Inverno anticipato per l’Australia

Source: April 28, 2022; articolo di Cap Allon

  • Esplosioni invernali sferzano l’Australia;
  • Le temperature in tutta l’Antartide rimangono al di sotto della media;
  • I guai per la semina dell’Ucraina persistono
  • Attività esplosiva al vulcano Karymsky, cenere a 10km (33.000 piedi) s.l.m., Russia
  • Le immagini satellitari mostrano lava calda ad Anak Krakatau, in Indonesia

Esplosioni invernali sferzano l’Australia

Il tempo piovoso invernale spazzerà gran parte degli stati sudorientali dell’Australia durante il fine settimana mentre un fronte antartico si muoverà.

“I venti aumenteranno attorno a questo fronte, con la possibilità di danneggiare le raffiche di vento su parti elevate della Tasmania, del Victoria e delle Alpi meridionali del NSW”, ha affermato la meteorologa della BoM Miriam Bradley.

Il fronte porterà temperature gelide con minime intorno ai 3°C (37.4℉) sulle carte per molti giovedì a domenica.

Nell’Australia occidentale, il termometro ha già iniziato a precipitare con Perth che soffre di temperature di 8°C al di sotto della media stagionale.

Guardando più avanti, però, all’inizio del mese di maggio potrebbe nascere qualcosa di molto più impressionante.

Un ampio fronte polare è attualmente in procinto di inghiottire la maggior parte dell’Australia a partire dal 4 maggio:

GFS 2m Temperature Anomalies (C) May 5 – May 14 [tropicaltidbits.com].

Una spolverata di neve potrebbe anche essere tra le carte.

Resta sintonizzato per gli aggiornamenti.


Le temperature in tutta l’Antartide rimangono al di sotto della media

Inopportuno per l’AGW Party (non che se ne occuperà mai), dal momento che quell’evento fluviale atmosferico completamente naturale delle temperature del 18 marzo in tutta l’Antartide si è mantenuto SOTTO la media multidecennale.

Secondo i dati del Climate Change Institute dell’Università del Maine (che tra l’altro è bollente), oggi, 28 aprile, il mercurio nella parte inferiore del mondo tiene -3,8°C al di sotto della base 1979-2000 (si noti inoltre che la temperatura globale si trova a un’anomalia di soli 0,1°C):

Ora abbiamo visto un mese e mezzo di temperature al di sotto della media in tutta l’Antartide. Ciò si adatta alla tendenza generale al raffreddamento osservata in tutto il continente negli ultimi anni: il Polo Sud ha subito il suo “inverno senza nucleo” più freddo (aprile-settembre) nella storia registrata lo scorso anno. TPTB e i loro lapdog MSM possono disinformare le masse conformi quanto vogliono, ma non cambia i fatti.

E in linea con il gelo persistente degli ultimi anni, la calotta glaciale antartica si è ESPANSA, continuando il trend di crescita osservato negli ultimi 4 decenni (l’era dei satelliti).

Il ghiaccio marino intorno al continente è rimbalzato bruscamente nel 2020 e nel 2021 ai livelli di circa 3 decenni fa. Questo rimbalzo è visualizzato nel grafico sottostante, così come l’espansione multidecennale che si attesta a circa l’1% per decennio:

I dati ufficiali rivelano anche che l’Antartide orientale, che copre due terzi del continente, si è raffreddata di 2,8°C negli ultimi 40 anni dispari, con l’Antartide occidentale di 1,6°C. È evidente che solo una piccola striscia dell’Antartide (la Penisola Antartica) ha visto un riscaldamento – riscaldamento statisticamente insignificante, per questo – ma non ci sono premi per indovinare su quale regione si concentra l’MSM.


I guai per la semina dell’Ucraina persistono


Secondo l’ultimo aggiornamento del ministero dell’agricoltura del paese, la campagna di semina primaverile dell’Ucraina ha continuato a prendere velocità con progressi che avanzano di altri 570.000 ettari, o il 3,4%, tra il 21 e il 25 aprile, pari a circa il 25% delle previsioni per i raccolti primaverili.

Tuttavia, i problemi di impianto persistono in tutto il paese, in particolare nei campi orientali dove sono state poste mine antiuomo.

Il ministro ucraino della politica agraria e dell’alimentazione, Mykola Solsky, delinea alcune delle questioni:

“Parte della terra non sarà seminata a causa di bombe inesplose, mine e detriti nel terreno. Tutti lavorano, dal governo centrale agli agricoltori e agli abitanti dei villaggi, che identificano essi stessi le coordinate e le trasmettono ai genieri in modo che abbiano meno lavoro da fare”, ha detto il ministro, riferendosi al personale militare incaricato di liberare la mente dalla terra.

Sebbene la semina stia riprendendo, è ancora molto indietro rispetto al programma. E sebbene un recente annuncio del governo abbia aumentato le stime complessive della semina primaverile al 75%, altre previsioni del settore hanno ancorato quella cifra a ben meno del 50% – questo, ovviamente, manderà increspature in tutto il resto del pianeta – fornitura di Ucraina e Russia 30% del grano mondiale.

Il paese inizia tradizionalmente il lavoro sul campo primaverile a fine febbraio o marzo, ma la primavera fredda record di quest’anno ha ritardato in modo significativo ciò, per non parlare dell’interruzione causata dall’invasione. A metà marzo, il presidente ucraino Volodymyr Zelenskiy ha esortato gli agricoltori a piantare quanti più campi possibile. E sebbene la situazione delle piantagioni in Ucraina rimanga terribile, Solsky rimane stoico (almeno pubblicamente): “La cosa principale è che questo processo è in corso e nessuno si è arreso”.

Tuttavia, la realtà è visibile sugli scaffali dei supermercati del paese, sia in condizioni di carenza che in aumento dei prezzi.

Solsky avverte che i problemi di logistica e catena di approvvigionamento continuano a crescere, insieme a prezzi del carburante paralizzanti e carenza di fertilizzanti: “Lo portiamo, i canali si sono ristretti, la domanda supera l’offerta: queste sono le logiche conseguenze delle leggi standard di mercato ”, ha spiegato Solsky.

E infine, il Nord America sta soffrendo i propri problemi di semina con la semina in calo a causa del freddo, della neve in tarda primavera, della siccità e della carenza di fertilizzanti e i prezzi continuano a salire.

Alle pressioni sui prezzi si aggiunge la notizia che l’Indonesia ha esteso il divieto all’esportazione di materie prime per l’olio da cucina per combattere l’inflazione alimentare. Di conseguenza, mercoledì i futures sull’olio di soia statunitense sono saliti a un livello record.

“La mossa riduce drasticamente una fornitura globale già limitata di oli commestibili che ha visto aumentare i prezzi globali quando l’invasione russa dell’Ucraina ha tolto dal mercato le forniture di olio di girasole ucraino”, ha scritto l’economista capo delle materie prime StoneX Arlan Suderman in una nota del cliente.

Anche i futures sul mais sono aumentati, con il contratto più attivo che ha raggiunto il suo massimo in un decennio poiché le previsioni meteorologiche hanno mostrato scarso sollievo dal clima freddo e umido che teneva i coltivatori del Midwest degli Stati Uniti fuori dai campi.

L’ultima previsione ha minacciato di spingere la semina del mais oltre la finestra ideale in molte aree del Midwest, il che probabilmente causerà un calo significativo delle prospettive di raccolto in un momento in cui le scorte di grano erano già scarse a causa dei granai del mondo che affrontavano tutti problemi contemporaneamente (USA). , Canada, Ucraina, Russia, Argentina, Brasile e, più recentemente, Kazakistan).

“Non possiamo perdere acri e non possiamo perdere il rendimento”, ha affermato John Zanker, analista di mercato presso Risk Management Commodities in Indiana.

E nelle notizie correlate, mercoledì i futures sul gas naturale degli Stati Uniti del 5% sulle aspettative che il gas naturale liquefatto (GNL) rimarrà vicino ai massimi storici per i mesi a venire, dopo che la Russia ha interrotto le forniture di gas a Bulgaria e Polonia dopo che la nazione ha rifiutato la sua richiesta di pagamento in rubli.

I prezzi negli Stati Uniti sono aumentati anche in base alle previsioni di una domanda interna di gas superiore al previsto nelle prossime due settimane, nonché a un continuo calo della produzione statunitense a causa di una ondata di freddo di fine stagione che ha congelato i pozzi di petrolio e gas nel Nord Dakota.

Comunque la si giri il sistema si sta sgretolando.

Preparatevi.


Attività esplosiva al vulcano Karymsky, cenere a 10 km (33 000 piedi) s.l.m., Russia (Raffreddamento Diretto)


Vulcano Karymsky, Russia, il 27 aprile 2022. Credit: Copernicus EU/Sentinel-2, The Watchers

Source: Thursday, April 28, 2022; articolo di The Watchers

L’attività esplosiva sul vulcano Karymsky, in Kamchatka, in Russia, si è intensificata il 28 aprile 2022, con emissioni di cenere che sono aumentate fino a 10km (33.000ft) sul livello del mare.

KVERT ha innalzato il codice colore dell’aviazione a rosso alle 03:08 UTC di oggi dopo che i dati satellitari hanno mostrato che esplosioni hanno inviato cenere fino a 10km (33.000ft) s.l.m. alle 02:10 UTC, alla deriva WNW.1

L’emissione di cenere è terminata nelle 2 ore successive, ma la nuvola di 28 x 34 km (17 x 21 miglia) di dimensioni, a un’altezza di 9km (29.500ft) s.l.m., ha continuato a muoversi WNW, KVERT ha riferito alle 04:34 UTC e si è abbassata il codice colore dell’aviazione torna a Orange.2

Alle 03:50 UTC, una nuvola di cenere vulcanica è stata vista a 289 km (179mi) dal vulcano.

L’attività esplosiva moderata al vulcano continua ed esplosioni di cenere fino a 12km (39.400ft) s.l.m. potrebbe verificarsi in qualsiasi momento, ha detto KVERT. L’attività in corso potrebbe influenzare gli aeromobili internazionali ea bassa quota.

Una serie di violente esplosioni al vulcano il 19 aprile hanno espulso cenere fino a 10km (33.000ft) s.l.m. e ricopriva il terreno circostante con uno strato di cenere bruna.

Il codice colore dell’aviazione è stato portato a rosso alle 22:04 e riportato ad arancione alle 03:44 UTC del 20 aprile.


Vulcano Karymsky, Russia, il 27 aprile 2022. Credit: Copernicus EU/Sentinel-2, The Watchers

Vulcano Karymsky, Russia, il 27 aprile 2022. Credit: Copernicus EU/Sentinel-2, The Watchers
Riassunto geologico

Karymsky, il vulcano più attivo della zona vulcanica orientale della Kamchatka, è uno stratovulcano simmetrico costruito all’interno di una caldera larga 5km (3,1mi) che si è formata durante il primo Olocene.

La caldera taglia il lato sud del vulcano Dvor del Pleistocene e si trova al di fuori del margine nord della grande caldera Polovinka del Pleistocene medio, che contiene le caldere più piccole Akademia Nauk e Odnoboky.

La maggior parte della sismicità prima delle eruzioni di Karymsky ha avuto origine sotto la caldera dell’Akademia Nauk, situata immediatamente a sud.

La caldera che racchiude Karymsky si è formata circa 7.600 – 7.700 anni fa al radiocarbonio; la costruzione dello stratovulcano iniziò circa 2000 anni dopo. L’ultimo periodo eruttivo è iniziato circa 500 anni fa, dopo una quiescenza di 2 300 anni.

Gran parte del cono è ricoperto da colate laviche di meno di 200 anni. Le eruzioni storiche sono state vulcaniche o vulcaniano-stromboliane con moderata attività esplosiva e colate laviche occasionali dal cratere sommitale.3

Riferimenti:
  • 1 Comunicato informativo VONA/KVERT, 28 aprile 2022. KVERT, Institute of Volcanology and Seismology FEB RAS – Issued 20220428/0308Z
  • 2 Comunicato informativo VONA/KVERT, 28 aprile 2022. KVERT, Institute of Volcanology and Seismology FEB RAS – Issued 20220428/0434Z
  • 3 Karymsky – Riassunto geologico – GVP

Le immagini satellitari mostrano lava calda ad Anak Krakatau, in Indonesia


Anak Krakatau il 27 aprile 2022. Credito: Copernicus EU/Sentinel-2, The Watchers

Source: Thursday, April 28, 2022; articolo di The Watchers

L’attività al vulcano Anak Krakatau in Indonesia si è calmata dopo un’intensa eruzione del 24 aprile 2022, che ha espulso cenere fino a 6km (20.000ft) sul livello del mare. Il livello di allerta rimane a 3.

L’ultima immagine satellitare acquisita da Sentinel-2 alle 03:28 UTC del 27 aprile mostra la firma termica del flusso di lava nell’area del cratere, che copre circa 1/5 dell’isola.


Anak Krakatau satellite image acquired on April 27, 2022 – SWIR. Credit: Copernicus EU/Sentinel-2, The Watchers

Immagine satellitare Anak Krakatau acquisita il 27 aprile 2022 – Enhanced Natural Color. Credito: Copernicus EU/Sentinel-2, The Watchers

Immagine satellitare Anak Krakatau acquisita il 27 aprile 2022. Credit: Copernicus EU/Sentinel-2. Elaborato da DEFIS EU

Grazie a PMBBG, abbiamo l’ultimo video di sorvolo registrato il 28 aprile.

Un’immagine della webcam di sorveglianza acquisita il 25 aprile, un giorno dopo l’intensa eruzione, sembra mostrare che si è formato un nuovo cono di schizzi sul vulcano.


Immagine della webcam di Anak Krakatau acquisita il 25 aprile 2022. Credito PMBBG, VolcanoDiscovery

L’eruzione di domenica 24 aprile 2022 è avvenuta alle 05:00 UTC, espellendo cenere fino a 3,1 km (10 100 piedi) sul livello del mare, secondo l’Anak Krakatau Volcano Observatory.1

Il Darwin VAAC ha stimato la cima della nuvola di cenere vulcanica a 6 km (20.000 piedi) s.l.m. alle 13:40 UTC.

Il vulcano ha eruttato almeno 21 volte nelle ultime settimane, ma l’eruzione di domenica è stata la più grande mai vista.


Credito immagine: PVMBG

SO2 su Anak Krakatau il 24 aprile 2022. Credito: Copernicus EU/Sentinel-5, piattaforma ADAM

Credito immagine: PVMBG

Riassunto geologico

Il famoso vulcano Krakatau (spesso erroneamente chiamato Krakatoa) si trova nello stretto della Sonda tra Giava e Sumatra. Il crollo dell’ancestrale edificio Krakatau, forse nel 416 d.C., formò una caldera larga 7km (4,3mi).

I resti di questo vulcano ancestrale sono conservati nelle isole Verlaten e Lang; successivamente si formarono i vulcani Rakata, Danan e Perbuwatan, che si unirono per creare l’isola di Krakatau prima del 1883. Il crollo della caldera durante la catastrofica eruzione del 1883 distrusse i vulcani Danan e Perbuwatan e lasciò solo un residuo del vulcano Rakata.

Questa eruzione, la seconda più grande in Indonesia durante il periodo storico, ha causato più di 36.000 vittime, la maggior parte a causa di devastanti tsunami che hanno colpito le coste adiacenti di Sumatra e Giava. Le ondate piroclastiche hanno viaggiato per 40km (25mi) attraverso lo stretto della Sonda e hanno raggiunto la costa di Sumatra.

Dopo una quiescenza di meno di mezzo secolo, il cono post-collasso di Anak Krakatau (Figlio di Krakatau) fu costruito all’interno della caldera del 1883 in un punto tra gli ex coni di Danan e Perbuwatan. Anak Krakatau è stato il luogo di frequenti eruzioni dal 1927.2

Riferimenti:
  • 1 Intense eruzioni esplosive ad Anak Krakatau, livello di allerta aumentato a 3, Indonesia – The Watchers – 24 aprile 2022
  • 2 Krakatau – Riassunto geologico – GVP

I TEMPI FREDDI stanno tornando, le medie latitudini si stanno stanno stanno RAFFREDDANDO in linea con la grande congiunzione, l’attività solare storicamente bassa, i raggi cosmici che nucleano le nuvole e una corrente a getto meridionale (tra le altre forzature).

Sia il NOAA che la NASA sembrano concordare, se si legge tra le righe, con NOAA che afferma che stiamo entrando in un grande minimo solare ‘in piena regola’ alla fine del 2020, e la NASA vede questo prossimo ciclo solare (25) come “il più debole degli ultimi 200 anni“, con i precedenti spegnimenti solari periodi prolungati di raffreddamento globale qui.

Inoltre, non possiamo ignorare la moltitudine di nuovi articoli scientifici che affermano l’immenso impatto che il Beaufort Gyre potrebbe avere sulla Corrente del Golfo, e quindi sul clima in generale.


I canali dei social media stanno limitando la di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo che mostra gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

NON CI SONO COMPLOTTI

CI SONO PERSONE E FATTI

DOCUMENTATI


Una opinione su "Inverno anticipato per l’Australia"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: