Decine di morti negli incendi che hanno devastato le foreste algerine

Un “Tornado di fuoco” uccide dozzine nello zoo algerino: un furioso incendio nella foresta “spazza via tutto in pochi secondi” nel parco naturale e incenerisce 12 persone che cercavano di sfuggire alle fiamme in un autobus

  • La siccità e l’ondata di caldo torrido hanno scatenato più incendi nel caldo algerino di 48°C
  • Una famiglia di cinque persone è tra i morti e 200 hanno subito ustioni e intossicazione da fumo
  • Molti animali nel parco faunistico epicentro di un incendio sono stati bruciati

Un “tornado di fuoco” dell’orrore ha ucciso almeno 38 persone in Algeria dopo aver bruciato un parco naturale e incenerito 12 persone che cercavano di sfuggire alle fiamme a bordo di un autobus.

Alimentati dalla siccità e da un’ondata di caldo torrido, gli incendi hanno lasciato la scia di una massiccia distruzione, principalmente nella regione di El Tarf vicino al confine orientale con la Tunisia, che stava cuocendo a 48°C (118℉).

Tra i morti c’era una famiglia di cinque persone e almeno altre 200 persone hanno riportato ustioni o problemi respiratori a causa del fumo, secondo vari media algerini.

Un giornalista di El Tarf ha descritto “scene di devastazione” sulla strada per El Kala, nell’estremo nord-est del paese.

“Un tornado di fuoco ha spazzato via tutto in pochi secondi”, ha detto al telefono all’AFP. “La maggior parte di coloro che sono morti sono stati circondati dalle fiamme mentre visitavano un parco naturale”.

Un ‘tornado di fuoco’ dell’orrore ha ucciso almeno 38 persone in Algeria dopo aver squarciato un parco naturale e incenerito 12 persone che cercavano di scappare da un autobus in fiamme
Un animale bruciato dagli incendi boschivi a El Kala, nella provincia di Al Tarf, a nord-est dell’Algeria
Tra i morti c’era una famiglia di cinque persone e almeno altre 200 persone hanno riportato ustioni o problemi respiratori a causa del fumo
I vigili del fuoco algerini hanno combattuto oggi una serie di incendi, alimentati dalla siccità e da un’ondata di caldo torrido
Gli incendi nelle foreste dell’Algeria orientale hanno ucciso almeno 38 persone e ferito centinaia di altre
Una vista mostra un parco divertimenti danneggiato a seguito di un incendio a El Kala, nella provincia di Al Tarf

I servizi di emergenza stavano ancora combattendo un incendio intorno al lago Tonga, ha detto.

Un team dell’AFP a El Kala ha segnalato un forte odore di fumo e ha affermato che le autorità temevano che i forti venti potessero causare lo scoppio di nuovi incendi.

Hanno anche visto gravi danni nel parco naturale e un testimone, che ha chiesto di non essere nominato, ha detto che 12 persone erano state bruciate a morte nel loro autobus mentre cercavano di scappare.

Diverse strade della zona sono state chiuse.

“La maggior parte delle vittime di El Tarf sono vacanzieri venuti per godersi spiagge paradisiache e paesaggi incantevoli”, ha affermato il primo ministro Aimene Benabderrahmane.

Giovedì, lui e diversi membri del governo sono arrivati ​​a El Tarf. Il primo ministro ha affermato che lo Stato algerino sosterrà le famiglie delle vittime e pagherà i lavori di ristrutturazione e il risarcimento per la perdita di bestiame e alveari. La regione è anche nota per la sua industria agricola.

Poiché i residenti hanno perso le loro case a causa delle fiamme, le autorità sono state accusate di essere mal preparate, con pochi aerei antincendio disponibili, nonostante il record di vittime negli incendi dell’anno scorso.

Il ministero della Giustizia ha avviato un’indagine sulla possibilità che alcuni degli incendi siano stati avviati deliberatamente, dopo i commenti in tal senso del ministro dell’Interno Kamel Beldjoud.

L’agricoltore algerino Hamdi Gemidi guarda i suoi animali carbonizzati nella sua fattoria alla periferia della città di el-Tarf
I residenti passano davanti a un camion carbonizzato a El Kala, nella regione di El Tarf, vicino al confine settentrionale algerino-tunisino
Uomini algerini controllano un autobus carbonizzato in cui almeno 12 persone sarebbero state bruciate vive in seguito a violenti incendi
Questa foto mostra un parco divertimenti danneggiato a seguito di un incendio a El Kala, nella provincia di Al Tarf

Una persona è morta a Souk Ahras, a sud di El Tarf. Altre due persone sono morte nella regione di Setif, a circa 185 miglia a est di Algeri, la capitale della nazione nordafricana.

Un giornalista ha descritto scene di panico nella città di mezzo milione di persone, dove quasi 100 donne e 17 neonati hanno dovuto essere evacuati da un ospedale vicino alla foresta.

La televisione algerina ha mostrato persone che fuggivano dalle loro case in fiamme, donne che portavano bambini in braccio. I media locali hanno detto che 350 persone sono fuggite dalle loro case.

Secondo i vigili del fuoco, circa 39 incendi stavano devastando varie parti dell’Algeria settentrionale, secondo i vigili del fuoco, e si temeva che i venti caldi potessero scatenarne di nuovi che le autorità non sono attrezzate per combattere.

Si potevano vedere file di camion che trasportavano cibo, acqua, coperte e vestiti diretti verso El Tarf. Un’unità di crisi è stata istituita per supervisionare le donazioni, ha detto Bensalem.

Le scene hanno suscitato il timore di una ripetizione degli incendi lo scorso anno che hanno ucciso almeno 90 persone e devastato 100.000 ettari di foreste e terreni agricoli nel nord del paese.

Alberi bruciati e un autobus sono raffigurati a seguito di un incendio a El Kala, nella provincia di Al Tarf, in Algeria
Secondo i vigili del fuoco, circa 39 incendi hanno devastato varie parti dell’Algeria settentrionale

La catastrofe dello scorso anno ha suscitato aspre critiche da parte delle autorità per la mancanza di aerei antincendio.

Le autorità hanno noleggiato un bombardiere russo Beriev BE 200, ma ha subito un guasto e non dovrebbe tornare operativo fino a sabato, ha detto il ministro dell’Interno Kamel Beldjoud.

Il servizio di protezione civile e l’esercito hanno accesso a diversi elicotteri antincendio.

Gli esperti hanno chiesto un grande sforzo per rafforzare la capacità antincendio del più grande paese africano, che ha oltre quattro milioni di ettari di foresta.

Uno specialista, che ha chiesto di non essere nominato, ha detto all’AFP che negli anni ’80 il paese aveva 22 aerei Grumman per combattere gli incendi boschivi, ma che erano stati “venduti a buon mercato, senza che fosse proposta alcuna soluzione alternativa”.

L’Algeria aveva accettato di acquistare sette aerei antincendio dalla società spagnola Plysa, ma ha annullato il contratto a seguito di una lite diplomatica sul Sahara occidentale a fine giugno, secondo il sito web specializzato Mena Defense.

Dall’inizio di agosto, 106 incendi sono scoppiati in Algeria, distruggendo 800 ettari di foresta e 1.800 ettari di boschi, secondo Beldjoud, che ha affermato che alcuni sono stati causati da incendi dolosi.

In un messaggio di cordoglio, il presidente Abdelmadjid Tebboune ha espresso solidarietà alle vittime. Ha affermato che lo stato algerino utilizzerà “tutte le risorse umane e materiali” per combattere gli incendi e che le famiglie delle persone morte o le cui case sono state colpite “riceveranno un risarcimento”.

Fonte: DailyMail


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: