Caccia agli storni: come i maestri curano le greggi

Le informazioni curate, anticipate rispetto ad altre informazioni sui feed di notizie delle persone, possono influenzare notevolmente il comportamento della folla. È una forma di ingegneria sociale


La storia in breve
  • Il comportamento umano sui social media è simile a quello degli storni in un mormorio. Masse di persone reagiscono a uno stimolo, come un post sui social media, apparentemente come un’unità coesa senza un leader designato e, di conseguenza, qualcosa diventa “virale”
  • Sembra essere un evento spontaneo che nessuno può controllare, ma in realtà non lo è. Le informazioni curate, anticipate rispetto ad altre informazioni sui feed di notizie delle persone, possono influenzare notevolmente il comportamento della folla. È una forma di ingegneria sociale
  • Questo tipo di ingegneria sociale ha uno svantaggio. Gli incentivi finanziari hanno spinto le società di social media a promuovere qualsiasi contenuto con un elevato coinvolgimento. Coloro che cercano di censurare certi tipi di informazioni ora faticano a determinare come convincere Big Tech a cambiare il loro design sottostante
  • La Cybersecurity Infrastructure Security Agency (CISA) del Department of Homeland Security è il coordinatore chiave della censura governativa illegale. La sua direttiva originale era quella di difendere gli Stati Uniti dalle minacce alla sicurezza informatica straniere. Ora, l’obiettivo principale del CISA sono le minacce interne, vale a dire gli americani che sfidano la narrativa del governo
  • CISA lavora con un collettivo chiamato Election Integrity Partnership (EIP), che si occupa della censura vera e propria. L’EIP è composto da quattro gruppi di monitoraggio dei social media: Stanford Internet Observatory, Washington University’s Center for an Informed Public, Digital Forensic Research Lab dell’Atlantic Council e Graphika

In un recente saggio,1 Renée DiResta, che ricerca “sistemi informativi patologici”2 e “la diffusione di narrazioni maligne” presso lo Stanford Internet Observatory,3 ha esaminato il comportamento della folla online in risposta a informazioni curate. La metafora che usa è quella di uno stormo di storni, in cui migliaia di uccelli volano in quella che sembra essere una danza incredibilmente coordinata nota come mormorio. Come spiegato da DiResta:4

«In un mormorio, ogni uccello vede, in media, i sette uccelli più vicini e regola il proprio comportamento in risposta. Se i suoi vicini più vicini si spostano a sinistra, l’uccello di solito si sposta a sinistra. Se si muovono a destra, l’uccello di solito si muove a destra.

L’uccello non conosce la destinazione finale dello stormo e non può apportare cambiamenti radicali all’insieme. Ma ognuna di queste piccole alterazioni di questi uccelli, quando si verifica in rapida sequenza, sposta il corso dell’insieme, creando schemi ipnotizzanti…

È una logica che emerge da – è un’incarnazione di – la rete… lo stimolo – o l’informazione – passa da un organismo all’altro attraverso questa catena di connessioni…

I biologi computazionali e gli informatici che li studiano descrivono ciò che sta accadendo come “la rapida trasmissione della risposta comportamentale locale ai vicini”. Ogni animale è un nodo in un sistema di influenza, con la capacità di influenzare il comportamento dei suoi vicini.

Gli scienziati chiamano questo processo, in cui gruppi di organismi disparati si muovono come un’unità coesa, comportamento collettivo. Il comportamento deriva dalla relazione delle singole entità tra loro, ma solo allargando l’apertura oltre gli individui vediamo la totalità della dinamica.»

Stai rispondendo ad un’esca preparata?

Secondo ricercatori come DiResta, il comportamento umano sui social media è sorprendentemente simile. Masse di persone reagiscono a uno stimolo, come un post sui social media, apparentemente come un’unità coesa senza un leader designato e, di conseguenza, qualcosa diventa “virale”.

Sembra essere un evento spontaneo che nessuno può controllare. Ma lo è? A quanto pare, le informazioni curate che vengono anticipate rispetto ad altre informazioni sui feed di notizie delle persone possono influenzare notevolmente il comportamento della folla.

DiResta si riferisce ad esso come “spintoni” o “esche”. Le informazioni curate che vengono spinte nella nostra vista finiscono per influenzare ciò che pensiamo e facciamo, influenzando così ciò che diventa virale e ciò che non lo fa. È una forma incredibilmente sottile di influenza. Al suo interno, è l’ingegneria sociale al suo meglio.

C’è una spinta (informazioni curate messe in primo piano nei feed delle persone), gli individui reagiscono e improvvisamente, in massa, un gran numero di persone si muove in aggregato, creando una tendenza. Fondamentalmente, l’ingegneria sociale e la modifica del comportamento funzionano indirizzando la nostra attenzione verso un obiettivo specifico.

Camere dell’eco e tendenze dirette

Nel suo saggio, DiResta descrive anche come le piattaforme online hanno ampliato i social network degli individui utilizzando algoritmi, collegando persone con interessi simili. Inizialmente, questo è stato fatto per scopi commerciali, ma oltre ad abbinare gli inserzionisti ai mercati appropriati, ha anche avuto conseguenze indesiderate. I social network hanno la tendenza a diventare camere dell’eco, rendendo più probabili le “mormorazioni online”. DiResta continua:5

«Dopo le spinte per riunirsi in greggi arrivano le spinte per impegnarsi … I Trending Topics di Twitter, ad esempio, mostreranno una ‘tendenza’ nascente a qualcuno incline ad essere interessato, a volte anche se la presunta tendenza è, al momento, più di un rivolo – meno di, diciamo, 2.000 tweet.

Ma quell’atto, spingendo qualcosa nel campo visivo dell’utente, ha delle conseguenze: la funzione Trending Topics non solo fa emergere le tendenze, ma le modella.

La provocazione va a un piccolo sottoinsieme di persone inclini a partecipare. L’utente che riceve la spinta fa clic, forse pubblica la propria presa – aumentando il conteggio dei post, segnalando all’algoritmo che l’esca è stata presa e aumentando il profilo dell’argomento per i loro follower.

Il loro post è ora curato nei feed dei loro amici; sono uno dei sette uccelli che i loro seguaci vedono. Frenesie ricorrenti prendono forma tra greggi particolari… Anche se pochissime persone al di fuori della comunità hanno idea che sia successo qualcosa.

Marx è di tendenza per te, #ReopenSchools per me #transwomenaremen per il set Libs Of TikTok. La provocazione viene consegnata, alcuni altri uccelli reagiscono a ciò che è improvvisamente nel loro campo visivo e il gregge segue…

Spesso usiamo la frase “è diventato virale” per descrivere le nostre mormorazioni online. È una frase ingannevole che elimina il come e quindi assolve i partecipanti da ogni responsabilità. Una voce non si diffonde semplicemente, si diffonde perché noi la diffondiamo, anche se il sistema è progettato per facilitare la cattura dell’attenzione e incoraggiare tale diffusione.»

Le società di social media sono in una cattura-22

Mentre avere qualcosa che diventa virale può essere utile per una determinata causa, può anche essere disastroso se e quando le persone reagiscono a qualcosa che non capiscono appieno. La cura di individui che la pensano allo stesso modo in rete ha anche lo svantaggio di limitare i punti di vista opposti, che potrebbero creare un migliore equilibrio, dall’entrare in quella rete.

Molti oggi insistono sul fatto che la risposta alla “disinformazione” che diventa virale è la cura dei contenuti, la moderazione e la censura. Ma questo è mettere il carro davanti ai buoi, dal momento che è il design degli algoritmi sui social media che crea queste reti e mormorii online in primo luogo.

Le società di social media traggono profitto aumentando il coinvolgimento, quindi incoraggiano l’espansione dei social network con idee simili e spingono le reti in risposte di massa. Un elevato coinvolgimento significa maggiore esposizione per gli inserzionisti e quindi maggiori entrate pubblicitarie per la società di social media.

Secondo DiResta, una soluzione migliore sarebbe quella di “andare oltre il pensare alle politiche di moderazione dei contenuti della piattaforma come “la soluzione” e dare priorità al ripensamento del design”.

«Ad esempio, Twitter potrebbe scegliere di eliminare completamente la sua funzione di tendenza, o in determinate aree geografiche durante momenti sensibili come le elezioni – potrebbe, come minimo, limitare gli spintoni a far emergere tendenze reali su larga scala o regionali, non semplicemente ragebait su piccola scala.

Instagram potrebbe mettere in atto un numero massimo di follower… Questi sono indipendenti dalla sostanza e non reattivi… Potremmo rivalutare il modo in cui le piattaforme collegano i loro utenti o come i fattori che determinano quali raccomandatori di piattaforme e algoritmi di cura spingono nel campo visivo…

Ciò potrebbe potenzialmente avere un impatto molto maggiore rispetto alla lotta sulla moderazione dei contenuti come percorso verso la costruzione di un ecosistema informativo più sano6.»

Chi è Renée DiResta?

Qui, cambierò un po’ rotta e vi chiederò di considerare il saggio di DiResta nel contesto di ciò di cui sta realmente parlando, che è l’ingegneria sociale attraverso forme migliori e più appetibili di censura. Se non hai colto quell’angolazione, è in parte a causa delle sezioni che ho scelto di citare, ma è anche perché probabilmente non sai chi è DiResta.

Mentre il suo saggio sembra ben ragionato, i lettori farebbero bene a considerare per chi lavora, chi è nella sua rete e perché potrebbe proporre ciò che sta proponendo.

Secondo DiResta, gli algoritmi dei social media hanno creato un panorama in cui la “disinformazione” fiorisce e si diffonde a macchia d’olio. Peggio ancora, è un paesaggio in cui i pensatori sbagliati finiscono per formare legami duraturi – e si uniscono ad altri pensatori sbagliati per formare gruppi molto più grandi che si sostengono a vicenda.

«Le reti progettate anni fa – quando i motori di raccomandazione amorali suggerivano, ad esempio, che gli attivisti anti-vaccino avrebbero potuto unirsi alle comunità QAnon – hanno creato legami reali, scrive7.»

Oltre ai suggerimenti citati sopra, suggerisce anche un’altra opzione: “Un esodo di massa dall’attuale ecosistema verso qualcosa di completamente nuovo … il metaverso, forse”.

Ho già scritto in precedenza su come la cabala globalista dietro The Great Reset intenda guidarci verso l’identità digitale, un punteggio di credito sociale, gemelli digitali e una realtà sempre più virtuale. Quindi, in realtà punta la mano quando suggerisce una migrazione di massa nel metaverso, perché è lì che la cabala globalista alla fine ci vuole.

Un propagandista del Nuovo Ordine Mondiale

Quindi, chi è DiResta? È responsabile della ricerca per lo Stanford Internet Observatory, fondato nel giugno 2019 per promuovere politiche di censura di Internet e condurre il monitoraggio della narrativa dei social media in tempo reale. È Mozilla Fellow in Media, Misinformation and Trust, consulente del Congresso e del Dipartimento di Stato e membro del Council on Foreign Relations (CFR).8

Il CFR è finanziato in parte dalle fondazioni Gates,9 Rockefeller, Ford e Carnegie,10 e ha influenzato la politica estera degli Stati Uniti sin dal suo inizio 95 anni fa. Quasi tutti i segretari della difesa degli Stati Uniti sono stati membri a vita, così come la maggior parte dei direttori della CIA. Questo è di cruciale importanza, considerando che l’obiettivo del CFR, fin dall’inizio, è stato quello di realizzare un governo mondiale totalitario, un Nuovo Ordine Mondiale (NWO) con un dominio globale dall’alto verso il basso.

L’obiettivo del CFR è sommergere la sovranità degli Stati Uniti e l’indipendenza nazionale in un onnipotente governo mondiale … Questa brama di rinunciare alla sovranità e all’indipendenza degli Stati Uniti è pervasiva in gran parte dei suoi membri. Nell’intero lessico del CFR, non esiste un termine di repulsione che abbia un significato così profondo come America First.

~ Membro del CFR Ammiraglio Chester Ward, 1975

Nel 1950, il figlio di uno dei fondatori del CFR, James Warburg, disse al Comitato per le Relazioni Estere del Senato: “Avremo un governo mondiale, che vi piaccia o no, per conquista o consenso”.11 Allo stesso modo, nel 1975 l’ammiraglio Chester Ward, insider del CFR, scrisse che l’obiettivo del CFR era “sommergere la sovranità degli Stati Uniti e l’indipendenza nazionale in un onnipotente governo mondiale”.12

Secondo Ward, il desiderio di “cedere la sovranità e l’indipendenza degli Stati Uniti è pervasivo in gran parte dei suoi membri” e “in tutto il lessico del CFR, non esiste un termine di repulsione che abbia un significato così profondo come America First”.

Con l’ultimo commento di Ward in mente, pubblicato nel 1975, è interessante riflettere su chi si è opposto all’agenda America First del presidente Trump e perché. Molti americani, anche se non amano o non sostengono Trump personalmente, concordano sul fatto che prendersi cura prima dell’America e degli interessi degli americani è una decisione razionale per qualsiasi leadership, e hanno avuto difficoltà a razionalizzare come una politica anti-America First possa essere buona per la nazione.

Bene, Ward ci dà la risposta. Coloro che si oppongono alle politiche dell’America First lo fanno perché stanno lavorando per conto di una rete che cerca di eliminare il nazionalismo a favore di un governo mondiale.

DiResta è un membro del CFR e uno “specialista della disinformazione”. Come tale, il suo saggio diventa un interessante esempio di sottile propaganda del NWO. Mentre alcuni dei suoi suggerimenti sembrano avere effetti benefici, ciò che manca è una discussione su come una riprogettazione degli algoritmi sulle piattaforme di social media possa censurare le persone e le opinioni in modo ancora più efficiente.

Sei il nemico designato nella terza guerra mondiale

Cos’altro sappiamo di DiResta? Bene, sappiamo che fa parte della Commissione The Lancet sul rifiuto, l’accettazione e la domanda di vaccini. Alla fine del 2021, è stata coautrice di un articolo13 su The Lancet, insieme a Chelsea Clinton e al dottor Peter Hotez, tra gli altri, in cui discutono dell’impatto della disinformazione sui vaccini sull’assorbimento del vaccino COVID.

In tal modo, presentano ciò che chiamano in The Lancet “una strategia coordinata e basata sull’evidenza di educazione, comunicazione e intervento comportamentale che probabilmente migliorerà il successo dei programmi di vaccino COVID-19 negli Stati Uniti”.

Ha anche un ruolo fondamentale nella mossa del Dipartimento della Sicurezza Nazionale (DHS) di istituire un ufficio di censura nazionale. Nel novembre 2022, la Foundation for Freedom Online ha pubblicato un ampio articolo14 che descrive in dettaglio questa transizione e i principali attori coinvolti. Come spiegato da Foundation for Freedom Online:15

«Questa storia ha due lati istituzionali principali: il governo all’interno del DHS e il lato non governativo costituito da una rete di partner del settore privato e della società civile che la pensano allo stesso modo. Insieme, questa rete forma la rete di censura pubblico-privata del DHS…»

Dal lato governativo, la Cybersecurity Infrastructure Security Agency (CISA), un sottodipartimento del DHS, è il coordinatore chiave. Quando è stata fondata nel 2018, la sua direttiva era quella di difendere gli Stati Uniti dalle minacce alla sicurezza informatica straniere come gli hacker russi e la propaganda straniera.

Da allora, e soprattutto negli ultimi tre anni, la CISA si è trasformata in un’entità governativa focalizzata quasi esclusivamente sulle minacce interne, cioè sugli americani che sfidano la narrativa del governo – una narrazione che, ancora una volta, è a favore di un governo mondiale e fermamente contro il nazionalismo americano.

Dal lato non governativo, un collettivo chiamato Election Integrity Partnership (EIP) è l’hub principale. L’EIP è composto da quattro gruppi di monitoraggio dei social media: Stanford Internet Observatory, Center for an Informed Public della Washington University, Digital Forensic Research Lab dell’Atlantic Council e Graphika.

DiResta è direttamente collegata alla direzione della censura della CISA attraverso lo Stanford Internet Observatory – dove è un alto luogotenente e dirige la ricerca sulla disinformazione e le narrazioni dannose – che fa parte dell’EIP. Ha anche tenuto una serie di conferenze ai vertici sulla disinformazione della CISA.16,17 Ma c’è di più. Foundation for Freedom Online scrive:18

«Il ruolo di primo piano che Renée DiResta svolge in EIP – un consorzio di censura di Internet partner del governo – è particolarmente preoccupante e inquietante. Prima che DiResta diventasse responsabile della ricerca presso il laboratorio di disinformazione di Stanford, era direttrice di ricerca per una società di ascia politica ormai famigerata, piena di scandali e caduta in disgrazia nota come New Knowledge LLC.

Nel dicembre 2018, il New York Times ha rivelato che la piccola società di sicurezza informatica finanziata dai donatori democratici di DiResta, New Knowledge, aveva creato clandestinamente migliaia di falsi “bot russi” (account utente generati con una rete privata virtuale (VPN) per simulare un indirizzo IP russo) su Twitter e Facebook, quindi ha sottoscritto in massa quei falsi “bot russi” alla campagna del candidato repubblicano al Senato dell’opposizione Roy Moore.

DiResta ha fatto questo – o almeno la piccola azienda in cui era direttore lo ha fatto – nel pieno delle elezioni speciali dell’Alabama del novembre 2017, che hanno sostanzialmente deciso il controllo del partito sul Senato degli Stati Uniti. Fu una gara in cui Moore perse di poco, e per la cui perdita New Knowledge – nel suo stesso rapporto – si prese il merito.

All’epoca, le notizie mainstream pensavano sinceramente che Roy Moore fosse sostenuto dai russi. Ma è stata solo la società di disinformazione professionale di DiResta a interferire nelle elezioni.»

La censura per garantire un governo mondiale unico

Foundation for Freedom Online continua:19

«Un filo conduttore che collega queste quattro entità è che ciascuno dei loro direttori è stato coinvolto in affermazioni aggressive (non comprovate) da gennaio 2017 fino all’inizio del 2020 secondo cui l’interferenza russa aveva aiutato Donald Trump a vincere le elezioni del 2016 utilizzando bot non autentici e account troll sui social media…

Ciascuna delle quattro entità che compongono EIP è anche profondamente connessa all’establishment militare e di politica estera degli Stati Uniti. È molto utile comprendere a fondo la rete e le operazioni dell’EIP, perché è stato attraverso l’EIP che il DHS ha costruito l’infrastruttura per il suo attuale ruolo di coordinatore governativo delle rimozioni e della limitazione dei discorsi dei cittadini statunitensi online.»

Per avere una migliore comprensione di questa rete di censura, si prega di fare riferimento all’articolo originale, in quanto ho solo spazio per fornire un riassunto generale qui. In poche parole, l’EIP è stato creato dal DHS/CISA come un modo per il governo di aggirare la legge e proteggere la sua censura illegale del pubblico americano dietro la patina di società private e organizzazioni non governative.

In un’intervista al Consiglio Atlantico, il leader dell’EIP, Alex Stamos (ex capo della sicurezza di Facebook), ammette che la partnership DHS-EIP è stata istituita per esternalizzare la censura che il governo non poteva fare a causa della “mancanza di autorizzazione legale”.20

Coordinano la rimozione di contenuti indesiderati utilizzando un’app di chat in tempo reale condivisa da DHS, EIP e società di social media. Piattaforme specifiche, come Facebook e Twitter, hanno anche i propri portali speciali in cui i funzionari governativi possono indicare i contenuti che desiderano rimuovere.21

Il PEI interferisce nelle elezioni e controlla le narrazioni COVID

Il PEI ha iniziato a intraprendere un’azione notevole per controllare l’esito delle elezioni presidenziali del 2020, ma il controllo delle elezioni è lungi dall’essere il suo unico obiettivo. Con l’emergere di COVID-19, la censura si è rapidamente trasformata in tutto ciò che riguarda COVID. Foundation for Freedom Online spiega:22

«… dopo le elezioni del 2020, EIP ha cambiato nome e si è rinominata come entità denominata “Virality Project” (VP). VP ha fatto esattamente lo stesso lavoro di censura del governo, tranne censurare COVID-19 invece di censurare le elezioni…

VP ha finito per censurare, con i suoi partner governativi, 66 narrazioni uniche sui social media che sono diventate virali online riguardanti COVID durante l’anno solare 2021. Non 66 post, 66 intere narrazioni. Ciò ha avuto l’effetto di avere un impatto su milioni di post e potenzialmente alterare l’intera traiettoria politica della risposta della cittadinanza americana alla pandemia di COVID.»

Comprendere il campo di battaglia dell’informazione

Sulla base di ciò che sappiamo di DiResta, possiamo ora iniziare a vedere come il suo saggio di Starling sia un’esposizione su a) il ruolo di ingegneria sociale di Big Tech nel passato, b) l’inconveniente delle motivazioni finanziarie di Big Tech quando si tratta di censurare le contronarrazioni del NWO e c) come la cabala del NWO vuole che Big Tech cambi metodi in futuro per limitare la portata di contenuti indesiderati. Sarebbe opportuno prenderne atto.

Gran parte della guerra di propaganda coinvolge persone e organizzazioni che dicono di essere una cosa ma fanno l’esatto contrario. Ad esempio, DiResta è il capo della politica di Data for Democracy,23 mentre allo stesso tempo partecipa a un complotto per aggirare direttamente il processo elettorale democratico.

L’idea che il governo faccia la guerra ai propri cittadini sembra completamente irrazionale e inspiegabile – fino a quando non ci si rende conto che il CFR ha controllato le relazioni estere degli Stati Uniti per quasi un secolo, e il suo obiettivo principale è sempre stato quello di minare la sovranità degli Stati Uniti e favorire la creazione di un governo mondiale.

Oggi c’è una vasta rete di individui e organizzazioni che lavorano insieme per raggiungere questo obiettivo, tra cui una lunga lista di funzionari governativi. Prima che qualcosa possa cambiare, il pubblico deve capire il campo di battaglia e di cosa tratta realmente la battaglia.

La battaglia, in realtà, riguarda la resa degli Stati Uniti a un governo mondiale e, in modo tortuoso, il saggio di DiResta – con il suo background esposto – ci aiuta a capire come viene combattuta la guerra. Hanno sempre un obiettivo e un piano per arrivarci. Quindi, modellano le narrazioni necessarie per attuare quel piano.

Ora che l’obiettivo finale finale è chiaro – l’istituzione di un governo mondiale – diventa molto più facile determinare come una data narrazione viene utilizzata per promuovere quell’obiettivo. Mentre andiamo avanti, il maggior numero possibile deve diventare abile nell’identificare come le diverse narrazioni vengono utilizzate per curare il gregge e far muovere le persone nella direzione desiderata.


Disclaimer: il contenuto di questo articolo si basa sulle opinioni del Dr. Mercola, se non diversamente specificato. I singoli articoli si basano sulle opinioni del rispettivo autore, che conserva i diritti d’autore come contrassegnati. Le informazioni contenute in questo sito Web non intendono sostituire un rapporto individuale con un operatore sanitario qualificato e non istituire un consiglio medico. È inteso come una condivisione di conoscenze e informazioni provenienti dalla ricerca e dall’esperienza del Dr. Mercola e della sua comunità. Il Dr. Mercola ti incoraggia a prendere le tue decisioni sanitarie sulla base della tua ricerca e in collaborazione con un professionista qualificato sanitario. In caso di gravidanza, allattamento, assunzione di farmaci o condizioni mediche, consultare il proprio medico prima di utilizzare prodotti su questo contenuto.

I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore, se non di giorni.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

NON CI SONO COMPLOTTI

CI SONO PERSONE E FATTI

DOCUMENTATI

Una opinione su "Caccia agli storni: come i maestri curano le greggi"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: