Queste sostanze chimiche fanno parte di un’agenda per lo spopolamento?

Source: May 14, 2022; analisi del Dr. Joseph Mercola [>Fact Checked<]

Nel video di After Skool sotto, Shanna H. Swan, Ph.D., epidemiologa ambientale e riproduttiva di spicco e professore di medicina ambientale e salute pubblica presso la Icahn School of Medicine del Mount Sinai a New York City, esamina il ruolo delle tossine nell’ambiente nella salute riproduttiva.


La storia in breve
  • Nel 1992, i ricercatori hanno pubblicato dati che mostrano che la qualità del numero di spermatozoi negli uomini era stata dimezzata quasi della metà negli ultimi 50 anni. Una revisione sistematica del 2017 ha confermato questa tendenza, mostrando un calo dal 50% al 60% del numero totale di spermatozoi tra gli uomini in Nord America, Europa, Australia e Nuova Zelanda tra il 1973 e il 2011
  • Anche il testosterone è diminuito di pari passo con la conta spermatica più bassa, mentre i tassi di aborto spontaneo tra le donne e la disfunzione erettile tra gli uomini sono in costante aumento
  • Possiamo escludere la genetica come causa, perché il calo del numero di spermatozoi è semplicemente troppo rapido. Questo ci lascia con cause ambientali. Le cause ambientali possono essere suddivise in due grandi categorie: stile di vita e sostanze chimiche
  • I fattori dello stile di vita che influiscono negativamente sulla fertilità includono l’obesità, il fumo, il binge drinking e lo stress
  • Un gran numero di sostanze chimiche può avere un impatto diretto o indiretto sulla fertilità, ma la classe più preoccupante sono le sostanze chimiche che alterano il sistema endocrino (EDC) come gli ftalati. Gli EDC interrompono gli ormoni, compresi gli ormoni sessuali necessari per la funzione riproduttiva, come il testosterone


Nel 1992, i ricercatori hanno pubblicato dati che mostrano che la qualità del numero di spermatozoi negli uomini era stata dimezzata quasi della metà negli ultimi 50 anni. Secondo questo studio:1

« La regressione lineare dei dati ponderati per il numero di uomini in ciascuno studio ha mostrato una diminuzione significativa della conta spermatica media da 113 x 10(6)/ml nel 1940 a 66 x 10(6)/ml nel 1990 e nel volume seminale da 3,40 ml a 2,75 ml, indicando una diminuzione della produzione di spermatozoi ancora più pronunciata di quella espressa dal calo della densità degli spermatozoi …

Poiché la fertilità maschile è in una certa misura correlata al numero di spermatozoi, i risultati possono riflettere una riduzione complessiva della fertilità maschile. Il significato biologico di questi cambiamenti è enfatizzato da un concomitante aumento dell’incidenza di anomalie genitourinarie come il cancro ai testicoli e forse anche criptorchidismo e ipospadia, suggerendo un impatto crescente di fattori con gravi effetti sulla funzione delle gonadi maschili. »


Gli esseri umani si stanno estinguendo?

Swan inizialmente era scettico, ma ha deciso di esaminarlo un po’ di più. Per lei sorprendentemente, dopo aver esaminato ciascuno dei 60 studi inclusi in quell’analisi del 1992, non è riuscita a trovare nulla che indichi che la scoperta fosse un colpo di fortuna. Era la tendenza più stabile che avesse mai incontrato e ha trascorso i successivi 20 anni a indagare sul motivo per cui la riproduzione umana sta precipitando.

Nel 2017, ha pubblicato una revisione sistematica e un’analisi di meta-regressione2 che mostra un calo del 50-60% del numero totale di spermatozoi tra gli uomini in Nord America, Europa, Australia e Nuova Zelanda tra il 1973 e il 2011. Nel complesso, gli uomini in questi paesi hanno avuto un Riduzione del 52,4% della concentrazione spermatica e del 59,3% della conta spermatica totale (concentrazione spermatica moltiplicata per il volume totale di un eiaculato).

Swan si riferisce a questo scioccante calo di 39 anni come “l’effetto dell’1%”, che significa l’effetto cumulativo che una variazione annuale di appena l’1% ha nel tempo. Anche il testosterone è diminuito di pari passo con la conta spermatica più bassa, mentre i tassi di aborto spontaneo tra le donne e la disfunzione erettile tra gli uomini sono in costante aumento.

Se queste tendenze continueranno, e non vi è alcuna indicazione che non lo faranno, in un futuro non così lontano, vedremo una popolazione maschile che è completamente sterile. A quel punto, la popolazione umana si estinguerà. Lungo la strada, tuttavia, dovremo affrontare una serie di altri problemi urgenti.


Come ci prenderemo cura dei baby boomer che invecchiano?

Storicamente, la distribuzione per età della popolazione è sembrata una piramide. La sezione più grande in basso erano i bambini, la sezione centrale, leggermente più piccola, erano gli adulti che lavoravano e la parte superiore della piramide erano gli anziani. Questo ha funzionato bene, perché la popolazione più giovane è stata in grado di sostenere finanziariamente e prendersi cura del segmento più piccolo degli anziani.

Non abbiamo più quella piramide. Nella maggior parte dei paesi, la distribuzione della popolazione appare ora come una lampadina, con una base ristretta di bambini, un segmento bulboso di adulti e un segmento ristretto ma ancora molto ampio di adulti più anziani.

Parte dell’equazione è il fatto che la durata della vita si è allungata, il che è meraviglioso. Ma i fondi per sostenere questa popolazione che invecchia, ad esempio attraverso la sicurezza sociale e Medicare negli Stati Uniti, stanno diminuendo, poiché la base dei contribuenti si sta riducendo in modo così drammatico.

Un altro problema è il fatto che non avremo la forza lavoro necessaria per mantenere a galla l’economia. Non ci sono abbastanza bambini per ricoprire tutti i lavori dopo che la popolazione adulta va in pensione.


Qual è la causa?

Secondo Swan, ci sono probabilmente tutta una serie di fattori che contribuiscono a questa calamità riproduttiva. Possiamo, tuttavia, escludere la genetica, perché il calo del numero di spermatozoi è semplicemente troppo rapido. Un calo del 50% in sole due generazioni non può essere spiegato dalla genetica.

Questo ci lascia con cause ambientali. Le cause ambientali possono essere suddivise in due grandi categorie: stile di vita e sostanze chimiche. I fattori dello stile di vita che influiscono negativamente sulla fertilità includono:

  • Obesità
  • Fumare
  • Sbronzarsi
  • Fatica

Dal punto di vista chimico, sappiamo che un gran numero di sostanze chimiche può avere un impatto diretto o indiretto sulla fertilità, ma la classe più preoccupante sono le sostanze chimiche che alterano il sistema endocrino (EDC)3.

Molti EDC imiteranno gli ormoni, prendendo effettivamente il loro posto. Ma, naturalmente, la sostanza chimica non funziona come fa l’ormone naturale, quindi qualunque cosa controlli quell’ormone non funzionerà bene. Come spiegato nel rapporto 2019, “Infertilità maschile e fattori ambientali”:4

« Classicamente gli EDC si legano al recettore degli androgeni o degli estrogeni innescando un’azione agonista o antagonista. Questi a loro volta portano ad un aumento o una diminuzione dell’espressione genica di geni specifici del sesso.

Inoltre, gli EDC agiscono sugli enzimi steroidogenici e sul metabolismo degli ormoni, ad esempio inibiscono l’attività della 5-α reduttasi, che è l’enzima più importante nella produzione di diidrotestosterone e quindi nella regolazione della mascolinizzazione dei genitali esterni e della prostata.

Inoltre, possono essere interessati gli enzimi P450 nel fegato che metabolizzano gli ormoni steroidei. Nei modelli animali gli EDC influenzano i livelli dei recettori ormonali. Oltre all’effetto sull’azione ormonale, gli esperimenti sugli animali suggeriscono che gli EDC possono anche provocare cambiamenti epigenetici e livelli di miRNA.»

Shaw sospetta che gli EDC siano i principali responsabili dell’infertilità, in parte perché ne siamo circondati ogni giorno della nostra vita. Ne siamo esposti attraverso il nostro cibo, acqua, prodotti per la cura personale, mobili, materiali da costruzione, plastica e molto altro.


In utero l’esposizione agli EDC può ridurre la fertilità

Il momento più vulnerabile della vita di una persona è nell’utero. Questo è il momento in cui vengono stabiliti gli elementi costitutivi del tuo sistema riproduttivo e l’esposizione agli EDC in questo momento può devastare la capacità riproduttiva degli adulti in un bambino. Poiché il feto condivide il corpo della madre, tutto ciò a cui la madre è esposta, il feto è esposto.

Come spiegato nel video, il sistema riproduttivo di un ragazzo dipende da un certo livello di testosterone per un corretto sviluppo. Se il livello di testosterone è troppo basso, il suo sistema riproduttivo sarà in una certa misura compromesso. In breve, senza una quantità sufficiente di testosterone, il sistema riproduttivo del ragazzo “predefinirà” la femmina. Sarà femminilizzato, o come lo descrive Shaw, “non completamente mascolinizzato”.


Gli ftalati sono in tutti

Shaw è stato avvisato di indagare sugli ftalati da un chimico dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie, il quale ha notato che questi EDC sono stati trovati in tutti, comprese le donne in gravidanza.

Studi sugli animali hanno dimostrato che quando una madre incinta viene nutrita con ftalati all’inizio della gravidanza, la sua prole maschio avrà organi riproduttivi più piccoli e meno sviluppati.

In particolare, è stato dimostrato che gli ftalati interrompono lo sviluppo riproduttivo dei maschi, perché abbassano i livelli di testosterone e lo sviluppo incompleto maschile negli animali è ora diventato così diffuso che c’è persino un nome per questo: sindrome degli ftalati.

Studi sugli animali hanno dimostrato che quando una madre incinta viene nutrita con ftalati all’inizio della gravidanza, la sua prole maschio avrà organi riproduttivi più piccoli e meno sviluppati. I suoi testicoli potrebbero non essere discesi, il suo pene potrebbe essere più piccolo e la sua distanza anogenitale (la distanza tra l’ano e i genitali) tende ad essere più breve.

Shaw è stato il primo a studiare la distanza anogenitale nei neonati maschi umani ed è stato in grado di confermare che la sindrome da ftalati si verifica anche negli esseri umani. I ragazzi nati da donne con alti livelli di metaboliti ftalici nelle urine, in particolare quelli che abbassano il testosterone, avevano la sindrome da ftalati e la gravità era dose-dipendente.

Shaw ha quindi replicato lo studio con un altro gruppo di madri e i loro bambini e ha trovato lo stesso risultato. La prossima domanda quindi è: una distanza anogenitale più breve si traduce in un minor numero di spermatozoi?

Secondo Shaw, i ragazzi con una breve distanza anogenitale hanno maggiori probabilità di avere difetti riproduttivi come testicoli ritenuti e difetti del pene. Ha anche maggiori probabilità di sviluppare un cancro ai testicoli in età precoce rispetto al normale ed è più probabile che sia subfertile.

Quindi, è la sua conclusione professionale che l’esposizione agli ftalati in utero è “senza dubbio parte della spiegazione della diminuzione del numero di spermatozoi e della fertilità”. Anche gli ftalati e le sostanze polifluoroalchiliche (PFAS) sono stati collegati alla ridotta densità minerale ossea negli adolescenti maschi,5 che potrebbero avere implicazioni significative più avanti nella vita.


Fonti comuni di esposizione agli ftalati

Gli ftalati si trovano nella plastica. Sono ciò che rende la plastica morbida e flessibile, quindi ovunque trovi plastica morbida e flessibile, trovi ftalati. Esempi inclusi:

  • Abbigliamento in vinile, come impermeabili e stivali di gomma
  • Tende da doccia in plastica
  • Tubi in plastica di ogni tipo
  • Alimenti che sono stati trasformati attraverso tubi di plastica, come i prodotti lattiero-caseari (le mungitrici hanno tubi di plastica)

Gli ftalati aumentano anche l’assorbimento e aiutano a trattenere profumo e colore, quindi li troverai in:

  • Cosmetici, profumi e prodotti per la cura della persona
  • Prodotti per la casa profumati come sapone da bucato e deodoranti per ambienti
  • pesticidi

Come notato da Shaw, gli ftalati sono solo una classe di EDC. Ce ne sono molti altri, inclusi fitoestrogeni, diossine, ritardanti di fiamma, fenoli, PCB e idrocarburi poliaromatici. Gli ftalati, tuttavia, sono tra i più pericolosi per la salute riproduttiva maschile a causa della loro capacità di bloccare il testosterone.

Anche Joe Rogan ha recentemente intervistato Shaw su questo. Un’eccezione è inclusa di seguito. L’intervista completa è disponibile su Spotify.



I fenoli aumentano gli ormoni sessuali femminili

I fenoli, come il bisfenolo-A (BPA), hanno l’effetto opposto in quanto rendono la plastica più rigida e dura. Nel corpo umano, aumentano l’ormone femminile estrogeno, con conseguente sviluppo del seno e tronco flaccido. Il BPA danneggia anche il DNA dello sperma.6 Come gli ftalati, il BPA e altri bisfenoli sono estremamente pervasivi. Si trovano in:

Il rivestimento dei barattoli di lattaSigillanti dentali
Involucri alimentari antiaderenti (gli involucri alimentari contengono anche PFAS)Bicchieri e bottiglie in plastica rigida
MoquetteProdotti per la cura della persona come shampoo e lozioni

Le buone notizie

La buona notizia è che molte delle sostanze chimiche più dannose per la riproduzione non sono persistenti e il tuo corpo può eliminarle in quattro o sei ore.

La produzione di sperma richiede circa 70 giorni dall’inizio alla fine, quindi nel tempo un uomo potrebbe essere in grado di invertire parte del danno, a condizione che non sia congenito. Il problema, ovviamente, è che la maggior parte delle persone è esposta a più fonti 24 ore su 24, 7 giorni su 7, quindi una disintossicazione di successo significa che devi smettere di assumerle.

Un’altra buona notizia è che i ricercatori hanno dimostrato che se si pulisce l’ambiente della prole da un topo tossico e malsano, la normale capacità riproduttiva viene ripristinata dopo tre generazioni di vita pulita.

Sebbene questa sia una soluzione relativamente rapida per i topi, la cui durata della vita è di soli due anni, non è così semplice per gli umani. Tre generazioni in termini umani sono circa 75 anni, “ma possiamo iniziare in quella direzione”, dice Shaw, assicurandoci di a) non esporre i bambini agli EDC nell’utero e b) eliminare un’ulteriore esposizione durante l’infanzia se il bambino è stato esposto in utero.


Forever Chemicals nel nostro cibo e acqua



Mentre ftalati e bisfenoli non sono persistenti, i PFAS – una classe di sostanze chimiche che pervadono il suolo, l’acqua e i corpi umani – sono così persistenti da essere conosciuti come “sostanze chimiche per sempre”. Nel Maine, gli agricoltori stanno ora fischiando, avvertendo che i PFAS sui terreni agricoli sono un “disastro al rallentatore”.7

Come arrivano le sostanze chimiche? Sebbene le fuoriuscite e le infiltrazioni dai siti industriali siano parte del problema in alcune aree, la fonte più prevalente di contaminazione sono i biosolidi, i fanghi tossici dei rifiuti umani, che vengono commercializzati come fertilizzanti a prezzi accessibili.

Nel 2019 ho scritto di come l’Agenzia per la protezione dell’ambiente (EPA) non sia riuscita a regolamentare adeguatamente l’industria dei biosolidi, consentendo così l’introduzione di enormi quantità di materiali tossici nel nostro approvvigionamento alimentare.

Puoi saperne di più su questo nel documentario di Natural News “Biosludged”, sopra. PFAS si accumula nel terreno e viene trasferito nel cibo. La prova di ciò può essere vista nei test sugli alimenti, che nel 2017 hanno trovato sostanze chimiche PFAS in 10 dei 91 alimenti testati.

La torta al cioccolato ha avuto la quantità più alta, 250 volte al di sopra del limite di avviso per l’acqua potabile. (Al momento non ci sono limiti per il cibo.) Quasi la metà della carne e del pesce testati conteneva anche il doppio del limite di avviso per l’acqua. Anche le verdure a foglia coltivate entro 10 miglia da una pianta PFAS contenevano quantità molto elevate. Come ci si potrebbe aspettare, anche i PFAS si accumulano nel tuo corpo.


Il Maine entra in azione

Nel Maine, i pozzi d’acqua contaminati da PFAS hanno suscitato indignazione e azione. Un articolo di marzo 2022 su The Maine Monitor spiega il piano di gioco:8

« Il Maine è il primo stato a testare in modo completo l’impatto delle sostanze chimiche per sempre dovute alla diffusione dei fanghi sui terreni agricoli, una pratica che si verifica a livello nazionale in cui completamente la metà dei fanghi delle acque reflue viene applicata a terra. Di conseguenza, il Maine ha dovuto fare da pioniere alle azioni politiche, muovendosi per attuare le raccomandazioni di una task force PFAS della durata di un anno.

Il prossimo passo politico deve essere l’approvazione della DL 1911, che vieterebbe l’applicazione di fanghi sul terreno e l’applicazione sul terreno o la vendita di compost derivato dai fanghi. Due dozzine di aziende e comuni sono autorizzati a convertire i fanghi in compost, nonostante lo stesso stato abbia riscontrato che l’89% dei campioni di compost finiti ha superato il livello di screening per il PFOA, un comune composto PFAS.

Adam Nordell, co-proprietario di Songbird Farm in Unity, un altro sito ad alta contaminazione da PFAS, ha riassunto l’importanza della LD 1911 in questo modo: “Nessuno può annullare la contaminazione storica della nostra terra. Ma ora sappiamo abbastanza per chiudere il rubinetto.’

Un secondo disegno di legge prima del legislatore, DL 1639, impedirebbe alla discarica statale di Juniper Ridge, gestita da Casella Waste Systems, di accettare detriti da costruzione e demolizione originari dello stato e carichi di PFAS e altre sostanze tossiche, aumentando il percolato contaminato entrare nel fiume Penobscot. »


Pesticidi tossici

Le comunità del Maryland e del Massachusetts hanno anche confermato che i pesticidi usati contro le zanzare sono stati contaminati da PFAS, anche se non dovrebbero contenere tali sostanze chimiche. Nell’aprile 2022, il Pesticide Action Network (PAN) ha riportato:9

« L’EPA ha affermato che non c’erano sostanze chimiche PFAS utilizzate in questo modo, ma test indipendenti10 hanno rivelato che c’era contaminazione da PFAS nei pesticidi utilizzati dai distretti di controllo delle zanzare: di 14 prodotti per il controllo delle zanzare testati, la metà conteneva PFAS. Questi prodotti sono ampiamente applicati nelle comunità, spesso settimanalmente, dalla primavera all’autunno.

In risposta a queste preoccupazioni, l’EPA ha affermato che la contaminazione da PFAS era dovuta alla lisciviazione da contenitori di plastica HDPE fluorurati. Sebbene questa spiegazione sia stata propagandata da molti come una prova che la contaminazione dei pesticidi da PFAS non è una preoccupazione seria, i test nel Maryland e nel Massachusetts hanno rivelato che tre prodotti sono stati contaminati da un’altra fonte rispetto ai contenitori.

Oltre a questo tipo di contaminazione, i PFAS sono ingredienti attivi in ​​almeno 40 prodotti antiparassitari utilizzati in tutto il mondo. E questo spiega solo i pesticidi che includono PFAS come ingrediente attivo.
I prodotti PFAS sono un tensioattivo popolare (aiuta a spruzzare più facilmente), quindi i PFAS possono anche essere usati come ingredienti inerti nei pesticidi, che sfortunatamente non devono essere segnalati poiché la composizione chimica rientra nella giurisdizione del “segreto commerciale”.

È chiaro che i PFAS sono presenti in una varietà di prodotti pesticidi di uso comune, indipendentemente dalle condizioni di conservazione. Non è stata condotta alcuna ricerca sugli effetti sinergici di PFAS e pesticidi, che sappiamo rappresentano una serie di rischi per la salute umana e ambientale. »

Ancora e ancora, l’EPA ha mancato al suo dovere di proteggere la salute pubblica dalle sostanze chimiche che devastano la salute umana, lo sviluppo fetale e la fertilità. Come notato dal PAN, “l’EPA si è impegnata in una tattica di stallo normativo, cambiando la definizione di ciò che è considerato un PFAS per sottrarsi alle responsabilità”.

La nuova “definizione operativa” di PFAS è stata notevolmente ridotta rispetto a quella che era, escludendo così molte sostanze chimiche utilizzate nei farmaci e nei pesticidi. Per contrastare le deliberate carenze dell’EPA, il Congresso degli Stati Uniti ha anche presentato un disegno di legge (HR.5987 – PFAS Definition Improvement Act11) che richiederebbe all’EPA di utilizzare la definizione più ampia e completa di PFAS.

Mi unisco alla PAN nell’invitarvi a invitare i vostri rappresentanti a co-sponsorizzare questo disegno di legge. Maine e Maryland hanno anche proposto progetti di legge per prevenire la contaminazione da PFAS in particolare nei pesticidi.

È difficile essere ottimisti di fronte a statistiche così terribili come una riduzione dell’1% della fertilità maschile all’anno. Ma se ci teniamo alla vita, dobbiamo almeno provare a cambiare le cose. Un passo nella giusta direzione sarebbe eliminare gli EDC dall’uso comune. Nel frattempo, uomini e donne in età fertile farebbero bene a prendere precauzioni ed eliminare tutto ciò che potrebbe esporli a queste sostanze chimiche nella loro vita quotidiana, prima di provare a concepire.

Fonti e Referenze

Dr. Joseph Mercola


Disclaimer: il contenuto di questo articolo si basa sulle opinioni del Dr. Mercola, se non diversamente specificato. I singoli articoli si basano sulle opinioni del rispettivo autore, che conserva i diritti d’autore come contrassegnati. Le informazioni contenute in questo sito Web non intendono sostituire un rapporto individuale con un operatore sanitario qualificato e non istituire un consiglio medico. È inteso come una condivisione di conoscenze e informazioni provenienti dalla ricerca e dall’esperienza del Dr. Mercola e della sua comunità. Il Dr. Mercola ti incoraggia a prendere le tue decisioni sanitarie sulla base della tua ricerca e in collaborazione con un professionista qualificato sanitario. In caso di gravidanza, allattamento, assunzione di farmaci o condizioni mediche, consultare il proprio medico prima di utilizzare prodotti su questo contenuto


I canali dei social media stanno limitando la di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo che mostra gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di MegachiroE3F8FFptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

NON CI SONO COMPLOTTI

CI SONO PERSONE E FATTI

DOCUMENTATI


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: