Perché Orwell è importante

La maggior parte delle persone pensa che George Orwell stesse scrivendo di e contro il totalitarismo, specialmente quando lo incontrano attraverso il prisma del suo grande romanzo distopico, 1984.

Questa visione di Orwell non è sbagliata, ma può perdere qualcosa. Perché Orwell era preoccupato soprattutto per la particolare minaccia rappresentata dal totalitarismo alle parole e al linguaggio. Era preoccupato per la minaccia che rappresentava per la nostra capacità di pensare e parlare liberamente e sinceramente. Sulla minaccia che rappresentava per la nostra libertà.

Vide, chiaramente e vividamente, che perdere il controllo delle parole significa perdere il controllo del significato. Questo è ciò che lo spaventava del totalitarismo della Germania nazista e della Russia stalinista – questi regimi volevano controllare la sostanza linguistica stessa del pensiero.

Ed è per questo che Orwell continua a parlarci così potentemente oggi. Perché le parole, il linguaggio e il significato sono di nuovo minacciati.

Il totalitarismo ai tempi di Orwell

I regimi totalitari della Germania nazista e dell’Unione Sovietica di Stalin rappresentavano qualcosa di nuovo e spaventoso per Orwell. Le dittature autoritarie, in cui il potere era esercitato in modo irresponsabile e arbitrario, esistevano prima, ovviamente. Ma ciò che ha reso diversi i regimi totalitari del 20° secolo è stata la misura in cui hanno richiesto la completa sottomissione di ogni individuo allo stato. Hanno cercato di abolire la base stessa della libertà e dell’autonomia individuale. Volevano usare poteri dittatoriali per ingegnerizzare socialmente l’anima umana stessa, cambiando e modellando il modo in cui le persone pensano e si comportano.

Il totalitarismo potrebbe aver raggiunto il suo orribile apice nella Germania nazista e nell’URSS di Stalin. Ma Orwell era preoccupato per il suo effetto anche in Occidente. Era preoccupato per la sovietizzazione dell’Europa attraverso i sempre più importanti e potenti partiti comunisti stalinisti. Era anche preoccupato per quella che vedeva come “l’intellighenzia europeizzata” di sinistra della Gran Bretagna, che, come i partiti comunisti dell’Europa occidentale, sembrava adorare il potere statale, in particolare nella forma sovranazionale dell’URSS. Ed era preoccupato soprattutto per l’emergere della mentalità totalitaria e il tentativo di riprogettare le strutture profonde della mente e del sentimento che si trovano al centro dell’autonomia e della libertà.

Orwell poteva vedere questa mentalità fiorire tra l’élite intellettuale britannica, dall’eugenetica e dal socialismo dall’alto verso il basso dei fabiani, come Sidney e Beatrice Webb e HG Wells, ai più ampi impulsi tecnocratici dell’intellighenzia in generale. Volevano rifare le persone “per il loro bene”, o per il bene della razza o del potere statale. Hanno quindi ritenuto auspicabile costringere le persone a conformarsi a determinati comportamenti e atteggiamenti prescritti. Ciò minacciava la libertà quotidiana delle persone che volevano, come diceva Orwell, “la libertà di avere una casa tutta tua, di fare ciò che ti piace nel tuo tempo libero, di scegliere i tuoi divertimenti invece di farli scegliere per te dall’alto”.

Edmond O’Brien nel ruolo di Winston Smith e Jan Sterling nel ruolo di Julia, in un adattamento di 1984, il 3 giugno 1955.

All’indomani della seconda guerra mondiale, questa nuova élite intellettuale iniziò a guadagnare ascendente. Era effettivamente una clericale – un’élite culturale e dominante definita dai suoi risultati accademici. Era stata forgiato attraverso l’istruzione superiore e il mondo accademico piuttosto che attraverso forme tradizionali di privilegio e ricchezza, come le scuole pubbliche.

Orwell era naturalmente predisposto contro questa “clerisy” emergente. Potrebbe aver frequentato Eton, ma è lì che l’educazione di Orwell si è fermata. Non faceva parte del mondo dei clericali. Non era uno scrittore accademico, né si posizionava come tale. Al contrario, si vedeva come uno scrittore popolare, rivolgendosi a un vasto pubblico non istruito all’università.

Inoltre, l’antipatia di Orwell verso questo nuovo tipo di élite era di vecchia data. Si era scagliato contro la rigidità e la pomposità della burocrazia imperiale come funzionario di polizia coloniale minore in Birmania tra il 1922 e il 1927. E aveva sempre combattuto contro i grandi e buoni socialisti dall’alto verso il basso, e anche gran parte del mondo accademico, che spesso erano molto a braccetto con la sinistra stalinizzata.

L’ostilità era reciproca. In effetti, spiega il disprezzo che molti accademici e compagni di viaggio continuano a mostrare nei confronti di Orwell oggi.

L’importanza delle parole

Al giorno d’oggi conosciamo fin troppo bene questa casta dominante istruita all’università e il suo desiderio di controllare le parole e il significato. Basti pensare, ad esempio, al modo in cui le nostre élite culturali ed educative hanno trasformato il “fascismo” da un fenomeno storicamente specifico in un peggiorativo che ha perso ogni significato, da usare per descrivere qualsiasi cosa, dalla Brexit al governo conservatore di Boris Johnson – un processo che Orwell vide iniziare con la pratica stalinista di chiamare i rivoluzionari democratici spagnoli “trotskisti-fascisti” (che documentò in Omaggio alla Catalogna (1938)).

Oppure pensate al modo in cui le nostre élite culturali ed educative hanno trasformato i significati stessi delle parole “uomo” e “donna”, privandole di qualsiasi connessione con la realtà biologica. Orwell non sarebbe stato sorpreso da questo sviluppo. In 1984 mostra come lo stato totalitario e i suoi intellettuali cercheranno di sopprimere i fatti reali, e persino le leggi naturali, se divergono dalla loro visione del mondo. Esercitando potere sulle idee, cercano di plasmare la realtà. “Il potere sta nel fare a pezzi le menti umane e metterle insieme in nuove forme di propria scelta”, dice O’Brien, il sinistro intellettuale del partito. “Controlliamo la materia perché controlliamo la mente. La realtà è dentro il cranio… Devi sbarazzarti di queste idee del 19° secolo sulle leggi della natura”.

In Nineteen Eighty-Four, il regime totalitario cerca di sottoporre la storia a manipolazioni simili. Come l’antieroe Winston Smith dice alla sua amante, Julia:

«Ogni record è stato distrutto o falsificato, ogni libro è stato riscritto, ogni immagine è stata ridipinta, ogni statua, strada ed edificio è stato rinominato, ogni data è stata alterata. E questo processo continua giorno dopo giorno e minuto per minuto. La storia si è fermata. Nulla esiste se non un presente infinito in cui il Partito ha sempre ragione.»

Questo approccio totalitario alla storia è dominante oggi, dal Progetto del New York Times del 1619 al rovesciamento delle statue. La storia è qualcosa da cancellare o evocare o rimodellare come lezione morale per oggi. È usato per dimostrare la rettitudine dell’establishment contemporaneo.

Ma è il linguaggio che è centrale nell’analisi di Orwell di questa forma di manipolazione intellettuale e controllo del pensiero. Prendiamo “Ingsoc”, la filosofia che il regime segue e applica attraverso il sistema linguistico della neolingua. La neolingua è più di una semplice censura. È un tentativo di rendere certe idee – libertà, autonomia e così via – in realtà impensabili o impossibili. È un tentativo di eliminare la possibilità stessa di dissenso (o “crimine del pensiero”).

Come Syme, che sta lavorando a un dizionario Newspeak, dice a Winston Smith:

«L’intero obiettivo… è restringere la gamma del pensiero. Alla fine renderemo letteralmente impossibile il crimine del pensiero, perché non ci saranno parole in cui esprimerlo. Ogni anno sempre meno parole, e la gamma di coscienza sempre un po’ più piccola… Ti è mai venuto in mente, Winston, che entro il 2050, al più tardi, non sarà vivo un solo essere umano che potrebbe capire una conversazione come quella che stiamo avendo ora?»

I parallelismi tra la visione da incubo di Orwell del totalitarismo e la mentalità totalitaria di oggi, in cui il linguaggio è sorvegliato e controllato, non dovrebbero essere sopravvalutati. Nella distopia di 1984, il progetto di eliminare la libertà e il dissenso, come nella Germania nazista o nella Russia stalinista, era sostenuto da una polizia segreta brutale e omicida. C’è poco di tutto questo nelle nostre società di oggi – le persone non sono forzatamente messe a tacere o scomparse.

Tuttavia, vengono cancellati, cacciati dai loro posti di lavoro e talvolta persino arrestati dalla polizia per ciò che equivale a un crimine del pensiero. E molte più persone semplicemente si auto-censurano per paura di dire la cosa “sbagliata”. La preoccupazione di Orwell che le parole possano essere cancellate o il loro significato alterato, e controllato dal pensiero, non si sta realizzando in modo apertamente dittatoriale. No, si sta realizzando attraverso un conformismo culturale e intellettuale strisciante.

L’intellettuale si rivolta contro la libertà

È interessante notare che le sue preoccupazioni su un tradimento intellettuale della libertà furono rafforzate da una riunione del 1944 dell’organizzazione anti-censura, l’inglese PEN. Partecipando a un evento per celebrare il 300° anniversario dell’Areopagitica di Milton, il famoso discorso di Milton del 1644 che sosteneva la “Libertà di stampa senza licenza”, Orwell notò che molti degli intellettuali di sinistra presenti non erano disposti a criticare la Russia sovietica o la censura in tempo di guerra. In effetti, erano diventati profondamente indifferenti o ostili alla questione della libertà politica e della libertà di stampa.

«In Inghilterra, i nemici immediati della veridicità, e quindi della libertà di pensiero, sono i signori della stampa, i magnati del cinema e i burocrati, scrisse Orwell, ma che a lungo termine l’indebolimento del desiderio di libertà tra gli stessi intellettuali è il sintomo più grave di tutti.»

Orwell era preoccupato per la crescente popolarità tra influenti intellettuali di sinistra della “proposizione molto più sostenibile e pericolosa che la libertà è indesiderabile e che l’onestà intellettuale è una forma di egoismo antisociale”. L’esercizio della libertà di parola e di pensiero, la volontà di dire la verità al potere, stava già diventando visto come qualcosa da disapprovare, un atto egoistico, persino elitario.

Un individuo che parla liberamente e onestamente, scriveva Orwell, è “accusato di volersi rinchiudere in una torre d’avorio, o di fare un’esibizione esibizionista della propria personalità, o di resistere all’inevitabile corrente della storia nel tentativo di aggrapparsi a privilegi ingiustificati”.

Queste sono intuizioni che hanno resistito alla prova del tempo. Basti pensare alle imprecazioni contro chi contesta il consenso. Sono liquidati come “contrari” e accusati di turbare egoisticamente le persone.

E peggio ancora, pensate al modo in cui la libertà di parola è dannata come il diritto dei privilegiati. Questa è forse una delle più grandi bugie della nostra epoca. La libertà di parola non supporta i privilegi. Tutti noi abbiamo la capacità di parlare, scrivere, pensare e discutere. Potremmo, come individui o piccoli gruppi, non avere le piattaforme di un barone della stampa o della BBC. Ma è solo attraverso la nostra libertà di parlare liberamente che possiamo sfidare coloro che hanno un potere maggiore.

L’eredità di Orwell

Orwell è ovunque oggi. Viene insegnato nelle scuole e le sue idee e frasi fanno parte della nostra cultura comune. Ma il suo valore e la sua importanza per noi sta nella sua difesa della libertà, specialmente della libertà di parlare e scrivere.

Il suo eccezionale saggio del 1946, ‘Politics and the English Language’, può effettivamente essere letto come un manuale di libertà. È una guida su come usare le parole e il linguaggio per combattere.

Lionel Trilling, un altro scrittore e pensatore, ha espresso un punto simile su Sé, ma in un modo molto più perspicace e illuminante. “[Orwell] ci libera”, scrisse nel 1952:

«Ci dice che possiamo capire la nostra vita politica e sociale semplicemente guardandoci intorno, ci libera dal bisogno della droga interna. Implica che il nostro compito non sia quello di essere intellettuali, certamente non di essere intellettuali in questo o quello, ma semplicemente essere intelligenti secondo le nostre luci – ripristina il vecchio senso della democrazia della mente, liberandoci dalla convinzione che la mente può lavorare solo in modo tecnico, professionale e che deve funzionare in modo competitivo. Ha l’effetto di farci credere che possiamo diventare membri a pieno titolo della società degli uomini pensanti. Ecco perché è una figura per noi.»

Orwell dovrebbe essere una figura anche per noi, nella nostra battaglia per ripristinare la democrazia della mente e resistere alla mentalità totalitaria di oggi. Ma questo richiederà il coraggio delle nostre convinzioni e delle nostre parole, come lui stesso tante volte ha fatto. Come ha affermato in The Prevention of Literature, ‘Per scrivere in un linguaggio semplice e vigoroso bisogna pensare senza paura’. Che Orwell abbia fatto proprio questo era una testimonianza della sua fiducia nel pubblico tanto quanto la sua fede in se stesso. È un esempio e una sfida per tutti noi.



I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore, se non di giorni.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

NON CI SONO COMPLOTTI

CI SONO PERSONE E FATTI

DOCUMENTATI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: