La scia di sangue dei vaccini COVID

Due medici affermano di aver scoperto un modo per testare la proteina spike nel tessuto umano e hanno trovato la proteina spike in individui che sono stati feriti o sono morti a causa dei vaccini.


La storia in breve
  • La coagulazione anormale del sangue è stata uno dei primi misteriosi effetti sulla salute ad emergere nella pandemia COVID, in primo luogo, come effetto dell’infezione naturale e, in seguito, come effetto collaterale dei vaccini COVID. A metà marzo 2021, 20 paesi avevano sospeso l’uso del vaccino COVID di AstraZeneca, in tutto o in parte, a seguito di segnalazioni di coaguli di sangue mortali
  • Nel dicembre 2021, un team di scienziati internazionali ha dettagliato il meccanismo alla base della propensione del vaccino AstraZeneca a innescare coaguli di sangue. Il guscio del vettore – un virus del raffreddore dello scimpanzé indebolito – in alcune persone agisce come un magnete e attrae le piastrine. Il tuo corpo scambia queste piastrine come una minaccia e produce anticorpi per combatterle, con conseguenti pericolosi coaguli di sangue
  • Ricercatori israeliani hanno anche collegato il vaccino Pfizer con una rara malattia della coagulazione del sangue.
  • Uno studio svedese ha rilevato che due dosi del vaccino COVID erano protettive al 43% contro l’infezione da omicron alla settimana 4. Alla settimana 14, la protezione era scesa a zero. L’efficacia contro il ricovero correlato al COVID è rimasta intorno all’80% fino alla settimana 25, ma è scesa al 40% entro la settimana 40. Utilizzando un metodo di analisi statistica, gli svedesi colpiti dal COVID avevano un rischio più elevato di morte o ospedalizzazione per COVID circa un anno dopo aver ricevuto la seconda dose.
  • Un recente caso clinico collega i vaccini COVID alla miocardite letale (infiammazione del cuore) e all’encefalite (infiammazione del cervello)

La coagulazione anormale del sangue è stata uno dei primi effetti misteriosi sulla salute ad emergere nella pandemia COVID, in primo luogo, come effetto dell’infezione naturale e, in seguito, come effetto collaterale dei vaccini COVID.

A metà marzo 2021, appena quattro mesi dopo il lancio delle iniezioni di COVID, 19 paesi europei più la Thailandia1 avevano sospeso l’uso dell’iniezione di AstraZeneca, in tutto o in parte, a seguito di segnalazioni di coaguli di sangue mortali.2; 3

Contrariamente ai vaccini di Moderna e Pfizer, il vaccino di AstraZeneca utilizza un vettore virale – un virus del raffreddore scimpanzé geneticamente modificato e presumibilmente non infettivo – per fornire DNA a doppio filamento per la proteina spike SARS-CoV-2 nelle cellule.4

All’inizio di quel mese, The Defender aveva riportato 5 dati britannici i quali mostravano che il vaccino di AstraZeneca era responsabile del 77% in più di eventi avversi e del 25% in più di decessi rispetto al vaccino Pfizer. Più o meno nello stesso periodo, i medici dell’ospedale universitario di Oslo hanno anche annunciato che i disturbi della coagulazione del sangue sperimentati da alcuni destinatari del vaccino di AstraZeneca erano in realtà causati dall’iniezione.6 Un articolo del 18 marzo 2021 su Science Norway recitava, in parte:7

«La nostra teoria secondo cui questa è una potente risposta immunitaria molto probabilmente innescata dal vaccino, è stata confermata, afferma il professore e primario Pål Andre Holme … In collaborazione con esperti nel campo dell’ospedale universitario della Norvegia settentrionale HF, abbiamo scoperto anticorpi specifici contro le piastrine del sangue che possono causare queste reazioni… spiega il primario…

Quando gli viene chiesto di chiarire perché dice “molto probabile” nella citazione, Holme risponde con sicurezza che è stata trovata la ragione di questi rari casi di coaguli di sangue.

Noi abbiamo la ragione. Nient’altro che il vaccino può spiegare perché questi individui hanno avuto questa risposta immunitaria, afferma. Il Giornale nazionale norvegese VG chiede anche come Holme possa sapere che la risposta immunitaria non è causata da qualcosa di diverso dal vaccino.

Non c’è nulla nella storia del paziente di questi individui che possa dare una risposta immunitaria così potente. Sono fiducioso che gli anticorpi che abbiamo trovato siano la causa, e non vedo altra spiegazione che sia il vaccino che lo innesca, risponde.»

Dettagli dello studio del Meccanismo d’azione

All’inizio di dicembre 2021, un team di scienziati internazionali ha pubblicato un documento8 che descrive in dettaglio il meccanismo alla base della propensione del vaccino di AstraZeneca a innescare coaguli di sangue. Come riportato all’epoca dal Daily Mail:9

«Un team di esperti internazionali, che coinvolge ricercatori di AstraZeneca, afferma che in un numero molto limitato di casi – circa uno su 100.000 nel Regno Unito – il vaccino può innescare una reazione a catena che porta l’organismo a confondere le proprie piastrine nel sangue per frammenti di virus…

Hanno scoperto che il guscio del vaccino vettore – il virus del raffreddore indebolito utilizzato per insegnare alle cellule come neutralizzare il COVID – a volte agisce come un magnete e attira le piastrine, una proteina presente nel sangue.

Per ragioni che gli scienziati stanno ancora studiando, il corpo scambia queste piastrine come una minaccia e produce anticorpi per combatterle. La combinazione delle piastrine e degli anticorpi che si aggregano porta alla formazione di pericolosi coaguli di sangue…

In sostanza, dopo essere stato erogato nell’organismo, l’adenovirus si lega a una specifica proteina nel sangue, nota come fattore piastrinico 4 (PF4), che viene normalmente utilizzata dall’organismo per favorire la coagulazione in caso di lesione.

Utilizzando immagini incredibilmente dettagliate dell’adenovirus nel vaccino, gli scienziati hanno dimostrato che l’adenovirus nell’Oxford-AstraZeneca è caricato negativamente e potrebbe attrarre proteine ​​con carica positiva come un magnete.

I ricercatori ritengono che in un caso di “identità sbagliata” il sistema immunitario del corpo consideri questo ammasso di piastrine come una minaccia e rilasci anticorpi per attaccarlo, aggregandosi ad esso e innescando coaguli di sangue potenzialmente pericolosi per la vita. Questa condizione è chiamata trombocitopenia trombotica immunitaria indotta da vaccino (VITT).»

Il grafico seguente è stato pubblicato sul Daily Mail per illustrare la reazione a catena potenzialmente mortale.

Quanto tempo resta il rischio?

Per quanto tempo rimane il rischio di coagulazione del sangue non è noto. A metà settembre 2022, l’American Heart Association ha riferito che il rischio di una coagulazione del sangue anormale rimane elevato quasi un anno dopo l’infezione naturale:10

«Le persone che hanno contratto il COVID-19 hanno avuto un rischio maggiore di pericolosi coaguli di sangue per quasi un anno, secondo un nuovo ampio studio11 sugli effetti collaterali di un’infezione da SARS-CoV-2…

COVID-19 è stato collegato a un forte aumento del rischio di problemi legati ai coaguli di sangue, inclusi infarto e ictus, subito dopo la diagnosi rispetto alle persone che non hanno mai avuto il COVID-19 e… quel rischio è rimasto più alto per alcuni problemi fino a 49 settimane dopo…

I ricercatori hanno scoperto che la prima settimana dopo una diagnosi di COVID-19, il rischio di un coagulo di sangue arterioso, il tipo che potrebbe causare un infarto o ictus ischemico bloccando il flusso sanguigno al cuore o al cervello, era quasi 22 volte superiore rispetto a qualcuno senza COVID-19. Quel rischio è sceso drasticamente, a meno di quattro volte superiore, nella seconda settimana.

Tra la 27a e la 49a settimana, c’è stato un aumento di circa il 30% del rischio di coaguli arteriosi, ha detto Jonathan Sterne, autore senior, professore di statistica medica ed epidemiologia all’Università di Bristol. Ma l’elevazione è maggiore più a lungo per i coaguli nelle vene, che includono la trombosi venosa profonda e l’embolia polmonare, quando un coagulo viaggia verso i polmoni.

Nella prima settimana dopo una diagnosi di COVID-19, il rischio di tali problemi venosi era 33 volte superiore. Entro la terza e la quarta settimana dopo la diagnosi, il rischio era ancora circa otto volte superiore. E tra 27 e 49 settimane dopo, il rischio era ancora 1,8 volte superiore rispetto a qualcuno che non aveva mai avuto il COVID-19.»

Se il rischio di coagulazione del sangue rimane alto per quasi un anno dopo l’infezione naturale, sembra ragionevole sospettare che il rischio sia notevolmente elevato molto più a lungo in coloro che hanno ricevuto uno o più vaccini COVID, perché i loro corpi ora producono internamente la proteina spike tossica, e non c’è nessun interruttore noto.

Non sappiamo ancora per quanto tempo il corpo umano continua a produrre proteine ​​spike dopo un vaccino COVID. E, mentre AstraZeneca è stato individuato come il principale colpevole di coaguli di sangue, i vaccini mRNA di Pfizer e Moderna non sono più sicuri a questo proposito.

Il vaccino COVID di Pfizer legato al disturbo della coagulazione del sangue

Già nel giugno 2021, la ricerca israeliana suggeriva che esistesse un legame tra l’iniezione di Pfizer e la porpora trombotica trombocitopenica (TTP), che è molto simile alla trombocitopenia trombotica immunitaria indotta dal vaccino o VITT. Un elenco delle caratteristiche distintive tra le sindromi può essere trovato su UpToDate.com.12 Come riportato da The Defender:13

«Gli scienziati dell’Istituto di ematologia dello Shamir Medical Center hanno affermato di aver iniziato a ricercare il possibile collegamento dopo le segnalazioni di un improvviso aumento del TTP in Israele: quattro casi rilevati in un mese rispetto a due o tre casi all’anno. La TTP è una malattia autoimmune che provoca la formazione di coaguli di sangue nei piccoli vasi sanguigni in tutto il corpo…

Il team medico ha affermato di aver trovato una “connessione cronologica” tra la vaccinazione e l’insorgenza dei sintomi di TTP. Hanno sottolineato che ciò si è verificato sia nei nuovi pazienti che nei pazienti con preesistente TTP la cui malattia era in remissione ma si è aggravata subito dopo aver ricevuto il vaccino…

Come riportato da The Defender ad aprile, i funzionari di regolamentazione degli Stati Uniti sono stati avvisati già nel dicembre 2020 che i vaccini Pfizer e Moderna, come il vaccino AstraZeneca e J&J COVID, avrebbero potuto comportare rischi simili di coaguli di sangue.»

Già prima del lancio dei vaccini, gli esperti avvertivano che erano prevedibili coaguli di sangue e problemi cardiovascolari. Tra loro c’era il dottor Patrick Whelan, uno specialista pediatrico, che in una lettera14 alla Food and Drug Administration statunitense ha avvertito che i vaccini potrebbero “causare lesioni microvascolari e coaguli di sangue in tutto il corpo, inclusi cervello, cuore, fegato e reni, in modi diversi che non sono stati valutati nelle prove di sicurezza”.

Ha sottolineato che gli studi sull’infezione naturale avevano scoperto che “le proteine ​​virali sembrano causare danni ai tessuti senza replicare attivamente il virus” e, se ciò fosse vero, sospettava che anche la proteina spike prodotta in risposta ai vaccini potesse causare lo stesso tipo di danno. Oggi, ampie prove indicano che i sospetti di Whelan sono corretti.

Il vaccino può aumentare il rischio di morte per COVID nel tempo

Ora stanno anche venendo fuori studi con prove che i vaccini potrebbero causare il potenziamento dipendente dagli anticorpi (ADE) e che uccidono le cellule del cuore e del cervello. Partendo dall’evidenza dell’ADE, uno studio svedese15, utilizzando i dati dell’intera popolazione svedese di età superiore ai 12 anni, per un totale di 9.153.456 persone, ha rilevato che due dosi erano protettive del 43% contro l’infezione da Omicron alla settimana 4. Entro la settimana 14, la protezione era sceso a zero.

L’efficacia contro il ricovero correlato al COVID è rimasta intorno all’80% fino alla settimana 25, ma è scesa al 40% entro la settimana 40. Sebbene questi dati siano evidenziati in astratto, una scoperta più intrigante rimane sepolta nel testo che pochi si prendono il tempo di leggere. Come riportato dal giornalista investigativo Alex Berenson:16

«Sulla base di un’analisi statistica [metodo della spline cubica] le persone vaccinate avevano un rischio MAGGIORE di morte o ricovero in ospedale per COVID circa un anno dopo aver ricevuto la seconda dose. I grafici – b e d di seguito – mostrano che la protezione del vaccino contro la morte e il ricovero inizia a diminuire lentamente dopo circa cinque mesi e poi precipita circa nove mesi dopo…

Questi dati forniscono prove nel mondo reale del possibile “potenziamento dipendente dagli anticorpi” causato dal vaccino. In ADE, i vaccini fanno sì che il nostro sistema immunitario produca anticorpi che aiutano un virus o un altro agente patogeno ad attaccarci…

(Il grafico in alto mostra il rischio relativo di infezione, ricovero, terapia intensiva e morte entro una settimana dopo due dosi di vaccino. La linea rossa indica l’efficacia zero; quando la linea blu scende al di sotto, suggerisce che le persone vaccinate sono a maggior rischio di infezione.)»

Quando hanno utilizzato un altro metodo statistico chiamato regressione polinomiale standard, i colpi sono rimasti moderatamente efficaci contro il ricovero e la morte nel tempo, scendendo al 45% di protezione contro la morte intorno a nove mesi, dopodiché l’efficacia ha iniziato misteriosamente a salire di nuovo.

Secondo Berenson, l’autore principale dell’articolo non ha approvato nessuno dei due metodi in quanto superiori all’altro. Quando è stato chiesto un commento, il dottor Yiyi Xu ha detto a Berenson che “hanno bisogno di più dati per sapere quale risultato potrebbe essere corretto” e che, al momento, “la stima è piuttosto incerta per entrambe le analisi”.

I vaccini COVID uccidono le cellule del cervello e del cuore

Un altro documento recente17 collega i colpi di COVID alla miocardite letale (infiammazione del cuore) e all’encefalite (infiammazione del cervello). Come riportato da Steve Kirsch:18

Il rapporto descrive in dettaglio il caso di un uomo di 76 anni con il morbo di Parkinson (PD) morto tre settimane dopo aver ricevuto il suo terzo vaccino per il COVID. La sua prima iniezione è stata quella di AstraZeneca, ricevuta a maggio 2021, seguita da due dosi di Pfizer rispettivamente a luglio e dicembre 2021.

L’autopsia ha confermato la sua diagnosi di Parkinson, ma ha anche rivelato diverse condizioni inaspettate che hanno contribuito alla sua morte, tra cui:

  • Polmonite da aspirazione
  • Arteriosclerosi sistemica
  • Vasculite acuta (infiammazione vascolare) sia nel cervello che nel cuore
  • Encefalite necrotizzante multifocale (che significa morte dei tessuti in tutto il cervello)
  • Cardiomiopatia cronica (malattia cardiaca) e
  • Miocardite linfo-istiocitica acuta lieve (una forma rara di miocardite che si verifica quando i linfociti, i globuli bianchi, entrano e infiammano il muscolo cardiaco)

I test per gli antigeni SARS-CoV-2 (proteine ​​​​spike e nucleocapside) hanno rivelato che l’infiammazione era in risposta solo alla proteina spike, in particolare nelle cellule endoteliali dei piccoli vasi sanguigni. Come notato dagli autori:19

«Poiché non è stato possibile rilevare alcuna proteina nucleocapside, la presenza della proteina spike deve essere attribuita alla vaccinazione piuttosto che all’infezione virale. I risultati confermano precedenti segnalazioni di encefalite e miocardite causate da vaccini COVID-19 basati su geni.»

Prove inconfutabili che i vaccini COVID possono uccidere

«Dei 15 corpi esaminati dal loro team – tutti morti da sette giorni a sei mesi dopo il vaccino – 14 (93%) sono stati uccisi dal vaccino COVID.»

Bhakdi e Burkhardt affermano di aver sviluppato un modo per testare la proteina spike nei tessuti umani e affermano di aver trovato la proteina spike nei tessuti di persone che sono state ferite e/o uccise dai vaccini.

Dei 15 corpi che il loro team ha esaminato per questo rapporto – tutti morti da sette giorni a sei mesi dopo il vaccino – 14 (93%) sono stati uccisi dal colpo di COVID.21 Il video sopra esamina i loro risultati. Tutti e 14 avevano prove evidenti che il corpo si stesse attaccando, compreso il cuore, con conseguenze fatali.

Risorse per le persone ferite dal vaccino COVID

Se hai ricevuto uno o più vaccini ed hai subito un infortunio, prima di tutto, non assumere mai un altro booster COVID, un altro vaccino di terapia genica con mRNA o un vaccino regolare. Devi porre fine all’assalto al tuo sistema. Lo stesso vale per chiunque abbia preso uno o più vaccini COVID e abbia avuto la fortuna di non riscontrare effetti collaterali debilitanti.

La tua salute potrebbe ancora essere compromessa a lungo termine, quindi non fare più vaccini. Quando si tratta di trattamento, ci sono ancora più domande che risposte, ma molti dei trattamenti che hanno funzionato contro una grave infezione da COVID-19 sembrano anche migliorare gli effetti avversi del vaccino. Questo ha senso, poiché la parte tossica e più dannosa del virus è la proteina spike, ed è ciò che tutto il tuo corpo sta producendo se ti sei vaccinato.

In qualità di membro fondatore della Front Line COVID-19 Critical Care Alliance (FLCCC), Kory ha contribuito a sviluppare il protocollo di trattamento post-vaccino dell’FLCCC chiamato I-RECOVER. Poiché il protocollo viene continuamente aggiornato man mano che diventano disponibili più dati, la soluzione migliore è scaricare l’ultima versione direttamente dal sito Web FLCCC all’indirizzo covid19criticalcare.com22 (collegamento ipertestuale alla pagina corretta fornita sopra).

Altri trattamenti e rimedi utili

Negli articoli precedenti, ho anche trattato una serie di trattamenti e rimedi che possono essere utili per le lesioni da vaccino, come ad esempio:


Disclaimer: il contenuto di questo articolo si basa sulle opinioni del Dr. Mercola, se non diversamente specificato. I singoli articoli si basano sulle opinioni del rispettivo autore, che conserva i diritti d’autore come contrassegnati. Le informazioni contenute in questo sito Web non intendono sostituire un rapporto individuale con un operatore sanitario qualificato e non istituire un consiglio medico. È inteso come una condivisione di conoscenze e informazioni provenienti dalla ricerca e dall’esperienza del Dr. Mercola e della sua comunità. Il Dr. Mercola ti incoraggia a prendere le tue decisioni sanitarie sulla base della tua ricerca e in collaborazione con un professionista qualificato sanitario. In caso di gravidanza, allattamento, assunzione di farmaci o condizioni mediche, consultare il proprio medico prima di utilizzare prodotti su questo contenuto.

I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore, se non di giorni.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

NON CI SONO COMPLOTTI

CI SONO PERSONE E FATTI

DOCUMENTATI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: