Evento di raffreddamento stratosferico in Antartide

Source: ; by Cap Allon

  • La Groenlandia ha appena ottenuto 7 gigatoni di neve/ghiaccio da record;
  • Un importante evento di raffreddamento stratosferico si sta svolgendo in tutto l’emisfero australe…
  • Implicazioni per questo prossimo inverno nell’emisfero settentrionale

La Groenlandia ha appena ottenuto 7 gigatoni di neve/ghiaccio da record

Impressionanti letture del bilancio di massa superficiale (SMB), un calcolo per determinare la “salute” di un ghiacciaio, sono state pubblicate sulla calotta glaciale della Groenlandia per tutta la stagione, in particolare durante la cosiddetta stagione estiva di “scioglimento”.

Un esempio calzante è il record di 7 Gigaton guadagnati del 29 agosto, una lettura che sarebbe impressionante in un periodo dell’anno, ma che è entrata nei libri come il più grande guadagno giornaliero mai registrato durante l’estate (con dati che risalgono a anni ’80).

[DMI]

Questo guadagno di agosto senza precedenti ha fatto avanzare ulteriormente l’SMB della calotta glaciale al di sopra della media 1981-2010 (linea grigia):

La Groenlandia continua a sfidare gli ordini del Partito AGW, rifiutandosi di sciogliersi come profetizzato.

E quest’anno è tutt’altro che un’anomalia: dal 2016 è stato osservato un guadagno netto complessivo:

Ecco la stagione 2016-2017:

SMB 2016 – 2017 [DMI]

Ed ecco il 2017-2018:

SMB 2017 – 2018 [DMI]

L’incompetenza o la frode è più chiara che mai.

Nonostante decenni di misurazioni satellitari affidabili, che hanno portato a dati inequivocabili e non allarmanti, la narrativa ufficiale rimane quella del fuoco e dello zolfo, decisa a spingere una demonizzazione suicida dei combustibili fossili affidabili e convenienti:

E mentre è vero che la calotta glaciale della Groenlandia ha perso massa dal 1995 al 2012 circa, quella tendenza alla perdita si è ora invertita, quasi completamente. Come la graduale virata di una grande nave, dall’anno 2010 al 2015 la SMB della Groenlandia ha cambiato rotta e da allora è stata su una traiettoria ascendente:

E ora abbiamo la stagione 2021/2022 che si conclude con il botto e che fa avanzare ulteriormente quel trend di crescita:

[DMI]

Un importante evento di raffreddamento stratosferico si sta verificando in tutto l’emisfero australe

Nella stratosfera sopra l’emisfero australe vengono rilevate notevoli anomalie di freddo, che si raffreddano su una scala che non è mai stata osservata prima nelle moderne registrazioni satellitari. Il colpevole? Eruzione del 15 gennaio di Hunga Tonga.

Potenti eruzioni vulcaniche sono in grado di sparare diversi gas e materiali nella stratosfera e oltre. A seconda del tipo di particelle e del volume di materiale espulso, ciò può portare a diversi effetti atmosferici regionali e globali.

Hunga Tonga è un vulcano sottomarino situato sotto il Pacifico meridionale. La sua violenta eruzione del 15 gennaio 2022 ha prodotto un massiccio pennacchio vulcanico costituito da zolfo e vapore acqueo che ha toccato la mesosfera. È stata la più alta eruzione mai registrata.

Lo zolfo inviato a livelli atmosferici così elevati ha un effetto di raffreddamento globale. L’eruzione del Pinatubo del 1991 ne è una prova recente. Come mostrato di seguito, il “pop” VEI-6 di Pinatubo ha raffreddato l’intero pianeta per circa 3 anni e anche con un margine sostanziale:

Simile allo zolfo, anche il vapore acqueo ha un effetto di raffreddamento, sebbene non in superficie, piuttosto nella stratosfera – raffreddamento che si ottiene nello stessa maniera dallo zolfo; cioè riflettendo la radiazione solare in entrata.

È stato calcolato che l’eruzione di Hunga Tonga ha comportato un aumento del 10% del contenuto totale di vapore acqueo stratosferico (da 1560 teragrammi a oltre 1700 teregrammi), che è un risultato immenso per un singolo evento vulcanico:

Il vapore acqueo iniettato ha raggiunto la stratosfera superiore con la concentrazione principale compresa tra 20-30 km (12-18 miglia):

Di seguito è riportata l’analisi della NASA dell’anomalia del vapore acqueo a circa 25 km (15,5 miglia) in alto.

Visibile è l’aumento significativo in seguito all’eruzione, ma vale anche la pena notare la “sovrapposizione” dall’emisfero australe all’emisfero settentrionale: l’eiezione non è limitata a una regione, si diffonde:

Il raffreddamento relativo a questo evento può essere monitorato utilizzando i dati di rianalisi del Laboratorio di Scienze Fisiche della NOAA.

Di seguito è riportata l’anomalia della temperatura della metà stratosfera di maggio 2022 (quindi circa 4 mesi dopo l’eruzione). Chiaramente, a maggio c’era già un significativo raffreddamento in atto nell’emisfero australe con le più forti anomalie del freddo intorno ai 30° S:

A luglio 2022 l’effetto di raffreddamento era ancora più forte. Le anomalie del freddo erano sostanziali (10 gradi sotto la norma). E non solo si erano intensificati, ma si erano anche diffusi ulteriormente verso il polo sud:

Il grafico della temperatura della stratosfera media del NOAA mostra anche il livello di raffreddamento senza precedenti:

[NOAA] 40 anni di dati sulla temperatura dello strato mentale (2022 la linea rossa).

Secondo l’ultima analisi (agosto 2022), il raffreddamento stratosferico ha continuato a intensificarsi con le anomalie di temperatura che si espandono ulteriormente verso il Polo Sud…

… dove si vede anche che influenzano più direttamente la dinamica del vortice polare — insieme alla temperatura, si vede che anche la pressione sta diminuendo:

L’ultima analisi (27 agosto) parla da sé: il raffreddamento stratosferico ha ora inghiottito le regioni polari meridionali:

Implicazioni per questo prossimo inverno nell’emisfero settentrionale

Il più delle volte, il raffreddamento stratosferico meridionale si traduce in un modello di pressione NAO negativo (North Atlantic Oscillation: il modello di pressione che colpisce il Nord America e l’Europa). Un NAO negativo significa una pressione maggiore sull’Atlantico settentrionale e sulla Groenlandia e, al contrario, una pressione inferiore a sud.

L’immagine qui sotto ne è un esempio, mostra l’andamento della temperatura di una stagione invernale NAO negativa. Nota le temperature più fredde nella metà settentrionale e orientale degli Stati Uniti e dell’Europa:

Se prendiamo le moderne stagioni invernali dell’emisfero settentrionale che hanno seguito anni stratosferici meridionali anormalmente freddi, vediamo una forte correlazione con questo modello NAO negativo; vale a dire, alta pressione sulla Groenlandia e pressione inferiore sul centro del Nord Atlantico:

Riprendendo gli stessi anni, possiamo vedere che il modello di pressione nella stratosfera settentrionale mostra un vortice polare più debole (anomalie di pressione positiva possono indicare una circolazione polare più debole):

Le temperature stratosferiche più calde sopra il Polo Nord sembrano seguire il raffreddamento stratosferico meridionale. Questo riscaldamento al di sopra dell’Artico, noto anche come “riscaldamento stratosferico improvviso” (SSW), porta spesso a una circolazione stratosferica più debole, che, a sua volta, si traduce spesso in un flusso interrotto della corrente a getto:

Un forte vortice polare significa una forte circolazione polare: una configurazione che mantiene l’aria fredda artica bloccata nelle regioni polari con conseguente condizioni più miti per gli Stati Uniti e l’Europa; mentre sul rovescio della medaglia, un debole vortice polare porta a uno schema di corrente a getto ondulato e il vortice ha molto più difficoltà a contenere il freddo: le masse d’aria artiche vengono effettivamente sbloccate e liberate per cavalcare in modo anomalo nell’estremo sud degli Stati Uniti e/o Europa:

Ricapitolando

L’eruzione di gennaio di Hunga Tonga nel Pacifico meridionale ha iniettato zolfo e una grande quantità di vapore acqueo nella stratosfera.

Vediamo che questo vapore acqueo sta ora causando un raffreddamento significativo della stratosfera meridionale e abbiamo anche notato una correlazione tra il raffreddamento stratosferico dell’emisfero meridionale e il riscaldamento stratosferico dell’emisfero settentrionale (SSW).

Il riscaldamento stratosferico durante l’inverno dell’emisfero settentrionale porta spesso a un’interruzione del vortice polare, causando grandi variazioni di pressione che, a loro volta, possono provocare il rilascio di masse d’aria artica negli Stati Uniti e in Europa.

Queste, almeno, sono le linee di pensiero attuali, supportate da dati storici.

Tuttavia, ci sono molti altri fattori e forzature in gioco. Il clima terrestre è un sistema incredibilmente complesso e sono necessarie molte più ricerche. Questo inverno, tuttavia, sarà un grande test nel mondo reale. Speriamo che la stagione non vada come previsto. In poche parole, le nazioni non sono preparate per affrontare un rigido inverno di incessanti focolai polari, non quest’anno, tutt’altro.

Non so cos’altro fare se non incrociare le dita e usare una cieca speranza.

Noi umani siamo impotenti contro tali grandiosi giochi cosmologici, indipendentemente da ciò che ci dicono i TPTB. Nessun importo di tassazione e/o segnalazione di virtù avrà un impatto sul clima. Madre Natura cavalca i suoi cicli e i suoi cicli all’interno dei cicli a prescindere. È pura follia pensare di poter portare fuori rotta questi antichi destini predeterminati.

Come l’eminente scienziato spaziale russo, Habibullo Abdussamatov afferma:

«Il cosiddetto effetto serra non eviterà l’inizio del prossimo profondo calo di temperatura, il 19° negli ultimi 7500 anni, che segue inevitabilmente il riscaldamento naturale.»

Electroverse


TEMPI FREDDI stanno tornando, le medie latitudini si stanno RAFFREDDANDO in linea con la grande congiunzione, l’attività solare storicamente bassa, i raggi cosmici che nucleano le nuvole e una corrente a getto meridionale (tra le altre forzature).
Sia il NOAA che la NASA sembrano concordare, se si legge tra le righe, con NOAA che afferma che stiamo entrando in un grande minimo solare in piena regola alla fine del 2020, e la NASA vede questo prossimo ciclo solare (25) come il più debole degli ultimi 200 anni, con i precedenti spegnimenti solari periodi prolungati di raffreddamento globale QUI.
Inoltre, non possiamo ignorare la moltitudine di nuovi articoli scientifici che affermano l’immenso impatto che il Beaufort Gyre potrebbe avere sulla Corrente del Golfo, e quindi sul clima in generale.

I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore, se non di giorni.
Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

NON CI SONO COMPLOTTI

CI SONO PERSONE E FATTI

DOCUMENTATI

10 pensieri riguardo “Evento di raffreddamento stratosferico in Antartide

  1. grazie per l’informazione sull’andamento del clima – in un mondo di chiacchiere vuote ed inconcludenti l’informazione non gettonata da interessi particolari assume un significato di verità’ vera in un mondo di menzogne. ancora GRAZIE

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: