Una CME simile al Carrington Event potrebbe colpire la Terra

Avevo deciso di non scrivere questo articolo, circa una settimana fa, quando ne ho sentito parlare per la prima volta. Dare credito alle previsioni di EOTW che mettono una data esatta sulla catastrofe ti lascia sempre con l’uovo in faccia – e questo non solo fornisce una data, ma anche un’ora esatta! Tuttavia, l’approccio multidisciplinare è interessante e la data non è molto lontana, il che significa che non dobbiamo aspettare a lungo per testare l’ipotesi.

Preso direttamente dallo studio:

«Questo breve documento prevede la prossima tempesta solare, che inizia con CME nella posizione del Sole nello zenit a Riau, in Indonesia, durante l’equinozio d’autunno il 23 settembre 2022, intorno alle 5:07 UTC. Basato sul nostro metodo di interpretazione del versetto del capitolo Grotta (18:17), il termine [tazāwaru] indica l’orientamento negativo e meridionale associato al Sole in versi.

Inoltre, la direzione verso sud e la polarità negativa della componente IMF-Bz, che significa una forte interazione con la magnetosfera, sono anche cruciali per lo sviluppo di una tempesta geomagnetica. Di conseguenza, il termine [tazāwaru] in versi può essere correlato con il Sole per suggerire la presenza di CME nella posizione zenitale del Sole il 23 settembre 2022.»

Un’altra sezione interessante:

«Le conseguenze della tempesta solare per gli esseri umani variano da impressionanti display celesti, come le aurore, a impatti sottili ma forse dannosi sui sistemi tecnologici che stanno diventando più vitali per la vita di tutti i giorni.

Ad esempio, le reti di trasmissione di energia elettrica e le linee di comunicazione hanno dimostrato di essere suscettibili ai fenomeni solari (Joselyn 1992). L’interruzione di Internet per un giorno negli Stati Uniti costa $ 7 miliardi, mentre un guasto della rete elettrica costa $ 40 miliardi. Tutti gli altri sistemi dipendono dalla rete elettrica (Jyothi 2021).

Quindi, è certo che se l’evento di Carrington si verificasse oggi, potrebbe devastare la nostra moderna infrastruttura tecnologica. Ciò offrirebbe un’alta probabilità di una complessa situazione di crisi alimentare globale che causerà il caos sulle economie locali e innescherà disordini civili.

Nel rapporto sulla sicurezza alimentare della Banca Mondiale del 15 agosto 2022 (The World Bank 2022), i prezzi alimentari record hanno scatenato una crisi mondiale che spingerà altri milioni di persone in grave povertà, esacerberà la fame e la malnutrizione e minaccerà di invertire anni di progressi nello sviluppo. Ad esempio, più di 17,4 milioni di yemeniti sono insicuri dal punto di vista alimentare; nei prossimi mesi, 7,3 milioni dovrebbero cadere nella fame di emergenza (ONU 2022).

Di conseguenza, sosteniamo che preparare le persone per il prossimo evento di Carrington, che prevediamo, è un passo fondamentale nel passaggio da un’influenza negativa a una positiva che dovrebbe essere dimostrata per evocare le percezioni delle persone per ridurre l’impatto delle tempeste solari sulla vita delle persone.»

Il documento conclude:

«Il mondo sta vivendo un problema di scarsità di cibo. L’emergere di una tempesta solare complicherebbe notevolmente la vita delle persone.

Di conseguenza, proponiamo che preparare le persone per la prossima tempesta solare, che anticipiamo, sia un passo vitale nella transizione da un risultato negativo a un risultato significativo che dovrebbe essere dimostrato per evocare le percezioni delle persone e per ridurre l’impatto di una tempesta solare sulla vita delle persone.

Noi sosteniamo che scoprire le prove nella grotta di Dio probabilmente contribuirà ad aumentare la consapevolezza delle persone per affrontare con cautela le ripercussioni di una tempesta solare. Mito e leggenda sono probabilmente incorporati nella mente subconscia. Pertanto, come miglior creatore, Dio fornisce al racconto dei Sette Dormienti uno scopo che probabilmente porta a un cambiamento nelle prospettive delle persone durante le situazioni difficili.

Inoltre, affermiamo che il versetto (18:17) che codifica la nostra identità corrisponde alla Tempesta Solare, e puoi usare il nostro approccio interpretativo per rivelare la nostra identità all’interno di una parola del versetto.»


La scienza dietro le previsioni

I brillamenti solari e le CME sono causati da scariche esplosive di energia magnetica dall’atmosfera solare.

L’articolo di Al-Rubaidi mira a informare la comunità scientifica delle minacce poste dalle tempeste solari previste per il 23 settembre, e anche a “preparare la comunità a conoscere le conseguenze di tali tempeste e come limitarne l’impatto”.

Le tempeste solari sono composte da tre elementi principali: brillamenti solari, eventi di protoni solari (SPV) ed espulsioni di massa coronale (CME). Le interazioni tra CME e il campo magnetico terrestre possono provocare una tempesta geomagnetica. Non tutte le tempeste solari creano tutte e tre le componenti, anche se le più potenti spesso lo fanno (Marusek 2007).

Sebbene la radiazione di brillamento e le particelle energetiche solari abbiano impatti sostanziali e osservabili, le tempeste magnetiche, che sono la reazione del campo magnetico terrestre alle inevitabili disomogeneità nel vento solare, sono responsabili delle conseguenze umane più onnipresenti (Joselyn 1992).

Le CME includono il rilascio di particelle solari elettricamente cariche e campi magnetici nello spazio. Questa nube magnetica impiega da 13 a 5 giorni per raggiungere la Terra (anche se la più veloce può arrivare in 15-18 ore) e interagire con il campo magnetico terrestre per creare intense correnti elettriche che possono danneggiare e distruggere la tecnologia umana (Jyothi 2021).

Aggiungendo ulteriore intrigo, si dà il caso che ci sia una mostruosa macchia solare che attualmente soffia il suo pennacchio sul lato opposto del sole. La sonda STEREO-A della NASA ha registrato questo magnifico CME full-halo durante le ultime ore del 5 settembre:

Un modello NASA del CME mostra che si allontana dalla Terra e si dirige direttamente verso Venere:

Questo renderà la seconda volta in una settimana che Venere è stata martellata da una significativa tempesta solare (una precedente CME colpita il 1° settembre, probabilmente lanciata dalla stessa macchia solare più lontana).

“Questo non è un evento di mulino”, dice George Ho del Johns Hopkins Applied Physics Lab. “Molti articoli scientifici studieranno questo per gli anni a venire”.

Ho è il ricercatore principale di un rivelatore di particelle energetiche a bordo del veicolo spaziale europeo Solar Orbiter e sta ricevendo molti dati in questo momento. Solar Orbiter ha appena eseguito un sorvolo ravvicinato di Venere (a soli 6420 km di distanza) per regolare la sua orbita attorno al sole. È nella posizione perfetta per osservare la tempesta.

Questo grafico mostra un’ondata di particelle energetiche che si riversano sul veicolo spaziale:

“Posso tranquillamente dire che l’evento del 5 settembre è una delle più grandi (se non LA più grande) tempeste di particelle energetiche solari (SEP) che abbiamo visto … In effetti, l’intensità delle particelle di 10 MeV e 50 MeV non si è attenuata dall’inizio della tempesta”, ha continuato Ho.

“Questo è indicativo di uno shock interplanetario molto veloce e potente, e l’eliosfera interna può essere riempita con queste particelle ad alta energia per lungo tempo. Penso di averne visti solo un paio negli ultimi due cicli solari”.

Per chiarire, la Terra non è interessata da questa tempesta, che sta accadendo sul lato opposto del sole. Tuttavia, l’esplosione sottostante avvenuta nella chioma magnetica di AR3088 – quella mostruosa e stranamente magnetizzata macchia solare (perpendicolare) di cui abbiamo discusso a fine agosto (link qui) – sta ora transitando sul lato opposto, apparentemente ancora più grande e arrabbiata di prima, con la rotazione del sole destinata a girarlo fronte Terra più tardi nel mese, cronometrando minacciosamente bene con l’appello di Al-Rubaidi per “The Big One”.

Modello NASA dell’evento Carrington del 1859.

Personalmente penso che una potente CME simile a Carrington colpirà l’atmosfera terrestre il 23 settembre?

No.

Tuttavia, i miei occhi saranno puntati verso il cielo tra tre venerdì?

Sì. Lo faranno.

Le scritture religiose sono strumenti potenti. Spesso contengono avvertimenti di catastrofi cicliche passate che sono destinate a ripetersi, da cui è possibile attingere l’attenzione. In altre parole, non sto rifiutando questa previsione a priori – non da ultimo perché posso vedere con i miei occhi l’AR3088 infuocato che si sta lentamente ma inesorabilmente facendo strada intorno al lato opposto del sole.

Inoltre, e solo per aggiungere ulteriori confluenze, la previsione di Al-Rubaidi coincide anche con la prossima riunione della Federal Reserve, che è anche una data che l’esperto finanziario Jim Rickards ha affermato suonerà nel prossimo grande crollo finanziario, la prossima Grande Depressione.

E tutto questo senza nemmeno menzionare la chiara correlazione tra bombardamenti solari e intensità delle tempeste tropicali.

Qualcosa sta arrivando, questo è sicuro – rimanete sintonizzati per gli aggiornamenti.


2 pensieri riguardo “Una CME simile al Carrington Event potrebbe colpire la Terra

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: