Il rapporto settimanale sull’attività vulcanica 20-26 aprile 2022

Source: Wednesday, April 27, 2022; articolo di The Watchers

Nuova attività/disordini sono state segnalate per 5 vulcani dal 20 al 26 aprile 2022. Nello stesso periodo, è stata segnalata attività in corso per 20 vulcani.

Nuova attività/disordini: Edgecumbe, Alaska sudorientale (USA) | Karymsky, Kamchatka orientale (Russia) | Krakatau, Stretto della Sonda | Purace, Colombia | Ruapehu, Isola del Nord (Nuova Zelanda).

Attività in corso: Aira, Kyushu (Giappone) | Davidof, Isole Aleutine (USA) | Dukono, Halmahera | Fuego, Guatemala centro-meridionale | Great Sitkin, Isole Andreanof (USA) | Ibu, Halmahera | Kilauea, Isole Hawaii (Stati Uniti) | Langila, Nuova Bretagna (Papua Nuova Guinea) | Lewotolok, Isola di Lembata | Merapi, Giava Centrale | Pavlof, penisola dell’Alaska, Alaska | Popocatepetl, Messico | Rincon de la Vieja, Costa Rica | Sabancaya, Perù | Santa Maria, Guatemala sudoccidentale | Semeru, Giava orientale | Semisopochnoi, Isole Aleutine (USA) | Sheveluch, Kamchatka centrale (Russia) | Suwanosejima, Isole Ryukyu (Giappone) | Lupo, Isla Isabela (Galapagos).

Nuova attività/disordini


Edgecumbe, Alaska sudorientale (Stati Uniti)

57.05°N, 135.75°W, altitudine di vetta. 970 m

Stato attuale: normale o dormiente (1 di 5)

https://www.volcanodiscovery.com/it/edgecumbe/news/178679/Edgecumbe-volcano-Alaska-United-States-swarm-of-earthquakes-detected.html


Edgecumbe

L’AVO ha affermato che uno sciame sismico sotto l’isola di Kruzof vicino a Edgecumbe, iniziato intorno alle 02:00 dell’11 aprile, era sceso ai livelli di fondo entro il 22 aprile. Lo sciame ha richiesto un’analisi approfondita dei dati satellitari che hanno attraversato gli ultimi 7,5 anni. I dati hanno mostrato che un’ampia area di sollevamento, di circa 17 km di diametro, si trovava a circa 2,5 km a est di Edgecumbe. Il sollevamento è iniziato ad agosto 2018 e si è deformato ad una velocità fino a 8,7 cm all’anno al centro dell’area, per un totale di 27 cm di sollevamento; la deformazione era in corso. L’analisi retrospettiva dei dati sismici ha rivelato che i terremoti sono iniziati a verificarsi nel 2020, sebbene il recente sciame fosse insolito. La deformazione e i dati sismici insieme hanno suggerito il movimento del magma sotto il vulcano, coerente con un’intrusione a circa 5 km sotto il livello del mare. La stazione sismica più vicina al vulcano era a Sitka, 24 km a est; sia il Volcano Alert Level che il Aviation Color Code sono rimasti su Unassigned a causa della mancanza di strumentazione locale dedicata.

Riassunto geologico: il campo vulcanico di Edgecumbe dal Pleistocene all’Olocene copre circa 260 km2 dell’isola di Kruzov a ovest di Sitka nel panhandle sud-orientale dell’Alaska. Il campo da basaltico a dacitico è dominato dai grandi coni compositi di Mount Edgecumbe, Crater Ridge e Shell Mountain, e ha un’insolita impostazione tettonica a soli 16 km a est della faglia di trasformazione Queen Charlotte-Fairweather che separa le placche nordamericane e del Pacifico . Il monte Edgecumbe è uno stratovulcano con un cratere ben definito, ed è il vulcano più grande del campo. Crater Ridge è troncato da una caldera larga 1,6 km e profonda 240 m. Questi e altri sfiati sono orientati lungo una linea SW-NE. L’attività vulcanica ha avuto origine circa 600.000 anni fa lungo le fessure che tagliavano l’isola di Kruzof. Una serie di importanti eruzioni esplosive siliciche ebbero luogo circa 9000-13.000 anni fa al radiocarbonio. Le ultime eruzioni datate sono state esplosioni freatomagmatiche durante la metà dell’Olocene e tutta l’attività postglaciale è stata piroclastica. I resoconti delle eruzioni storiche del Monte Edgecumbe non sono comprovati.


Karymsky, Kamchatka orientale (Russia)


Karymsky Volcano

54.049°N, 159.443°E, altitudine di vetta. 1513 m

Current status: minor activity or eruption warning (3 out of 5)

https://www.volcanodiscovery.com/karymsky/news/179076/Karymsky-Volcano-Volcanic-Ash-Advisory-POSS-ERUPTION-OBS-AT-202204280220Z-FL280-EXTD-NW-OBS-VA-DTG-2.html

KVERT ha riferito che un’anomalia termica su Karymsky era visibile nelle immagini satellitari dal 15 al 22 aprile. Le esplosioni durante il 17-19 e il 21 aprile hanno generato pennacchi di cenere che sono saliti fino a 7,5 km (24.600 piedi) s.l.m. e andò alla deriva per 500 km a NE. SE ed E. Una potente esplosione alle 0805 del 20 aprile (ora locale) ha generato pennacchi di cenere che sono saliti fino a 11 km (36.100 piedi) s.l.m. ed è andato alla deriva per più di 2.000 km a NE. KVERT ha innalzato il codice colore dell’aviazione a rosso (il livello più alto su una scala a quattro colori). La caduta di cenere è stata segnalata nel territorio della Riserva di Kronotsky (Semyachinsky, Valle dei Geyser), 50 km a NE, ea Capo Nalychevo, 100 km a sud. Le esplosioni sono continuate durante il giorno; pennacchi di cenere che salgono fino a 5 km (16.400 piedi) s.l.m. erano visibili nelle immagini satellitari alle 1500, ora locale. Il precedente pennacchio di cenere era di circa 505 x 130 km e andava alla deriva da NE, S e SE ad un’altitudine di 8,7 km (28.500 piedi) s.l.m. Il codice colore dell’aviazione è stato abbassato ad arancione dal 1544, ora locale, il 20 aprile.


Immagine satellitare Karymsky di (c) Google e NASA

Riassunto geologico: Karymsky, il vulcano più attivo della zona vulcanica orientale della Kamchatka, è uno stratovulcano simmetrico costruito all’interno di una caldera larga 5 km formatasi durante il primo Olocene. La caldera taglia il lato sud del vulcano Dvor del Pleistocene e si trova al di fuori del margine nord della grande caldera Polovinka del Pleistocene medio, che contiene le caldere più piccole Akademia Nauk e Odnoboky. La maggior parte della sismicità prima delle eruzioni di Karymsky ha avuto origine sotto la caldera dell’Akademia Nauk, situata immediatamente a sud. La caldera che racchiude Karymsky si è formata circa 7600-7700 anni fa al radiocarbonio; la costruzione dello stratovulcano iniziò circa 2000 anni dopo. L’ultimo periodo eruttivo è iniziato circa 500 anni fa, dopo una quiescenza di 2300 anni. Gran parte del cono è ricoperto da colate laviche di meno di 200 anni. Le eruzioni storiche sono state vulcaniche o vulcaniano-stromboliane con moderata attività esplosiva e colate laviche occasionali dal cratere sommitale.


Krakatau, Stretto della Sonda


6.102°S, 105.423°E, altitudine di vetta. 155 m

Caldera: 813 m (2.667 ft) / Anak Krakatau: 189 m
Stretto della Sonda, Indonesia, -6,1°S / 105,42°E
Stato attuale: in eruzione (4 su 5)
Ultimo aggiornamento: 28 aprile 2022 (si è formato un nuovo cono, il flusso di lava continua ad alimentare (probabilmente) nuovo delta)

https://www.volcanodiscovery.com/krakatau/news/179070/Krakatau-volcano-Sunda-Strait-Indonesia-new-cone-formed-lava-flow-continues-to-feed-likely-new-delta.html


PVMBG ha riferito che l’eruzione di Anak Krakatau si era intensificata. Densi pennacchi di cenere bianca, grigia e nera sono saliti fino a 1 km sopra la vetta e si sono spostati a SW durante il 17-19 aprile. L’attività stromboliana è stata osservata per la prima volta il 17 aprile; lo stesso giorno le emissioni di anidride solforosa sono aumentate a 181,1 tonnellate al giorno da 28,4-68,4 tonnellate al giorno registrate nel periodo 14-15 aprile. Un denso pennacchio di cenere grigio-nero è salito a circa 800 m sopra la vetta alle 0621 del 21 aprile e si è spostato a E. Alle 0049, 0145, 0237 e 1730 il 22 aprile densi pennacchi di cenere da grigio a nero sono saliti a 500-1.500 m sopra il vetta e alla deriva SW. Occasionalmente è stato espulso materiale incandescente sopra lo sfiato. Le emissioni di anidride solforosa sono aumentate notevolmente a 9.219 tonnellate al giorno il 23 aprile. Quello stesso giorno, intorno al 1219, la lava confluì in mare e produsse un pennacchio di vapore bianco nel punto di ingresso. I pennacchi di cenere erano più alti il ​​23 aprile, salendo a 3 km sopra la vetta alle 0608, 1200 e 2020, con derive SSW, S e SE. I pennacchi hanno continuato a essere caratterizzati come densi e di colore bianco, grigio e nero. Il 24 aprile PMBBG ha innalzato il livello di allerta a 3 (su una scala da 1 a 4) e il pubblico è stato avvertito di rimanere ad almeno 5 km di distanza dal cratere.

Riassunto geologico: il famoso vulcano Krakatau (spesso erroneamente chiamato Krakatoa) si trova nello stretto della Sonda tra Giava e Sumatra. Il crollo dell’ancestrale edificio Krakatau, forse nel 416 o 535 d.C., formò una caldera larga 7 km. I resti di questo vulcano ancestrale sono conservati nelle isole Verlaten e Lang; successivamente si formarono i vulcani Rakata, Danan e Perbuwatan, che si unirono per creare l’isola di Krakatau precedente al 1883. Il crollo della caldera durante la catastrofica eruzione del 1883 distrusse Danan e Perbuwatan e lasciò solo un residuo di Rakata. Questa eruzione, la seconda più grande in Indonesia durante il periodo storico, ha causato più di 36.000 vittime, la maggior parte a causa di devastanti tsunami che hanno spazzato le coste adiacenti di Sumatra e Giava. Le ondate piroclastiche hanno viaggiato per 40 km attraverso lo stretto della Sonda e hanno raggiunto la costa di Sumatra. Dopo una quiescenza di meno di mezzo secolo, il cono post-collasso di Anak Krakatau (Figlio di Krakatau) fu costruito all’interno della caldera del 1883 in un punto tra gli ex coni di Danan e Perbuwatan. Anak Krakatau è stato luogo di frequenti eruzioni dal 1927.


Purace, Colombia


2.32°N, 76.4°W, altitudine di vetta. 4650 m

Stato attuale: irrequieto (2 su 5)

https://www.volcanodiscovery.com/purace/news/178005/Purace-volcano-Colombia-Smithsonian-USGS-Weekly-Volcanic-Activity-Report-for-6-April-12-April-2022-N.html

L’Osservatorio Vulcanológico y Sismológico de Popayán, Servicio Geologico Colombiano (SGC), ha riferito che dal 19 al 25 aprile il numero e l’entità dei terremoti a Puracé è stato simile alla settimana precedente. I segnali includevano 72 eventi vulcano-tettonici (VT), che indicavano la frattura della roccia, insieme a 207 eventi di lungo periodo (LP) e 14 impulsi di tremore a bassa energia, che indicavano il movimento del fluido. I dati della rete geodetica GNSS (Global Navigation Satellite System) hanno continuato a mostrare un’inflazione su scala centimetrica. Le emissioni di anidride solforosa sono state inferiori rispetto alla settimana precedente, con valori di 937-992 tonnellate al giorno, e i pennacchi di gas si sono spostati a NW. Durante una visita sul campo il 22 aprile, gli scienziati non hanno osservato cambiamenti nella crepa vicino ai vulcani Puracé e Curiquinga e nessuna emissione di gas visibile. Sono state osservate ulteriori fessure, orientate NW-SE, oltre a depositi di cenere vulcanica che si sarebbero probabilmente collocati il ​​29 marzo. Il livello di allerta è rimasto al giallo (il secondo più basso su una scala a quattro colori).

Riassunto geologico: uno dei vulcani più attivi della Colombia, il Puracé è costituito da uno stratovulcano andesitico con un cratere sommitale largo 500 m che è stato costruito su un vulcano a scudo dacitico. Si trova all’estremità nord-ovest di un massiccio vulcanico di fronte allo stratovulcano Pan de Azúcar, 6 km a sud-est. Un gruppo di sette coni e crateri di tendenza NW-SE, Los Coconucos, si trova tra i due edifici più grandi. Frequenti eruzioni esplosive nel XIX e XX secolo hanno modificato la morfologia del cratere sommitale. Le più grandi eruzioni si sono verificate nel 1849, 1869 e 1885.


Ruapehu, Isola del Nord (Nuova Zelanda)


39.28°S, 175.57°E, altitudine di vetta. 2797 m

Stato attuale: irrequieto (2 su 5)

https://www.volcanodiscovery.com/ruapehu/news/178920/Ruapehu-volcano-New-Zeland-elevated-tremor-continues-Crater-Lake-temperature-remains-at-37-C.html

Il 26 aprile GeoNet ha riferito che nelle ultime cinque settimane erano in corso forti disordini a Ruapehu, caratterizzati dal riscaldamento dell’acqua del lago, dalla produzione di gas vulcanico e da un forte tremore vulcanico. I livelli di tremore hanno oscillato la scorsa settimana, ma hanno rappresentato un record per l’episodio di tremore più lungo e più forte mai registrato sul vulcano. La temperatura dell’acqua del lago è rimasta a 37 gradi Celsius, indicando una notevole quantità di calore dal magma a una profondità ridotta (0,5-2 km), sebbene la chimica dell’acqua non abbia mostrato alcun cambiamento in base al campionamento durante il 31 marzo-15 aprile. Il livello di allerta vulcanica è rimasto a 2 (su una scala da 0 a 5) e il codice colore aeronautico è rimasto a giallo.

Riassunto geologico: Ruapehu, uno dei vulcani più attivi della Nuova Zelanda, è un complesso stratovulcano costruito durante almeno quattro episodi di costruzione di coni risalenti a circa 200.000 anni fa. Il massiccio vulcanico prevalentemente andesitico di 110 km3 è allungato in direzione NNE-SSW e circondato da altri 100 km3 di pianura ad anello di detriti vulcanici, compreso il deposito detritico-valanghe di Murimoto sul fianco NW. Una serie di eruzioni subpliniane si è verificata tra circa 22.600 e 10.000 anni fa, ma i flussi piroclastici sono stati rari. L’ampia area della sommità e il fianco contengono almeno sei prese d’aria attive durante l’Olocene. Frequenti eruzioni esplosive da lievi a moderate sono state registrate dalla bocca di Te Wai a-Moe (Lago del cratere) e le caratteristiche della tefra suggeriscono che il lago del cratere potrebbe essersi formato fino a 3.000 anni fa. I lahar risultanti dalle eruzioni freatiche nel lago del cratere sommitale rappresentano un pericolo per un comprensorio sciistico sui fianchi superiori e sulle valli fluviali inferiori.


Attività in corso

Aira, Kyushu (Giappone)


31.593°N, 130.657°E, altitudine di vetta. 1117 m

Stato attuale: eruzione (4 su 5)

https://www.volcanodiscovery.com/sakurajima/news/178581/Aira-volcano-Kyushu-Japan-Smithsonian-USGS-Weekly-Volcanic-Activity-Report-for-13-April-19-April-202.html

JMA ha riferito che eventi eruttivi molto piccoli al cratere Minamidake (sul vulcano Sakurajima di Aira Caldera) sono stati registrati durante il 18-25 aprile. L’incandescenza del cratere era periodicamente visibile di notte. Le emissioni di anidride solforosa sono state leggermente elevate a 1.300 tonnellate al giorno il 19 aprile, ma sono poi scese a 500 tonnellate al giorno il 22 aprile. Il livello di allerta è rimasto a 3 (su una scala di 5 livelli) e i residenti sono stati avvertiti di rimanere a 2 km dal cratere.

Riepilogo geologico: la caldera di Aira nella metà settentrionale della baia di Kagoshima contiene il vulcano Sakurajima post-caldera, uno dei più attivi del Giappone. L’eruzione del voluminoso flusso piroclastico Ito ha accompagnato la formazione della caldera di 17 x 23 km circa 22.000 anni fa. La caldera Wakamiko più piccola si è formata durante il primo Olocene nell’angolo NE della caldera di Aira, insieme a diversi coni post-caldera. La costruzione di Sakurajima iniziò circa 13.000 anni fa sul bordo meridionale della caldera di Aira e costruì un’isola che fu finalmente unita alla penisola di Osumi durante la grande eruzione esplosiva ed effusiva del 1914. L’attività al cono sommitale di Kitadake terminò circa 4850 anni fa, dopo di che si sono verificate eruzioni a Minamidake. Frequenti eruzioni storiche, registrate fin dall’VIII secolo, hanno depositato cenere su Kagoshima, una delle città più grandi del Kyushu, situata attraverso la baia di Kagoshima a soli 8 km dalla vetta. La più grande eruzione storica ebbe luogo nel 1471-76.


Davidof, Isole Aleutine (USA)


Davidof, Isole Aleutine (USA)

51.97°N, 178.33°E, altitudine di vetta. 328 m

Stato attuale: abbassato a verde (1 su 5)

https://www.volcanodiscovery.com/davidof/news/178626/Davidof-volcano-Aleutian-Islands-alert-level-lowered-to-Green.html

AVO ha abbassato sia il codice colore dell’aviazione che il livello di allerta vulcano per Davidof a Unassigned il 21 aprile, notando che lo sciame di terremoti iniziato a gennaio era diminuito nelle settimane precedenti. Non è noto se lo sciame fosse dovuto a processi tettonici o disordini vulcanici. Il livello “Non assegnato” significa che sul vulcano non c’è strumentazione sufficiente perché AVO possa caratterizzare un livello base di attività; il sismometro più vicino era su Little Sitkin (15 km a E).

Riassunto geologico: un gruppo di piccole isole tra Segula e Little Sitkin nelle Aleutine occidentali, la più grande delle quali è Davidof, sono i resti di uno stratovulcano che crollò durante il tardo Terziario, formando una caldera larga 2,7 km. Le isole includono Khvostof, Pyramid, Lopy e Davidof; gli ultimi tre formano il bordo orientale della caldera per lo più sottomarina, a volte indicata come il “Krakatau delle Aleutine”. Le isole furono costruite sopra una piattaforma sottomarina profonda circa 100 m che si estendeva a nord-ovest fino all’isola di Segula; il pavimento della caldera si trova a 80 m sotto il livello del mare. Le isole sono vegetate, ma i flussi di lava sono riconoscibili e Smith et al. (1978) ha suggerito una possibile età dell’Olocene.


Dukono, Halmahera


Dukono, Halmahera

1.693°N, 127.894°E, altitudine di vetta. 1229 m

Stato attuale: in eruzione (4 su 5)

https://www.volcanodiscovery.com/dukono/news/178983/Dukono-Volcano-Volcanic-Ash-Advisory-VA-TO-FL070-OBS-ON-SAT-IMG-AT-262330Z-OBS-VA-DTG-262330Z-to-700.html

Sulla base dei dati del modello del satellite e del vento, il Darwin VAAC ha riferito che durante il 21-23 e 25 aprile i pennacchi di cenere da Dukono sono saliti a 2,1 km (7.000 piedi) s.l.m. e andò alla deriva in più direzioni. Il livello di allerta è rimasto a 2 (su una scala da 1 a 4) e il pubblico è stato avvertito di rimanere al di fuori della zona di esclusione di 2 km.

Riepilogo geologico: i rapporti da questo remoto vulcano nella parte più settentrionale di Halmahera sono rari, ma Dukono è stato uno dei vulcani più attivi dell’Indonesia. Eruzioni esplosive più o meno continue, a volte accompagnate da colate laviche, si sono verificate dal 1933 almeno fino alla metà degli anni ’90, quando le osservazioni di routine furono ridotte. Durante una grande eruzione nel 1550, un flusso di lava riempì lo stretto tra Halmahera e il cono sul fianco nord di Gunung Mamuya. Questo vulcano complesso presenta un profilo ampio e basso con più picchi sommitali e crateri sovrapposti. Malupang Wariang, 1 km a sud-ovest del complesso del cratere sommitale, contiene un cratere di 700 x 570 m che è stato attivo anche in epoca storica.


Fuego, Guatemala centro-meridionale


Fuego, Guatemala centro-meridionale

14.473°N, 90.88°W, altitudine di vetta. 3763 m

Stato attuale: in eruzione (4 su 5)

https://www.volcanodiscovery.com/fuego/news/179061/Fuego-Volcano-Volcanic-Ash-Advisory-VA-EM-OBSD-to-15000-ft-4600-m.html

INSIVUMEH ha riferito che dal 21 al 25 aprile a Fuego sono state registrate da 2 a 10 esplosioni all’ora, generando pennacchi di cenere alti fino a 1,3 km sopra il bordo del cratere. I pennacchi di cenere si sono spostati principalmente fino a 15 km a sud-est, sud e sud-ovest causando precipitazioni giornaliere di cenere in aree sottovento tra cui Morelia (9 km a sud-ovest), Panimaché I e II (8 km a sud-ovest), Santa Sofia (12 km a sud-ovest), El Porvenir (8 km ENE), Sangre de Cristo (8 km WSW), Finca Palo Verde, Finca la Asunción, El Zapote (10 km S), San Pedro Yepocapa (8 km NW), Ceylon, San Andrés Osuna e La Rochela. Le onde d’urto hanno scosso le strutture nelle comunità intorno al vulcano quasi tutti i giorni e si sono sentiti brontolii occasionali. Valanghe a blocchi sono scese lungo i fianchi in tutte le direzioni, ma più comunemente erano visibili nei drenaggi Ceniza (SSW), Seca (W), Trinidad (S), Taniluyá (SW), Honda e Las Lajas (SE), raggiungendo spesso aree vegetate . Le esplosioni hanno espulso materiale incandescente a 100-350 m sopra la vetta durante il 21-24 aprile.

Riassunto geologico: Volcán Fuego, uno dei vulcani più attivi dell’America Centrale, è anche uno dei tre grandi stratovulcani che si affacciano sull’ex capitale del Guatemala, Antigua. La scarpata di un edificio più antico, Meseta, si trova tra Fuego e Acatenango a nord. La costruzione di Meseta risale a circa 230.000 anni e continuò fino al tardo Pleistocene o all’inizio dell’Olocene. Il crollo di Meseta potrebbe aver prodotto il massiccio deposito di detriti-valanghe di Escuintla, che si estende per circa 50 km sulla pianura costiera del Pacifico. Seguì la crescita del moderno vulcano Fuego, continuando la migrazione verso sud del vulcanismo iniziata presso l’Acatenango, per lo più andesitico. Le eruzioni a Fuego sono diventate più mafiche con il tempo e la maggior parte dell’attività storica ha prodotto rocce basaltiche. Frequenti vigorose eruzioni storiche sono state registrate dall’inizio dell’era spagnola nel 1524 e hanno prodotto grandi colate di cenere, insieme a colate piroclastiche e colate laviche occasionali.


Great Sitkin, Isole Andreanof (USA)


Credito immagine: https://imgur.com/eP3ZcV8

52.076°N, 176.13°W, altitudine di vetta. 1740 m

Stato attuale: attività minore o avviso di eruzione (3 su 5)

https://www.volcanodiscovery.com/great-sitkin/news/178584/Great-Sitkin-volcano-Andreanof-Islands-USA-Smithsonian-USGS-Weekly-Volcanic-Activity-Report-for-13-A.html

L’AVO ha riferito che la lenta effusione di lava a Great Sitkin è continuata durante il 20-26 aprile e che è persistita una sismicità molto bassa. Il codice colore dell’aviazione e il livello di allerta vulcano sono rimasti rispettivamente su Orange e Watch.

Riassunto geologico: il vulcano Great Sitkin forma gran parte del lato settentrionale dell’isola di Great Sitkin. Un vulcano parassita più giovane ricoperto da una piccola caldera sommitale piena di ghiaccio di 0,8 x 1,2 km è stato costruito all’interno di una grande scarpata del tardo Pleistocene o del primo Olocene formata da un massiccio cedimento dell’edificio che ha troncato un vulcano ancestrale e ha prodotto una valanga di detriti sottomarini. I depositi di questo e di una vecchia valanga di detriti provenienti da una sorgente a sud coprono un’ampia area del fondale oceanico a nord del vulcano. La sommità giace lungo il bordo orientale della scarpata di crollo più giovane. I depositi di una precedente eruzione di formazione di caldere di età sconosciuta coprono i fianchi dell’isola fino a una profondità di 6 m. La piccola caldera più giovane è stata parzialmente riempita da cupole di lava collocate nel 1945 e nel 1974, e cinque piccole cupole di lava sui fianchi più antiche, due delle quali si trovano sulla costa, sono state costruite lungo le linee di tendenza nord-ovest e NNW. Sorgenti termali, vasi di fango e fumarole si trovano vicino alla testa del Big Fox Creek, a sud del vulcano. Le eruzioni storiche sono state registrate dalla fine del XIX secolo.


Ibu, Halmahera


Ibu, Halmahera

1.488°N, 127.63°E, altitudine di vetta. 1325 m

Stato attuale: eruzione (4 su 5)

https://www.volcanodiscovery.com/ibu/news/179066/Ibu-Volcano-Volcanic-Ash-Advisory-VA-REPORTED-TO-FL120-MOV-NW-AT-280010Z-OBS-VA-DTG-280020Z.html

PMBBG ha riferito che l’eruzione a Ibu è continuata dal 22 al 26 aprile. Densi pennacchi giornalieri di cenere grigia generalmente salivano a 400-1.500 m sopra la vetta e si spostavano da O e NE, anche se alle 09:48 del 25 aprile i pennacchi di cenere si alzavano fino a 3 km sopra la vetta e si spostavano a O. Il livello di allerta è rimasto a 2 (su un scala 1-4), e il pubblico è stato avvertito di stare ad almeno 2 km dal cratere attivo e 3,5 km sul lato N.

Riassunto geologico: la sommità troncata dello stratovulcano Gunung Ibu lungo la costa nord-ovest dell’isola di Halmahera ha grandi crateri sommitali nidificati. Il cratere interno, largo 1 km e profondo 400 m, ha contenuto diversi laghetti craterici. Il cratere esterno largo 1,2 km viene aperto a N, creando una valle dalle pareti ripide. Un grande cono è cresciuto a ENE della vetta, e uno più piccolo a WSW ha alimentato una colata lavica lungo il fianco ovest. Un gruppo di maar si trova sotto i fianchi N e W. La prima eruzione osservata e registrata è stata una piccola esplosione dal cratere sommitale nel 1911. L’attività eruttiva è ripresa nel dicembre 1998, producendo una cupola di lava che alla fine ha coperto gran parte del pavimento del cratere sommitale interno insieme a continue emissioni di cenere esplosiva.


Kilauea, Isole Hawaii (Stati Uniti)


Kilauea, Isole Hawaii (Stati Uniti)

19.421°N, 155.287°W, altitudine di vetta. 1222 m

Stato attuale: in eruzione (4 su 5)

https://www.volcanodiscovery.com/kilauea/news/178625/Kilauea-volcano-update-effusive-eruption-remains-active-with-sporadic-breakouts.html

HVO ha riferito che la lava ha continuato a fuoriuscire da una bocca nella parete inferiore W del cratere Halemaumau di Kilauea durante il 19-26 aprile, entrando in un lago di lava attivo e scorrendo sul fondo del cratere. La superficie del lago di lava era attiva tutta la settimana e l’altezza del lago oscillava; il lago occasionalmente traboccava il bordo, inviando lava sul fondo del cratere. Sblocchi giornalieri si sono verificati lungo le parti N, NE, E e S del cratere. Il codice colore dell’aviazione e il livello di allerta vulcano sono rimasti rispettivamente su Orange e Watch.

Riassunto geologico: Kilauea si sovrappone al fianco E del massiccio vulcano a scudo Mauna Loa nell’isola delle Hawaii. Le eruzioni sono importanti nelle leggende polinesiane; documentazione scritta dal 1820 registra frequenti eruzioni di colate laviche sommitali e laterali intervallate da periodi di attività a lungo termine del lago di lava nel cratere Halemaumau nella caldera sommitale fino al 1924. La caldera di 3 x 5 km si è formata in più fasi circa 1.500 anni fa e durante il 18esimo secolo; le eruzioni hanno avuto origine anche dalle lunghe zone di rift est e sud-ovest, che si estendono fino all’oceano in entrambe le direzioni. Circa il 90% della superficie del vulcano a scudo basaltico è formato da colate laviche di età inferiore a circa 1.100 anni; Il 70% della superficie ha meno di 600 anni. L’eruzione a lungo termine dalla zona di rift est tra il 1983 e il 2018 ha prodotto colate laviche che coprono più di 100 km2, distrutto centinaia di case e aggiunto nuova costa.


Langila, Nuova Bretagna (Papua Nuova Guinea)

5.525°S, 148.42°E, altitudine di vetta. 1330 m

Stato attuale: attività minore o allarme eruzione (3 di 5)

https://www.volcanodiscovery.com/it/langila/news/178753/Langila-Volcano-Volcanic-Ash-Advisory-DISCRETE-ERUPTION-TO-FL070-MOV-SW-AT-232000Z-to-7000-ft-2100-m.html

Il Darwin VAAC ha riferito che il 24 aprile un pennacchio di cenere di Langila è salito a 2,1 km (7.000 piedi) s.l.m. e alla deriva SW. Il pennacchio si era dissipato entro 5,5 ore.

Riassunto geologico: Il Langila, uno dei vulcani più attivi della Nuova Bretagna, è costituito da un gruppo di quattro piccoli coni basaltici-andesitici compositi sovrapposti sul fianco E inferiore del vulcano spento Talawe nell’area di Cape Gloucester nella Nuova Bretagna nordoccidentale. Un cratere rettangolare lungo 2,5 km è ampiamente aperto a SE; Langila è stata costruita a NE del cratere di Talawe violato. Un esteso campo lavico raggiunge la costa sui versanti N e NE della Langhila. Frequenti eruzioni esplosive da lievi a moderate, a volte accompagnate da colate laviche, sono state registrate sin dal XIX secolo da tre crateri attivi sulla sommità. Il cratere più giovane e più piccolo (cratere n. 3) si è formato nel 1960 e ha un diametro di 150 m.


Lewotolok, isola di Lembata


Lewotolok, isola di Lembata

8.274°S, 123.508°E, altitudine di vetta. 1431 m

Stato attuale: eruzione (4 di 5)

https://www.volcanodiscovery.com/it/lewotolo/news/170381/Lewotolok-volcano-Lembata-Island-Indonesia-Smithsonian-USGS-Weekly-Volcanic-Activity-Report-for-5-Ja.html

PVMBG ha riferito che l’eruzione a Lewotolok è continuata dal 19 al 26 aprile. I pennacchi giornalieri di cenere bianca e grigia si alzavano di 50-400 m sopra la vetta e si spostavano a W, NW ed E. Il livello di allerta è rimasto a 3 (su una scala da 1-4) e il pubblico è stato avvertito di rimanere a 3 km di distanza dal cratere sommitale ea 4 km dal cratere sul fianco SE.

Riassunto geologico: lo stratovulcano Lewotolok (o Lewotolo) occupa l’estremità orientale di una penisola allungata che si estende a nord nel Mare di Flores, collegata all’isola di Lembata (ex Lomblen) da uno stretto istmo. È simmetrico se visto da nord e da est. Un piccolo cono con un cratere largo 130 m costruito sul lato sud-est di un cratere più grande forma il punto più alto del vulcano. Molte colate laviche hanno raggiunto la costa. Le eruzioni registrate dal 1660 sono consistite in attività esplosiva dal cratere sommitale.


Merapi, Giava Centrale


Merapi, Giava Centrale

7.54°S, 110.446°E, altitudine di vetta. 2910 m

Condizione attuale: In eruzione (4 di 5)

https://www.volcanodiscovery.com/fr/merapi/news/178588/Merapi-volcano-Central-Java-Smithsonian-USGS-Weekly-Volcanic-Activity-Report-for-13-April-19-April-2.html

BPPTKG ha riferito che l’eruzione a Merapi è continuata dal 15 al 21 aprile. Le altezze e le morfologie della cupola lavica SO e della cupola lavica centrale sono rimaste invariate rispetto alla settimana precedente e la sismicità è rimasta a livelli elevati. Ben 150 valanghe di lava hanno percorso un massimo di 2 km per lo più lungo il drenaggio del Bebeng sul versante sud-ovest. Un flusso piroclastico ha viaggiato per 2 km a sud-ovest lungo il Bebeng. Il livello di allerta è rimasto a 3 (su una scala da 1-4) e il pubblico è stato avvertito di rimanere a 3-7 km di distanza dalla vetta in base alla posizione.

Riassunto geologico: Merapi, uno dei vulcani più attivi dell’Indonesia, si trova in una delle aree più densamente popolate del mondo e domina il paesaggio immediatamente a nord della principale città di Yogyakarta. È la più giovane e la più meridionale di una catena vulcanica che si estende a nordovest fino al vulcano Ungaran. La crescita dell’antica Merapi durante il Pleistocene si è conclusa con il crollo di un grande edificio forse circa 2.000 anni fa, lasciando una grande scarpata arcuata che tagliava il vulcano Batulawang più antico eroso. La successiva crescita del ripido edificio Young Merapi, la sua parte superiore priva di vegetazione a causa della frequente attività, iniziò a SO della precedente scarpata di crollo. I flussi piroclastici e i lahar che hanno accompagnato la crescita e il crollo della cupola lavica sommitale attiva dai lati ripidi hanno devastato le terre coltivate sui fianchi da ovest a sud e hanno causato molte vittime.


Pavlof, penisola dell’Alaska, Alaska


Pavlof, penisola dell’Alaska, Alaska

55.417°N, 161.894°W, altitudine di vetta. 2493 m

Stato attuale: attività minore o allarme eruzione (3 di 5)

https://www.volcanodiscovery.com/it/pavlof/news/178589/Pavlof-volcano-Alaska-Peninsula-Alaska-Smithsonian-USGS-Weekly-Volcanic-Activity-Report-for-13-April.html

L’AVO ha riferito che l’eruzione in una bocca sul fianco E superiore di Pavlof era in corso dal 20 al 26 aprile, sebbene le condizioni meteorologiche a volte impedissero le osservazioni visive. Il tremore sismico persiste e nelle immagini satellitari sono state identificate temperature superficiali elevate giornaliere. Il livello di allerta vulcano è rimasto su Watch e il codice colore Aviation è rimasto su Orange.

Riassunto geologico: il vulcano più attivo dell’arco delle Aleutine, Pavlof è uno stratovulcano dell’Olocene alto 2519 m che è stato costruito lungo una linea di prese d’aria che si estendono a NE dalla caldera del lago Emmons. Pavlof e il suo vulcano gemello a NE, Pavlof Sister alto 2142 m, formano una drammatica coppia di stratovulcani simmetrici ricoperti da ghiacciai che torreggiano sopra le baie Pavlof e Volcano. Un terzo cono, Little Pavlof, è un vulcano più piccolo sul fianco sud-ovest del vulcano Pavlof, vicino al bordo della caldera del lago Emmons. A differenza di Pavlof Sister, Pavlof è stato spesso attivo in epoca storica, producendo tipicamente eruzioni esplosive da stromboliane a vulcaniane dalle prese d’aria sommitali e flussi di lava occasionali. Le bocche attive si trovano vicino alla vetta sui lati nord ed est. La più grande eruzione storica avvenne nel 1911, al termine di un episodio eruttivo durato 5 anni, quando una fessura si aprì sul fianco N, espellendo grossi blocchi e liberando colate laviche.


Popocatepetl, Messico


Popocatepetl, Messico

19.023°N, 98.622°W, altitudine di vetta. 5393 m

Stato attuale: eruzione (4 di 5)

https://www.volcanodiscovery.com/it/popocatepetl/news/179032/Popocatepetl-Volcano-Volcanic-Ash-Advisory-VA-EMS-OBS-to-19000-ft-5800-m.html

Il CENAPRED ha riferito che l’eruzione del Popocatépetl è continuata dal 19 al 26 aprile. Ogni giorno c’erano 6-27 emissioni di vapore e gas che salivano dal cratere e si spostavano principalmente a SW. I pennacchi a volte contenevano cenere. L’incandescenza dal cratere era talvolta visibile di notte. Due esplosioni minori sono state registrate alle 0152 e alle 0559 il 21 aprile. Il livello di allerta è rimasto al giallo, fase due (il livello medio su una scala a tre colori).

Riassunto geologico: Volcán Popocatépetl, il cui nome è la parola azteca per la montagna fumante, sorge a 70 km a sud-est di Città del Messico per formare il 2° vulcano più alto del Nord America. Lo stratovulcano ricoperto dal ghiacciaio contiene un cratere dalle pareti ripide e largo 400 x 600 m. Il vulcano generalmente simmetrico è modificato dal Ventorrillo dalla punta acuminata a NW, un residuo di un vulcano precedente. Almeno tre precedenti grandi coni sono stati distrutti per cedimento gravitazionale durante il Pleistocene, producendo massicci depositi di detriti e valanghe che coprivano vaste aree a sud. Il vulcano moderno è stato costruito a sud del tardo Pleistocene fino al cono dell’Olocene El Fraile. Tre grandi eruzioni pliniane, la più recente delle quali avvenuta intorno all’800 d.C., si sono verificate dalla metà dell’Olocene, accompagnate da flussi piroclastici e voluminosi lahar che hanno spazzato i bacini sotto il vulcano. Frequenti eruzioni storiche, registrate per la prima volta nei codici aztechi, si sono verificate fin dall’epoca precolombiana.


Rincon de la Vieja, Costarica


Rincon de la Vieja, Costarica

10.83°N, 85.324°W, altitudine di vetta. 1916 m

Stato attuale: attività minore o allarme eruzione (3 di 5)

https://www.volcanodiscovery.com/it/rincon-de-la-vieja/news/179069/Rincon-de-la-Vieja-volcano-Costa-Rica-small-eruptions.html

OVSICORI-UNA ha riferito che un piccolo evento eruttivo a Rincón de la Vieja è stato registrato alle 0618 del 25 aprile, sebbene non fosse visibile a causa delle condizioni meteorologiche. Un altro piccolo evento è stato registrato alle 0156 del 26 aprile; il pennacchio non era visibile a causa delle condizioni.

Riassunto geologico: Rincón de la Vieja, il più grande vulcano del Costa Rica nordoccidentale, è un remoto complesso vulcanico nella catena del Guanacaste. Il vulcano è costituito da una cresta allungata e arcuata con tendenza NW-SE costruita all’interno della caldera Guachipelín del Pleistocene inferiore, larga 15 km, il cui bordo è esposto sul lato sud. A volte noto come il “Colosso di Guanacaste”, ha un volume stimato di 130 km3 e contiene almeno nove grandi centri eruttivi. L’attività è migrata a SE, dove si trovano i crateri più giovani. Il cono gemello del vulcano Santa María, la vetta più alta del complesso, si trova all’estremità orientale di una caldera più piccola, larga 5 km e ha un cratere largo 500 m. Un’eruzione pliniana che produsse la tefra del Río Blanca di 0,25 km3 circa 3.500 anni fa fu l’ultima grande eruzione magmatica. Tutte le successive eruzioni, comprese numerose eruzioni storiche probabilmente risalenti al XVI secolo, sono state dal prominente cratere attivo contenente un lago acido largo 500 m situato a ENE del cratere di Von Seebach.


Sabancaya, Perù


Sabancaya, Perù

15.787°S, 71.857°W, altitudine di vetta. 5960 m

Stato attuale: in eruzione (4 su 5)

https://www.volcanodiscovery.com/sabancaya/news/179098/Sabancaya-Volcano-Volcanic-Ash-Advisory-INTERMITTENT-PULSES-OF-VA-to-24000-ft-7300-m.html

L’Instituto Geofísico del Perú (IGP) ha riportato livelli moderati di attività a Sabancaya dal 18 al 24 aprile con una media giornaliera di 37 esplosioni. I pennacchi di gas e cenere sono saliti fino a 2,3 km sopra la vetta e si sono spostati a N, NE, SE e S. Nei dati satellitari sono state identificate fino a 10 anomalie termiche originate dalla cupola di lava nel cratere sommitale. Una lieve inflazione ha continuato a essere rilevata vicino a Hualca Hualca (4 km a nord). Il livello di allerta è rimasto a Orange (il secondo livello più alto su una scala a quattro colori) e il pubblico è stato avvertito di rimanere al di fuori di un raggio di 12 km.

Riassunto geologico: Sabancaya, situato nella sella a NE di Ampato ea SE dei vulcani Hualca Hualca, è il più giovane di questi centri vulcanici e l’unico ad aver eruttato in epoca storica. Il più antico dei tre, Nevado Hualca Hualca, è di probabile età dal tardo Pliocene all’inizio del Pleistocene. Il nome Sabancaya (che significa “lingua di fuoco” nella lingua quechua) apparve per la prima volta nei documenti nel 1595 d.C., suggerendo un’attività precedente a quella data. L’attività olocenica è consistita in eruzioni pliniane seguite dall’emissione di voluminose colate laviche andesitiche e dacitiche, che formano un ampio piazzale attorno al vulcano su tutti i lati tranne il sud. Le registrazioni di eruzioni storiche risalgono al 1750.


Santa Maria, Guatemala sudoccidentale

Immagine repertorio: Degassamento dal vulcano Santiaguito con Santa Maria sullo sfondo (immagine: CONRED Guatemala)

14.757°N, 91.552°W, altitudine di vetta. 3745 m

Stato attuale: eruzione (4 di 5)

https://www.volcanodiscovery.com/it/santiaguito/news/177393/Santiaguito-volcano-Guatemala-rainfalls-reactivated-lahars.html

INSIVUMEH ha riferito che l’eruzione del complesso della cupola lavica Santiaguito di Santa María è continuata dal 21 al 25 aprile. L’incandescenza dal cratere Caliente e le colate laviche sui fianchi W e SW era visibile di notte e al mattino presto. Valanghe di blocchi sono scese lungo i fianchi O e SW del Caliente. Le colate laviche hanno continuato ad avanzare, percorrendo fino a 2,5 km nel canale di San Isidro, e hanno prodotto valanghe a blocchi dalle estremità e dai fianchi delle colate che scendevano dai versanti S, SW e S. La cenere di queste valanghe è caduta nelle aree intorno al vulcano e occasionalmente è stato notato anche un odore di zolfo.

Riassunto geologico: il vulcano Santa María, simmetrico e coperto di foreste, fa parte di una catena di grandi stratovulcani che si ergono sopra la pianura costiera del Pacifico del Guatemala. Il profilo conico dalla sommità affilata è tagliato sul fianco sud-ovest da un cratere largo 1,5 km. Il cratere di forma ovale si estende da appena sotto la vetta fino al fianco inferiore e si è formato durante una catastrofica eruzione nel 1902. La famosa eruzione pliniana del 1902 che devastò gran parte del Guatemala sudoccidentale seguì un lungo periodo di riposo dopo la costruzione della grande eruzione basaltica stratovulcano di andesite. Il massiccio complesso dacitico della cupola lavica di Santiaguito è cresciuto alla base del cratere del 1902 dal 1922. La crescita della cupola composta a Santiaguito è avvenuta episodicamente da quattro bocche, con l’attività che progredisce da O verso la più recente, Caliente. La crescita della cupola è stata accompagnata da esplosioni minori quasi continue, con periodiche estrusioni di lava, esplosioni più grandi, flussi piroclastici e lahar.


Semeru, Giava orientale


8.108°S, 112.922°E, altitudine di vetta. 3657 m

Stato attuale: in eruzione (4 su 5)

https://www.volcanodiscovery.com/semeru/news/179058/Semeru-Volcano-Volcanic-Ash-Advisory-VA-REPORTED-TO-FL140-MOV-SE-AT-272215Z-OBS-VA-DTG-272220Z.html

PVMBG ha riferito che l’eruzione di Semeru è continuata dal 19 al 26 aprile. Quasi ogni giorno erano visibili pennacchi di cenere che si innalzavano di 200-600 m sopra la vetta che andava alla deriva da N, S, SW e W. Il tempo nuvoloso a volte impediva le osservazioni visive. Il livello di allerta è rimasto a 3 (su una scala da 1-4). Il pubblico è stato avvertito di rimanere ad almeno 500 m di distanza dai drenaggi del Kobokan entro 17 km dalla vetta, insieme ad altri drenaggi originari del Semeru, inclusi Bang, Kembar e Sat, a causa di pericoli di lahar, valanghe e flussi piroclastici.

Riassunto geologico: Semeru, il vulcano più alto di Giava, e uno dei più attivi, si trova all’estremità meridionale di un massiccio vulcanico che si estende a nord fino alla caldera di Tengger. Il vulcano dai lati scoscesi, noto anche come Mahameru (Great Mountain), si erge sopra le pianure costiere a sud. Gunung Semeru fu costruito a sud delle caldere sovrapposte di Ajek-ajek e Jambangan. Una linea di maar pieni di laghi è stata costruita lungo un andamento N-S che taglia la vetta, e coni di cenere e cupole di lava occupano i fianchi orientale e NE. La topografia della vetta è complicata dallo spostamento dei crateri da NW a SE. Le frequenti eruzioni del XIX e XX secolo sono state dominate da esplosioni da piccole a moderate dal cratere sommitale, con colate laviche occasionali ed eruzioni esplosive più grandi accompagnate da flussi piroclastici che hanno raggiunto i fianchi inferiori del vulcano.


Semisopochnoi, Isole Aleutine (USA)


Semisopochnoi, Isole Aleutine (USA)

51.93°N, 179.58°E, altitudine di vetta. 1221 m

Stato attuale: attività minore o allarme eruzione (3 di 5)

https://www.volcanodiscovery.com/it/semisopochnoi/news/178593/Semisopochnoi-volcano-Aleutian-Islands-USA-Smithsonian-USGS-Weekly-Volcanic-Activity-Report-for-13-A.html

L’AVO ha riferito che l’attività eruttiva di basso livello nel cono di Cerberus settentrionale di Semisopochnoi è continuata dal 19 al 26 aprile. Occasionalmente sono stati rilevati periodi di tremore sismico e piccole esplosioni sono state registrate nei dati sismici nel periodo 19-20 aprile. Pennacchi minori, di basso livello, con un basso contenuto di ceneri sono stati visibili nelle immagini della webcam ogni giorno dal 19 al 20 aprile, con occasionali pennacchi di cenere più energici. La copertura nuvolosa del tempo ha spesso ostacolato la visualizzazione della webcam e del satellite durante il resto della settimana. Il codice colore dell’aviazione è rimasto su Orange e il livello di allerta vulcano è rimasto su Watch.

Riassunto geologico: Semisopochnoi, il più grande vulcano subaereo delle Aleutine occidentali, è largo 20 km sul livello del mare e contiene una caldera larga 8 km. Si è formato a seguito del crollo di un vulcano a basso angolo, prevalentemente basaltico, in seguito all’eruzione di un grande volume di pomice dacitica. Il punto più alto dell’isola è Anvil Peak, un cono del tardo Pleistocene a doppia punta che forma gran parte della parte settentrionale dell’isola. Il monte Cerberus a tre punte fu costruito all’interno della caldera durante l’Olocene. Ciascuna delle cime contiene un cratere sommitale; le colate laviche sul versante N di Cerberus appaiono più giovani di quelle sul versante sud. Altri vulcani post-caldera includono il simmetrico Sugarloaf Peak SSE della caldera e il Lakeshore Cone, un piccolo cono di scorie sul bordo del lago Fenner nella parte NE della caldera. La maggior parte delle eruzioni documentate hanno avuto origine da Cerberus, sebbene Coats (1950) ritenesse che sia il Pan di Zucchero che il Cono Lakeshore potessero essere stati attivi di recente.


Sheveluch, Kamchatka centrale (Russia)


Vulcano Shiveluch su un’immagine satellitare Terra del 19 febbraio 2012. Detriti vulcanici sono visti sui fianchi inferiori; i detriti hanno viaggiato per circa 10 chilometri (6 miglia) dalla crescente cupola di lava di Shiveluch. (Osservatorio della Terra della NASA)

56.653°N, 161.36°E, altitudine di vetta. 3283 m

Stato attuale: eruzione (4 di 5)

https://www.volcanodiscovery.com/it/shiveluch/news/178594/Sheveluch-volcano-Central-Kamchatka-Russia-Smithsonian-USGS-Weekly-Volcanic-Activity-Report-for-13-A.html

KVERT ha riferito che un’anomalia termica su Sheveluch è stata identificata nelle immagini satellitari durante il 15-22 aprile e l’estrusione della cupola di lava è continuata. Le esplosioni durante il 15-16 aprile hanno prodotto pennacchi di cenere che sono saliti fino a 5 km (16.400 piedi) s.l.m. e andò alla deriva per circa 75 km a SE. L’Aviation Color Code è rimasto su Orange (il secondo livello più alto su una scala a quattro colori). Le date si basano sugli orari UTC; eventi specifici sono nell’ora locale dove indicato.

Riassunto geologico: l’alto e isolato massiccio del vulcano Sheveluch (scritto anche Shiveluch) sorge al di sopra delle pianure a NNE del gruppo vulcanico Kliuchevskaya. Il vulcano di 1300 km3 è una delle strutture vulcaniche più grandi e attive della Kamchatka. La vetta di Stary Shiveluch di circa 65.000 anni fa è troncata da un’ampia caldera del tardo Pleistocene larga 9 km aperta a sud. Molte cupole di lava punteggiano i suoi fianchi esterni. Il complesso della cupola lavica di Molodoy Shiveluch fu costruito durante l’Olocene all’interno della grande caldera a forma di ferro di cavallo; L’estrusione della cupola lavica dell’olocene è avvenuta anche sui fianchi di Stary Shiveluch. Almeno 60 grandi eruzioni si sono verificate durante l’Olocene, rendendolo il vulcano andesitico più vigoroso dell’arco Kuril-Kamchatka. Gli strati di tefra diffusi da queste eruzioni hanno fornito preziosi indicatori di tempo per la datazione degli eventi vulcanici in Kamchatka. I frequenti crolli di complessi di cupole, l’ultimo nel 1964, hanno prodotto valanghe di detriti i cui depositi coprono gran parte del pavimento della caldera violata.


Suwanosejima, Isole Ryukyu (Giappone)


Suwanosejima volcano (Ryukyu Islands, Japan) – Smithsonian / USGS Weekly Volcanic Activity Report

29.638°N, 129.714°E, altitudine di vetta. 796 m

Stato attuale: eruzione (4 di 5)

https://www.volcanodiscovery.com/it/suwanosejima/news/178595/Suwanosejima-volcano-Ryukyu-Islands-Japan-Smithsonian-USGS-Weekly-Volcanic-Activity-Report-for-13-Ap.html

JMA ha riferito che l’attività eruttiva ha continuato a essere registrata presso l’Ontake Crater di Suwanosejima durante il 18-25 aprile. I pennacchi di eruzione sono saliti fino a 1,5 km sopra il bordo del cratere; non sono state registrate esplosioni. Il livello di allerta è rimasto a 3 e il pubblico è stato avvertito di stare a 2 km dal cratere.

Riepilogo geologico: l’isola di Suwarosejima, a forma di fuso, lunga 8 km, nelle isole Ryukyu settentrionali, è costituita da uno stratovulcano andesitico con due crateri sommitali storicamente attivi. La sommità è troncata da un grande cratere sfondato che si estende fino al mare sul fianco orientale formato dal crollo dell’edificio. Suwanosejima, uno dei vulcani più attivi del Giappone, era in uno stato di attività stromboliana intermittente da Otake, il cratere sommitale NE, iniziata nel 1949 e durata fino al 1996, dopodiché i periodi di inattività si sono allungati. La più grande eruzione storica avvenne nel 1813-14, quando densi depositi di scorie ricoprirono aree residenziali e il cratere a sud-ovest produsse due colate laviche che raggiunsero la costa occidentale. Al termine dell’eruzione la sommità dell’Otake crollò formando una grande valanga di detriti e creando la caldera Sakuchi a forma di ferro di cavallo, che si estende fino alla costa orientale. L’isola rimase disabitata per circa 70 anni dopo l’eruzione del 1813-1814. I flussi di lava hanno raggiunto la costa orientale dell’isola nel 1884. Sull’isola vivono solo circa 50 persone.


Lupo, Isla Isabela (Galapagos)


Wolf, Isla Isabela (Galapagos)

0.02°N, 91.35°W, altitudine di vetta. 1710 m

Stato attuale: in eruzione (4 su 5)

https://www.volcanodiscovery.com/wolf/news/178596/Wolf-volcano-Isla-Isabela-Galapagos-Smithsonian-USGS-Weekly-Volcanic-Activity-Report-for-13-April-19.html

IG ha riferito che anomalie termiche su Wolf sono state periodicamente identificate nelle immagini satellitari durante il 19-26 aprile, sebbene fossero assenti in molti giorni. L’avanzamento della lava è stato identificato nelle immagini durante il 19-21 aprile; nessuna attività di superficie era visibile per il resto della settimana.

Riassunto geologico: Wolf, il vulcano più alto delle Isole Galápagos, si trova a cavallo dell’equatore all’estremità nord dell’isola più grande dell’arcipelago, Isabela. L’edificio alto 1710 m ha pendii più ripidi rispetto alla maggior parte degli altri vulcani Isabela, raggiungendo angoli fino a 35 gradi. Sulla sommità si trova una caldera di 6 x 7 km, a 700 m una delle più profonde delle isole Galápagos. Una panchina prominente sul lato ovest della caldera si erge a 450 sopra il pavimento della caldera, gran parte del quale è ricoperta da una colata lavica eruttata nel 1982. Le fessure radiali concentrate lungo zone di spaccatura diffuse si estendono lungo i fianchi nord, NW e SE e il sottomarino le prese d’aria si trovano oltre le fessure nord e NW. Simili flussi non vegetati provenienti da una catena circonferenziale di coni di schizzi e scorie sul bordo orientale della caldera drappeggiano i fianchi boscosi verso il mare. La proporzione di flussi di lava aa a Volcán Wolf supera quella di altri vulcani delle Galápagos. Un’eruzione nel 1797 è stata la prima eruzione storica documentata nelle Isole Galápagos.

Riferimento:
  • Smithsonian / US Geological Survey Weekly Volcanic Activity Report, 20 aprile-26 aprile 2022. Direttore editoriale: Sally Kuhn Sennert

The Watchers


I TEMPI FREDDI stanno tornando, le medie latitudini si stanno stanno stanno RAFFREDDANDO in linea con la grande congiunzione, l’attività solare storicamente bassa, i raggi cosmici che nucleano le nuvole e una corrente a getto meridionale (tra le altre forzature).

Sia il NOAA che la NASA sembrano concordare, se si legge tra le righe, con NOAA che afferma che stiamo entrando in un grande minimo solare ‘in piena regola’ alla fine del 2020, e la NASA vede questo prossimo ciclo solare (25) come “il più debole degli ultimi 200 anni“, con i precedenti spegnimenti solari periodi prolungati di raffreddamento globale qui.

Inoltre, non possiamo ignorare la moltitudine di nuovi articoli scientifici che affermano l’immenso impatto che il Beaufort Gyre potrebbe avere sulla Corrente del Golfo, e quindi sul clima in generale.


I canali dei social media stanno limitando la di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo che mostra gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

NON CI SONO COMPLOTTI

CI SONO PERSONE E FATTI

DOCUMENTATI


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: