Le medicine psichiatriche e i giochi di guerra portano a sparatorie di massa?

Source: June 16, 2022; analysis by Dr. Joseph Mercola [>Fact Checked<]

Il tema delle armi da fuoco e degli omicidi multipli negli Stati Uniti è qualcosa che abbiamo imparato a conoscere dai telegiornali che come sempre fanno vedere la parte che interessa a loro tramite le famose veline che arrivano dal cielo e per grazia ricevuta. Ci sono però verità sottaciute e la onnipresente propaganda che ci fornisce le “giuste motivazioni”.


La storia in breve
  • Mentre molti hanno acquisito l’idea semplicistica che la disponibilità di armi da fuoco è la causa delle sparatorie di massa, un certo numero di esperti ha sottolineato una verità più scomoda, ovvero che le sparatorie di massa sono molto più probabili il risultato di come abbiamo maltrattato la malattia mentale, depressione e problemi comportamentali
  • La legislazione sul controllo delle armi ha dimostrato che gli americani rispettosi della legge che possiedono le armi non sono il problema, perché più leggi sul controllo delle armi che sono state approvate, più sparatorie di massa si sono verificate
  • Il 97,8% delle sparatorie di massa si verificano in “zone senza armi da fuoco”, come sanno che gli autori sono i cittadini legalmente armati non saranno lì per fermarli
  • La depressione di per sé si traduce raramente in violenza. Solo dopo che gli antidepressivi sono diventati all’ordine del giorno le sparatorie di massa sono davvero decollate e molti tiratori di massa hanno dimostrato di essere in trattamento di antidepressivi
  • Gli antidepressivi, in particolare gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI), sono ben noti per la loro capacità di causare ideazione e violenza suicida e omicida

Mentre molti hanno acquistato l’idea semplicistica che la disponibilità di armi da fuoco è la causa delle sparatorie di massa, un certo numero di esperti ha sottolineato una verità più scomoda, ovvero che le sparatorie di massa sono molto più probabilmente il risultato di come abbiamo maltrattato le malattie mentali, depressione e problemi comportamentali.

Un articolo scritto da Molly Carter, inizialmente pubblicato su ammo.com ad una data sconosciuta1 e successivamente ripubblicato dal Libertarian Institute a maggio 2019,2 e Psychreg.org alla fine del gennaio 2021,3 ha notato:

«Secondo il Federal Bureau of Investigation (FBI), si verifica un omicidio di massa quando almeno quattro persone vengono assassinate, esclusi il tiratore … durante un singolo incidente…

Apparentemente ogni volta che si verifica una sparatoria di massa … i media anti-armi e i politici hanno una risposta istintiva incolpando la tragedia esclusivamente sullo strumento utilizzato, vale a dire le armi da fuoco e focalizzano tutte le loro “soluzioni” proposte su più leggi, ignorando che gli assassini hanno già infranto numerose leggi quando hanno commesso le loro atrocità.

I fatti contano quando si affronta un argomento così emotivamente carico e una maggiore legislazione sul controllo delle armi ha dimostrato che gli americani rispettosi della legge che possiedono le armi non sono il problema. Considera quanto segue: più leggi sul controllo delle armi approvate, più omicidi di massa si sono verificati.

È discutibile se questa è o meno correlazione o causalità. Ciò che non è discutibile è che questo fenomeno malato di assassini di massa mirati a “zone senza armi da fuoco”, dove sanno che il trasporto civile non è disponibile per gli americani rispettosi della legge.

Secondo il Crime Prevention Research Center,4 97,8% delle sparatorie pubbliche si verificano in “zone senza armi da fuoco” e le “zone senza armi da fuoco” sono l’epitome del principio filosofico principale del controllo delle armi, che le leggi sono tutta la difesa di cui si ha bisogno contro la violenza…

Questo dibattito li porta lontano dall’elefante nella stanza e da uno dei problemi reali alla base delle sparatorie di massa: salute mentale e farmaci da prescrizione.

Ignorare ciò che sta accadendo nelle teste di questi psicopatici non solo consente alle sparatorie di massa di continuare, ma porta a leggi fuorvianti di controllo delle armi che violano il secondo emendamento e negano i diritti dei cittadini statunitensi rispettosi della legge.

Come ha detto Jeff Snyder ai Washington Times: “Ma vietare le armi perché i criminali le usano è dire agli innocenti e rispettosi della legge che i loro diritti e le loro libertà non dipendono dalla propria condotta, ma dalla condotta dei colpevoli e dei senza legge, e che la legge consentirà loro di avere solo i diritti e le libertà che gli consentiranno la legge”.»


L’elefante nella stanza: antidepressivi

Pensieri, emozioni e una varietà di fattori ambientali giocano nella manifestazione della violenza, ma la malattia mentale da sola non può spiegare il massiccio aumento degli omicidi di massa, a meno che tu non includa antidepressivi nell’equazione. Eppure, anche quando la salute mentale entra nella discussione degli “sparatutto” di massa, il problema degli antidepressivi, in particolare, viene menzionato raramente.

Il fatto è che la depressione di per sé si traduce raramente in violenza. Solo dopo che gli antidepressivi sono diventati all’ordine del giorno le sparatorie di massa sono decollate e molti tiratori di massa hanno dimostrato di usare antidepressivi.

Prozac, rilasciato nel 1987, è stato il primo inibitore selettivo della ricaptazione della serotonina (SSRI) ad essere approvato per la depressione e l’ansia. Solo due anni prima, la pubblicità diretta al consumatore era stata legalizzata. A metà degli anni ’90, la Food and Drug Administration allentava le normative, gli annunci diretti al consumatore per SSRI sono esplosi e, con esso, le prescrizioni per SSRI.

Nel 1989, appena due anni dopo che Prozac arrivò sul mercato, Joseph Wesbecker sparò a 20 dei suoi colleghi, uccidendone nove. Ha assunto Prozac per un mese e i sopravvissuti all’attacco indotto dalla droga hanno fatto causa a Eli Lilly, il produttore di Prozac. Da allora, l’uso di antidepressivi e le sparatorie di massa sono aumentate, più o meno in tandem.

Nei due decenni tra il 1988 e il 2008, l’uso degli antidepressivi negli Stati Uniti è aumentato del 400%,5 e nel 2010, l’11% della popolazione degli Stati Uniti di età superiore ai 12 anni aveva una prescrizione antidepressiva.6

Nel 1982, pre-Prozac, ci fu una sparatoria di massa negli Stati Uniti, nel 1984, ci sono stati due incidenti e nel 1986 – l’anno in cui Prozac fu rilasciato – ce n’è stato uno. Da uno a tre sparatorie di massa all’anno è rimasta la norma fino al 1999, quando è saltata a cinque.

Come possiamo eventualmente ignorare la connessione tra l’uso dilagante delle droghe note per causare direttamente comportamenti violenti e l’aumento delle sparatorie di massa?

Un altro salto è avvenuto nel 2012, quando ci sono state sette sparatorie di massa. E mentre il conteggio annuale è andato su e giù di anno in anno, c’è stata una chiara tendenza di un numero maggiore di sparatorie di massa dopo il 2012. Nel tempo, anche le sparatorie di massa sono diventate più grandi, con più persone ferite o uccise per incidente.8

Come possiamo eventualmente ignorare la connessione tra l’uso dilagante delle droghe note per causare direttamente comportamenti violenti e l’aumento delle sparatorie di massa? Ideazione suicida, violenza e ideazione omicida sono tutti effetti collaterali noti di questi farmaci. A volte, i farmaci interrompono la funzione cerebrale, quindi drasticamente l’autore non può nemmeno ricordare cosa hanno fatto.

Ad esempio, nel 2001, aun liceale di 16 anni è stato prescritto Effexor, a partire da 40 milligrammi e passando a 300 mg nel corso di tre settimane. Il primo giorno di assunzione di una dose di 300 mg, il ragazzo si svegliò con un mal di testa, decise di saltare la scuola e tornò a letto.

Qualche tempo dopo, si è alzato, ha portato un fucile al suo liceo ed ha tenuto in ostaggio 23 compagni di classe. Successivamente ha affermato di non avere alcun ricordo di tutto ciò che è successo dopo essere tornato a letto quella mattina.9


I rischi sono chiari

I rischi di disturbi psichiatrici sono così chiari, da metà ottobre 2004, tutti gli antidepressivi negli Stati Uniti devono includere una scatola nera che avverte che il farmaco può causare pensieri e comportamenti suicidi, specialmente in quelli di età inferiore ai 25 anni e che:10

«Ansia, agitazione, attacchi di panico, insonnia, irritabilità, ostilità (aggressività), impulsività, akathisia (irrequietezza psicomotoria), ipomania e mania sono stati segnalati in pazienti adulti e pediatrici trattati con antidepressivi per il disturbo tematico maggiore, nonché indicazioni, sia psichiatriche che non psichiatriche.»

Gli SSRI possono anche causare interruzioni e distacchi emotivi, in modo tale che i pazienti riferiscano “non si sentano” o “non si preoccupino” di nulla o di nessuno, nonché di psicosi e allucinazioni. Tutti questi effetti collaterali possono contribuire a qualcuno che agisce un crimine violento impensabile.

In una revisione11,12 di 484 farmaci nel database della FDA, 31 sono stati trovati per rappresentare il 78,8% di tutti i casi di violenza contro altri e 11 di questi farmaci erano antidepressivi.

I ricercatori hanno concluso che la violenza contro gli altri era un “evento di droga avversa genuina e grave” e quello dei farmaci analizzati, gli antidepressivi di SSRI e i farmaci per la cessazione del fumo, vareniclina (Chantix), avevano le associazioni più forti. I primi cinque SSRI pericolosi sono stati:13

  • Fluoxetina (prozac), che ha aumentato il comportamento aggressivo 10,9 volte
  • Paroxetina (paxil), che ha aumentato il comportamento violento 10,3 volte
  • Fluvoxamina (Luvox), che ha aumentato il comportamento violento 8,4 volte
  • Venlafaxine (effexor), che ha aumentato il comportamento violento 8,3 volte
  • Desvenlafaxine (pristiq), che ha aumentato il comportamento violento 7,9 volte

La depressione è ampiamente diagnosticata

Nel suo articolo, Carter ha anche esaminato i determinanti clinici per una diagnosi di depressione clinica che garantisce farmaci. Per qualificarti, è necessario sperimentare cinque o più dei seguenti sintomi, la maggior parte della giornata, ogni giorno, per due settimane o più, e i sintomi devono essere abbastanza gravi da interferire con il normale funzionamento quotidiano:14

TristezzaAnsietà
Sentirsi senza speranzaSentirsi inutili
Sentirsi impotenteSentirsi vuoto’
Sentendosi in colpaIrritabile
FaticaMancanza di energia
Perdita di interesse per gli hobbyMuoversi e parlare lento
IrrequietezzaDifficoltà a concentrarsi
Schemi di sonno anormali, che dormono troppo o non abbastanzaCambiamenti di peso anormali, mangiare troppo o non avere appetito
Pensieri di morte o suicidio

La realtà è che la maggior parte dei pazienti che ricevono una diagnosi di depressione e una successiva prescrizione per un antidepressivo non si qualificano, in effetti,. In uno studio,15 solo il 38,4% ha effettivamente incontrato i criteri diagnostici e statistici dei disturbi mentali (DSM-5) e tra gli adulti più anziani, quel rapporto era ancora più basso. Solo il 14,3% di quelli di età pari o superiore a 65 anni ha soddisfatto i criteri diagnostici. Secondo gli autori:16

«I partecipanti che non hanno soddisfatto i criteri MDE di 12 mesi hanno riportato meno angoscia e compromissione del funzionamento del ruolo e hanno utilizzato meno servizi. La maggior parte di entrambi i gruppi, tuttavia, è stata prescritta e utilizzata farmaci psichiatrici.

Conclusione: la diagnosi di overdia della depressione e il trattamento eccessivo sono comuni in contesti della comunità negli Stati Uniti. È necessario un miglioramento del targeting della diagnosi e dei trattamenti della depressione e di altri disturbi mentali in questi contesti.»


Che ruolo potrebbero svolgere i giochi di guerra?

A parte gli antidepressivi, un altro fattore che viene ignorato è l’influenza delle simulazioni di tiro, cioè i videogiochi violenti. Come fanno i soldati militari per la guerra? Attraverso simulazioni. Con la proliferazione di videogiochi che coinvolgono violenza indiscriminata, dovremmo davvero essere sorpresi quando questo “allenamento” viene quindi messo in pratica?

Come riportato dal blog della Banca mondiale, i giovani che sperimentano la violenza “spesso lottano per reintegrarsi pacificamente nelle loro comunità” quando le ostilità finiscono.17 Mentre i giovani americani in genere hanno poca esperienza con la prima guerra mondiale, i giochi di guerra simulati occupano gran parte del loro tempo e può nel tempo colorare le loro percezioni quotidiane della vita. Come notato da Centrical, alcuni dei migliori vantaggi della formazione delle simulazioni includono:18

  1. Permettendoti di praticare veri scenari e risposte della vita reale
  2. Ripetizione del contenuto, che aumenta la conservazione della conoscenza
  3. Personalizzazione e diversificazione, quindi puoi imparare dai tuoi errori e valutare le tue prestazioni, raggiungendo così un livello più profondo di apprendimento

In breve, i violenti giochi di tiratori di massa sono la piattaforma di allenamento perfetta per futuri tiratori di massa. Mentre un adolescente senza tale esposizione potrebbe non avere molto successo nello svolgimento di una sparatoria a causa di inesperienza con armi e tattiche, uno che ha trascorso molte ore, anni, addestrandosi in simulazioni potrebbe avere una conoscenza simile a quella del personale militare.

Aggiungi effetti collaterali antidepressivi come il blocco emotivo e la perdita del controllo degli impulsi e hai una prescrizione perfetta per un evento di vittime di massa.

Inoltre, noi, come nazione, dimostriamo anche la “giustizia” della guerra impegnandoci senza fine.19 Quando è stata l’ultima volta che gli Stati Uniti non sono stati in guerra da qualche parte? È in corso da decenni.

Anche ora, gli Stati Uniti insistono per inserirsi nella controversia tra Russia e Ucraina e la diplomazia non è lo strumento di risoluzione dei conflitti scelti. Inviare armi in Ucraina e chiedere più violenza contro i russi. Il senatore Lindsey Graham ha persino chiesto l’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Mostrando quanto sia serio un tale suggerimento, la Casa Bianca ha dovuto rinnegarlo pubblicamente, affermando che il commento di Graham “non è la posizione del governo degli Stati Uniti”.20

Graham, nel frattempo, non sembra capire come la sua richiesta disinvolta per omicidio possa effettivamente incitare l’omicidio. Sulla scia delle riprese della scuola di Uvalde, ora vuole mobilitare i membri del servizio in pensione per migliorare la sicurezza nelle scuole e, sebbene ciò potrebbe essere una buona idea, che ne dici anche di andare in giro a non chiedere mai l’omicidio di avversari politici? I politici non capiscono che questo potrebbe tradursi in un bambino che pensa sia accettabile uccidere i suoi avversari percepiti?

Per quanto ne so, le sparatorie di massa hanno molto più a che fare con le norme sociali, i farmaci pericolosi, la mancanza di servizi di salute mentale di alta qualità e la normalizzazione della violenza attraverso l’intrattenimento e in politica, piuttosto che con le leggi sulle armi di per sé.

Ci sono probabilmente anche molti altri fattori, ma questi sono fenomeni chiaramente osservabili noti per alimentare comportamenti violenti. Temo che gli americani abbiano bisogno di un’analisi molto più profonda e più introspettiva del problema di quanto molti siano capaci al momento. Ma quelli che possono provare e fare uno sforzo per influenzare il cambiamento tanto necessario a livello locale e nella propria casa.

Fonti & Referenze

Dr. Joseph Mercola


Disclaimer: il contenuto di questo articolo si basa sulle opinioni del Dr. Mercola, se non diversamente specificato. I singoli articoli si basano sulle opinioni del rispettivo autore, che conserva i diritti d’autore come contrassegnati. Le informazioni contenute in questo sito Web non intendono sostituire un rapporto individuale con un operatore sanitario qualificato e non istituire un consiglio medico. È inteso come una condivisione di conoscenze e informazioni provenienti dalla ricerca e dall’esperienza del Dr. Mercola e della sua comunità. Il Dr. Mercola ti incoraggia a prendere le tue decisioni sanitarie sulla base della tua ricerca e in collaborazione con un professionista qualificato sanitario. In caso di gravidanza, allattamento, assunzione di farmaci o condizioni mediche, consultare il proprio medico prima di utilizzare prodotti su questo contenuto


Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

NON CI SONO COMPLOTTI

CI SONO PERSONE E FATTI

DOCUMENTATI


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: