I numerosi benefici medicinali della cannabis e del cannabidiolo (CBD)

Source: August 08, 2022; Analysis by Dr. Joseph Mercola [>Fact Checked<]

Questo articolo è stato precedentemente pubblicato il 2 febbraio 2019 ed è stato aggiornato con nuove informazioni.


La storia in breve
  • Ci sono molti benefici medici alla cannabis e al CBD (cannabidiolo) e sono sempre più riconosciuti dalla comunità scientifica
  • Nel 2022, 19 stati hanno legalizzato la cannabis per uso adulto e il Farm Bill del 2018 ha legalizzato la canapa industriale come coltura
  • Man mano che i pazienti e la comunità medica abbracciano la cannabis e il CBD per alleviare il dolore, i danni e persino le morti per oppioidi diminuiranno
  • Los Sueños Farms fuori Pueblo, in Colorado, la più grande fattoria di cannabis degli Stati Uniti con 36 acri e 36.000 piante, mostra quanto sia diventata tecnologicamente avanzata l’industria
  • L’esistenza di recettori dei cannabinoidi nell’uomo e in altri mammiferi, chiamati sistema endocannabinoide, fornisce indizi sul motivo per cui la cannabis e il CBD influiscono positivamente su così tanti sistemi corporei
  • Molte industrie, da Big Pharma alle industrie di alcol, legname, gas, petrolio e abbigliamento, potrebbero perdere profitti da un’industria in forte espansione della cannabis

CANNA CRIBS – LOS SUENOS FARMS (EPISODE 4)

La produzione di cannabis è in forte espansione poiché i benefici medici del CBD (cannabidiolo) sono sempre più riconosciuti.

Secondo Project CBD, si ritiene che almeno 50 condizioni1 siano migliorate dal CBD, inclusi dolore, convulsioni, spasmi muscolari, nausea associata a chemioterapia, disturbi digestivi come colite e malattie infiammatorie intestinali (IBD), disturbi neurologici degenerativi come distonia, sclerosi multipla, morbo di Parkinson, disturbi dell’umore, ansia, PTSD e ipertensione.

Eppure, nonostante la legalizzazione della cannabis per uso adulto negli ultimi anni in 19 stati2 e l’inclusione nel Farm Bill del 2018 della canapa industriale come coltura3, la Food and Drug Administration statunitense fino a poco tempo fa ha elencato il CBD come droga di Tabella I, la categoria di droga più pericolosa riservata a droghe come l’eroina e l’LSD.

La classificazione non aveva senso perché il CBD non è psicoattivo: non crea dipendenza, non produce uno “sballo” e ci sono pochi o nessun effetto collaterale pericoloso. In effetti, non sembra esserci alcun motivo per la diffamazione a lungo termine del CBD da parte della FDA e della Drug Enforcement Agency (DEA) se non la possibile collusione con Big Pharma, i cui trattamenti per il dolore pericolosi e redditizi.

Nel 2022 gli oppioidi causano oltre 100.000 morti di americani ogni anno, equivalenti a circa 274 morti al giorno. Negli stati in cui il CBD e la cannabis stanno diventando ampiamente utilizzati, ci sono poche segnalazioni di conseguenze sociali o mediche negative. Al contrario, ci sono prove che negli stessi stati in cui la cannabis è legale, ci sono state meno emergenze, overdose e decessi da oppioidi.4

La classificazione restrittiva del CBD nella Tabella I ha anche prodotto “rifugiati” medici – persone le cui condizioni di salute sono migliorate solo dal CBD, non dai prodotti farmaceutici, costringendole a trasferirsi in stati con leggi sul CBD più flessibili.


Un cambiamento sorprendente ma sospetto nella classificazione del CBD

Alla fine del 2018, la FDA ha sorpreso molti con questa modifica della classificazione Schedule I per alcuni prodotti CBD:5

«Con l’emissione di questo ordine finale, l’amministratore ad interim della Drug Enforcement Administration inserisce alcuni prodotti farmaceutici che sono stati approvati dalla Food and Drug Administration (FDA) e che contengono cannabidiolo (CBD) nella tabella V del Controlled Substances Act (CSA). In particolare, questo ordine inserisce farmaci approvati dalla FDA che contengono CBD derivato dalla cannabis e non più dello 0,1% di tetraidrocannabinoli nella tabella V.

Questa azione è necessaria per soddisfare la responsabilità dell’amministratore ad interim ai sensi del CSA di inserire un farmaco nel programma che ritiene più appropriato per adempiere agli obblighi degli Stati Uniti ai sensi della Convenzione unica sugli stupefacenti, 1961.»

Si ritiene che i farmaci di classe V abbiano un potenziale di abuso inferiore rispetto ad altri farmaci controllati.6 La categoria include farmaci i cui benefici possono superare i rischi come quelli per condizioni antidiarroiche, antitosse e analgesiche come i preparati per la tosse con meno di 200 milligrammi di codeina come Robitussin AC, Lomotil, Motofen, Lyrica e Parepectolin.

Tuttavia, la recente modifica dello stato del programma riflette davvero il nuovo realismo da parte della FDA, o è semplicemente un cenno al desiderio dei produttori di farmaci di “entrare in azione” e alla quota di mercato? Dopotutto, abbiamo assistito a un fenomeno simile quando Big Pharma ha attaccato l’affidabilità, l’efficacia e il controllo di qualità di integratori e vitamine popolari mentre cerca ipocritamente di commercializzare gli stessi prodotti.


Le aziende agricole di cannabis stanno diventando grandi ed efficienti

Le Los Sueños Farms,7 fuori Pueblo, in Colorado, con 36.000 piante, rappresentate in un recente video intitolato “Largest Outdoor Cannabis Farm in World, Canna Cribs Episode 4”, di Growers Network, rivela quanto tecnologicamente sia arrivata l’industria.

La fattoria di 36 acri, composta da quattro fattorie separate, elabora 40.000 libbre di “biomassa” ogni raccolto. A seconda dell’espressione genetica delle piante, alcune vengono coltivate all’aperto, altre in serra e altre ancora in serre prive di pareti per consentire la massimizzazione del sole, consentendo al contempo la circolazione dell’aria fresca e prevenendo l’accumulo di troppo calore.

Per le piante da esterno, un avanzato sistema di irrigazione a goccia con un emettitore ogni 12 pollici fornisce un’irrigazione a pressione compensata e la capacità di fornire nutrienti specifici. I droni con diverse lenti si librano sopra le piante e segnalano la loro frequenza respiratoria, eventuali rischi di insetti o malattie e piante che potrebbero essere in difficoltà per un motivo o per l’altro. L’umidità e l’illuminazione sono controllate da computer per le piante da interno.

Quando il raccolto è pronto, i fiori di cannabis vengono tagliati a secco in un macchinario avanzato chiamato twister. Sebbene i macchinari non richiedano manodopera umana, una persona addetta al controllo qualità ispeziona il prodotto mentre esce dal twister per assicurarsi che tutti gli steli siano stati rimossi alla base.


La lavorazione post produzione della cannabis è fondamentale per la qualità

Fertilità e nutrienti sono importanti, affermano i dipendenti della Los Sueños Farm, ma la qualità del prodotto stesso dipende dalla stagionatura. In enormi sale di stagionatura, i rack di prodotto si asciugano a una temperatura di 18℃ (64°F) e sono preparati per il confezionamento in 7-10 giorni.

Vengono quindi confezionati sottovuoto e sigillati con azoto in sacchi da 4.5kg (10lb). I sacchetti hanno una finestra in modo che i clienti possano vedere la cannabis e valutarne la qualità senza esporla agli effetti dannosi della luce o dell’umidità ambientale.

Dopo che la cannabis ha lasciato Los Sueños Farms, la preparazione continua per l’utente finale. Negli impianti di lavorazione e nei dispensari al dettaglio come la Mesa Organics con sede in Colorado, un partner di Los Sueños, vengono quindi utilizzati sofisticati metodi di estrazione per eliminare l’estratto grezzo dal materiale vegetale.

Alla Mesa Organics, per il processo di estrazione viene utilizzata CO2 supercritica, non idrocarburi, afferma il proprietario Jim Parco, perché “qualsiasi idrocarburo bruciato a oltre 900 gradi si converte in benzene” che può essere letale.

Infatti, l’estrazione di idrocarburi è vietata in alcune parti della California, dice Parco, a causa dei “rischi professionali per le comunità”. L’uso di CO2 supercritica crea anche un prodotto più puro. Dopo che lipidi, cere e terpeni sono stati rimossi attraverso l’estrazione, CBD, THC e altri cannabinoidi dalla pianta rimangono e il prodotto è pronto per essere commercializzato.


Un cannabinoide con molti vantaggi

Il CBD è uno dei circa 104 composti classificati come cannabinoidi nelle piante di cannabis, con ben sette o otto composti scoperti di recente che possono essere considerati cannabinoidi.8 Il CBD è contenuto sia nella Cannabis Sativa (canapa) che nella Cannabis Indica (marijuana), ma la canapa ha un contenuto di CBD così basso che viene coltivata principalmente per fibre e semi, usi di cui parleremo più avanti.

Non è una sorpresa che il CBD abbia così tanti benefici poiché in realtà esiste un sistema endocannabinoide nel corpo umano e in altri mammiferi. Fa parte della nostra fisiologia. I recettori dei cannabinoidi, che riconoscono e interagiscono con il CBD, si trovano nel cervello umano, nei polmoni, nel fegato, nei reni e nel sistema immunitario.

Ci sono una miriade di usi medici attribuiti al CBD e l’elenco continua a crescere. Ecco alcuni usi che sono stati recentemente scientificamente documentati.

Asma allergico — “Il trattamento con CBD ha ridotto i processi infiammatori e di rimodellamento nel modello di asma allergico”, secondo l’European Journal of Pharmacology9
Ansia e sonno — “Il cannabidiolo può avere benefici per i disturbi legati all’ansia”, The Permanente Journal10
Disturbi dello spettro autistico (ASD) – “La cannabis nei pazienti con ASD sembra essere [un] opzione ben tollerata, sicura ed efficace per alleviare i sintomi associati all’ASD”, rapporti scientifici11
Pressione sanguigna — “Questi dati mostrano che la somministrazione acuta di CBD riduce la pressione arteriosa a riposo e l’aumento della pressione arteriosa nello stress negli esseri umani”, JCI Insight12
Dolore da cancro, nausea e mancanza di appetito — “Il National Cancer Institute attualmente riconosce la C. sativa medicinale come un trattamento efficace per fornire sollievo in una serie di sintomi associati al cancro, tra cui dolore, perdita di appetito, nausea e vomito e ansia”, BioMed Research International13
Cancro/tumori — “Il cannabidiolo (CBD), uno dei composti presenti nella pianta di marijuana, ha proprietà antitumorali”, Cancer Letters14
Diabete — “Questi risultati suggeriscono che gli effetti neuroprotettivi del CBD nei ratti diabetici di mezza età… sono correlati a una riduzione della neuroinfiammazione”, Neurotoxicity Research15
Epilessia — “Il CBD è un agente antiepilettico ben tollerato ed efficace e illustra un potenziale effetto modificante la malattia del CBD sulla riduzione sia del carico convulsivo che delle comorbidità associate ben dopo l’inizio delle crisi sintomatiche”, Epilepsia16
Infiammazione — “Il CBD che esercita un’immunosoppressione prolungata… potrebbe essere usato nell’infiammazione cronica, i terpenoidi… potrebbero quindi essere usati per alleviare l’infiammazione acuta”, Cannabis and Cannabinoid Research17
Malattie dell’intestino irritabile — “Gli studi clinici suggeriscono che potrebbe esserci un ruolo terapeutico per la terapia con cannabinoidi nel trattamento dell’IBD”, Current Gastroenterology Reports18
Sclerosi multipla — “Poiché la legalizzazione della cannabis ha avuto un impatto sulla varietà di prodotti a base di cannabis disponibili, sembra che ci siano numeri crescenti… che usano la cannabis… che segnalano l’uso di prodotti altamente efficaci con effetti collaterali minimi”, Sclerosi multipla e disturbi correlati19

Malattie neurodegenerative e cardiovascolari — “In molti studi è stato riscontrato che il CBD possiede attività antiossidante, suggerendo così un possibile ruolo nella prevenzione delle malattie neurodegenerative e cardiovascolari”, BioMed Research International20
Funzione ovarica/sistema riproduttivo femminile — Influisce sul “sistema riproduttivo femminile dove colpisce la follicologenesi, la maturazione degli ovociti e la secrezione endocrina ovarica”, Journal of Ovarian Research21

PTSD e incubi — “La somministrazione di CBD per via orale oltre alle cure psichiatriche di routine era associata alla riduzione dei sintomi del disturbo da stress post-traumatico… Il CBD sembrava anche offrire sollievo in un sottogruppo di pazienti che riferivano di incubi frequenti come sintomo del loro disturbo da stress post-traumatico”, Journal of Alternative e Medicina Complementare22
Dolore, emicrania, disintossicazione da oppioidi — “Ci sono prove accumulate per vari benefici terapeutici della cannabis/cannabinoidi, specialmente nel trattamento del dolore, che possono applicarsi anche al trattamento dell’emicrania e del mal di testa. Esistono anche prove a sostegno del fatto che la cannabis può aiutare nella disintossicazione e nello svezzamento degli oppioidi, rendendo così è una potenziale arma per combattere l’epidemia di oppioidi”, Headache23
Malattie di Parkinson e Alzheimer — “Il CBD può essere efficace nel trattamento di cinque sindromi, attualmente etichettate come recalcitranti al successo terapeutico, e in cui è richiesto un migliore intervento farmacologico: epilessia intrattabile, tumori cerebrali, morbo di Parkinson (PD), morbo di Alzheimer (AD) e trauma cranico”, Frontiers in Integrative Neuroscience24
Convulsioni pediatriche — “Il profilo di efficacia e sicurezza del CBDV suggerisce che potrebbe avere un valore terapeutico per le crisi epilettiche precoci”, Neurofarmacologia25

Perché esiste una tale resistenza alla cannabis e al CBD?

Nonostante i numerosi vantaggi del CBD, rimane in una terra di nessuno legale, afferma la Brookings Institution:26

«Negli ultimi 22 anni, 33 stati hanno legalizzato la cannabis per scopi medici e negli ultimi sei anni 10 stati hanno legalizzato la cannabis per uso adulto. Ognuno di questi programmi è illegale secondo la legge federale, senza eccezioni [se le autorità federali scegliessero di perseguire]…

Anche i prodotti CBD prodotti da programmi di cannabis legali statali, medici o per uso adulto sono prodotti illegali secondo la legge federale, sia all’interno degli stati che attraverso i confini statali… Secondo il Farm Bill 2018, ci saranno prodotti CBD più ampiamente disponibili, legali; tuttavia, questo non significa che tutti i prodotti CBD siano legali andando avanti.»

Molti fanno risalire la diffamazione originale della cannabis che le è valsa lo status di Schedule I alla sua associazione con gli hippy e all’opposizione alla guerra del Vietnam 50 anni fa. Non solo gli arresti per “erba” erano un modo per mettere la museruola ai manifestanti, il pensiero “fuori dagli schemi” che la marijuana favorisse alimentava la forte messa in discussione dell’autorità da parte dei giovani, alimentando la controcultura e l’opposizione alla guerra.

Ma, come ho notato in precedenza, l’uso medico dell’olio di CBD, soprattutto come trattamento per il dolore, rappresenta anche una minaccia significativa per la vendita di oppioidi che hanno così arricchito Big Pharma nell’ultimo decennio.

La pianta di cannabis rappresenta anche una minaccia economica per il legname, l’energia, il cibo e altre industrie; i suoi prodotti in fibra possono essere utilizzati per produrre carta, biocarburanti, materiali da costruzione, prodotti alimentari e petrolio, abbigliamento, scarpe e persino gioielli.

In effetti, secondo Viridis Labs, la canapa industriale “può essere utilizzata in circa 50.000 prodotti diversi in un ampio spettro di settori tra cui tessile, bioplastica, cosmetici, materiali da costruzione e umani e animali”.27 Tuttavia, se l’uso del CBD fosse più ampiamente adottato dagli americani per le cure mediche, probabilmente saremmo tutti più sani.

Fonti & Referenze

Dr. Joseph Mercola


Articoli Correlati:

Analisi chemiometriche dei cannabinoidi: chemiotassonomia e sindrome da domesticazione

E. M. Mudge1,2, S. J. Murch 1 e P. N. Brown2,3

(2018) 8:13090 | DOI:10.1038/s41598-018-31120-2

Astratto

La cannabis è un’interessante coltura domestica con una lunga storia di coltivazione e uso. I ceppi sono stati selezionati attraverso programmi di allevamento informali con genitori e criteri non divulgati. Il termine “ceppo” si riferisce a differenze morfologiche minori e al marchio del coltivatore piuttosto che a varietà coltivate distinte. 
Abbiamo ipotizzato che i ceppi venduti da diversi produttori autorizzati siano indistinguibili chemiotassonomicamente e che la pratica commerciale di identificare i ceppi in base al rapporto tra THC totale e CBD sia insufficiente per tenere conto dei risultati sulla salute umana riportati. 
Abbiamo usato la metabolomica mirata per analizzare 11 cannabinoidi noti e un approccio metabolomico non mirato per identificare 21 cannabinoidi sconosciuti. 
Cinque gruppi di ceppi chemiotassonomicamente indistinguibili sono stati identificati dai 33 prodotti commerciali. Solo 3 dei cluster producono CBDA in quantità significative mentre gli altri 2 cluster reindirizzano le risorse metaboliche verso i percorsi di produzione del THCA. 
Sei metaboliti sconosciuti erano unici per i ceppi ricchi di CBD e/o correlati al CBDA e 3 incogniti sono stati trovati solo nei ceppi ricchi di THC. Insieme, questi dati indicano che l’addomesticamento del germoplasma della cannabis ha comportato una perdita del percorso CBDA in alcuni ceppi e la riallocazione delle risorse tra i percorsi CBDA e THCA in altri. 
L’impatto dell’addomesticamento è la mancanza di diversità chimica e la perdita di biodiversità nelle moderne varietà di cannabis. Sei metaboliti sconosciuti erano unici per i ceppi ricchi di CBD e/o correlati al CBDA e 3 incogniti sono stati trovati solo nei ceppi ricchi di THC. Insieme, questi dati indicano che l’addomesticamento del germoplasma della cannabis ha comportato una perdita del percorso CBDA in alcuni ceppi e la riallocazione delle risorse tra i percorsi CBDA e THCA in altri.

Continua a leggere…


Lotta alla droga & interessi privati della politica (niente è per caso..)

La posizione di CanaPuglia dopo quanto accaduto in Senato a discapito della filiera della canapa industriale in Italia.

“Devo ammettere in primis che sono una persona a cui non piace tanto scrivere. Ma questa volta lo devo fare. Abbiamo superato il livello più basso dell’intelligenza umana, quella che ci distingue dagli animali”, ha spiegato il presidente Claudio Natile”.

Continua a leggere…


STUDIO PRELIMINARE: CBG e CBC uccidono le cellule tumorali gastrointestinali

«Finanziato dalla società statunitense Cannabics Pharmaceuticals, una società focalizzata sullo sviluppo di terapie con cannabinoidi per il trattamento del cancro, i ricercatori israeliani hanno dimostrato l’efficacia antitumorale di CBG e CBC contro le linee cellulari di cancro gastrointestinale umano.»

   Postato da Andrea Sparr-Jasw
   TEL AVIV, Israele e BETHESDA, Maryland, 27 gennaio 2020

Cannabics Pharmaceuticals Inc. (OTCQB: CNBX), leader nella medicina cannabinoide personalizzata focalizzata sul cancro e sui suoi effetti collaterali, ha annunciato oggi che in una serie di test condotti presso la struttura High Through-put Screening (HTS) dell’azienda in Israele, ha è stato dimostrato che i cannabinoidi CBC (cannabicromene) e CBG (cannabigerol) presentano entrambi proprietà antitumorali, testati su cellule tumorali gastrointestinali umane.

Continua a leggere…


Cannabis legale: cosa dice la legge italiana?

di Redazione avvocato360 |

Cannabis legale: cosa dice la legge italiana?

La cannabis legale, è anche definita canapa ed è diventata legale in Italia a partire da 2016, con la legge 242. Si tratta di una marijuana depotenziata, nella quale il THC, tetraidrocannabinolo, non deve superare lo 0,2% per i venditori e lo 0,6% per gli agricoltori.


Il tema legato alla cannabis è delicato, ci sono molte implicazioni politiche e sociali, ed è necessario distinguere alcune tipologie: la marijuana legale, terapeutica e illegale.
In ogni caso la cannabis è una pianta ricca di storia, utilizzata anche dalle società antiche in campo tessile, cosmetico, medico e religioso.
In tutte le varietà esistenti ci sono diverse sostanze psicoattive, alcune stupefacenti, come il THC, cioè il tetraidrocannabinolo, in grado di rendere la piante illegale in molti paesi.
In modo particolare, per capire se la canapa è legale o meno, bisogna considerare proprio la concentrazione di tale sostanza, che non deve superare determinati limiti.
Possiamo dire che la cannabis legale, che può essere commercializzata non deve superare il limite dello 0,2%, mentre è possibile coltivarla fino allo 0,6%, come sottolineato anche dalla recente “circolare Salvini”.
Non dobbiamo, inoltre, confondere la tipologia legalizzata con la cannabis terapeutica, che presenta concentrazioni più elevate di TCH, da utilizzare esclusivamente per uso medico.
Proviamo, in seguito, a fare un po’ di chiarezza in merito, analizzando la legge del 2016, e le novità in materia.

  1. Canapa o cannabis?
  2. Cannabis legale: la legge del 2016
  3. Cannabis legale: quali sono gli usi?
  4. La cannabis terapeutica
  5. La cannabis illegale

Contina a leggere …


Disclaimer: il contenuto di questo articolo si basa sulle opinioni del Dr. Mercola, se non diversamente specificato. I singoli articoli si basano sulle opinioni del rispettivo autore, che conserva i diritti d’autore come contrassegnati. Le informazioni contenute in questo sito Web non intendono sostituire un rapporto individuale con un operatore sanitario qualificato e non istituire un consiglio medico. È inteso come una condivisione di conoscenze e informazioni provenienti dalla ricerca e dall’esperienza del Dr. Mercola e della sua comunità. Il Dr. Mercola ti incoraggia a prendere le tue decisioni sanitarie sulla base della tua ricerca e in collaborazione con un professionista qualificato sanitario. In caso di gravidanza, allattamento, assunzione di farmaci o condizioni mediche, consultare il proprio medico prima di utilizzare prodotti su questo contenuto.


Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

NON CI SONO COMPLOTTI

CI SONO PERSONE E FATTI

DOCUMENTATI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: