Smascherata la collusione illegale tra governo e Big Tech

Mensilmente, una riunione dell’Unified Strategies Group (USG) si è svolta – e potrebbe ancora aver luogo – tra un’ampia varietà di agenzie governative e società Big Tech, durante la quale sono stati discussi argomenti da censurare e sopprimere.


La storia in breve
  • Funzionari federali dell’amministrazione Biden hanno tenuto riunioni di censura segrete e illegali con le società di social media per sopprimere i diritti del Primo Emendamento degli americani alla libertà di parola e per bandire o rimuovere dalla piattaforma coloro che condividono opinioni non autorizzate su COVID e vaccini
  • Le prove di ciò emergono da una causa intentata dalla New Civil Liberties Alliance e dai procuratori generali del Missouri e della Louisiana (Eric Schmitt e Jeff Landry) contro il presidente Biden, depositata nel maggio 2022
  • Mensilmente, una riunione dell’Unified Strategies Group (USG) ha avuto luogo – e potrebbe ancora aver luogo – tra un’ampia varietà di agenzie governative e società Big Tech, durante la quale sono stati discussi argomenti da censurare e sopprimere
  • Gli argomenti censurati includevano storie che riguardavano il rifiuto del vaccino COVID, in particolare quelli che coinvolgevano i rifiuti militari e le relative conseguenze, critiche contro le restrizioni COVID e i loro effetti sulla salute mentale, post che parlavano di risultati positivi al COVID dopo aver ricevuto il vaccino, storie personali di effetti collaterali del vaccino COVID, inclusi irregolarità mestruali e preoccupazioni per l’obbligatorietà dei passaporti per i vaccini
  • I documenti scoperti ottenuti finora hanno identificato più di 50 dipendenti federali in 15 agenzie federali, impegnati in attività di censura illegale. Le e-mail della società di comunicazione strategica e marketing Reingold rivelano anche che sono stati assunti consulenti esterni per gestire la collusione del governo con i social media per violare i diritti costituzionali della libertà di parola degli americani

In un articolo del 1 settembre 20221, il Post Millennial rivela come i funzionari federali dell’amministrazione Biden abbiano tenuto riunioni segrete di censura con le società di social media per sopprimere i diritti del Primo Emendamento degli americani alla libertà di parola e per bandire o depiattaformare coloro che condividono opinioni su COVID e vaccini.

Le prove di ciò emergono da una causa2 intentata dalla New Civil Liberties Alliance e dai procuratori generali del Missouri e della Louisiana (Eric Schmitt e Jeff Landry) contro il presidente Biden, depositata nel maggio 2022.

Durante il processo di scoperta, i querelanti hanno cercato di identificare “tutti gli incontri con qualsiasi piattaforma di social media relativi alla modulazione dei contenuti e/o alla disinformazione”, ed è così che ora sappiamo che tali incontri illegali, in effetti, hanno avuto luogo.


Collusione illegale per sopprimere la libertà di parola

Mensilmente, una riunione dell’Unified Strategies Group (USG) si è svolta – e potrebbe ancora aver luogo – tra un’ampia varietà di agenzie governative e società Big Tech, durante la quale sono stati discussi argomenti da censurare e sopprimere.

Gli argomenti censurati includevano storie che riguardavano il rifiuto del vaccino COVID, in particolare quelli che coinvolgevano i rifiuti militari e le relative conseguenze, critiche contro le restrizioni COVID e i loro effetti sulla salute mentale, post che parlavano di risultati positivi al COVID dopo aver ricevuto il vaccino, storie personali di effetti collaterali del vaccino COVID, inclusi irregolarità mestruali e preoccupazioni per l’obbligatorietà dei passaporti vaccinali.3 Secondo la New Civil Liberties Alliance:4

«… decine di funzionari federali … hanno comunicato segretamente con piattaforme di social media per censurare e sopprimere i discorsi privati ​​​​che i funzionari federali sfavoreggiano. Questa impresa illegale ha avuto un enorme successo.

In base al Primo Emendamento, il governo federale non può controllare il discorso privato né scegliere vincitori e vinti nel mercato delle idee. Ma questo è esattamente ciò che il governo ha fatto – e sta ancora facendo – su vasta scala non divulgata in precedenza.

Le comunicazioni di più agenzie dimostrano che il governo federale ha esercitato un’enorme pressione sulle società di social media, pressione a cui le aziende si sono ripetutamente piegate…

Le comunicazioni mostrano che questi funzionari federali sono pienamente consapevoli che la pressione che esercitano è un modo efficace e necessario per indurre le piattaforme dei social media ad aumentare la censura. Il capo della Cybersecurity and Infrastructure Security Agency si è persino lamentato della necessità di superare “l’esitazione” delle società di social media a lavorare con il governo…»

Jenin Younes, consulente legale per la New Civil Liberties Alliance ha aggiunto:5

«Se c’è mai stato alcun dubbio che il governo federale fosse dietro la censura degli americani che hanno osato dissentire dai messaggi ufficiali di COVID, quel dubbio è stato cancellato. La portata scioccante del coinvolgimento del governo nel mettere a tacere gli americani, attraverso la coercizione delle società di social media, è stata ora rivelata…»


Agenzie federali coinvolte nella soppressione della libertà di parola

I documenti ottenuti finora hanno identificato più di 50 dipendenti federali in 15 agenzie federali, che hanno partecipato a queste riunioni di censura o altrimenti coinvolti in attività di censura illegale.6 Ciò include funzionari di:

Il team di sicurezza e resilienza elettorale della Cybersecurity and Infrastructure Security Agency (CISA).
Ufficio di intelligence e analisi del Dipartimento per la sicurezza interna (DHS).
La task force per l’influenza straniera dell’FBI
La divisione di sicurezza nazionale del Dipartimento di Giustizia (DOJ).
L’Ufficio del Direttore dell’Intelligence Nazionale
Il personale della Casa Bianca (incluso l’avvocato della Casa Bianca Dana Remus, il vice assistente del presidente Rob Flaherty e l’ex consigliere senior COVID-19 della Casa Bianca Andy Slavitt)
Salute e servizi umani (HHS)
Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC)
Istituti nazionali di allergie e malattie infettive (NIAID)
L’ufficio di censura generale
L’Ufficio del censimento
The Food and Drug Administration (FDA)
Il Dipartimento di Stato
Il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti
La Commissione di assistenza elettorale degli Stati Uniti

Le e-mail di una società di comunicazione strategica e marketing chiamata Reingold7 rivelano anche che sono stati assunti consulenti esterni per gestire la collusione del governo con i social media per censurare gli americani. Ad esempio, Reingold ha creato un “portale di supporto per i partner” per il CDC in modo che i funzionari del CDC potessero collegare le e-mail al portale per segnalare più facilmente i contenuti che voleva censurare dalle società di social media collegate al portale.


Grandi aziende tecnologiche coinvolte nella censura governativa

Dal lato dell’industria privata, i partecipanti tecnologici di rilievo alle riunioni di censura includono:

GoogleFacebook
TwitterYouTube
RedditMicrosoft
Verizon MediaPinterest
LinkedInWikimedia Foundation

Mentre alcune società di social media a volte potrebbero aver “esitato” a censurare per conto del governo, Facebook è stato sicuramente un castoro impaziente fin dall’inizio. Già nel febbraio 2020, il CEO di Facebook Mark Zuckerberg era in contatto con il Dipartimento di Stato, offrendo i suoi servizi per aiutare a “controllare le informazioni e la disinformazione relative al coronavirus”.8


Il “privilegio esecutivo” dell’amministrazione Biden è negato

Come ci si potrebbe aspettare, la Casa Bianca non ha collaborato alla scoperta e ha combattuto per mantenere segrete le comunicazioni, specialmente per quanto riguarda la corrispondenza del dottor Anthony Fauci, sostenendo che tutte le comunicazioni della Casa Bianca erano “privilegiate”.

Tuttavia, il privilegio esecutivo NON si applica alle comunicazioni esterne, quindi i querelanti hanno chiesto al tribunale distrettuale degli Stati Uniti per il distretto occidentale della Louisiana di “annullare le obiezioni degli imputati del governo e ordinare loro di fornire immediatamente queste informazioni altamente pertinenti, reattive e probatorie”.

Il 7 settembre 2022, il giudice Terry Doughty ha fatto proprio questo. La pretesa di privilegio esecutivo dell’amministrazione Biden è stata respinta e Doughty ha ordinato alla Casa Bianca di consegnare tutti i documenti pertinenti.9 Ciò include la corrispondenza da e verso Fauci, l’addetto stampa della Casa Bianca Karine Jean-Pierre e molti altri. Secondo l’ordine del giudice, hanno tre settimane per conformarsi.


Esempi di censura governativa illegale

Su Twitter,10 Missouri AG Schmitt ha condiviso un lungo elenco di esempi di censura governativa, incluso un documento in cui Clarke Humphrey, direttore digitale della risposta al COVID-19 alla Casa Bianca, ha chiesto a Facebook di rimuovere l’account Instagram “anthonyfauciofficial”, un account parodia dedicato a prendere in giro Fauci.11 Facebook ha rispettato.

Schmitt ha anche condiviso e-mail12,13 tra un alto funzionario di Facebook e il censore generale, affermando: “So che i nostri team si sono incontrati oggi per comprendere meglio la portata di ciò che la Casa Bianca si aspetta da noi sulla disinformazione in futuro”. Questa e-mail è arrivata sulla scia del “avviso di disinformazione sulla salute” del luglio 2021 del censore generale.

Il CDC si è anche coordinato con Facebook, fornendo loro spunti di discussione per sfatare varie affermazioni, inclusa l’affermazione che la proteina spike nei vaccini COVID è pericolosa e citotossica. In un’e-mail del 28 luglio 2021, un funzionario del CDC ha fornito a Facebook la seguente contro-narrativa, tratta direttamente dalla sezione “Come funzionano i vaccini mRNA” sul sito Web del CDC:14

«I vaccini Messenger mRNA [sic] funzionano insegnando alle nostre cellule a creare una proteina spike innocua» (Enfasi nell’originale.)

Andando avanti rapidamente fino a metà giugno 2022, il CDC era improvvisamente meno sicuro dell’innocuità della proteina spike.

Fino ad allora, le parole “proteina spike innocua” erano sempre state in grassetto, ma in questa revisione di giugno hanno rimosso il grassetto, insieme a un’intera sezione in cui avevano precedentemente affermato che l’mRNA era stato rapidamente scomposto e che la proteina spike non lo faceva durando più di poche settimane nel corpo.15 Chiaramente, la verità li stava raggiungendo e alcune bugie stavano diventando troppo rischiose per tenerle a bada.


Quando la censura diventa interferenza elettorale

Secondo il Washington Times:17

«I dettagli sulla condotta dell’amministrazione Biden hanno sollevato le difficoltà dei legislatori repubblicani. “A conferma che questa è l’amministrazione più pericolosamente anti-libertà di parola nella storia americana E che Facebook … non è altro che un’appendice dello stato profondo”, ha affermato su Twitter il senatore Josh Hawley, repubblicano del Missouri, condividendo la notizia del deposito del tribunale.»

Coinvolti anche altri legislatori. In una lettera del 29 agosto 202218,19 al procuratore generale Merrick Garland e al direttore dell’FBI Christopher A. Wray, il senatore repubblicano Charles E. Grassley dell’Iowa e Ron Johnson del Wisconsin hanno richiesto registrazioni dei contatti del governo con le società di social media per accertare se l’FBI e/o il Dipartimento di Giustizia, in effetti, hanno incaricato loro di censurare le informazioni sullo scandalo dei laptop di Hunter Biden definendolo falsamente “disinformazione russa”.20

A Zuckerberg è stato anche chiesto21 di fornire qualsiasi corrispondenza che coinvolga la censura della storia del laptop di Hunter Biden, soprattutto per quanto riguarda le istruzioni dell’FBI di censurare questa patata bollente politica, cosa che ha apertamente ammesso in una recente intervista a Joe Rogan (vedi video sopra).22


I legislatori perseguono una legislazione per penalizzare la censura del governo

Tre rappresentanti della Camera repubblicana nei comitati di supervisione e riforma, magistratura e commercio della Camera – i rappresentanti James Comer del Kentucky, Jim Jordan dell’Ohio e Cathy McMorris Rodgers di Washington – hanno anche introdotto il Protecting Speech from Government Interference Act23 (HR.8752 ), volto a impedire ai dipendenti federali di utilizzare le loro posizioni per influenzare le decisioni di censura da parte delle piattaforme tecnologiche.

Il disegno di legge creerebbe restrizioni per impedire ai dipendenti federali di chiedere o incoraggiare enti privati ​​​​a censurare il discorso privato o altrimenti scoraggiare la libertà di parola e imporre sanzioni, comprese multe civili e azioni disciplinari per i dipendenti governativi che facilitano la censura sui social media.

Mentre la Costituzione degli Stati Uniti vieta chiaramente al governo di censurare e limitare la libertà di parola, HR. 8752 potrebbe essere un utile strumento di applicazione, poiché le persone potrebbero tendere a pensarci due volte quando sanno che c’è un prezzo reale e personale da pagare.

Fonti & Referenze

Disclaimer: il contenuto di questo articolo si basa sulle opinioni del Dr. Mercola, se non diversamente specificato. I singoli articoli si basano sulle opinioni del rispettivo autore, che conserva i diritti d’autore come contrassegnati. Le informazioni contenute in questo sito Web non intendono sostituire un rapporto individuale con un operatore sanitario qualificato e non istituire un consiglio medico. È inteso come una condivisione di conoscenze e informazioni provenienti dalla ricerca e dall’esperienza del Dr. Mercola e della sua comunità. Il Dr. Mercola ti incoraggia a prendere le tue decisioni sanitarie sulla base della tua ricerca e in collaborazione con un professionista qualificato sanitario. In caso di gravidanza, allattamento, assunzione di farmaci o condizioni mediche, consultare il proprio medico prima di utilizzare prodotti su questo contenuto.

I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore, se non di giorni.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

NON CI SONO COMPLOTTI

CI SONO PERSONE E FATTI

DOCUMENTATI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: