Enormi tempeste di polvere e forti grandinate hanno colpito parti del Medio Oriente

  • Tremore al vulcano Ruapehu ora il più lungo e più forte degli ultimi 20 anni, in Nuova Zelanda
  • La tempesta tropicale “Jasmine” approderà sul Madagascar
  • Gli incendi bruciano il nord del New Mexico, negli Stati Uniti
  • Una potente tempesta di polvere colpisce lo Stato di Rakhine, in Myanmar
  • Enormi tempeste di polvere e forti grandinate hanno colpito parti del Medio Oriente
  • Cundinamarca dichiara lo stato di emergenza dopo inondazioni e smottamenti mortali, Colombia

Tremore al vulcano Ruapehu ora il più lungo e più forte degli ultimi 20 anni, in Nuova Zelanda


Credito immagine: GNS

Source: Tuesday, April 26, 2022; articolo di The Watchers

L’elevata agitazione vulcanica continua sul vulcano Ruapehu in Nuova Zelanda ed è dominata da un forte tremore vulcanico. La temperatura del lago Crater (Te Wai ā-moe) rimane stabile a 37°C (98,6°F) e il livello di allerta vulcanica rimane al livello 2.

Elevati disordini vulcanici sono stati sostenuti sul vulcano Ruapehu in Nuova Zelanda per cinque settimane consecutive.

Questa accresciuta agitazione vulcanica si manifesta principalmente come tremore vulcanico, produzione di gas e flusso di calore nel lago del cratere sommitale, ha osservato Steven Sherburn, vulcanologo di GeoNet, il 26 aprile 2022.1

Il livello di tremore vulcanico è variato durante l’ultima settimana, ma rimane complessivamente elevato, ha detto Sherburn, aggiungendo che questo episodio di tremore rappresenta ora il periodo di tremore combinato più lungo e più forte registrato negli ultimi 20 anni.

La temperatura del lago Crater (Te Wai ā-moe) è rimasta intorno ai 37°C / 98,6°F (intervallo 36 – 38°C / 96,8 – 100,4°F) nelle ultime tre settimane.

“Anche se la temperatura non è aumentata, la nostra modellazione richiede che sia ancora necessaria una notevole quantità di calore (circa 200-300 MW) per sostenere questa temperatura elevata del lago”, ha detto Sherburn.

Le analisi di laboratorio di un campione di lago raccolto il 15 aprile non mostrano cambiamenti nella chimica dell’acqua di Crater Lake dal 31 marzo.

La temperatura statica del lago e la mancanza di risposta chimica indicano che i processi a bassa profondità al di sotto del Crater Lake non si riflettono nelle condizioni del lago.

« Non abbiamo osservato un aumento della concentrazione di magnesio che avrebbe indicato una potenziale interazione magma-acqua sotto la superficie. Continueremo a campionare regolarmente il lago del cratere per monitorare eventuali cambiamenti nella chimica dell’acqua. »

La natura sostenuta dei disordini vulcanici, insieme ai forti segnali di tremore vulcanico, all’elevata produzione di gas e al lago caldo rimangono indicativi di processi guidati dalla roccia fusa (magma) che interagisce con il sistema geotermico all’interno del vulcano a una profondità ridotta (0,5 – 2 km / 0,31 – 1,2 miglia).

Il risultato più probabile di questo episodio di disordini nelle prossime quattro settimane è ancora che non si verifichi alcuna attività eruttiva, poiché nessuna eruzione ha seguito disordini negli ultimi 15 anni, ha detto Sherburn.


Credito immagine: GNS

Credito immagine: GNS

« Se l’attività eruttiva segue questi disordini, si prevede che inizialmente sarà su piccola scala. Una tale eruzione avrebbe un impatto principalmente sull’area sommitale, con anche lahar più a valle, come l’eruzione del settembre 2007 o gli eventi leggermente più grandi dell’aprile 1975 o del giugno 1969.

Solo se le eruzioni continuassero ci aspetteremmo di vedere eruzioni di cenere più grandi svilupparsi con un impatto sostanziale più lontano, al di fuori del Parco Nazionale di Tongariro.

Le possibilità di un episodio eruttivo prolungato o di un’eruzione più ampia, come quella avvenuta nel 1995-96 con impatti di caduta di cenere più ampi, sono maggiori rispetto a due mesi fa, ma rimangono molto improbabili.
Una tale eruzione molto probabilmente seguirebbe solo una sequenza di eruzioni più piccole. »

L’interpretazione di questa attività è coerente con un’elevata agitazione vulcanica al livello elevato e quindi il livello di allerta vulcanica rimane al livello 2 e il codice colore dell’aviazione al giallo.

“Ruapehu è un vulcano attivo e ha il potenziale per eruttare con poco o nessun preavviso quando si trova in uno stato di elevata agitazione vulcanica”, conclude Sherburn.


Credito immagine: Copernicus EU/Sentinel-2, TW

Credito immagine: Copernicus EU/Sentinel-2
Riassunto geologico

Ruapehu, uno dei vulcani più attivi della Nuova Zelanda, è uno stratovulcano complesso costruito durante almeno quattro episodi di costruzione di coni risalenti a circa 200.000 anni fa.

Il massiccio vulcanico prevalentemente andesitico di 110 km3 (26,4 mi3) è allungato in direzione NNE-SSW e circondato da altri 100 km3 (24 mi3) di pianura ad anello di detriti vulcanici, compreso il deposito di detriti e valanghe di Murimoto sul versante NW.

Una serie di eruzioni subpliniane si è verificata tra circa 22.600 e 10.000 anni fa, ma i flussi piroclastici sono stati rari. Una singola bocca storicamente attiva, Crater Lake, si trova nell’ampia regione sommitale, ma almeno altre cinque bocche sulla sommità e sul fianco sono state attive durante l’Olocene.

Frequenti eruzioni esplosive da lievi a moderate si sono verificate in epoca storica dalla bocca del Crater Lake e le caratteristiche della tefra suggeriscono che il lago del cratere potrebbe essersi formato già 3 000 anni fa. I lahar prodotti dalle eruzioni freatiche del lago del cratere sommitale rappresentano un pericolo per un comprensorio sciistico sui versanti superiori e per le valli fluviali inferiori.2

Riferimenti:
  • 1 Il forte tremore vulcanico del monte Ruapehu continua. Il livello di allerta vulcanica rimane al livello 2 – GeoNet – 26 aprile 2022
  • 2 Ruapehu – Riassunto geologico – GVP

La tempesta tropicale “Jasmine” approderà sul Madagascar


Credito immagine: UW-CIMSS, TW

Source: Tuesday, April 26, 2022; articolo di The Watchers

La tempesta tropicale “Jasmine” si è formata nel Canale del Mozambico il 24 aprile 2022, come l’undicesima tempesta nominata della stagione dei cicloni dell’Oceano Indiano sudoccidentale 2021/22.

Si prevede che la tempesta atterrerà in un’area vicino a Toliara, in Madagascar, durante le ore pomeridiane (LT) del 26 aprile, con venti massimi sostenuti fino a 105km/h (65mph).

Alle 06:00 UTC del 26 aprile, Jasmine è stata una grave tempesta tropicale situata a circa 150km (95mi) a NNE di Toliara, in Madagascar.

La tempesta ha avuto una velocità del vento media massima di 10 minuti di 100km/h (62mph) e una pressione centrale di 989hPa, ha detto RSMC La Reunion.1

Jasmine si sta muovendo verso ESE a 15km/h (9mph) e dovrebbe approdare nel pomeriggio (LT) del 26 aprile in un’area vicino a Toliara.


Credito immagine: UW-CIMSS

Il peggioramento del tempo è iniziato vicino a Toliara e le condizioni dovrebbero peggiorare nelle prossime ore, ha detto il centro.

Sono possibili raffiche di vento massime di 130km/h (80mph) vicino all’area di atterraggio.

Le forti piogge possono dare precipitazioni totali da 100 a 150mm (4-6in) in poche ore a sud della pista.

Un’ondata di tempesta dell’ordine da 10 a 30cm (0,3 – 1ft) può causare allagamenti nelle aree esposte con le onde.

Jasmine dovrebbe indebolirsi dopo essere approdato e dissiparsi il 27 aprile.


Tempesta tropicale “Jasmine” alle 05:30 UTC del 26 aprile 2022. Credito: EUMETSAT/Meteosat-8, TW
Riferimenti:
  • 1 RSMC / TROPICAL CYCLONE CENTER / LA REUNION TROPICAL CYCLONE FORECAST WARNING – NUMERO DI AVVISO: 17/12/20212022 – SEVERE TROPICAL STORM 12 (JASMINE) – 06:00 UTC, 27 aprile 2022

Gli incendi bruciano il nord del New Mexico, negli Stati Uniti


Image credit: NASA Aqua/MODIS. Acquired on April 23, 2022

Source: Tuesday, April 26, 2022; articolo di The Watchers

Venti forti a raffiche, umidità estremamente bassa e un paesaggio estremamente secco hanno alimentato una stagione degli incendi precoce e grave nel New Mexico, negli Stati Uniti.

Al 19 aprile, quasi il 99% dello stato del New Mexico stava affrontando un certo livello di siccità, con il 63% valutato a livelli di siccità da estremi a eccezionali.

In queste condizioni, il 25 aprile quasi 55.441 ettari (137.000 acri) di foreste e praterie sono stati bruciati in cinque grandi incendi in tutto il New Mexico.

L’incendio di Hermes Peak a est di Santa Fe ha consumato 22.855 ettari (56.478 acri) di terra al 25 aprile ed era contenuto solo per il 12%.

Questo incendio è iniziato come un incendio circoscritto in una parte della foresta nazionale di Santa Fe il 19 aprile, ma i forti venti del 22 e 23 aprile lo hanno spinto attraverso un terreno ripido e lo hanno fatto fondere con l’incendio del Calf Canyon, creando un complesso antincendio con più di 290 km (180 mi) di perimetro.


Hermits Peak e Calf Canyon incendi il 24 aprile 2022

L’incendio del Cooks Peak a nord-est di Santa Fe ha finora consumato 21.036 ettari (51.982 acri) di terra ed era contenuto solo per il 9% al 25 aprile. L’incendio è scoppiato il 17 aprile, ma la causa è ancora sotto inchiesta.


Cooks Peak Fire il 25 aprile 2022

Quasi 1.000 vigili del fuoco statali e federali stavano lavorando per contenere gli incendi di Cooks Peak e Hermits Peak, così come altri tre nel New Mexico settentrionale, riferisce EO.1

Secondo le notizie, centinaia di strutture sono state bruciate.


Tre viste di incendi vicino a Santa Fe, New Mexico, il 23 aprile 2022. Credito immagine NASA Aqua/MODIS, NOAA/NASA Suomi NPP/VIIRS

Secondo il National Interagency Fire Center il 25 aprile, 14 grandi incendi attivi stavano bruciando su 98.743 ettari (244.000 acri) in undici stati.

Dall’inizio del 2022, almeno 20.262 incendi hanno bruciato 350.170 ettari (865.290 acri) negli Stati Uniti, ben al di sopra della media di 10 anni fino ad aprile.

References:
  • 1 Wildfires Scorch Northern New Mexico – NASA/EO – April 26, 2022

Una potente tempesta di polvere colpisce lo Stato di Rakhine, in Myanmar


Credito immagine: The Weather Channel

Source: Tuesday, April 26, 2022; articolo di The Watchers

Il 24 aprile 2022 una potente tempesta di polvere ha colpito parti dello Stato di Rakhine in Myanmar, provocando una visibilità quasi zero.


Enormi tempeste di polvere e forti grandinate hanno colpito parti del Medio Oriente


Credito immagine: NASA Aqua/MODIS. Acquisito il 24 aprile 2022

Source: Tuesday, April 26, 2022; articolo di The Watchers

Forti tempeste di polvere stanno colpendo parti del Medio Oriente negli ultimi due giorni, dal Mar Mediterraneo a parti dell’Arabia Saudita.

Lunedì 25 aprile 2022, le autorità giordane hanno ordinato la chiusura delle scuole nel sud del regno a causa della forte diffusione della polvere.

Secondo The National News, le scuole nei governatorati di Karak, Tafila, Aqaba e Maan sono state chiuse.

Il Ministero dei Lavori Pubblici ha esortato i conducenti a prestare attenzione a causa del calo di visibilità.


Tempesta di polvere sul Medio Oriente il 24 aprile 2022. Credito: NASA Aqua/MODIS

Tempesta di polvere sul Medio Oriente il 25 aprile 2022. Credit: NASA Terra/MODIS

Tempesta di polvere sul Medio Oriente il 26 aprile 2022. Credit: NASA Terra/MODIS

Anche un certo numero di regioni dell’Arabia Saudita ha assistito lunedì a forti tempeste di polvere e grandinate, spingendo il Centro meteorologico nazionale ad avvertire i cittadini di prendere precauzioni a causa della quasi assenza di visibilità.

Molte regioni del Regno come Tabuk, Northern Frontiers, Al-Jawf, Ha’il, Al-Qasim, Riyadh e le regioni orientali sono state colpite, così come parti di Najran, Jazan, Asir, Al-Bahah, La Mecca e quartieri della Medina.


Cundinamarca dichiara lo stato di emergenza dopo inondazioni e smottamenti mortali, Colombia


Credito immagine: Defensa Civil Colombia

Source: Tuesday, April 26, 2022; articolo di The Watchers

Le forti piogge che hanno colpito il dipartimento di Cundinamarca, nella Colombia centrale, hanno causato inondazioni e smottamenti mortali negli ultimi due giorni, costringendo le autorità a dichiarare lo stato di emergenza per l’intero dipartimento.

Il governatore di Cundinamarca, Nicolás Garcia, ha affermato che 85 comuni su 116 sono stati colpiti dal maltempo dall’inizio della stagione, il 15 marzo.

“Abbiamo deciso di decretare la calamità pubblica per poter intervenire immediatamente e fornire un supporto tecnico più rapido a ciascuno dei comuni”, ha affermato Garcia il 23 aprile 2022.

Secondo i media, 3 persone sono morte e 2 sono disperse dopo che una frana ha colpito il comune di Viotá il 22 aprile.

Un’altra frana si è verificata nel comune di Chachipay, provocando 2 vittime. Quattro persone sono disperse dopo lo straripamento del torrente La Lejía nel comune di Arbeláez.

Dall’inizio della nuova stagione delle piogge, il 15 marzo, almeno 33 persone sono morte, altre 45 hanno riportato ferite e 10 persone sono disperse in tutta la Colombia.

Inoltre, 21.524 persone sono state colpite, 117 case distrutte e 3 025 danneggiate.

I più colpiti sono Cundinamarca, Antioquia, Cauca, Valle de Cauca, Santander, Nariño, Tolima, Risaralda e Putumayo.

Riferimenti:
  • 1 DG ECHO (INGR, IDEAM) – 26 aprile 2022
  • 2 Colombia – Emergenza dichiarata dopo smottamenti mortali e inondazioni a Cundinamarca – 26 aprile 2022

The Watchers


I TEMPI FREDDI stanno tornando, le medie latitudini si stanno stanno stanno RAFFREDDANDO in linea con la grande congiunzione, l’attività solare storicamente bassa, i raggi cosmici che nucleano le nuvole e una corrente a getto meridionale (tra le altre forzature).

Sia il NOAA che la NASA sembrano concordare, se si legge tra le righe, con NOAA che afferma che stiamo entrando in un grande minimo solare ‘in piena regola’ alla fine del 2020, e la NASA vede questo prossimo ciclo solare (25) come “il più debole degli ultimi 200 anni“, con i precedenti spegnimenti solari periodi prolungati di raffreddamento globale qui.

Inoltre, non possiamo ignorare la moltitudine di nuovi articoli scientifici che affermano l’immenso impatto che il Beaufort Gyre potrebbe avere sulla Corrente del Golfo, e quindi sul clima in generale.


I canali dei social media stanno limitando la di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo che mostra gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

NON CI SONO COMPLOTTI

CI SONO PERSONE E FATTI

DOCUMENTATI


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: