Schiavitù per debiti sostenibili

In questa prima puntata di una nuova serie, Iain Davis e Whitney Webb esplorano come le politiche di “sviluppo sostenibile” delle Nazioni Unite, gli SDG, non promuovono la “sostenibilità” come la maggior parte la concepisce e utilizzano invece lo stesso imperialismo del debito a lungo utilizzato dagli anglosassoni. L’impero americano per intrappolare le nazioni in un nuovo, altrettanto predatorio sistema di governance finanziaria globale.

Molti di questi obiettivi in teoria suonano bene e dipingono un quadro di un’utopia globale emergente – come nessuna povertà, nessuna fame nel mondo e riduzione della disuguaglianza. Eppure, come è vero con così tanto, la realtà dietro la maggior parte – se non tutti – degli SDG sono politiche ammantate dal linguaggio dell’utopia che – in pratica – andrà solo a beneficio dell’élite economica e consoliderà il loro potere.

I loro interessi sono veramente allineati con lo “sviluppo sostenibile” e il miglioramento dello stato del mondo per le persone normali, come sostengono ora? O i loro interessi si trovano dove sono sempre stati, in un modello economico guidato dal profitto basato sulla schiavitù del debito e sul furto vero e proprio?

In questa serie investigativa, esploreremo queste domande e ci interrogheremo – non solo le strutture di potere dietro gli SDG e le politiche correlate – ma anche il loro impatto pratico.

In questa prima puntata, esploreremo ciò che è effettivamente alla base della maggior parte dell’Agenda 2030 e degli SDG, tagliando il linguaggio fiorito per fornire il quadro completo di ciò che l’attuazione di queste politiche significa per la persona media. Le puntate successive si concentreranno su studi di casi basati su specifici SDG e sui loro impatti settoriali.

Nel complesso, questa serie offrirà uno sguardo oggettivo e basato sui fatti su come la motivazione alla base degli SDG e dell’Agenda 2030 riorganizzi lo stesso imperialismo economico utilizzato dall’impero anglo-americano nell’era post-seconda guerra mondiale ai fini del prossimo “ordine mondiale multipolare” e degli sforzi per attuare un modello neo-feudale globale, forse meglio riassunto come un modello per la “schiavitù sostenibile”.

L’insalata di parole SDG

L’ONU educa i giovani nei paesi in via di sviluppo ad accogliere lo “Sviluppo sostenibile” senza rivelare l’impatto che avrà sulle loro vite o sulla loro economia nazionale, Fonte: UNICEF

«Migliorare la stabilità macroeconomica globale, anche attraverso il coordinamento e la coerenza delle politiche. [. . .] Rafforzare il partenariato globale per lo sviluppo sostenibile, integrato da partenariati multi-stakeholder [. . .] per sostenere il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile in tutti i paesi. [. . .] Incoraggiare e promuovere partenariati efficaci, pubblico-privato e della società civile, basandosi sull’esperienza e sulle strategie di risorse dei partenariati.»

Da ciò, possiamo dedurre che i “partenariati multi-stakeholder” dovrebbero lavorare insieme per raggiungere la “stabilità macroeconomica” in “tutti i paesi”. Ciò sarà ottenuto rafforzando il “coordinamento delle politiche e la coerenza delle politiche” costruite dalla “conoscenza” di “partenariati pubblico, pubblico-privato e della società civile”. Queste “partnership” forniranno gli SDG.

Questa insalata di parole richiede un po’ per districarsi, perché questo è il quadro che consente l’attuazione di ogni SDG “in tutti i paesi”.

Prima di farlo, vale la pena notare che l’ONU spesso fa riferimento a se stessa e alle sue decisioni usando un linguaggio grandioso. Anche le delibere più banali sono trattate come “storiche” o “rivoluzionarie”, ecc. C’è anche un sacco di lanugine su trasparenza, responsabilità, sostenibilità e così via.

Queste sono solo parole che richiedono un’azione corrispondente per avere un significato contestuale. “Trasparenza” non significa molto se le informazioni cruciali sono sepolte in infinite risme di impenetrabili cialde burocratiche che non vengono riportate al pubblico da nessuno. La “responsabilità” è un anatema se anche i governi nazionali non hanno l’autorità per esercitare il controllo sull’ONU; e quando “sostenibile” è usato per significare “trasformativo”, diventa un ossimoro.

Districare l’insalata di parole SDG UN-G3P

«Partnership tra imprese, ONG, governi, Nazioni Unite e altri attori.»

Gli SDG “trasformativi”, Fonte: UN

Il cambiamento climatico è visto non solo come un problema ambientale, ma come un “grave problema finanziario, economico e sociale”. Pertanto lo “spazio fiscale” deve essere progettato per finanziare il “coordinamento delle politiche e la coerenza delle politiche” necessarie per scongiurare il disastro profetizzato.

UN-DESA suggerisce che lo “spazio fiscale” si riduce al “divario di sostenibilità del debito” stimato o previsto. Questo è definito come “la differenza tra il livello di debito attuale di un paese e il suo livello di debito sostenibile stimato”.

Nessuno sa quali eventi possano avere un impatto sulla crescita economica futura. Una pandemia o un’altra guerra in Europa potrebbero limitarla gravemente o causare una recessione. Il “divario di sostenibilità del debito” è un concetto teorico basato su poco più di un pio desiderio.

In quanto tale, ciò consente ai responsabili politici di adottare un’interpretazione malleabile e relativamente arbitraria di “spazio fiscale”. Possono contrarre prestiti per finanziare la spesa per lo sviluppo sostenibile, indipendentemente dalle condizioni economiche reali.

L’obiettivo principale della politica fiscale in passato era mantenere l’occupazione e la stabilità dei prezzi e incoraggiare la crescita economica attraverso un’equa distribuzione della ricchezza e delle risorse. È stato trasformato dallo sviluppo sostenibile. Ora mira a raggiungere “traiettorie sostenibili per entrate, spese e disavanzi” che enfatizzano lo “spazio fiscale”.

«Il debito è una forma fondamentale di finanziamento per gli obiettivi di sviluppo sostenibile.»

I disavanzi di spesa e l’aumento del debito non sono un problema perché il “mancato raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile” sarebbe molto più inaccettabile e aumenterebbe ulteriormente il debito. Qualsiasi importo di debito sovrano può essere accumulato sul contribuente per proteggerci dal disastro economico molto più pericoloso che presumibilmente si abbatterebbe su di noi se gli SDG non venissero implementati rapidamente.

In altre parole, le crisi economiche, finanziarie e monetarie difficilmente saranno assenti nel mondo dello “sviluppo sostenibile”. La logica sopra delineata sarà probabilmente utilizzata per giustificare tali crisi. Questo è il modello immaginato dall’ONU e dai suoi “partner multi-stakeholder”. Per chi sta dietro agli SDG, i fini giustificano i mezzi. Qualsiasi parodia può essere giustificata purché commessa in nome della “sostenibilità”.

L’obbedienza è una virtù perché, a meno che non aderiamo alle richieste politiche che ci vengono imposte e non accettiamo i costi, il disastro climatico potrebbe avverarsi.

Forti di questa conoscenza, diventa molto più facile tradurre la contorta insalata di parole UN-G3P e capire cosa intende effettivamente l’ONU con il termine “sviluppo sostenibile”:

«I governi tasseranno le loro popolazioni, aumentando i deficit e il debito nazionale ove necessario, per creare fondi neri finanziari a cui le multinazionali private, le fondazioni filantropiche e le ONG possono accedere al fine di distribuire i loro prodotti, servizi e programmi politici basati sulla conformità agli SDG. I nuovi mercati SDG saranno protetti dalla legislazione di sostenibilità del governo, progettata dagli stessi ‘partner’ che traggono profitto e controllano la nuova economia globale basata sugli SDG.»

Trappole del debito “verdi”

L’edificio della sede del Fondo monetario internazionale (FMI) a Washington DC, Fonte: Brookings

Nello stesso anno, il Debt Sustainability Framework (DSF) della Banca Mondiale e del FMI è diventato operativo. Secondo la Banca Mondiale, il DSF “consente ai creditori di adattare i loro termini di finanziamento in previsione dei rischi futuri e aiuta i paesi a bilanciare la necessità di fondi con la capacità di rimborsare i loro debiti”. Inoltre, “guida i paesi nel sostenere gli SDG, quando la loro capacità di onorare il debito è limitata”.

In particolare, la Banca Mondiale e il FMI sono elencati sia come strumenti finanziari che come strumenti diplomatici del potere nazionale degli Stati Uniti, nonché parti integranti di ciò che il manuale chiama “l’attuale sistema di governance globale”.

Mentre una volta erano “armi finanziarie” da brandire dall’Impero Anglo-Americano, gli attuali cambiamenti nel “sistema di governance globale” annunciano anche un cambiamento in chi è in grado di armare la Banca Mondiale e il FMI per il loro esplicito beneficio. Mentre il sole tramonta sul modello imperiale “unipolare” e l’alba di un ordine mondiale “multipolare” è su di noi. La Banca Mondiale e il FMI sono già stati posti sotto il controllo di una nuova struttura di potere internazionale in seguito alla creazione della Glasgow Financial Alliance for Net Zero (GFANZ), sostenuta dalle Nazioni Unite, nel 2021.

«Se vogliamo prendere sul serio il cambiamento climatico nel mondo emergente, dovremo davvero concentrarci sulla re immaginazione della Banca Mondiale e del FMI.»

I piani di GFANZ di “re-immaginare” queste istituzioni finanziarie internazionali implicano la loro fusione con gli interessi di private banking che compongono GFANZ; creare un nuovo sistema di “governance finanziaria globale”; ed erodere la sovranità nazionale (in particolare nei paesi in via di sviluppo) costringendoli a creare ambienti imprenditoriali ritenuti favorevoli agli interessi dei membri della GFANZ.

Il debito rimane l’arma principale nell’arsenale della Banca Mondiale e del FMI, e sarà usato per gli stessi fini “imperiali”, solo che ora con diversi benefattori e una diversa gamma di politiche da imporre alle loro prede – gli SDG.

La rivoluzione silenziosa delle Nazioni Unite

«GFANZ fornisce un forum per le principali istituzioni finanziarie per accelerare la transizione verso un’economia globale a zero emissioni nette. I nostri membri includono attualmente più di 450 aziende associate provenienti da tutto il settore finanziario globale, che rappresentano oltre 130 trilioni di dollari di asset in gestione.»

«Riforme [. . . ] regolamenti finanziari a sostegno della transizione netta zero; eliminazione graduale delle sovvenzioni ai combustibili fossili; prezzo [e] emissioni di carbonio; mandati net zero transition plans e [set] reportistica sul clima per le imprese pubbliche e private entro il 2024.»

Tutto ciò è necessario, ci viene detto, per scongiurare il “disastro climatico” che potrebbe accadere un giorno. Pertanto, questa agenda politica di “governance finanziaria globale” è semplicemente inevitabile e dovremmo consentire alle istituzioni finanziarie private (e storicamente predatorie) di creare politiche volte a deregolamentare i mercati stessi in cui operano. Dopotutto, la “corsa allo zero netto” deve avvenire a una velocità vertiginosa e, secondo GFANZ, l’unico modo per “vincere” consiste nel ridimensionare i “flussi di capitali privati ​​verso le economie emergenti e in via di sviluppo” come mai prima d’ora. Se il flusso di questo “capitale privato” fosse ostacolato da regolamenti esistenti o altri ostacoli, comporterebbe sicuramente la distruzione del pianeta.

«La mia preghiera oggi è per i paesi a venire insieme per creare un ambiente che permette a ogni settore dell’industria a intraprendere l’azione necessaria. Sappiamo che questo porterà migliaia di miliardi, non di miliardi di dollari. Sappiamo anche che i paesi, molti dei quali sono gravati da livelli crescenti di debito, semplicemente non possono permettersi di andare verde. Qui abbiamo bisogno di una campagna militare in grande stile per il maresciallo la forza globale del settore privato, con migliaia di miliardi a disposizione ben al di là del PIL mondiale, [. . .] al di là anche i governi di tutto il mondo, i leader. Offre l’unica reale possibilità di realizzare i fondamentali della transizione economica.»

Proprio come la presunta urgenza di attuare gli SDG esonera i responsabili delle politiche pubbliche, lascia anche il settore privato, che guida le agende politiche precedenti, fuori dai guai. Il fatto che il debito che creano collettivamente avvantaggi principalmente il capitale privato è solo una coincidenza; Una presunta conseguenza inevitabile della creazione dello “spazio fiscale” necessario per realizzare uno “sviluppo sostenibile”.

«Il business delle Nazioni Unite che coinvolge le aziende del mondo. [. . .] Abbiamo anche da promuovere lo sviluppo del settore privato e degli investimenti diretti esteri. Aiutiamo i paesi ad aderire al sistema di scambio internazionale e di emanare legislazione aziendale.»

Kofi Annan, Segretario Generale delle Nazioni Unite (1997 – 2006) è un membro del Consiglio di Fondazione del World Economic Forum e Co-presidente del Forum Economico Mondiale sull’Africa. Qui, egli parla alla Plenaria di Apertura sull’Africa e la Nuova Economia Globale al Forum Economico Mondiale sull’Africa 2009 a Città del Capo, Sud Africa, Fonte: WEF

In linea con l’ammissione di Annan, queste politiche e azioni emanate sono progettate, attraverso la “governance finanziaria globale”, per essere “business-friendly”.

A/Res/70/224 ha aggiunto che l’ONU avrebbe mantenuto:

«Il forte impegno politico per affrontare la sfida di finanziamento e la creazione di un ambiente che consenta a tutti i livelli per uno sviluppo sostenibile. [. . .] In particolare per quanto riguarda lo sviluppo di partenariati attraverso l’offerta di maggiori opportunità per il settore privato, le organizzazioni non governative e della società civile in generale [. . .], in particolare, nel perseguimento di uno sviluppo sostenibile [SDG].»

Essi collettivamente accettato di creare:

«…un ambiente favorevole a tutti i livelli per lo sviluppo sostenibile; [. . .] per rafforzare ulteriormente il quadro per finanziare lo sviluppo sostenibile.»

«Le Nazioni Unite devono raccogliere urgentemente la sfida di sbloccare il pieno potenziale della collaborazione con il settore privato e altri partner. [. . .] Il sistema delle Nazioni Unite riconosce la necessità di orientarsi ulteriormente verso partenariati che sfruttino in modo più efficace le risorse e le competenze del settore privato. Le Nazioni Unite stanno anche cercando di svolgere un ruolo catalizzatore più forte nell’innescare una nuova ondata di finanziamenti e innovazione necessari per raggiungere gli Obiettivi [SDGs].»

Sebbene sia definita un’organizzazione intergovernativa, l’ONU non è solo una collaborazione tra governi. Alcuni potrebbero ragionevolmente sostenere che non lo è mai stata.

I cinque fratelli Rockefeller. Da sinistra a destra: David, Winthrop, John D Rockefeller III, Nelson e Laurance, fonte: World Finance

«Le Nazioni Unite e il settore privato hanno sempre avuto ampi legami commerciali attraverso le attività di approvvigionamento dei primi. [. . .] Il mercato delle Nazioni Unite fornisce un trampolino di lancio per un’azienda per presentare i propri beni e servizi in altri paesi e regioni. [. . .] Anche il settore privato partecipa da tempo, direttamente o indirettamente, al lavoro normativo e le impostazioni standard delle Nazioni Unite.»

«I governi possono creare un ambiente favorevole e investire in equità, accesso e innovazione.»

Come ha notato re Carlo III l’anno scorso a Glasgow, ai governi della nazione “democratica” è stato affidato il ruolo di partner “abilitanti”. Il loro compito è creare l’ambiente fiscale in cui operano i loro partner del settore privato. Le politiche di sostenibilità sono sviluppate da una rete globale composta da governi, società multinazionali, organizzazioni non governative (ONG), organizzazioni della società civile e “altri attori”.

Gli “altri attori” sono prevalentemente le fondamenta filantropiche di singoli miliardari e dinastie familiari immensamente ricche, come Bill e Melinda Gates (BMGF) o le Fondazioni Rockefeller. Collettivamente, questi “attori” costituiscono il “partenariato multi-stakeholder”.

L’ONU è essa stessa una collaborazione globale tra i governi e una rete multinazionale infra-governativa di “stakeholder” privati. Le fondazioni, le ONG, le organizzazioni della società civile e le società globali rappresentano una rete infra-governativa di parti interessate, altrettanto potente, se non di più, di qualsiasi blocco di potere degli stati nazione.

Partenariato pubblico-privato: un’ideologia

L’ONU e il WEF, che si autodefinisce il principale promotore globale di partenariati pubblico-privato, hanno firmato un quadro strategico nel giugno 2019, Fonte: WEF

Nel 2016 UN-DESA ha pubblicato un documento di lavoro che esamina il valore dei partenariati pubblico-privato (G3P) per il raggiungimento degli SDG. L’autore principale, Jomo KS, è stato il Segretario generale aggiunto nel sistema delle Nazioni Unite responsabile della ricerca economica (2005-2015).

«I reclami di costi ridotti e una consegna efficiente dei servizi tramite [G3PS] per risparmiare denaro e benefici i consumatori erano per lo più vuoti e [. . .] Asserzioni ideologiche. [. . ] I progetti [G3P] erano più costosi da costruire e finanziare, forniti servizi di qualità più scarsa ed erano meno accessibili [. . .] Inoltre, molti servizi essenziali erano meno responsabili nei confronti dei cittadini quando erano coinvolte società private. [. . .] Gli investitori in [G3PS] affrontano un rischio relativamente benigno [. . .] Le clausole di penalità per la mancata consegna da parte di partner privati sono meno che rigorose, nello studio si è messo in dubbio se il rischio veniva davvero trasferito ai partner privati in questi progetti. [. . .] Le prove suggeriscono che [G3PS] hanno spesso teso ad essere più costosi dell’alternativa degli appalti pubblici, mentre in diversi casi non sono riusciti a fornire i guadagni previsti nella fornitura di qualità del servizio.»

I rapporti UN-DESA hanno anche ricordato agli entusiasti del G3P delle Nazioni Unite che numerose organizzazioni intergovernative avevano ritenuto che i G3P volessero:

«Le valutazioni effettuate dalla Banca Mondiale, dal Fondo Monetario Internazionale (FMI) e dalla Banca Europea per gli Investimenti (BEI) – le organizzazioni che normalmente promuovono i [G3P] – hanno riscontrato un certo numero di casi in cui i [G3P] non hanno prodotto il risultato atteso e si sono tradotti in un significativo aumento delle passività fiscali pubbliche.»

«[Stati membri delle Nazioni Unite] Riconoscere la necessità di forti partenariati globali, regionali e nazionali per gli obiettivi di sviluppo sostenibile, che coinvolgano tutte le parti interessate a sostenere in modo collaborativo gli sforzi degli Stati membri per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile relativi alla salute, inclusa la copertura sanitaria universale [UHC2030] [. . .] l’inclusione di tutte le parti interessate è una delle componenti fondamentali della governance del sistema sanitario. [. . . ] [Noi] Riaffermiamo la risoluzione 69/313 dell’Assemblea Generale [. . .] per affrontare la sfida del finanziamento e della creazione di un ambiente favorevole a tutti i livelli per lo sviluppo sostenibile. Noi forniremo [. . .] finanze sostenibili, migliorandone al contempo l’efficacia [. . .] attraverso canali nazionali, bilaterali, regionali e multilaterali, compresi i partenariati con il settore privato e altre parti interessate.»

Questo impegno delle Nazioni Unite per il partenariato pubblico-privato globale è una “affermazione ideologica” e non si basa sulle prove disponibili. Affinché i G3P funzionino effettivamente come affermato, UN-DESA ha stabilito che prima sarebbe stato necessario mettere in atto una serie di modifiche strutturali.

Questi includevano un’attenta identificazione di dove un G3P potrebbe funzionare. L’UN-DESA ha rilevato che i G3P possono essere adatti ad alcuni progetti infrastrutturali, ma sono stati dannosi per i progetti riguardanti la salute pubblica, l’istruzione o l’ambiente.

I ricercatori delle Nazioni Unite hanno affermato che sarebbe necessaria una diligente supervisione e regolamentazione dei prezzi e del presunto trasferimento del rischio; erano necessari sistemi di contabilità fiscale completi e trasparenti; dovrebbero essere sviluppati standard di rendicontazione migliori e sono necessarie garanzie legali e regolamentazioni rigorose.

Nessuno dei necessari cambiamenti strutturali o politici raccomandati nel rapporto UN-DESA 2016 è stato implementato.

Sostenibilità per chi?

L’Agenda 2030 segna il punto di passaggio lungo il percorso verso l’Agenda 21. Lanciata pubblicamente al Vertice della Terra di Rio del 1992, la Sezione 8 ha spiegato come lo “sviluppo sostenibile” sarebbe stato integrato nel processo decisionale:

«L’esigenza primaria è quella di integrare i processi decisionali ambientali e di sviluppo. [. . .] I paesi svilupperanno le proprie priorità in conformità con i loro piani, politiche e programmi nazionali.»

Lo sviluppo sostenibile è stato integrato in ogni decisione politica. Non solo ogni paese ha un piano nazionale di sostenibilità, questi sono stati devoluti al governo locale.

Nessuna comunità è libera dalla “governance finanziaria globale”.

In poche parole, lo sviluppo sostenibile soppianta il processo decisionale a livello nazionale e locale con la governance globale. È un colpo di stato globale in corso e finora riuscito.

Ma più di questo, è un sistema di controllo globale. Quelli di noi che vivono nelle nazioni sviluppate vedranno il nostro comportamento cambiato mentre una guerra psicologica ed economica viene condotta contro di noi per forzare la nostra conformità.

Le nazioni in via di sviluppo saranno tenute in miseria perché i frutti del moderno sviluppo industriale e tecnologico saranno loro negati. Saranno invece gravati dal debito imposto loro dai centri globali del potere finanziario, dalle loro risorse saccheggiate, dalle loro terre rubate e dai loro beni sequestrati, tutto in nome della “sostenibilità”.

Eppure è forse la finanziarizzazione della natura, inerente allo sviluppo sostenibile, il pericolo più grande di tutti. La creazione di classi di risorse naturali, convertendo le foreste in iniziative di sequestro del carbonio e le fonti d’acqua in servizi di insediamento umano. Come mostreranno le puntate successive di questa serie, diversi SDG hanno al centro la natura finanziarizzatrice.

Come affermato apertamente dalle Nazioni Unite, lo “sviluppo sostenibile” riguarda la trasformazione, non necessariamente la “sostenibilità”, come la maggior parte delle persone la concepisce. Mira a trasformare la Terra e tutto ciò che contiene, noi compresi, in merci, il cui commercio costituirà la base di una nuova economia globale. Sebbene ci venga venduto come “sostenibile”, l’unica cosa che questo nuovo sistema finanziario globale “sosteniamo” è il potere di un’élite finanziaria predatrice.


I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore, se non di giorni.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

NON CI SONO COMPLOTTI

CI SONO PERSONE E FATTI

DOCUMENTATI

2 pensieri riguardo “Schiavitù per debiti sostenibili

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: