Il caso di studio mostra che il CBD riduce il tumore

La cannabis ha una lunga storia di uso tradizionale come medicina botanica. Il termine marijuana medica si riferisce all’uso di piante intere, non trasformate e di estratti puri per curare malattie o migliorare un sintomo.


La storia in breve
  • In un caso di studio, un anno dopo la diagnosi di adenocarcinoma polmonare e dopo aver rifiutato tutti gli altri trattamenti, un uomo di 81 anni ha assunto olio di CBD e ha sperimentato una notevole riduzione delle dimensioni del tumore
  • La riduzione delle dimensioni del tumore è stata documentata dai suoi medici attraverso radiografie e scansioni TC. In uno studio che ha utilizzato due composti cannabinoidi, i dati hanno prodotto risultati impressionanti, alleviando il dolore, ripristinando l’appetito e riducendo i tumori cerebrali
  • Il tuo corpo ha recettori cannabinoidi naturali, il che indica che produci questi composti in modo naturale; I cannabinoidi sono fondamentali per sostenere la tua salute ottimale se prodotti in quantità adeguate
  • Puoi aumentare naturalmente la produzione endogena di composti cannabinoidi per sostenere la tua salute attraverso lo yoga, l’esercizio fisico, la riduzione dello stress, l’esposizione al freddo e il digiuno

La cannabis ha una lunga storia di uso tradizionale come medicina botanica. Il termine marijuana medica si riferisce all’uso di piante intere, non trasformate e di estratti puri per curare malattie o migliorare un sintomo.1 Per qualificarsi, il prodotto deve provenire da una pianta di cannabis medicinale coltivata meticolosamente senza l’uso di pesticidi e fertilizzanti tossici.

La pianta di cannabis contiene oltre 400 sostanze chimiche e almeno 60 diversi cannabinoidi,2 composti chimici a cui il corpo umano è attrezzato per rispondere in modo unico. I due principali sono il cannabidiolo (CBD) e il tetraidrocannabinolo (THC), l’ultimo dei quali è il componente psicoattivo della marijuana.

Secondo il National Institute on Drug Abuse, notevoli risultati di studi scientifici hanno portato alla creazione di due farmaci approvati dalla Food and Drug Administration statunitense contenenti sostanze chimiche cannabinoidi in forma di pillola, ma non l’uso dell’intera pianta in contrapposizione ai singoli ingredienti.3

Il passaggio dell’olio di CBD all’interno e all’esterno dell’elenco dei farmaci Schedule 14 (la categoria più pericolosa riservata a droghe come LSD ed eroina) può segnalare una lotta di fondo tra i risultati della ricerca e il desiderio di sfruttare il potenziale finanziario sotto forma di pillola. Un caso di studio su Sage discute di un paziente nel Regno Unito che è stato trattato con olio di CBD e ha ottenuto risultati straordinari, documentati dal medico.5

Il cancro del polmone del paziente si è ridotto con l’olio di CBD

Un paziente di 81 anni non ancora identificato, che si ritiene provenga da Stoke-on-Trent nel Regno Unito, è stato riportato dal Daily Mail6 per aver sperimentato un notevole restringimento del tumore dopo aver consumato olio di CBD ogni giorno. Secondo quanto riferito, l’81enne era un ex fumatore che era stato curato per cancro alla prostata 15 anni prima.

All’uomo era stato diagnosticato un adenocarcinoma polmonare nell’ottobre 2016, una forma di cancro ai polmoni che rappresentava quasi l’80% delle diagnosi di cancro ai polmoni nel Regno Unito.7 Gli è stata offerta la chemioterapia e la radioterapia per prolungare la sua vita, ma ha rifiutato il trattamento. Entro dicembre di quell’anno, la massa aumentò di dimensioni, ma ancora una volta declinò il trattamento.8

Un’altra radiografia del torace nel luglio 2017 ha dimostrato che la malattia stava ancora progredendo, ma una TAC nel novembre dello stesso anno ha improvvisamente e sorprendentemente rivelato una “risoluzione quasi totale del tumore”. Il paziente aveva una broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e, secondo quanto riferito, fumava anche 18 sigarette al giorno durante i suoi 20 e 30 anni.

Dopo aver individuato la significativa riduzione delle dimensioni e della progressione del tumore, i medici hanno chiesto al paziente del suo stile di vita per capire cosa potesse aver innescato questi cambiamenti. Secondo il paziente, ha iniziato a prendere olio di CBD due mesi prima della sua ultima TAC.

Non ha riportato altri cambiamenti nella dieta, nei farmaci o nello stile di vita, portando i suoi medici a credere che l’olio di CBD fosse responsabile della riduzione delle dimensioni del tumore. Secondo l’American Cancer Society,9 il cancro del polmone non a piccole cellule è il tipo più comune di cancro del polmone con tassi di sopravvivenza a cinque anni compresi tra il 6% e il 60%, a seconda della diffusione della malattia.10

Il Daily Mail11 ha pubblicato le scansioni del paziente, mostrando come le dimensioni dei suoi tumori si siano dimezzate. Sebbene gli esperti abbiano avvertito che questo è solo un caso, altri dati supportano anche l’uso della cannabis nel trattamento del cancro.

Il team di ricerca internazionale scopre che il THC riduce i tumori al cervello

Sebbene CBD e THC siano entrambi cannabinoidi che interagiscono con i recettori presenti nel cervello umano, hanno effetti drammaticamente diversi. Il CBD non è psicoattivo, il che significa che non provi lo “sballo” che provi dal consumo o dal fumo di marijuana. Il THC è il principale componente psicoattivo della pianta, il principale responsabile della creazione dello “sballo” associato all’uso ricreativo.

Mentre il paziente non identificato di 81 anni nel Regno Unito ha subito una riduzione delle dimensioni del tumore usando solo olio di CBD, uno studio in vitro dell’Università di Londra, pubblicato su Molecular Cancer Therapeutics,12 ha utilizzato sia THC che CBD per produrre risultati impressionanti in alleviare il dolore, ripristinare l’appetito e ridurre i tumori cerebrali.

Lo studio ha rilevato che THC e CBD in combinazione con le radiazioni sono in grado di ridurre i tumori in misura maggiore rispetto alle sole radiazioni. È interessante notare che l’uso di uno solo dei composti o delle sole radiazioni ha avuto un effetto trascurabile sul trattamento dei tumori cerebrali.

I risultati suggeriscono che i pazienti potrebbero non aver bisogno di molto THC per legare il recettore dei cannabinoidi nella cellula cerebrale, poiché a piccole dosi può conservare proprietà antitumorali senza effetti collaterali psicoattivi. L’autore senior dello studio Wai Liu, Ph.D., afferma che il trucco è trovare il giusto equilibrio. Ha detto a Medical Daily:13

«Pensiamo che i cannabinoidi stiano colpendo una serie di vie di segnalazione cellulare, che le preparano agli effetti dell’irradiazione. Il pre-trattamento con i cannabinoidi sembra interferire con la capacità della cellula tumorale di riparare gli effetti dannosi dell’irradiazione per il DNA.

Pensiamo che ciò sia dovuto ai diversi percorsi che questi cannabinoidi colpiscono. In particolare, il THC agisce attraverso i recettori, mentre il CBD potrebbe non averne bisogno; di conseguenza, il loro utilizzo insieme si traduce in un effetto di “adescamento” nelle cellule tumorali, rendendole più sensibili agli effetti di “uccisione cellulare” dell’irradiazione.»

Questo studio supporta anche i risultati di altri. Nel 2009,14 ricercatori in Spagna hanno scoperto che il THC uccide le cellule tumorali del cervello attraverso un processo noto come autofagia. La scoperta iniziale è stata fatta negli animali. Due pazienti umani affetti da tumori cerebrali altamente aggressivi hanno quindi ricevuto iniezioni intracraniche di THC, mostrando segni simili di autofagia.15

Il tuo corpo produce endocannabinoidi in modo naturale

In questo breve video, Carl Germano, Ph.D., tocca l’importanza del sistema endo-cannabinoide e il suo ruolo nella salute umana. I recettori dei cannabinoidi sono stati scoperti negli anni ’90, portando alla consapevolezza che il corpo umano produce composti che influenzano questi recettori.

Sono state identificate carenze di cannabinoidi endogeni in coloro che soffrono di emicrania,16 fibromialgia, sindrome dell’intestino irritabile, condizioni neurologiche e una varietà di condizioni resistenti al trattamento.17

Sebbene CBD e THC abbiano ricevuto la maggior parte dell’attenzione e della ricerca, la pianta di cannabis contiene almeno altri 58 cannabinoidi, 400 altre sostanze chimiche e molti di questi altri fito-cannabinoidi e terpeni sono necessari per supportare completamente il tuo sistema endo-cannabinoide interno (ECS).

La canapa è stata bandita negli Stati Uniti dal 1938, ma l’ultimo Farm Bill la rende legale,18 che è una notizia entusiasmante per i nutrizionisti clinici. Germano, esperto di fito-cannabinoidi, è entusiasta del futuro per lo studio di quella che secondo lui potrebbe essere la pianta botanica più importante del pianeta.19 Prosegue dicendo:20

«Il tuo corpo produce cannabinoidi strutturalmente simili ai cannabinoidi presenti nella cannabis; il tuo corpo si nutre di loro e se non produci abbastanza per nutrire ogni singolo recettore, ne deriveranno varie condizioni, varie malattie.

Non ho visto nessun composto naturale così clinicamente rilevante dall’inizio di questo settore, e posso dirvi che prendere di mira il sistema endo-cannabinoide che lo supporta dominerà la medicina e la nutrizione nei prossimi due decenni.»

Esiste un’intima relazione tra l’ECS del tuo corpo e i tuoi livelli di omega-3, poiché i grassi omega-3 aumentano l’attività dei recettori dei cannabinoidi. Una revisione sistematica degli interventi clinici è stata pubblicata su PLOS ONE, esaminando i modi in cui i recettori dei cannabinoidi possono essere sovra-regolati. I ricercatori hanno trovato dati clinici che suggeriscono che lo yoga, l’esercizio e i grassi omega-3 hanno un effetto sul tuo ECS.21

La storia della cannabis e del cancro

La storia dell’uso della cannabis per scopi medicinali risale ad almeno 6.000 anni fa.22 Fu introdotta in Occidente da W.B. O’Shaughnessy, un chirurgo irlandese che ne è venuto a conoscenza mentre lavorava in India. La sua ricerca fu presentata per la prima volta agli studiosi della Società di Medicina e Fisica di Calcutta nel 1839.23,24 Inizialmente veniva usata principalmente per le sue proprietà analgesiche, sedative, antispasmodiche e anti-convulsivanti.

Secondo il National Cancer Institute,25 il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha introdotto il Marijuana Tax Act nel 1937, imponendo un prelievo di $ 1 per oncia per uso medicinale. È interessante notare che i medici erano i principali oppositori in quanto richiedeva ai medici di pagare una tassa speciale, utilizzare moduli d’ordine diversi e tenere registri speciali.

Nel 1942 la cannabis fu rimossa dalla farmacopea statunitense (USP), l’elenco dei farmaci e dei farmaci approvati negli Stati Uniti, poiché si credeva che la cannabis potesse avere effetti collaterali dannosi. Nel 1951 il Congresso incluse la cannabis in un elenco di stupefacenti. Quando il Controlled Substance Act è stato approvato nel 1970, la marijuana è stata classificata come droga della Tabella 1.26

Nel 1996,27 la California ha avviato il movimento per legalizzare l’accesso per uso medicinale sotto la supervisione di un medico. Oggi, 13 stati hanno depenalizzato l’uso ricreativo, 10 hanno reso legale l’uso ricreativo e 33, tra cui Washington, DC, hanno legalizzato la marijuana medica.28

La US Drug Enforcement Agency (DEA) ha rimosso i medicinali a base di CBD con un contenuto di THC inferiore allo 0,1% dall’elenco dei farmaci della Tabella 1 tre mesi dopo che la FDA ha approvato il primo medicinale non sintetico derivato dalla cannabis come trattamento per alcuni tipi di epilessia.29

Oltre agli studi sul trattamento del cancro discussi, i ricercatori hanno scoperto che la cannabis è pro-apoptotica, innescando il suicidio cellulare delle cellule tumorali lasciando intatte le cellule sane, e anti-angiogenica, poiché interrompe l’afflusso di sangue ai tumori.30 Ad esempio, i ricercatori di Harvard hanno scoperto che il THC riduce la crescita del tumore nel cancro del polmone riducendo significativamente la sua capacità di diffondersi.31

Come aumentare il rilascio naturale di endo-cannabinoidi

Esistono diversi modi naturali in cui puoi attivare il sistema per migliorare la tua salute senza utilizzare cannabinoidi esterni:

Evitare pesticidi e ftalati — Per iniziare, è importante evitare di bloccare la ricettività del sistema endogeno riducendo l’esposizione a pesticidi e ftalati neonicotinoidi.32
Ottimizza l’assunzione di omega-3 — C’è una relazione intima tra il tuo ECS e il tuo stato di omega-3. I grassi Omega-3 rendono più attivi i recettori dei cannabinoidi e sono usati come strutture portanti per produrre cannabinoidi nel tuo corpo.33
Esponiti alle basse temperature — In articoli passati ho scritto di alcuni dei sorprendenti benefici delle temperature estreme. Uno di questi vantaggi è la regolazione degli endocannabinoidi nel tessuto adiposo bianco e marrone.34
Digiuno —Digiuno intermittente” può migliorare la tua salute utilizzando ancora un altro meccanismo nel tuo corpo: aumentando i livelli di endocannabinoidi35,36 e regolando il tuo SEC.37
Caffeina — Il consumo regolare di caffeina regola e migliora l’attivazione dei recettori dei cannabinoidi.38 Ricorda, la caffeina aggiunta può anche disturbare la qualità del sonno, quindi è importante rinunciare a qualsiasi sostanza contenente caffeina dopo le 14:00.
Riduce lo stress — È stato dimostrato che alti livelli di stress emotivo riducono i livelli di endocannabinoidi nel tuo corpo.39 Alti livelli di cortisolo riducono anche il legame ai recettori degli endocannabinoidi.40
Esercizio — Sebbene l’esercizio sia un eccellente riduttore di stress, la ricerca rileva anche che il tanto discusso “sballo del corridore” potrebbe essere una funzione del rilascio di endo-cannabinoidi nel cervello e non solo di endorfine.41
Fonti & Referenze

Disclaimer: il contenuto di questo articolo si basa sulle opinioni del Dr. Mercola, se non diversamente specificato. I singoli articoli si basano sulle opinioni del rispettivo autore, che conserva i diritti d’autore come contrassegnati. Le informazioni contenute in questo sito Web non intendono sostituire un rapporto individuale con un operatore sanitario qualificato e non istituire un consiglio medico. È inteso come una condivisione di conoscenze e informazioni provenienti dalla ricerca e dall’esperienza del Dr. Mercola e della sua comunità. Il Dr. Mercola ti incoraggia a prendere le tue decisioni sanitarie sulla base della tua ricerca e in collaborazione con un professionista qualificato sanitario. In caso di gravidanza, allattamento, assunzione di farmaci o condizioni mediche, consultare il proprio medico prima di utilizzare prodotti su questo contenuto.

I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore, se non di giorni.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

NON CI SONO COMPLOTTI

CI SONO PERSONE E FATTI

DOCUMENTATI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: