La nuova polizia del pensiero NewsGuard è di proprietà di Big Pharma

I media stanno usando una varietà di tattiche per limitare il tuo accesso alla verità da siti web come il mio, tra cui NewsGuard, un autoproclamato cane da guardia di Internet che vende un plug-in del browser per valutare i siti web in base a nove criteri di credibilità e trasparenza.


La storia in breve
  • NewsGuard è un autoproclamato cane da guardia di Internet che vende un plug-in del browser per valutare i siti Web in base a nove criteri di credibilità e trasparenza
  • NewsGuard ha ricevuto gran parte dei suoi fondi di avvio da Publicis Groupe, un gigantesco gruppo di comunicazioni globali
  • La filiale sanitaria di Publicis Groupe, Publicis Health, nomina come clienti Lilly, Abbot, Roche, Amgen, Genentech, Celgene, Gilead, Biogen, Astra Zeneca, Sanofi, Bayer e altri colossi di Big Pharma
  • Nell’ottobre 2018, GlaxoSmithKline ha inviato il suo account multimediale da 1,5 miliardi di dollari a Publicis
  • Nel gennaio 2020, GSK ha premiato Publicis Media con ancora più affari, cedendo gli ex marchi Pfizer Consumer Healthcare a Publicis, una mossa del valore stimato di $ 400 milioni
  • Sebbene gli avvertimenti di NewsGuard possano essere sufficienti per impedire a qualcuno di fare clic su questi collegamenti, credo che il vero intento sia quello di seppellire interamente questo contenuto dai risultati di ricerca e dai feed dei social media

I media stanno usando una varietà di tattiche per limitare il tuo accesso alla verità da siti web come il mio, tra cui NewsGuard, un autoproclamato cane da guardia di Internet che vende un plug-in del browser per valutare i siti web in base a nove criteri di credibilità e trasparenza. Prima di approfondire NewsGuard e il suo programma sottostante, è importante esaminare chi lo finanzia.

NewsGuard ha ricevuto gran parte dei suoi fondi di avvio da Publicis Groupe, un gigantesco gruppo di comunicazione globale con divisioni che si occupano di brand imaging, progettazione di piattaforme di business digitali, relazioni con i media e assistenza sanitaria.

La filiale sanitaria di Publicis Groupe, Publicis Health, nomina Lilly Abbot, Roche, Amgen, Genentech, Celgene, Gilead, Biogen, Astra Zeneca, Sanofi, Bayer e altri giganti di Big Pharma come clienti, il che ti dà un’idea di dove si trova la sua lealtà.

GlaxoSmithKline (GSK) ha anche premiato Publicis Media con un buon affare e il gruppo di comunicazione ha risposto creando una “piattaforma GSK” personalizzata per gestire il business dei media del gigante farmaceutico.

GSK aggiunge 400 milioni di dollari alla collaborazione di Publicis da 1,5 miliardi di dollari

Nell’ottobre 2018, a seguito di una revisione di cinque mesi, GSK ha inviato il suo account media da $ 1,5 miliardi a Publicis, che ha battuto altre agenzie di media in lizza per l’account, tra cui PHD di Omnicom e Gruppo M di WPP.1

Secondo FiercePharma, con la creazione del modello “platformGSK”, la partnership ha affidato a “Publicis Media la responsabilità di tutta la strategia e la pianificazione dei media offline e digitali a pagamento nelle Americhe, in Europa, Medio Oriente, Africa e Asia-Pacifico”. Negli Stati Uniti, ciò include il lavoro farmaceutico DTC [diretto al consumatore].2 Inoltre, il notiziario riportava:

«Laurent Ezekiel, client lead di Publicis Groupe, ha affermato che l’agenzia è “entusiasta di collaborare con loro per stabilire una relazione cliente-agenzia trasformativa che consentirà a GSK di realizzare la sua ambizione di diventare il miglior marketer basato sui dati del settore”3.»

Nel gennaio 2020, GSK ha premiato Publicis Media con ancora più affari, cedendo a Publicis gli ex marchi Pfizer Consumer Healthcare. La mossa è stata decisa senza una revisione e aggiungerà Advil, Centrum, Caltrate e altri marchi Pfizer alla piattaforma GSK, per un valore stimato di 400 milioni di dollari. GSK detiene una partecipazione del 68% nella joint venture.

“GSK ha già annunciato i suoi piani di scorporare la joint venture entro tre anni e inserirla come società autonoma nella borsa britannica come GSK Consumer Healthcare, lasciando che il colosso farmaceutico si concentri su medicinali e vaccini”, ha riferito FiercePharma.4

Nel frattempo, Publicis gestisce anche altri account media di Big Pharma, tra cui Novartis. Nell’agosto 2019, Publicis ha creato NovartisONE2 per gestire l’account media globale del colosso farmaceutico del valore di 600 milioni di dollari.5

Publicis finanzia NewsGuard

Mentre Publicis è stata impegnata a consolidare i suoi forti legami con Big Pharma, è stata anche l’investitore principale tra un gruppo di 18 che ha contribuito a rendere NewsGuard una realtà.

A marzo 2018, Steven Brill e Gordon Crovitz, gli “imprenditori dei media” dietro NewsGuard, avevano raccolto 6 milioni di dollari per lanciare la società, che doveva “affrontare la crisi delle notizie false assumendo dozzine di giornalisti qualificati come analisti per rivedere i 7.500 siti di notizie e informazioni più accessibili e condivisi negli Stati Uniti… Questi siti rappresentano il 98% degli articoli di notizie letti e condivisi in lingua inglese online negli Stati Uniti”.6

Una volta installato sul tuo browser, NewsGuard assegna ai siti una “Etichetta nutrizionale” con codice colore, classificandoli in verde o rosso in un processo che secondo loro sarebbe stato “completamente trasparente e responsabile”.7 Inizialmente lanciato negli Stati Uniti, NewsGuard si è espanso a livello internazionale, lanciandosi nel Regno Unito nel 2019 e ha valutato più di 200 siti web.

La startup ha creato polemiche nel gennaio 2019 dopo aver assegnato a Mail Online, il sito Web di notizie più letto nel Regno Unito, un voto negativo, affermando che non è riuscito a sostenere nemmeno gli standard di base di accuratezza o responsabilità.

Dopo il contraccolpo e le apparenti “discussioni” con un dirigente del Daily Mail, NewsGuard ha cambiato la valutazione in verde, affermando che il sito “generalmente mantiene gli standard di base di accuratezza e responsabilità” e ha affermato che si sbagliavano.8

È stata una prima indicazione di cosa può andare storto quando ti fidi di una startup in conflitto per dettare cosa è vero e cosa no. Nel gennaio 2020, NewsGuard ha annunciato che avrebbe adottato un servizio in abbonamento nel Regno Unito e inizierà a far pagare il servizio.9

Allo stesso tempo, NewsGuard ha emesso un avviso per gli abbonati negli Stati Uniti con un’offerta di iscrizione anticipata per $ 1,95 al mese per “aiutare a mantenere NewsGuard gratuito per le centinaia di biblioteche e scuole che utilizzano NewsGuard”.10

NewsGuard è l’ultimo “arbitro della verità” per ingannarti

In altre parole, NewsGuard si sta affermando come arbitro autoproclamato globale di quali informazioni siano “affidabili” – sulla base di nove fattori autodefiniti di “credibilità e trasparenza” – non solo per le informazioni visualizzate a pagamento su dispositivi elettronici privati, ma anche per informazioni accessibili gratuitamente nelle biblioteche pubbliche e nelle scuole.

I bibliotecari forniranno anche istruzioni agli utenti su come installare l’estensione NewsGuard sui loro personal computer, tablet e telefoni cellulari. Se installi il plug-in sul tuo computer o cellulare, visualizzerà la sua valutazione accanto a Google, Bing e altre ricerche Web, nonché sugli articoli visualizzati sui social media. Quali sono i nove criteri utilizzati da NewsGuard per “proteggerti” dalle fake news?11

Non pubblica ripetutamente contenuti falsi (22 punti)Raccoglie e presenta le informazioni in modo responsabile (18 punti)
Corregge o chiarisce regolarmente gli errori (12,5 punti)Gestisce responsabilmente la differenza tra notizie e opinioni (12,5 punti)
Evita titoli ingannevoli (10 punti)Il sito web rivela la proprietà e il finanziamento (7,5 punti)
Etichetta chiaramente la pubblicità (7,5 punti)Rivela chi è al comando, inclusi possibili conflitti di interesse (5 punti)
Il sito fornisce i nomi dei creatori di contenuti, insieme a informazioni di contatto o biografiche (5 punti)

Un punteggio inferiore a 60 punti ottiene una valutazione rossa, mentre punteggi più alti ottengono risultati più favorevoli, che ha lo scopo di fornire ai lettori un “segnale se un sito Web sta cercando di farlo bene o invece ha un’agenda nascosta o pubblica consapevolmente falsità o propaganda”.12

Queste icone hanno lo scopo di influenzare i lettori, istruendoli a ignorare i contenuti con colori e avvertenze cautelativi. Sebbene gli avvisi possano essere sufficienti per impedire a qualcuno di fare clic su questi collegamenti, credo che il vero intento sia quello di seppellire interamente questo contenuto dai risultati di ricerca e dai feed dei social media.

NewsGuard manca di trasparenza

È anche ironico che NewsGuard stia citando l’importanza della trasparenza nel verificare le testate giornalistiche online indipendenti e nel vagliare i media online per i conflitti di interesse. Ma chi verificherà la credibilità e la trasparenza dei verificatori, cioè NewsGuard?

Sul modulo D della Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti di NewsGuard, depositato il 5 marzo 2018, c’è un’opzione per divulgare l’entità delle sue entrate, ma quella casella era selezionata, “Rifiuta di divulgare”.13 Questo è lontano dalla trasparenza al 100% che si aspettano dagli altri.

NewsGuard rivendica anche un’esenzione dalla Regola 506 (b), che tra i suoi benefici consente di raccogliere una quantità illimitata di denaro da un numero illimitato di investitori accreditati.14 Nel fare qualche ricerca per conto nostro, sembra che NewsGuard sia sostenuta da società che sono attualmente coinvolte, o sono state in passato, nella pubblicità e nella commercializzazione di prodotti farmaceutici, sigarette e cibo spazzatura malsano per i bambini.

Come notato, Publicis, il principale investitore di NewsGuard, si è fatto un nome promuovendo e rafforzando le grandi industrie, incluso il tabacco. Ad esempio, Leo Burnett, la società pubblicitaria famosa per aver creato le campagne pubblicitarie uomo Marlboro che hanno reso Marlboro la sigaretta più venduta al mondo e ha portato alla dipendenza da nicotina di milioni di persone, molte delle quali sono morte a causa del fumo, fa anche parte di Publicis.

Dobbiamo credere che le preferenze di profitto di tali entità non avranno alcuna influenza sulle valutazioni di NewsGuard di individui, organizzazioni e aziende che criticano la sicurezza o l’efficacia di tali prodotti? Se questo conflitto di interessi e la mancanza di trasparenza ti riguardano, ti esorto a contattare NewsGuard ora e far sentire la tua voce. Clicca sul pulsante qui sotto per inviare un messaggio a NewsGuard oggi.

Nel complesso, sembra che NewsGuard sia solo un altro grande business volto a mantenere intatte le industrie chimiche, farmaceutiche e alimentari, così come i media mainstream, screditando ed eliminando la concorrenza indesiderata, che probabilmente include veramente il tuo e molti altri che ti danno potere con informazioni che ti aiutano a prendere il controllo della tua salute.

In debito con Big Industry attraverso i suoi finanziamenti, sembra che NewsGuard sia posizionato come un “eradicatore della concorrenza” che consentirà a Publicis e Big Industry di mantenere il loro regno indiscusso come plasmatori dell’opinione pubblica su questioni relative alla salute, tra cui la sicurezza di cibo, aria e acqua, dispositivi e prodotti medici, farmaci da prescrizione e vaccini, nonché politiche di salute pubblica che approvano l’uso di tali prodotti. Puoi leggere di più su questo piano a tutto tondo per censurare la verità dei media qui.

Guardare i “cani da guardia”

Alcune persone usano anche Snopes come fonte di riferimento per il controllo dei fatti online, credendo che dia l’ultima parola imparziale e credibile su tutte quelle storie ampiamente diffuse.

Tuttavia, Snopes si impegna in una massiccia censura della salute naturale e nella promozione generale dei punti di discussione del settore. Quello che è iniziato come uno strumento per indagare su leggende metropolitane, bufale e folklore si è manifestato in un’autoproclamata “risorsa definitiva di verifica dei fatti” che sta affrontando argomenti come se i vaccini possano o meno causare l’autismo.

Caso in questione: nel loro presunto fact-checking di un rapporto “Full Measure”15 della pluripremiata giornalista investigativa ed ex corrispondente della CBS Sharyl Attkisson,16 Snopes ha semplicemente vomitato propaganda, non fatti reali, nel tentativo di screditare il rapporto e il potenziale legame vaccini-autismo.

Alla fine, però, hanno finito per confermare il punto principale del rapporto di Attkisson. Per questo, Attkisson ha scritto: “Snopes ottiene una «F» per la propaganda prevedibile nel dibattito vaccino-autismo”.

È pericoloso fare affidamento su una fonte o un gruppo di individui come autorità sulla verità, poiché stabilisce la strada per l’inevitabile censura. Anche nelle migliori circostanze, ognuno è soggetto ai propri pregiudizi, ma nel caso di Snopes, è stato fondato su invenzioni fin dall’inizio.

Snopes è stato creato nel 1995 da Barbara e David Mikkelson, che si sono presentati come “The San Fernardo Valley Folklore Society” all’inizio per guadagnare credibilità. Tale società non esiste come entità legale, secondo un’indagine del Daily Mail17 – lo stesso Daily Mail che NewsGuard originariamente ha dato una classifica fallimentare, solo per poi invertirla.

Il settantatre percento ritiene che la proliferazione di “notizie false” su Internet sia un grosso problema e solo la metà si sente sicura che i lettori possano arrivare ai fatti ordinando i pregiudizi.18 E il fatto è che le notizie false sono un vero problema.

Ma è importante fare le proprie ricerche prima di credere anche a fonti “dai fatti verificate” come Snopes o “Internet Trust Tools” come NewsGuard, che sono di fatto supportate e supportate dai giganti del settore.


Disclaimer: il contenuto di questo articolo si basa sulle opinioni del Dr. Mercola, se non diversamente specificato. I singoli articoli si basano sulle opinioni del rispettivo autore, che conserva i diritti d’autore come contrassegnati. Le informazioni contenute in questo sito Web non intendono sostituire un rapporto individuale con un operatore sanitario qualificato e non istituire un consiglio medico. È inteso come una condivisione di conoscenze e informazioni provenienti dalla ricerca e dall’esperienza del Dr. Mercola e della sua comunità. Il Dr. Mercola ti incoraggia a prendere le tue decisioni sanitarie sulla base della tua ricerca e in collaborazione con un professionista qualificato sanitario. In caso di gravidanza, allattamento, assunzione di farmaci o condizioni mediche, consultare il proprio medico prima di utilizzare prodotti su questo contenuto.

I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore, se non di giorni.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

NON CI SONO COMPLOTTI

CI SONO PERSONE E FATTI

DOCUMENTATI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: