CINA: Il Primo “Technate” al Mondo – Parte 2

La tecnocrazia era radicata nelle teorie socioeconomiche che si concentravano sulla gestione efficiente della società da parte di esperti (tecnocrati). Questa idea ha brevemente attirato l’attenzione del pubblico durante un periodo di recessione prolungata, disoccupazione di massa e crescente povertà.

Le capacità tecnologiche richieste per la rete di sorveglianza energetica, essenziali per il funzionamento di una Technate (una società tecnocratica), erano ben oltre la portata pratica dell’America del 1930. Di conseguenza, per questa e altre ragioni, l’interesse pubblico per l’idea apparentemente assurda della tecnocrazia si placò presto.

Tuttavia, negli ultimi decenni, molti influenti strateghi politici – in particolare Zbigniew Brzezinski e Henry Kissinger – e fondazioni filantropiche private, come la Fondazione Rockefeller, hanno riconosciuto che i progressi nella tecnologia digitale alla fine avrebbero reso fattibile un Technate. Come membri fondatori e di spicco della Commissione Trilaterale, un “think tank” politico, hanno visto la Cina come un potenziale banco di prova per la tecnocrazia.

Prenderemo ora in considerazione i loro sforzi per creare la prima Technate al mondo in Cina.

Perché la Cina?

In Occidente abbiamo spesso difficoltà a comprendere o persino a concettualizzare i costumi cinesi. Tendiamo a vedere il mondo nei nostri termini e siamo in grado di descriverlo solo in riferimento ai principi e ai concetti filosofici con cui abbiamo familiarità. Forse dimentichiamo che la prospettiva occidentale non è l’unica al mondo.

«Quando la Grande Via fu praticata, il mondo fu condiviso da tutti allo stesso modo. I degni e i capaci venivano promossi a cariche e gli uomini praticavano la buona fede e vivevano nell’affetto. Perciò non consideravano come genitori solo i propri genitori, o come figli solo i propri figli.»

I “Riti” (o “li”) sono l’etichetta formale e la condotta comportamentale che sono alla base dell’ordine sociale cinese. Li comprende anche la cerimonia e i rituali che rafforzano gli standard normativi.

Datong, che può essere tradotto come “la Grande Unità”, rappresenta la filosofia politica e morale centrale della società ideale cinese. Nel datong, tutti rispettano “il li” e sono imbevuti della virtù confuciana di “ren”. Questo amore e benevolenza (ren) è fondato sull’empatia umana. Si manifesta dapprima all’interno della famiglia, ma si estende a tutta la società.

Datong implica una società in cui i più capaci e virtuosi guidano, con il ren al primo posto nei loro cuori e nelle loro menti. Tutte le risorse sono condivise equamente per il bene comune. Nel capitolo di Liyun, l’espressione “il mondo è condiviso da tutti allo stesso modo” è scritta come “tianxia weigong”. Questo può essere tradotto come “tutto sotto il Cielo è tenuto in comune” o “tutto sotto il Cielo è tenuto pubblicamente”.

Non c’è posto per la proprietà privata a Datong, perché le comunità soddisfano i bisogni di tutti. Non vi è conflitto di interessi. La Grande Via è quella dell’“Armonia Universale”.

Il passaggio di apertura del capitolo di Liyun descriveva anche lo xiaokang, la “prosperità minore”, in cui la società manteneva ancora li e ren ma differiva dal datong in un aspetto importante:

«Il mondo è possesso di famiglie private. Ognuno considera come genitori solo i propri genitori, come figli solo i propri figli; i beni e il lavoro sono impiegati per fini egoistici.»

Mentre datong descrive un mondo in cui le risorse sono “condivise da tutti allo stesso modo”, in xiaokang le risorse sono in “possesso di famiglie private”. Xiaokang non era visto come opposto al datong ma piuttosto sulla via verso di esso, perché li e ren erano ancora osservati. Ma c’è un avvertimento nel capitolo di Liyun che la proprietà privata e il controllo delle risorse da parte di interessi privati presentano un rischio:

«Perciò nascono intrighi e complotti e gli uomini prendono le armi.»

Kang Youwei

Kang notò che ren era applicabile non solo all’umanità ma all’universo e a tutto ciò che lo abitava, e lo chiamò “jen”. Jen ha dato origine, ha detto, alla creazione e all’instaurazione dell’ordine universale. Pertanto, l’ordine dovrebbe essere basato sullo stesso principio della “mente compassionevole”.

Ha attinto al lavoro dello studioso confuciano He Xiu, la cui teoria della storia Gongyang descriveva lo sviluppo sociopolitico come un percorso costituito da fasi incrementali e progressive. Kang si basò sul lavoro di Gongyang per tracciare un percorso verso la Grande Unità.

In sostanza, Kang ha suggerito che la società potrebbe essere decodificata per raggiungere il datong in futuro. Ha identificato “nove confini” della sofferenza umana che dovevano essere decostruiti per raggiungere il datong. Ha detto che il datong potrebbe essere raggiunto una volta che gli stati-nazione, la classe sociale, il razzismo, il sessismo, le famiglie, la proprietà privata, l’ingiustizia, la distruzione ambientale e la povertà (il risultato della disuguaglianza sociale e dell’oppressione) fossero stati aboliti.

“Saggi” o “persone di jen” sarebbero stati necessari per guidare, sosteneva Kang. Riconobbe che i saggi dovevano operare nelle circostanze sociali, economiche e politiche del loro tempo e che le leggi e le istituzioni risultanti potevano essere oppressive e causare sofferenza. Pertanto, l’obiettivo della “persona di jen” (saggio) dovrebbe essere quello di riformare le leggi e le organizzazioni dello stato al fine di sradicare i nove confini della sofferenza.

Pertanto, con l’abolizione dello stato nazionale, il percorso proposto da Kang verso la Grande Via si estendeva ben oltre la Cina. Favoriva una società globale in cui un governo mondiale avrebbe governato su un pianeta diviso in distretti regionali.

In questa società globale, non ci sarebbe alcuna proprietà di classe o privata, e tutti si sforzerebbero di offrire il bene comune e beneficiare tutti. In particolare, tutte le risorse sarebbero impiegate per il beneficio e la felicità di tutti. Le istituzioni pubbliche, non le famiglie, crescerebbero i figli. E i bambini sarebbero stati addestrati a diventare cittadini che avrebbero fornito servizi gratuiti, come l’assistenza sanitaria e l’istruzione, per tutti.

L’unica distinzione tra le persone sarebbero i distintivi d’onore indossati da coloro che si ritiene abbiano una grande conoscenza, cioè i saggi. In definitiva, una volta che il datong esiste, ci sarebbe completa armonia con la natura, il che a sua volta significherebbe che tutti gli esseri umani sono vegetariani e che l’eutanasia sarebbe praticata con ren, per il bene comune.

Visto dalla prospettiva filosofica cinese, il meglio che chiunque può sperare oggi è xiaokang. Quindi, i saggi xiaokang devono essere liberi di riformare le istituzioni dello stato sulla via verso la rimozione dei nove confini, il raggiungimento del datong e la guida della Grande Via.

Ci sono molti parallelismi tra questo percorso e la teoria socioeconomica alla base della tecnocrazia. Per coloro che desideravano stabilire una tecnologia globale, la Cina era una scelta naturale per il loro progetto pilota.

Technocracy inc.

Comprendere la tecnocrazia

Come discusso in precedenza, una tecnocrazia è una “governance della funzione”. L’obiettivo generale è quello di gestire l’intera società nel modo più efficiente possibile. Il corso di studio Technocracy Inc. afferma:

«L’unità di base di questa organizzazione è la sequenza funzionale. Una sequenza funzionale è una delle più grandi unità industriali o sociali, le cui varie parti sono correlate l’una all’altra in una sequenza funzionale diretta. Così tra le principali sequenze industriali abbiamo i trasporti (ferrovie, vie navigabili, vie aeree, autostrade e tubazioni); comunicazione (posta, telefono, telegrafo, radio e televisione); agricoltura (allevamento, allevamento, produzione lattiero-casearia, ecc.); e le principali unità industriali come il tessile, il ferro e l’acciaio, ecc. Tra le sequenze di servizio ci sono l’istruzione (che abbraccerebbe la formazione completa delle giovani generazioni) e la salute pubblica (medicina, odontoiatria, igiene pubblica e tutti gli ospedali e gli impianti farmaceutici, nonché le istituzioni per i difettosi).»

Ogni “sequenza funzionale” è supervisionata da una direzione. Ad esempio, la Sequenza di Distribuzione raccoglie tutti i dati raccolti dai “Certificati Energetici”, che vengono assegnati ai cittadini per essere scambiati con beni e servizi. Il “Sistema dei prezzi” è abolito. Non c’è proprietà privata. L’intero Technate è controllato da un unico corpo: Continental Control.

Come i “saggi” di Kang, e in un modo simile alla guida della popolazione verso la Grande Via, una tecnocrazia crea una rigida struttura gerarchica per garantire che tutti lavorino per il bene comune. Nel linguaggio della tecnocrazia, il cittadino contribuisce alla funzione di servizio appropriata.

In effetti, questo crea una struttura sociopolitica piramidale:

«Il personale di tutte le Sequenze Funzionali sarà piramide sulla base delle capacità al capo di ciascun dipartimento all’interno della Sequenza, e lo stato maggiore generale risultante di ciascuna Sequenza farà parte del Controllo Continentale. Un governo di funzioni! Il direttore continentale, come suggerisce il nome, è l’amministratore delegato dell’intero meccanismo sociale. Nel suo staff immediato ci sono i direttori delle forze armate, delle relazioni estere, della ricerca continentale, delle relazioni sociali e del controllo di area. […] Il Direttore Continentale è scelto tra i membri del Controllo Continentale dal Controllo Continentale. Dato che questo controllo è composto solo da circa 100 membri, che si conoscono tutti bene, non c’è nessuno più adatto di loro a fare questa scelta.»

La classe è abolita nella tecnocrazia. L’assistenza all’infanzia è fornita dal Technate. Piuttosto che avere “grande ren”, si dice che lo stato maggiore del Technate possieda “diritti di becco”. Cioè, sono i più adatti per essere in cima alla piramide perché una “governance della funzione” funziona in modo più efficiente quando “l’uomo giusto è nel posto giusto” per servire il bene comune.

Come le idee presentate in “Datong shu”, l’intenzione della tecnocrazia è essenzialmente altruistica. Il piccolo gruppo di ingegneri, economisti, sociologi e altri accademici riuniti dai Rockefeller e Howard Scott voleva costruire una società che avrebbe consegnato “vite di abbondanza” a tutti.

Bisogna ammettere che il corso di studio Technocracy Inc. ha fatto alcune critiche valide su una serie di problemi sociali. Sfortunatamente, la soluzione offerta da un Technate è sia arrogante che ingenua.

Assume, proprio come fa la nozione di una Grande Via, che l’autorità possa essere esercitata da alcuni esseri umani su altri esseri umani per il bene comune. Inoltre, immagina che ci sia qualche meccanismo sociale o politico che può produrre leader onniscienti e capaci di definire cosa sia quel “bene comune”.

Sia il datong che la tecnocrazia richiederebbero che la natura umana subisca una trasformazione fondamentale. L’avarizia, la malevolenza, il narcisismo, la psicopatia e ogni altro fallimento deleterio dovrebbero essere cancellati dall’umanità. Fino a quando non lo saranno, il potere continuerà ad essere ricercato da coloro che vogliono controllare gli altri. I più spietati tra noi alla fine avranno successo, spesso non perché sono i più adatti, ma perché sono pronti a fare ciò che gli altri non vogliono per ottenere il potere che bramano. Questa situazione persisterà fino a quando crediamo che qualcuno o qualche organizzazione debba avere autorità assoluta sulle nostre vite per poter cooperare efficacemente.

Technate: governance of function

Infiltrarsi in Cina

«Le corporazioni, le cui operazioni si estendono attraverso molte nazioni [,] […] attraverso le quali viene svolta una parte considerevole ed essenziale delle attività economiche mondiali, devono essere in grado di comporre le diversità, regolare i conflitti di interesse e adattare le loro operazioni alle esigenze del paese in cui operano. In tal modo rappresentano un ulteriore esempio di soluzioni multinazionali a problemi comuni.»

Gli autori di questi rapporti considerano la finanza privata essenziale non solo per lo sviluppo dei mercati internazionali, ma anche per guidare lo sviluppo sociale e politico della nazione destinataria:

«Una rapida crescita economica può essere raggiunta solo se il risparmio locale e gli investimenti pubblici esteri sono integrati da un crescente afflusso di investimenti privati esteri. Tale investimento svolge due funzioni chiave: si aggiunge alle risorse di capitale della nazione ospitante ed è il principale meccanismo attraverso il quale le competenze manageriali e tecniche e la qualità creativa e catalitica possono contribuire allo sviluppo economico nelle aree meno sviluppate. […] Anche il capitale filantropico privato può svolgere un ruolo importante nello sviluppo economico.»

Tuttavia, ci sono numerose indicazioni che gli strateghi della politica estera di Rockefeller erano disposti a suggerire diplomaticamente alternative:

«Il modello americano di impresa privata e associazione volontaria non è l’unico stampo per una società libera.»

È chiaro che questi strateghi hanno cercato sia di sfruttare le differenze tra gli stati-nazione per il loro potenziale di sviluppo sia di amplificare l’importanza delle questioni globali come mezzo per unire le nazioni, indipendentemente dal loro modello di governo, sotto un sistema di governance globale. Hanno considerato lo sviluppo scientifico e tecnologico un modo per fare proprio questo:

«Nel campo della scienza, la cooperazione internazionale su scala mondiale è più facilmente realizzabile. […] Gli Stati Uniti dovrebbero, quindi, cercare di sviluppare una serie di accordi, guardando alla stimolazione dello scambio scientifico e alla promozione del progresso scientifico su scala mondiale. […] Le nazioni comuniste dovrebbero essere invitate a partecipare.»

I gruppi, che formarono effettivamente un think tank temporaneo finanziato da Rockefeller, non si opponevano al colonialismo per motivi morali, ma ne evidenziarono i difetti tattici. Inerente alla loro critica del colonialismo c’era il riconoscimento che i presunti valori democratici non hanno nulla a che fare con la geopolitica a muso duro o con ambizioni di politica estera espansiva:

«Mentre il colonialismo ha richiesto un tributo umano e politico, ha anche rappresentato una delle più grandi conversioni della storia. Man mano che gli ideali delle rivoluzioni britannica, francese e americana si diffondevano, in parte attraverso la diffusione stessa del colonialismo, venivano gettati i semi per la distruzione del colonialismo stesso. Più riuscivano gli insegnamenti delle potenze coloniali, più insostenibile cresceva la loro posizione. Quasi senza eccezioni, i leader dei movimenti indipendentisti hanno combattuto i loro governanti in termini di credenze dei governanti. Hanno chiesto loro di vivere all’altezza dei propri principi.»

È sicuro dire che i Rockefeller erano ben informati ed entusiasti sostenitori del governo cinese. Non sorprende che fossero anche sostenitori ben informati ed entusiasti del movimento tecnocratico negli Stati Uniti, mantenendo il loro vivo interesse per esso nonostante la sua mancanza di sostegno pubblico. Hanno compreso il potenziale dell’ingegneria sociale per creare una governance della funzione (un Technate):

«I cambiamenti nella tecnologia sono sempre stati una delle principali cause di cambiamento nel governo, nelle relazioni economiche e nelle istituzioni sociali. Ma l’innovazione tecnologica non è più opera di inventori isolati e geniali; è il prodotto di un’impresa scientifica organizzata ed è costante, insistente e in accelerazione. Uno dei suoi effetti notevoli è sul ritmo del cambiamento sociale stesso, che è enormemente più veloce di quanto non sia stato, e che sottopone ogni abitante di una società tecnologica alle sue pressioni. L’innovazione tecnologica pone quindi una serie di questioni con cui la nostra società dovrà fare i conti. […] La crescita della società tecnologica ha cambiato la società tradizionale in cui gli uomini hanno goduto della libertà. Le organizzazioni grandi e complesse sono diventate all’ordine del giorno. […] I programmi per la conservazione e il rafforzamento della libertà individuale devono presupporre l’esistenza e l’inevitabilità di tali organizzazioni.»

I Rockefeller avevano un apprezzamento sfumato del potenziale dello sviluppo tecnologico di agire come catalizzatori del cambiamento. Nonostante l’attenzione principale del rapporto sulle relazioni degli Stati Uniti con l’Unione Sovietica, i Rockefeller ovviamente riconobbero le opportunità mature in Cina:

«[La Cina] ha una popolazione in rapida crescita, una carenza di risorse e un’ideologia fanatica. Intorno a gran parte del suo perimetro esistono situazioni “morbide”, che fanno sembrare facili o invitanti prospettive di infiltrazione, sovversione e conquista vera e propria. Le attuali relazioni tra la Russia sovietica e la Cina rossa […] non possono sempre essere unite da interessi comuni. […] Dobbiamo evitare, ove possibile, corsi che sembrano avvicinare la Cina ai sovietici.»

Assistenza alla Cina

Deng Xiaoping iniziò immediatamente a istigare una serie di riforme sociali ed economiche, che furono chiamate “riforma e apertura” in Cina e “apertura della Cina” in Occidente.

La portata e il ritmo della trasformazione economica in un paese così vasto sarebbero stati impossibili senza i considerevoli investimenti interni e il trasferimento di tecnologia che la Cina ha ricevuto dal G3P. Questo investimento G3P ​​è stato la fonte iniziale del miracolo della crescita economica della Cina. Alla fine del 2019, il World Economic Forum (WEF) ha riportato:

«Gli alti livelli di spesa pubblica e gli investimenti esteri hanno consentito alla Cina di raddoppiare all’incirca le dimensioni della sua economia ogni otto anni dall’introduzione delle riforme economiche nel 1979.»

«Identificare e definire le aree dell’economia cinese più suscettibili alla tecnologia americana e all’infusione di capitale.»

Gli IDE non sono solo investimenti di capitale. In genere vengono con un trasferimento o una condivisione di competenze, tecnologia e persino forza lavoro. I tipi comuni di IDE sono fusioni, acquisizioni, servizi di gestione e accordi logistici e di produzione.

Come tanta propaganda rivolta alle popolazioni occidentali dal loro MSM, queste accuse erano solo un’invenzione. In verità, nessuno stava costringendo nessuno a trasferire tecnologia in Cina. In effetti, i trilateralisti come il presidente Bill Clinton hanno fatto di tutto per assicurarsi che la Cina potesse entrare in possesso della tecnologia, compresa la tecnologia militare, di cui aveva bisogno.

Oltre all’enorme stimolo alla crescita pompato nell’economia cinese negli ultimi quattro decenni, è stato istituito un numero significativo di alleanze di ricerca e sviluppo industriali straniere/cinesi. Si trattava di organizzazioni imprenditoriali separate che miravano a specifici progetti di ricerca o sviluppo tecnologico. Sono stati formati attraverso la collaborazione tra istituti di ricerca accademici e scientifici, ONG, istituzioni governative e imprese private.

Tra il 1990 e il 2001 il governo degli Stati Uniti ha stabilito 105 alleanze di questo tipo. Nello stesso periodo, il Giappone ha avuto il secondo maggior numero di alleanze di partnership di ricerca e sviluppo (26), seguito da Germania (15), Regno Unito (14), Singapore (12) e Canada (11). La stragrande maggioranza di queste collaborazioni di ricerca e sviluppo operava in Cina.

«La spesa cinese per la ricerca e lo sviluppo (R&S) è salita al 2,18% del PIL nel 2018, rispetto all’1,4% del 2007. […] La sua spesa in ricerca e sviluppo rappresenta circa il 20% del totale mondiale, seconda solo agli Stati Uniti. Il numero di brevetti concessi annualmente per invenzioni è aumentato da 68.000 nel 2007 a 420.000 nel 2017, il più alto al mondo. […] La Cina è anche un focolaio di capitale di rischio alla ricerca della prossima tecnologia. […] La Cina si è evoluta dall’essere un importatore netto di IDE a un esportatore netto. […] La Cina rimane una destinazione attraente per gli investimenti stranieri grazie al suo ampio mercato interno. Imprese straniere come BASF, BMW, Siemens e Tesla hanno recentemente annunciato investimenti nuovi o ampliati in Cina.»

La Cina è il principale investitore nazionale nelle nazioni BRI, ma non rappresenta la maggior parte degli investimenti totali. La Cina ha preso l’iniziativa dopo che la crisi finanziaria del 2008 ha visto le nazioni non BRI (come gli Stati Uniti e il Regno Unito) ritirare i loro accordi sugli IDE nelle nazioni BRI. Gli investimenti delle nazioni non BRI sono aumentati di nuovo quando le politiche monetarie di quantitative easing (stampa di denaro) nei paesi occidentali sono entrate in vigore dopo il 2010.

La Banca Mondiale ha riferito:

«La maggior parte dell’afflusso di IDE dei paesi BRI [quelli che fanno parte del progetto One Belt, One Road] proviene da paesi non BRI.»

La maggior parte degli investimenti, delle competenze e della tecnologia che sta costruendo l’infrastruttura BRI proviene dai partner G3P non BRI. L’idea che i politici, le aziende e le istituzioni finanziarie occidentali siano preoccupati per la Belt and Road Initiative è solo una storia di MSM. In realtà, stanno lavorando duramente per costruirlo in collaborazione con la Cina.

Shanghai CBD

Cina: il primo Technate al mondo

«La scienza dell’ingegneria sociale, il funzionamento scientifico dell’intero meccanismo sociale per produrre e distribuire beni e servizi a tutta la popolazione.»

L’obiettivo della tecnocrazia è quello di dirigere la popolazione a massimizzare l’efficienza di tutte le “funzioni” della società, principalmente attraverso il controllo dell’allocazione delle risorse.

«Il sistema di credito sociale è una componente importante del sistema socialista dell’economia di mercato e del sistema di governance sociale; […] la sua fondazione è una rete completa che copre i registri di credito di tutti i membri della società e l’infrastruttura creditizia; […] I suoi meccanismi di ricompensa e punizione stanno incentivando l’affidabilità e limitando l’inaffidabilità. […] L’istituzione di un sistema di credito sociale è una base importante per attuare in modo completo il punto di vista scientifico dello sviluppo. […] Accelerare e far progredire la creazione del sistema di credito sociale è una precondizione importante per promuovere l’allocazione ottimizzata delle risorse.»

Questa è una descrizione della tecnocrazia pura.

Il Massachusetts Institute of Technology (MIT) ha riferito che il presunto “sistema terrificante non esiste” in Cina:

«Il sistema su cui il governo centrale sta lentamente lavorando è un mix di tentativi di regolamentare l’industria del credito finanziario, consentire alle agenzie governative di condividere dati tra loro e promuovere valori morali sanciti dallo stato.»

Come la Grande Via o la tecnocrazia o il comunismo, la filosofia politica alla base del sistema di credito sociale è presentata dai suoi sostenitori come progressista, umanitaria e benigna. Naturalmente, le persone che impongono questo sistema dovrebbero anche essere progressiste, umanitarie e benigne, giusto?

La SCS istituisce una lista nera per coloro che si ritiene abbiano commesso “misfatti”. Finora ha punito prevalentemente coloro che non hanno pagato le multe giudiziarie o coloro che sono considerati cattivi debitori.

«[Gli utenti] non devono utilizzare Internet per impegnarsi in attività che mettono in pericolo la sicurezza nazionale, l’onore nazionale e gli interessi nazionali; non devono incitare alla sovversione della sovranità nazionale, rovesciare il sistema socialista, incitare al separatismo, rompere l’unità nazionale, […] creare o diffondere informazioni false per interrompere l’ordine economico o sociale, o informazioni che violano la reputazione, la privacy, la proprietà intellettuale o altri diritti e interessi legittimi di altri e altri atti simili.»

Tra le principali potenze geopolitiche, la Cina è leader nello sviluppo della Central Bank Digital Currency (CBDC). La CBDC è “moneta programmabile” e l’emittente può inserire “contratti intelligenti” per controllare cosa può essere acquistato, dove può essere utilizzato e chi può usarlo.

«La CBDC può consentire alle agenzie governative e agli attori del settore privato di programmare [CBDC] per creare contratti intelligenti, per consentire funzioni politiche mirate. Ad esempio[,] pagamenti sociali […], buoni consumo, […] buoni pasto. Programmando, il denaro CBDC può essere precisamente mirato [a] che tipo di [cose] le persone possono possedere e che tipo di uso [per cui] questo denaro può essere utilizzato. Ad esempio, […] per il cibo.»

Ha detto:

«Stiamo sviluppando, attraverso la tecnologia, una capacità per i consumatori di misurare la propria impronta di carbonio […] Ecco dove stanno viaggiando, come stanno viaggiando, cosa stanno mangiando, cosa stanno consumando sulla piattaforma. […] Quindi, tracker individuale dell’impronta di carbonio, rimanete sintonizzati! Non lo abbiamo ancora operativo, ma è qualcosa su cui stiamo lavorando.»

«Per il governo, questo è uno strumento per un’amministrazione più efficiente della città.»

La Cina non è comunista. È una tecnocrazia. È il primo Technate al mondo.

Il gioco della colpa cinese

«Non è esagerato descrivere l’attuale regime come una tecnocrazia. […] Si potrebbe dire che la politica tecnocratica si adatta naturalmente alla cultura politica cinese. […] Durante il 1980, la tecnocrazia come concetto è stato molto discusso, soprattutto nel contesto del cosiddetto “neo-autoritarismo”. […] Le convinzioni e le ipotesi di base dei tecnocrati erano esposte abbastanza chiaramente: i problemi sociali ed economici erano simili ai problemi ingegneristici e potevano essere compresi, affrontati e infine risolti come tali. […] Lo scientismo è alla base della tecnocrazia post-Mao, ed è l’ortodossia con cui si misurano le eresie.»

L’autocompiacimento era in gran parte fuori luogo. Il fatto che il governo cinese abbia sviluppato un Technate deve più alle circostanze di quella nazione, alla storia politica e sociale e ai sistemi di credenze che alle ambizioni dei Trilateralisti.

Proprio come noi in Occidente generalmente crediamo nella libertà individuale e nella libertà dallo stato, così il popolo cinese sostiene in gran parte che lo stato dovrebbe sforzarsi di governare con ren lungo il percorso verso la Grande Via e l’uguaglianza per tutti. In entrambi i casi, la gente continua ad essere ingannata e delusa dai “kakistocrati”, che chiaramente non hanno alcuna intenzione di essere all’altezza di nessuno di questi principi o aspettative.

L’investimento occidentale nella tecnocrazia cinese è stato fatto con l’obiettivo di sviluppare un sistema globale, non limitato alla Cina. Dalla rete di sorveglianza e credito sociale alla censura e al controllo sociale utilizzando CBDC, dopo aver visto cosa si può ottenere in Cina, i governi occidentali sono impegnati a cercare di imporre esattamente lo stesso modello di tecnocrazia al proprio popolo.

Da parte sua, il governo cinese ha avuto le sue ragioni per permettere alla tecnocrazia di prosperare. La tecnocrazia si adatta bene alle ambizioni di politica interna della Cina. Detto questo, non c’è motivo di pensare che il governo cinese abbia mai inteso “esportare” tecnocrazia in altre nazioni.

La tecnocrazia viene installata a livello globale. Questo si adatta all’oligarchia cinese, abituata com’è a gestire un Technate. Il governo cinese non ha motivo di ostacolare l’adozione globale della tecnocrazia. È semplicemente allineato con la trasformazione globale, non la guida.

Il governo cinese non sta costringendo altre nazioni ad adottare la tecnocrazia. Piuttosto, tutti i governi stanno collaborando a tal fine.

Il popolo cinese non è nostro nemico e la Cina non è un nemico da combattere. Noi, il popolo della Terra, siamo tutti sotto attacco da parte dei nostri stessi governi G3P.


I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore, se non di giorni.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

NON CI SONO COMPLOTTI

CI SONO PERSONE E FATTI

DOCUMENTATI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: