Miopia storica — di Lee Gerhard

e: June 10, 2022; by Cap Allon

Lee C. Gerhard, PhD, CPG studia e scrive sulla scienza del cambiamento climatico da oltre 30 anni.

Il background di Gehard è geologico e si è ritirato dalla Colorado School of Mines come Getty Professor of Geological Engineering e come direttore e geologo statale del Kansas Geological Survey.

Miopia storica, una malattia moderna

Nell’attuale isteria climatica manca un’indicazione che gli allarmisti che prevedono una crisi culturale da una terra che si sta gradualmente riscaldando hanno qualche conoscenza o comprensione della storia del clima. Sono presi nella loro stessa arroganza, pensando che solo la loro esperienza di vita catturi la realtà totale delle dinamiche climatiche della terra. Implicite nella loro miopia sono le ipotesi che l’anidride carbonica (CO2) sia il motore più importante del cambiamento climatico, che il cambiamento climatico attuale sia al di là delle norme storiche, che gli esseri umani possano alterare materialmente un sistema dinamico terrestre e che il riscaldamento continuerà inevitabilmente.

Non è stato consentito alcun test formale della teoria dell’anidride carbonica come driver climatico, ma ciò non ha alcuna conseguenza, né lo sono le decine di articoli tecnici che teorizzano i dettagli fisici atmosferici, sia pro che contro, della comprensione delle cause del cambiamento climatico. L’unica domanda critica che resta da risolvere è: ci sono prove che il nostro clima attuale e i recenti cambiamenti concomitanti siano in qualche modo straordinari rispetto ai cambiamenti preindustriali?

Fortunatamente, è possibile rispondere a questa domanda con dati empirici senza ricorrere a modelli informatici. I dati sugli isotopi dell’ossigeno ed i dati sulla CO2 dalle carote di ghiaccio dell’Artico e dell’Antartico forniscono la temperatura storica empirica e la concentrazione di anidride carbonica per diverse centinaia di migliaia di anni. Informazioni empiriche affidabili e interpretate sui cambiamenti di temperatura nel corso della storia umana sono state raccolte e rese accessibili da Lamb (1995) e da numerosi altri studi meno completi (vedi Tabella 1 in Lamb, 1995, per descrizioni dettagliate dei tipi di dati e del significato).

I dati sulle carote di ghiaccio non solo ci forniscono esempi di rapide oscillazioni di temperatura di grande ampiezza passate, ma documentano anche che l’aumento della temperatura provoca l’aumento della CO2, l’esatto opposto della teoria prevalente (Fischer et al, 1999) (il grafico utilizzato dall’ex senatore Gore per dimostrare la CO2, la temperatura guida ha effettivamente dimostrato il contrario). Cosa ha causato tali sbalzi di temperatura? Bond et al (2001) hanno documentato periodi di disgelo glaciale nell’Oceano Atlantico settentrionale che sono stati accompagnati da escursioni dell’isotopo di berillio che si sono rivelate coincidenti con un aumento dell’intensità solare. Non è chiaro se l’aumento dell’energia solare sia il risultato di cambiamenti solari, cambiamenti orbitali o entrambi (Zahn, 2002). Non vi è alcuna indicazione nei dati che l’anidride carbonica abbia svolto un ruolo nel guidare gli episodi di fusione.

Cicli ricorrenti di cambiamento di temperatura sono evidenti nella documentazione storica geologica e umana (Hoyt e Schatten, 1997; Davis e Bohling, 2001). Tre di questi cicli sono di particolare importanza. Il ciclo solare da dieci a undici anni è ben noto ed è di minore importanza per i calcoli del cambiamento climatico. I cicli del millennio (~1000 anni) e di Gleissberg (60-80 anni) sono molto importanti per comprendere il cambiamento climatico. In ordine cronologico inverso, c’è il presunto massimo moderno, quindi i cicli medievale, romano e minoico. Il Medioevo è il più studiato di questi, per disponibilità di dati e vicinanza alla storia moderna. Durante la temperatura massima due colonie agricole vichinghe fiorirono in Groenlandia. Le spedizioni vichinghe esplorarono parti del Nord America orientale e ci sono prove aneddotiche che navi cinesi transitassero nel Passaggio a nord-ovest. I cicli non cambiano le temperature rapidamente, anche se sembra che il riscaldamento avvenga più velocemente del successivo raffreddamento. Nel 1400 le comunità della Groenlandia furono tagliate fuori dal ghiaccio e morirono tutte.

In un contesto più ampio, diverse linee di evidenza e dati mostrano che 4000 anni fa la Terra era molto più calda di oggi. Questo è apparentemente quando l’agricoltura è stata saldamente stabilita e le comunità sono state organizzate. diverse prove e dati mostrano che 4000 anni fa la Terra era molto più calda di oggi. Questo è apparentemente quando l’agricoltura è stata saldamente stabilita e le comunità sono state organizzate.

Da 4000 anni fa ad oggi, la Terra si è raffreddata episodicamente, il raffreddamento interrotto solo dai picchi caldi millenari, ognuno dei quali è più freddo del suo predecessore. La Terra non è in una crisi di riscaldamento. Se deve esserci una crisi umana, è a causa del raffreddamento. Allora perché l’iperbole sul riscaldamento?

Il ciclo di Gleissberg è importante perché comprende una normale durata della vita umana, dando maggiore importanza alle esperienze individuali piuttosto che alla storia più lunga del cambiamento climatico. L’attuale ciclo è iniziato in Nord America a metà degli anni ’30, il massimo negli Stati Uniti è stato il 1934. Ha toccato il fondo intorno al 1970 e ha raggiunto il suo apice di nuovo intorno al 1999. Per l’americano medio, gli ultimi 50 anni si sono riscaldati e non c’è memoria delle parti precedenti del ciclo. Il riscaldamento globale è ciò che le persone hanno sperimentato, sebbene non abbiano alcuna comprensione del contesto più ampio (va notato che i dati sulla temperatura del governo provenienti dalle stazioni meteorologiche sono stati notevolmente corrotti da “correzioni” per rendere più freddi i dati più vecchi, mostrando così un maggiore riscaldamento). “Mai” non può essere definito casualmente solo come gli ultimi 50 anni.

Archibald, (2022) illustra l’attuale intensità del ciclo solare rispetto ai cicli precedenti, indicando la probabilità che il raffreddamento avvenga nei prossimi decenni. Questa affermazione è speculativa. Quello che abbiamo imparato dalla storia del clima è che la società umana prospera durante i periodi caldi e soffre durante gli episodi di freddo. L’aumento della CO2 e le temperature calde hanno notevolmente aumentato la produzione di cibo, mentre il potenziale raffreddamento potrebbe danneggiare tale progresso.

Presi dalla conoscenza della storia del clima:

  1. La conoscenza della storia del clima evita la necessità di considerare l’anidride carbonica o la fisica atmosferica dettagliata per sapere se non esiste una “crisi di riscaldamento climatico” oggi o in futuro.
  2. La Terra si è raffreddata per più di 4000 anni e continuerà a raffreddarsi nel prossimo futuro, sebbene il raffreddamento sia episodico piuttosto che lineare.
  3. Non esiste una crisi di riscaldamento globale. Le moderne variazioni di temperatura rientrano ampiamente nei normali parametri di variazione naturale.
  4. L’aumento della concentrazione di anidride carbonica ha scarso effetto sul clima rispetto agli effetti naturali.
  5. L’atmosfera terrestre è storicamente povera di anidride carbonica per nutrire la crescita delle piante; le immagini satellitari documentano l’inverdimento delle regioni aride negli ultimi 30 anni.
  6. Il cambiamento climatico è determinato dalle variazioni solari e orbitali, modificate dai cambiamenti delle correnti oceaniche su larga scala.
  7. La Terra sembra essere entrata nella fase discendente di un ciclo di Gleissberg. La storia dimostra che la società umana soffre nei tempi freddi. Forse la tecnologia impedirà danni diffusi.

Riferimenti citati:

“Non ho mai accettato o negato completamente il concetto di riscaldamento globale antropogenico fino a quando il furore non è iniziato dopo le affermazioni selvagge della NASA di James Hansen alla fine degli anni ’80. Sono andato alla letteratura [scientifica] per studiare le basi dell’affermazione, partendo dai primi principi. I miei studi poi mi hanno portato a credere che le affermazioni fossero false”.

~ Dott. Lee Gerhard: leegtn37@gmail.com

Electroverse


I TEMPI FREDDI stanno tornando, le medie latitudini si stanno stanno stanno RAFFREDDANDO in linea con la grande congiunzione, l’attività solare storicamente bassa, i raggi cosmici che nucleano le nuvole e una corrente a getto meridionale (tra le altre forzature).
Sia il NOAA che la NASA sembrano concordare, se si legge tra le righe, con NOAA che afferma che stiamo entrando in un grande minimo solare ‘in piena regola’ alla fine del 2020, e la NASA vede questo prossimo ciclo solare (25) come “il più debole degli ultimi 200 anni“, con i precedenti spegnimenti solari periodi prolungati di raffreddamento globale qui.
Inoltre, non possiamo ignorare la moltitudine di nuovi articoli scientifici che affermano l’immenso impatto che il Beaufort Gyre potrebbe avere sulla Corrente del Golfo, e quindi sul clima in generale.


Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

NON CI SONO COMPLOTTI

CI SONO PERSONE E FATTI

DOCUMENTATI


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: