CINA: Il Primo “Technate” al Mondo – Parte 1

«Il totalitarismo è una forma di governo che tenta di affermare il controllo totale sulla vita dei suoi cittadini. È caratterizzato da una forte regola centrale che tenta di controllare e dirigere tutti gli aspetti della vita individuale attraverso la coercizione e la repressione. Non consente la libertà individuale. Le istituzioni e le organizzazioni sociali tradizionali sono scoraggiate e soppresse, rendendo le persone più disposte a fondersi in un unico movimento unificato. Gli stati totalitari in genere perseguono un obiettivo speciale escludendo tutti gli altri, con tutte le risorse dirette verso il suo raggiungimento, indipendentemente dal costo.»

Quell’obiettivo “speciale” è lo sviluppo sostenibile e nessun costo, né finanziario né umanitario, è troppo grande per affrontare la presunta “crisi climatica”. In realtà, il cambiamento climatico è semplicemente la scusa per lo sviluppo sostenibile ed è attraverso l’impegno politico globale per gli “Obiettivi di sviluppo sostenibile” (SDG) che la tecnocrazia viene installata.

Una società tecnocratica è chiamata Technate e il primo Technate al mondo è emerso in Cina. In questa esplorazione in due parti vedremo come è stato costruito questo sistema, chi c’era dietro di esso e perché la tecnocrazia viene ora imposta a tutti noi.

Governance tecnocratica globale

Nel corso del 20° e 21° secolo la rete G3P ha cercato di costruire una governance globale. A sua volta, la governance globale consente la distribuzione mondiale della tecnocrazia che i governi poi convertono in impegni politici nazionali. Molte componenti della governance tecnocratica globale sono già state stabilite.

Gli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) sono controllati centralmente attraverso la governance globale, principalmente dai programmi di sviluppo e ambiente delle Nazioni Unite (UNDP e UNEP). Il necessario consenso scientifico globale sui cambiamenti climatici è amministrato centralmente e gli appropriati flussi di finanziamento della ricerca assegnati dal Gruppo intergovernativo delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (IPCC).

Spesso definita come l’élite, una descrizione più appropriata è “la classe dei parassiti”.

Tecnocrazia

Questo è stato un periodo segnato dall’attivismo politico della classe media statunitense che ha cercato principalmente di affrontare i problemi sociali di fondo, come li vedevano, dell’eccessiva industrializzazione, dell’immigrazione e della corruzione politica. Il cosiddetto “taylorismo”, fissato con l’imminente esaurimento delle risorse naturali e che sosteneva efficienti “sistemi di gestione scientifica”, era nello spirito del tempo.

Taylor ha scritto:

«In passato l’uomo è stato il primo; in futuro il sistema dovrà essere il primo. […] La migliore gestione è una vera scienza, basata su leggi, regole e principi chiaramente definiti. […] I principi fondamentali della gestione scientifica sono applicabili a tutti i tipi di attività umane, dai nostri atti individuali più semplici al lavoro delle nostre grandi corporazioni.»

Il taylorismo sosteneva riforme dell’efficienza guidate dalla scienza in tutta la società. Un sistema efficiente non dovrebbe essere gestito da politici o leader religiosi, ma da ‘esperti’, come ingegneri, scienziati, esperti di logistica, economisti e altri accademici. L’attenzione dovrebbe sempre essere rivolta all’efficienza sistemica e all’uso corretto delle risorse preziose, compresa la manodopera.

Thorsten Veblan

Così come potevano ottimizzare e controllare la popolazione umana, così potevano impiegare gli esperti giusti per rendere più efficienti i sistemi socioeconomici e industriali. Potrebbero promuovere questo come se fosse per “il bene pubblico” mentre allo stesso tempo consolidavano il proprio potere e raccoglievano un maggiore raccolto finanziario da una società industrializzata più efficiente.

Sia Taylor che Veblan erano concentrati sul miglioramento dell’efficienza dei processi industriali e produttivi. Tuttavia, hanno anche riconosciuto che le loro teorie potrebbero essere estese al contesto sociale più ampio. Era l’applicazione più espansiva delle loro idee che ingannava la classe dei parassiti.

Veblan ha notoriamente parlato di “consumo cospicuo” per descrivere come i ricchi mostrassero la loro posizione sociale attraverso la loro capacità di impegnarsi in attività e acquistare oggetti che erano essenzialmente senza scopo e dispendiosi. Questo “cospicuo tempo libero” e “consumo” si riversava a cascata attraverso la struttura di classe, mentre coloro che aspiravano a segnalare il proprio status emulavano i ricchi.

Ha sostenuto che questo è stato un importante fattore che ha contribuito allo spreco di risorse inaccettabile e all’inefficienza. La società dei consumi, in ultima analisi, ha prodotto più beni e servizi di quanti ne avesse bisogno semplicemente per soddisfare la domanda artificiale creata, a suo avviso, per una domanda sociale evitabile e non necessaria.

Veblan era fortemente contrario a questo uso inefficiente delle risorse che ha attribuito alle “classi imprenditoriali” ed ai finanzieri. Apprezzava il loro contributo all’era industriale, ma sentiva che non erano più in grado di gestire la moderna società industriale.

Ha chiesto un’analisi approfondita delle istituzioni che hanno mantenuto la stabilità sociale. Una volta compreso, ha affermato, coloro che hanno competenze tecnologiche dovrebbero riformare le istituzioni e quindi progettare la società e migliorare l’efficienza. Veblan ha definito questi agenti del cambiamento sociale un “soviet di tecnici”.

Howard Scott

Il coinvolgimento di Veblan con l’Alleanza tecnica è stato relativamente breve e alcuni hanno suggerito che il suo contributo alla tecnocrazia fosse minimo, accreditando Scott come la grande mente dietro di essa. Indipendentemente dall’entità del coinvolgimento personale di Veblan nel movimento, le sue teorie socioeconomiche permeano la tecnocrazia.

Nel 1933 la Technical Alliance si riformò dopo una pausa forzata, provocata dall’esposizione di Scott come truffatore: falsificò le sue credenziali di ingegnere. Il gruppo si ribattezzò Technocracy inc.

Hubbert ha scritto:

«La tecnocrazia ritiene che la produzione e la distribuzione di un’abbondanza di ricchezza fisica su scala continentale per l’uso di tutti i cittadini continentali possa essere realizzata solo da un controllo tecnologico continentale, una governance della funzione, un Technate.»

Il Technate, una società tecnocratica inizialmente concepita per comprendere il continente nordamericano, sarebbe amministrato da un corpo di pianificazione centrale formato da scienziati, ingegneri e altri tecnocrati adeguatamente qualificati. La tecnocrazia richiederebbe un nuovo sistema monetario basato su un calcolo del consumo energetico totale del Technate. Alle persone verrebbe assegnata una quota uguale dei corrispondenti “certificati energetici” (come forma di valuta) denominati in unità di energia (Joule):

«[I] redditi sono concessi al pubblico sotto forma di certificati energetici. […] Sono rilasciati individualmente a ogni adulto dell’intera popolazione. […] La registrazione del proprio reddito e del suo tasso di spesa è tenuta dalla sequenza di distribuzione, [il libro mastro previsto delle transazioni]. […] in modo che sia semplice in qualsiasi momento per la sequenza di distribuzione accertare lo stato del saldo di un cliente sconosciuto. […] I Certificati Energetici contengono anche le seguenti ulteriori informazioni sulla persona a cui sono stati rilasciati: se non ha ancora iniziato il periodo di servizio, sta prestando servizio o è pensionato [dove il servizio al Technate è ricompensato con i Certificati Energetici] […] sesso, […] l’area geografica in cui risiede, e […] il posto in cui lavora.»

È stato previsto un nuovo sistema di prezzi con tutte le merci e le merci prezzate in base al costo energetico della loro produzione. Gli acquisti effettuati con i “certificati energetici” verrebbero poi segnalati all’apposito ufficio del Comitato centrale tecnocratico di pianificazione. Le transazioni verrebbero catalogate e analizzate, consentendo ai pianificatori centrali di calcolare con precisione il bilancio energetico mobile, tra produzione e consumo di energia, per l’intero Technate.

Affinché questo sistema funzioni, tutta la spesa energetica del consumatore (comprese tutte le transazioni giornaliere) dovrebbe essere registrata in tempo reale; l’inventario nazionale della produzione e del consumo netti di energia dovrebbe essere costantemente aggiornato, 24 ore su 24; un registro di ogni merce e prodotto dovrebbe essere mantenuto scrupolosamente, con ogni individuo che viveva nel Technate assegnato un conto energetico personale. Questo verrebbe aggiornato per registrare il loro consumo di energia e il bilancio energetico netto personale.

Hubbert e Scott hanno chiarito che, affinché la tecnocrazia funzioni, sarebbe necessaria una rete di sorveglianza energetica onnipervasiva. Tutti i cittadini sarebbero identificati individualmente sulla rete e ogni aspetto della loro vita quotidiana monitorato e controllato dai pianificatori centrali tecnocratici.

La tecnocrazia è una forma totalitaria di governo autoritario centralizzato basato sulla sorveglianza che abolisce la sovranità nazionale e i partiti politici. Libertà e diritti sono sostituiti dal dovere di agire nell’interesse di un bene comune, come definito dai tecnocrati. Tutte le decisioni sulla produzione, l’allocazione delle risorse, tutta l’innovazione tecnologica e l’attività economica sono controllate da una tecnocrazia di esperti (il “soviet dei tecnici” di Veblan).

«La scienza dell’ingegneria sociale, il funzionamento scientifico dell’intero meccanismo sociale per produrre e distribuire beni e servizi all’intera popolazione.»

Per la classe dei parassiti e per i loro partner interessati G3P, la tecnocrazia era un’idea irresistibile. La tecnocrazia consente potenzialmente l’ingegneria precisa della società attraverso il controllo delle risorse e dell’energia attraverso il meccanismo di un sistema economico e monetario collegato, pianificato e monitorato centralmente.

Il corso di studio Technocracy inc afferma:

«Il significato di ciò, dal punto di vista della conoscenza di ciò che sta accadendo nel sistema sociale, e del controllo sociale, può essere meglio apprezzato quando si osserva l’intero sistema in prospettiva. In primo luogo, un’unica organizzazione presidia e gestisce l’intero meccanismo sociale. Questa stessa organizzazione non solo produce ma distribuisce tutti i beni e servizi. Quindi esiste un sistema uniforme di tenuta dei registri per l’intera operazione sociale, e tutti i registri di produzione e distribuzione sono riconducibili a un quartier generale centrale.»

Per controllare tutto ciò che la classe dei parassiti dovrebbe fare è sussurrare all’orecchio di alcuni tecnocrati scelti a mano. Non ci sarebbe più bisogno di corrompere i politici o orchestrare crisi internazionali. Mentre negli anni ’30 il Technate era una proposta impraticabile, era ancora qualcosa a cui ispirare il G3P e un obiettivo su cui lavorare.

Scott parlando a Technocracy inc. Rally

L’opportunità tecnocratica

Zbigniew Brzezinski (28 marzo 1928-26 maggio 2017)

Between Two Ages è un’analisi geopolitica e un insieme pratico di raccomandazioni politiche nate dalla visione di Brzezinski secondo cui la tecnologia digitale trasformerebbe la società, la cultura, la politica e l’equilibrio globale del potere politico. Ci fornisce anche una visione chiara della mentalità della classe dei parassiti.

Brzezinski non ha fatto riferimento direttamente alla tecnocrazia, forse diffidente nei confronti della sua reputazione piuttosto imprecisa dopo la disgrazia di Scott. Tuttavia, l’ha descritta in dettaglio in tutto il libro:

«L’adattamento tecnologico comporterebbe la trasformazione del partito dogmatico burocratico in un partito di tecnocrati. L’enfasi primaria sarebbe sulla competenza scientifica, l’efficienza e la disciplina. […] il partito sarebbe composto da esperti scientifici, formati nelle ultime tecniche, in grado di fare affidamento sulla cibernetica e sui computer per il controllo sociale.»

Brzezinski ha scritto:

«La società postindustriale sta diventando una società “tecnotronica”: una società modellata culturalmente, psicologicamente, socialmente ed economicamente dall’impatto della tecnologia e dell’elettronica, in particolare nell’area dei computer e delle comunicazioni.»

Ha poi continuato descrivendo come pensava sarebbe stata la vita nell’era tecnotronica per gli uomini, le donne e le loro famiglie comuni. Ha predetto come il controllo politico e industriale sarebbe stato sostituito da meccanismi di controllo psicologico, come il culto della personalità, guidandoci verso il cambiamento del comportamento. Le nostre vite sarebbero gestite attraverso la potenza di calcolo e, nel linguaggio di oggi, guidate dalla scienza:

«Sia la crescente capacità di calcolo istantaneo delle interazioni più complesse sia la crescente disponibilità di mezzi biochimici di controllo umano aumentano la portata potenziale della direzione scelta consapevolmente. […] Le masse sono organizzate nella società industriale da sindacati e partiti politici e unificate da programmi relativamente semplici e in qualche modo ideologici. […] Nella società tecnotronica la tendenza sembra essere quella di aggregare il sostegno individuale di milioni di cittadini disorganizzati, facilmente alla portata di personalità magnetiche e attraenti, e di sfruttare efficacemente le ultime tecniche di comunicazione per manipolare le emozioni e controllare la ragione.»

Ha anche spiegato come la tecnologia consentirebbe un’ampia modifica del comportamento e la manipolazione della popolazione. Ha previsto (suggerito) come questo potrebbe essere utilizzato come arma:

«Potrebbe essere possibile – e allettante – sfruttare a fini politici strategici i frutti della ricerca sul cervello e sul comportamento umano. […] si potrebbe sviluppare un sistema che danneggerebbe seriamente le prestazioni cerebrali di popolazioni molto numerose in regioni selezionate per un periodo prolungato.»

Zbigniew Brzezinski ha scritto con entusiasmo, attraverso un sottile velo di cautela, su come una “élite scientifica globale” potrebbe non solo usare la propaganda estrema e onnipervasiva, la manipolazione economica e politica per determinare la direzione della società, ma potrebbe anche sfruttare la tecnologia e la sienza comportamentale per alterare geneticamente e fare il lavaggio del cervello alla popolazione.

Descrivendo la forma di questa società e il potenziale per il controllo tecnocratico, ha scritto:

«Una tale società sarebbe dominata da un’élite la cui pretesa di potere politico si baserebbe su un presunto know-how scientifico superiore. Non ostacolata dai vincoli dei tradizionali valori liberali, questa élite non esiterebbe a raggiungere i propri fini politici utilizzando le ultime tecniche moderne per influenzare il comportamento pubblico e mantenere la società sotto stretta sorveglianza e controllo.»

Ha affermato che “l’era tecnotronica” che ha descritto era inevitabile. Pertanto ha affermato che il futuro degli Stati Uniti (e del pianeta) deve essere pianificato centralmente. Questi pianificatori alla fine avrebbero sostituito “l’avvocato come legislatore e manipolatore sociale chiave”.

Come è spesso la scusa, avvertendo che altri – intendeva l’Unione Sovietica – non avrebbero esitato a intraprendere questo oscuro percorso di ingegneria sociale, ciò ha quindi reso necessario l’urgente bisogno che gli strateghi geopolitici statunitensi sviluppassero prima questa rete di pianificatori (tecnocrazia). Ciò verrebbe fatto fondendo il governo con il mondo accademico e le società private (il G3P).

Ha affermato che i partiti politici sarebbero diventati sempre più irrilevanti, sostituiti da strutture regionali che perseguono “interessi urbani, professionali e di altro tipo”. Questi potrebbero essere usati per “fornire il fulcro dell’azione politica”. Comprendeva il potenziale di questo sistema amministrativo localizzato e tecnocratico:

«Nell’era tecnotronica la maggiore disponibilità di mezzi permette di definire fini più raggiungibili, rendendo così meno dottrinario e più efficace il rapporto tra “ciò che è” e “ciò che dovrebbe essere”.»

Ha anche suggerito una ridefinizione della libertà. La libertà verrebbe raggiunta attraverso un impegno pubblico pianificato a livello centrale per l’uguaglianza sociale ed economica. Il “bene pubblico” così definito dai tecnocrati.

«Il potenziale positivo della terza rivoluzione americana risiede nella sua promessa di collegare la libertà con l’uguaglianza.»

Brzezinski riconobbe che sarebbe stato impossibile imporre direttamente un governo mondiale. Piuttosto dovrebbe essere gradualmente costruito attraverso un sistema di governance globale composto da trattati, accordi bilaterali e organizzazioni intergovernative:

«Sebbene l’obiettivo di formare una comunità delle nazioni sviluppate sia meno ambizioso dell’obiettivo del governo mondiale, è più raggiungibile. […] Essa [governo globale] tenta di creare un nuovo quadro per gli affari internazionali non sfruttando queste divisioni [tra stati-nazione] ma piuttosto sforzandosi di preservare e creare aperture per la riconciliazione.»

«In Cina il conflitto sino-sovietico ha già accelerato l’inevitabile sinificazione del comunismo cinese. Quel conflitto ha infranto la prospettiva universale della rivoluzione e, cosa forse ancora più importante, ha separato la modernizzazione cinese dal suo impegno per il modello sovietico. Quindi, qualunque cosa accada nel breve periodo, negli anni a venire lo sviluppo cinese probabilmente condividerà sempre più l’esperienza di altre nazioni nel processo di modernizzazione. Ciò potrebbe sia indebolire la tenacia ideologica del regime sia portare a sperimentazioni più eclettiche nel plasmare la strada cinese verso la modernità.»

Costruire il Technate in Cina

Il “grande balzo in avanti” di Mao Zedong vide 40 milioni di persone brutalizzate e morte di fame in soli tre orribili anni (1959-1961). Gli apologeti sostengono che questo è stato tutto un terribile errore, ma non è stato niente del genere.

Nella certezza che le scorte di cibo si stavano esaurendo, nel 1958 Mao disse “distribuire equamente le risorse rovinerà solo il Grande Balzo in avanti” e più tardi nello stesso anno:

«Quando non c’è abbastanza da mangiare, la gente muore di fame. È meglio lasciare morire metà delle persone in modo che gli altri possano mangiare a sazietà.»

Nel suo zelo di creare un’utopia comunista, Mao presiedette un sistema che sequestrava cibo a milioni di persone affamate e lo esportava per finanziare le sue riforme politiche e la determinazione a industrializzare rapidamente l’economia. Non è stato un errore o una sfortunata svista. Mentre molti erano così terrorizzati da presentare falsi rapporti di eccedenze che non esistevano, è chiaro che la leadership della Repubblica popolare cinese (RPC) sapeva esattamente quali fossero i costi umani. A loro semplicemente non importava.

La visione di Mao e Rockefeller del Grande Balzo in Avanti

E nemmeno David Rockefeller, come dimostra il suo editoriale del 1973 per il New York Times. Lui e la sua delegazione dell’impero bancario del Chase Group avevano visitato la Cina maoista. Nel suo resoconto del viaggio, Rockefeller liquidò l’omicidio di massa di milioni di persone come “cosa qualunque”. Era il prodotto del genocidio a cui Rockefeller era interessato:

«Si rimane immediatamente colpiti dal senso di armonia nazionale. […] C’è una dedizione molto reale e pervasiva al presidente Mao e ai principi maoisti. Qualunque sia il prezzo della rivoluzione cinese, essa è ovviamente riuscita, non solo a produrre un’amministrazione più efficiente, ma anche a promuoverla. […] una comunità di intenti.»

Il trilateralista Rockefeller poteva vedere l’opportunità che la dittatura cinese offriva alla classe dei parassiti. In pieno accordo con Brzezinski, scrisse:

«Troppo spesso il vero significato e il potenziale delle nostre nuove relazioni con la Cina sono stati oscurati. […] In realtà, naturalmente, stiamo vivendo un fenomeno molto più fondamentale. […] I cinesi, da parte loro, si trovano di fronte a un cambiamento di un focus principalmente verso l’interno. […] Noi, da parte nostra, ci rendiamo conto di aver ampiamente ignorato un paese con un quarto della popolazione mondiale.»

Il “noi” a cui Rockefeller si riferiva non eravamo noi. Intendeva il G3P e i suoi compagni “capitalisti stakeholder” e trilateralisti.

L’ordine totalitario in Cina lo impressionò come sperava. Non è stato il primo trilateralista a vedere le possibilità tecnocratiche in Cina. La vastità del mercato era una prospettiva allettante e la promessa della “Technotronic Age” ha aumentato il vero potenziale per costruire il primo Technate al mondo.

Scontando completamente la spaventosa perdita di vite umane, Rockefeller scrisse:

«L’esperimento sociale in Cina sotto la guida del presidente Mao è uno dei più importanti e di successo nella storia umana. Quanto ampiamente la Cina si apre e come il mondo reagisce all’innovazione sociale. […] è certo di avere un profondo impatto sul futuro di molte nazioni.»

Il grande balzo in avanti

Il compito del G3P era quello di aprire il mercato cinese sostenendo al contempo il regime totalitario in corso. La Cina avrebbe bisogno di aiuto per il suo sviluppo economico e supporto tecnico per costruire l’infrastruttura tecnologica necessaria per far funzionare la tecnocrazia. Questo processo era già iniziato, ma con Rockefeller, Brzezinski, Kissinger e altri impegnati nella causa, l’obiettivo di costruire un Technate era saldamente nel mirino della Commissione Trilaterale.

«Garantire alla Cina condizioni favorevoli nelle relazioni economiche è sicuramente nell’interesse politico dell’Occidente.. sembra che esistano modi sufficienti per aiutare la Cina in forme accettabili con tecnologia civile avanzata.»

Nello stesso documento i Trilateralisti hanno annunciato di non essere del tutto contrari ad aiutare la Cina a modernizzare la loro capacità militare, anche se hanno sottolineato che ciò dovrebbe avvenire solo per scopi difensivi.

Hanno accettato che una Cina moderna e militarizzata potesse passare all’espansionismo e cercare di riconquistare il territorio che storicamente rivendicava come proprio, in particolare Taiwan. Hanno giudicato che questo era un rischio ragionevole da correre.

Stavano giocando il grande gioco. Le vite umane non erano di alcuna preoccupazione.

Nella Parte 2 vedremo come hanno iniziato a costruire il primo Technate al mondo in Cina.


I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore, se non di giorni.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

NON CI SONO COMPLOTTI

CI SONO PERSONE E FATTI

DOCUMENTATI

Una opinione su "CINA: Il Primo “Technate” al Mondo – Parte 1"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: