Google: un dittatore diverso da qualsiasi cosa il mondo abbia mai conosciuto

Robert Epstein, ora è uno psicologo ricercatore senior per l’American Institute of Behavioral Research and Technology, dove nell’ultimo decennio ha contribuito a smascherare le pratiche manipolative e ingannevoli di Google. In questa intervista, spiega in primo luogo cosa lo ha interessato a indagare sul monopolio della ricerca su Internet:



La storia in breve
  • Robert Epstein è uno psicologo formato ad Harvard che ha spiegato come Google stia manipolando l’opinione pubblica attraverso il suo motore di ricerca in modo che possano cambiare i risultati delle elezioni e molte altre aree importanti
  • La sua ricerca mostra come Google stia utilizzando nuove tecniche di manipolazione che non sono mai esistite prima nella storia umana. Se ciò non bastasse, questi strumenti sono effimeri e non lasciano tracce cartacee del loro subdolo comportamento
  • Secondo i calcoli di Epstein nel 2020, Google aveva la capacità di spostare 15 milioni di voti prima delle elezioni presidenziali statunitensi del 2020
  • Poiché Google è diventato uno strumento quotidiano utilizzato per oltre il 90% delle ricerche in tutto il mondo, a partire dal 2020 l’azienda aveva probabilmente determinato i risultati del 25% delle elezioni nazionali nel mondo
  • I suggerimenti per la ricerca, mostrati in un menu a discesa quando inizi a digitare un termine di ricerca, sono un altro potente strumento di manipolazione in grado di trasformare una divisione 50/50 tra gli elettori indecisi in una divisione 90/10, senza che nessuno abbia la minima idea che sono stati manipolati

«Nel 2012, il 1° gennaio, ho ricevuto alcune e-mail da Google in cui si diceva che il mio sito Web conteneva malware e che in qualche modo stavano bloccando l’accesso. Ciò significa che ero entrato in una delle liste nere di Google.

Il mio sito Web conteneva del malware. È stato abbastanza facile sbarazzarsene, ma si scopre che è difficile uscire da una lista nera di Google. Questo è un grosso problema. Ho iniziato a guardare Google in modo leggermente diverso. Mi chiedevo, prima di tutto, perché mi stessero informando di questo piuttosto che qualche agenzia governativa o qualche organizzazione senza scopo di lucro. Perché una società privata mi ha avvisato?


In altre parole, chi ha reso Google lo sceriffo di Internet? In secondo luogo, ho appreso che non avevano un servizio clienti, il che sembrava molto strano, quindi se hai un problema con Google, allora hai un problema perché non ti aiutano a risolvere il problema.

Ho anche imparato che, sebbene tu possa entrare in una lista nera in una frazione di secondo, possono essere necessarie settimane per uscire da una lista nera. Ci sono state aziende che sono entrate nelle loro liste nere e hanno cessato l’attività mentre cercavano di risolvere il problema.


La cosa che ha davvero attirato la mia attenzione, perché sono stato un programmatore per tutta la vita, è che non riuscivo a capire come stessero bloccando l’accesso al mio sito Web, non solo attraverso i loro stessi prodotti… Google.com, il motore di ricerca, o tramite Chrome, che è il loro browser, ma tramite Safari, che è un prodotto Apple, tramite Firefox, che è un browser gestito da Mozilla, un’organizzazione senza scopo di lucro.


In che modo Google ha bloccato l’accesso con così tanti mezzi diversi? Il punto è che ho appena iniziato a essere più curioso dell’azienda e, più tardi, nel 2012, mi è capitato di guardare una letteratura in crescita, che riguardava il potere delle classifiche di ricerca di influenzare le vendite.
Questo era nel campo del marketing ed è stato semplicemente sorprendente. In altre parole, se potessi spingerti più in alto nei loro risultati di ricerca, ciò potrebbe fare la differenza tra successo o fallimento per la tua azienda; potrebbe significare molto più reddito.


Si scopre che questa ricerca iniziale diceva che le persone si fidano davvero di quei risultati di ricerca con un punteggio più alto. Ho semplicemente fatto una domanda. Mi chiedevo se, se le persone si fidano di quei risultati di ricerca di rango più alto, potrei usare i risultati di ricerca per influenzare le opinioni delle persone, forse anche i loro voti
.»

Ciò che Epstein ha scoperto attraverso la sua successiva ricerca, iniziata nel 2013, è che sì, i risultati di ricerca distorti possono effettivamente essere utilizzati per influenzare l’opinione pubblica e influenzare gli elettori indecisi. Inoltre, la forza di quell’influenza è stata scioccante. Alla fine ha anche scoperto come Google è in grado di bloccare l’accesso al sito Web su browser diversi dal proprio. Le sue scoperte sono state pubblicate nel 2016 in US News & World Report.1


I poteri di Google pongono gravi minacce alla società

I poteri di Google pongono tre minacce specifiche per la società:

Sebbene la sorveglianza sia l’attività principale di Google, le loro entrate – che nel 2022 superano i 256 miliardi di dollari all’anno2 – provengono quasi esclusivamente dalla pubblicità. Tutte le informazioni personali che hai fornito loro attraverso i loro vari prodotti vengono vendute agli inserzionisti che cercano un pubblico di destinazione specifico.


Come Google può cambiare la tua percezione a tua insaputa

Gli esperimenti controllati, randomizzati, in doppio cieco e controbilanciati di Epstein hanno rivelato diversi modi in cui Google può cambiare la percezione pubblica. Il primo effetto che ha scoperto si chiama SEME, che sta per effetto la manipolazione dei motori di ricerca. Per una descrizione completa dell’esperimento di base utilizzato per identificare questo effetto, ascolta l’intervista.

In sintesi, lo scopo del suo esperimento era quello di vedere se i risultati di ricerca prevenuti verso un particolare candidato politico sarebbero stati in grado di cambiare l’opinione politica e le inclinazioni degli utenti.

«Avevo previsto, quando l’abbiamo fatto per la prima volta, che avremmo ottenuto un cambiamento, dice Epstein, perché … le persone si fidano dei risultati di ricerca con un punteggio più alto e, naturalmente, avevamo distorto i risultati di ricerca in modo che, se in quel primo gruppo, qualcuno stava facendo clic su un risultato di ricerca di alto livello, che li avrebbe collegati a una pagina Web che faceva sembrare un candidato molto migliore dell’altro…

Ho previsto che avremmo potuto ottenere uno spostamento delle preferenze di voto dal 2% al 3%. Ero lontano. Abbiamo… uno spostamento del 48%, che ho pensato fosse un errore perché è pazzesco…


Dovrei notare che in quasi tutti i nostri esperimenti, specialmente quelli iniziali, abbiamo deliberatamente utilizzato elettori indecisi. Questa è la chiave. Non puoi facilmente spingere le opinioni o le preferenze di voto di persone che sono di parte, che sono fortemente impegnate in un partito o nell’altro, ma le persone che sono indecise, quelle sono le persone che sono molto vulnerabili. Nei nostri esperimenti troviamo sempre il modo di utilizzare gli elettori indecisi.


In questi primi esperimenti, il modo in cui abbiamo garantito che i nostri elettori fossero indecisi è stato quello di utilizzare persone provenienti dagli Stati Uniti come nostri partecipanti, ma l’elezione che abbiamo scelto è stata quella del 2010 per il primo ministro australiano.


Sono candidati reali, elezioni reali, risultati di ricerca reali, pagine Web reali e, naturalmente, poiché i nostri partecipanti provenivano dagli Stati Uniti, non avevano familiarità con i candidati. In effetti, ecco perché, prima che facciano la ricerca, otteniamo questa divisione 50/50 quasi perfetta su chi voteranno, perché non conoscono questi candidati. Le informazioni che stanno ottenendo dalla ricerca, presumibilmente, è il motivo per cui otteniamo questa ricerca
.»


Il trucco semplice maschera efficacemente i bias di ricerca

Un’altra cosa che Epstein ha notato è che pochissimi sembravano rendersi conto di vedere risultati di ricerca distorti. In altre parole, la manipolazione è passata praticamente inosservata.

In un secondo esperimento, sono stati in grado di ottenere uno spostamento del 63% nelle preferenze degli elettori e mascherando il pregiudizio – semplicemente inserendo un risultato favorevole all’avversario qua e là – sono stati in grado di nascondere il pregiudizio quasi a tutti.

«In altre parole, potremmo ottenere enormi cambiamenti nelle opinioni e nelle preferenze di voto senza che nessuno sia in grado di rilevare la distorsione nei risultati di ricerca che stavamo mostrando loro, afferma Epstein. È qui che, ancora una volta, inizia a fare paura. Ancora più spaventoso è quando siamo passati a condurre uno studio nazionale su oltre 2.000 persone in tutti i 50 stati.»

Esperimenti successivi hanno rivelato che questo pattern di clic è il risultato del condizionamento. La maggior parte delle cose che le persone cercano sono questioni semplici come il tempo locale o la capitale di un paese. La risposta più appropriata e corretta è sempre in cima. Ciò li condiziona a presumere che la risposta migliore e più vera sia sempre l’elenco con il punteggio più alto.


Google potrebbe aver spostato milioni di voti nelle elezioni del 2016

Le ramificazioni dell’effetto di manipolazione dei motori di ricerca possono essere immense. Naturalmente, avere il potere di cambiare l’opinione pubblica è una cosa; in realtà usare quel potere è un altro. Quindi, il prossimo obiettivo di Epstein era determinare se Google sta usando il suo potere di influenza o meno.

«All’inizio del 2016 ho creato il primo sistema di monitoraggio in assoluto, che mi ha permesso di guardare oltre le spalle delle persone mentre conducevano ricerche relative alle elezioni su Google, Bing e Yahoo nei mesi precedenti le elezioni presidenziali del 2016. Avevo 95 agenti sul campo (come li chiamiamo noi), in 24 stati.

Abbiamo mantenuto le loro identità segrete, il che ha richiesto molto lavoro. E questo è esattamente, tra l’altro, ciò che la società Nielsen fa per generare ascolti per i programmi televisivi. Hanno diverse migliaia di famiglie. Le loro identità sono segrete. Forniscono alle famiglie scatole speciali, che consentono a Nielsen di tabulare quali programmi stanno guardando…

Ispirati dal modello Nielsen, abbiamo reclutato i nostri agenti sul campo, li abbiamo dotati di software passivo personalizzato. In altre parole, nessuno potrebbe rilevare il fatto di avere il software nei propri computer. Ma quel software ci ha permesso di guardarci alle spalle mentre conducevano ricerche relative alle elezioni…

Abbiamo finito per preservare 13.207 ricerche relative alle elezioni e le quasi 100.000 pagine web a cui si collegavano i risultati di ricerca… Dopo le elezioni, abbiamo valutato le pagine web per bias, pro-Clinton o pro-Trump… e poi abbiamo fatto un’analisi per vedere se c’era qualche distorsione nei risultati di ricerca che le persone vedevano.

I risultati che abbiamo ottenuto sono stati cristallini, altamente significativi dal punto di vista statistico… al livello di 0,001. Ciò che dice è che possiamo essere sicuri che il pregiudizio che stavamo vedendo era reale e non si è verificato a causa di alcuni fattori casuali. Abbiamo riscontrato un pregiudizio pro-Clinton in tutte e 10 le posizioni di ricerca sulla prima pagina dei risultati di ricerca di Google, ma non su Bing o Yahoo.

È molto importante. Quindi, c’era un significativo pregiudizio pro-Clinton su Google. Grazie agli esperimenti che stavo facendo dal 2013, sono stato anche in grado di calcolare quanti voti avrebbero potuto essere spostati con quel livello di pregiudizio… Come minimo, circa 2,6 milioni di voti [indecisi] sarebbero stati spostati su Hillary Clinton.»

Nella fascia alta, i risultati di ricerca distorti di Google potrebbero aver spostato fino a 10,4 milioni di elettori indecisi verso Clinton, il che non è un’impresa da poco, il tutto senza che nessuno si rendesse conto di essere stato influenzato e senza lasciare traccia che le autorità potessero seguire.

Secondo i calcoli di Epstein, per le società tecnologiche e Google è la principale, è stato possibile spostare 15 milioni di voti prima delle elezioni del 2020, il che significa che avevano il potenziale per selezionare il prossimo presidente degli Stati Uniti.


Google ha il potere di determinare il 25% delle elezioni globali

Molti di coloro che guardano al lavoro di Epstein finiscono per concentrarsi sulla capacità di Google di influenzare la politica statunitense, ma il problema è molto più grande di quello.

«Come ho spiegato quando ho testimoniato davanti al Congresso, il motivo per cui parlo di queste questioni è perché, prima di tutto, io… penso che sia importante preservare la democrazia e preservare le elezioni libere ed eque. Per me, è piuttosto semplice.

Ma il problema è molto più grande delle elezioni, della democrazia o degli Stati Uniti. Perché ho calcolato nel 2015 che… il motore di ricerca di Google, poiché oltre il 90% delle ricerche in tutto il mondo sono condotte su Google, stava determinando i risultati di oltre il 25% delle elezioni nazionali nel mondo.


Come può essere? Bene, è perché molte elezioni sono molto vicine. E questa è la chiave per capirlo. In altre parole, abbiamo effettivamente esaminato i margini di vittoria nelle elezioni nazionali in tutto il mondo, che tendono ad essere molto vicini. Nelle elezioni australiane del 2010, ad esempio, il margine di vittoria era qualcosa come lo 0,2%…


Se i risultati che stanno ottenendo su Google sono prevenuti verso un candidato, ciò sposta molti voti tra le persone indecise. Ed è molto, molto semplice per loro capovolgere un’elezione o… truccare un’elezione… È molto, molto semplice per Google farlo.


Possono farlo deliberatamente, il che è un po’ spaventoso. In altre parole, alcuni alti dirigenti di Google potrebbero decidere chi vogliono che vinca le elezioni in Sud Africa o nel Regno Unito o ovunque. Potrebbe essere solo un dipendente canaglia di Google a farlo. Potresti pensare che sia impossibile … ma è incredibilmente semplice…


Un ingegnere software senior di Google, Shumeet Baluja, che è stato in Google quasi dall’inizio, ha pubblicato un romanzo di cui nessuno ha mai sentito parlare chiamato The Silicon Jungle … È immaginario, ma parla di Google e del potere che i singoli dipendenti di Google quando devono creare o distruggere qualsiasi azienda o individuo.


È un romanzo fantastico. Ho chiesto a Baluja come Google gli ha permesso di farla franca pubblicandolo e lui ha detto: “Beh, mi hanno fatto promettere che non l’avrei mai promosso”. Ecco perché nessuno ha mai sentito parlare di questo libro
.»


Un dittatore diverso da qualsiasi cosa il mondo abbia mai conosciuto

Un’altra possibilità, e ancora più spaventosa, è che Google possa consentire al suo algoritmo parziale di favorire un candidato rispetto a un altro senza preoccuparsi di quale candidato sia favorito.

«Questa è la possibilità più spaventosa’, dice Epstein, ‘perché ora hai un algoritmo, un programma per computer, che è un idiota… che decide chi ci governa. È pazzesco.»

Anche se sembra che dovrebbe essere illegale, non lo è, perché non ci sono leggi o regolamenti che limitano o determinano il modo in cui Google deve classificare i suoi risultati di ricerca. I tribunali hanno effettivamente concluso che Google sta semplicemente esercitando il suo diritto alla libertà di parola, anche se ciò significa distruggere le attività che declassano nelle loro liste di ricerca o nelle liste nere.

L’unico modo per proteggerci da questo tipo di influenza nascosta è istituire programmi di monitoraggio come quello di Epstein in tutto il mondo. “Come specie, è l’unico modo in cui possiamo proteggerci dai nuovi tipi di tecnologie online che possono essere utilizzate per influenzarci”, afferma. “Nessun dittatore da nessuna parte ha mai avuto nemmeno una minima parte del potere di questa azienda”.

Epstein sta anche spingendo affinché il governo renda l’indice di ricerca di Google un bene pubblico, il che consentirebbe ad altre società di creare piattaforme di ricerca concorrenti utilizzando il database di Google. Sebbene il motore di ricerca di Google non possa essere smantellato, il suo monopolio verrebbe contrastato costringendolo a cedere il suo indice ad altri sviluppatori di piattaforme di ricerca.


L’influenza dei suggerimenti di ricerca

Nel 2016, Epstein ha anche scoperto la notevole influenza dei suggerimenti di ricerca: le ricerche suggerite mostrate in un menu a discesa quando inizi a digitare un termine di ricerca. Questo effetto è ora noto come effetto del suggerimento di ricerca o SSE. Epstein spiega:

«Inizialmente l’idea era che ti avrebbero fatto risparmiare tempo. Questo è il modo in cui hanno presentato questa nuova funzionalità. Avrebbero anticipato, in base alla tua storia o in base a ciò che altre persone stanno cercando, cosa stai cercando in modo da non dover digitare tutto. Basta fare clic su uno dei suggerimenti. Ma poi si è trasformato in qualcos’altro. Si è trasformato in uno strumento di manipolazione.

Nel giugno 2016, una piccola testata giornalistica… ha scoperto che era praticamente impossibile ottenere suggerimenti di ricerca negativi relativi a Hillary Clinton, ma facile ottenerli per altre persone, incluso Donald Trump. Erano molto preoccupati per questo perché forse poteva influenzare le persone in qualche modo.


Quindi, l’ho provato io stesso e ho un’immagine meravigliosa che ho conservato mostrando questo. Ho digitato “Hillary Clinton è” su Bing e su Yahoo, e ho ottenuto quelle lunghe liste, otto e 10 voci, che dicevano: “Hillary Clinton è il diavolo. Hillary Clinton è malata…” tutte cose negative che le persone stavano effettivamente cercando.


Come faccio a saperlo? Perché abbiamo verificato le tendenze di Google. Le tendenze di Google ti mostrano ciò che le persone stanno effettivamente cercando. Abbastanza sicuro, le persone stavano effettivamente cercando tutte queste cose negative legate a Hillary Clinton. Questi erano i termini di ricerca più popolari.


Quindi, l’abbiamo provato su Google e abbiamo ottenuto: “Hillary Clinton sta vincendo, Hillary Clinton è fantastica”. Ora controlli quelle frasi sulle tendenze di Google e scopri che nessuno sta cercando “Hillary Clinton è fantastica”. Nessuno. Non uno. Ma questo è ciò che ti stanno mostrando nei loro suggerimenti di ricerca.


Questo ha fatto funzionare di nuovo i miei ingranaggi di ricerca. Ho iniziato a fare esperimenti perché ho detto: “Aspetta un minuto, perché dovrebbero farlo? Qual è il punto?” Ecco cosa ho trovato in una serie di esperimenti: semplicemente manipolando i suggerimenti di ricerca, potrei trasformare una divisione 50/50 tra gli elettori indecisi in una divisione 90/10, senza che nessuno avesse la minima idea di essere stato manipolato
.»


Prossimo passo è l’algoritmo di YouTube

Anche YouTube, che è di proprietà di Google, ha un’enorme influenza sull’opinione pubblica. Secondo Epstein, il 70% dei video che le persone vedono su YouTube sono suggeriti dall’algoritmo top secret Up Next di Google, che consiglia i video da visualizzare ogni volta che guardi un video.

Proprio come i suggerimenti di ricerca, questo è uno strumento di manipolazione effimera straordinariamente efficace. Non c’è alcuna registrazione dei video consigliati dall’algoritmo, ma può portarti nella proverbiale tana del coniglio alimentandoti un video dopo l’altro.

«Ci sono ora casi documentati in cui le persone sono state convertite all’Islam estremo o alla supremazia bianca, letteralmente perché erano state trascinate nella tana del coniglio da una sequenza di video su YouTube, afferma Epstein.

Pensa a quel potere. Ancora una volta, non è potente per le persone che hanno già opinioni forti. È potente per le persone che non le hanno, le persone che sono vulnerabili, le persone che sono indecise o disimpegnate. E questo è un sacco di gente
.»


La linea inquietante

La maggior parte delle persone ora ha Amazon Prime. Se sei uno di quelli che lo fanno, puoi guardare il seguente documentario su Prime. Vale la pena il tuo tempo per farlo. Epstein e molti altri esperti forniscono una panoramica molto convincente dei pericoli di cui discutiamo nella nostra intervista. A mio avviso, questo è un must da guardare e da consigliare ai tuoi amici e familiari.

Una domanda che Epstein solleva è: “Chi ha dato a questa società privata, che non è responsabile nei confronti di nessuno di noi, la capacità di determinare ciò che miliardi di persone in tutto il mondo vedranno o non vedranno?”

«I media tradizionali hanno vincoli molto seri su di loro, ma Google, che è molto più penetrante e molto più efficace nell’influenzare le persone, non ha nessuno di questi vincoli, afferma Epstein.

Ci sono molte brave persone in [The Creepy Line], molti buoni dati e questo spiega la mia ricerca in modo molto chiaro, il che è meraviglioso. Spiega la mia ricerca meglio di quanto spieghi la mia ricerca. “The Creepy Line” è disponibile su iTunes e Amazon. Penso che la visione costi $ 3 o $ 4 … Se sei un membro Amazon Prime è gratuito [di tanto in tanto]. È un film eccellente.»


Google gestisce uno stato di sorveglianza totale

Nel suo articolo3 “Sette semplici passi verso la privacy online”, Epstein delinea i suoi consigli per proteggere la tua privacy durante la navigazione sul Web, la maggior parte dei quali non costa nulla.

«La mia prima frase è “Non ricevo annunci mirati sul mio computer o telefono cellulare dal 2014”. La maggior parte delle persone ne è scioccata perché viene costantemente bombardata da annunci mirati.

Sempre più persone mi dicono che stanno solo conversando con qualcuno, quindi non stanno nemmeno facendo nulla online di per sé, ma il loro telefono è nelle vicinanze o stanno conversando a casa loro e hanno Amazon Alexa o Google Home, questi assistenti personali e la prossima cosa che sanno iniziano a ricevere annunci mirati relativi a ciò di cui stavano parlando.


Questo è il problema della sorveglianza… Il punto è che ci sono modi per usare internet, tablet e cellulari, per preservare o proteggere la tua privacy, ma quasi nessuno lo fa. Quindi, il fatto è che ora siamo sorvegliati 24 ore su 24, 7 giorni su 7, in generale, senza la consapevolezza di essere sorvegliati.


Forse alcune persone sono consapevoli del fatto che quando effettuano ricerche su Google la cronologia delle ricerche viene conservata per sempre … Ma va ben oltre perché ora siamo sorvegliati tramite assistenti personali, così che quando parliamo, veniamo sorvegliati.


Va anche oltre, perché alcuni anni fa Google ha acquistato la società Nest, che produce un termostato intelligente. Dopo aver acquistato l’azienda, hanno inserito i microfoni nei termostati intelligenti e le ultime versioni dei termostati intelligenti hanno microfoni e telecamere.


Google ha ottenuto brevetti negli ultimi anni, che danno loro, fondamentalmente, i diritti di proprietà sui modi di analizzare i suoni che vengono captati dai microfoni nelle case delle persone.


Possono collegarti con dentisti, possono collegarti con terapisti sessuali, con servizi di salute mentale, allenatori di relazioni, ecc. Quindi, c’è quello. Anche il rilevamento della posizione è sfuggito di mano. Negli ultimi mesi abbiamo appreso che anche quando disabiliti il ​​rilevamento della posizione… sul tuo cellulare, vieni comunque rintracciato
.»

Questo è uno dei motivi per cui ti consiglio vivamente di utilizzare una VPN sul tuo cellulare e computer, poiché ciò impedirà praticamente a chiunque di rintracciarti e prenderti di mira. Ce ne sono molti là fuori, ma sto usando quello consigliato da Epstein, Nord VPN, che costa solo circa $ 3 al mese e puoi usarlo su un massimo di sei dispositivi. A mio avviso, questo è un must se cerchi di preservare la tua privacy.


Come Google ti segue anche quando sei offline

Puoi imparare molto su una persona monitorando i suoi movimenti e dove si trova. La maggior parte di noi è molto ingenua su queste cose. Come spiegato da Epstein, la tecnologia di localizzazione è diventata incredibilmente sofisticata e aggressiva.

I cellulari Android, ad esempio, che sono un sistema operativo di proprietà di Google, possono tracciarti anche quando non sei connesso a Internet, indipendentemente dal fatto che tu abbia il geo tracking abilitato o meno.

«Diventa sempre più inquietante, dice Epstein. Diciamo che tiri fuori la tua scheda SIM. Diciamo che ti disconnetti dal tuo gestore di telefonia mobile, quindi sei assolutamente isolato. Non sei connesso a Internet. Indovina un po? Il tuo telefono sta ancora tracciando tutto ciò che fai su quel telefono e sta ancora tracciando la tua posizione.»

Non appena ti ricolleghi a Internet, tutte le informazioni memorizzate nel telefono vengono inviate a Google. Quindi, anche se potresti pensare di aver appena trascorso la giornata in incognito, nel momento in cui ti riconnetti, ogni passaggio che hai fatto viene condiviso (a condizione che tu abbia il telefono con te).

In termini di monitoraggio online, è anche importante rendersi conto che Google sta monitorando i tuoi movimenti online anche se non stai utilizzando i loro prodotti, perché la maggior parte dei siti Web utilizza Google Analytics, che tiene traccia di tutto ciò che fai su quel sito Web. E non hai modo di sapere se un sito web utilizza Google Analytics o meno.


Passaggi per proteggere la tua privacy online

Utilizza una rete privata virtuale (VPN) come Nord, che costa solo circa $ 3 al mese e può essere utilizzata su un massimo di sei dispositivi. A mio avviso, questo è un must se cerchi di preservare la tua privacy. Epstein spiega: “Quando utilizzi il tuo telefono cellulare, laptop o desktop nel solito modo, la tua identità è molto facile da vedere per Google e altre aziende. Possono vederlo tramite il tuo indirizzo IP, ma ci sono sempre più modi molto più sofisticati ora che sanno che sei tu. Uno è chiamato fingerprinting del browser. Questo è qualcosa di così inquietante. Fondamentalmente, il tipo di browser che hai e il modo in cui lo usi è come un’impronta digitale. Usi il tuo browser in un modo unico e, solo dal modo in cui digiti, queste aziende ora possono identificarti immediatamente. Brave ha una certa protezione contro l’impronta digitale del browser, ma devi davvero utilizzare una VPN. Quello che fa una VPN è instradare tutto ciò che stai facendo attraverso un altro computer da qualche altra parte. Può essere ovunque nel mondo e ci sono centinaia di aziende che offrono servizi VPN. Quello che mi piace di più in questo momento si chiama Nord VPN. Scarichi il software, lo installi, proprio come installi qualsiasi software. È incredibilmente facile da usare. Non devi essere un tecnico per usare Nord, e ti mostra una mappa del mondo e in pratica fai semplicemente clic su un paese. La VPN fondamentalmente fa sembrare che il tuo computer non sia il tuo computer. Fondamentalmente crea una sorta di falsa identità per te, ed è una buona cosa. Ora, molto spesso passerò attraverso i computer di Nord negli Stati Uniti. A volte devi farlo, o non puoi fare certe cose. A PayPal non piace che tu sia in un paese straniero, per esempio”. Nord, se utilizzato sul tuo cellulare, maschererà anche la tua identità quando utilizzi app come Google Maps.
Non utilizzare Gmail, perché ogni email che scrivi viene archiviata in modo permanente. Diventa parte del tuo profilo e viene utilizzato per costruire modelli digitali di te, che consente loro di fare previsioni sulla tua linea di pensiero e su ogni tuo desiderio. Anche molti altri vecchi sistemi di posta elettronica come AOL e Yahoo vengono utilizzati come piattaforme di sorveglianza allo stesso modo di Gmail. ProtonMail.com, che utilizza la crittografia end-to-end, è un’ottima alternativa e l’account di base è gratuito.
Non utilizzare il browser Chrome di Google, perché tutto ciò che fai è sorvegliato, comprese le sequenze di tasti e ogni pagina web che hai visitato. Brave è un’ottima alternativa che prende sul serio la privacy. Brave è anche più veloce di Chrome e sopprime gli annunci. Si basa su Chromium, la stessa infrastruttura software su cui si basa Chrome, quindi puoi trasferire facilmente estensioni, preferiti e segnalibri.
Non utilizzare Google come motore di ricerca o qualsiasi estensione di Google, come Bing o Yahoo, che traggono entrambi risultati di ricerca da Google. Lo stesso vale per l’assistente personale dell’iPhone Siri, che trae tutte le sue risposte da Google. I motori di ricerca alternativi suggeriti da Epstein includono SwissCows e Qwant. Consiglio di evitare StartPage, perché è stato recentemente acquistato da un’aggressiva società di marketing online, che, come Google, dipende dalla sorveglianza.
Non utilizzare un cellulare Android, per tutti i motivi discussi in precedenza.
Non utilizzare i dispositivi Google Home in casa o in appartamento: questi dispositivi registrano tutto ciò che accade in casa, voce e suoni come lavarsi i denti e fare bollire l’acqua, anche quando sembrano inattivi, e inviano tali informazioni a Google. Anche i telefoni Android ascoltano e registrano sempre, così come il termostato domestico di Google Nest e Alexa di Amazon.
Svuota cache e cookie — Come spiega Epstein nel suo articolo:4 “Le aziende e gli hacker di ogni tipo installano costantemente codice informatico invasivo sui tuoi computer e dispositivi mobili, principalmente per tenerti d’occhio ma a volte per scopi più nefasti. Su un dispositivo mobile, puoi eliminare la maggior parte di questa spazzatura andando nel menu delle impostazioni del tuo browser, selezionando l’opzione “privacy e sicurezza” e quindi facendo clic sull’icona che cancella la cache e i cookie. Con la maggior parte dei browser per laptop e desktop, tenendo premuti tre tasti contemporaneamente — CTRL, SHIFT e DEL — si accede direttamente al menu pertinente; Uso questa tecnica più volte al giorno senza nemmeno pensarci. Puoi anche configurare i browser Brave e Firefox per cancellare automaticamente la cache ei cookie ogni volta che chiudi il browser”.
Non utilizzare Fitbit, poiché Google l’ha acquistato nel 2021, una mossa che fornirà loro tutte le tue informazioni fisiologiche e livelli di attività, oltre a tutto ciò che Google ha già su di te.
Fonti & Referenze

Disclaimer: il contenuto di questo articolo si basa sulle opinioni del Dr. Mercola, se non diversamente specificato. I singoli articoli si basano sulle opinioni del rispettivo autore, che conserva i diritti d’autore come contrassegnati. Le informazioni contenute in questo sito Web non intendono sostituire un rapporto individuale con un operatore sanitario qualificato e non istituire un consiglio medico. È inteso come una condivisione di conoscenze e informazioni provenienti dalla ricerca e dall’esperienza del Dr. Mercola e della sua comunità. Il Dr. Mercola ti incoraggia a prendere le tue decisioni sanitarie sulla base della tua ricerca e in collaborazione con un professionista qualificato sanitario. In caso di gravidanza, allattamento, assunzione di farmaci o condizioni mediche, consultare il proprio medico prima di utilizzare prodotti su questo contenuto.

I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore, se non di giorni.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

NON CI SONO COMPLOTTI

CI SONO PERSONE E FATTI

DOCUMENTATI

Una opinione su "Google: un dittatore diverso da qualsiasi cosa il mondo abbia mai conosciuto"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: