Emily Oster: Ucciderci dolcemente con una mente missionaria

Questa storia parla di un malessere secolare che ancora oggi ci sta uccidendo, sempre di più. Non sto parlando di un agente patogeno biologico. Sto parlando di ciò che l’intellettuale nativo Steven Newcomb chiama il Sistema di Dominazione, e io chiamo la Mente Missionaria.


La storia in breve
  • La forza trainante psicologica dietro i “grandi reset” del passato, così come l’orribile Grande Reset che stiamo affrontando oggi, è la mentalità basata sulla paura che cerca di schiacciare la vita e di dominare
  • Emily Oster, l’autrice dell’articolo dell’Atlantic che chiede “amnistia pandemica”, è una classica “mente missionaria” e allo stesso tempo una bambina molto distrutta.
  • Abbiamo a che fare con un mondo pieno di persone provenienti da generazioni di persone, traumatizzate dalla Macchina in modi diversi – e ci vuole amore e forza spirituale per camminare dritti e non essere “infettati” dalla paura.
  • La guerra alla natura, tanto ambiziosa quanto distruttiva, è una guerra che non possiamo vincere; tanto vale fermare la follia e tornare ad essere integri

«La mente che guarisce è nello stato dinamico di ottenere conoscenza e guida dai regni spirituale e fisico.

La mente che guarisce è una mente amorevole e aperta. La mente guaritrice è umile e ha fede nella saggezza a volte difficile da decifrare immediatamente dell’universo (Dio, il regno spirituale, la natura, il mistero della vita… tutti noi abbiamo le nostre parole per comunicare con il divino) ed è incentrato sull’aiutare l’altro a raggiungere il suo posto migliore, nel pieno rispetto del rapporto dell’altro con il mistero della vita e del suo libero arbitrio.

Poiché il guaritore ha fede nella saggezza dell’universo per sistemare le cose anche se sbagliamo, non impazzisce come un matto quando il “paziente” sceglie di fare forse cose “stupide”… il guaritore sa che tutti percorriamo il nostro misterioso percorso e anche le nostre scelte più stupide possono aiutarci a far crescere la nostra saggezza e la nostra spina dorsale spirituale.

E alla fine, in questo mondo o nell’altro, l’equilibrio viene ristabilito… Pertanto, la distinzione fondamentale tra la mente guaritrice e la mente missionaria è il rispetto per il diritto degli altri di scegliere qualunque cosa scelgano, che si basa sulla fede nel saggezza dell’universo e amore profondo e pacifico. (Sì, è molto più facile descriverlo che realizzarlo, ma comunque..)

La mente missionaria, d’altra parte, impazzisce molto! La mente del missionario è bloccata in uno stato un po’ statico. Una volta, il missionario ha forse capito “la verità”, e ora sente l’irresistibile bisogno di ficcare quella verità nella gola di tutti … o altro.

La mente missionaria è molto incline ad attribuire le proprie conclusioni sul mondo e su ciò che è meglio fare (non solo per lui, ma per tutti gli altri) a “Dio”, “scienza” e “bene pubblico”, e usa quella sensazione di avere il diritto divino di fare proselitismo per spingere, spingere, spingere.»

Sì, credo fermamente che la Mente Missionaria sia l’energia fondamentale che ha guidato molti devastanti “grandi reset” in passato e che sta guidando il Grande Reset di oggi. E che per resistere al Grande Reset, dobbiamo far morire di fame i tiranni esterni di quell’energia non producendola nelle nostre vite.

Il che non significa essere un pushover, significa solo essere imparziali e rispettosi del diritto di altre persone sincere di percorrere il loro mistero nei loro termini spirituali, senza denigrarli per le loro idee o, diciamo, le loro scelte riguardo al cosiddetto “vaccino”.

Il che ci porta a Emily Oster e alla sua “amnistia pandemica” – non che Emily stia guidando personalmente il Great Reset – ma l’attuale visione di Emily delle cose sembra aiutarla ad avere successo.

Emily Oster. Il bambino spezzato. Il Missionario

Dalla sua torre d’avorio – dove frequenta altre persone traballanti approvate dall’establishment che la pensano allo stesso modo – Emily chiede di perdonare le persone pulite con la mentalità dell’establishment come lei che non lo sapevano. Chiede di perdonare la gente pulita per aver fatto varie cose sciocche come terrorizzare i propri figli facendoli urlare: “Distanziamento sociale !!!” di fronte a una possibilità di contatto umano e traumatizzando i bambini precedentemente noti come resilienti forse per tutta la vita.

In particolare, nella sua richiesta di indulgenze patrizie, Emily non vuole ancora associarsi in alcun modo con l’orribile impuro. Lei non vuole avere niente a che fare con i parassiti che le persone con la mentalità dell’establishment come lei avevano gettato sotto l’autobus – e poi ha applaudito con entusiasmo l’autista dell’autobus mentre andava avanti e indietro un paio di volte sui loro corpi urlanti, appiattendo i loro corpi e le loro opinioni indegne, “sbagliate” e “pericolose”, vecchie normali e tutto il resto.

Ai miei sensi, Emily è un classico caso di sviluppo emotivo arrestato, una bambina distrutta che cresce fino a diventare un adulto pericoloso: una serva manageriale della Macchina dalle guance gonfie, una missionaria di “successo” dalla mentalità ristretta con un’ascia che va in giro e elimina tutto ciò che non è conforme all’algoritmo – sinceramente, anche se aiuta il fatto che eliminare i dissidenti sia anche molto positivo per la sua (sì, un gioco di parole) posizione di missionaria.

Immagino che se la CNN glielo dicesse domani e poi continuasse a dirglielo per un anno – nello stesso modo normale e ipnotico – che Fauci è un criminale e che dovrebbe ascoltare i “no-vax” perché loro sono i nuovi profeti – probabilmente cambierebbe la sua melodia in un batter d’occhio. Questo è il problema con i wobblyfolk – un grande entusiasmo per essere dominanti all’interno dei parametri stabiliti – ma nessuna spina dorsale emotiva e nessuna idea originale!!!

Alla fine, sono sia indignata che arrabbiata che persone come Emily siano ancora al comando – con l’aiuto della Macchina – e si sentano davvero male per lei, una bambina distrutta. Vorrei parlare con lei. Discuterei di lei con il cuore. Sono qui. Vorrà parlare?

Sanità pubblica, una crociata moderna

Mi chiedo se la banale corruzione e l’insensibile avidità – di cui indubbiamente non sono mai mancate in nessun momento – sarebbero state altrettanto fruttuose se non fossero cadute sui fertili terreni del possesso ideologico di Missionary Mind e di una forte fede nell’infallibilità delle proprie convinzioni.

Dopotutto, se si accetta a livello emotivo profondo che siamo in guerra con la natura, che possiamo vincere questa guerra, e che la malattia infettiva è il nemico n° 1 da sradicare – invece di decidere forse di riflettere su cosa ci aveva iniziato in questa folle crociata e dove avevamo sbagliato – alzare la posta ha senso. Un po’, in un modo contorto che si concentra su una cosa: “Ecco un nemico. Spara!!!”

Cospirazioni, moralità della mafia e amnistia

Sull’autore:


I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore, se non di giorni.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

NON CI SONO COMPLOTTI

CI SONO PERSONE E FATTI

DOCUMENTATI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: