Le basse temperature persistono nella maggior parte dell’Europa

Source: May 6, 2022; by Cap Allon

  • Tutta la Finlandia scende sotto lo zero, perché il freddo anomalo persiste in Europa;
  • I campi rimangono non piantati sull’isola di Vancouver, un’immagine simile in tutto il Nord America;
  • Il rapporto settimanale sull’attività vulcanica: 27 aprile – 3 maggio 2022;
  • Beni di emergenza per gli afgani colpiti dalle inondazioni

Tutta la Finlandia scende sotto lo zero…

Sarà anche maggio, ma le temperature insolitamente basse persistono nella maggior parte dell’Europa.

Mercoledì 4 maggio, l’intera Finlandia è scesa sotto lo zero, un’impresa rara per il quinto mese dell’anno.

Anche i record sono stati uccisi: il centro turistico di Saariselkä, ad esempio, ha registrato -15,3°C (4,4°F), un nuovo minimo storico per maggio.

…Perché il freddo anomalo persiste in Europa

Il gelo di inizio maggio in Europa sta inseguendo quello che è stato un aprile anormalmente freddo.

Aggiungendo alle nazioni evidenziate nell’articolo di ieri, di seguito sono riportati i dati per Germania, Slovacchia, Ungheria e Polonia.

A partire dalla Germania, aprile 2022 ha avuto una temperatura media di soli 7,8°C, ovvero -1,2°C al di sotto della media multidecennale.

Anche la vicina Slovacchia ha subito un aprile molto freddo, registrando un’anomalia di temperatura negativa di -2,1°C:

Anche aprile 2022 in Ungheria è stato eccezionalmente freddo. La temperatura media della nazione era di 9,4°C, 2°C al di sotto della norma.

Ciò ha reso due aprile consecutivi con una temperatura media inferiore a 10 °C: l’ultima volta che si è verificata è stata nel 1981-82. Per tutto aprile sono prevalse gelate ricorrenti, che hanno ostacolato gli sforzi di impianto, e ha nevicato anche nelle pianure ungheresi, cosa rara.

E infine -per ora- anche la Polonia ha sofferto un aprile molto freddo.

L’anomalia della temperatura è terminata a 1,97°C al di sotto della norma multidecennale:


I campi rimangono non piantati sull’isola di Vancouver…

Molti campi in tutta l’isola di Vancouver rimangono impregnati d’acqua e non piantati.

“È stata sicuramente una primavera piovosa. Umida e fredda”, ha affermato Brian McCormick della Clever Crow Farm a Black Creek.

“Abbiamo già avuto primavere fredde e umide”, ha continuato McCormick, “ma sono sempre riuscito a ottenere un paio di giorni in cui posso fare un po’ di preparazione, ma quest’anno non sono stato in grado di fare qualsiasi cosa.”

Nella vicina Courtenay, i raccolti di bacche di Gerry McClintock sono in ritardo di alcune settimane, mentre la sua attività principale, 180 bufali d’acqua sono ancora rinchiusi nei fienili. Avrebbero dovuto essere nei campi d’erba molto tempo fa, si lamentò McClintock.

“Ho coltivato per 34 anni e non riesco a ricordare in nessun momento che sia stato così umido e freddo per così tanto tempo”, ha detto McClintock. “A causa del tempo, siamo senza mangime, quindi stiamo acquistando mangime e siamo quasi senza biancheria da letto, quindi sì, non è stata la primavera più bella”.

Anche l’uva soffre molto. Layne Robert Craig, co-proprietario di 40 Knot Winery vicino a Comox, ha detto che le sue viti stanno iniziando a germogliare solo ora, settimane in ritardo. Ad aggravare il problema, la maggior parte degli agricoltori non è stata nemmeno in grado di fertilizzare questa primavera a causa della carenza globale (ne parleremo più avanti).

…Un’immagine simile in tutto il Nord America

Questa è la storia che si svolge in Canada e negli Stati Uniti, e in effetti in gran parte del pianeta.

Approfondendo le cifre degli Stati Uniti, ci sono NOVE materie prime di cereali e semi oleosi con titoli finali ristretti.

“Questo è davvero storico”, ha twittato il broker di materie prime @naomiblohm, che ha aggiunto che “è necessario un raccolto eccezionale per mais, soia, grano, avena, cotone, colza, sorgo e orzo” per recuperare le scorte:

Sfortunatamente, i ritardi nella semina stanno aumentando in molti stati di produzione chiave (vedi mappa sotto).

C’è ancora speranza che si possa piantare abbastanza mais, ad esempio, ma ogni giorno che passa “senza piante” il potenziale di resa viene influenzato negativamente. E resiste, se i semi non sono in campo entro la terza settimana di maggio, è tutto tranne che la fine del gioco.

A questi crescenti ritardi nella semina si aggiunge la mancanza di input per gli agricoltori: semplicemente non ci sono. Sono fertilizzanti, pesticidi ed erbicidi. Azoto, fosforo e potassio (fertilizzanti) sono fondamentali per la produzione di cibo. Senza di loro la resa è fortemente ridotta. Allo stesso modo con erbicidi/pesticidi, senza questi input la nostra moderna agricoltura chimica-dipendente è destinata a fallire. Risultato: scarsità di cibo e rischio di carestia.

Usa questo fine settimana per riprenderti la sicurezza alimentare della tua famiglia.

Getta alcuni semi nel terreno e inizia a ottenere il tuo stesso raccolto. Adesso. Semi di cimelio, buon terreno, acqua… e tempo: non lasciare che quest’ultimo sia la tua rovina. Inizia a piantare prima che il sistema crolli, prima che le tessere annonarie digitali vengano emesse, prima che ti portino sopra un barile e sottraggono tutte le libertà che hai lasciato in cambio di una pagnotta.


Il rapporto settimanale sull’attività vulcanica: 27 aprile – 3 maggio 2022

https://watchers.news/2022/05/06/the-weekly-volcanic-activity-report-april-27-may-3-2022/


Beni di emergenza per gli afgani colpiti dalle inondazioni


Il primo ministro Shehbaz Sharif. — File AFP

May 05, 2022; by TheNews

ISLAMABAD: giovedì il primo ministro Shehbaz Sharif ha annunciato di inviare beni di soccorso di emergenza alle vittime colpite dalle gravi inondazioni in Afghanistan.

Esprimendo solidarietà alle persone che stanno affrontando la devastazione, il premier Shehbaz ha dichiarato: “Siamo con il popolo afgano in questo momento difficile e forniremo loro tutta l’assistenza possibile”.

Il premier ha espresso dolore per la perdita di vite preziose a causa delle inondazioni in 10 province dell’Afghanistan e ha invitato la comunità internazionale a farsi avanti e fornire assistenza di emergenza al popolo afgano a seguito delle devastanti inondazioni.

Il primo ministro ha esortato l’Organizzazione per la cooperazione islamica (OIC) a intensificare i suoi sforzi per assistere il popolo afgano colpito attraverso l’Afghan Humanitarian Trust Forum.

Il primo ministro Shehbaz Sharif ha affermato che le inondazioni potrebbero peggiorare la situazione della crisi umanitaria in corso nel paese, sottolineando che se non si interviene tempestivamente, c’è il pericolo di un aumento delle vittime.

Ha affermato che la comunità internazionale, in particolare le Nazioni Unite, dovrebbero lanciare un programma per aiutare il popolo afghano fornendo cibo, assistenza medica e riparo agli sfollati.

Il primo ministro Shehbaz ha pregato per la pazienza delle famiglie che hanno perso i loro cari durante l’alluvione. 

Diversi morti per inondazione 

Secondo i resoconti dei media afgani, quasi 20 persone sono morte a causa delle inondazioni negli ultimi giorni.

Il viceministro per la gestione dei disastri naturali, Mawlawi Sharafuddin Muslim, in una dichiarazione, ha affermato che l’alluvione ha lasciato dozzine di case distrutte e ha causato la perdita di circa 100 capi di bestiame.

“Abbiamo 18-20 morti e 30 feriti a causa delle inondazioni. Due persone sono scomparse. Più di 100 capi di bestiame sono andati perduti e 100 residenze sono state distrutte”, ha affermato.

A seguito di forti piogge, le inondazioni hanno colpito le province di Kandahar, Helmand, Herat, Badakhshan, Takhar, Parwan, Kunduz, Maidan Wardak, Baghlan, Faryab e Jawzjan.

Tuttavia, Baghlan, Parwan e Badghis sono state le tre province più gravemente colpite dalle recenti inondazioni.


I TEMPI FREDDI stanno tornando, le medie latitudini si stanno stanno stanno RAFFREDDANDO in linea con la grande congiunzione, l’attività solare storicamente bassa, i raggi cosmici che nucleano le nuvole e una corrente a getto meridionale (tra le altre forzature).

Sia il NOAA che la NASA sembrano concordare, se si legge tra le righe, con NOAA che afferma che stiamo entrando in un grande minimo solare ‘in piena regola’ alla fine del 2020, e la NASA vede questo prossimo ciclo solare (25) come “il più debole degli ultimi 200 anni“, con i precedenti spegnimenti solari periodi prolungati di raffreddamento globale qui.

Inoltre, non possiamo ignorare la moltitudine di nuovi articoli scientifici che affermano l’immenso impatto che il Beaufort Gyre potrebbe avere sulla Corrente del Golfo, e quindi sul clima in generale.


I canali dei social media stanno limitando la di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo che mostra gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

NON CI SONO COMPLOTTI

CI SONO PERSONE E FATTI

DOCUMENTATI


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: