Nuovo studio conferma che l’ivermectina è meglio di altre opzioni

  • La Children’s Health Defense di Robert Kennedy Jr. è stata depiattaformata
  • È qui: l’identità digitale sta arrivando in Canada
  • Il legame tra zucchero e Alzheimer si rafforza
  • Nuovo studio conferma che l’ivermectina è meglio di altre opzioni

La difesa della salute dei bambini di Robert Kennedy Jr. è stata depiattaformata

Facebook e Instagram hanno depiattaformato Children’s Health Defense (CHD), un gruppo 501 (c)(3) la cui missione è, in parte, porre fine alle epidemie sanitarie infantili lavorando in modo aggressivo per eliminare le esposizioni dannose, ritenere i responsabili responsabili e stabilire garanzie per prevenire danni futuri.

Robert F. Kennedy Jr. è un cofondatore di CHD. La pagina Facebook del gruppo è stata improvvisamente inedita il 17 agosto 2022 da Facebook. Instagram seguito dalla sospensione dell’account di CHD lì. Ognuna di queste piattaforme aveva centinaia di migliaia di follower, CHD stampato sul suo sito web. Complessivamente, a più di mezzo milione di follower è stato negato l’accesso a informazioni veritiere.

Questo nonostante il fatto che CHD avesse già un divieto di pubblicazione di 30 giorni su Facebook. La rimozione degli account CHD è la prova di un tentativo chiaramente orchestrato di fermare l’impatto che abbiamo durante un periodo di accresciute critiche alle nostre istituzioni sanitarie pubbliche, ha affermato CHD sul suo sito web. Non c’è una chiara indicazione del motivo per cui Facebook e Instagram hanno scelto di depiattarci in questo momento, ma i tempi coincidono con la nostra causa di censura in corso contro Facebook.

FONTE: Difesa della salute dei bambini 17 agosto 2022


È qui: l’identità digitale sta arrivando in Canada

Usando la pandemia come scusa, il primo ministro canadese Justin Trudeau ha presentato un piano per sviluppare un programma di identificazione digitale che sarebbe gestito a livello federale.

Il programma funzionerà proprio come una normale patente di guida per stabilire la tua identificazione, ma sarà totalmente digitale e accessibile a tutte le agenzie federali. Lo scopo non è solo quello di creare un modo per dimostrare di essere chi dici di essere, ma anche di “supportare la fornitura di servizi senza interruzioni ai canadesi in tutto il paese”.

In teoria, questo programma andrebbe a vantaggio anche di alcune imprese commerciali come le compagnie aeree. Ha critici, tuttavia, che citano le preoccupazioni sulla privacy come la loro principale obiezione. I funzionari canadesi hanno risposto che la privacy non deve essere un problema perché il programma ‘non deve essere progettato in questo modo’.

FONTE: True North Canada August 10, 2022


Il legame tra zucchero e Alzheimer si rafforza

  • Il morbo di Alzheimer, per il quale non esiste un trattamento o una cura convenzionale efficace, colpisce circa 5,4 milioni di americani e si prevede che la prevalenza triplicherà entro il 2050
  • Scelte di stile di vita come dieta, esercizio e sonno possono avere un impatto significativo sul rischio. Sono incluse le linee guida per la prevenzione
  • Avere uno o due geni ApoE4 aumenta il rischio di Alzheimer nella vita rispettivamente tra il 30 e il 50%. Nel frattempo, la ricerca suggerisce che le diete ricche di carboidrati possono aumentare il rischio di demenza dell’89%, mentre le diete ricche di grassi lo riducono del 44%

Il morbo di Alzheimer, per il quale la medicina convenzionale ritiene che non esistano cure o trattamenti efficaci, colpisce attualmente circa 5,4 milioni di persone e si prevede che la prevalenza triplicherà entro il 2050. Entro i prossimi due decenni, questa forma grave e letale di demenza potrebbe interessare fino a un quarto della popolazione statunitense.

La buona notizia è che scelte di vita come dieta, esercizio e sonno possono avere un impatto significativo sul rischio. Come notato in precedenza dal dottor Richard Lipton dell’Albert Einstein College of Medicine, dove studiano l’invecchiamento sano, i cambiamenti nello stile di vita “sembrano più promettenti degli studi sui farmaci finora”. Come per la salute in generale, la tua dieta gioca un ruolo cruciale. Gli alimenti trasformati tendono a essere quasi privi di grassi sani pur essendo ricchi di zuccheri raffinati e questa combinazione sembra essere al centro del problema.

Fonte: Il legame tra zucchero e Alzheimer si rafforza 9 Marzo 2022


Nuovo studio conferma che l’ivermectina è meglio di altre opzioni

Fonte: 11 Marzo 2022; del Dr. Josepf Mercola [>Fact Checked<]

In quasi nessun altro momento della storia c’è stato questo livello di paura generato in tutto il mondo come quello sperimentato finora nel 2020 e nel 2021. La profondità e l’ampiezza delle strategie utilizzate per alimentare queste paure è stata travolgente.

Autorizzazioni di emergenza per farmaci che non hanno dimostrato di essere efficaci nei trial, mascherine obbligatorie per cui non c’è alcuna prova scientifica e soppressione e censura delle informazioni sanitarie hanno aumentato la paura del pubblico su una malattia virale con un tasso di sopravvivenza di oltre il 99%.

Sfortunatamente, anche molte delle prime strategie di trattamento efficaci che possono essere usate a casa sono cadute vittime della censura. L’ivermectina è una di queste strategie. In un’analisi computazionale della variante Omicron contro diversi agenti terapeutici, i dati mostrano che l’ivermectina ha avuto i migliori risultati.

Eppure, guardando obiettivamente a ciò che sta accadendo in tutto il mondo, la paura generata non è unilaterale. La soppressione delle informazioni da parte delle aziende, delle agenzie governative e dell’industria farmaceutica è un’indicazione della loro preoccupazione e di quanto siano disposti a spingersi per assicurarsi che il livello di paura rimanga abbastanza alto da manipolare il comportamento.

Prendi in considerazione le statistiche dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie. Nel 2019, al 4,6% della popolazione statunitense è stata diagnosticata una malattia cardiaca. La popolazione alla fine del 2019 era di 328.239.523. Questo significa che c’erano 15.099.018 persone con malattie cardiache negli Stati Uniti nel 2019. Ci sono state 696.962 persone che sono morte quell’anno per malattie cardiache, che è un tasso di mortalità del 4,6%.

Questo è 20 volte maggiore del tasso di morte per COVID-19. Eppure queste stesse agenzie non fanno pressione per imporre obblighi contro le bibite o i cibi ricchi di zucchero; non vietano il fumo e non impongono l’esercizio fisico, tutti fattori di rischio per le malattie cardiache.

La censura e la soppressione delle informazioni ha ostacolato il trattamento precoce del COVID-19 in molte nazioni occidentali. Fino al 2020, gli esperti di salute pubblica e i media tradizionali hanno messo in guardia contro l’uso di idrossiclorochina e ivermectina. Entrambi sono sulla lista dei farmaci essenziali dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, ma i benefici sono stati ignorati dai funzionari della sanità pubblica e sepolti dai media.


Un nuovo studio sull’ivermectina ha mostrato risultati migliori contro il COVID

Questo studio sul sito preprint della Cornell University non è ancora stato sottoposto a peer review. I ricercatori hanno usato un’analisi computazionale per esaminare la variante Omicron, che ha dimostrato una minore manifestazione clinica e minori tassi di accesso in ospedale.

Dopo aver recuperato la sequenza completa del genoma e aver raccolto 30 varianti dal database, i ricercatori hanno analizzato 10 farmaci contro il virus, tra cui:

NirmatrelvirRitonvir
IvermectinaLopinavir
BoceprevirMPro 13b
MPro N3GC-373
GC376PF-00835231

I ricercatori hanno scoperto che ogni farmaco aveva un certo grado di efficacia contro il virus e la maggior parte era attualmente in sperimentazione clinica. Hanno usato il docking molecolare per scoprire che le mutazioni nella variante Omicron non hanno influenzato significativamente l’interazione tra i farmaci e la proteasi principale.

Un’analisi di tutti e 10 i farmaci ha scoperto che l’ivermectina era il candidato farmaco più efficace contro la variante Omicron. I test includevano Nirmatrelvir (Paxlovid), che è il nuovo inibitore della proteasi per il quale la FDA ha fornito un’autorizzazione di emergenza contro COVID nel dicembre 2021.

In altre parole, Pfizer ha rilasciato un nuovo farmaco che è costato ai contribuenti statunitensi 5,29 miliardi di dollari o 529 dollari per ciclo di trattamento e che ha ricevuto un’EUA nonostante la disponibilità di un farmaco simile che ha dimostrato di essere più efficace ed è più economico, ad un prezzo compreso tra 48 e 95 dollari per 20 pillole a seconda di dove ci si trova.


Come funziona l’ivermectina

L’ivermectina è meglio conosciuta per le sue proprietà antiparassitarie. Il farmaco ha anche proprietà antivirali e antinfiammatorie. Gli studi hanno dimostrato che l’ivermectina aiuta ad abbassare la carica virale inibendo la replicazione. Una singola dose di ivermectina può uccidere il 99,8% del virus entro 48 ore.

Una meta-analisi sull’American Journal of Therapeutics ha mostrato che il farmaco ha ridotto l’infezione di una media dell’86% quando usato preventivamente. Uno studio osservazionale in Bangladesh ha valutato l’efficacia dell’ivermectina come profilassi per il COVID-19 negli operatori sanitari.

I dati hanno mostrato che quattro dei 58 volontari che hanno preso 12 mg di ivermectina una volta al mese per quattro mesi hanno sviluppato lievi sintomi di COVID rispetto a 44 dei 60 operatori sanitari che hanno rifiutato il farmaco.

L’ivermectina ha anche dimostrato di accelerare il recupero, in parte inibendo l’infiammazione e proteggendo dai danni agli organi. Questo percorso abbassa anche il rischio di ospedalizzazione e di morte. Alcune meta analisi hanno mostrato una riduzione media della mortalità che va dal 75% all’83%.

Inoltre, il farmaco previene anche la trasmissione della SARS-CoV-2 se assunto prima o dopo l’esposizione. Sommati, questi benefici rendono chiaro che l’ivermectina potrebbe eliminare questa pandemia.


L’intervento precoce riduce il long COVID e l’ospedalizzazione

Alcune persone che hanno avuto il COVID-19 sembrano non essere in grado di riprendersi completamente e lamentano sintomi persistenti di stanchezza cronica. Altri lottano con problemi di salute mentale. Uno studio, nel novembre 2020, ha scoperto che il 18,1% delle persone che hanno avuto la COVID-19 ha ricevuto la loro prima diagnosi psichiatrica nei 14-90 giorni dopo il recupero. Le condizioni più comunemente diagnosticate erano disturbi d’ansia, insonnia e demenza.

Questi sintomi sono stati chiamati long COVID, COVID a lungo raggio, sindrome post-COVID, COVID cronico o sindrome a lungo raggio. Si riferiscono tutti a sintomi che persistono per altre quattro settimane dopo un’infezione iniziale da COVID-19. Secondo il dottor Peter McCullough, internista e cardiologo certificato, il 50% di coloro che sono stati abbastanza malati da essere ricoverati in ospedale presenterà sintomi da long COVID:

«Quindi, più qualcuno è malato e più lunga è la durata del COVID, più è probabile che abbia una sindrome da long COVID. Questo è il motivo per cui ci piace il trattamento precoce. Riduciamo la durata dei sintomi e ci sono meno possibilità di sviluppare la sindrome da long COVID.»

Alcuni dei sintomi comuni del long COVID includono mancanza di respiro, dolore alle articolazioni, problemi di memoria, concentrazione o sonno, dolori muscolari o mal di testa e perdita dell’olfatto o del gusto. Secondo McCullough, un documento presentato dal dottor Bruce Patterson al vertice internazionale COVID a Roma, dall’11 al 14 settembre 2021:

«… ha mostrato che in individui che hanno avuto una malattia COVID significativa, 15 mesi dopo il segmento s1 della proteina spike è recuperabile dai monociti umani. Ciò significa che il corpo è stato letteralmente irrorato con il virus e trascorre 15 mesi, in un certo senso, cercando di eliminare la proteina spike dai nostri tessuti. Non c’è da stupirsi se le persone hanno la sindrome da long COVID.»

Non dovrebbe sorprendere che gli studi abbiano anche confermato che un intervento precoce migliora la mortalità e riduce le ospedalizzazioni. Forse uno dei più grandi crimini in tutta questa pandemia è il rifiuto da parte delle autorità sanitarie in carica di fornire una guida al trattamento precoce.

Invece, hanno fatto tutto il possibile per sopprimere i rimedi che hanno dimostrato di funzionare. Ai pazienti è stato semplicemente detto di stare a casa e non fare nulla. Una volta che l’infezione era peggiorata fino a sfiorare la morte, ai pazienti veniva detto di andare in ospedale, dove la maggior parte veniva sistematicamente messa in ventilazione meccanica, una pratica che si è rapidamente scoperta essere letale.

Come però lo studio in questione e altri hanno dimostrato, l’ivermectina è uno dei protocolli di trattamento di successo che possono essere utilizzati contro la SARS-CoV-2.


L’Africa ha il più basso tasso di casi e morti, probabilmente grazie anche all’ivermectina

In tutto il mondo, i paesi hanno adottato approcci diversi per affrontare la diffusione del virus. I passi intrapresi in Africa variavano a seconda del paese, ma i tassi di infezione e di morte erano relativamente stabili e bassi in tutto il continente.

Nell’ultimo anno ci sono state segnalazioni di piccole aree nel mondo dove il numero di infezioni, morti o tassi di mortalità sono stati significativamente più bassi rispetto al resto del mondo. Per esempio, lo stato indiano dell’Uttar Pradesh ha riportato un tasso di recupero del 98,6% e nessun’altra infezione.

L’intero continente africano sembra però aver evitato il massiccio numero di infezioni e morti previsto per questi paesi mal finanziati e con città sovraffollate. Le prime stime parlavano di milioni di morti, ma questo scenario non si è materializzato. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha definito l’Africa “una delle regioni meno colpite del mondo”.

Ci sono diversi fattori che possono influenzare il tasso di infezione in Africa. Uno studio dal Giappone dimostra che dopo soli 12 giorni in cui ai medici è stato permesso di prescrivere legalmente l’ivermectina ai loro pazienti, i casi sono calati drasticamente.

Il presidente dell’Associazione Medica di Tokyo aveva notato il basso numero di infezioni e morti in Africa, dove molti usano l’ivermectina in modo profilattico e come strategia principale per trattare l’oncocercosi, una malattia parassitaria conosciuta anche come cecità fluviale. Più del 99% delle persone infettate dall’oncocercosi vive in 31 paesi africani.

Oltre all’uso dell’ivermectina in Africa, altri farmaci sono comunemente disponibili, come l’idrossiclorochina e la clorochina, che sono stati a lungo utilizzati nel trattamento e nella prevenzione della malaria, anch’essa endemica in Africa. In America, il dottor Vladimir Zelenko ha pubblicato risultati di successo usando idrossiclorochina e zinco contro il COVID-19.

Infine, l’Artemisia annua, conosciuta anche come assenzio dolce, è un’erba usata nelle terapie combinate per trattare la malaria. È usata nella medicina tradizionale cinese da più di 2.000 anni per trattare la febbre. Oggi l’artemisinina, un metabolita dell’Artemisia, è l’attuale opzione terapeutica per la malaria. La pianta è stata anche studiata dopo l’epidemia di SARS del 2003 per il trattamento dei coronavirus, con buoni risultati.

In altre parole, che sia per progetto o per difetto, i farmaci che hanno dimostrato di avere successo contro il virus sono comunemente usati in Africa per altre condizioni di salute. Mentre Pfizer testa gli effetti a breve e lungo termine di un esperimento genetico sulla popolazione di Israele, sembra che un continente abbia dimostrato che la somministrazione di un farmaco economico di 30 anni fa, con un profilo di sicurezza noto, potrebbe ridurre i casi, la gravità e la mortalità di questa infezione.

La domanda che deve essere posta e a cui si deve rispondere per arrivare al fondo di questa plandemia è: cosa sta accecando i media mainstream, le agenzie governative, gli esperti di salute pubblica, le associazioni mediche, i medici, gli infermieri e il tuo vicino di casa dal riconoscere e parlare a sostegno della scienza?

 Fonti & Riferimenti

Dr. Joseph Mercola

Già pubblicato il 15 febbraio, 2022


Disclaimer: il contenuto di questo articolo si basa sulle opinioni del Dr. Mercola, se non diversamente specificato. I singoli articoli si basano sulle opinioni del rispettivo autore, che conserva i diritti d’autore come contrassegnati. Le informazioni contenute in questo sito Web non intendono sostituire un rapporto individuale con un operatore sanitario qualificato e non istituire un consiglio medico. È inteso come una condivisione di conoscenze e informazioni provenienti dalla ricerca e dall’esperienza del Dr. Mercola e della sua comunità. Il Dr. Mercola ti incoraggia a prendere le tue decisioni sanitarie sulla base della tua ricerca e in collaborazione con un professionista qualificato sanitario. In caso di gravidanza, allattamento, assunzione di farmaci o condizioni mediche, consultare il proprio medico prima di utilizzare prodotti su questo contenuto.


Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

NON CI SONO COMPLOTTI

CI SONO PERSONE E FATTI

DOCUMENTATI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: