Il ritorno de La Niña

Source: May 13, 2022; by Cap Allon

  • L’aprile più freddo di Porto Rico dal 1991;
  • La Nuova Zelanda scende sotto lo zero;
  • La previsione di freddo infrange qualsiasi speranza rimanente nella semina di colture negli Stati Uniti;
  • Il ritorno de La Niña

L’aprile più freddo di Porto Rico dal 1991

Aprile 2022 a Porto Rico ha avuto una temperatura media di 79,0°F (26,1°C), che era -1,3°F (-0,7°C) al di sotto della norma multidecennale.

San Juan ha ora vissuto 3 mesi consecutivi più freddi della media. Inoltre, il mese scorso è stato l’aprile più freddo del Paese dal 1991, secondo i dati NOAA:

[NOAA]

E mentre sul tema degli aprile più freddi della media, ci sono i dati per alcune nazioni europee in più.

Aprile 2022 in Italia ha avuto un’anomalia di temperatura media di -0,35°C al di sotto della norma:

[CNR]

E allo stesso modo in Spagna, aprile 2022 ha chiuso a -0,3°C al di sotto del vecchio benchmark 1981-2010 ancora utilizzato da AEMET:

Il mese scorso sono stati stabiliti record di freddo in tutta la Spagna.

In totale, sono stati impostati 14 record mensili di bassa temperatura, 8 per minimo-min e 6 per minimo-max:


La Nuova Zelanda scende sotto lo zero

Dopo quelli che sono stati alcuni mesi caldi in The Land Of The Long White Cloud, la Nuova Zelanda sta finalmente affrontando la sua prima ondata di freddo invernale e nel processo ha registrato le temperature più basse dell’anno finora.

Sono state notate anche gelate diffuse, nelle aree interne delle isole del nord e del sud. A Turangi è stato recentemente registrato un battito di denti di -4.2°C (24.4°F):

Guardando al futuro, sono in arrivo ulteriori freddi, con l’Antartide che minaccia di “sbattere la coda” un’intensa massa di freddo in TUTTA la Nuova Zelanda a partire dal 20 maggio.

Rimanendo nell’emisfero australe, “blues” e “purples” si impossesseranno anche del Sud America nella prossima settimana, mettendo ulteriormente a repentaglio i raccolti di grano già scadenti di Argentina e Brasile che stanno entrando in una fase cruciale di crescita.

I fallimenti in queste nazioni non faranno che aumentare ulteriormente le pressioni sul rapido esaurimento delle scorte globali e sullo scricchiolio delle catene di approvvigionamento.

GFS 2m Temperature Anomalies (C) May 15 – May 20 [tropicaltidbits.com].

Le previsioni di freddo infrangono le speranze di piantare raccolti negli Stati Uniti

Allo stesso modo negli Stati Uniti (e in effetti in Canada), l’inizio di un anomalo freddo di maggio sembra destinato a deludere ogni speranza residua anche di un raccolto medio di grano, ma da solo abbondante.

L’USDA ha pubblicato il suo sesto rapporto sui progressi del raccolto all’inizio della settimana.

L’agenzia, che ha il compito di stabilizzare i mercati piuttosto che dipingere un quadro reale, ha riferito che il mais piantato è solo del 22% rispetto alla media quinquennale precedente del 50%. Inoltre, solo il 5% è ‘emerso’ rispetto alla media del 15%.

In difficoltà anche la soia: il 12% è stato piantato, contro una media quinquennale del 24%.

Il grano primaverile piantato è al 27% rispetto alla media del 47%; mentre ne è emerso appena il 9% rispetto alla norma del 15%. Il grano invernale “diretto” è arrivato al 33% rispetto alla media del 40%. Più preoccupante, tuttavia, la condizione del grano invernale è stata valutata 29% buona/eccellente e 39% scarsa/molto scarsa, rispetto all’anno precedente del 49% buona/eccellente e 18% scarsa/molto scarsa.

E senza dimenticare l’avena, la superficie coltivata è stata segnalata al 55% contro la media quinquennale del 71%; mentre solo il 36% dell’avena è emerso rispetto alla norma del 50% in questo periodo dell’anno.

Non c’è bisogno che te lo dica, ma questi numeri, in particolare alla luce del freddo in arrivo (mostrato sotto) più le carenze notate altrove (come in Brasile/Argentina/Ucraina/Russia/Kazakistan)– sono a dir poco un disastro. Inoltre, hai anche una carenza di input da considerare: tutti i semi che finiscono nel terreno soffriranno comunque a causa della mancanza di fertilizzanti, pesticidi ed erbicidi (applicazione di fertilizzante ridotta = rese inferiori).

GFS 2m Temperature Anomalies (C) May 16 – May 25 [tropicaltidbits.com].
GFS Total Snowfall (inches) May 14 – May 29 [tropicaltidbits.com].

Il ritorno de La Niña

Anche il sistema climatico terrestre ci sta lanciando una specie di palla curva quest’anno: la terza La Niña consecutiva.

Secondo i meteorologi della NWS, tre La Niñas consecutive sono così rare che la scienza del clima non è sicura di cosa possa significare. Nessuno può davvero indovinare come questo influirà sul nostro tempo andando avanti, in particolare nell’inverno del 2022-23; generalmente, tuttavia, le probabilità favoriscono temperature più fredde della media e un aumento delle nevicate (per la maggior parte).

L’ultima volta che abbiamo visto tre inverni consecutivi a La Niña è stato il 1998-2001. Guardando l’impatto dell’evento su Washington nord-occidentale, ad esempio, la forte nevicata durante l’inverno 1998-99 ha dato al comprensorio sciistico di Mt. Baker una nevicata annuale record mondiale di 1.140 pollici.

La Niña ha avuto un impatto anche sui due inverni più recenti.

Rimanendo a nord-ovest di Washington, gli inverni del 2020-21 e del 2021-22 sono stati entrambi caratterizzati da lunghi periodi di neve in pianura e diversi potenti temporali che hanno causato inondazioni lungo il fiume Nooksack. L’attuale manto nevoso nelle North Cascades è pari al 113% del normale, a partire dal 12 maggio, con ancora più raffiche nelle previsioni.

Vale anche la pena notare che la regione ha subito un raffreddamento (almeno dal 2018), con una sorta di picchiata osservata nel 2022:

Il nostro pianeta si sta raffreddando davanti ai nostri occhi, eppure le masse sono ancora troppo “istruite” e/o codarde per mettere in discussione la narrativa ufficiale.

Electroverse


I TEMPI FREDDI stanno tornando, le medie latitudini si stanno stanno stanno RAFFREDDANDO in linea con la grande congiunzione, l’attività solare storicamente bassa, i raggi cosmici che nucleano le nuvole e una corrente a getto meridionale (tra le altre forzature).

Sia il NOAA che la NASA sembrano concordare, se si legge tra le righe, con NOAA che afferma che stiamo entrando in un grande minimo solare ‘in piena regola’ alla fine del 2020, e la NASA vede questo prossimo ciclo solare (25) come “il più debole degli ultimi 200 anni“, con i precedenti spegnimenti solari periodi prolungati di raffreddamento globale qui.

Inoltre, non possiamo ignorare la moltitudine di nuovi articoli scientifici che affermano l’immenso impatto che il Beaufort Gyre potrebbe avere sulla Corrente del Golfo, e quindi sul clima in generale.


I canali dei social media stanno limitando la di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo che mostra gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

NON CI SONO COMPLOTTI

CI SONO PERSONE E FATTI

DOCUMENTATI


Una opinione su "Il ritorno de La Niña"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: