I cani robot assassini sono arrivati

Source: August 13, 2022; Analysis by Dr. Joseph Mercola [>Fact Checked<]

La coalizione Stop Killer Robots sta lavorando per garantire che gli esseri umani mantengano il controllo nell’uso della forza e chiede lo sviluppo del diritto internazionale sull’autonomia nei sistemi d’arma. Senza azione, la coalizione ritiene che l’impegno morale e le norme legali esistenti siano a rischio, perché la disumanizzazione digitale si espande


La storia in breve
  • La società di soluzioni Warfighter Sword Defense Systems ha debuttato con il suo fucile senza pilota per scopi speciali, o SPUR, nell’ottobre 2021
  • SPUR è progettato per offrire fuoco di precisione da robot o “piattaforme senza pilota”, incluso il quadrupede Vision-60 di Ghost Robotics, che assomiglia a un cane
  • I robot autonomi per cani assassini potrebbero essere rapidamente implementati non solo per scopi di sorveglianza e difesa, ma anche per manovre offensive per imporre paura e mantenere il controllo su una popolazione civile
  • Boston Dynamics, che produce una varietà di robot quadrupedi, ha affrontato alcuni degli inevitabili problemi di privacy, diritti civili e sicurezza che accompagnano tale tecnologia, incluso il divieto di armare qualsiasi delle loro macchine
  • La coalizione Stop Killer Robots sta lavorando per garantire che gli esseri umani mantengano il controllo nell’uso della forza e chiede lo sviluppo del diritto internazionale sull’autonomia nei sistemi d’arma
  • Senza azione, la coalizione ritiene che l’impegno morale e le norme legali esistenti siano a rischio, perché la disumanizzazione digitale si espande

Hai visto il video che circola online che mostra un cane robot che spara con un fucile d’assalto?1 Il filmato del cane robot che cammina e spara a vari bersagli con un fucile attaccato alla schiena è agghiacciante, ma probabilmente mostra un “giocattolo pericoloso messo insieme dalla start-up di da un ragazzo di hoverbike russo”, secondo The Verge.2

Il post del video del YouTuber Alexander Atamanov, che ha precedentemente pubblicato foto di se stesso mentre gioca con quello che sembra essere lo stesso cane robot, senza fucile e sembra avere un debole per l’equipaggiamento militare. “Sembra molto più probabile che abbia messo insieme un paio di suoi interessi, e meno probabile che stia seriamente perseguendo un’arma da guerra”, ha osservato The Verge.3

Tuttavia, mentre questo particolare dog-bot armato potrebbe non essere motivo di allarme, esistono cani robot con pistole e sono un inquietante avvertimento di come potrebbero essere gli scenari di combattimento futuri. Nel peggiore dei casi, i cani assassini robot potrebbero anche essere facilmente utilizzati per imporre paura e mantenere il controllo su una popolazione civile:4

«Il mondo si sta gradualmente rendendo conto che la tecnologia esiste già per trasformare i robot in armi letali, e il pensiero davvero spaventoso è che potrebbero iniziare a uccidere autonomamente, se non hanno già iniziato. Sembra quasi inevitabile a questo punto, cane o no.»

Dopo aver visto il video del cane robot assassino, lo scrittore politico James Melville ha twittato: “Gli orologi stanno battendo tredici”, riferendosi al romanzo distopico di George Orwell “1984”.5


Sono arrivati ​​robot quadrupedi e sistemi d’arma senza pilota

La società di soluzioni Warfighter Sword Defense Systems ha presentato il suo fucile senza pilota per scopi speciali, o SPUR, nell’ottobre 2021.6 Progettato per offrire fuoco di precisione da robot o “piattaforme senza pilota”, incluso il quadrupede Vision-60 di Ghost Robotics, che assomiglia a un cane, SPUR contiene speciali sensori che ne consentono l’attivazione in svariate condizioni, anche di notte.

“Lo SWORD Defense Systems SPUR™ è il futuro dei sistemi d’arma senza pilota, e quel futuro è adesso”, scrive l’azienda sulla loro pagina web.7 Il quadrupede Vision-60, nel frattempo, è un robot simile a un cane classificato come un “drone terrestre per tutte le stagioni da utilizzare in un’ampia gamma di ambienti urbani e naturali non strutturati per la difesa, nazionali e aziendali”, secondo Ghost Robotics.8 L’azienda ha spiegato:9

Ghost Robotics afferma di avere più di 25 clienti per la sicurezza nazionale e di aver spedito finora più di 200 robot.10 Ha collaborato con aziende del settore della difesa, nonché AT&T, Verizon, Amazon e Honeywell, tra le altre.11

È facile vedere come questi robot cinofili autonomi possano essere rapidamente implementati non solo per scopi di sorveglianza e difesa, ma anche per manovre offensive. “I dettagli sulla partnership tra Ghost e Sword non sono chiari”, ha osservato The Verge, “ma i robot quadrupedi di Ghost sono già stati testati dalle forze armate statunitensi”.12


Perché un produttore di robot proibisce le armi

Boston Dynamics, che produce una varietà di robot quadrupedi, incluso il noto Spot, ha affrontato alcuni degli inevitabili problemi di privacy, diritti civili e sicurezza che accompagnano tale tecnologia. A differenza di molti altri produttori di robot, hanno proibito l’armamento di qualsiasi loro macchina.

Uno dei loro principi etici afferma: “Non autorizzeremo né collaboreremo con coloro che desiderano utilizzare i nostri robot come armi o sistemi di puntamento autonomi. Se i nostri prodotti vengono utilizzati per danni, adotteremo le misure appropriate per mitigare tale uso improprio”.13 con le leggi sulla privacy e sui diritti civili:14

«Non autorizzeremo né collaboreremo con coloro che desiderano utilizzare i nostri robot in un modo che violi le leggi sulla privacy e sui diritti civili. Comprendiamo che le tecnologie emergenti di intelligenza artificiale, tra cui la visione artificiale e gli algoritmi di identificazione personale, sollevano interrogativi sull’etica, la legalità e il potenziale pregiudizio attorno al loro utilizzo nella sfera pubblica.»

Tuttavia, credono che la prossima generazione di robot saranno partner che “lavoreranno tra noi”, creando partnership uomo-robot.15 Per quanto riguarda i robot killer, altrimenti noti come sistemi d’arma autonomi letali, o LEGGI, il governo degli Stati Uniti è a bordo con loro. Secondo il Servizio di ricerca del Congresso al 1 dicembre 2020:16

«La politica degli Stati Uniti non vieta lo sviluppo o l’impiego di LEGGI. Sebbene gli Stati Uniti non abbiano attualmente LEGGI nel loro inventario, alcuni alti dirigenti militari e della difesa hanno affermato che gli Stati Uniti potrebbero essere obbligati a sviluppare LEGGI in futuro se potenziali avversari statunitensi sceglieranno di farlo.

Allo stesso tempo, un numero crescente di stati e organizzazioni non governative sta facendo appello alla comunità internazionale per la regolamentazione o il divieto delle LEGGI a causa di preoccupazioni etiche.»


Quarta rivoluzione industriale: i robot sostituiscono i lavoratori umani

La prima rivoluzione industriale, avvenuta tra l’inizio e la metà del 1800, portò l’uso della forza del vapore in tutto il mondo. La seconda rivoluzione industriale ebbe luogo tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo e coinvolse il progresso nelle industrie siderurgiche, elettriche e automobilistiche.17

La Terza Rivoluzione Industriale, secondo Klaus Schwab, fondatore e presidente esecutivo del World Economic Forum (WEF), “ha utilizzato l’elettronica e la tecnologia dell’informazione per automatizzare la produzione”, mentre la Quarta Rivoluzione Industriale, dice, è già iniziata ed “è caratterizzata da una fusione di tecnologie che sta oscurando i confini tra la sfera fisica, digitale e biologica”.18

È l’ulteriore emergere dell’intelligenza artificiale (AI) e dell’integrazione con gli esseri umani e l’uso dei robot in modi che non sono stati visti in precedenza, o in alcuni casi nemmeno immaginati.

Kai-Fu Lee, autore del libro “AI Super-Powers: China, Silicon Valley, and the New World Order” ed ex dirigente di Google China, ha affermato di ritenere che ci sarà un rapido spostamento di posti di lavoro man mano che i robot sostituiranno i lavoratori, e nei prossimi 10 anni saranno sostituiti così tanti posti di lavoro che le persone dovranno trovare la felicità senza lavorare.19 Amazon ha anche affermato che i magazzini di spedizione completamente automatizzati, in cui i robot sostituiranno gli esseri umani che evadono gli ordini, potrebbero essere a soli 10 anni di distanza.20

Nell’ambito del loro Jobs Reset Summit, il WEF ha anche affermato che il 50% dei dipendenti richiederà una riqualificazione entro il 2025, “perché la “doppia interruzione” degli impatti economici della pandemia e della crescente automazione che trasforma i posti di lavoro prende piede”.21 Il WEF afferma che 85 milioni di posti di lavoro potrebbero essere eliminati entro il 2025, mentre altri 97 milioni potrebbero essere creati per affrontare “la nuova divisione del lavoro tra umani, macchine e algoritmi”.

Ma la realtà è che solo una piccola parte delle persone probabilmente troverebbe lavoro in questo mondo robotico guidato dall’intelligenza artificiale, il che richiederebbe l’introduzione di un reddito di base universale.

Inizialmente può sembrare una buona cosa, ma quando la tua capacità di guadagnare un reddito indipendente viene distrutta, diventi dipendente e alla mercé dell’élite che ha il controllo di quel reddito e delle risorse che lo circondano. Potrebbe anche emergere la remissione universale del debito, in cambio della perdita di tutti i diritti di proprietà privata in futuro. Porta dentro cani robot armati e hai una ricetta per la tirannia.


Problemi con la disumanizzazione digitale

Ci sono molte interessanti applicazioni di robotica in lavorazione, molte delle quali potrebbero avere un impatto positivo sulla società. Ad esempio, un robot a quattro zampe creato da Boston Dynamics è stato testato al pronto soccorso di Boston, conducendo interviste di triage con persone invece che con un medico umano.22,23

La maggior parte ha affermato che l’esperienza è stata simile a una visita di persona e ha persino espresso apertura ai robot che prelevano tamponi nasali, inseriscono cateteri, prelevano sangue e altro ancora.

Il team sta ora lavorando su robot più piccoli che sarebbero in grado di interagire con i pazienti al di fuori di un tipico ambiente ospedaliero, come in un’ambulanza o in un ospedale da campo, oltre a sviluppare sensori che potrebbero rilevare i segni vitali a distanza.24 Tuttavia, l’uso di i robot possono avere conseguenze significative, portando alla disumanizzazione digitale.

Secondo la coalizione Stop Killer Robots, la tecnologia dovrebbe essere utilizzata per conferire potere, non per ridurre gli esseri umani a “uno schema di 1 e 0”.25 Oltre a lavorare per garantire che gli esseri umani mantengano il controllo nell’uso della forza, stanno chiamando per lo sviluppo del diritto internazionale sull’autonomia nei sistemi d’arma. Senza azione, la coalizione ritiene che l’impegno morale e le norme legali esistenti siano a rischio, poiché la disumanizzazione digitale si espande:26

«Le macchine non ci vedono come persone, solo un altro pezzo di codice da elaborare e ordinare. Dalle case intelligenti all’uso di cani robot da parte delle forze dell’ordine, A.I. le tecnologie e il processo decisionale automatizzato stanno ora svolgendo un ruolo significativo nelle nostre vite. All’estremo limite dello spettro dell’automazione si trovano i robot killer.

I robot killer non appaiono solo: li creiamo noi. Se permettiamo questa disumanizzazione, lotteremo per proteggerci dal processo decisionale automatico in altre aree della nostra vita. Dobbiamo vietare i sistemi d’arma autonomi che verrebbero usati contro le persone, per evitare questo scivolamento verso la disumanizzazione digitale.»


L’ingegnere afferma che l’intelligenza artificiale ha raggiunto la singolarità

Con l’avanzare dell’IA e della robotica, gli esseri umani si stanno spostando in un territorio inesplorato, in cui i confini tra umani e macchine diventano confusi. Secondo l’ingegnere di Google Blake Lemoine, un’applicazione chatbot di intelligenza artificiale chiamata LaMDA, abbreviazione di Language Model for Dialogue Applications, ha raggiunto la senzienza, o coscienza indipendente di autoconsapevolezza.27

Google ha respinto le affermazioni di Lemoine e lo ha messo in congedo amministrativo retribuito per violazione della riservatezza, ma rimane molto dibattito sul fatto che l’IA possa diventare consapevole di sé ed evolversi oltre il controllo umano. Il potenziale per il mondo di prendere una svolta molto oscura, soprattutto alla luce dei letali sistemi d’arma autonomi, sarebbe immenso, anche se molti credono che l’IA sia, e probabilmente rimarrà, non senziente.

Una preoccupazione più urgente, almeno per il momento, è il continuo sviluppo di robot usati per uccidere. In quello che probabilmente è solo l’inizio, nel 2020, il principale scienziato nucleare iraniano, Mohsen Fakhrizadeh, è ​​stato assassinato utilizzando un “robot killer”, una mitragliatrice attaccata a uno strumento robotico dotato di intelligenza artificiale e “occhi” multipli di telecamere, che è stato azionato tramite satellite.28

I rapporti affermano anche che i droni assistiti dall’IA armati potrebbero aver agito in modo autonomo e ucciso esseri umani durante la seconda guerra civile libica, nel marzo 2020.29 Come spesso accade, il progresso tecnologico ha superato la capacità degli esseri umani di comprenderne appieno le ripercussioni, nel bene e nel male. Parlando a The Verge, Elke Schwarz, affiliata all’International Committee for Robot Arms Control, ha spiegato:30

«Nel mio lavoro cerco di mostrare che l’uso di questi tipi di sistemi rischia di esacerbare l’azione violenta come scelta “più facile”. E … molto probabilmente prevarranno gli errori […] che verranno probabilmente affrontati solo a posteriori.»

Fonti & Referenze

Dr. Joseph Mercola


Disclaimer: il contenuto di questo articolo si basa sulle opinioni del Dr. Mercola, se non diversamente specificato. I singoli articoli si basano sulle opinioni del rispettivo autore, che conserva i diritti d’autore come contrassegnati. Le informazioni contenute in questo sito Web non intendono sostituire un rapporto individuale con un operatore sanitario qualificato e non istituire un consiglio medico. È inteso come una condivisione di conoscenze e informazioni provenienti dalla ricerca e dall’esperienza del Dr. Mercola e della sua comunità. Il Dr. Mercola ti incoraggia a prendere le tue decisioni sanitarie sulla base della tua ricerca e in collaborazione con un professionista qualificato sanitario. In caso di gravidanza, allattamento, assunzione di farmaci o condizioni mediche, consultare il proprio medico prima di utilizzare prodotti su questo contenuto.


Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

NON CI SONO COMPLOTTI

CI SONO PERSONE E FATTI

DOCUMENTATI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: