Trasformazione inarrestabile: dai pixel primitivi ai cervelli biodigitali

Siamo alle prese con una transizione di civiltà. Questo non è un gioco

Pong era primitivo, certo, ma comunque ipnotico. Letteralmente, era un beta test per il controllo mentale digitale a due vie.

Il giocatore controlla un mondo virtuale sullo schermo con la sua mente, mentre a sua volta i pixel controllano i contenuti della sua coscienza. Offrendo poco più di uno slot per monete e un tabellone segnapunti, non diversamente da un bordello, in realtà, Pong è riuscito a catturare l’anima di una generazione, evolvendosi partita dopo partita nel sofisticato technium mentale che ha intrappolato il mondo moderno.

“Questa nuova capacità di insegnare alle colture cellulari a svolgere un compito in cui esibiscono sensibilità, controllando la paletta per restituire la palla attraverso il rilevamento”, ha esclamato un direttore di laboratorio, “apre nuove possibilità di scoperta che avranno conseguenze di vasta portata per la tecnologia, la salute , e società”.

Quello che viene dopo? Possiamo solo immaginare.

Scommetto che coinvolge ibridi umani-scimmie cablati che giocano con se stessi mentre sono immersi in un violento banana porn VR. In caso contrario, ora abbiamo una metafora decente per gli adolescenti incollati ai loro schermi.

Evita l’organoide

Ogni infestazione di kudzu inizia con alcuni baccelli. Questo è un buon modo per immaginare tutte le nuove tecnologie che ci colpiscono contemporaneamente in questo momento.

È come se il nostro pianeta fosse bombardato da meteore, ognuna carica di semi extraterrestri che si evolvono rapidamente in nuove creature all’impatto. Man mano che si moltiplicano e mutano, queste invenzioni strisciano attraverso gli Interweb e scivolano in varie sale riunioni aziendali e laboratori governativi, dove si sviluppano in organismi tecnologici più avanzati prima di invadere la cultura più ampia.

Non sono uno zingaro indovino, ma mentre guardo nella mia sfera di cristallo, prevedo terapie geniche commerciali, bambini firmati e gli equivalenti genetici di labbra d’anatra increspate appena oltre l’orizzonte. Ci saranno vantaggi, senza dubbio, ma i costi saranno enormi. E non intendo soldi.

È importante ricordare, tuttavia, che queste tecnologie non cambieranno il mondo intero tutto in una volta. Ognuno inizia come un seme e cresce gradualmente. A partire da Simon di IBM nel 1993, lo smartphone ha impiegato più di un decennio per diventare onnipresente e il tasso di adozione è eccezionale. I televisori (noti anche come dispositivi di controllo mentale unidirezionale) e le automobili (noti anche come esoscheletri cyborg) sono altri due esempi degni di nota.

Domani non uscirai dalla tua porta e vedrai i cybertron che ti passano accanto indossando jetpack e occhiali AR, con sciami di droni intelligenti che ti seguono. La realtà è più simile a quei fastidiosi scooter elettrici a noleggio o a quei droni simili a zanzare che ronzano sopra la testa.

Spesso è difficile dire quali semi cresceranno e quali cadranno nel dimenticatoio. La storia della tecnologia è disseminata di invenzioni fallite, come i “capelli spray” o le videocassette Betamax. D’altra parte, una manciata di innovazioni, dopo un miglioramento sufficiente, cambierà tutto, che ti piaccia o no.

La maggior parte delle trasformazioni principali sono sincrone con disposizioni precedenti e più stabili. Ciò significa che le nuove tecnologie tendono a coesistere accanto a forme più vecchie. Come ha scherzato una volta il romanziere di fantascienza William Gibson, “Il futuro è già qui, solo che non è distribuito in modo molto uniforme”.

Pong è esploso negli anni ’70, ma il vero tennis da tavolo non è andato via. Non del tutto. Al momento, molte persone vanno ancora in bicicletta, curano i giardini e guardano la TV, anche se vanno anche a fare la spesa mentre scorrono di riflesso gli schermi dei loro smartphone. È ovvio che gli esseri umani legacy vengono messi da parte dai Borg dipendenti dalle app, ma lo spostamento delle specie raramente avviene tutto in una volta.

Detto questo, la trasformazione è inarrestabile. Mutazioni bizzarre si accumulano di giorno in giorno. Culturalmente e biologicamente, stiamo diventando transumani.

Questo è un controllo mentale bidirezionale che tocca ogni neurone, consumante e potenzialmente inevitabile.

C’erano anche nuovi filmati di un altro macaco, Sake, che spostava un cursore su una tastiera “telepaticamente”. A prima vista, la demo sembra mostrare la scimmia che digita richieste per uno spuntino. Questa impostazione è in qualche modo fuorviante: i tasti lampeggianti suggeriscono il comportamento della scimmia, ma è comunque impressionante.

L’attuale dispositivo Neuralink è un processore delle dimensioni di un quarto, installato a filo del cranio, con 1.024 fili sottili come capelli che si estendono nel tessuto sottostante. Gli elettrodi leggono i segnali cerebrali, che vengono poi tradotti in impressioni sensoriali e intenzioni. Sebbene il chip funzionale sia attualmente “di sola lettura”, gli scienziati stanno lavorando duramente anche per “scrivere” sul cervello. Stanno anche sviluppando modelli più recenti con migliaia di fili in più, fornendo una risoluzione molto più elevata dell’attività neurale.

L’approvazione della FDA per i test sull’uomo è prevista tra sei mesi. Il lancio iniziale sarà per la guarigione: il cieco vedrà, lo zoppo camminerà, il paralitico giocherà a Pong con il suo cervello. Ma questo è solo l’inizio.

La “motivazione principale” è il miglioramento umano nell’era dell’IA. Se il progetto Neuralink avrà successo, se questo seme che germoglia giunge a piena realizzazione, Musk avrà un impianto cerebrale commerciale, disponibile per le persone normali, che funziona come uno smartphone incastrato nella tua testa. A loro volta, i modelli neurologici risultanti verranno utilizzati per progettare sistemi di intelligenza artificiale sempre più sofisticati.

“Se abbiamo una super-intelligenza digitale che è solo molto più intelligente di qualsiasi essere umano”, ha ipotizzato Musk, “a livello di specie, come possiamo mitigare questo rischio? E poi anche in uno scenario favorevole, in cui l’intelligenza artificiale è molto benevola, allora come possiamo andare avanti per il viaggio?“

La sua risposta è semplice. Tu prendi il trode. Fondi la tua mente con la Macchina.

Musk è un facile capro espiatorio per la folla indignata – o è un esaltato idolo vudù, a seconda del ciclo di notizie – ma in realtà, il ragazzo è un unico prestanome per un vasto movimento globale. Sta solo facendo il suo lavoro di anticristo qualunque.

Onestamente, rispetto Musk molto più dei suoi fanboy flaccidi, che un giorno abbaiano sui “transumanisti malvagi” e poi cadono in ginocchio quando il loro salvatore cyborg gli lancia un osso.

“Animali hackerabili” in effetti.

Un’altra scimmia nella Macchina

Le persone devono affrontare la realtà inquietante che siamo alle prese con una transizione di civiltà mondiale. I primi semi furono piantati secoli fa con l’alba della scienza moderna. Quelli germogliarono nella rivoluzione industriale, fiorirono nel dopoguerra, e oggi una nuova generazione di germogli mutati è spuntata in tutto il mondo, crescendo molto più velocemente dei loro predecessori.

I giardinieri sono oligarchi tecnologici e i loro partner governativi. Noi umani ereditari siamo il fertilizzante.

Prima di tutto, questa è una trasformazione della mente e dello spirito. Sta rivedendo la grande visione di ciò che una civiltà e gli umani in essa dovrebbero essere. Ogni mito sacro, se non scartato del tutto, viene innestato nel sistema di valori tecnologici di The Future™.

Tecnocrazia. Eugenetica morbida. Convergenza biodigitale. Fusione uomo-macchina. Divinizzazione dell’IA. Colonizzazione spaziale. L’universo come una simulazione al computer. Conosci la storia.

A chiudere questa attesa febbrile e questa ingenua normalizzazione sono gli effettivi progressi tecnici. In genere, questi sono molto indietro rispetto alla propaganda, ma non abbastanza per i miei livelli di comfort.

Neuralink funziona davvero. Twitter funziona. Quando non prendono fuoco, i razzi Tesla e Falcon 9 funzionano.

Lo smartphone in mano funziona. Il guadagno di funzione funziona. Gli organoidi cerebrali funzionano. Nella misura in cui le proteine ​​​​tossiche sono un “successo”, i colpi di mRNA funzionano. E, cosa più minacciosa, i missili nucleari funzionano.

La vera domanda è: una volta sommati i vantaggi, per chi funzionano queste tecnologie?

E cosa succede se diciamo di no?

Per dirla più schiettamente, la vita biologica e la vita culturale stanno dando vita a un famelico sciame di vita digitale. L’adozione della tecnologia è necessaria per rimanere competitivi.

Quindi cosa succede ai buoni vecchi umani ereditari? Nella migliore delle ipotesi, possiamo aspettarci di essere preservati come bestie in uno zoo:

«Gli esseri umani “naturali” possono rimanere nelle società tradizionali molto diversamente da quelle delle persone del software. Questo non è diverso dagli Amish di oggi, il cui umile stile di vita è reso possibile (e protetto) dagli Stati Uniti circostanti. Non è detto che le società circostanti debbano schiacciare le società piccole e primitive: abbiamo stabilito i diritti umani e le tutele legali, e qualcosa di simile potrebbe continuare per gli esseri umani normali. […]

Se gli esseri umani biologici si estinguono, la ragione più probabile… è la mancanza di rispetto, tolleranza e contratti vincolanti con altre specie post-umane. Forse un motivo per iniziare a trattare meglio le nostre minoranze.»

Se non vuoi che la tua civiltà venga trasformata, faresti meglio a tenerla per te, per il tuo bene e per la sicurezza dei tuoi compagni animali dello zoo.

A metà degli anni ’80, mio ​​nonno era un responsabile del controllo qualità Magnavox. Essendo lui stesso un proto-cyborg, aveva una console Odyssey 2 nel suo seminterrato, con praticamente tutti i giochi che avessero mai sviluppato. Molti sono stati rilasciati nel 1978 e avevano splendidi dipinti di velluto nero sulle custodie.

Da ragazzo, i miei preferiti erano Monkey Shines e Freedom Fighters, ma c’era una copertina che mi dava davvero fastidio: The Quest for the Rings. La sua scatola e il libretto di istruzioni contenevano opere d’arte selvagge, ma il gioco vero e proprio era solo un generico stickman che brandiva una spada di bastone e un altro tizio che sparava palline di pixel dal suo braccio di bastone sconnesso.

Essendo un ragazzino stupido, speravo che la grafica sarebbe migliorata una volta raggiunto un certo livello. Poi un giorno, mi sono reso conto che i vulcani che esplodono nell’arte del libretto erano in realtà quei quadrati opachi che lampeggiavano dal blu all’arancione sullo schermo. È stato così deludente, non ci ho più giocato.

Allora, avrei fatto qualsiasi cosa per un videogioco vivido come i mondi dei sogni raffigurati in quei casi di Odyssey. Sta attento a cosa desideri.

La civiltà non cambierà tutto in una volta. Eppure certe cose stanno cambiando così velocemente che i cambiamenti vengono immediatamente oscurati dal tornado memetico. Le tendenze esotiche diventano familiari prima che sappiamo che sono arrivate.

Mentre ti trovi sul gradino davanti, respirando la frizzante aria invernale, trovi ancora alberi saldamente radicati nella terra. Passano allegri pedoni, divertendosi come sempre.

Ma se presti molta attenzione, ricordando la profonda storia della nostra specie, noterai gli invasori alieni che si insinuano. Dispositivi di controllo mentale unidirezionali nelle finestre del soggiorno. Esoscheletri di cyborg in ogni vialetto. Dispositivi di controllo mentale a due vie in ogni mano.

Le sfere celesti sono eterne, fatta eccezione per quella crescente processione di nuovi satelliti che scivolano sopra di loro.

Queste macchine si stanno evolvendo rapidamente, così come i primati bipedi ad esse collegati. La pillola più difficile da ingoiare è che siamo tutti responsabili della direzione dell’evoluzione umana. La maggior parte delle persone preferisce vivere per il momento – o perdersi in vuote fantasie – delegando le proprie decisioni date da Dio a qualche sacerdozio predatore, o semplicemente ignorando del tutto l’arco a lungo termine.

Di conseguenza, “esperti” e “influencer” d’élite stanno guidando la nostra traiettoria. Se non immaginiamo percorsi alternativi verso il futuro – realtà tangibili, oltre la loro Macchina – i nostri superiori li sogneranno per noi.

Mentre loro usano il pianeta come loro country club, noi saremo rinchiusi nelle gabbie dello zoo, giocando al controllo mentale in mondi virtuali. Non lasciarti mai sbattere quella porta dietro.

Taglia il seme prima che cresca.


RAVE AHRIMAN – Tra scimmia e artiglio

🐵🍄🤩✈️🤖🚀👽🛸💀


I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore, se non di giorni.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

NON CI SONO COMPLOTTI

CI SONO PERSONE E FATTI

DOCUMENTATI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: