La fuga di dati rivela fatti inquietanti sull’instabilità dell’mRNA

Un video di 14 minuti che è stato trascurato per quasi due anni è ora riemerso, esponendo informazioni sbalorditive sui vaccini COVID-19 e sul motivo per cui i funzionari sanitari non vogliono che le singole fiale di vaccino vengano esaminate da scienziati indipendenti.



La storia in breve
  • Il motivo per cui i funzionari sanitari non vogliono che le singole fiale di vaccino vengano esaminate da scienziati indipendenti è perché le fiale sono tutte diverse e l’mRNA non è intatto
  • Per un prodotto mRNA efficace, l’integrità dell’mRNA deve essere del 100%, il che significa che tutto l’RNA deve essere intatto. Considerando quanto siano inefficaci i vaccini, sembra giusto chiedersi se la colpa sia della mancanza di integrità dell’mRNA
  • L’RNA frammentato potrebbe anche essere pericoloso per la salute generando proteine ​​spike incomplete. Sebbene non sappiamo se le proteine ​​spike incomplete siano pericolose, è possibile che possano contribuire allo stress cellulare
  • Il fenomeno del “batch errato” può anche essere indicativo di problemi di qualità. Indagini indipendenti hanno rivelato che alcuni lotti dei vaccini sono associati a effetti collaterali molto gravi e alla morte, mentre altri lotti hanno pochissimi o nessun evento avverso associato al loro uso
  • Tuttavia, il fatto che i lotti “caldi” vengano rilasciati in modo coordinato suggerisce che i produttori di vaccini potrebbero effettivamente eseguire test intenzionali della dose letale sul pubblico e che questi “lotti cattivi” non sono semplicemente il risultato di una produzione scadente a intermittenza

Un video di 14 minuti (sopra) che è stato trascurato per quasi due anni è ora riemerso, esponendo informazioni sbalorditive sui vaccini COVID-19 e sul motivo per cui i funzionari sanitari non vogliono che le singole fiale di vaccino vengano esaminate da scienziati indipendenti.

Il motivo, si scopre, è perché le fiale sono tutte diverse e l’mRNA nelle iniezioni “non è intatto”. Entrambi pongono problemi potenzialmente seri. In un articolo di Substack del 31 agosto 2022, Steve Kirsch spiega:1

«Anche se stai ricevendo un mRNA intatto al 100%, il che sarebbe davvero raro, non stai comunque ricevendo nulla che assomigli al virus. Quindi l’efficacia per quanto riguarda la PROTEZIONE sarà quasi nulla.

Tuttavia, ciò che farà in modo molto efficace, se hai un mRNA ragionevolmente intatto, è causarti danni significativi. Stai giocando un gioco d’azzardo con il tuo sistema immunitario e cosa c’è nella bottiglia.»

Il video rileva che i membri del Parlamento europeo potevano leggere i contratti con i produttori di farmaci solo dopo che erano stati pesantemente redatti. Perché la segretezza pesante, anche nei confronti dei legislatori?


I documenti trapelati rivelano seri problemi di qualità

La scoperta che l’mRNA nei vaccini era di qualità discutibile è stata rivelata in un articolo2 di BMJ, un’indagine pubblicata nel marzo 2021. Come spiegato dall’autrice, la giornalista Serena Tinari, gli aggressori informatici hanno recuperato più di 40 megabyte di dati Pfizer COVID del vaccino dall’Europa Agenzia per i medicinali (EMA) a dicembre 2020.

I dati hackerati sono stati successivamente inviati a giornalisti e accademici di tutto il mondo. È stato pubblicato anche sul dark web. Alcuni dei documenti mostrano che i regolatori europei nutrivano preoccupazioni significative per la mancanza di mRNA intatto nei lotti commerciali campionati.

Rispetto ai lotti clinici, ovvero i vaccini utilizzati nella sperimentazione clinica, dal 55% al ​​78% dei vaccini commerciali presentava “una differenza significativa nella percentuale di integrità dell’RNA/catena troncata”.

In un’e-mail, datata 23 novembre 2020, un alto funzionario dell’EMA ha notato che i lotti commerciali non soddisfacevano le specifiche previste e che le implicazioni di questa perdita di integrità dell’RNA non erano chiare. In risposta ai risultati, l’EMA ha inviato un elenco di domande e preoccupazioni a Pfizer.

Sebbene non sappiamo se e come le preoccupazioni dell’EMA siano state effettivamente affrontate e corrette, l’EMA ha autorizzato il vaccino COVID di Pfizer il 21 dicembre 2020. Secondo il suo rapporto di valutazione pubblica, “la qualità di questo medicinale, presentato nel contesto di emergenza del l’attuale pandemia (COVID-19), è considerata sufficientemente coerente e accettabile”.

Allo stesso modo, Health Canada ha dichiarato a The BMJ che “sono state apportate modifiche ai loro processi per garantire che l’integrità fosse migliorata e allineata a quanto visto per i lotti di studi clinici”. L’EMA ha inoltre cercato di sviare la preoccupazione sostenendo che alcuni dei documenti trapelati erano stati falsificati. Come riportato da The BMJ:3

«L’EMA afferma che le informazioni trapelate sono state parzialmente falsificate, spiegando in una dichiarazione che ‘sebbene le singole e-mail siano autentiche, i dati di utenti diversi sono stati selezionati e aggregati, sono stati creati screenshot da più cartelle e caselle di posta e gli autori hanno aggiunto titoli aggiuntivi.»


L’mRNA intatto è essenziale per la sua efficacia

Curiosamente, quando The BMJ ha chiesto a Pfizer, Moderna, CureVac e diversi regolatori di specificare la percentuale di integrità dell’mRNA considerata accettabile, nessuno ha risposto con specifiche.

Anche una reazione di degradazione minore, ovunque lungo un filamento di mRNA, può rallentare gravemente o interrompere le corrette prestazioni di traduzione di quel filamento e quindi provocare l’espressione incompleta dell’antigene bersaglio.

~ Daan J.A. Crommelin, Professore di Biofarmaceutica

Secondo la British Medicines and Healthcare Products Regulatory Agency, la FDA e Health Canada, il limite delle specifiche sull’integrità dell’RNA è “commercialmente riservato”. Quello che sappiamo – e l’EMA ha riconosciuto – è che l’mRNA intatto è essenziale per l’efficacia. Come notato da The BMJ:4

«… i documenti offrono alla più ampia comunità medica la possibilità di riflettere sulla complessità dell’assicurazione della qualità per i nuovi vaccini mRNA, che includono tutto, dalla quantificazione e integrità dell’mRNA e dei lipidi portatori alla misurazione della distribuzione delle dimensioni delle particelle e dell’efficienza dell’incapsulamento.

Di particolare interesse è l’instabilità dell’RNA, una delle variabili più importanti relative a tutti i vaccini mRNA che finora ha ricevuto scarsa attenzione nella comunità clinica…

L’instabilità dell’RNA è uno dei maggiori ostacoli per i ricercatori che sviluppano vaccini a base di acido nucleico. È il motivo principale per i severi requisiti della catena del freddo della tecnologia ed è stato affrontato incapsulando l’mRNA in nanoparticelle lipidiche.

La molecola di mRNA completa e intatta è essenziale per la sua potenza come vaccino, il professore di biofarmaceutica Daan J.A. Crommelin e colleghi hanno scritto in un articolo di revisione sul Journal of Pharmaceutical Sciences alla fine dell’anno scorso.

Anche una reazione di degradazione minore, ovunque lungo un filamento di mRNA, può rallentare gravemente o interrompere le corrette prestazioni di traduzione di quel filamento e quindi provocare l’espressione incompleta dell’antigene bersaglio.»

Per un prodotto efficace, l’integrità dell’mRNA deve essere del 100%. Considerando quanto siano inefficaci i vaccini, sembra giusto chiedersi se la colpa sia della mancanza di integrità dell’mRNA. Inoltre, non sappiamo se l’mRNA non intatto possa essere dannoso.

Come notato da Kirsch,5 “mRNA instabile significa che la proteina spike … collassa a freddo, rendendo l’intero processo inutile per supportare l’immunità, ma comunque pericoloso in termini di danni alle cellule. Quindi, ottieni tutti i rischi e nessun vantaggio”.

Mentre le nostre agenzie di salute pubblica affermano che l’RNA frammentato non rappresenta alcun rischio per la salute, come fanno a saperlo? I documenti trapelati hanno rivelato che in particolare non avevano una risposta a questa domanda e non è stata pubblicata alcuna ricerca sulla questione, di cui sono a conoscenza.


L’RNA frammentato può produrre proteine ​​​​spike incomplete

«Il rapporto di valutazione pubblica dell’EMA … descrive in dettaglio una revisione del processo di produzione [Pfizer] … Una rivelazione riguardante la presenza di “specie frammentate” di RNA nella soluzione di iniezione. Si tratta di frammenti di RNA risultanti dall’interruzione anticipata del processo di trascrizione dal modello di DNA.

Questi frammenti, se tradotti dalla cellula dopo l’iniezione, genererebbero proteine ​​​​spike incomplete, con conseguente struttura tridimensionale alterata e imprevedibile e un impatto fisiologico che è nel migliore dei casi neutro e nel peggiore dei casi dannoso per il funzionamento cellulare.

C’erano molte più di queste forme frammentate di RNA trovate nei prodotti fabbricati commercialmente che nei prodotti utilizzati negli studi clinici. Questi ultimi sono stati prodotti attraverso un processo di produzione molto più strettamente controllato…

Anche se non stiamo affermando che le proteine ​​non-spike generate dall’RNA frammentato sarebbero mal ripiegate o altrimenti patologiche, crediamo che almeno contribuirebbero allo stress cellulare che promuove i cambiamenti conformazionali associati ai prioni nella proteina spike che è presente.»

Kirsch sottolinea che l’EMA ha anche espresso preoccupazione per le particelle visibili nelle fiale, a cui il BMJ non ha dato seguito. “C’è ancora un problema?” chiede Kirsch. Questa è una buona domanda e la risposta è probabilmente sì.

Ma ancora peggio è che non abbiamo assolutamente idea di cosa stiano facendo queste proteine ​​spike incomplete, nessuna, zero, nada. Non è mai stato esaminato direttamente. Del resto, gli sforzi di valutazione e le complicazioni del vaccino sono stati consapevolmente soppressi, così come seguendo semplici parametri come l’aumento della mortalità per tutte le cause.


Decessi respinti ed effetti collaterali mal classificati

I documenti dell’EMA trapelati hanno anche mostrato che Pfizer ha respinto tutte le morti nel suo studio come “non correlate al vaccino”, anche se non è mai stata condotta un’indagine adeguata. Ora abbiamo ulteriori prove di questo – proprio come i documenti FOIA ordinati dal tribunale hanno mostrato ciò che Pfizer ha fatto nei loro processi negli Stati Uniti. Almeno sono coerenti nell’attuare le loro frodi.

Come riportato da Children’s Health Defense (CHD) nel giugno 2022, i documenti del Freedom of Information Act (FOIA), rilasciati per ordine del tribunale, rivelano che Pfizer ha classificato quasi tutte le reazioni gravi nei suoi studi come non correlate al vaccino, anche nei casi in cui i problemi di salute in questione sono estremamente difficili da respingere come qualcosa di diverso da un effetto diretto del vaccino:8

«L’ultima versione da parte della Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti dei documenti del vaccino Pfizer-BioNTech COVID-199 rivela numerosi casi di partecipanti che hanno subito gravi eventi avversi durante gli studi di fase 3. Alcuni di questi partecipanti si sono ritirati dalle prove, alcuni sono stati abbandonati e alcuni sono morti…

I CRF [moduli di case report] inclusi nei documenti di questo mese contengono spesso vaghe spiegazioni dei sintomi specifici sperimentati dai partecipanti allo studio. Rivelano anche una tendenza a classificare quasi tutti gli eventi avversi – e in particolare gli eventi avversi gravi (SAE) – come “non correlati” al vaccino…

I molti eventi avversi gravi – e diversi decessi – registrati durante gli studi di fase 3 sono anche evidenti in un documento separato e voluminoso10 che supera le 2.500 pagine, catalogando tali eventi avversi.

Questo documento elenca una vasta gamma di eventi avversi subiti dai partecipanti allo studio classificati come livello di tossicità 4 – il livello più alto e più grave di questo tipo. Tuttavia, nessuno degli eventi avversi di livello 4 (più gravi) elencati in questo particolare documento è classificato come correlato alla vaccinazione.»

Solo un esempio,11 una ragazza adolescente ha ricevuto il colpo l’11 settembre 2020 e a metà novembre 2020 è stata diagnosticata una trombosi venosa profonda dell’arto inferiore destro, che ora sappiamo essere un potenziale effetto collaterale del vaccino. Secondo il CFR, le sue condizioni erano dovute a una frattura ossea che si è verificata prima della data della sua iniezione – una determinazione che sembra discutibile nella migliore delle ipotesi.


Qual è la causa dietro il fenomeno “lotto cattivo”?

Il fenomeno del “lotto cattivo” può anche essere indicativo di problemi di qualità. Indagini indipendenti hanno rivelato che alcuni dei colpi sono associati a effetti collaterali molto gravi e morte, mentre altri lotti hanno pochissimi o nessun evento avverso associato al loro uso.

Tuttavia, un’immersione ancora più approfondita in questi dati suggerisce che i problemi di qualità casuali non sono il problema. Nel video sopra, Reiner Fuellmich, cofondatore del Comitato investigativo tedesco Corona, e il dottor Wolfgang Wodarg, ex membro del parlamento tedesco, discutono di questa prova della “pistola fumante”.

Secondo Fuellmich e Wodarg, i dati dipendenti dal lotto suggeriscono che i produttori di vaccini potrebbero condurre esperimenti segreti all’interno del più ampio studio pubblico. In altre parole, sembra che stiano facendo test a dose letale sul pubblico. Il suggerimento che questi lotti “caldi” non siano causati da una scarsa produzione intermittente è il fatto che vengono rilasciati in modo coordinato.

Wodarg sostiene che le prove di ciò sono molto chiare dai dati. Fondamentalmente, i produttori di vaccini stanno coordinando i loro esperimenti a dose letale in modo che non stiano tutti rilasciando i loro lotti più tossici allo stesso tempo o nelle stesse aree. In questo modo si evita il rilevamento tramite clustering.


I nuovi booster non saranno sottoposti a test aggiuntivi

Considerando la moltitudine di domande aperte che circondano la sicurezza dei vaccini COVID originali, il fatto che i nuovi booster riformulati non richiederanno alcun test aggiuntivo è oltre l’inquietante.

Nel video “Friday Roundtable” qui sopra, la dott.ssa Meryl Nass, Toby Rogers, Ph.D., Aimee Villella McBride, Polly Tommey e Brian Hooker, Ph.D., discutono la decisione della FDA di consentire ai produttori di vaccini di riformulare i loro vaccini COVID senza ulteriori test, in perpetuo.

Come notato da Rogers, il booster bivalente di Pfizer contro le varianti di Omicron BA.4 e BA.5 è stato testato su un totale di otto topi e solo per controllare i livelli di anticorpi. Moderna ha anche usato topi per accertare le risposte anticorpali, ma non ha rivelato il numero di topi utilizzati.

Questa è la misura in cui questi vaccini sono stati testati. I vaccini COVID originali sono i farmaci più pericolosi mai rilasciati al pubblico e questi nuovi booster potrebbero rivelarsi ancora peggiori.

Come spiegato da Rogers, i vaccini “imprimono” il tuo sistema immunitario per rispondere solo all’antigene nel vaccino, mentre contemporaneamente compromettono il tuo sistema immunitario in modo che sia meno in grado di proteggerti da altri agenti patogeni. Un altro termine per questo processo è “peccato antigenico originale”. Spiega essenzialmente perché quelli che sono colpiti vengono infettati e si ammalano rispetto a quelli che hanno evitato i colpi.

Rogers prevede che ci troveremo di fronte a un inverno di gravi malattie e morte tra coloro che hanno ricevuto i colpi. Tutto quello che il resto di noi può fare è tirarsi indietro, evitare i colpi a tutti i costi e ‘lasciare che il sistema mainstream si autodistrugga’. Speriamo che abbia ragione nella sua altra previsione, che è che la stragrande maggioranza degli americani rifiuterà questi booster.

Fonti & Riferimenti

Disclaimer: il contenuto di questo articolo si basa sulle opinioni del Dr. Mercola, se non diversamente specificato. I singoli articoli si basano sulle opinioni del rispettivo autore, che conserva i diritti d’autore come contrassegnati. Le informazioni contenute in questo sito Web non intendono sostituire un rapporto individuale con un operatore sanitario qualificato e non istituire un consiglio medico. È inteso come una condivisione di conoscenze e informazioni provenienti dalla ricerca e dall’esperienza del Dr. Mercola e della sua comunità. Il Dr. Mercola ti incoraggia a prendere le tue decisioni sanitarie sulla base della tua ricerca e in collaborazione con un professionista qualificato sanitario. In caso di gravidanza, allattamento, assunzione di farmaci o condizioni mediche, consultare il proprio medico prima di utilizzare prodotti su questo contenuto.

I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore, se non di giorni.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

NON CI SONO COMPLOTTI

CI SONO PERSONE E FATTI

DOCUMENTATI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: