Guerra in Ucraina: la guerra biologica e il furto di miliardi

Source: August 06, 2022; Analysis by Dr. Joseph Mercola [>Fact Checked<]

Per anni, l’Ucraina è stata riconosciuta come una delle nazioni più corrotte, se non “la” più corrotta in Europa. Ha mantenuto quella reputazione fino al giorno in cui la Russia l’ha invasa, a quel punto i media di tutto il mondo hanno improvvisamente iniziato a riscrivere la storia.


La storia in breve
  • Per anni, l’Ucraina è stata riconosciuta come una delle nazioni più corrotte, se non “la” più corrotta in Europa. Ha mantenuto quella reputazione fino al giorno in cui la Russia l’ha invasa, a quel punto i media di tutto il mondo hanno improvvisamente iniziato a riscrivere la storia.
  • Pochi giorni dopo aver licenziato diversi alti funzionari, Zelensky ha anche pubblicato una lista nera di ‘propagandisti filo-russi’ americani, che include il senatore Rand Paul, R-Ky, l’ex deputato Tulsi Gabbard, D-Hawaii e il giornalista indipendente Glenn Greenwald
  • Dopo aver ricevuto miliardi di dollari dai contribuenti americani, Zelensky ora vuole mettere a tacere i politici e i giornalisti americani che mettono in discussione l’uso dei fondi da parte del governo e il continuo coinvolgimento dell’America nel conflitto ucraino – una mossa che solleva domande sull’Ucraina come bastione della democrazia e della libertà
  • Gli aiuti statunitensi all’Ucraina possono essere uno schema corrotto per rubare i fondi dei contribuenti, riciclare il denaro attraverso l’Ucraina e poi incanalare il denaro nelle mani dell’élite della sicurezza transnazionale.
  • Un altro punto di vista che può aiutare a spiegare il sostegno degli Stati Uniti al regime autoritario dell’Ucraina è che abbiamo un certo numero di bio-laboratori in Ucraina, i cui scopi il governo degli Stati Uniti è desideroso di oscurare. La Russia afferma che pubblicherà un rapporto completo prima delle mid-term statunitensi che descrive in dettaglio come i principali democratici hanno facilitato la ricerca illegale sulla guerra biologica in Ucraina, in collaborazione con Big Pharma, che a sua volta ha incanalato massicci contributi elettorali ai democratici

N.B. Fatta eccezione per la trascrizione (a causa di problemi di accento/seconda lingua, la traduzione non è perfetta al 100%, per favore perdona eventuali errori con la struttura della frase e la grammatica).


#TheJimmyDoreShowNPR Turns Against Ukraine!

Imbiancare la corruzione e l’autoritarismo dell’Ucraina

Come notato da Ted Galen Carpenter, senior fellow per gli studi di difesa e politica estera presso il Cato Institute, in un articolo sobrio e chiaro, pubblicato nell’aprile 2022:1

«Le dichiarazioni degli Stati Uniti e di altri funzionari occidentali, così come i resoconti pervasivi nei media, hanno creato un’immagine incredibilmente fuorviante dell’Ucraina. C’è stato uno sforzo concertato per ritrarre il paese non solo come vittima della brutale aggressione russa, ma come un baluardo sfortunato e nobile di libertà e democrazia…

I promotori di questa narrazione sostengono che la guerra in corso non è solo una disputa tra Russia e Ucraina sulle ambizioni di Kiev di aderire alla NATO e alle rivendicazioni territoriali di Mosca in Crimea e nel Donbas. No, insistono – la guerra fa parte di una lotta globale tra democrazia e autoritarismo…

L’idea che l’Ucraina fosse un modello democratico così attraente nell’Europa orientale che la semplice esistenza del paese terrorizzava Putin può essere un mito confortante per i politici e gli esperti statunitensi, ma è un mito. L’Ucraina è ben lungi dall’essere un modello democratico-capitalista…

L’idea che l’Ucraina fosse un modello democratico così attraente nell’Europa orientale che la semplice esistenza del paese terrorizzava Putin può essere un mito confortante per i politici e gli esperti statunitensi, ma è un mito. L’Ucraina è ben lungi dall’essere un modello democratico-capitalista…

La realtà è più oscura e preoccupante: l’Ucraina è stata a lungo uno dei paesi più corrotti del sistema internazionale… L’esperienza dell’Ucraina nella protezione della democrazia e delle libertà civili non è molto migliore delle sue prestazioni sulla corruzione. Nel rapporto 2022 di Freedom House,2 l’Ucraina è elencata nella categoria “parzialmente libera”, con un punteggio di 61 su un possibile 100…

Anche prima che scoppiasse la guerra, c’erano brutti esempi di autoritarismo nella governance politica dell’Ucraina… Il battaglione neonazista Azov era parte integrante dell’apparato militare e di sicurezza del presidente Petro Poroshenko, e ha mantenuto quel ruolo durante la presidenza di Zelensky…

Può condannare le azioni di Putin e persino fare il tifo per la resistenza militare dell’Ucraina senza promuovere una falsa immagine del sistema politico ucraino. Il paese non è un simbolo di libertà e democrazia liberale, e la guerra non è una lotta esistenziale tra democrazia e autoritarismo. Nella migliore delle ipotesi, l’Ucraina è un’entità corrotta, quasi democratica, con preoccupanti politiche repressive.

Data questa realtà che fa riflettere, gli appelli agli americani a “stare con l’Ucraina” sono fuori luogo. Preservare l’indipendenza e l’integrità territoriale dell’Ucraina certamente non vale la pena che gli Stati Uniti rischino la guerra con una Russia dotata di armi nucleari.»


I media “riscoprono” il passato corrotto dell’Ucraina

Dato il modo in cui i media mainstream si sono scatenati su Zelensky, immaginandolo come un feroce combattente per la democrazia, è stato sorprendente vedere l’Associated Press e NPR rivisitare improvvisamente la storia della corruzione dell’Ucraina. Un articolo del 20 luglio 2022, originariamente pubblicato da AP e ripubblicato da NPR, afferma che:3

«Il licenziamento degli alti funzionari da parte del presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy sta gettando una luce scomoda su una questione che l’amministrazione Biden ha in gran parte ignorato dallo scoppio della guerra con la Russia: la storia dell’Ucraina di corruzione dilagante e governance traballante.

Mentre procede con la fornitura di decine di miliardi di dollari in aiuti militari, economici e finanziari diretti all’Ucraina e incoraggia i suoi alleati a fare lo stesso, l’amministrazione Biden è ora ancora una volta alle prese con preoccupazioni di lunga data sull’idoneità dell’Ucraina come destinatario di massicce infusioni di aiuti americani.»

La critica improvvisa arriva sulla scia del licenziamento da parte di Zelensky del suo procuratore capo, del suo capo dell’intelligence e di molti altri alti funzionari, sostenendo che sono spie o collaboratori della Russia.

Zelensky ha anche tirato i piedi quando si tratta di assegnare un nuovo procuratore anti-corruzione, qualcosa che avrebbe dovuto accadere lo scorso dicembre e che, secondo l’ambasciata degli Stati Uniti a Kiev, “mina il lavoro delle agenzie anti-corruzione”.


Zelensky mette nella lista nera gli americani dopo aver ottenuto milioni dai contribuenti

Pochi giorni dopo aver licenziato i suoi alti funzionari, il Centro per contrastare la disinformazione di Zelensky – istituito nel 2021 – ha anche pubblicato una lista nera di “propagandisti filo-russi” americani, che include il senatore Rand Paul, R-Ky, l’ex deputato Tulsi Gabbard, D-Hawaii, il giornalista indipendente Glenn Greenwald, il colonnello in pensione Douglas Macgregor e il professore dell’Università di Chicago John Mearsheimer.4

Come notato dal conduttore di Fox News Tucker Carlson, “Ora il governo ucraino ha deciso che possono imporre la censura nel nostro paese”. Carlson si è chiesto come il presidente Biden possa affermare che stiamo “difendendo la democrazia” inviando milioni di dollari di armamenti pagati dai contribuenti americani in Ucraina.

Questo viene fatto mentre Zelensky mette al bando tutti i partiti di opposizione – 11 in tutto – e inserisce nella lista nera politici e giornalisti americani che mettono in discussione l’uso dei fondi dei contribuenti statunitensi e il nostro coinvolgimento nel conflitto ucraino.5 Sembra piuttosto che stiamo aiutando l’autoritarismo, non è vero? Greenwald, che è apparso nello show di Carlson per discutere della lista nera, ha dichiarato:6

«Gli ucraini hanno un conflitto con questo paese vicino in Russia. Sono totalmente liberi di perseguire qualsiasi politica di guerra vogliano. Possono combattere la Russia nei prossimi 10 anni se lo desiderano. Ma non è quello che stanno facendo.

Stanno implorando e, in un certo senso, chiedendo che altri paesi, incluso il mio, gli Stati Uniti, forniscano loro una scorta apparentemente infinita di armi e denaro, il che significa che non solo abbiamo il diritto, ma l’obbligo di discuterne e chiederci se questo è nell’interesse del popolo americano da fare.»

[Ci stiamo ponendo le stesse domande anche qui in Europa e per quanto ci riguarda in Italia c’è un forte malcontento, che ci portiamo dietro dal 2009; anno in cui ci fu il tristemente famoso golpe bianco che costrinse alle dimissioni il governo Berlusconi.. che cito esclusivamente perché è stato l’ultimo governo liberamente eletto dagli elettori italiani. ndr]


L’Ucraina non è un difensore della democrazia

Nel video in cima a questo articolo, ho incluso tre episodi di “The Jimmy Dore Show” in cui Dore discute di questa e di altre notizie che circondano la guerra in Ucraina. Nel primo segmento, esamina gli articoli di notizie passate che discutono della corruzione dell’Ucraina. Ripetutamente, nel 2014, 2015 e oltre, l’Ucraina è stata dichiarata il paese più corrotto d’Europa.

Nel secondo segmento, Dore esamina come Zelensky avrebbe dovuto ripulire la corruzione e inaugurare una nuova era di buon governo. Ma questo non è accaduto.

I Panama Papers7,8 – descritti come “una gigantesca fuga di oltre 11,5 milioni di documenti finanziari e legali che espongono un sistema che consente il crimine, la corruzione e le malefatte” – hanno rivelato che Zelensky, sua moglie e diversi associati possiedono “beni offshore nascosti”, sollevando sospetti che Zelensky possa essere corrotto quanto i suoi predecessori.

Il terzo segmento del Dore Show esamina la lista nera ucraina dei giornalisti filo-russi, che, come detto, include Greenwald, Scott Ritter, Jeffrey David Sachs e molti altri. La bellezza di essere screditati dai media mainstream è che ti hanno rivelato chi sta effettivamente dicendo la verità.


Cosa succede alle armi statunitensi in Ucraina?

Ci si chiede se l’“aiuto” degli Stati Uniti all’Ucraina possa anche essere uno schema corrotto in sé e per sé. Come ammesso dalla CNN,9 il governo degli Stati Uniti non sa cosa succede ai miliardi di dollari di hardware militare e munizioni spediti in Ucraina.

Le forniture non possono essere rintracciate e il rischio ovvio è che le armi possano finire nelle mani di milizie e terroristi. Tuttavia, questo è “un rischio consapevole che l’amministrazione Biden è disposta a correre”, dice la CNN. Nel frattempo, gli Stati Uniti e la NATO stanno semplicemente spedendo tutto ciò di cui Zelensky afferma di aver bisogno. Secondo la CNN:10

«I camion carichi di pallet di armi forniti dal Dipartimento della Difesa vengono prelevati dalle forze armate ucraine – principalmente in Polonia – e poi portati in Ucraina, ha detto Kirby, poi spetta agli ucraini determinare dove vanno e come sono assegnati all’interno del loro paese.»


Furto attraverso la guerra senza fine

Julian Assange sulla guerra afghana in un video del 2011

Come notato dal fondatore di Wikileaks Julian Assange nel 2011, lo scopo della guerra afghana – la guerra più lunga nella storia degli Stati Uniti, che è durata dal 1999 fino al 202111 – non era quello di soggiogare l’Afghanistan. Era per riciclare denaro attraverso la guerra.

«L’obiettivo era quello di usare l’Afghanistan per lavare i soldi dalla base imponibile degli Stati Uniti, dalle basi imponibili dei paesi europei, attraverso l’Afghanistan, di nuovo nelle mani dell’élite della sicurezza transnazionale. Questo è l’obiettivo. Cioè, l’obiettivo è avere una guerra senza fine; non una guerra di successo, ha detto Assange.»

L’Ucraina è solo un’altra ripetizione di questo stesso schema? Sta iniziando a sembrare così. Piuttosto che inviare diplomatici e sollecitare l’Ucraina a negoziare la pace, l’alleanza nato insiste sul fatto che l’Ucraina combatta fino all’ultimo uomo e invii armi e aiuti finanziari che svaniscono rapidamente in un proverbiale buco nero.


Qual è l’obiettivo di aiutare l’Ucraina?

Il problema che la NATO e gli Stati Uniti devono affrontare è che le persone stanno diventando sempre più consapevoli del fatto che le cose non si sommano. Perché siamo coinvolti in questo conflitto? Chiaramente non stiamo difendendo la “democrazia”; tutt’altro. Stiamo aiutando e favorendo un regime autoritario – e veri aderenti nazisti del mondo reale.

Come riportato da Jeff Childers, presidente e fondatore dello studio legale Childers, in un post sul blog del 19 luglio 2022:12

«L’Economist ha pubblicato ieri un articolo intitolato: “L’America si sta stancando della lunga guerra in Ucraina?” Bene. Sono stato immediatamente sospettoso, perché la guerra in Ucraina non è stata così lunga…

Verso la fine dell’articolo, l’Economist ha messo il dito macchiato di tabacco proprio sul calamaro che segna il vero problema: “L’obiettivo di Biden in guerra non è chiaro. La sua amministrazione ha smesso di parlare di aiutare l’Ucraina a «vincere», e parla invece di impedirle di essere sconfitta”.

Questo è il problema, va bene. Qual è l’obiettivo, Joe? Se è “vincente”, che aspetto ha e come ci arriviamo? … Sembra che gli ucraini pro-guerra vogliano che gli Stati Uniti saltino direttamente in guerra diretta con i russi, per insegnare loro una lezione o qualcosa del genere.
Ma i russi hanno missili nucleari e sottomarini apocalittici e persino torpoedos nucleari per carità. Una guerra globale completamente cinetica non aiuterà affatto gli ucraini. Probabilmente proprio il contrario. È un pensiero magico.»


L’ascesa del totalitarismo in America

Il sostegno degli Stati Uniti a un regime autoritario come l’Ucraina è forse meglio spiegato dalla consapevolezza che gli stessi Stati Uniti si sono spostati in quella direzione. Secondo il filosofo, critico sociale e scienziato cognitivo americano Noam Chomsky,13 che è apparso sul podcast di Russell Brand nel luglio 2022, gli Stati Uniti “vivono sotto una sorta di cultura totalitaria, che non è mai esistita nella mia vita ed è molto peggio in molti modi dell’Unione Sovietica prima di (Mikhail) Gorbaciov”.

La causa di questo cambiamento culturale, ritiene Chomsky, può essere fatta risalire alla censura delle notizie globali. Fondamentalmente, la maggior parte degli americani vive in una camera dell’eco, dove non c’è diversità di opinioni, specialmente non da avversari percepiti:

«Se oggi negli Stati Uniti, vuoi scoprire cosa sta dicendo il ministro russo Sergey Lavrov, non puoi farlo. È sbarrato. Agli americani non è permesso ascoltare ciò che i russi stanno dicendo, ha detto Chomsky a Brand. Non posso avere la televisione russa, non posso accedere alle fonti russe…

Vuoi scoprire cosa dicono gli avversari, il che è della massima importanza … Ma gli Stati Uniti hanno imposto vincoli alla libertà di accesso alle informazioni, che sono sorprendenti e che di fatto vanno oltre ciò che è stato il caso dopo Joseph Stalin e la Russia sovietica
.»


L’angolo del Biolab

Un altro punto di vista che può aiutare a spiegare il sostegno degli Stati Uniti a un regime chiaramente autoritario e antidemocratico è il fatto che abbiamo una serie di biolab in Ucraina, i cui scopi il governo degli Stati Uniti desidera oscurare. Childers affronta anche questo:14

«La prossima storia potrebbe essere forse la notizia più significativa che abbia mai riportato, e non credo di esagerare. La notizia è che la vicepresidente della Duma di Stato russa (congresso) Irina Yarovaya ha fornito ieri un aggiornamento sull’indagine ufficiale della Russia sui biolab statunitensi in Ucraina.

Quello che dicono i russi non è carino. E affermano di avere una montagna di prove. Finora, gli Stati Uniti non si sono degnati di rispondere a nessuna delle accuse mortalmente gravi.

Ricordiamo che a maggio, i russi hanno presentato prove al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sostenendo che gli Stati Uniti avevano condotto lo sviluppo illegale di armi biologiche – E TEST – in Ucraina, accusando anche le ultime tre amministrazioni democratiche di lavorare con George Soros, Bill Gates e Big Pharma per infrangere trattati, sviluppare tecnologie illegali per armi, rilasciare armi biologiche in Ucraina, testare le armi su soldati e malati di mente e, cosa più significativa, infettare il popolo e i raccolti russi…

Un diagramma notevole mostra tutti i presunti giocatori che vanno ben oltre quelli sopra menzionati e include Pfizer, la Bill and Melinda Gates Foundation e altri.

I russi hanno accusato i massimi democratici di facilitare la ricerca illegale per scopi militari in combutta con le big pharma, che venivano introdotte ogni volta che c’erano test o perdite, per sviluppare trattamenti redditizi per le nuove malattie.

In cambio, hanno sostenuto i russi, le grandi aziende farmaceutiche hanno incanalato massicci contributi elettorali ai Democratici, creando un ciclo di feedback virale sinistro e demoniaco.»

Secondo Yarovaya, le menti chiave di questa cospirazione includono il Partito Democratico degli Stati Uniti, Barack Obama, Hillary Clinton, Joe Biden e George Soros. Il governo degli Stati Uniti, nel frattempo, non ha fatto nulla per contrastare queste accuse russe, a parte respingerle come “disinformazione russa” indegna di una risposta.

Poiché i russi stanno nominando individui specifici, sta iniziando a sembrare che i russi abbiano intenzione di lanciare una denuncia penale internazionale in stile Norimberga sulla falsariga che tanti americani desideravano.

~ Jeff Childers

Childers sospetta che il tentativo di Biden di istituire un comitato per la governance della disinformazione potrebbe anche essere stato uno “sforzo per chiudere ancora di più” la storia dei biolab, visto che Nina Jankowicz, selezionata per guidare il consiglio, aveva precedentemente lavorato per lo stesso Zelensky. Ha anche lavorato per il ministero degli Esteri ucraino.15


Rapporto russo in calo prima degli Stati Uniti a medio termine

Secondo Yarovaya, il governo russo intende pubblicare un rapporto completo sui biolab statunitensi in Ucraina qualche tempo prima delle elezioni di medio termine negli Stati Uniti. Nel suo aggiornamento di stato del 18 luglio 2022 alla legislatura russa, ha dichiarato:16

«Come prova oggi, la commissione parlamentare potrebbe già presentare i fatti secondo cui i bio-laboratori sotto la supervisione del Pentagono sul territorio dell’Ucraina non soddisfacevano i criteri di sicurezza. Nell’attuale modalità della loro attività, rappresentavano una minaccia colossale per i cittadini ucraini e per il mondo intero.

La struttura non era solo precaria. Nonostante stessero lavorando con virus e agenti patogeni pericolosi, c’era anche una perdita. È molto probabile che questo spieghi la crescita delle epidemie in Ucraina.

Ma molto probabilmente, coloro che hanno creato questi laboratori erano interessati a garantire che [essi] non fossero adeguatamente protetti, non solo per corruzione, ma anche per condurre un esperimento dal vivo; in questo modo, per monitorare quale sarebbe la reazione della popolazione, quale sarebbe il tasso di mortalità, quali sarebbero le conseguenze.»


I russi accusano gli Stati Uniti di negligenza intenzionale

Per essere chiari, i russi accusano gli Stati Uniti di negligenza intenzionale, cosa non da poco. Come notato da Childers, la stessa cosa sembra essere accaduta a Wuhan.

Dal 2018 in poi, il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha pubblicato rapporti in cui gli investigatori avvertivano che il laboratorio era mal gestito e preparato per un incidente. Andando avanti rapidamente fino alla fine del 2019, SARS-CoV-2 è emerso misteriosamente proprio nelle vicinanze dello stesso laboratorio.

Ora, qualsiasi funzionario che ammette che il COVID è stato o potrebbe essere il risultato di una perdita di laboratorio è anche attento a dire che deve essere stato un incidente. Ma se un laboratorio è intenzionalmente negligente, una perdita successiva è davvero accidentale?

Il punto che i russi sembrano sottolineare è che non è affatto casuale. Tuttavia, la negligenza intenzionale consente alla parte responsabile di fingere che un rilascio intenzionale sia stato accidentale. In questo modo, non sono colpevoli di un crimine. Ma non è tutto. Childers continua:17

«I russi hanno anche affermato che i colpevoli statunitensi si nascondono dietro la “ricerca sugli animali”; nascondendo ulteriormente la loro colpa innestando geneticamente le capacità di infezione umana sui virus animali esistenti, in modo che possano rivendicare origini naturali per gli insetti di nuova concezione.

Come con il COVID.

O vaiolo delle scimmie…

Yarovaya ha affermato che il risultato di tutta questa negligenza intenzionale sono state “situazioni impreviste in tutto il mondo”. Ha toccato gli Stati Uniti per la nuova epidemia di vaiolo delle scimmie. “Tutto ciò che riguarda il coronavirus, il vaiolo delle scimmie, dovrebbe essere ricercato nelle provette dei laboratori americani”, ha detto.

Per una coincidenza del tutto casuale, lo stesso Istituto di virologia di Wuhan in cui è stato sviluppato il COVID stava sperimentando anche il vaiolo delle scimmie…

Poiché i russi stanno nominando individui specifici, sta iniziando a sembrare che i russi stiano pianificando di lanciare un processo criminale internazionale in stile Norimberga, denuncia sulla falsariga che tanti americani hanno desiderato.»

[Non solo gli americani… anche qui in Europa la fila è lunga, cerchiamo di non sgomitare, please.. ndr]


“Il gioco del pollo nucleare”

Se Childers sospetta che i russi stiano pianificando una denuncia in stile Norimberga, non sorprende che il governo degli Stati Uniti stia cercando di tenere sotto controllo le accuse, anche a rischio che il loro silenzio appaia di per sé incriminante.

Childers crede anche che la Cina possa unirsi alla Russia in questo sforzo, poiché la giustificazione della Russia per invadere l’Ucraina per abbattere pericolosi biolaboratori “creerebbe anche una giustificazione chiara per un’invasione cinese di Taiwan”. A quanto pare, Taiwan ospita l’incredibile cifra di 1.251 bio-laboratori che soddisfano “bisogni medici, agricoli, alimentari e ambientali”.

Almeno 31 di questi laboratori lavorano con “virologia, batteriologia, parassitologia, micologia e biologia vettoriale” e uno, un laboratorio di livello 4 di biosicurezza (BSL4) nel nord di Taiwan, appartiene all’esercito. Quindi, la Cina potrebbe facilmente giustificare un’invasione di Taiwan dicendo che lì ci sono strutture di guerra biologica non protette.

«“Tutte queste accuse – completamente ignorate dai media corporativi – sono incredibilmente gravi”, osserva Childers.18 “I russi accusano gli Stati Uniti di un attacco con armi biologiche di distruzione di massa”. È stata a lungo la politica ufficiale degli Stati Uniti che un attacco con armi biologiche equivalga a un attacco nucleare e giustificherebbe una risposta nucleare.

Non importa se hanno ragione. I russi sembrano credere di essere legalmente giustificati a vendicarsi contro gli Stati Uniti usando armi di distruzione di massa. E stanno costruendo il caso usando un sacco di cose losche che gli Stati Uniti e i loro alleati corporativi dello stato profondo hanno fatto.

Sarebbe sicuramente un buon momento per il governo degli Stati Uniti per parlare e diventare totalmente trasparente sullo scopo legittimo dietro tutti questi laboratori. Supponendo che ci sia uno scopo legittimo.

Ma gli autori, chiunque essi siano, rischierebbero quasi certamente una guerra nucleare per proteggere i loro segreti se solo la metà di ciò che dicono i russi fosse vera. Quindi, consapevolmente o meno, siamo tutti coinvolti in un gioco mortale del pollo nucleare. E il nostro autista è Joe Biden.»


C’è una via d’uscita?

In un’intervista con Lex Friedman, il regista Oliver Stone ha discusso la storia della corruzione in Ucraina – dettagliata nel suo film Ukraine on Fire – la propaganda che circonda l’attuale conflitto Russia-Ucraina e la sua comprensione del motivo per cui la Russia si sta comportando in quel modo.

Alla fine di quell’intervista, Friedman ha chiesto a Stone se pensa che possiamo tornare dall’orlo della guerra nucleare. Stone ha risposto:

«Sì, attraverso la ragione… e poi la diplomazia. Parla con il ragazzo. Signor Biden, perché si calmi e vai a parlare con il signor Putin a Mosca. E cerca di avere una discussione senza cadere nelle ideologie.»

Supponendo che il governo degli Stati Uniti in generale e Biden in particolare non siano coinvolti in attività criminali di guerra biologica in Ucraina, il suggerimento di Stone è ragionevole. Tuttavia, se le loro azioni si basano sulla necessità di proteggere uno sporco segreto (o due), la diplomazia non sarebbe nemmeno nel menu delle opzioni.

La Russia probabilmente vorrebbe la sua libbra di carne. Vorrebbero che fosse risolta la giustizia, che nel caso della produzione illegale di guerra biologica potrebbe includere l’incarcerazione a vita di alcuni individui. Vedendo come Biden sia nell’elenco russo dei “cospiratori chiave, sembra ragionevole presumere che non si lascerebbe facilmente liberare dai guai.

E questo ci riporta alla previsione di Childers, che è che gli autori “rischierebbero quasi certamente una guerra nucleare per proteggere i loro segreti se solo la metà di ciò che dicono i russi fosse vera”.

Quindi, mentre la terza guerra mondiale è stata finora una guerra dell’informazione condotta contro il pubblico, la guerra nucleare tra le nazioni è ancora una possibilità, grazie alla corruzione ai massimi livelli, che impedisce soluzioni diplomatiche.

Fonti & Referenze

Dr. Joseph Mercola


Disclaimer: il contenuto di questo articolo si basa sulle opinioni del Dr. Mercola, se non diversamente specificato. I singoli articoli si basano sulle opinioni del rispettivo autore, che conserva i diritti d’autore come contrassegnati. Le informazioni contenute in questo sito Web non intendono sostituire un rapporto individuale con un operatore sanitario qualificato e non istituire un consiglio medico. È inteso come una condivisione di conoscenze e informazioni provenienti dalla ricerca e dall’esperienza del Dr. Mercola e della sua comunità. Il Dr. Mercola ti incoraggia a prendere le tue decisioni sanitarie sulla base della tua ricerca e in collaborazione con un professionista qualificato sanitario. In caso di gravidanza, allattamento, assunzione di farmaci o condizioni mediche, consultare il proprio medico prima di utilizzare prodotti su questo contenuto.


Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

NON CI SONO COMPLOTTI

CI SONO PERSONE E FATTI

DOCUMENTATI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: