La morte del Ministero della Verità: cosa faranno dopo?

Source: June 07, 2022; analysis by Dr. Joseph Mercola [>Fact Checked<]

Dal 6 aprile all’8 aprile 2022, l’Istituto di politica dell’Università di Chicago e la rivista Atlantic hanno tenuto una conferenza intitolata “Disinformazione ed erosione della democrazia”


La storia in breve
  • Dal 6 aprile all’8 aprile 2022, l’Istituto di politica dell’Università di Chicago e la rivista Atlantic hanno tenuto una conferenza intitolata “Disinformazione ed erosione della democrazia”. L’evento ha rivelato che i media mainstream che sono così votati per i democratici di Washington, non sono in grado di riferire le notizie
  • La matricola della UC Christopher Phillips, scrittrore per il giornale dell’Università di Chicago, The Chicago Thinker, ha affrontato la CNN su diversi casi in cui il punto vendita ha spinto bufale comprovate, inesattezze e disinformazione
  • Il caporedattore dell’Atlantic ha accusato i giornalisti di essere studenti che hanno mal posto le domande di sondaggio per condurre una “campagna di disinformazione” alla conferenza
  • Tutta la guerra si basa sull’inganno e siamo attualmente in guerra. Questo è il motivo per cui siamo costantemente bombardati dall’idea che i narratori di verità stiano mentendo e che i bugiardi stanno dicendo la verità
  • Il “Ministero della Verità” dell’amministrazione Biden è stato, per il momento, sospeso e il suo capo, Nina Jankowicz, si è dimessa

Dal 6 aprile all’8 aprile 2022, l’Istituto di politica dell’Università di Chicago e la rivista Atlantic hanno tenuto una conferenza intitolata “Disinformazione e erosione della democrazia”.1

L’evento di tre giorni ha esplorato “la diffusione organizzata di disinformazione e strategie per rispondere ad esso”. Tra i relatori includevano l’ex presidente Barack Obama, l’editorialista Jonah Goldberg, l’esperta di storia marxista Anne Elizabeth Applebaum e l’anchorman della CNN Brian Stelter, solo per citarne alcuni.

Ma, come notato da Fox News Anchor Tucker Carlson (video sopra), ciò su cui non contavano era il fatto che non tutti sono stati lavati con il cervello nell’oblio. Alcuni studenti universitari hanno ancora facoltà mentali che operano a tutta velocità. Durante una sessione di domande e risposte, la matricola della UC Christopher Phillips, scrittrice per il giornale dell’Università di Chicago, il pensatore di Chicago,anchorman2 ha posto la seguente domanda:

«Hai parlato ampiamente sul fatto che Fox News sia un fornitore di disinformazione, ma la CNN è proprio lì con loro. Hanno spinto la bufala della collusione russa, hanno spinto la bufala di Jussie Smollett, hanno diffamato il giudice Kavanagh come uno stupratore e hanno diffamato anche Nick Sandman come suprematista bianco.

E sì, hanno respinto il laptop Hunter Biden come pura disinformazione russa. Gli errori dei media mainstream, ed in particolare della CNN, sembrano magicamente tutti andare in una direzione. Ci aspettiamo che questa sia tutta una sorta di coincidenza casuale, o c’è qualcos’altro dietro?»


CNN – Un trasgressore cronico non pentito

Stelter ha risposto: “Penso che tu stia descrivendo un canale diverso da quello che guardo. Ma capisco che questa è una narrazione popolare di destra sulla CNN.” Quindi, prima, ha respinto la premessa della domanda in primo luogo, e poi screditò Phillips per aver posto la domanda.

8 aprile 2022, Phillips è apparso nello show di Carlson per discutere di ciò che lo ha spinto a confrontarsi con questi esperti autoproclamati sulla disinformazione. Ha sottolineato che la conferenza era piena di personalità dei media legali che hanno trascorso la loro intera carriera a diffondere disinformazione e ora dovrebbero insegnarci e proteggerci dalla disinformazione?

Phillips ha detto che, sebbene non si aspettasse che Stelter “consegnasse le chiavi” alla CNN e ammettesse che sono corrotti, sperava che avrebbe ammesso che erano stati fatti errori e che erano state emesse correzioni. Ahimè, nulla di tutto ciò è accaduto. Non c’era rimorso. Nessuna scusa. Nessuna retrazione.

Invece, Stelter ha dato una difesa sconclusionata non risparmiata che aveva poco senso per chiunque, in sostanza dimostrando che la CNN non ha intenzione di essere all’altezza degli standard e delle aspettative giornalistiche. La risposta di Applebaum a una domanda sul laptop Hunter Biden era forse anche peggio (sotto).


Questa guerra è tutta basata sull’inganno

A questo punto, dovrebbe essere chiaro a tutti che siamo in guerra, anche se non dichiarati, e come notato da Sun Tzu in “The Art of War”, tutta la guerra si basa sull’inganno. Questo è il motivo per cui siamo costantemente bombardati dall’idea che i cassieri della verità stiano mentendo e che i bugiardi stanno dicendo la verità.

Viviamo in una realtà invertita, dove su è giù e sinistra è a destra. L’inganno è il segno distintivo del giorno ed il motivo per cui siamo bombardati dall’inganno è perché questa è una guerra di informazioni. Invece di sparare missili sulle nostre teste, gli aggressori stanno sparando missive nel nostro cervello.

Ma l’obiettivo finale è lo stesso di qualsiasi altra guerra. L’attaccante attacca sempre con l’intento di guadagnare qualcosa e, in questo caso, il transumanista tecnocratico Cabale Hell-Bent sul dominio del mondo è intenzionato ad arrendersi alle loro ambizioni.


Ministero della verità dell’amministrazione Biden

Alla fine di aprile 2022, abbiamo scoperto che il Dipartimento della Sicurezza nazionale degli Stati Uniti (DHS) aveva tranquillamente, dietro le quinte, creato un consiglio di governance di disinformazione.3,4 Il contraccolpo fu immediato. Le connotazioni orwelliane erano così palesi che pochi furono in grado di respingerle.

La donna scelta di guidare questo Ministero della Verità era Nina Jankowicz,5 “esperta di disinformazione russa” nota per aver twittato bugie ora ben riconosciute e cantato melodie inventate sulla disinformazione e l’erotico Harry Potter Songs6 su Tiktok.

In un caso, ha affermato che la storia del laptop di Hunter Biden era “un prodotto per la campagna di Trump”,7 anche se non c’è un briciolo di prove che sostengono tale affermazione. In un altro, lo ha spazzato via come una “favola”,8 anche se ci sono molte prove che confermano la sua autenticità.

Jankowicz si è anche opposto pubblicamente al Primo Emendamento della Costituzione degli Stati Uniti, affermando che la libertà di parola fa male alle “comunità emarginate”. Eppure nel respiro successivo, ha insistito sul fatto che “proteggere la libertà di parola, la privacy, i diritti civili e le libertà civili” sarebbe “un grande obiettivo” del nuovo consiglio di disinformazione.9

Come puoi proteggere la libertà di parola e combatterla contemporaneamente? Non ha senso, e di nuovo, non ha senso. Le persone sono più suggestionabili se confuse e un doppio linguaggio inconciliabile è decisamente confuso.


“Esperto anti-disinformazione” = propagandista

Il giornalista indipendente Glen Greenwald ha messo in evidenza l’ovvia mancanza di credenziali reali di Jankowicz in un articolo del 4 maggio 2022, notando che:10

«Il concetto di” esperto anti-disinformazione “è esso stesso completamente fraudolento. Questa non è una vera esperienza, ma piuttosto un titolo inventato conferito ai propagandisti per farli apparire più accademici e apolitici di quanto non siano …

Non vi è alcuna circostanza immaginabile in cui un’agenzia di contrasto domestico come DHS dovrebbe rivendicare il potere di decretare la verità e la falsità … Lo scopo degli agenti di sicurezza nazionale è di propagandare e ingannare, non illuminare e informare.

Il livello di ignoranza storica e stupidità necessaria per credere che gli agenti statali della sicurezza degli Stati Uniti siano seriamente dedicati all’esposizione e al decreto della verità è fuori dai grafici … che nessuno dovrebbe volere che il governo degli Stati Uniti non figuri evidente.»


Ministero della verità colpisce un blocco stradale

Fortunatamente, la beffa pubblica si è rivelata troppo grande per essere sopportata, quindi il Ministero della Verità è stato messo in attesa,11 e Jankowicz si è dimesso. Secondo un portavoce del DHS:12

«Lo scopo del consiglio di amministrazione è stato gravemente e intenzionalmente erroneamente caratterizzato: non si trattava mai di un discorso di censura o di polizia in alcun modo … Come direttore esecutivo, Nina Jankowicz è stata sottoposta ad attacchi personali ingiustificati, vili e minacce fisiche …»

A parte Jankowicz, lo scopo del consiglio non era affatto caratterizzato e chiaramente riguardo al discorso di censura e polizia per conto del governo, in chiara violazione della costituzione. Il titolo stesso del consiglio ci informa chiaramente che si trattava della governance della disinformazione.

La “governance” è definita come “l’atto o il processo di governo o supervisionando il controllo e la direzione di qualcosa”. I sinonimi includono “autorità, giurisdizione, regime” e “regola”.13 Quindi, “governance di disinformazione” significa chiaramente che il consiglio di amministrazione doveva avere la giurisdizione per governare le informazioni ritenute false.

Jankowicz ha persino affermato che “persone dedite e verificate affidabili”, come se stessa, dovrebbe avere l’autorità di modificare i tweet di altre persone e i post sui social media!14 “Le persone verificate possono essenzialmente iniziare a modificare Twitter nello stesso modo in cui è Wikipedia, quindi possono aggiungere contesto a determinati tweet”. Come é che quella non è censura? In che modo non è un discorso di polizia?


Definire la “governance”

Definire correttamente le parole e usarle correttamente non è mai stato più importante, perché per molti aspetti, la sanità mentale della nostra società dipende da esse. Ogni giorno, a quanto pare, il nemico sta cercando di ridefinire o confondere la definizione di parole che hanno significati molto chiari e specifici, perché senza definizioni chiare, non possiamo avere una conversazione razionale e senza una conversazione razionale, vincono.

Una citazione del 1981 ampiamente attribuita all’ex direttore della CIA William Casey che sembra valere la pena ribadire qui è stata: “Sapremo che il nostro programma di disinformazione è completo quando tutto ciò che crede il pubblico americano sia falso”.15

Mentre alcuni dubbi su Casey che non lo ha mai detto, Barbara Honegger, che all’epoca era l’assistente del principale consigliere politico interno del presidente Ronald Reagan, ha confermato pubblicamente che era presente quando lo ha detto. Secondo Honegger, Reagan chiese a Casey quale fosse il suo obiettivo come direttore della CIA, e questa è stata la sua risposta.

Mentre la CIA, nel 1981, era il inserita in profondità in una trama per rovesciare il governo in Libia, nello stesso anno, un giornalista investigativo di nome Jack Anderson ha anche rivelato che la CIA stava conducendo una guerra di disinformazione contro il pubblico americano. Secondo Anderson, Casey ha sostenuto il “diritto di fuorviare il pubblico del governo piantando storie false sulla stampa”. Ma come ha notato Thomas Jefferson, “il diritto del popolo di sapere è più importante del diritto dei funzionari di governare”.

Casey era presumibilmente un patriota che vedeva il mentire come mezzo per ottenere il sostegno del pubblico alle misure politiche, economiche e militari. Si potrebbe sostenere che al pubblico americano è stato fatto poco danno, a parte l’allevamento dell’ignoranza sulle verità geopolitiche. Le bugie che siamo nutriti oggi, tuttavia, sono in alcuni casi una minaccia per la vita e sono sicuramente una minaccia diretta per la libertà.


L’ossessione liberale per la disinformazione si è ritorta contro

In un articolo dell’intelligencer del 20 maggio 2022, Sam Adler-Bell Note:16

«Secondo Taylor Lorenz del Washington Post e le sue fonti … Jankowicz è stata abbattuta “dalle stesse forze che ha dedicato la sua carriera alla lotta”… In altre parole, il Disinformation Governance Board è stato annullato da una “campagna di disinformazione del libro di testo.”

Questa versione della storia è riccamente ironica e tragica… Da un’altra prospettiva, la campagna di destra contro il Disinformation Board assomigliava a qualsiasi altro sforzo di sostegno di successo per fermare un’iniziativa governativa …

Non vedo come un comitato di governance di disinformazione pienamente operativo avrebbe potuto impedire questo risultato, tranne che attraverso i conservatori stessi (erroneamente?) temeva che potesse accadere.

Se, come Lorenz è attento a notare, “né il consiglio né Jankowicz avevano alcun potere o capacità di dichiarare ciò che è vero o falso, o costringere i fornitori di Internet, le piattaforme di social media o le scuole pubbliche ad agire contro determinati tipi di discorsi” Come avrebbe impedito alle ali di destra di twittare cose terribili e disoneste su Jankowicz? …

L’altro pernicioso problema con la fissazione dei liberali sulla “disinformazione” è che permette loro di mentire a se stessi. L’ascesa di Trump nel 2016 ha rappresentato una dolorosa sfida psichica per le élite liberali.

Suggerì la possibilità che molti milioni di americani fossero motivati ​​da profonde e velenose insoddisfazioni con il mondo che avevano contribuito a creare, che i nostri disaccordi culturali erano profondi, non superficiali e che le nostre prospettive erano praticamente inconciliabili inversioni l’una dell’altra …

“Disinformazione” è stata la reazione traumatica dell’establishment liberale alla ferita psichica del 2016. Ha fornito una risposta che ha eluso del tutto la domanda, proteggendoli dall’agonia dell’autoriflessione …
Come altre reazioni patologiche al trauma, la nevrosi di disinformazione tendeva a ricreare le condizioni che hanno prodotto in primo luogo l’afflizione.»

Bell continua a discutere della disinformazione dell’Università di Chicago e della Conferenza sull’erosione della democrazia, osservando che “raccogliere le principali luci del liberalismo in un auditorium presso l’Università di Chicago (in modo che insieme possano decidere quali informazioni sono vere e sicure da consumare all’esterno dalla rabbia) mi colpisce come un esercizio vuoto, ci sono più probabilità di aggravare i sintomi della nostra crisi di legittimità (sfiducia e cinismo) piuttosto che risolvere una delle sue impasse.”

In effetti, la risposta di Stelter alla domanda di Phillips sul record di disinformazione della CNN non fa nulla per migliorare la fiducia nei media mainstream. Inoltre, credo che la maggior parte delle persone sa istintivamente che ci sia qualcosa di veramente stupido nella mania errata di disinformazione. Come notato da Joseph Bernstein nel suo articolo del settembre 2021,17 “Bad News: Selling the Story of Disinformation”:

«Una rapida scansione delle istituzioni influenti che pubblicano più frequentemente disinformazione: l’Università di Harvard, il New York Times, la Stanford University, il MIT, la NBC, il Consiglio Atlantico, il Consiglio per le relazioni estere, ecc.

Che le più prestigiose istituzioni liberali dell’era pre-digitale siano le più investite nella lotta alla disinformazione rivela molto su ciò che stanno perdendo o sperano di riguadagnare … per quanto siano ben intenzionati questi professionisti, non hanno un accesso speciale al tessuto della realtà.»

Penso che ciò spieghi perché le persone istintivamente non si fidano di coloro che ricorrono a urlare per la “disinformazione” ad ogni turno. Universalmente, la gente capisce che nessuna persona, e certamente nessuna agenzia governativa, ha “accesso speciale al tessuto della realtà”, come dice Bernstein.


La privatizzazione della censura

I funzionari del governo si rendono conto che mentre desiderano il controllo totale delle informazioni, la censura è un brutto aspetto. Questo, credo, è il motivo per cui l’amministrazione Biden ha tirato la spina sul Ministero della Verità. Non era che il “Consiglio di Governance” della disinformazione fosse caratterizzato erroneamente e d opposto ingiustamente.

È stato che troppe persone hanno capito che il consiglio riguardava la censura incostituzionale sanzionata dal governo. Quella comprensione diffusa ha portato le cattive Pubbliche Relazioni in cima alla popolarità già record. Ciò non significa che lo sforzo di censura non continuerà, tuttavia. Finora sono stati eccezionalmente efficaci nell’esternalizzare la censura per le società private. Prendersi la proprietà diretta di esse con un consiglio di amministrazione di un governo che è semplicemente un passo troppo grande in questo momento.

Quindi, senza dubbio, possiamo aspettarci che Facebook, Twitter e il resto continuino a censurare per conto del governo, fino a quando o a meno che il ramo giudiziario statunitense non dimostrasse che non è del tutto corrotto e facesse qualcosa al riguardo. Per il momento, potremmo dover guardare ad altri luoghi per quel tipo di giustizia.


Fact Checker in corsa

Secondo il giornalista indipendente Paul Thacker,18 Emmanuel Vincent, presidente di Science Feedback, un servizio di controllo dei fatti di Facebook, è stato ordinato di comparire in tribunale per rispondere per le dichiarazioni ingannevoli del controllo dei fatti ed è ora in fuga.

In un cosiddetto “controllo dei fatti”, il feedback scientifico ha schiaffeggiato un’etichetta di disinformazione su un saggio di Johns Hopkins Medics-Rinsearcher Marty Makary, in cui ha predetto che l’immunità di gregge Covid-19 era imminente. Come notato da Thacker:19

«Ecco la cosa, non hai bisogno di un dottorato di ricerca. in epidemiologia per capire che quando gli esperti analizzano gli studi e fanno previsioni potrebbero essere sbagliati. Duh. Le previsioni sono opinioni, non fatti.
E mentre non c’è nulla di sbagliato nel feedback scientifico che pubblica una previsione contraria, etichettando la propria opinione un “fatto” dimostra solo che falliscono nella logica.

Questa incapacità di cogliere la differenza tra opinione e fatti ha reso il feedback della scienza il calcio del disprezzo online, ma ciò che è atterrato Vincent in una stazione di polizia e lo ha mandato in fuga dalla giustizia … sta colludendo con Facebook e il governo federale per negare alle persone la loro prima Diritti di emendamento.

Tutto mentre fingendo di essere un “controllo dei fatti indipendente” … L’accusa da sola ha inviato Vincent a correre da un indirizzo all’altro, in tutta Parigi.»

Apparentemente Vincent è stato servito più volte, ma ha rifiutato di firmare per tutti i documenti, sostenendo che è davvero una società chiamata Sciirify, una filiale di feedback scientifico, che lavora in collaborazione con Facebook, non con il feedback scientifico stesso. Da cosa si nasconde?

In breve, sta cercando disperatamente di “evitare la responsabilità pubblica davanti a un sistema giudiziario che non è (ancora) truccato da Facebook”, scrive Thacker. Ora sappiamo che Facebook e i suoi dottori dei fatti in outsourcing si collocano dietro le quinte per censurare per conto del governo,20 e questo è palesemente illegale.


L’erosione della democrazia è reale

Tornando a dove abbiamo iniziato, con la Conferenza di disinformazione dell’Università di Chicago, una delle rivelazioni più grandi è stata che i media mainstream sono vietati ai democratici di Washington, non sono in grado di denunciare le notizie.

Il caporedattore dell’Atlantic ha persino accusato Phillips e altri giornalisti di studenti che hanno posto le domande di sondaggio per condurre una “campagna di disinformazione” alla conferenza!21 Ecco quanto sono vulnerabili e come una nota di difesa. Non hanno davvero alcuna difesa di fronte alla verità, quindi urlano “disinformazione!” Come riportato da American Thinker:22

«È importante capire che quando i liberali usano parole come pregiudizio, partigianeria, disinformazione, distorsioni e spin, sono diretti esclusivamente nei media di destra.

Membri di spicco di media conservatori come Sean Hannity e Tucker Carlson e il defunto Rush Limbaugh hanno aggettivi come “ala di destra” … prefissi ai loro nomi. Sono persino chiamati propagandisti. Tuttavia, artisti del calibro di Rachel Maddow e Anderson Cooper sono chiamati giornalisti; Non vengono applicati aggettivi.

Fox News sarà definita una rete di notizie di destra, mentre MSNBC o CNN è semplicemente chiamato un “punto vendita”. Per chiunque desideri studiare le camere di eco liberale, la conferenza di disinformazione è il forum ideale.

Non c’era nemmeno una finzione di nascondere pregiudizi … le opinioni espresse non sono simili, ma identiche. Il loro santuario ha causato tali livelli di delusioni che pensano a se stessi come l’unico custode di fatti, verità e gusto …

Il forum e le espressioni di Stelter e Applebaum dimostrano ciò che i conservatori hanno conosciuto per un lungo tempo: i media mainstream sono l’ala di propaganda del Partito Democratico.

Ci sono adepti di parole e strateghi della disinformazione all’interno della leadership democratica che fornisce ai media parole d’ordine e punti di discussione del giorno che seguono meticolosamente. Questo spiega perché hanno viste identiche e usano parole identiche …

La conferenza di disinformazione dimostra che non ci sarà mai alcuna correzione del corso semplicemente perché i propagandisti non pensano di aver commesso un errore in alcun modo. Questa è veramente un’erosione della democrazia.»

Fonti & Referenze

Dr. Joseph Mercola


Disclaimer: il contenuto di questo articolo si basa sulle opinioni del Dr. Mercola, se non diversamente specificato. I singoli articoli si basano sulle opinioni del rispettivo autore, che conserva i diritti d’autore come contrassegnati. Le informazioni contenute in questo sito Web non intendono sostituire un rapporto individuale con un operatore sanitario qualificato e non istituire un consiglio medico. È inteso come una condivisione di conoscenze e informazioni provenienti dalla ricerca e dall’esperienza del Dr. Mercola e della sua comunità. Il Dr. Mercola ti incoraggia a prendere le tue decisioni sanitarie sulla base della tua ricerca e in collaborazione con un professionista qualificato sanitario. In caso di gravidanza, allattamento, assunzione di farmaci o condizioni mediche, consultare il proprio medico prima di utilizzare prodotti su questo contenuto


Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

NON CI SONO COMPLOTTI

CI SONO PERSONE E FATTI

DOCUMENTATI


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: