Demolizione controllata in pieno svolgimento

Source: ; by Cap Allon

  • Freddo da record in Ecuador;
  • L’Argentina meridionale ha sofferto un luglio molto freddo;
  • Demolizione controllata in pieno svolgimento

Freddo da record in Ecuador

Le mattine storicamente fredde sono state subite in Ecuador durante il fine settimana, in particolare nelle Highlands della nazione.

Sono state notate forti gelate quando il termometro è sceso al di sotto del punto di congelamento.

La città di Latacunga, ad esempio, è precipitata a -3,8°C (25°F) — un nuovo minimo storico per il mese di agosto, e una lettura di soli 0,9°C dal minimo mensile nazionale, il -4,7°C (23,5°F) fissato a Pisayambo.

La grafica qui sotto è gentilmente concessa da Inamhi:


L’Argentina meridionale ha sofferto un luglio molto freddo

Soggiornando in Sud America, luglio 2022 nell’Argentina meridionale è stato un mese molto freddo con anomalie della temperatura che hanno terminato di circa -3°C al di sotto della norma multidecennale, estendendo i freddi storici sentiti in autunno (l’autunno più freddo dell’Argentina dal 1976).

Al contrario, luglio è stato anormalmente caldo nell’Argentina settentrionale, con il caldo che si estendeva anche al Paraguay ed al Brasile meridionale. Tuttavia, tutto ciò cambierà questa settimana quando una feroce perturbazione antartica si prepara a salire fino al Messico.

Ciò si rivelerà un oscillazione tra gli estremi per artisti del calibro del Paraguay poiché la nazione passa da 39°C (102°F) a gelate quasi dall’oggi al domani.

Entrambi gli scenari, caldi o freddi, sono cattive notizie per le colture. I mercati dei cereali speravano che un raccolto eccezionale in Sud America potesse in qualche modo compensare le scarse rese attese dal Nord America e dall’Europa, in particolare l’Ucraina, ovviamente, “il granaio d’Europa”. Tuttavia, sia il Brasile che l’Argentina sono in calo, i due maggiori coltivatori del Sud America, con il primo che ha recentemente annunciato un calo dell’8,9% delle esportazioni di soia durante la prima metà del 2022.

Le prime aspettative che l’Argentina potesse trarre vantaggio dalla debacle del Mar Nero sono svanite mesi fa quando una combinazione di freddo, inflazione e incertezza politica ha contrastato – e continua a ostacolare – il settore agricolo e di esportazione del paese.

Il raccolto di grano invernale 2022/23 è stato piantato sotto l’impatto persistente di una seconda La Nina consecutiva (e tra i primi timori di una terza La Nina consecutiva estremamente rara) con condizioni di freddo e siccità che hanno ostacolato il progresso della semina.

In aggiunta ai guai, i prezzi elevati per input chiave come i fertilizzanti significano che gli agricoltori sono ancora più dipendenti dall’ottenere il clima giusto al momento giusto: minore applicazione di fertilizzanti, erbicidi e pesticidi = minore resa.

“Quest’anno ci saranno meno ettari coltivati ​​a grano e meno uso di fertilizzanti in questa stagione”, ha detto ad Agricensus Jeremias Battistoni, analista di mercato di AZ Group, che è una ricetta per il disastro, e la guerra agli agricoltori è appena iniziata…


Demolizione controllata in pieno svolgimento

Continuerò a dirlo finché non sarò blu in faccia e continuerò a scriverlo fino a quando i miei polpastrelli non saranno arrossati e pieni di vesciche: questa è una “demolizione controllata” della società, che è stata pianificata per molti molti anni.

“Loro” – cioè le banche centrali e le grandi società – sono riusciti a ingannare una parte non trascurabile della popolazione globale facendogli pensare che sia necessario qualcosa di simile a un “Grande Ripristino”. Grazie a una campagna di propaganda multidecennale, promossa attraverso i loro cagnolini MSM, l’attuale stile di vita della persona media – cioè di abbondanza, almeno da una prospettiva storica – presumibilmente sta distruggendo il clima e alla fine vedrà il completo annientamento del nostro pianeta natale.

Questa è un’affermazione ridicola, ovviamente, ma è quella che hanno picchiato ripetutamente le persone fin dalla tenera età.

Sono riusciti a elaborare una narrazione in base alla quale qualsiasi caldo, qualsiasi siccità, qualsiasi inondazione o qualsiasi gelo (noto anche come “vortice polare”) è una prova innegabile della loro crisi climatica. E la propaganda con successo ci crede! Ci perdono il sonno, preparano cartelli colorati per mostrare la loro angoscia e si siedono davanti al traffico autostradale per dimostrare, in sostanza, la loro lealtà alla causa, per giurare fedeltà al Partito AGW.

Ma quando guardi, e intendo strappare il sipario e guardare obiettivamente la realtà fissando indietro, e valutarla onestamente, non c’è altra conclusione logica che dire che questa è una gigantesca truffa giocata sulle masse doverose e compiacenti: le masse indottrinate.

L’obiettivo?

Ebbene, la paura è un ottimo meccanismo di controllo, ovviamente; ma più di questo, hai l’aspetto del trasferimento di ricchezza. Il cambiamento climatico, come il COVID, ha visto i conti bancari della popolazione in generale prosciugati con il capitale che in qualche modo è finito nelle mani dei ricchi. In qualche modo, anche dopo la più grande politica di stampa di denaro nella storia dell’umanità, la persona media è alle prese con gli standard di vita più bassi a memoria d’uomo.

Il denaro non è scomparso, ovviamente; piuttosto, come spiegato sopra, è stato catapultato “su”, sparato nella stratosfera e direttamente nelle tasche delle élite. Questi ciarlatani – l’1% – stanno attivamente spingendo politiche economiche paralizzanti sulla persona media, ma poi stanno giocando secondo una serie di regole molto diverse in privato (con i jet privati ​​che sono il “piacere colpevole” di Bill Gates – ha recentemente ammesso mentre promuoveva il suo libro su come prevenire una catastrofe climatica).

Il premier canadese e il tirapiedi del WEF Justin Trudeau, ad esempio, hanno aumentato di 900 milioni di dollari i sussidi annuali medi del Canada per i combustibili fossili. Il settore FF ha anche beneficiato di un aiuto federale di 10,7 miliardi di dollari all’anno sotto il suo governo. Questo è successo dietro le quinte, mentre in mostra pubblica c’era un uomo e un governo che esortavano i cittadini a ridurre drasticamente la loro “impronta di carbonio”, ad es. standard di vita, al fine di salvare il mondo. Ma se si verificasse davvero una “emergenza climatica” – e grazie a Dio non lo è – allora Trudeau ne sarebbe complice grazie al suo governo che la finanzia attivamente.

In un paese dopo l’altro, sono i più ricchi quelli che continuano a essere meno colpiti dalle politiche climatiche e in effetti dalle pandemie, mentre allo stesso tempo rimangono anche, di gran lunga, i maggiori emettitori della sua causa apparente: il carbonio (l’elemento costitutivo della vita)..

Secondo un rapporto di Oxfam, negli ultimi 25 anni l’1% più ricco della popolazione mondiale ha utilizzato il doppio del carbonio rispetto al 50% più povero. È anche vero che il termine “impronta di carbonio” è stato ideato dalla British Petroleum (BP) nient’altro che una mossa di pubbliche relazioni.

In altre parole, stanno ridendo di noi mentre ci spingono sempre più vicini alla servitù.

E brevemente sulla pandemia: la risposta universalmente identica adottata da ogni singolo leader mondiale – vale a dire blocchi, stampa di denaro aggiuntivo e vaccinazioni obbligatorie – probabilmente si rivelerà l’ultimo chiodo nella bara della democrazia.

La vita continuerà normalmente per i ricchi, la vita continuerà effettivamente a migliorare per i ricchi – se giudichi queste cose in base alla ricchezza e alla libertà – ma noi, le persone, siamo stati relegati a una “nuova normalità” che tradotto significa “aspettarsi di meno” e “abbassa le tue aspettative”.

È giunto il momento che la “percentuale non insignificante della popolazione mondiale” – coloro che sono caduti nella “crisi climatica” e che sono stati indotti a spararsi tra le braccia una terapia genica sperimentale – si facciano da parte e permettano a coloro che sono svegli di combattere questa lotta:

La carenza di energia sta arrivando per questo inverno e centinaia di milioni di persone ne soffriranno, tutto in base alla progettazione.

L’ex presidente Barack Obama lo sa, ovviamente, da qui la recente installazione di un serbatoio di propano da 2.500 galloni sulla proprietà fronte mare della sua famiglia a Martha’s Vineyard. Questo schiaffo in faccia dovrebbe risvegliare anche il più fedele degli allarmisti climatici, ma, per qualsiasi motivo – probabilmente la formazione di massa – questi sciocchi ignorano ancora deliberatamente tale ipocrisia palese e rivelatrice.

Electroverse


TEMPI FREDDI stanno tornando, le medie latitudini si stanno RAFFREDDANDO in linea con la grande congiunzione, l’attività solare storicamente bassa, i raggi cosmici che nucleano le nuvole e una corrente a getto meridionale (tra le altre forzature).

Sia il NOAA che la NASA sembrano concordare, se si legge tra le righe, con NOAA che afferma che stiamo entrando in un grande minimo solare in piena regola alla fine del 2020, e la NASA vede questo prossimo ciclo solare (25) come “il più debole degli ultimi 200 anni“, con i precedenti spegnimenti solari periodi prolungati di raffreddamento globale QUI.

Inoltre, non possiamo ignorare la moltitudine di nuovi articoli scientifici che affermano l’immenso impatto che il Beaufort Gyre potrebbe avere sulla Corrente del Golfo, e quindi sul clima in generale.


Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

NON CI SONO COMPLOTTI

CI SONO PERSONE E FATTI

DOCUMENTATI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: