Grande rottura generata dal terremoto di M5.1 che ha colpito la Carolina del Nord, U.S.A.

  • Alti livelli di emissioni di gas vulcanici, forte tremore vulcanico a Ruapehu, Nuova Zelanda;
  • Forti tempeste nelle pianure: grandinate, raffiche di vento dannose e tornado previsti, Stati Uniti;
  • Piogge eccezionalmente intense colpiscono la Guadalupa, provocando inondazioni e smottamenti mortali;
  • Una forte tempesta di polvere inghiotte parti dell’Iraq;
  • Grande rottura della superficie identificata dopo che il terremoto di M5.1 ha colpito la Carolina del Nord, il più grande in quasi 100 anni

Alti livelli di emissioni di gas vulcanici, forte tremore vulcanico a Ruapehu, Nuova Zelanda


Credito immagine: GeoNet

Source: Monday, May 2, 2022; articolo di The Watchers

Recenti misurazioni di gas nell’aria sul vulcano Ruapehu, in Nuova Zelanda, confermano i continui livelli elevati di emissioni di gas vulcanico, insieme a un forte tremore vulcanico. Nel frattempo, la temperatura del lago Crater (Te Wai ā-moe) è salita a 38°C (100,4°F).

Entro le prossime quattro settimane, l’esito più probabile di questo episodio di agitazione non sarà un’eruzione o un’eruzione minore confinata al bacino del lago. Il prossimo scenario più probabile è un’eruzione che colpisce l’altopiano sommitale e genera lahar in più bacini.

Nelle ultime sei settimane, il vulcano ha mostrato il più forte tremore vulcanico degli ultimi due decenni insieme a un aumento della temperatura del lago Crater Lake (Te Wai ā-moe) e questo periodo di accresciuta agitazione vulcanica continua fino ad oggi, ha osservato Geoff Kilgour, vulcanologo di GNS Duty.1

Nell’ultima settimana, il livello del tremore vulcanico è variato, con scoppi di forte tremore intervallati da brevi periodi di tremore più debole. Questo rappresenta un cambiamento di carattere nel tremore e i processi di guida rimangono poco chiari, ha detto Kilgour.

Gli ultimi tre giorni hanno visto la temperatura di Crater Lake salire a 38°C (100,4°F) dopo un periodo di quattro settimane a 36-37°C (96,8-98,6°F) – la modellazione suggerisce che per mantenere la temperatura del lago e un leggero aumento richiede ~200-300 MW.

A causa dell’intensa agitazione vulcanica, il personale di GNS Science sta effettuando misurazioni aeree di gas più frequenti e campionamenti di Crater Lake.

Un volo di misurazione del gas il 28 aprile ha registrato il sesto flusso più alto di anidride solforosa (SO2) di 390 tonnellate al giorno dal 2003. L’SO2 è un forte gas indicatore ed è derivato da un corpo di magma relativamente poco profondo, che si ritiene esista attualmente in pochi chilometri sotto Crater Lake. Ulteriori voli a gas saranno effettuati quando le condizioni meteorologiche saranno idonee.

« La scorsa settimana è stato condotto anche il campionamento di Crater Lake e durante quella visita, i nostri scienziati hanno osservato la risalita del Central Vent e la riduzione della risalita nell’area delle bocche settentrionali. Durante le recenti visite, la risalita attiva è stata osservata solo alle bocche settentrionali. È importante notare che lo sfiato centrale è lo sfiato principale, mentre gli sfiati settentrionali sono un sistema di sfiato sussidiario. In precedenza avevamo ipotizzato che lo sfiato centrale fosse sigillato, bloccando il flusso principale di fluidi e gas in Crater Lake, tuttavia, questo sfiato ora sembra essere almeno parzialmente aperto. »

Geoff Kilgour, vulcanologo

L’analisi di laboratorio degli ultimi campioni di fluidi e gas di Crater Lake, che mostrerà se il magma sta interagendo con il sistema idrotermale sotto il lago, non è ancora terminata.

Il flusso di SO2, la CO2 sostenuta e il continuo forte tremore vulcanico, continuano a indicare che la roccia fusa (magma) sta guidando questo periodo di accresciuta agitazione. L’aumento della temperatura del Crater Lake sta riflettendo la crescente risalita di fluidi e gas caldi attraverso Central Vent e le prese d’aria settentrionali.

Entro le prossime quattro settimane, l’esito più probabile di questo episodio di agitazione non sarà un’eruzione, o un’eruzione minore confinata al bacino del lago, ha detto Kilgour.

Piccole eruzioni sono ancora in grado di generare lahar, specialmente nel fiume Whangaehu.

Lo scenario successivo più probabile è un’eruzione che colpisce l’altopiano sommitale e genera lahar in più bacini, simili a quanto visto dopo l’eruzione del settembre 2007 o eventi precedenti come quelli del 1975 e del 1969.

La possibilità di un episodio eruttivo prolungato o di un’eruzione più ampia, come quella avvenuta nel 1995-96 con impatti di caduta di cenere più ampi, è maggiore rispetto a due mesi fa, ma rimane molto improbabile. Una tale eruzione molto probabilmente seguirebbe solo una sequenza di eruzioni più piccole.

L’interpretazione di questa attività è coerente con un’elevata agitazione vulcanica al livello elevato e quindi il livello di allerta vulcanica rimane al livello 2 e il codice colore dell’aviazione rimane al giallo.


Image credit: Copernicus EU/Sentinel-2, TW

Image credit: Copernicus EU/Sentinel-2, TW
Riassunto geologico

Ruapehu, uno dei vulcani più attivi della Nuova Zelanda, è uno stratovulcano complesso costruito durante almeno quattro episodi di costruzione di coni risalenti a circa 200.000 anni fa.

Il massiccio vulcanico prevalentemente andesitico di 110 km3 (26,4 mi3) è allungato in direzione NNE-SSW e circondato da altri 100 km3 (24 mi3) di pianura ad anello di detriti vulcanici, compreso il deposito di detriti e valanghe di Murimoto sul versante NW.

Una serie di eruzioni subpliniane si è verificata tra circa 22.600 e 10.000 anni fa, ma i flussi piroclastici sono stati rari. Una singola bocca storicamente attiva, Crater Lake, si trova nell’ampia regione sommitale, ma almeno altre cinque bocche sulla sommità e sul fianco sono state attive durante l’Olocene.

Frequenti eruzioni esplosive da lievi a moderate si sono verificate in epoca storica dalla bocca del Crater Lake e le caratteristiche della tefra suggeriscono che il lago del cratere potrebbe essersi formato già 3.000 anni fa. I lahar prodotti dalle eruzioni freatiche del lago del cratere sommitale rappresentano un pericolo per un comprensorio sciistico sui versanti superiori e per le valli fluviali inferiori.2

Riferimenti:
  • 1 I disordini vulcanici continuano a Mt Ruapehu, segnati da una maggiore produzione di gas vulcanico e da un forte tremore vulcanico: il livello di allerta vulcanica rimane al livello 2 – GeoNet – 2 maggio 2022
  • 2 Ruapehu – Riassunto geologico – GVP

Forti tempeste nelle pianure: grandinate, raffiche di vento dannose e tornado previsti, Stati Uniti


Credito immagine: WPC/SPC/NHC

Source: Monday, May 2, 2022; articolo di The Watchers

Si prevede che dal lunedì pomeriggio alla sera si svilupperanno forti tempeste sulle pianure centrali e meridionali negli Ozarks, aumentando la minaccia di grandinate, raffiche di vento dannose e tornado.

Un’ondata di bassa pressione sulle alte pianure centro-meridionali lunedì 2 maggio 2022 si sposterà verso est verso il Medio Atlantico settentrionale entro mercoledì 4 maggio. Inoltre, l’umidità dal Golfo del Messico occidentale si sposterà verso nord sopra il Pianure meridionali/centrali, nota NWS Ziegenfelder.1

Il confine e l’umidità associati aiuteranno a destabilizzare l’atmosfera producendo acquazzoni e temporali dalle Alte Pianure centrali alle Pianure meridionali.

Pertanto, l’SPC ha emesso un aumento del rischio di forti temporali su parti delle pianure centro-meridionali fino a martedì mattina, 3 maggio.

I rischi associati a questi temporali sono frequenti fulmini, forti raffiche di vento temporalesco, grandine e alcuni tornado.

Inoltre, esiste un rischio maggiore di tornado da EF2 a EF5 e grandine di grandi dimensioni, 5cm (2in) o superiore nell’area.

Inoltre, la minaccia di precipitazioni eccessive aumenta su parti delle pianure centro/meridionali e della valle del Mississippi medio/inferiore fino a martedì mattina.

Pertanto, il WPC ha emesso un leggero rischio di precipitazioni eccessive su parti delle pianure centrali/meridionali e della valle del Mississippi medio/inferiore fino a martedì mattina.

Le forti piogge associate creeranno principalmente aree localizzate di inondazioni improvvise, con le aree urbane, le strade e i piccoli corsi d’acqua che saranno i più vulnerabili.

Inoltre, l’energia di livello superiore associata al sistema aiuterà a produrre neve leggera su parti delle Central Rockies e neve/pioggia sulle pianure centrali.

Inoltre, l’alta pressione fredda si accumulerà sulla scia del sistema, consentendo alle temperature di diventare da 5 a 14°C (da 10 a 25°F) al di sotto della media nelle pianure settentrionali/centrali e nell’alta valle del Mississippi.

Martedì, mentre il fronte si sposta verso est, la minaccia di forti temporali si sposta verso est nella valle dell’Ohio. Davanti al fronte, l’umidità scorrerà nella valle dell’Ohio, contribuendo a destabilizzare l’atmosfera.

Pertanto, l’SPC ha emesso un leggero rischio di forti temporali su parti della Ohio Valley da martedì a mercoledì mattina. I rischi associati a questi temporali sono frequenti fulmini, forti raffiche di vento temporalesco, grandine e alcuni tornado.

Inoltre, a questi temporali saranno associate piogge da moderate a intense e le tempeste si abbatteranno su aree sensibili alle precipitazioni eccessive.

Pertanto, il WPC ha emesso un rischio marginale di precipitazioni eccessive sulle parti dei Lower Great Lakes negli Appalachi centrali da martedì a mercoledì mattina.

La forte pioggia associata creerà aree localizzate di inondazioni improvvise, colpendo le aree che subiscono un rapido deflusso con forti piogge.

Riferimenti:

Piogge eccezionalmente intense colpiscono la Guadalupa, provocando inondazioni e smottamenti mortali


Credito immagine: NOAA/GOES-Est

Source: Monday, May 2, 2022; articolo di The Watchers

Dal 30 aprile 2022 forti piogge hanno colpito l’isola caraibica della Guadalupa, provocando inondazioni e smottamenti mortali.

In sole 12 ore, il 30 aprile, parti dell’isola hanno ricevuto più di 300mm (11,8in) di pioggia mentre l’aeroporto di Pointe-à-Pitre ha registrato 312,4mm (12,3in) in 24 ore, superando l’episodio di maltempo del 7 maggio , 2012, quando sono stati registrati 237,9mm (9,3in) di pioggia.

Meteo France ha affermato che le precipitazioni in alcuni luoghi hanno superato di gran lunga quelle registrate durante il passaggio dell’uragano “Lenny” nel novembre 1999.

Almeno 2 persone hanno perso la vita, una a Le Gosier Town e un’altra a Les Abymes City. Una persona è ancora scomparsa.

Diverse strade sono state chiuse e sono state segnalate numerose interruzioni di corrente in tutta l’isola di Grande-Terre.


Una forte tempesta di polvere inghiotte parti dell’Iraq


Tempesta di polvere sull’Iraq il 1 maggio 2022. Credit: NOAA-20/VIIRS

Source: Monday, May 2, 2022; articolo di The Watchers

Grandi tempeste di polvere hanno colpito gran parte dell’Iraq, inclusa la capitale Baghdad, il 1 e 2 maggio 2022, tingendo di arancione i cieli del Paese.

La tempesta che ha colpito Baghdad il 1 maggio è descritta come una delle più forti degli ultimi decenni.

La visibilità in molte parti del paese è stata ridotta a meno di 500m (1640ft), facendo atterrare i voli negli aeroporti di Baghdad e Najaf.

Almeno 63 persone a Najaf che soffrivano di problemi respiratori sono state ricoverate negli ospedali e altre 30 nella provincia di Anbar.


Tempesta di polvere sull’Iraq il 1 maggio 2022. Credito: NOAA-20/VIIRS

Tempesta di polvere sull’Iraq il 1 maggio 2022. Credito: NASA Aqua/MODIS

Grande rottura della superficie identificata dopo che il terremoto di M5.1 ha colpito la Carolina del Nord, il più grande in quasi 100 anni


Credito immagine: Paula M. Figueiredo et al. / The Geological Society of America

Source: Monday, May 2, 2022; articolo di The Watchers

Una rottura co-sismica della superficie è stata identificata lungo una zona tracciabile lunga 2 km (1,2 miglia) dopo che il terremoto di M5.1 ha colpito la Carolina del Nord nel 2020, il più grande a colpire lo stato in quasi 100 anni.

La rottura ha messo in luce una faglia terrestre precedentemente sconosciuta, che rappresenta il primo terremoto di rottura superficiale documentato negli Stati Uniti orientali.

Il terremoto ha colpito alle 08:07 EDT (12:07 UTC) del 9 agosto 2020, a circa 3 km (1,8 mi) a sud di Sparta, nella Carolina del Nord, ed è stato avvertito in gran parte degli Stati Uniti orientali. Questo è il più grande terremoto che ha colpito la Carolina del Nord in quasi 100 anni e il più grande negli Stati Uniti orientali dal terremoto del 2011 Mw 5.8 Mineral, in Virginia.

Sebbene i terremoti nella Carolina del Nord non siano insoliti, specialmente vicino alla catena montuosa degli Appalachi, questo terremoto è stato unico in quanto è stato un evento poco profondo che ha causato la rottura della superficie del suolo su una linea di faglia precedentemente sconosciuta.

In particolare, il terremoto ha generato la prima rottura cosismica della superficie documentata per faglia negli Stati Uniti orientali.


Figura 1. Posizione, sequenza sismica e interferogramma radar interferometrico ad apertura sintetica per il terremoto di Sparta. (A) Interferogramma di fase non avvolto che si sovrappone a un modello di ombra derivato dal lidar con la rottura della superficie principale (linea nera) e sismicità strumentale di agosto 2020-febbraio 2021 (cerchi; catalogo USGS). Lineamento topografico segnato da frecce marroni. Posizione della figura 2 indicata dal rettangolo bianco tratteggiato. La linea P–P’ indica il piano di proiezione per la sismicità. (B) Soluzione del meccanismo focale (Horton et al., 2021). (C) Proiezione della sequenza sismica (catalogo USGS) in un piano con azimut N20°. (D) Luogo del terremoto (rosso) nel Nord America orientale, con delineata la Carolina del Nord. LOS: linea di vista; CERI—Centro per la ricerca e l’informazione sui terremoti, Università di Memphis; SLEUC—Centro Terremoto della Saint Louis University. Credito: GSA

La rottura co-sismica della superficie è stata identificata lungo una zona tracciabile lunga 2km (1,2mi) di spostamento prevalentemente inverso, con piegature e flessioni che hanno generato una scarpata alta in media da 8 a 10cm (3-3,9in) con un’altezza massima osservata di circa 25cm (9,8in), hanno affermato gli autori dello studio pubblicato il mese scorso su The Geological Society of America.

« La deformazione diffusa a sud della rottura della superficie principale include fessure lunghe cm-dm e larghe mm-cm. Due trincee scavate attraverso la rottura della superficie rivelano che questo terremoto si è propagato in superficie lungo una struttura preesistente nel substrato roccioso poco profondo, che non era stata precedentemente identificata come faglia attiva. »

The Geological Society of America

Le rotture della superficie per faglia sono raramente segnalate per terremoti di magnitudo inferiore a 6, e quindi il terremoto di Sparta offre l’opportunità di migliorare la conoscenza del rischio sismico associato a questi eventi moderati.


Figura 2. Rottura cosismica della superficie principale lungo la faglia del Little River appena identificata. (A) Principali rotture della superficie e del suolo, posizioni dei monumenti geodetici spostati e sequenza dei terremoti. Carta topografica sovrapposta al modello digitale di elevazione (DEM) e all’ombra. Le linee tratteggiate bianche indicano le sezioni di rottura superficiale (A–D) descritte nel testo. Lo stereogramma mostra gli orientamenti del meccanismo focale (verde), del difetto misurato (rosso) e della foliazione (blu). Posizione di 2A fornita dall’inserto nella Figura 1A. (B e C) Il parco industriale di Greenway Drive, le immagini dei sistemi aerei senza equipaggio (UAS) in B sono ricoperte da UAS-DEM con i profili topografici TP1 e TP2 (linee blu) lungo la rottura della superficie. Il rettangolo rosso è l’area interna di (C), dove le frecce evidenziano la traccia di rottura della superficie. (D) Profili topografici TP1 e TP2 (VE = 10 ×) estratti da UAS-DEM. (E e F) Rivers Edge Road, le immagini UAS in E sono sovrastate da UAS-DEM e includono la posizione della linea di profilo radar a penetrazione del suolo 02 presentata nella Figura 3G. Le frecce in (F) evidenziano la rottura della superficie che attraversa il campo. Credito: GSA

Inoltre, questo terremoto si è verificato in un ambiente intraplacca con velocità di deformazione molto bassa, dove la deformazione della superficie del terremoto, indipendentemente dalla magnitudo, è scarsa nel tempo e rara da osservare e caratterizzare.

Il terremoto in superficie Mw 5.1 Sparta si è verificato su una struttura precedentemente sconosciuta che colpiva il WNW, ora chiamata faglia del Little River (Hill et al., 2020). L’evento principale ha generato picchi di accelerazione del suolo di almeno 0,2 g con un MMI di VI-VII a Sparta.

Strade, linee di servizio e strutture in muratura sono state danneggiate, compreso il crollo di muri e camini e la rottura e lo spostamento delle fondamenta, costringendo il governatore della Carolina del Nord a dichiarare lo stato di emergenza locale e l’Assemblea generale della Carolina del Nord a fornire 24 milioni di dollari per la ricostruzione post-terremoto.

Fortunatamente non ci sono state vittime o danni significativi alle grandi infrastrutture.

L’ipocentro dello shock principale e il meccanismo focale sono stati stimati indipendentemente da diversi gruppi.

Ortone et al. (2021) presso il Center for Earthquake Research and Information, University of Memphis (CERI), ha calcolato un meccanismo focale del primo movimento coerente con un piano nodale di immersione di 60° SW che colpisce N108°, con un’inclinazione di 24° (Fig. 1B). ) e una profondità del centroide più adatta di 0,6km (0,4mi) basata sulla modellazione di forme d’onda regionali e una posizione dell’epicentro (36,488° N, 81,106° W) utilizzando una procedura di ricerca della griglia.

Il Saint Louis University Earthquake Center ha calcolato una profondità del baricentro di 1km (0,6mi) con un piano nodale N115°, 50° SW e un’inclinazione di 40° sulla base della modellazione più adatta delle forme d’onda regionali (SLUEC, 2020).

Analisi di SLUEC (2020) e Horton et al. (2021) producono risultati simili coerenti con una rottura inversa laterale sinistra poco profonda (<1 km / 0,6 mi) su un piano di immersione SW.

Questi risultati, tuttavia, differiscono dalla soluzione USGS preferita, che pone l’evento più in profondità (4,1 ± 1,8 km / 2,5 ± 1,1 mi), con un piano nodale che colpisce N176°, 48° W e un’inclinazione di 136°.

La sequenza del terremoto è iniziata con otto scosse di assestamento con 1,8–2,6Mw durante le 24 ore prima della scossa principale, seguite da almeno 300 scosse di assestamento nei sei mesi successivi, la più grande è stata una 2,9Mw l’11 agosto.

La sequenza della scossa di assestamento è stata registrata principalmente con un array sismico a banda larga in tempo reale installato dal CERI 48 ore dopo la scossa principale.

La maggior parte delle scosse di assestamento erano Mw <1,5, meno profonde di 3 km (1,8 mi) e distribuite su un’area ellittica di 40 km2 (15 mi2) con il suo asse maggiore che tendeva da NW a WNW (catalogo USGS agosto-febbraio 2021).

Riferimento:
  • “The Mw 5.1, 9 August 2020, Sparta Earthquake, North Carolina: The First Documented Seismic Surface Ropture in the Eastern United States” – Paula M. Figueiredo et al. – The Geological Society of America, 2022 – https://doi.org/10.1130/GSATG517A.1 – OPEN ACCESS

Credito immagine copertina: terremoto etneo del 26 dicembre 2018 https://ingvterremoti.com/

I TEMPI FREDDI stanno tornando, le medie latitudini si stanno stanno stanno RAFFREDDANDO in linea con la grande congiunzione, l’attività solare storicamente bassa, i raggi cosmici che nucleano le nuvole e una corrente a getto meridionale (tra le altre forzature).

Sia il NOAA che la NASA sembrano concordare, se si legge tra le righe, con NOAA che afferma che stiamo entrando in un grande minimo solare ‘in piena regola’ alla fine del 2020, e la NASA vede questo prossimo ciclo solare (25) come “il più debole degli ultimi 200 anni“, con i precedenti spegnimenti solari periodi prolungati di raffreddamento globale qui.

Inoltre, non possiamo ignorare la moltitudine di nuovi articoli scientifici che affermano l’immenso impatto che il Beaufort Gyre potrebbe avere sulla Corrente del Golfo, e quindi sul clima in generale.


I canali dei social media stanno limitando la di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo che mostra gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

NON CI SONO COMPLOTTI

CI SONO PERSONE E FATTI

DOCUMENTATI


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: