Il nostro mondo è gestito come una mafia? Quindi cosa facciamo?

A volte, viviamo le nostre vite e diamo per scontate le cose buone, e ci vuole un evento drammatico per rendersi conto di come funziona davvero il mondo. Inaspettatamente, oggi stiamo vivendo un evento del genere e, forse contro la nostra volontà, stiamo ricevendo un’educazione brutalmente diretta sulla natura del nostro rapporto con l’autorità…


N.B. Fatta eccezione per la trascrizione (a causa di problemi di accento/seconda lingua, la traduzione non è perfetta al 100%, per favore perdona eventuali errori con la struttura della frase e la grammatica).


La storia in breve
  • The Great Reset è una dimostrazione aperta della dinamica del potere con cui molti dei nostri antenati hanno avuto a che fare per secoli e secoli
  • Per un po’, noi cittadini dei paesi sviluppati, siamo stati fortunati poiché il modello economico che era utile agli individui più potenti del mondo funzionava anche per noi, ma ora non più!
  • Oggi i sedicenti boss mafiosi stanno smantellando le loro vecchie “linee di produzione” – così come le nostre aspettative su cosa significhi essere liberi – in modo che possano “ricostruire meglio” a nostre spese
  • “Dividi e conquista” è un trucco tradizionale e molto efficace che inganna l’ego, arma la sofferenza e giustifica l’abuso
  • Le risposte più probabili per uscire dal gioco delle “sedie musicali dell’abuso” sono l’onestà spirituale, l’amore e il riconoscimento del diritto delle altre persone di scegliere la propria strada

Punchline: credo che ciò che sta accadendo oggi con il Great Reset e il generale spostamento autoritario non sia probabilmente un’aberrazione dai nostri modi di civiltà, non un’eccezione alla regola. È semplicemente una dimostrazione aperta della dinamica del potere con cui molti dei nostri antenati hanno affrontato per secoli e secoli, in modi diversi.

Noi, persone in Occidente, siamo stati molto fortunati negli ultimi decenni tra la seconda guerra mondiale e il 2001. Siamo stati fortunati che il modello economico utile agli individui più potenti del mondo funzionasse anche per noi da quando il nostro consumatore, il potere e la nostra libertà di scegliere quali prodotti e attività ci piacevano erano utili ai loro profitti. Sembra che queste due cose non siano più così utili ai loro profitti, il che spiega il cambiamento autoritario.

Alcuni di noi stanno appena scoprendo che “l’ordine mondiale” è gestito come una mafia, più o meno. Stiamo scoprendo che il nostro mondo apparentemente familiare è gestito in termini mafiosi, da menti mafiose. Stiamo scoprendo che noi, cittadini rispettabili, non siamo così preziosi per i capi della mafia – e secondo loro, ora potrebbe essere il nostro turno di essere gettati sotto l’autobus della loro infinita ambizione di controllo.

Come mai? Perché fintanto che la nostra battaglia consisterà nel garantire che “persone come noi” traggano beneficio dalla Macchina invece di “loro” (che possono essere sacrificati), dovremo affrontare grandi reset in abbondanza finché le mucche non torneranno a casa.


“Divide and Conquer” è una richiesta mascherata per aiutare i capi della mafia

Come sappiamo, “divide et impera” è un trucco tradizionale e molto efficace del metaforico Manuale del Tiranno, usato da secoli (insieme a terrore e violenza) in tutto il mondo dai capi della mafia, in associazione con diverse parole ideologiche – e di solito, con un discreto successo. I tiranni adorano attingere alla nostra paura e al nostro dolore! Lo adorano semplicemente perché senza chiarezza spirituale da parte nostra, funziona ogni volta come un incantesimo!

Il motivo per cui i tiranni hanno avuto così tanto successo con questo trucco è perché nella nostra società, a causa della mancanza di rispetto spirituale generale, molte persone sono state “pre-umiliate” e affamate di anime, che lo sappiano o meno.

I tiranni sanno molto bene che coloro che sono umiliati e non guariti sono così presi dal proprio dolore da essere inclini a dimentichi del fatto che il tipo di elevazione loro offerta dai capi mafiosi richiede il degrado o addirittura la morte di qualcun altro. Ed è così che la Macchina continua ad esistere. Continua ad esistere facendoci interiorizzare la sensazione che infliggere dolore a “noi” sia molto brutto (cosa che ovviamente lo è), ma infliggere dolore agli “altri” non lo è.


Dolore come arma

Di volta in volta, i tiranni escogitano spunti di discussione plausibili che esaltano la sofferenza del gruppo che elevano temporaneamente e chiedono vendetta. Come a nome delle persone che soffrono, chiedono l’umiliazione di un altro gruppo demografico per “compensare”. Suona come un incredibile tradimento? Lo fa, e lo è!

Questo modello di comportamento è apertamente distruttivo per le persone che vengono gettate sotto l’autobus, ed è segretamente distruttivo per coloro che sono incoraggiati a rimanere bloccati per sempre nel loro dolore e ad ostacolare la propria crescita spirituale. (D: Chi trae vantaggio dal vampiro dell’energia che ostacola la crescita spirituale? A: Capi mafiosi!) E, naturalmente, ai tiranni non importa di nessuno coinvolto. Si preoccupano rigorosamente di nutrire gli insaziabili buchi ghiacciati nei loro cuori, ecco tutto.


Rompere il circolo vizioso secolare

La domanda importante è: come possiamo contrastare quel particolare tipo di abuso? Credo che lo contrastiamo gradualmente, con un’appassionata sensazione spirituale di fare la cosa giusta, poiché risolvere questo problema è una delle cose più difficili da fare, e le persone di solito sono molto sposate con il loro dolore, e ci vuole molta benevolenza spirituale e la sensazione di sfondare.

Credo che quando si tratta di trattare con i non guariti, abbia senso avvicinarsi a loro con amore genuino, ai loro pasticci e tutto il resto, ed essere gentili con loro mentre si sta saldamente in piedi sul proprio terreno spirituale. (Facile a dirsi, difficile da fare, ma nondimeno, questo è ciò che deve essere fatto).

Allo stesso tempo, quando si tratta di noi stessi, è nostra grande, grande, grande responsabilità fare tutto il possibile per curare le nostre ferite il prima possibile e nel modo più dolce, e questo indipendentemente dal fatto che gli altri scelgano di guarire le loro ferite o no.

È una di quelle cose misteriose che funzionano in un modo impossibile da descrivere. Se facciamo amicizia con il nostro trauma e iniziamo ad amare il simbolo del nostro trauma più della nostra libertà dai fantasmi, rischiamo di trasformarci nella forza stessa che stiamo cercando di combattere, e poi ci trasformiamo in aiutanti inconsapevoli della Macchina, e poi… ciao, un altro grande ripristino!

Per questo motivo, la mia preghiera appassionata è per la migliore guarigione di coloro con cui sono d’accordo e anche di coloro con cui non sono d’accordo. Dopotutto, la guarigione degli altri giova a tutti noi!


Chi vince nel gioco “Dividi e conquista”? Capi mafiosi, ecco chi

La storia ha dimostrato più e più volte che quando le persone vanno d’accordo a buttare gli altri sotto l’autobus, prima o poi vengono prese anche loro dalla Macchina. E poi è un po’ tardi per lamentarsi!

Sembra che funzioni così: in primo luogo, i tiranni annunciano che un gruppo di persone (di cui hanno bisogno i tiranni) sono gli “speciali” e fanno credere agli “speciali” temporalmente nella loro bontà esclusiva, come i dirigenti della mafia congratularmi e ringraziarli per il loro aiuto nel sacrificare gli altri (“pagani”, “indiani ostili”, no-vax, persone di un altro villaggio, persone la cui discendenza o religione o tratti biologici li rendono “inferiori”, e soprattutto quelli la cui proprietà i capi della mafia vogliono rubare.

Il sacrificio “dell’altro” è sempre per il bene superiore, ovviamente. E poi, una volta che “l’altro” è stato per lo più alimentato alla Macchina, il tiranno arriva dritto verso gli ex speciali, che di solito rimangono molto sorpresi! E il tiranno ride di loro senza pietà mentre cercano di ricordargli dell’accordo che pensavano di avere, del fatto che avrebbero dovuto essere speciali… Ride e basta.

La mia sensazione è che uno degli aspetti spirituali importanti del Grande Reset sia quello di esporci alla brutta natura di gettare gli altri sotto l’autobus in base alla nostra ideologia o alla nostra idea di scienza o di Dio. Forse è per curarci dall’idea che il Creatore discrimini in base alla nostra discendenza, religione, argomenti di conversazione o parole che usiamo per pregare.

Senza dubbio ognuno è speciale dal punto di vista spirituale e ha una valida ragione esistenziale per essere qui e godere. E affinché l’assalto in corso di grandi reset finisca per sempre, dobbiamo porre fine alla nostra volontà di gettare altre persone sotto l’autobus o ritenerle inferiori in nome della vittoria della nostra sostanza ideologica.

Quando lo facciamo con passione e vigore, quando insistiamo, questo grande ripristino prima o poi si auto-brucerà e quelli futuri potrebbero non arrivare. I “grandi resetter” lo sanno benissimo, e quindi cercano di infliggerci più dolore per renderci stanchi e insensibili. Sperano di mungere fino in fondo il nostro dolore con l’idea che mentre stiamo soffrendo, saremo più disposti a ferire gli altri in nome dell’elevazione di noi stessi.


Demolizione controllata

Un altro motivo del dolore è ovviamente il tentativo di demolizione controllata del mondo che conosciamo. I sedicenti boss della mafia stanno smantellando le loro vecchie “linee di produzione” – così come le nostre aspettative su cosa significhi essere liberi – in modo che possano “ricostruire meglio” a nostre spese. Ricostruire meglio, ovviamente, significa costruire linee di produzione più efficienti e sicure e forse anche trasformare i nostri corpi in utili fabbriche.

E perché si sentono autorizzati a un simile abuso? Sono sempre stati così! È solo che negli ultimi decenni noi qui in Occidente siamo stati “scelti” per essere “quelli speciali”, quindi non abbiamo notato tanto l’abuso.


Delusione, disfatta

Penso che realizzare la vera natura della nostra relazione con l’autorità (che possiamo cambiarla immediatamente o meno) sia una lezione importante che possiamo imparare vivendo il tentativo di Grande Reset. Sì, la vita era molto più piacevole e sana prima del tentativo del Grande Reset, ma penso che per quanto riguarda le teste della mafia, le nostre comodità e libertà sono sempre state intese come una cosa temporanea.

Dovevamo credere che fossimo liberi fintanto che la nostra produttività e il nostro potere di consumo fossero buoni per i loro profitti. E non appena l’IA ha iniziato a tentare – e la sovrappopolazione, a preoccupare – i capi della mafia, hanno rapidamente deciso di prendere in mano la questione e “correggere il corso”, assicurandosi che le cinture dei contadini fossero belle e strette e i guinzagli corti.

Per decenni, in Occidente siamo stati per lo più al riparo da abusi espliciti, soprattutto durante gli anni “produttivi” della nostra vita. Il paradigma culturale è stato quello di garantire la “capacità di comprare un sacco di cose” a individui competitivi nel fiore degli anni e di buttare le persone fuori dalla “zona di rilevanza” una volta che sono stanche, vecchie o malate – o forse buttarle fuori subito se erano troppo traumatizzati o inadatti a competere nel mercato che richiedeva di poter operare e vincere in un’atmosfera di non amore.

Di conseguenza, molte persone hanno trascorso la loro giovinezza ricca di energia dimostrando la loro produttività e utilità alla Macchina e scalando la scala del mercato sulla base del non amore, solo per stancarsi e imparare, attraverso l’esperienza personale, che da all’inizio, la Macchina non si è mai preoccupata di loro in alcun modo.

Esaurite, con la nuova giovinezza – indottrinate nelle ultime novità – che gli respirano nel collo, molte persone in Occidente sono entrate nell’invisibilità e nell’irrilevanza nella loro vecchiaia (a meno che, ovviamente, non abbiano cresciuto i loro figli nel modo giusto, e i loro figli abbiano continuato a prendersi cura di loro dei loro genitori anziani e proteggerli dalla Macchina).


Il “COVID” ha reso i buchi nella nostra esistenza spirituale molto visibili

Quando il 2020 è arrivato, ha enormemente esagerato i mali esistenti rendendoli assurdamente grandi. Fare leoni i giovani inesperti e creduloni mentre mancano di rispetto agli anziani e li gettano nella spazzatura è stata per un po’ una crudele norma culturale nei paesi “sviluppati”. Nel 2020, quella norma, mescolata a panico, arroganza e cieca fiducia nei responsabili, si è svolta come un film dell’orrore.

Si è svolto come un film dell’orrore che presentava abusi, reclusione di anziani in case di cura e omicidi di massa di pazienti indifesi negli ospedali di tutto il mondo.

Una nota a margine sugli errori medici il Dr. Pierre Kory ha scritto un’interessante lettera sull’uso del Midazolam e dei sedativi nei reparti COVID. Il dottor Kory sostiene che all’inizio venivano usati dai medici per “paura e stupidità” piuttosto che per cattiva intenzione – e credo che sia probabilmente vero, e che la maggior parte dei medici, specialmente all’inizio, agiva per “paura e stupidità” (e forse in alcuni casi insensibilità e indifferenza), più o meno.

Ho molta meno fiducia nella mancanza di cattive intenzioni da parte di coloro che non solo hanno scritto le linee guida omicide, ma le hanno anche applicate in modo rialzista, punendo duramente il dissenso. Nella mia mente, per motivi di integrità intellettuale, ho cercato di trovare una spiegazione benevola per questo genere di cose, ma non ne ho trovata nessuna!


C’è speranza

Buone notizie: mentre i boss della mafia fanno le loro azioni predatorie, qualcosa di misterioso sta accadendo nel cuore di quelli di noi che insistono sull’amore. Sotto pressione, siamo costretti a ricordare che non siamo loro, che siamo qui con una missione tutta nostra, con lo spirito che guida i nostri cuori, con la terra sotto i nostri piedi e cieli sacri senza tempo sopra le nostre teste (temporaneamente profanati dai pazzi percorsi di geoingegneria ma nondimeno sacri e senza tempo — e un giorno, di nuovo limpidi!)

La Macchina senz’anima vuole mangiarci tutti e per i boss mafiosi siamo tutti uguali, come piccole formiche. Ci hanno ferito a turno e ridendo di quanto siamo stati creduloni da secoli e secoli. Ci hanno detto che il gioco delle sedie musicali è il gioco che dobbiamo giocare.

Hanno capito come suonare il nostro dolore e il nostro ego come un violino, e poiché ci siamo presi (anche a turno), hanno abusato allegramente di tutti noi. Hanno scelto chi è “noi” du jour e chi è “loro” du jour – e ci hanno detto che siamo speciali, e quelle altre persone non sono affatto speciali (o meglio ancora, che loro sono pericolose per tutte le cose buone), e quindi possono e devono essere sacrificate. Ma è mai stato vero? Onesto al cuore, è mai stato vero?

Sull’autore


I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore, se non di giorni.
Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

NON CI SONO COMPLOTTI

CI SONO PERSONE E FATTI

DOCUMENTATI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: