La paura del contagio ci rende intolleranti e conformi?

Questa storia parla di paura, contagio, istinti, amore e compassione. Si tratta anche del trionfo finale della libertà sull’oscurità.


La storia in breve
  • Il “sistema immunitario comportamentale” è un insieme di istinti e abitudini acquisite che ci aiutano a evitare gli agenti patogeni in natura
  • Scienziati comportamentali e psicologi che hanno studiato la paura della malattia e del contagio hanno scoperto che ci rende più inclini a punire chi non segue le regole ufficiali
  • Durante il COVID, il nostro naturale “senso di disgusto” è stato cinicamente utilizzato per manipolare le nostre emozioni e il nostro comportamento
  • Alcuni degli scienziati impegnati nell’ingegneria sociale potrebbero essere stati ben intenzionati, ma è stata comunque una cosa molto sbagliata da fare
  • Alla fine, spetta a ciascuno di noi superare il nostro trauma e la nostra paura e compiere la misteriosa trasformazione da bambino ferito a guerriero

La “prova del tornasole” del 2020

Spesso ci chiediamo perché nel 2020 alcune persone siano cadute sotto l’incantesimo della cattiva magia dell’establishment, e alcune ci hanno visto e rifiutato la paura.

Credo che uno dei motivi per cui alcuni di noi sono stati in grado di vedere attraverso i terroristi mentre altri sono rimasti incantati è perché nel 2020 i “ribelli” erano già stati “iniziati” dalla vita a sapere che soccombere alla paura e fidarsi di chi abusa erano costosi – e gli accondiscendenti non erano ancora stati costretti ad acquisire quella conoscenza. (Per la cronaca, ho scritto il mio primo Substack “pandemia” nell’aprile 2020 – e sì, all’epoca avevo paura ma avevo più paura di essere una codarda.)

In altre parole, la differenza non riguardava l’essere “intelligenti” e “stupidi”, ma l’esperienza e il conoscere il costo della sottomissione. L’abisso tra le due reazioni ha messo in luce una differenza evolutiva, lo stato dell’anima in questo momento – proprio come la differenza tra un bambino che ha acquisito fiducia essendo costretto a resistere ai bulli – e un bambino che, finora, è stato risparmiato e chi deve ancora impararlo.

Entrambi i gruppi hanno agito per autoconservazione – ma i “ribelli” non sono stati spaventati a lungo dalla paura del contagio e sono stati invece disgustati dalla propaganda – mentre le persone che hanno obbedito sono state completamente sopraffatte dalla paura di morire.

E come sappiamo, i beneficiari del panico di massa hanno investito molti soldi e sforzi per creare esattamente quella sensazione. I manipolatori sono riusciti temporaneamente a mascherare chirurgicamente gli antichi istinti delle persone e a trasformarli in armi di autodistruzione di massa.

Resistere ai manipolatori richiedeva conoscenze sensoriali. Alcune persone ce l’hanno e altre no. La buona notizia è che molte persone stanno acquisendo quella conoscenza sensoriale ora. Questa è davvero la parte migliore di tutta la faccenda!


“Sistema immunitario comportamentale”

A quanto pare, un certo numero di scienziati nel corso degli anni ha studiato formalmente la paura del contagio e il senso di disgusto negli esseri umani e l’impatto di quelle emozioni sui comportamenti sociali. Purtroppo, sembra che parte di quella ricerca sia andata direttamente nelle campagne del 2020 sulla paura della produzione e sulla conformità ingegneristica.

Il termine “sistema immunitario comportamentale” è stato coniato da Mark Schaller, psicologo dell’Università della British Columbia. Nel 2012 ha pubblicato un articolo intitolato Danger, Disease, and the Nature of Prejudice(s). In quel documento, ha analizzato due tipi di minacce e come si trasformano in pregiudizio sociale e discriminazione: la minaccia di violenza interpersonale e la minaccia di malattie infettive.

La minaccia inferita di violenza interpersonale porta a un pregiudizio di paura contro i membri di gruppi esterni di coalizione. Questo pregiudizio (insieme a una serie di conseguenze cognitive) emerge soprattutto in condizioni che connotano la vulnerabilità al danno interpersonale”.

«La minaccia dedotta di malattie infettive porta a un pregiudizio di disgusto nei confronti di individui il cui aspetto morfologico o comportamento devia dagli standard normativi. Questo pregiudizio emerge soprattutto in condizioni che connotano la vulnerabilità al contagio.

Insieme, queste linee di ricerca forniscono spunti sulle origini dei pregiudizi diretti contro molte diverse categorie di persone (molte delle quali non rappresentano una minaccia reale di sorta [sottolineatura mia].»

Quindi, cosa succede quando ricchi profittatori con secondi fini decidono di portare avanti una losca riforma con il pretesto di una pericolosa pandemia e mettono in moto una massiccia campagna in corso per far pensare a tutti l’infezione 24 ore su 24, 7 giorni su 7 ed essere perennemente spaventati? Quello che succede è un’isteria da furto!

Torna a Schaller. Secondo l’autrice Kathleen McAuliffe, Mark Schaller ha coniato il termine “sistema immunitario comportamentale” per descrivere pensieri e sentimenti che vengono automaticamente in mente quando percepiamo di essere a rischio di infezione, spingendoci ad agire in modi che limiteranno la nostra esposizione.

Gli studi di Schaller e di altri ricercatori indicano che le persone che si preoccupano cronicamente della malattia sono particolarmente inclini all’antipatia verso coloro il cui aspetto diverge dal modello “normale”, e queste persone hanno difficoltà ad andare oltre quella reazione [enfasi mia].

«Rispetto alle persone non afflitte da tali problemi di salute, è meno probabile che abbiano amici disabili; per conto loro, sono meno inclini a viaggiare all’estero o ad impegnarsi in altre attività che potrebbero metterli in contatto con stranieri o cucine esotiche, mostrano più frequentemente sentimenti negativi verso gli anziani alla prova di atteggiamenti impliciti…»

Schaller ha condotto alcuni interessanti esperimenti psicologici per vedere come la sensazione di disgusto nel contesto delle malattie trasmissibili ha influenzato le scelte apparentemente non correlate delle persone. In uno di quegli esperimenti ha mostrato a due gruppi di canadesi, immagini diverse (correlate alla malattia rispetto a quelle legate alla violenza in generale), e poi ha posto loro domande politiche.

Nel primo gruppo, ha “ribellato i soggetti con una proiezione di diapositive di nasi mocciosi, volti coperti di macchie di morbillo e altri stimoli correlati alla malattia che ricerche precedenti avevano dimostrato evocavano un disgusto quasi universale. Il gruppo di controllo ha visto immagini che ritraggono minacce non correlate all’infezione, ad esempio folgorazione o essere investiti da un’auto”.

«A tutti i soggetti è stato quindi chiesto di compilare un questionario che valutasse il loro sostegno allo stanziamento di fondi governativi per aiutare gli immigrati provenienti da Taiwan e dalla Polonia (gruppi che consideravano molto familiari) … rispetto agli immigrati dalla Mongolia e dal Perù (che consideravano sconosciuti).

Rispetto ai controlli, i soggetti che hanno visto le foto evocatrici di germi hanno mostrato una preferenza nettamente elevata per i gruppi di immigrati familiari rispetto a quelli meno conosciuti.

Schaller ha offerto questa interpretazione dei risultati: nel corso della storia umana, le persone esotiche hanno portato con sé germi esotici, che tendono ad essere particolarmente virulenti per le popolazioni locali, quindi l’estraneità sembra innescare pregiudizi quando ci sentiamo maggiormente a rischio di ammalarci.

Inoltre, potrebbe essere che si nascondano nel retro della nostra mente le preoccupazioni che lo straniero non abbia standard igienici elevati o che non segua pratiche culinarie che riducono il rischio di malattie di origine alimentare. Il pregiudizio, fa notare Schaller, consiste nell’evitare gli altri sulla base di impressioni superficiali, quindi il sentimento, per quanto brutto, è idealmente adatto allo scopo di proteggerci dalla malattia.»

Tale ipotesi può spiegare la paura illogica e il forte sentimento negativo contro i “vaccini rifiutati” provati da molti sostenitori delle iniezioni di COVID nonostante il fatto che le iniezioni non abbiano fermato l’infezione o la trasmissione (cosa nota subito, anche se la narrativa è stata “rilasciata” in fasi).

Gli ingegneri sociali hanno manipolato il disgusto di proposito e la paura illogica era lì per confondere i sensi, per spingere la narrativa dell’establishment, la riforma sociale e il “prodotto”!


“Disgustologia”

Lo psicologo Paul Rozin, professore di psicologia all’Università della Pennsylvania, è considerato il “padre del disgusto”. Secondo Kathleen McAuliffe, ha teorizzato che “l’emozione del disgusto si è evoluta per proteggerci dall’intossicazione alimentare e dalle tossine amare, ma per il resto è in gran parte, se non del tutto, determinata dalla cultura. Ha anche progettato esperimenti intelligenti e provocatori per esplorare il senso di contaminazione delle persone”.

«Ad esempio, ha offerto ai soggetti oggetti come caramelle a forma di escremento di cane o succo d’arancia in cui galleggiava uno scarafaggio sterilizzato. I suoi porcellini d’India umani non erano entusiasti di partecipare: la prova, ha concluso, che le nostre opinioni sulla contaminazione sono modellate dall’idea che potremmo diventare ciò che mangiamo o che l’essenza di un oggetto può essere impartita a qualsiasi cosa lo tocchi’.»


Val Curtis, scienziata e missionario dell’igiene

Val Curtis era una scienziata britannica, un appassionata sostenitrice dell’igiene e direttore dell’Environmental Health Group presso la London School of Hygiene and Tropical Medicine. Purtroppo è morta nell’ottobre 2020.

Il suo lavoro pone una serie di domande filosofiche perché sembra che nei suoi sforzi di ingegneria sociale, intendesse bene e credesse sinceramente che gli indigeni in Africa avessero bisogno del suo contributo e delle cure dei genitori sotto forma di cambiare le loro abitudini di vita in ciò che considerava buono. Una domanda filosofica, tuttavia: aveva ragione nelle sue ipotesi? Ha capito la cultura ed i ragionamenti delle persone che ha “educato”?

Come faceva a sapere che la sua conoscenza era superiore alla loro? E qual è quella cosa che ci costringe a fare di tutto ed a interrompere le abitudini delle altre persone mentre si fanno gli affari loro?

Nel 2020, continuando la sua missione di salute pubblica, come membro del Scientific Pandemic Influenza Group on Behaviors e collaboratore di SAGE, ha consigliato al governo del Regno Unito come “incoraggiare le persone ad aderire alle raccomandazioni”. Trovo tragica l’ambizione di ingegneria sociale, ma ora è nell’altro mondo e probabilmente era un essere umano complesso, quindi possa riposare in pace.

Nel video qui sotto, ha parlato di come gli oggetti controllano il nostro comportamento e dell’ingegneria sociale (“perturbazione delle impostazioni” e “controllo della devianza sociale”). Questo video è davvero interessante se volete capire cosa abbiamo passato negli ultimi due anni. E ancora, la domanda filosofica è: e se l’ingegnere sociale manageriale fosse ben intenzionato ma completamente fuori dalla sua comprensione della realtà? Cosa poi?

È interessante notare che, secondo Kathleen McAuliffe, ha scoperto che “le persone che sono più respinte dal comportamento non igienico percepito hanno ottenuto punteggi più alti della media in un test di orientamento verso la punizione, ovvero, sono più propensi a sostenere il lancio di criminali in prigione e l’imposizione pene severe per chi infrange le regole della società”. [neretto mio ndr.]


Psicologia morale

Un altro scienziato di nome David Pizarro, che insegna alla Cornell University, ha studiato la correlazione tra disgusto e prospettive morali e politiche. Ha scoperto che le persone che erano più facilmente inclini a sentirsi disgustate tendevano ad essere più politicamente conservatrici (nella definizione pre-COVID, che è diversa da quella odierna).

Ma ancora più interessante, ha scoperto che disgustare temporaneamente le persone esponendole a un cattivo odore o a un’immagine sgradevole – o anche solo chiedendo loro di compilare il questionario accanto a un cartello che ricorda loro di lavarsi le mani – ha fortemente inclinato le loro risposte verso valori politici, morali e sessuali più basati su regole.

Kathleen McAuliffe osserva:

«Problematico, uno studio su persone che prestavano servizio come giurati finti ha rilevato che coloro che sono altamente inclini al disgusto erano più inclini a giudicare prove ambigue come prove di illeciti criminali, a imporre condanne più rigide ed a considerare il sospettato malvagio. Rispetto alle loro controparti meno facilmente ribellate, erano anche più inclini a nutrire un senso esagerato della prevalenza del crimine nei loro stessi quartieri.

Uno studio correlato i cui partecipanti includevano studenti di giurisprudenza, cadetti di polizia ed esperti forensi ha mostrato allo stesso modo che la sensibilità al disgusto era correlata alla tendenza a giudicare il crimine in modo più severamente e punire gli autori con pene più lunghe – e questa associazione ha resistito anche per esperti forensi veterani che erano abituati vedere prove raccapriccianti.»


Il disgusto come arma

Come vediamo, la sensazione di disgusto è un forte motivatore. E questa è esattamente la sensazione che hanno cercato di evocare in noi riguardo ai rischi biologici, formalmente conosciuti come i nostri esseri umani abbattuti.


Usare l’istinto per progettare la conformità

Dicono che non possiamo giudicare un’altra persona senza camminare per un miglio nei suoi panni. Verissimo! Per quanto ci lusinghiamo proclamando che siamo esseri rigorosamente razionali, le nostre azioni sono davvero determinate dai nostri sentimenti – e i nostri sentimenti in ogni momento sono determinati dalle esperienze che abbiamo vissuto, specialmente da bambini, e da come abbiamo elaborato loro – e una miriade di fattori adiacenti e sovrapposti, come, ad esempio, la complicata danza di segnali chimici, sonori, elettrici, magnetici e di altro tipo generati dalle nostre stesse cellule e dal nostro microbioma.

Rivestiamo tutta questa misteriosa elettricità di “idee” ma è davvero un mare di sentimenti! Agiamo in base alla nostra condizione sensoriale e poi, come persone “razionali”, spieghiamo le nostre scelte con strutture logiche. Il motivo per cui lo sollevo perché dal 2020 siamo stati oggetto di una campagna intensiva progettata per confondere i nostri sensi, attaccarci con la paura, attivare il nostro cosiddetto “sistema immunitario comportamentale” e trasformarlo contro ogni ragione o logica.


Ed ecco che arriva la gentilezza

Nel corso della mia vita, sono arrivata a credere che una buona strategia sia mantenere gli occhi sulla nostra protezione – senza panico – e sulla guarigione, e non spendere troppe energie per giudicare gli altri, soprattutto se sono sinceri ma lenti per capire le cose. Come mai? Perché siamo tutti studenti. Siamo tutti imperfetti (lo so di esserlo).

E nonostante gli zigzag, di proposito, tutti noi – forse con l’eccezione di quelli nati per la predazione – siamo sulla strada per onorare il nostro coraggio, sia che richieda poco o molto tempo, sia che impariamo attraverso la saggezza intuitiva o attraverso disperazione.

Concentrarsi sulla protezione e sulla guarigione onora il Creatore (indipendentemente da come comunichiamo con il sacro) e non lascia spazio alle tossine emotive (che hanno l’abitudine di “saltare gli ospiti” e “cambiare argomento” senza cambiare il loro impatto velenoso, motivo per cui è fondamentale rimanere equilibrati, avere fede nel significato del quadro più ampio e tenere gli occhi puntati sulla nostra destinazione finale, che è la dignità e la guarigione).


Quando l’establishment è proprio come un coniuge violento

Nel mio caso, ho abbassato il prezzo di non tenere testa ai bulli quando il mio matrimonio abusivo è diventato improvvisamente surreale e pericoloso. L’avventura è stata così pazza e drammatica che la lezione è rimasta con me per sempre, quindi quando nel marzo 2020 la proverbiale televisione ha iniziato a usare un linguaggio simile a quello del mio ex marito violento, non potevo fidarmi di essa.

Essendo stata una volta nella negazione, ed essendo scattata fuori dalla negazione solo quando dovevo, ho imparato a non giudicare ma, invece, a concentrarmi sui compiti pratici di proteggermi e fare ciò che posso per incoraggiare la guarigione.

Quindi, quando guardo ai pazzi lockdown di oggi, vedo i miei – sì, turbati, sì, pericolosamente agitati e talvolta fastidiosi, ma nondimeno – fratelli e sorelle che possono usare una preghiera sincera per la guarigione oltre a qualsiasi esperienza la vita può provvedere loro a ristabilire la loro bussola spirituale.


Predatori

Per quanto riguarda gli Schwab e i Rockefeller, sono predatori con una funzione esistenziale di risvegliarci dal sonno. Sono così odiosi perché non ci stiamo ancora legando insieme, ma invece, litighiamo l’uno con l’altro, reagiamo alle nostre paure.

Credo che stiano percorrendo il loro viaggio esistenziale che si inserisce nel quadro generale e abbraccia tutta la vita, ma a differenza delle loro politiche e azioni, il loro viaggio esistenziale non è di grande interesse per me in questo momento. Basta pensare alla loro attuale operazione militare contro il popolo.


Superare ogni paura

Veniamo da tutti i ceti sociali, da diverse origini e background diversi. Possiamo ammetterlo o meno, ma a un certo punto siamo stati tutti danneggiati e alcuni di noi sono guariti e altri stanno ancora soffrendo. E tutti abbiamo provato paura.

È mia convinzione appassionata che ci sia una grande differenza tra essere vigili e andare fuori di testa. Nell’ambiente odierno è facile avere paura, che si tratti di agenti patogeni della biologia sintetica o della Quarta Rivoluzione Industriale, ma avere paura è esattamente ciò che dobbiamo evitare.

Sì, tutti noi occasionalmente proviamo paura, ma la differenza qualitativa sta nel modo in cui reagiamo ad essa e nel modo in cui agiamo nei confronti dei nostri coetanei sinceri che scatenano la nostra paura. Personalmente, ho scoperto che solo l’amore e l’aiuto delle forze spirituali ci danno il potere di rimanere freddi di fronte al sentirci minacciati. È quel momento in cui un bambino ferito diventa un guerriero e poi accadono i miracoli.


Sull’autore

Per saperne di più sul lavoro di Tessa Lena, assicurati di controllare la sua biografia, Tessa Fights Robots.

Source: August 12, 2022; Analysis by Tessa Lena


Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

NON CI SONO COMPLOTTI

CI SONO PERSONE E FATTI

DOCUMENTATI

Una opinione su "La paura del contagio ci rende intolleranti e conformi?"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: