Ondata di gelo tra Baltico e Russia

  • Le regioni della Russia e della Bielorussia soffrono delle prime gelate registrate;
  • Cadono i riferimenti freddi in Nuova Zelanda;
  • Previsioni di neve di settembre per il Nord-Ovest degli U.S.;
  • Stime delle colture USDA riviste al ribasso

Le regioni della Russia e della Bielorussia soffrono delle prime gelate registrate

L’Europa orientale ha sperimentato un freddo da record e forti piogge dall’inizio di settembre.

In realtà, questa è stata una configurazione simile per lunghi tratti dell’estate, perché mentre l’Europa occidentale ha ottenuto tutti i titoli dei giornali – grazie a un media mainstream che insegue il caldo – ha tenuto un freddo anomalo in tutta la maggior parte dell’Est.

Questa settimana, Kaliningrad, Russia e Minsk, Bielorussia sono stati tra i luoghi a soffrire le loro prime gelate nella storia registrata.

Una storia dell’estate europea: il MSM riferisce sui “rossi” ed elude i “blu”.

Altrove, un’oscillazione tra gli estremi – dal caldo al freddo record – è stata notata in Finlandia e in altre nazioni baltiche questa settimana.

Ieri, il termometro in Finlandia è precipitato fino a -7,5°C (18,5°F), all’aeroporto di Ylivieska. In effetti, questa prima settimana di settembre è stata la più fredda della Finlandia da decenni, in particolare nel sud, dove la capitale Helsinki ha sofferto il suo inizio del mese più freddo dal settembre dal 1941.

I media corporativi mainstream non sono affatto interessati al freddo, il che significa che un pubblico sempre fiducioso non è affatto a conoscenza della sua esistenza. Letteralmente. Le masse diligenti credono ancora che il “mondo sia in fiamme” – poiché è quello che sono istruiti a credere – anche se i dati reali e facilmente reperibili, “La Scienza” che ci viene detto di seguire, racconta di una realtà contraddittoria e non allarmante:


Cadono i riferimenti freddi in Nuova Zelanda

C’è stato un freddo terribile e la neve per molti è iniziata a settembre in Nuova Zelanda, con Christchurch la “città principale” più fredda e Auckland che è precipitata vicino allo zero (C).

La minima all’aeroporto di Christchurch questa settimana è scesa a -4,7°C (23,5°F) che, secondo MetService, è stata la seconda temperatura più bassa di settembre della città da quando sono iniziate le registrazioni nel 1954 (quasi raggiungendo il minimo più freddo di sempre: -4,8°C (23,4°F) stabilito di recente, nel 2020).

Il cielo sereno e la mancanza di vento erano due ragioni per cui faceva così freddo, ha detto il meteorologo di MetService Dan Corrigan.

“L’altro motivo per cui è eccezionale è che ieri abbiamo avuto neve a Christchurch. Ciò indica che abbiamo avuto un po’ di aria molto fredda direttamente dal ghiaccio marino antartico che spazzava l’Isola del Sud”.

La neve rara e il freddo da record colpiscono Christchurch [Peter Meecham/Stuff].

Questa è stata la prima nevicata decente di Christchurch in quasi un decennio, con raffiche che sono cadute anche a Wellington e Dunedin. L’ultima volta che la città ha visto stabilizzarsi la neve risale al 2013.

I kiwi hanno tremato questa settimana, con temperature minime che hanno invaso gran parte del paese:

Rotorua è precipitato a -3,1°C (26,4°F); Hamilton è affondato a -1.6°C (29.1°F); Wainuiomata ha raggiunto -1,9°C (28,6°F); Upper Hutt fino a -2°C (28.4°F); mentre gli unici luoghi con temperature più fredde di Christchurch erano le quote più alte, come Pikaki con i suoi -5,4°C (22,3°F), una lettura uguagliata a Tekapo; il -6.3°C (20.7°F) a St Arnaud; e il -7°C (19.4°F) all’aeroporto di Mt Cook.

La Desert Road, che era ricoperta di neve, ha registrato -6,6°C (20,1°F) — incredibilmente fredda per settembre.


Previsioni di neve di settembre per il Nord-Ovest degli U.S.

Prima dell’arrivo della caduta astronomica, le sacche dell’ovest sono preparate per nevicate di alto livello, in particolare il nord-ovest.

I modelli stanno saltando dappertutto in termini di volume, ma le località sono rimaste abbastanza coerenti: Montana, Idaho, Wyoming e persino Utah e Colorado sono tutti sulla buona strada per tormente di alta quota nei prossimi giorni e settimane, con province a nord del confine –vale a dire a.C.– previsti anche alcuni consistenti accumuli estivi:

GFS Total Snowfall (inches) Sept 9 – Sept 24 [tropicaltidbits.com].

Guardando altrove, c’è una solida possibilità che anche gli stati centrali e meridionali possano vedere un clima di tipo autunnale, questo fine settimana, mentre scendono le sacche di freddo polare del nord:

GFS Total Snowfall (inches) Sept 10 – Sept 12 [tropicaltidbits.com].

Stime delle colture USDA riviste al ribasso

Gli analisti vedono la produzione statunitense in calo a 14,09 miliardi di bushel (358 milioni di tonnellate) dai 14,359 miliardi di bushel stimati ad agosto, un calo di 269 milioni di bushel (6,83 milioni di tonnellate), perché le proiezioni di rendimento continuano a diminuire.

I rendimenti di questa stagione sono visti a 172,5 bushel per acro, in calo sostanzialmente dai 175,4 cespugli per acro previsti ad agosto, con ulteriori cali previsti perché l’USDA “alimenta” le cattive notizie attraverso – l’agenzia che esiste per stabilizzare i mercati, ricorda.

Il calo della produzione abbasserà le scorte finali degli Stati Uniti con gli analisti che prevedono che il nuovo rapporto – in uscita alle 12:00 ET di lunedì 12 settembre – mostrerà 1,206 miliardi di bushel (31 milioni di tonnellate), in calo di 182 milioni di bushel (4,6 milioni di tonnellate) rispetto al mese di agosto Wasde.

Si prevede che le scorte finali globali per la nuova campagna agricola diminuiranno di 5,3 milioni di tonnellate dal rapporto di agosto a 301 milioni di tonnellate.


TEMPI FREDDI stanno tornando, le medie latitudini si stanno RAFFREDDANDO in linea con la grande congiunzione, l’attività solare storicamente bassa, i raggi cosmici che nucleano le nuvole e una corrente a getto meridionale (tra le altre forzature).
Sia il NOAA che la NASA sembrano concordare, se si legge tra le righe, con NOAA che afferma che stiamo entrando in un grande minimo solare in piena regola alla fine del 2020, e la NASA vede questo prossimo ciclo solare (25) come il più debole degli ultimi 200 anni, con i precedenti spegnimenti solari periodi prolungati di raffreddamento globale QUI.
Inoltre, non possiamo ignorare la moltitudine di nuovi articoli scientifici che affermano l’immenso impatto che il Beaufort Gyre potrebbe avere sulla Corrente del Golfo, e quindi sul clima in generale.


I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore, se non di giorni.
Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

NON CI SONO COMPLOTTI

CI SONO PERSONE E FATTI

DOCUMENTATI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: