Delta del Danubio: Canale Sulina Limitato al Traffico

Source: May 12, 2022; by Cap Allon

  • La primavera fredda tiene a bada le zanzare in Nord Dakota – Per ora;
  • Il raccolto di mais è già andato;
  • “Blue Blob” ha fermato lo scioglimento tra Islanda e Groenlandia;
  • Il canale Sulina limitato al traffico

La primavera fredda tiene a bada le zanzare in Nord Dakota – Per ora

L’aprile 2022 a Fargo, N.D., ha registrato precipitazioni quasi record, che hanno portato a inondazioni significative e un freddo record.

I fiumi straripati e le inondazioni via terra possono diventare un terreno fertile per le zanzare ma grazie alle basse temperature persistenti e, a volte, senza precedenti, la schiusa delle larve di zanzara è stata ritardata.

Le prossime settimane sono fondamentali per l’evoluzione della stagione delle zanzare, spiega Ben Prather, direttore del controllo vettoriale della contea di Cass. Se l’andamento del tempo piovoso continua durante il riscaldamento estivo, le zanzare potrebbero diventare un problema.

Guardando le classifiche, però, quel riscaldamento potrebbe essere ancora un po’ a riposo:

GFS 2m Temperature Anomalies (C) May 17 – May 24 [tropicaltidbits.com].

Il raccolto di mais è già andato

È improbabile che i coltivatori di mais in gran parte degli Stati Uniti ottengano rendimenti elevati quest’anno perché la loro semina è stata ritardata in modo significativo dal freddo e dalla pioggia, secondo un agronomo della Iowa State University.

L’impatto di tale ritardo dipenderà fortemente dai progressi degli agricoltori nei prossimi 10-14 giorni. Se il tempo non funziona (cosa che, stando alla tabella sopra, non sembra che lo farà), allora è tutto finito per il mais americano.

Mark Licht, uno specialista dei sistemi di coltura ISU Extension che studia le tendenze della resa, ritiene che gli attuali ritardi abbiano già ridotto le rese: “Penso che ne abbiamo già preso il massimo. Quanto è ancora da definire”.

All’inizio di questa settimana, la semina del mais in tutto lo stato era di circa due settimane indietro rispetto alla media quinquennale, il ritmo di semina più lento dal 2013, ha affermato Greg Thessen, direttore del National Statistical Service dell’USDA per l’Upper Midwest.

Solo il 14% dei semi di mais era nel terreno fino a domenica, grazie alle piogge persistenti da metà aprile e alle basse temperature del suolo, rispetto alla media del 63%. Il terreno deve avere una media di circa 50F per una corretta germinazione, ma abbiamo ancora molte regioni che devono fare i conti con forti gelate.

I migliori raccolti di mais vengono piantati prima di metà maggio e questo è tutto tranne che la partita se la semina si spinge a giugno.


“Blue Blob” ha fermato lo scioglimento tra Islanda e Groenlandia

Abbiamo già discusso del “blue blob”, ma un nuovo studio pubblicato su Geophysical Research Letters aggiunge supporto all’idea che i ghiacciai islandesi e groenlandesi abbiano smesso di sciogliersi a causa di una massa di acqua fredda nel Nord Atlantico.

La zona fredda, scoperta appena a sud dell’Islanda e della Groenlandia, si sta ancora rivelando un mistero per gli scienziati, molto probabilmente perché il fenomeno va contro tutte le idee tradizionali preconcette di un pianeta che si riscalda linearmente.

Ci sono molte teorie che circolano, alcune che tentano persino di collegare la massa a fattori antropogenici, come un documento del 2020 che suggerisce che le attività dell’uomo hanno portato alla formazione di nubi di basso livello sulla regione che deviano la luce solare. La teoria che contiene più acqua per me, tuttavia, è che la circolazione ribaltante meridionale atlantica sia in stallo. L ‘”AMOC” trasporta il calore verso nord dai tropici e il suo collasso è considerato la principale forzatura che fa precipitare la Terra nelle ere glaciali.

Negli ultimi dieci anni, la “macchia blu” ha raffreddato le temperature della superficie del mare nella regione a circa 1,4 °C al di sotto del normale. Di conseguenza, Brice Noël, autore principale del nuovo studio e post-dottorato presso l’Institute for Marine and Atmospheric Research di Utrecht, ha affermato che lui e il suo team di ricerca hanno scoperto che il tasso di perdita è drasticamente rallentato dal 2011 e persino invertito .

Il blue blob è molto insolito e non segue gli standard stabiliti dalla scienza odierna guidata dall’AGW in cui il riscaldamento catastrofico infetta ogni linea di pensiero e indagine. Un aumento della temperatura globale di 1°C nell’ultimo secolo è un dato comunemente accettato, ma la temperatura del blob è scesa di circa 0,9°C e nessuno può (o non osa) spiegare completamente il motivo.

E mentre la narrativa mainstream accetta che la perdita di ghiaccio nell’area si sia effettivamente fermata, o almeno rallentata, la dipinge come una ‘pausa’ temporanea piuttosto che come un’inversione: “… mostra davvero che hai queste interazioni tra terra, ghiaccio, atmosfera e oceano”, ha continuato Noël, “… tutti questi combinati possono creare una sorta di meccanismo di feedback che sta rallentando la perdita di massa, ma sfortunatamente solo per un momento temporaneo”.

Tenendo conto delle osservazioni satellitari e del lavoro sul campo, lo studio di Noël vede effettivamente un’inversione completa del bilancio di massa superficiale (SMB) entro la fine degli anni ’40, dalla perdita di ghiaccio all’aumento di ghiaccio; tuttavia, questo non durerà a lungo: si prevede che la “terribile cottura alla griglia di terra-firma” tornerà con una vendetta entro la metà degli anni ’50. Noël e ​​il suo team hanno concluso che quando il blob smetterà di raffreddarsi, la velocità di scioglimento del ghiaccio diventerà ancora più veloce… beh, in quale altro modo pensi che abbiano pubblicato il loro articolo…?


Il canale Sulina limitato al traffico

L’agenzia che sovrintende alle operazioni lungo il canale chiave del Mar Nero ha fermato le navi in ​​movimento verso i porti ucraini e rumeni di Reni, Izmail o Giurgiulesti in mezzo a un enorme arretrato, aumentando ulteriormente il caos della catena di approvvigionamento globale.

Il canale di Sulina è emerso come un anello chiave nella catena di approvvigionamento che sposta i prodotti agricoli ucraini attraverso il fiume Danubio verso le strutture di esportazione del Mar Nero e di conseguenza ha registrato un notevole aumento dell’attività.

Come riportato da agricensus.com, ciò ha costretto gli amministratori del canale a limitare l’ingresso delle navi nel canale per evitare ulteriori code.

“L’amministrazione Sulina ha deciso nella riunione di ieri di non consentire più di tre navi in ​​attesa in rada al miglio nautico 36, altre tre al miglio nautico 44, tre in via Reni e due in via Giurgiulesti”, si legge in una nota vista da Agricensus .

“Al fine di evitare blocchi, le navi in ​​direzione Reni/Giurgiulesti non entreranno nel canale di Sulina fino a quando queste aree non saranno sgombre; lo stesso sarà applicato al porto di Izmail”, continua la nota, aggiungendo che una sezione ha già quattro navi in ​​attesa di essere trattate e che non saranno ammesse navi aggiuntive fino a quando il numero non scenderà al di sotto di tre – nel momento in cui scriviamo, la nave il servizio di monitoraggio Marine Traffic mostra che ci sono circa 70 navi in ​​attesa della riapertura dell’ingresso.

Il canale Sulina collega i porti ucraini e rumeni poco profondi con il Mar Nero. Non era pronto per il forte aumento dei flussi di prodotti in seguito al blocco dei porti d’altura da parte della Russia, in parte a causa della mancanza di lavoratori che elaborano l’aumento del traffico.

La congestione arriva anche in mezzo a una continua restrizione dei carri di grano che si spostano nel porto di Reni su rotaia, continua l’articolo di agricensus.com, e si verificano situazioni in cui una nave è già arrivata in porto ma il grano che si aspetta di caricare non è ancora raggiunto il terminal, provocando ancora più ritardi.

Il presidente ucraino, Volodymyr Zelenskyy –che tra l’altro mi rifiuto di adorare l’eroe, sapendo molto poco del ragazzo– ha nuovamente esortato la comunità internazionale a fermare il blocco russo dei porti marittimi profondi dell’Ucraina adducendo la minaccia all’approvvigionamento alimentare mondiale. Ma, almeno per me, queste sono solo chiacchiere. Sembrano volere un collasso. Lo devono fare. Non c’è modo in cui TPTB possa essere così incompetente e avere una previdenza così scarsa: una mancanza di lavoratori sul canale chiave di Sulina? Nessun aumento della produzione agricola per contrastare, ad esempio, la carenza di fertilizzanti? Nessun aumento delle forniture di energia domestica? O aumento della superficie coltivata? Questo è un incidente d’auto al rallentatore, ma come al solito, le masse sono cieche ma saranno quelle che pagheranno il prezzo più alto.

Electroverse


I TEMPI FREDDI stanno tornando, le medie latitudini si stanno stanno stanno RAFFREDDANDO in linea con la grande congiunzione, l’attività solare storicamente bassa, i raggi cosmici che nucleano le nuvole e una corrente a getto meridionale (tra le altre forzature).

Sia il NOAA che la NASA sembrano concordare, se si legge tra le righe, con NOAA che afferma che stiamo entrando in un grande minimo solare ‘in piena regola’ alla fine del 2020, e la NASA vede questo prossimo ciclo solare (25) come “il più debole degli ultimi 200 anni“, con i precedenti spegnimenti solari periodi prolungati di raffreddamento globale qui.

Inoltre, non possiamo ignorare la moltitudine di nuovi articoli scientifici che affermano l’immenso impatto che il Beaufort Gyre potrebbe avere sulla Corrente del Golfo, e quindi sul clima in generale.


I canali dei social media stanno limitando la di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo che mostra gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

NON CI SONO COMPLOTTI

CI SONO PERSONE E FATTI

DOCUMENTATI


Una opinione su "Delta del Danubio: Canale Sulina Limitato al Traffico"

  1. qua già si comincia a parlare di estate bollente, per ora è ancora vivibile, speriamo bene. Soprattutto la siccità è un problema, e lo sarà se non piove a breve, l’estate è ormai dietro l’angolo…

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: