo, finanzia e collabora con organizzazioni di “controllo dei fatti” per sopprimere e censurare la verità

Link video su Bitchute.


Nel 2021, McKinsey & Company, uno dei maggiori consulenti di società e governi di tutto il mondo, ha risolto una causa intentata da 47 procuratori generali statali per il suo ruolo nella crisi degli oppioidi negli Stati Uniti. L’azienda ha accettato di pagare $ 573 milioni di multa1 per aver aumentato le vendite dell’antidolorifico OxyContin di Purdue Pharma, anche se gli americani stavano morendo a frotte.

Tra il 1999 e il 2019, quasi 500.000 americani sono morti per overdose da oppioidi,2 e la pubblicità ingannevole e la corruzione sono state al centro di questa tragedia. Come riportato dal New York Times:3

« L’ampio lavoro di McKinsey con Purdue includeva il consiglio di concentrarsi sulla vendita di pillole redditizie ad alte dosi, i registri mostrano, anche dopo che il produttore di farmaci si è dichiarato colpevole nel 2007 di accuse penali federali di aver fuorviato medici e autorità di regolamentazione sui rischi di OxyContin. L’azienda ha anche detto a Purdue che potrebbe “unirsi” con altri produttori di oppioidi per evitare “trattamenti rigorosi” da parte della Food and Drug Administration. »


Peggio di quanto pensassimo

Ora scopriamo che la situazione è ancora più corrotta di quanto pensassimo in precedenza. Un’indagine della Camera degli Stati Uniti4,5,6 su McKinsey, basata sui materiali ottenuti attraverso il processo di scoperta di questa e di altre cause legali, ha rivelato che McKinsey stava consigliando la FDA sulla sicurezza degli oppioidi, mentre allo stesso tempo consigliava a Purdue come massimizzare le vendite.

In un caso, McKinsey ha scritto “sceneggiature” per Purdue da utilizzare nel suo incontro con la FDA per discutere la sicurezza di OxyContin nelle popolazioni pediatriche. In un altro, Jeff Smith, un consulente senior della McKinsey, ha lavorato a una strategia di valutazione e mitigazione del rischio (REMS) per OxyContin, consigliando contemporaneamente la FDA sulla sicurezza del farmaco.7

Come notato dal giornalista investigativo Paul Thacker,8 “Pensaci solo per un momento: per anni McKinsey ha interpretato sia il poliziotto che il rapinatore”. Come riportato dal New York Times, 13 aprile 2022:9

« Dal 2010, almeno 22 consulenti McKinsey hanno lavorato sia per Purdue che per la FDA, alcuni contemporaneamente, secondo il rapporto di 53 pagine del comitato…

L’azienda non ha fornito prove al comitato di aver divulgato i potenziali conflitti di interesse come richiesto dalle norme federali sugli appalti: una “apparente violazione”, afferma il rapporto.

McKinsey ha anche consentito ai dipendenti che consigliavano Purdue di aiutare a plasmare materiali destinati a funzionari e agenzie governative, incluso un promemoria nel 2018 preparato per Alex M. Azar II, allora segretario entrante per la salute e i servizi umani sotto il presidente Donald J. Trump.

I riferimenti alla gravità della crisi degli oppioidi in una bozza della nota, mostrano i documenti, sono stati tagliati prima che fosse inviata al signor Azar.

“Il rapporto di oggi mostra che mentre la FDA si affidava ai consigli di McKinsey per garantire la sicurezza dei farmaci e proteggere le vite americane, l’azienda veniva anche pagata dalle stesse aziende che alimentavano l’epidemia mortale di oppioidi per aiutarli a evitare una regolamentazione più rigida di questi farmaci pericolosi,’ ha affermato in una dichiarazione la rappresentante Carolyn Maloney, la democratica di New York che presiede il comitato…

Un gruppo bipartisan di legislatori il mese scorso ha introdotto una legislazione10 volta a prevenire i conflitti di interesse negli appalti federali, citando l’esperienza di McKinsey con Purdue e la FDA. »

La FDA, in risposta, ha dichiarato che “fa affidamento sui suoi appaltatori per valutare e segnalare potenziali conflitti di interesse”, riporta il New York Times.11 In altre parole, sta solo puntando il dito e rifiutandosi di assumersi la responsabilità di lavorare con i consulenti che chiaramente potrebbe, e dovrebbe, essere sospettato di avere secondi fini, in base alla loro base di clienti.

Non è ovvio che McKinsey, lavorando per migliorare le vendite per i suoi clienti produttori di oppioidi, potrebbe fornire alla FDA un consiglio parziale per conto di quei clienti? Sorprendentemente, nell’ottobre 2021, la FDA ha scritto12 ai senatori affermando che non avevano idea che McKinsey stesse nemmeno lavorando per Purdue e non l’hanno scoperto fino a quando i media non lo hanno riportato all’inizio del 2021.

Sembra oltre irrazionalmente sciocco che la stampa possa scoprirlo, ma non la FDA – un po’ come il capo del CDC, la dott.ssa Rochelle Walensky, che va alla CNN e cita i comunicati stampa della Pfizer come dati fattuali.


McKinsey ha consigliato la FDA sulla sicurezza degli oppioidi

La FDA ha assunto McKinsey come consulente nel 2011. L’azienda ha collaborato con l’ufficio della FDA supervisionando i piani delle aziende farmaceutiche per monitorare la sicurezza di prodotti rischiosi come gli oppioidi e documenti interni mostrano che, in più occasioni, McKinsey ha promosso i suoi collegamenti con la FDA durante la presentazione di servizi a i suoi clienti farmaceutici.13

Ad esempio, in un discorso di vendita del 2009, McKinsey ha scritto di aver fornito supporto diretto alle autorità di regolamentazione, “e come tale ha sviluppato approfondimenti sulle prospettive delle autorità di regolamentazione stesse”.14

In un’e-mail del 2014 all’amministratore delegato di Purdue, il consulente della McKinsey Rob Rosiello ha scritto: “Serviamo la più ampia gamma di parti interessate che contano per Purdue. Un cliente che possiamo rivelare è la FDA, che supportiamo da oltre cinque anni.”15

Le prove suggeriscono anche che McKinsey abbia adottato “provvedimenti per limitare il materiale che potrebbe essere citato in giudizio” una volta che Purdue è stato citato in giudizio, riporta il New York Times.16 In un caso, copie cartacee di mazzi di diapositive sono state inviate a Purdue invece di essere inviate via e-mail perché sapevano che il personale della Purdue avrebbe deposto e non voleva che la loro corrispondenza e-mail “venisse risucchiata”.


McKinsey ha influenzato il commissario della FDA?

Il rapporto dello staff della maggioranza ad interim17 del Committee on Oversight and Reform, intitolato “The Firm and the FDA: McKinsey & Company’s Conflicts of Interest at the Heart of the Opioid Epidemic”, pubblicato il 13 aprile 2022, include anche email in cui i dipendenti McKinsey affermano di aver influenzato un discorso sulla sicurezza degli oppioidi dell’allora commissario della FDA, il dottor Scott Gottlieb.

Gottlieb nega l’accusa, ma il fatto che McKinsey stesse lavorando così intimamente con la FDA significa che sicuramente sarebbero stati capaci di tale influenza. Gottlieb ha anche legami finanziari con l’industria degli oppioidi, avendo ricevuto $ 45.000 in compensi per relatori da aziende che producono e distribuiscono oppioidi.18

Nel 2012, Gottlieb ha anche scritto un saggio sul Wall Street Journal, attaccando la Drug Enforcement Administration (DEA) per aver perseguito l’attività criminale dei distributori di oppioidi, dicendo che avrebbe gravato sui pazienti, “compresi quelli con prescrizioni legittime che potrebbero essere profilati allo sportello della farmacia e voltato le spalle».19


Intento di nuocere

Quello che abbiamo qui è un quadro di gravi conflitti di interesse con un apparente intento di nuocere. Purdue Pharma era corrotta e stava conducendo studi fittizi e corrompendo i medici per prescrivere il suo oppioide che crea dipendenza, mentre il suo consulente, McKinsey, consigliava la FDA sulla sicurezza del farmaco.

Allo stesso tempo, Purdue ha anche collaborato con Publicis Groupe — la più grande società di pubbliche relazioni del mondo a novembre 202120 — che ha finanziato l’avvio di NewsGuard, un gruppo di “fact checking” che valuta i siti Web in base a criteri di “credibilità” e “trasparenza”. .” Nell’aprile 2021, Publicis ha collaborato con NewsGuard specificamente “per combattere l'”infodemia” della disinformazione su COVID-19 e i suoi vaccini”.21

Il servizio sanitario di NewsGuard, HealthGuard,22 è anche partner del Center for Countering Digital Hate (CCDH), un leader progressista della cultura dell’annullamento con sede nel Regno Unito23 con ampi legami con il governo e i think tank globali che ha etichettato le persone che mettono in dubbio il COVID-19 vaccino come “minacce alla sicurezza nazionale”.

All’inizio di maggio 2021, il procuratore generale del Massachusetts ha intentato una causa24,25 contro Publicis Health, accusando la sussidiaria Publicis di aiutare Purdue a creare il materiale di marketing ingannevole utilizzato per indurre i medici a prescrivere OxyContin.26,27,28,29

Purdue conosceva i pericoli del suo farmaco, lo ha coperto, ha assunto addetti ai lavori della FDA per consigliare la sua strategia di vendita e influenzare la FDA e una società di pubbliche relazioni che aveva la capacità di sopprimere e censurare le notizie negative per gestire il suo marketing.

Come Purdue, anche Publicis ha incassato la dipendenza da oppioidi che ha contribuito a creare offrendo i suoi servizi alle organizzazioni che lavorano per porre fine alla dipendenza. Come riportato da Forbes,30 l’agenzia “ha vinto l’account per lavorare su drugfree.org dopo aver propagandato come è stata” immersa nel dialogo nazionale in evoluzione sui farmaci oppioidi in corso tra le aziende farmaceutiche, il governo e la FDA e il pubblico tramite l’accesso interno come un partner di consulenza fidato e informato.’”

Quindi, per riassumere, Purdue conosceva i pericoli del suo farmaco, li ha coperti, ha assunto addetti ai lavori della FDA per consigliare la sua strategia di vendita e influenzare la FDA, ed è collegata a una società di pubbliche relazioni che ha avuto la capacità di sopprimere e censurare le notizie negative per gestire le sue marketing. È difficile descrivere questo schema come un omicidio di massa intenzionale.


Gli Spin Doctor

La realtà potrebbe essere anche peggiore, e molto più ampia, visto che Publicis è anche partner del World Economic Forum (WEF),31 che guida l’appello per un “reset” dell’economia globale e una revisione completa il nostro modo di vivere.32

Come dettagliato nel video in primo piano, le impronte digitali di Publicis possono essere trovate attraverso la rete di censura e depistaggio che ora viene proiettata nel panorama digitale. In qualità di società di PR numero 1 al mondo, Publicis ha le credenziali e l’influenza giuste per realizzare un inganno di queste dimensioni.

Fa parte di un’enorme rete che include aziende farmaceutiche internazionali, verificatori di fatti e valutatori di credibilità, Google, Microsoft, biblioteche pubbliche, scuole, settore bancario, Dipartimento di Stato e Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, Organizzazione Mondiale della Sanità e Disney, solo per citare alcune. Come notato dal giornalista investigativo David Marks in “How PR Giant Publicis Promotes Greed, Deception on Behalf of World’s Most Powerful”:33

« L’abilità essenziale di questi esperti spin doctor è la loro capacità di fabbricare un’interpretazione favorevole di informazioni o attività dannose o di diminuire l’impatto della verità.

Attraverso espedienti psicologici provati e veritieri, ripetizione di informazioni false o mettendo in dubbio la realtà dei fatti, le agenzie pubblicitarie e le società di pubbliche relazioni prendono di mira coloro che hanno bisogno di essere influenzati per conto dei loro clienti…

L’esame di una delle più grandi entità nella gestione di queste operazioni psicologiche di massa rivela la profondità della disfunzione che affligge il pianeta. Le vaste attività del Publicis Groupe dimostrano come i tentacoli dell’avidità, del profitto e del privilegio colleghino le agende catastrofiche delle imprese più potenti della Terra…

Utilizzando una sofisticata psicologia sociale e incorporando l’avanguardia dell’intelligenza artificiale, gli esperti di Publicis PR sono maestri nel controllo dei danni, nella manipolazione di parole e persone e nella vendita dell’invendibile. Publicis sta organizzando attività influenti in tutto il mondo, rivelando apertamente la sua missione e le sue priorità.

… Il [suo] sito web rivela chi beneficia effettivamente dei servizi dell’azienda: “L’intera trasformazione di Publicis Groupe è stata progettata per mettere i clienti al centro di tutto ciò che facciamo. I loro bisogni e obiettivi guidano le soluzioni che forniamo per aiutarli a vincere e crescere’…

Considerando la gamma di attività in cui Publicis si impegna, i punti sono così vicini che non è necessario collegarli. La metodologia del colosso delle pubbliche relazioni è trasparente.

Che si tratti di promuovere gli oppioidi o spingere i vaccini, rinominare il profitto dello status quo come un grande ripristino, sostenere la vendita di sigarette, mascherare la vera natura dell’industria dei combustibili fossili, aumentare il consumo di bibite o coprire gli omicidi, Publicis ha tutte le capacità e le strutture per creare qualsiasi fabbricazione sono necessari per vendere prodotti e influenzare il modo in cui vengono visti i loro ricchi collaboratori.

Il Publicis Groupe e i suoi alleati sono al centro di una campagna di disinformazione insidiosa e distruttiva a livello mondiale, che fa affidamento sui modi ambigui della pubblicità e delle pubbliche relazioni al servizio leale dei clienti. »


Un piano per drogare gli inutili?


In qualità di partner del WEF e macchina di PR globali per alcune delle industrie più potenti del pianeta, sembra ragionevole presumere che Publicis stia aiutando a coordinare l’agenda del Great Reset del WEF. Purtroppo, ciò include non solo la gestione e il controllo dei popoli della terra, ma anche l’eliminazione degli “indesiderabili”.

In un’intervista del 2015 (video sopra), Yuval Noah Harari, professore di storia e consigliere del fondatore del WEF Klaus Schwab, ha discusso di ciò che Schwab chiama la Quarta Rivoluzione Industriale (cioè il transumanesimo), osservando che ora stiamo imparando a “produrre corpi e menti” (che significa corpi aumentati, nuvole e menti connesse all’intelligenza artificiale) e che una delle sfide più grandi che affronteremo sarà cosa fare con tutte le persone che sono diventate obsolete nel processo.

In che modo le persone non potenziate troveranno un significato nella vita quando sono fondamentalmente “inutili, privi di significato”? Come trascorreranno il loro tempo quando non c’è lavoro, non c’è opportunità di salire in qualche tipo di professione? La sua ipotesi è che la risposta sarà “una combinazione di droghe e giochi per computer”.

Ciò solleva una domanda inquietante. La crisi degli oppioidi è stata il risultato di un piano intenzionale – una cospirazione nel senso letterale della parola – per agganciare le masse a una droga che crea dipendenza? Questo è puramente speculativo, ovviamente, ma sicuramente si adatta all’agenda di The Great Reset nel suo insieme.

Se le persone sono dipendenti, le industrie farmaceutiche e mediche fanno soldi (e fanno senza dubbio parte della rete The Great Reset), e se le persone muoiono, beh, questo è anche in accordo con il piano The Great Reset, poiché insistono che ce ne sono anche molti “mangiatori inutili” sul pianeta, e devono essere gestiti o eliminati.


Publicis fa parte del monopolio globale


In conclusione, vale la pena notare che Publicis è parzialmente di proprietà del Vanguard Group,34 una delle due più grandi società di asset management al mondo. Insieme a BlackRock, Vanguard ha il monopolio nascosto delle partecipazioni globali ed esercita il controllo attraverso la proprietà di circa 1.600 società americane.35

Insieme, BlackRock e Vanguard possiedono quasi il 90% di tutte le aziende S&P 500.36 Per saperne di più su come Vanguard e BlackRock possiedono praticamente tutto nel mondo e hanno il controllo del monopolio su tutti i settori, guarda il video di 45 minuti qui sopra, ” Monopolio: segui i soldi.

In breve, l’idea che ci sia concorrenza sul mercato è un’illusione abilmente mascherata. In realtà, tutto è controllato da un piccolo gruppo di gestori patrimoniali che vincono in ogni caso. L’obiettivo finale è possedere e controllare tutte le risorse del mondo, comprese le persone.

Lo slogan del WEF “You’ll Own Nothing and Be Happy” riassume davvero il piano The Great Reset per l’umanità. Possederanno tutto; non possiedi nulla, nemmeno il tuo stesso corpo, e sarai troppo drogato e perso in un mondo di giochi per computer fittizi per renderti conto di essere uno schiavo. Se riescono in qualche modo a trarre profitto dalla tua inutile esistenza, ti lasceranno vivere. Se non possono, sarai eliminato. Questo è davvero ciò a cui si riduce il piano.

Il piano per l’autoritarismo globale avanza ogni giorno che passa, ma non tutto è ancora perduto. Informandoci e condividendo ciò che sappiamo con gli altri, possiamo raggiungere la massa critica necessaria per terminare il loro piano e riprendere il controllo.

Sarà necessario stare uniti, uniti a favore della libertà e della libertà. Richiederà sforzi legali e legislativi per estirpare la corruzione e l’infiltrazione che si è verificata nel mondo aziendale e nei nostri governi. Richiederà che uomini e donne onesti assumano posizioni di potere che non hanno mai voluto. Potrebbe volerci molto tempo e fatica, ma se vogliamo che i nostri discendenti sperimentino la libertà, nessun prezzo può essere troppo alto da pagare.

Fonti e Referenze

Dr. Joseph Mercola


Disclaimer: il contenuto di questo articolo si basa sulle opinioni del Dr. Mercola, se non diversamente specificato. I singoli articoli si basano sulle opinioni del rispettivo autore, che conserva i diritti d’autore come contrassegnati. Le informazioni contenute in questo sito Web non intendono sostituire un rapporto individuale con un operatore sanitario qualificato e non istituire un consiglio medico. È inteso come una condivisione di conoscenze e informazioni provenienti dalla ricerca e dall’esperienza del Dr. Mercola e della sua comunità. Il Dr. Mercola ti incoraggia a prendere le tue decisioni sanitarie sulla base della tua ricerca e in collaborazione con un professionista qualificato sanitario. In caso di gravidanza, allattamento, assunzione di farmaci o condizioni mediche, consultare il proprio medico prima di utilizzare prodotti su questo contenuto


I canali dei social media stanno limitando la di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo che mostra gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

NON CI SONO COMPLOTTI

CI SONO PERSONE E FATTI

DOCUMENTATI


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: