UHC2030: Partnership globale pubblico-privato per l’assistenza sanitaria delle Nazioni Unite

La nostra serie continua con l’esplorare lo sviluppo sostenibile e i connessi Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDG) associati, rivolgiamo la nostra attenzione all’SDG 3 che promette di “garantire una vita sana”. Ancora una volta, quando esaminiamo questa promessa è vuota. Attraverso l’Agenda 2030 per la copertura sanitaria universale (UHC2030) sembra che il neocolonialismo basato sul debito e la governance globale oppressiva da parte di un partenariato pubblico-privato globale siano i veri obiettivi.

Invece, si tratta di un meccanismo per l’introduzione di governance globale e, in particolare, governance finanziaria globale in ogni aspetto della nostra vita e in ogni angolo della nostra società e sistema politico. Permette la continuazione di “lo stesso imperialismo del debito a lungo utilizzato dall’impero anglo-americano per intrappolare le nazioni in un nuovo sistema altrettanto predatorio di governance finanziaria globale”.

Il partenariato pubblico-privato UHC2030

La homepage di UHC2030. Fonte: UHC2030

UN-DESA ha osservato che l’impegno per i G3P era “ideologico”. Le prove dimostrano che è improbabile che il partenariato pubblico-privato globale UHC2030 (UHC-G3P) produca i benefici dichiarati. Cioè, se il vero obiettivo è fornire servizi sanitari di qualità a tutti.

Controllare la politica di salute pubblica e le normative sanitarie a livello mondiale, nazionale, regionale e infine locale è ciò che riguarda lo “sviluppo sostenibile” dell’assistenza sanitaria. È la “trasformazione” dell’assistenza sanitaria ovunque.

Quindi, chi sono gli stakeholder e perché vogliono “influenzare gli impegni nazionali e internazionali” per l’assistenza sanitaria? Ci si può fidare di loro come fornitori di “servizi sanitari di qualità” a tutti sulla Terra?

O c’è un’altra agenda dietro il desiderio delle parti interessate di trasformare i nostri sistemi sanitari?

UHC2030 ed il Capitalismo degli Stakeholder

Il presidente del WEF Klaus Schwab e il suo libro Stakeholder Capitalism.

Attraverso i G3P che sono impostati per fornire “sviluppo sostenibile” in tutto il mondo, siamo invitati ad accettare che la Terra, tutta la vita e ogni aspetto della nostra vita saranno migliorati se le società globali saranno investite del potere di amministrare l’intero patrimonio globale. La funzione primaria dei governi che eleggiamo è quella di “consentire” la trasformazione.

L’UHC-G3P è composto da 83 governi nazionali, tra cui Iran, Libano, Somalia, Ghana, Uganda, Yemen, Myanmar, Francia, Germania, Regno Unito, Stati Uniti e Ucraina. Altri partner degli Stati nazionali contribuiscono attraverso organizzazioni multinazionali.

Ad esempio, la Federazione Russa è un “partner” UHC-G3P attraverso l’Unione interparlamentare (IPU), l’Organizzazione internazionale del lavoro (ILO) e la Fondazione Asia-Europa (AEF). Allo stesso modo, la Cina collabora con l’UHC-G3P attraverso l’AEF e Israele attraverso l’IPU. Numerose agenzie delle Nazioni Unite, tra cui l’UNDP e l’OMS, e varie fondazioni filantropiche, come la Bill and Melinda Gates Foundation e la Rockefeller Foundation, sono anche partner delle parti interessate UHC-G3P.

«I governi nazionali dovrebbero aumentare progressivamente i loro investimenti nella salute destinando almeno il 15% del loro bilancio annuale alla salute, o fino al 5% del loro PIL annuale. […] Questo aumento del bilancio per la salute dovrebbe essere aumentato attraverso meccanismi di messa in comune obbligatori ed equi (come il miglioramento della riscossione delle entrate fiscali, l’istituzione di un’assicurazione sanitaria sociale) [.]»

Debito UHC-G3P per swap di distruzione sanitaria

Un operatore sanitario preleva un tampone da una donna durante i test di massa nel tentativo di fermare la diffusione di COVID-19, a Nairobi, in Kenya, il 28 maggio 2020. Fonte: Reuters

L’UNICEF ha osservato che questo disastro sarebbe stato causato, non dal COVID-19, ma come risultato di “interruzioni economiche, alimentari e dei sistemi sanitari”.

Eppure l’UNICEF, uno stakeholder UHC-G3P, ha inspiegabilmente concluso:

«Si prevede che la pandemia di COVID-19 aumenterà il rischio di tutte le forme di malnutrizione. Le stime incentrate sullo spreco che presentiamo qui sono probabilmente prudenti. […] L’interruzione di altri servizi sanitari durante i blocchi comprometterà ulteriormente la salute e la mortalità materna e infantile. […] Il profondo impatto della pandemia di COVID-19 sulla nutrizione precoce della vita potrebbe avere conseguenze intergenerazionali per la crescita e lo sviluppo dei bambini e impatti per tutta la vita sull’istruzione, sui rischi di malattie croniche e sulla formazione complessiva del capitale umano [.]»

Sapendo che l’interruzione del sistema economico e sanitario ucciderebbe le persone vulnerabili, la partnership multi-stakeholder UHC2030 è andata avanti con tale interruzione. Hanno esortato ogni governo a investire di più nelle misure e nei trattamenti di risposta al COVID-19, come raccomandato dall’OMS, una parte interessata dell’UHC-G3P.

Sono state applicate norme e leggi di emergenza audaci. Sono stati sacrificati diritti inalienabili e perseguita la “responsabilità collettiva”. La sicurezza dei pazienti, correlata a COVID-19, è stata data la priorità ai governi fornendo supporto finanziario per “soluzioni innovative”.

Costretto a gettare tutto per combattere una malattia quattro volte meno pericolosa della malaria, l’Uganda ha anche abbracciato ulteriori rischi per la salute pubblica. Il rapporto debito/PIL dell’Uganda è balzato dal 22% al 41% in un solo anno e, entro il 2021, il 9% delle entrate ugandesi è stato speso per servire i suoi debiti mentre la crescita del PIL è crollata.

«Deterioramento dei servizi sanitari essenziali[,] […] ridotta casistica per HIV/AIDS e malaria. Pazienti con malattie croniche che facevano continuamente affidamento sui farmaci per la loro sopravvivenza […] non sono stati in grado di ricevere le ricariche, mentre altri non potevano permettersi i farmaci per mancanza di reddito. I pazienti a cui era stato recentemente diagnosticato un cancro non potevano essere avviati al trattamento. […] Alla maggior parte dei pazienti con queste condizioni ha affrontato un rischio maggiore di complicanze e morte a causa dell’impossibilità di accedere all’assistenza sanitaria. […] Questi inizi ritardati e l’interruzione dei cicli di trattamento hanno provocato un aumento dello stress, dell’ansia, della progressione della malattia, delle recidive e delle morti premature.»

Neocolonialismo UHC-G3P

«Meccanismi di ristrutturazione del debito nei paesi a basso reddito e sostenibilità/riduzione del debito nei paesi a reddito medio.»

Una foto scattata il 20 marzo 2021 mostra fiale vuote di vaccini AstraZeneca contro il Covid-19 a Ede, dove riprende la campagna di vaccinazione con il vaccino AstraZeneca. – Paesi Bassi OUT (Photo by PIROSCHKA VAN DE WOUW/ANP/AFP via Getty Images)

La necessità di un aumento dei prezzi superiore al 300% per l’Uganda non è chiara. Sembra distintamente che AstraZeneca abbia approfittato “dell’ambiente abilitante” ugandese basato sul debito.

Nessuna di queste attività predatorie di mercato, da parte dei suoi stakeholder, soddisfa l’obiettivo dell’UHC-G3P di:

«Espandere i servizi sanitari essenziali di qualità, rafforzare i sistemi sanitari e mobilitare risorse sanitarie nei paesi in via di sviluppo»

Per le nazioni in via di sviluppo e a medio reddito, la promessa del “capitalismo degli stakeholder” è vuota.

Le parti interessate UHC-G3P sembrano aver manipolato i LMIC, attraverso i loro obblighi di debito, per investire in prodotti farmaceutici superflui a prezzi esorbitanti. Il partenariato multi-stakeholder ha effettivamente indebolito l’assistenza sanitaria essenziale e aumentato i rischi per la salute della popolazione.

Dal punto di vista di un LMIC, il “capitalismo degli stakeholder” UHC-G3P assomiglia più al neocolonialismo aziendale.

Questo è come previsto perché, come l’ONU sa bene, il capitalismo degli stakeholder non funziona come affermato. I partenariati pubblico-privato per la salute pubblica sono costosi, hanno un impatto negativo sull’assistenza sanitaria e sui risultati sanitari, sono inclini alla corruzione e, in generale, danneggiano la salute della popolazione.

Perché il partenariato pubblico-privato globale UHC2030 suggerisce il contrario richiede una spiegazione.

Migliorare l’assistenza sanitaria per le parti interessate private

L’approccio del capitalismo degli stakeholder, retoricamente parlando, è esemplificato da Merck che afferma:

«In qualità di azienda sanitaria globale impegnata a migliorare la salute e il benessere in tutto il mondo, l’SDG 3 è il fulcro della nostra attività ed è in linea con la nostra missione di salvare e migliorare vite umane. […] Lavoriamo in collaborazione con una serie di parti interessate per migliorare l’ecosistema sanitario globale.»

«La nostra strategia sta funzionando e il nostro futuro è luminoso. Sono molto fiducioso che siamo ben posizionati per raggiungere i nostri obiettivi a breve e lungo termine, ancorati al nostro impegno a fornire farmaci e vaccini innovativi ai pazienti e valore a tutti i nostri stakeholder, compresi gli azionisti.»

Capitalismo degli stakeholder: un ecosistema di segmentazione e prioritizzazione, a quanto pare. Fonte: LLYC

«Pfizer crede nella promessa dell’UHC. […] Come parte di una serie di mosse coraggiose, ci siamo sfidati ad aumentare drasticamente il numero di pazienti che hanno accesso ai nostri farmaci entro il 2023. […] Ci impegniamo a lavorare a stretto contatto con le parti interessate e i governi per accelerare questi cambiamenti e migliorare l’accesso generale.»

Attraverso UHC-G3P, Pfizer sta cercando di “aumentare drasticamente” le dimensioni del suo mercato. La “promessa” dell’UHC-G3P per Pfizer è che può lavorare con i governi per “accelerare” il suo programma di acquisizione del mercato.

«La cura dei pazienti esistenti diminuisce anche il numero di portatori in grado di trasmettere il virus a nuovi pazienti, quindi anche il pool di incidenti diminuisce […] Dove un pool di incidenti rimane stabile (ad esempio, nel cancro) il potenziale per una cura pone meno rischi per la sostenibilità di un franchising.»

Mentre Pfizer ha fatto grandi affari durante la pseudopandemia, il calo del “pool di incidenti” COVID-19 ha visto il suo prezzo delle azioni scendere. Il trattamento continuo e a lungo termine per le condizioni di salute croniche è ciò che gli investitori di Goldman Sachs vogliono dai loro portafogli farmaceutici. La sostenibilità del franchising, non il miglioramento della salute pubblica, è importante per questi stakeholder UHC2030.

Ciò rappresenta un potenziale problema per i pazienti. Mentre non c’è niente di sbagliato nel realizzare un profitto, quando tali profitti sono basati sulla malattia, piuttosto che sulla salute, evidentemente c’è un conflitto di interessi commerciali al centro dell’UHC-G3P.

Di conseguenza, è ragionevole affermare che UHC2030 è una partnership per nient’altro che la “governance del sistema sanitario” globale progettata per migliorare la centralizzazione del potere sugli stati nazionali a beneficio del settore privato.

L’evidenza suggerisce che il vero scopo di UHC2030 è massimizzare il numero di malati e tenerli malati il più a lungo possibile al fine di mantenere la “sostenibilità del franchising”.

L’impatto dell’UHC-G3P sulle nazioni sviluppate

Attraverso UHC2030, le persone nei paesi in via di sviluppo sono destinate a sopportare il continuo neocolonialismo. Anche le popolazioni delle nazioni sviluppate, specialmente le più vulnerabili, possono aspettarsi risultati altrettanto deleteri.

Realizzare un profitto sostenibile dall’assistenza sanitaria è accolto con favore dagli azionisti di partecipazione UHC2030, come Blackrock e Vanguard. Tuttavia, il controllo del settore privato della politica governativa e dei mercati sanitari globali è una prospettiva ancora più allettante. Per coloro che sono al vertice della struttura gerarchica e compartimentata dell’UHC-G3P, la governance della salute globale è un biglietto d’oro.

L’ONU-HLM ha dichiarato che gli Stati membri dovrebbero:

«Attuare politiche ad alto impatto per proteggere la salute delle persone e affrontare in modo completo i determinanti sociali, economici e ambientali e altri determinanti della salute lavorando in tutti i settori attraverso un approccio di tutto il governo e la salute in tutte le politiche [.] […] Fornire una leadership strategica sull’UHC al più alto livello politico e promuovere una maggiore coerenza politica e azioni coordinate attraverso approcci di intere politiche governative e sanitarie in tutte le politiche e forgiare una risposta coordinata e integrata a tutta la società e multisettoriale [.]»

Oltre alla riduzione della qualità dell’assistenza sanitaria, le politiche di governance sanitaria globale UHC2030 sono destinate a opprimere l’intera società. Ciò sarà ottenuto impegnando l’intero governo nell’approccio ‘health-in-all-policies’ (HiAP).

Negli Stati Uniti, il Center For Disease Control (CDC) spiega come l’intero governo degli Stati Uniti ha interpretato HiAP:

«I luoghi in cui le persone vivono, lavorano e giocano hanno un grande impatto sulla loro salute. Possiamo migliorare la salute dell’America lavorando attraverso agenzie governative e con partner privati per creare comunità sane e sicure. […] Il Centro risorse Health In All Policies supporta un approccio collaborativo alla promozione della salute che riconosce l’importanza di includere considerazioni sulla salute quando si prendono decisioni su cose come i trasporti, l’istruzione e altre aree che hanno un impatto sulle nostre comunità.»

I partner privati (multinazionali, fondazioni filantropiche e ONG) hanno il potere di lavorare “attraverso il governo” per definire ciò che considerano “comunità sane e sicure”. Queste saranno le comunità che riceveranno servizi aziendali, acquisteranno prodotti aziendali e avanzeranno le agende delle ONG finanziate dalle imprese.

Dove, viviamo, lavoriamo e giochiamo, i trasporti che usiamo, la nostra istruzione e tutte le altre “aree”, sia nelle nostre comunità che nelle nostre vite, saranno progettati attraverso il “processo decisionale” degli stakeholder UHC-G3P.

Il comitato direttivo UHC2030 ha scritto:

«Durante la pandemia i legami tra copertura sanitaria universale (UHC) e sicurezza sanitaria sono stati chiari. […] Il rafforzamento dei sistemi sanitari, con particolare attenzione all’assistenza sanitaria di base, fornisce le basi sia per l’UHC che per la sicurezza sanitaria. […] Siamo quindi lieti di condividere una nuova narrativa strategica UHC2030 per guidare la difesa e l’azione sui sistemi sanitari per gli obiettivi UHC e di sicurezza sanitaria.»

La definizione dell’OMS di “sicurezza sanitaria” vi fa riferimento:

«Le attività richieste, sia proattive che reattive, per ridurre al minimo la vulnerabilità agli eventi acuti di salute pubblica che mettono in pericolo la salute collettiva delle popolazioni che vivono attraverso le regioni geografiche e i confini internazionali.»

Questi includono, ma non sono limitati a, rapida urbanizzazione, degrado ambientale, resistenza antimicrobica, nuove malattie, rischi chimici, inquinamento atmosferico, cattiva alimentazione, malattie di origine alimentare, viaggi, interdipendenza economica, pandemie, altre emergenze, sistemi sanitari deboli, shock economici e, naturalmente, cambiamenti climatici e crescita della popolazione.

L’intero governo non dovrebbe semplicemente reagire a tali eventi, ma piuttosto adottare misure per “ridurre al minimo la vulnerabilità” in modo proattivo a “eventi di salute pubblica” che non si sono ancora verificati. Poiché non vi è alcun aspetto della società che non presenti il potenziale rischio che si verifichi un “evento di salute pubblica”, sono necessari sistemi di sorveglianza perpetua della popolazione per tenerci tutti “al sicuro”:

«L’UHC comporta anche […] misure di salute pubblica che prevengono la cattiva salute […] e forniscono sicurezza sanitaria. Questi includono la sorveglianza delle malattie, compresi i collegamenti alla sorveglianza nei settori della salute animale e dell’ambiente.»

Pertanto, la sicurezza sanitaria globale (GHS) è indivisibile dall’assistenza sanitaria universale (UHC). Il documento FCDO continua:

«Sistemi sanitari forti costituiscono la base che sostiene sia UHC che GHS. UHC e GHS hanno entrambi bisogno di una forte governance e leadership […] finanziamenti adeguati, farmaci giusti e diagnostica, […] forti sistemi comunitari e buoni dati e sistemi di dati per il processo decisionale.»

La sicurezza sanitaria globale è anche meglio raggiunta attraverso un partenariato pubblico-privato globale, secondo il governo del Regno Unito:

«I nostri programmi sono guidati dalla scienza e condotti secondo le migliori prove disponibili […] attingendo all’esperienza del Regno Unito e globale e ai partenariati pubblico-privato. […] Continueremo a lavorare a stretto contatto con importanti parti interessate come gli organismi professionali e di regolamentazione, la comunità di ricerca (compresi i finanziatori della ricerca), il settore privato, le ONG e la società civile.»

L’impegno ideologico nei confronti dei G3P dimostra chiaramente che l’agenda della sicurezza sanitaria non è guidata dalle “migliori prove disponibili”. C’è qualcos’altro dietro la spinta per installare sistemi di sorveglianza della sicurezza sanitaria.

Parlando di “governance globale per la salute”, la FCDO ha annunciato:

«Continueremo a fare la nostra parte per portare l’architettura sanitaria globale nel posto giusto per far progredire un approccio di rafforzamento dei sistemi sanitari più unificato [HSS]. […] Continuiamo a utilizzare forum importanti e influenti, come il G7 e il G20, […] mentre cerchiamo di affrontare alcune delle questioni sanitarie globali più impegnative. Ciò include la definizione delle discussioni internazionali sulla sicurezza sanitaria globale. […] Cercheremo inoltre attivamente di portare una lente HSS alle conversazioni su questioni internazionali più ampie, che si estendono oltre il settore sanitario, ad esempio sui cambiamenti climatici.»

Tutto – “questioni internazionali più ampie, che si estendono oltre il settore sanitario” – può presumibilmente beneficiare della “governance globale per la salute”. Il governo britannico è tra quelli che hanno già esteso la sorveglianza della salute pubblica “oltre il settore sanitario”.

Dott.ssa Jenny Harrys, amministratore delegato di UKHSA. Fonte: Governo del Regno Unito

«Le riforme qui esposte mirano a garantire che alla salute pubblica venga dato lo status che merita – al centro delle priorità di azione, politica e investimento del governo, a livello nazionale e locale, attraverso il governo e attraverso il NHS. [UKHSA] lavorerà con accademici e organizzazioni private per garantire che le ultime intuizioni sulla scienza comportamentale guidino il suo lavoro con i cittadini.»

Ciò ha posto le determinanti della “politica e degli investimenti” nazionali e locali sotto il controllo centralizzato di UKHSA. Come partenariato pubblico-privato, questo dà anche ai partner del settore privato di UKHSA influenza su “politiche e investimenti”.

UKHSA ha assunto la funzione di Public Health England, NHS Test and Trace e Joint Biosecurity Centre. I suoi sistemi di sorveglianza sono tutti pervasivi. Praticamente tutto è una potenziale minaccia per la salute pubblica:

«Le minacce che dovremo affrontare in futuro saranno diverse; da nuove malattie infettive, nuove minacce ambientali o rischi biologici, a nuove sfide comportamentali. Lo stesso vale per le opportunità di fare di più su di loro, attraverso l’uso di nuove tecnologie, analisi, scienza all’avanguardia e approcci comportamentali personalizzati.»

Il popolo del Regno Unito è la fonte di “sfide comportamentali”. Saranno considerati “rischi biologici” se non seguono gli ordini pubblici di UKHSA.

UKHSA lavorerà con i suoi partner del settore privato per implementare “approcci comportamentali personalizzati” per modificare il comportamento delle persone se non si allineano o rifiutano di conformarsi. Questo è presumibilmente per il bene pubblico e sarà consegnato dal partenariato pubblico-privato UKHSA:

«Cercheremo di lavorare in collaborazione con una serie di fornitori pubblici e privati per sviluppare e testare programmi di incentivazione all’avanguardia che aiuteranno a sostenere le persone ad essere sane e attive nei prossimi anni.»

UKHSA è l’incarnazione dell’approccio UHC-G3P “Health in All Polices” (HiAP):

«I fattori più critici per una buona salute fisica e mentale come il lavoro, l’istruzione e i trasporti, l’alloggio e la qualità dell’aria […] significa che trasformare la salute pubblica richiede modi molto diversi di lavorare attraverso il governo. […] La salute non sarà più solo l’attività del DHSC [Dipartimento della salute e dell’assistenza sociale], ma una priorità fondamentale per l’intero governo. […] Consentiremo un’azione più congiunta e sostenuta da parte dei governi nazionali e locali e dei nostri partner.»

L’occupazione, i viaggi, l’istruzione, l’alloggio e persino l’aria che le persone respirano sono stati tutti trasformati in “priorità fondamentali per la salute pubblica”. L’intero governo darà priorità all’affrontare la sfida del comportamento di salute pubblica. Ogni aspetto della vita nel Regno Unito è ora diventato il business della UKHSA.

UKHSA afferma di possedere “sorveglianza sanitaria di livello mondiale, dati congiunti, scansione dell’orizzonte e sistemi di allarme rapido” che gli consentono di rilevare nuove malattie e rischi ambientali prima che emergano. Di conseguenza, UKHSA afferma il diritto di rispondere a “ritmo e scala” a “eventi di salute pubblica” che non esistono ancora.

Dice anche che ha la capacità apparentemente magica di:

«Mitigare le malattie infettive e altri rischi per la salute prima che si concretizzino, ad esempio attraverso la vaccinazione e influenzando il comportamento.»

Sotto l’occhio onniveggente dell’UKHSA, gli inglesi dovranno cambiare il loro comportamento, l’attività economica e la vita in base alla previsione dell’UKHSA di minacce che presumibilmente danneggeranno le persone se non faranno come comanda. Questo modello basato sull’SDG 3 è destinato a ripetersi in ogni nazione sviluppata.

La strategia HiAP di tutto il governo si basa sullo stesso ragionamento circolare comune a tutti gli SDG: dobbiamo finanziare misure per mitigare eventi fittizi che potrebbero essere negativi se mai dovessero accadere.

Non solo questo è genuinamente “orwelliano”, questa forma di estorsione è anche chiamata “racket di protezione”.

La struttura di comando UHC-G3P

Il settore privato ha il primato all’interno delle G3P. I governi e le organizzazioni intergovernative “abilitano” la loro attività indirizzando fondi pubblici per creare “spazio fiscale”.

L’UHC-G3P è guidato dai proprietari “benefici” del settore privato. Potremmo guardare a Blackrock o Vanguard, ad esempio, come rappresentanti degli investitori che trarranno i maggiori vantaggi dall’SDG 3.

A loro volta, le imprese di investimento globali dipendono dal flusso di capitali e questo è controllato da finanzieri internazionali. Questo alla fine si riduce al debito dovuto alle banche commerciali e centrali.

In definitiva, quindi, l’UHC-G3P è controllato dal settore bancario globale. Tuttavia, gli individui devono avere il potere di guidare il progetto SDG 3 nel migliore interesse del capitale.

Prima di tutto l’UHC-G3P è una rete globale. È anche una struttura gerarchica e compartimentata composta da molte organizzazioni diverse.

I membri del PAP raggiungono questo obiettivo promuovendo l’agenda UHC-G3P a “leader politici di alto livello” in tal modo “assicurando che il loro impegno si traduca in azione nei paesi”.

«La collaborazione tra le tre agenzie [OMS, Banca Mondiale, OCSE] farà leva sui rispettivi mandati, potere di convocazione, prospettive organizzative uniche e leadership strategica per accelerare i progressi verso l’UHC.»

Collettivamente, agendo su consiglio del Segretariato, il Comitato Direttivo e il PAP danno direzione al progetto UHC-G3P. Sono stati autorizzati dalle Nazioni Unite a detenere un’autorità centralizzata e globale sull’attuazione dell’SDG 3.

I singoli membri del comitato direttivo e del PAP hanno anche i propri collegamenti di rete con altre organizzazioni e gruppi. Attraverso questi individui affiliati e rappresentanti di alto livello, anche altre organizzazioni di stakeholder del settore privato possono esercitare influenza sull’UHC-G3P e sul raggiungimento dell’SDG 3.

I gestori dell’UHC-G3P

Come ogni grande organizzazione, gli esseri umani sono tenuti a gestirla. Quando guardiamo a chi è stata affidata la responsabilità di realizzare l’SDG 3, sorgono domande estremamente preoccupanti.

Il ruolo di entrambi questi membri del comitato direttivo del “settore privato” è quello di incoraggiare i governi a finanziare ambienti favorevoli da cui le rispettive società possano trarre profitto. Ancora una volta questo non è considerato un conflitto di interessi finanziari dalle Nazioni Unite mentre persegue le sue politiche “favorevoli alle imprese”.

«UCLG ritiene che lo sviluppo e il miglioramento delle condizioni di vita delle persone debbano essere intrapresi principalmente a livello locale. Ci sforziamo di raggiungere il decentramento come un modo per democratizzare la governance pubblica a tutti i livelli. […] Miriamo a garantire che i nostri valori siano condivisi tra i nostri membri. […] Le principali agende di sviluppo globale possono essere raggiunte solo se sono integrate in tutta la pianificazione, la definizione delle politiche e l’azione. Questo è ciò che chiamiamo localizzazione: il raggiungimento delle agende globali dal basso verso l’alto.»

Secondo l’UCLG, guidato dalla signora Saiz, “localizzazione” significa totale aderenza alle “agende globali”. La democrazia si ottiene attraverso il decentramento fintanto che tutti sono d’accordo con i “valori” globalisti dell’UCLG.

Il ruolo delle comunità locali, nel realizzare “agende di sviluppo globale”, si limita a concordare con loro con tutto il cuore. Oltre a ciò, sotto la leadership globale dell’UCLG, le comunità locali non hanno assolutamente voce in capitolo, né alcuna scelta.

L’UCLG è un esempio dell’inganno della società civile. Se non fossero così insidiosi e dannosi per la vita delle persone, questo tipo di organizzazione assurda sarebbe comica. Lo scopo è chiaramente quello di depotenziare le “comunità” locali e privare le persone dei loro diritti.

Rifiuta il metodo scientifico e immagina che esista la cosiddetta “scienza consolidata”. Nel maggio 2007, a Brundtland è stato chiesto cosa pensasse del dibattito sul clima. Commentando i rapporti sul clima offerti dalle Nazioni Unite e dal suo organismo intergovernativo sul clima, l’IPCC, ha detto ai giornalisti riuniti:

«Questa discussione è alle nostre spalle. È finita. La diagnosi è chiara, la scienza è inequivocabile – è completamente immorale, persino, mettere in discussione ora, sulla base di ciò che sappiamo, i rapporti che sono usciti, mettere in discussione la questione e chiedersi se abbiamo bisogno di andare avanti a un ritmo molto più forte come umanità per affrontare i problemi.»

Brundtland crede che i precetti fondamentali della scienza – osservazione, indagine e scetticismo – siano immorali. Come la sua collega Emilia Saiz, sostiene un sistema di controllo autoritario e dogmatico in cui le persone stanno zitte e fanno ciò che viene detto loro dai loro superiori.

Come negazionista della scienza, è probabile che gran parte del suo contributo fosse ideologico piuttosto che logico. Quello che divenne noto come il Rapporto Brundtland affermava:

«Uno sviluppo sostenibile può essere perseguito solo se le dimensioni e la crescita della popolazione sono in armonia con il mutevole potenziale produttivo dell’ecosistema. […] Bisogna fare scelte dolorose. Pertanto, in ultima analisi, lo sviluppo sostenibile deve basarsi sulla volontà politica. […] Il “problema della popolazione” deve essere affrontato in parte con sforzi per eliminare la povertà di massa, al fine di garantire un accesso più equo alle risorse. […] Sono necessarie misure urgenti per limitare i tassi estremi di crescita della popolazione. […] L’eccessiva crescita della popolazione diffonde i frutti dello sviluppo. […] Una riduzione degli attuali tassi di crescita è un imperativo per lo sviluppo sostenibile. Le criticità sono l’equilibrio tra dimensione della popolazione e risorse disponibili […] Una nazione procede verso gli obiettivi di sviluppo sostenibile e livelli di fertilità più bassi, i due sono intimamente legati e si rafforzano reciprocamente.»

L’impegno per la riduzione della popolazione è fondamentale per lo “sviluppo sostenibile”. Tutti devono capirlo. Sviluppo sostenibile significa ridurre il nostro numero.

Le “scelte dolorose” saranno dolorose solo per alcuni. La “volontà politica” di ridurre la popolazione sarà esercitata da coloro che definiscono “il problema della popolazione” come vogliono. Ci sono molti modi in cui la povertà di massa potrebbe essere “eliminata”.

L’UHC-G3P per l’SDG 3 è effettivamente guidato da persone che sono ideologicamente sposate all’idea di ridurre la popolazione globale e centralizzare la loro autorità globale su tutti.

Finora, il perseguimento della “copertura sanitaria universale” ha visto una serie di crisi di salute pubblica causate dall’uomo nei paesi in via di sviluppo e meccanismi autoritari per il controllo sociale implementati nelle economie sviluppate.

Ciò riflette le convinzioni e gli obiettivi della leadership UHC-G3P.

Non c’è motivo di credere che UHC2030 possa migliorare l’assistenza sanitaria e nessuna prova che suggerisca che sia anche l’intenzione.

Di conseguenza, le “popolazioni” dovrebbero rifiutare l’SDG 3 e coloro che cercano di applicarlo. Il principio di precauzione è la ragione principale per farlo.


I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore, se non di giorni.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

NON CI SONO COMPLOTTI

CI SONO PERSONE E FATTI

DOCUMENTATI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: