Cosa c’è dietro all’impennata improvvisa dell’autismo?

Source: August 17, 2022; Analysis by Dr. Joseph Mercola [>Fact Checked<]

I tassi di autismo continuano ad aumentare negli Stati Uniti, con le ultime stime che mostrano che a 1 su 30, ovvero il 3,49%, dei bambini di età compresa tra 3 e 17 anni è stato diagnosticato un disturbo dello spettro autistico (ASD) nel 2020.


La storia in breve
  • I dati suggeriscono che 1 su 30, ovvero il 3,49%, dei bambini di età compresa tra 3 e 17 anni è stato diagnosticato con disturbi dello spettro autistico (ASD) nel 2020
  • Il tasso di autismo nelle famiglie a basso reddito è più alto che nelle famiglie a reddito più alto e le famiglie a basso reddito tendono ad avere tassi di vaccinazione più elevati rispetto alle famiglie a reddito più elevato
  • Nel 2010, il tribunale federale dei vaccini ha ammesso che l’autismo di Hannah Poling era il risultato di vaccinazioni, che “aggravavano in modo significativo un disturbo mitocondriale sottostante”
  • Anche l’esposizione a glifosato, mercurio, piombo, alluminio e altre sostanze chimiche, inclusi ftalati e l’inquinamento atmosferico, sono implicate nell’autismo
  • Anche l’uso del paracetamolo, di marca Tylenol, durante la gravidanza aumenta il rischio di autismo nei bambini

I tassi di autismo continuano ad aumentare negli Stati Uniti, con le ultime stime che mostrano che a 1 su 30, ovvero il 3,49%, dei bambini di età compresa tra 3 e 17 anni è stato diagnosticato un disturbo dello spettro autistico (ASD) nel 2020.1 I dati, raccolti nel 2019 e nel 2020, proveniva dal National Health Interview Survey (NHIS) degli Stati Uniti e ha rivelato che su 12.554 bambini intervistati nel 2019 e nel 2020, a 410 è stato diagnosticato l’autismo.2

La prevalenza complessiva dell’autismo nel 2019 è stata del 2,79%, con un aumento al 3,49% nel 2020, che rappresenta un aumento del 53% dal 2017.3 Lo studio ha anche rivelato che la prevalenza dell’autismo è aumentata dal 2014 al 2016, è diminuita dal 2016 al 2017 e poi è aumentata dal 2017 al 2020.4 Il forte aumento dei tassi di autismo negli Stati Uniti è difficile da ignorare, ma ciò che sta guidando l’aumento rimane un mistero.


Sono coinvolti tassi di vaccinazione più elevati?

I Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie emettono un tasso di autismo stimato ogni quattro anni, ma i dati guardano principalmente alle famiglie a reddito più alto, il che potrebbe portare a sottostimare il vero tasso di autismo. I dati del NHIS sono più accurati, perché includevano i dati delle famiglie a basso reddito, rivelando che il tasso di autismo nelle famiglie a basso reddito è più alto che nelle famiglie a reddito più alto.

“Penso che sia sorprendente che ci sia una differenza statisticamente significativa [che mostra] che i livelli più alti di autismo vengono ora diagnosticati in quelli con un reddito più basso”, ha affermato Brian Hooker, Ph.D., capo consulente scientifico presso Children’s Health Defense. “È interessante perché è qualcosa che sospettavamo da sempre, ma non l’abbiamo visto quantificato in questo modo”.5

È possibile che la differenza si manifesti perché a più bambini nelle scuole con dati demografici a basso reddito viene diagnosticato l’autismo in modo che possano accedere ai servizi, secondo Children’s Health Defense, ma è anche noto che le famiglie a basso reddito tendono ad avere tassi di vaccinazione più elevati rispetto alle famiglie a reddito più elevato.

“Devi chiederti dei tassi di vaccinazione perché le famiglie a reddito più alto tendono a vaccinare di meno”, ha detto Hooker.6

Il CDC nega qualsiasi legame tra vaccini e autismo, ma nel 2010 il tribunale federale dei vaccini ha ammesso che l’autismo di Hannah Poling era il risultato di vaccinazioni, che “hanno aggravato in modo significativo un disturbo mitocondriale sottostante, che l’ha predisposta a deficit nel metabolismo energetico cellulare e manifestato come encefalopatia regressiva con caratteristiche di disturbo dello spettro autistico”.7


Disturbi mitocondriali e autismo

Con il caso di Poling è stata la prima volta che il governo ha riconosciuto che i vaccini potevano scatenare l’autismo, in questo caso a causa di un disturbo mitocondriale sottostante. Nell’ottobre 2020, una revisione scientifica pubblicata su Seminars in Pediatric Neurology ha ulteriormente delineato le prove che la funzione mitocondriale può essere correlata all’autismo.

È stato stimato nel 2017 che a circa il 4% dei bambini con autismo potrebbe essere diagnosticata una malattia mitocondriale definita, mentre altre ricerche hanno suggerito che anomalie della funzione mitocondriale potrebbero interessare fino all’80% dei bambini con autismo.8

“Nuove anomalie” nella funzione mitocondriale sono state trovate nei bambini con autismo e i trattamenti mirati alla disfunzione mitocondriale, come l’integrazione di L-carnitina e una dieta cheto-genica, si sono rivelati utili. I bambini il cui autismo è radicato nella disfunzione mitocondriale avranno tipicamente una serie chiave di sintomi che includono:9

  • Affaticabilità
  • Disordini gastrointestinali
  • Convulsioni e/o epilessia
  • Ritardo motorio e/o atassia e/o debolezza muscolare
  • Insolita regressione dello sviluppo neurologico, comprese regressioni multiple o regressioni successive a quelle comunemente associate all’ASD

L’autore della recensione, il dottor Richard Frye del Barrow Neurological Institute presso il Phoenix Children’s Hospital in Arizona, ha sottolineato che i mitocondri sono “molto vulnerabili ai fattori ambientali” e un nuovo tipo di disfunzione dei mitocondri “in cui l’attività della catena di trasporto degli elettroni è significativamente aumentato … può essere associato ad esposizioni ambientali”.10

Sembra che qualcosa nell’ambiente stia innescando una disfunzione mitocondriale in un numero sempre crescente di bambini, ma la domanda è: cosa?


L’esposizione al glifosato è un “probabile fattore di rischio”

Stephanie Seneff, ricercatrice senior presso il Massachusetts Institute of Technology (MIT), studia da anni il glifosato, il principio attivo dell’erbicida Roundup, e crede che sia un probabile fattore di rischio per l’autismo.11 Quando ho parlato con Seneff del suo libro “Toxic Legacy: How the Weedkiller Glyphosate Is Destroying Our Health and the Environment”, ha spiegato:12

«È stato un decennio in cui ho imparato tutto quello che potevo sul glifosato. Quando ne ho sentito parlare per la prima volta, ho praticamente abbandonato tutto quello che stavo facendo perché ero così sicura di aver trovato la risposta all’epidemia di autismo. Era la cosa che stavo cercando. Nel 2012, ho ascoltato una conferenza di due ore di Don Huber e ha cambiato completamente la mia attenzione.

Ho già capito i sintomi dell’autismo, una malattia molto complessa – molti problemi intestinali e problemi minerali – e tutto è venuto insieme alla sua conferenza. Durante la notte ho subito iniziato a esaminare con attenzione tutti i documenti che riuscivo a trovare.

Poco dopo trovai il giornale di Séralini, che all’epoca non era stato ancora ritirato. Successivamente è stato ripubblicato l’articolo di Séralini, un tossicologo francese che aveva dimostrato che dosi molto basse di glifosato nel corso della vita di un topo potevano causare molti danni.

Ha sottolineato che dopo tre mesi, tutto sembrava a posto, quindi è un’uccisione lenta. Questa è una cosa che sottolineo nel mio libro. Il glifosato è sottile, e questo è davvero un grosso problema perché le persone non stabiliscono la connessione. Abbiamo il diabete, l’obesità, l’autismo, l’Alzheimer. È una lunga, lunga lista, tutti i problemi intestinali.

I microbi sono molto disturbati dall’avvelenamento cronico con glifosato, e quindi l’intestino diventa un punto di partenza centrale per molte malattie, comprese le malattie neurologiche e l’artrite. Quindi, vedete quell’interruzione dell’intestino e il glifosato può causare esattamente le cose che stiamo vedendo.»

Seneff ritiene che anche il glifosato contribuisca e peggiori i danni causati dai vaccini, in parte perché si lega in modo molto efficiente all’alluminio utilizzato come adiuvante in alcuni vaccini. Probabilmente si lega fortemente anche a molti altri metalli tossici.

La teoria è che, essendo avvolti con molecole di glifosato, i metalli possono penetrare più facilmente nelle varie barriere del tuo corpo. Questo perché il glifosato fa sì che queste barriere, come la barriera intestinale e la barriera ematoencefalica, diventino più porose. E, quando si ha l’intestino che perde o il cervello che perde, i metalli tossici vengono trasportati attraverso, insieme al glifosato.

È stato anche dimostrato che il glifosato si accumula nel cervello e studi sugli animali mostrano che provoca neuroeccitotossicità a causa dell’eccesso di glutammato nel cervello. Questo, a sua volta, “è assolutamente connesso all’autismo”, dice Seneff.13 Nel suo libro, Seneff discute anche l’importanza dello zolfo per una salute ottimale, come la carenza di solfato sia collegata all’autismo e come il glifosato possa causare carenza di solfato.


Collegamento significativo tra mercurio, piombo e autismo

L’aggiunta di supporto al collegamento delle esposizioni tossiche all’autismo è una meta-analisi del settembre 2020, che ha concluso che esiste una relazione significativa tra autismo e concentrazioni di piombo e mercurio nel corpo.14 Secondo gli autori, la relazione tra mercurio e autismo è così forte che “la concentrazione di mercurio può essere elencata come una causa patogena (che causa la malattia) per l’autismo”.15

Nonostante sia una nota tossina neurotrofica, il thimerosal, un conservante a base di mercurio, è stato a lungo utilizzato in alcuni vaccini. Sebbene sia stato rimosso dalla maggior parte dei vaccini per l’infanzia, è ancora utilizzato in alcune fiale multi-dose, ovvero fiale che contengono più di una singola dose di vaccino. Un articolo di revisione del 2017 ha citato diversi studi che collegano mercurio e autismo tra i suoi riferimenti, osservando:16

«È stato dimostrato che il disturbo dello spettro autistico (ASD) è accompagnato da un’omeostasi del metallo distorta. Il grado in cui le persone sono colpite dai metalli sembra essere in gran parte influenzato dalla composizione genetica individuale.

Soprattutto l’esposizione a Hg [mercurio] è diventata un sospetto fattore causale per molte condizioni patologiche e possono essere elencate diverse fonti di esposizione ai composti di Hg, comprese otturazioni in amalgama dentale, frutti di mare, vaccini e, sempre più, anche lampadine a risparmio energetico.»

Oggi, il conservante vaccinale più comunemente usato è l’alluminio, non il thimerosal; secondo uno studio del 2018, è stato riscontrato che le persone con autismo avevano elevate quantità di alluminio nel cervello, con i ricercatori che hanno notato: “Il contenuto di alluminio del tessuto cerebrale nell’autismo era costantemente alto”.17


L’uso di Tylenol è anche collegato all’autismo

Anche il paracetamolo, il marchio Tylenol, tra gli altri, che molti considerano del tutto innocuo, è legato all’autismo. Rispetto ai figli di madri con il minor carico di paracetamolo durante la gravidanza, i bambini di quelli nel secondo terzile avevano un rischio maggiore del 226% di essere diagnosticati con ADHD e un rischio maggiore del 214% di una diagnosi di ASD, quando avevano circa 10 anni anni (età media 9,8 anni).18

Quelli con il maggior carico di paracetamolo avevano un rischio maggiore del 286% di ADHD e un rischio maggiore del 362% di ASD. Come notato dagli autori, i loro risultati “supportano studi precedenti sull’associazione tra esposizione prenatale e perinatale al paracetamolo e rischio di sviluppo neurologico infantile”.19

Un’indagine spagnola del 2016 pubblicata sull’International Journal of Epidemiology ha anche rilevato che i bambini le cui madri usavano paracetamolo durante la gravidanza avevano il 41% di probabilità in più di presentare sintomi di ADHD all’età di 5 anni, mentre i ragazzi avevano anche maggiori probabilità di avere ASD.20

Uno studio del 2017 afferma addirittura che “l’uso del paracetamolo nei neonati e nei bambini piccoli può essere molto più fortemente associato all’autismo rispetto al suo uso durante la gravidanza, forse a causa di ben note carenze nella ripartizione metabolica dei farmaci durante lo sviluppo iniziale”.21


Le tossine ambientali contribuiscono all’autismo

È probabile che una combinazione di fattori sia in gioco nello sviluppo di questo disturbo complesso. Oltre ai vaccini e al glifosato, altre esposizioni ambientali potenzialmente legate all’autismo includono:

  • Ftalati, sostanze chimiche ad alto volume di produzione utilizzate frequentemente come plastificanti in cloruro di polivinile (PVC) e altre materie plastiche; nel 2009 è stato trovato un collegamento tra l’esposizione ai pavimenti in PVC, che è una fonte di ftalati nell’aria all’interno, e l’autismo.22
  • Inquinamento dell’aria; per ciascun intervallo inter-quartile aumento dell’esposizione prenatale all’ozono e all’inquinamento atmosferico da particolato, il rischio di autismo è aumentato dal 12% al 15%.23

Sfortunatamente, anche se diventa chiaro che i fattori ambientali probabilmente giocano un ruolo nell’autismo, non si sta facendo abbastanza per scoprire quali siano questi fattori e portare consapevolezza all’autismo come una “malattia indotta dall’ambiente”.24

Molti, come il dottor Marc Siegel della Grossman School of Medicine della New York University, continuano a incolpare l’aumento delle diagnosi di autismo sul fatto che i genitori siano più consapevoli dei segni di autismo nei loro figli, ma anche lui ha riconosciuto che “probabilmente c’è anche qualcosa che le donne sono esposte nel grembo materno a cui non sappiamo ancora cosa potrebbe essere la causa”.25 Ma come ha notato Kim Rossi, caporedattore di Age of Autism:26

«I numeri dell’autismo continuano a crescere senza sosta. Ma nessuno è veramente preoccupato … Nota come Siegel allude a “qualcosa a cui le donne sono esposte nel grembo materno” che è anche “probabilmente” un fattore. Dopo trent’anni di statistiche esplosive sull’autismo, siamo ancora totalmente disinteressati a cosa potrebbe essere quel “qualcosa”.»


Io consiglierei a questi ricercatori di verificare e quantificare mediante analisi ufficiali, quanti e quali metalli pesanti sono disciolti nell’aria che respiriamo, la bassa troposfera. Nel corso degli ultimi sessant’anni, dagli anni ’60 del secolo scorso, il mondo dell’attivismo (quello vero) si è schiantato contro il muro di omertà dell’apparato militare industriale ed altre realtà legate al potere, non ultimo il mainstream informativo che recita la sua narrazione sui “cambiamenti climatici”, il “global warming”, la Terra che “si surriscalda”, i poli che si “sciolgono”.. e tutta una serie di baggianate simil-scientifiche.. tacciando senza possibilità di contraddittorio qualsiasi “teoria” non verificata di complottismo.

Oltre al crescente inquinamento ambientale dato dalle industrie nei cieli abbiamo un altro tipo di inquinamento dato dalle migliaia di aerei che ogni giorno solcano i nostri cieli.

Molte compagnie aeree (se non tutte), usano additivare la benzina avio con prodotti chimici a base di alluminio e bario, per citare i più usati, per rendere al meglio la combustione dei motori a reazione.

Se per le compagni aeronautiche commerciali questo tipo di inquinamento rappresenta un possibile fastidio, per i militari invece è un problema che non si pongono per nulla.

Quindi fatelo.. ricercate per vostra curiosità personale e professionale. Fatelo per le migliaia di persone che ogni giorno denunciano la geoingegneria civile e militare e per quanti non ne sono consapevoli e che continuano a morire di malattie legate all’eccesso di metalli pesanti nel nostro corpo.

Un’altra goccia di quanto gli “inumani” stanno facendo per noi.

mgk


Dr. Joseph Mercola


Disclaimer: il contenuto di questo articolo si basa sulle opinioni del Dr. Mercola, se non diversamente specificato. I singoli articoli si basano sulle opinioni del rispettivo autore, che conserva i diritti d’autore come contrassegnati. Le informazioni contenute in questo sito Web non intendono sostituire un rapporto individuale con un operatore sanitario qualificato e non istituire un consiglio medico. È inteso come una condivisione di conoscenze e informazioni provenienti dalla ricerca e dall’esperienza del Dr. Mercola e della sua comunità. Il Dr. Mercola ti incoraggia a prendere le tue decisioni sanitarie sulla base della tua ricerca e in collaborazione con un professionista qualificato sanitario. In caso di gravidanza, allattamento, assunzione di farmaci o condizioni mediche, consultare il proprio medico prima di utilizzare prodotti su questo contenuto.


Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

NON CI SONO COMPLOTTI

CI SONO PERSONE E FATTI

DOCUMENTATI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: