La macchia solare AR3088 è resuscitata

  • Il gelo spazza la Francia;
  • Le notti estive più fredde mai registrate nel nord/centro Italia;
  • Il più freddo 18 settembre per i Paesi Bassi;
  • Un nuovo studio rileva che non c’è emergenza climatica;
  • “Quella” macchia solare è resuscitata

Il gelo spazza la Francia

L’Europa è alle prese con un attacco da record di freddo di fine estate – un congelamento di cui i media tradizionali comprati non potevano fregarsene (quale sorpresa!).

Le gelate di settembre hanno spazzato le pianure della Francia centrale durante il fine settimana – gelate al suolo e gelate d’aria (sotto i 2 m).

Sono stati stabiliti record mensili di bassa temperatura, anche a Brest, anche se molti di questi nuovi parametri di riferimento non saranno ufficialmente in piedi a causa di un cambio di posizione nelle stazioni.

Di seguito sono riportate quattro delle temperature minime registrate domenica mattina nelle pianure francesi, per gentile concessione di @lachainemeteo. “L’intero nord del paese è colpito da freddo/gelate”, si legge nel tweet:


Le notti estive più fredde mai registrate nel Nord/Centro Italia

Storicamente negli ultimi giorni si sono registrate notti fredde in molte regioni d’Italia. Le temperature sono scese al di sotto del punto di congelamento sia nelle regioni settentrionali che in quelle centrali e anche a basse altitudini.

Dopo un luglio/agosto tostato, una miriade di stazioni italiane hanno ora osservato le loro notti più fredde mai registrate (prima dell’equinozio d’autunno). Questo è esattamente ciò che richiede un attacco di prolungata bassa attività solare: esplosioni di intenso caldo estivo, seguite da drammatici raffreddamenti e feroci inverni artici – una configurazione guidata da una corrente a getto mutevole.

La bassa attività solare influisce sul clima terrestre attraverso una serie di meccanismi diversi, il più notevole è la riduzione dell’energia che entra nelle correnti a getto che indebolisce il flusso zonale rettilineo standard delle Jet Stream in un flusso ondulato meridionale:

In tempi di flusso meridionale, il tempo di una regione è determinato da quale “lato” del flusso si trova. Se si trova “sopra” il flusso (nell’NH), allora è in un periodo di condizioni insolitamente fredde, poiché è aperto agli afflussi di aria artica; mentre al contrario, se il locale è “sotto” la corrente a getto, allora è impostato per condizioni anomale di caldo, in quanto è soggetto a masse d’aria trascinate dai tropici.

“Minimi provvisori quasi invernali questa mattina sulla pianura piemontese”, si legge in un tweet di Stefano Di Battista, che nota il minimo di 1,8°C (35,2°F) a Castell’Alfero domenica mattina, che, sebbene non sia un nuovo minimo mensile – cioè lo 0,7°C (33,3°F) del 27 settembre 2020 (un altro segno del clima di raffreddamento dell’Europa) – è la lettura più fredda di sempre dell’area prima dell’equinozio.

Il forte calo estivo dell’Italia è visualizzato nel grafico sottostante:

Sono tornate anche le precipitazioni, che stanno già cadendo come neve sulle Alpi (e anche in Scandinavia):

GFS Total Snowfall (cm) Sept 19 – Oct 1 [tropicaltidbits.com].

Il 18 settembre più freddo per i Paesi Bassi

La temperatura massima alla stazione meteorologica nazionale di De Bilt ha raggiunto solo 13,3°C (55,9°F), rompendo il precedente minimo del 18 settembre di 13,5°C (56,3°F) fissato nel 1962.

Il massimo di domenica è stato misurato alle 12:40, dopo di che si è rapidamente raffreddato a 11,3°C (52,3°F).

Alcune località nell’est dei Paesi Bassi erano ancora più fredde, con Enschede, ad esempio, che lottava fino a un massimo di soli 12,1°C (53,8°F).

La prossima settimana sarà fresca e nuvolosa, secondo l’istituto meteorologico KNMI.

In effetti, il “freddo anomalo” sarà la storia per la maggioranza in Europa:

GFS 2m Temperature Anomalies (C) Sept 17 – Sept 23 [tropicaltidbits.com].

Un nuovo studio rileva che non esiste un’emergenza climatica

Quattro importanti scienziati italiani hanno intrapreso un’importante revisione delle tendenze climatiche storiche e hanno concluso che dichiarare una “emergenza climatica” non è supportato dai dati – un’altra storia che i nostri media aziendali corrotti saranno pronti a seppellire.

Inoltre, per quanto riguarda gli ecosistemi, gli scienziati hanno notato un notevole “inverdimento” della biomassa vegetale globale negli ultimi decenni a causa di livelli più elevati di anidride carbonica atmosferica che ha aumentato le rese alimentari e respinto i deserti.

I quattro ricercatori, guidati da Gianluca Alimonti dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, hanno scoperto che “sulla base di dati osservativi, la crisi climatica che, secondo molte fonti, stiamo vivendo oggi, non è ancora evidente”.

Oltre al professore aggiunto di fisica Gianluca Alimonti, l’agrometeorologo Luigi Mariani e i professori di fisica Franco Prodi e Renato Angelo Ricci sono stati gli altri scienziati altamente qualificati del documento – con questi ultimi due firmatari della sempre crescente “Dichiarazione mondiale sul clima”, una petizione che, 1) afferma anche che non esiste un’emergenza climatica, 2) chiede che la scienza del clima sia più scientifica, e 3) esige la liberazione dalla “fede ingenua in modelli climatici immaturi … [e che] la ricerca sul clima deve dare molta più enfasi alla scienza empirica”.

I quattro scienziati dello studio terminano con il seguente messaggio chiave:

«Piuttosto che gravare i nostri figli dall’ansia per i cambiamenti climatici, dovremmo invece incoraggiarli a pensare a questioni come energia, cibo e salute con uno spirito molto più “obiettivo e costruttivo” e non sprecare risorse limitate in “soluzioni costose e inefficaci”.»


“Quella” macchia solare è risorta

Proprio quando pensavi che la macchia solare AR3088 fosse morta, è resuscitata – la macchia solare una volta in riduzione sta crescendo di nuovo, aggiungendo oltre il 50% alla sua area durante il fine settimana:

La macchia solare AR3088 – ribattezzata “AR3102” si è resuscitata proprio mentre gira verso la Terra.

Questa è la seconda volta che la macchia solare gira intorno al sole. La prima volta, alla fine di agosto, ha costellato la Terra con dozzine di brillamenti solari, e in seguito ha martellato Venere con una delle più forti tempeste di radiazioni lontane degli ultimi decenni.

Cosa c’è oltre l’orizzonte…?

Inoltre, un diverso – anche se potenzialmente altrettanto problematico – gruppo di macchie solari si sta avvicinando proprio dietro il lato sud-orientale del sole:

L’abbiamo già visto prima. È AR3089, che è stato responsabile di un brillamento M-8 (quindi quasi un X-flare) proprio mentre usciva dal disco solare all’inizio di settembre.

Ora sta tornando dopo un viaggio di due settimane intorno al lato opposto del sole, e sembra essere ancora più grande di prima. Ancora una volta, rimanete sintonizzati per gli aggiornamenti – non da ultimo perché quella “profezia” di Ali Al-Rubaidi, per quanto selvaggiamente improbabile, rimane in gioco:


TEMPI FREDDI stanno tornando, le medie latitudini si stanno RAFFREDDANDO in linea con la grande congiunzione, l’attività solare storicamente bassa, i raggi cosmici che nucleano le nuvole e una corrente a getto meridionale (tra le altre forzature).
Sia il NOAA che la NASA sembrano concordare, se si legge tra le righe, con NOAA che afferma che stiamo entrando in un grande minimo solare in piena regola alla fine del 2020, e la NASA vede questo prossimo ciclo solare (25) come il più debole degli ultimi 200 anni, con i precedenti spegnimenti solari periodi prolungati di raffreddamento globale QUI.
Inoltre, non possiamo ignorare la moltitudine di nuovi articoli scientifici che affermano l’immenso impatto che il Beaufort Gyre potrebbe avere sulla Corrente del Golfo, e quindi sul clima in generale.


I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore, se non di giorni.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

NON CI SONO COMPLOTTI

CI SONO PERSONE E FATTI

DOCUMENTATI

3 pensieri riguardo “La macchia solare AR3088 è resuscitata

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: