Le persone asintomatiche non diffondono il COVID-19

Uno studio che ha esaminato i dati dei test PCR di quasi 10 milioni di residenti non ha trovato nessuno di coloro che erano stati in stretto contatto con…

La storia in breve
  • La stragrande maggioranza di coloro che risultano positivi per SARS-CoV-2 sono asintomatici. Semplicemente non sono malati. Il test PCR sta semplicemente raccogliendo particelle virali inattive (non infettive).
  • In uno studio, che ha esaminato le donne in gravidanza ricoverate per il parto, l’87,5% delle donne risultate positive al test per la presenza di SARS-CoV-2 non presentava sintomi
  • Uno studio che ha esaminato i dati dei test PCR di quasi 10 milioni di residenti nella città di Wuhan ha rilevato che nessuno di coloro che erano stati in stretto contatto con un individuo asintomatico è risultato positivo.
  • Dei 34.424 residenti con una storia di COVID-19, 107 individui sono risultati positivi una seconda volta, ma nessuno era sintomatico e nessuno era infettivo
  • Quando i pazienti asintomatici sono stati testati per gli anticorpi, hanno scoperto che 190 su 300, o il 63,3%, avevano effettivamente avuto un’infezione “calda” o produttiva con conseguente produzione di anticorpi. Tuttavia, nessuno dei loro contatti era stato infettato

Secondo i resoconti dei media, i “casi” di COVID-19, ovvero risultati positivi ai test PCR, stanno aumentando vertiginosamente negli Stati Uniti e in tutto il mondo, portando all’attuazione di misure che in alcuni casi sono più severe di quelle che abbiamo sopportato durante l’ondata iniziale.

Tuttavia, come dettagliato in diversi articoli, tra cui “Perché i test COVID-19 sono un tragico spreco”, i test PCR vengono utilizzati in modo errato, con conseguente falsa apparenza di trasmissione diffusa.

In realtà, la stragrande maggioranza delle persone che risultano positive al test non svilupperà sintomi e non sarà contagiosa. Inutile dire che se non sei contagioso, non poni alcun rischio per la salute di nessuno, ed essere sottoposto a quello che equivale agli arresti domiciliari non è altro che una punizione crudele e insolita senza motivo.

I tassi di test positivi non hanno alcuna incidenza sui tassi di mortalità

Nel rapporto The Highwire sopra, Del Bigtree spiega come una sensibilità del test eccessivamente elevata porti a numeri di “casi” falsamente elevati che in realtà non ci dicono nulla sulla situazione in questione. Come notato da Bigtree, ciò che manca nella conversazione sul COVID-19 è il tasso di mortalità effettivo.

“Se COVID è un virus mortale, cosa dovremmo vedere quando i casi aumentano?” lui chiede. La risposta, ovviamente, è un aumento dei decessi. Tuttavia, non è quello che sta succedendo.

A parte un piccolo urto all’inizio, quando i medici non erano sicuri del trattamento appropriato e alcuni stati inviavano incautamente e irresponsabilmente pazienti infetti in case di cura mal attrezzate, il tasso di mortalità è rimasto relativamente stabile mentre i tassi di test positivi sono aumentati e diminuiti drasticamente a intervalli.

Nel video, Bigtree presenta un tweet1 del 4 novembre 2020 dell’ex consigliere del coronavirus della Casa Bianca, il dottor Scott Atlas, che da allora ha bloccato il suo account in modo che solo i follower approvati possano vederlo, mostrando il numero di test positivi (noti anche come “casi”) in in blu e decessi correlati a COVID-19 in rosso, dall’inizio della pandemia fino alla fine di ottobre 2020. Come puoi vedere, non c’è correlazione tra il tasso di test positivi e i decessi successivi.

La stragrande maggioranza dei “pazienti COVID-19” è asintomatica

Una delle spiegazioni del motivo per cui i tassi di test positivi e la mortalità non vanno di pari passo è il semplice fatto che la stragrande maggioranza di coloro che risultano positivi per SARS-CoV-2 sono asintomatici. Semplicemente non sono malati. Il test PCR sta semplicemente raccogliendo particelle virali inattive (non infettive).

In uno studio,2 che ha esaminato le donne in gravidanza ricoverate per il parto, l’87,9% delle donne risultate positive al test per la presenza di SARS-CoV-2 non presentava sintomi. Un altro studio3 ha esaminato un grande rifugio per senzatetto a Boston. Dopo che lì è stato osservato un gruppo di casi di COVID-19, i ricercatori hanno condotto valutazioni e test dei sintomi tra tutti gli ospiti che risiedevano nel rifugio per un periodo di due giorni.

Delle 408 persone testate, 147, o il 36%, erano positive, ma i sintomi erano vistosamente assenti. La tosse si è verificata solo nel 7,5% dei casi, la mancanza di respiro nell’1,4% e la febbre nello 0,7%. Tutti i sintomi erano “non comuni tra gli individui positivi al COVID”, hanno osservato i ricercatori.

La trasmissione asintomatica è molto rara

Durante una conferenza stampa dell’8 giugno 2020, Maria Van Kerkhove, responsabile tecnico dell’Organizzazione mondiale della sanità per la pandemia di COVID-19, ha chiarito che la trasmissione asintomatica è molto rara, il che significa che un individuo che risulta positivo ma non mostra sintomi è altamente improbabile che trasmetta virus vivi ad altri.

«Abbiamo una serie di rapporti da paesi che stanno effettuando un tracciamento dei contatti molto dettagliato. Stanno seguendo i casi asintomatici, stanno seguendo i contatti e non stanno trovando una trasmissione secondaria… è molto raro e gran parte di questo non è pubblicato in letteratura, ha detto Van Kerkhove.»

Solo un giorno dopo, il dottor Mike Ryan, direttore esecutivo del programma di emergenza dell’OMS, ha fatto marcia indietro sulla dichiarazione di Van Kerkhove, dicendo che le osservazioni erano state “interpretate male”.4 Inutile dire che quando si cerca di giustificare l’implementazione di una vasta rete di sorveglianza, non va bene ammettere che la stragrande maggioranza delle persone sta violando la propria privacy senza una buona ragione.

Le persone asintomatiche non rappresentano un rischio per gli altri

Più di recente, uno studio5 su Nature Communications ha valutato il rischio rappresentato dalle persone asintomatiche esaminando i dati di un programma di screening di massa a Wuhan, in Cina.

La città è stata sottoposta a un rigido blocco tra il 23 gennaio e l’8 aprile 2020. Tra il 14 maggio e il 1 giugno 2020, 9.899.828 residenti della città di Wuhan di età superiore ai 6 anni sono stati sottoposti a test PCR. In tutto, il 92,9% dell’intera popolazione cittadina ha partecipato ai test. Di questi, 9.865.404 non avevano una precedente diagnosi di COVID-19 e 34.424 erano pazienti guariti da COVID-19.

Nessuna delle 1.174 persone che erano state a stretto contatto con un individuo asintomatico è risultata positiva.

In tutto, sono stati rilevati zero casi sintomatici e solo 300 casi asintomatici. (Il tasso di rilevamento complessivo era dello 0,3 per 10.000.) È importante sottolineare che nessuna delle 1.174 persone che erano state in stretto contatto con un individuo asintomatico è risultata positiva.

Inoltre, dei 34.424 partecipanti con una storia di COVID-19, 107 individui (0,310%) sono risultati nuovamente positivi, ma nessuno era sintomatico. Come notato dagli autori:6

«Le colture virali sono risultate negative per tutti i casi asintomatici positivi e repositivi, indicando l’assenza di ‘virus vitale’ nei casi positivi rilevati in questo studio… Le 300 persone asintomatiche positive di età compresa tra 10 e 89 anni […]

Il tasso di positività asintomatica è stato il più basso nei bambini o negli adolescenti di età pari o inferiore a 17 anni (0,124/10.000) e il più alto tra gli anziani di età pari o superiore a 60 anni (0,442/10.000). Il tasso di positività asintomatica nelle femmine (0,355/10.000) era superiore a quello dei maschi (0,256/10.000).»

Le persone asintomatiche hanno una bassa carica virale

È interessante notare che, quando hanno ulteriormente testato la presenza di anticorpi su pazienti asintomatici, hanno scoperto che 190 su 300, o il 63,3%, avevano effettivamente avuto un’infezione “calda” o produttiva con conseguente produzione di anticorpi. Tuttavia, nessuno dei loro contatti era stato infettato.

In altre parole, anche se gli asintomatici erano (o erano stati) portatori di virus apparentemente vivi, non lo trasmettevano ad altri. Come notato dagli autori, “non c’erano prove di trasmissione da persone positive asintomatiche a contatti stretti tracciati”. Hanno inoltre aggiunto:7

«Rispetto ai pazienti sintomatici, le persone infette asintomatiche hanno generalmente una bassa quantità di carica virale e una breve durata della diffusione virale, che riducono il rischio di trasmissione di SARS-CoV-2.

Nel presente studio, la coltura del virus è stata effettuata su campioni di casi positivi asintomatici e non ha trovato alcun virus SARS-CoV-2 vitale. Tutti i contatti stretti dei casi positivi asintomatici sono risultati negativi, indicando che era improbabile che i casi positivi asintomatici rilevati in questo studio fossero infettivi.»

Anche gli individui reinfettati non sono infettivi

Lo stesso valeva per le persone risultate positive una seconda volta dopo essersi riprese da un’infezione attiva.

«I risultati della coltura del virus e del tracciamento del contratto [sic] non hanno trovato prove che i casi repositivi nei pazienti guariti da COVID-19 fossero infettivi, il che è coerente con le prove provenienti da altre fonti, hanno affermato gli autori8.»

I ricercatori hanno anche sottolineato che le colture virali e gli studi genetici hanno dimostrato che la virulenza di SARS-CoV-2 sembra indebolirsi nel tempo e che gli individui appena infettati hanno maggiori probabilità di essere asintomatici e hanno una carica virale inferiore rispetto ai casi osservati in precedenza durante l’epidemia.

Cosa ci dice tutto questo? Ci dice che non c’è motivo di farsi prendere dal panico semplicemente perché il numero di test positivi è in aumento. Ricorda, più persone eseguono il test utilizzando un test PCR impostato su una soglia di ciclo eccessivo, più falsi positivi otterrai.

Come spiegato in “Asymptomatic ‘Casedemic’ Is a Perpetuation of Needless Fear”, l’uso di una soglia del ciclo eccessivo che amplifica l’RNA virale al punto da rilevare particelle inattive (non infettive) è al centro di questa cosiddetta pandemia. È ciò che fa andare avanti la narrativa della pandemia, quando in realtà è finita da tempo.

Il CDC utilizza fonti discutibili per contrastare lo studio cinese

È interessante notare che lo stesso giorno in cui è uscito lo studio cinese, i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno aggiornato la loro guida9 sull’uso della maschera, sostenendo che le persone asintomatiche rappresentano oltre la metà di tutte le trasmissioni. Da dove l’hanno preso?

I due riferimenti elencati a sostegno di tale affermazione includono uno studio10 del luglio 2020 e dati del CDC che non sono stati ancora pubblicati.11 Dice solo che è stato “inviato” per la pubblicazione nel 2020, pertanto non siamo in grado di fornire qualsiasi collegamento alla fonte. Il CDC non fa menzione dello studio cinese, che comprendeva quasi 10 milioni di individui.

Anche la CNN, che ha riportato l’aggiornamento del CDC, ripetendo a pappagallo l’idea che la diffusione asintomatica sia il motivo per cui è così importante indossare una maschera, non ha fatto menzione dello studio fondamentale dalla Cina. Curioso, non trovi? È quasi come se il CDC non volesse farci sapere che non abbiamo nulla da temere dalle persone sane.

Gli avvocati tedeschi fanno causa ai controllori dei fatti per censura

Molti medici, scienziati e avvocati sono ora diventati consapevoli del fatto che sono questi test imperfetti e il loro uso fraudolento a mantenere viva la narrativa della paura e stanno agendo.

Nel video in alto, Ben Swann parla con il Dr. Reiner Fuellmich,12 un avvocato per la tutela dei consumatori13 e membro fondatore della commissione d’inchiesta extraparlamentare tedesca sul Corona (Außerparlamentarischer Corona Untersuchungsausschuss14),15,16 che sta cercando di esporre in che modo i test fraudolenti sono stati e continuano ad essere utilizzati per progettare la comparsa di una pericolosa pandemia quando in realtà non ce n’è.

Il comitato sta ora intentando la prima di molte cause legali a venire, questa contro i cosiddetti fact checker sui social media. Hanno deciso di intentare una causa per diffamazione per conto del Dr. Wolfgang Wodarg, un ex membro del Congresso tedesco e del Consiglio d’Europa che è stato un aperto critico dei test PCR, in quanto non possono essere utilizzati per diagnosticare l’infezione.

Le società di social media hanno etichettato le dichiarazioni di Wodarg come “false” e, presentando una causa per diffamazione, l’onere della prova ricade ora sui fact checker per dimostrare che sono corrette. In altre parole, per vincere, i fact checker devono dimostrare che i test PCR diagnosticano un’infezione attiva. Le prove scientifiche dimostrano che non lo fanno, quindi questo caso potrebbe rivelarsi fondamentale nella lotta contro la grande censura tecnologica che mantiene viva la paura.

Pandemia COVID-19: la più grande psicopatia della storia?

Mentre Fuellmich e il suo team non fanno affermazioni sul PERCHÉ la pandemia viene mantenuta in vita usando la scienza fraudolenta, sono inequivocabili nella loro affermazione che si tratta in realtà di una falsa pandemia e che ha avuto devastanti conseguenze sanitarie ed economiche in tutto il mondo.

Per il motivo, dobbiamo rivolgerci alla scena geopolitica per vedere quali narrazioni si sono sviluppate in tandem con la pandemia. Quello che scopriamo è che i leader di tutto il mondo stanno ora chiedendo un “ripristino” dell’economia globale sulla scia della distruzione portata dalla pandemia. In realtà, ovviamente, è la risposta globale alla pandemia che ha creato la devastazione economica, non il virus stesso.

I leader chiedono anche una sorveglianza sanitaria invasiva e sembrano essere in atto piani per utilizzare la sorveglianza biometrica tramite vaccini, che alimentano il sistema tecnocratico in cui questo tipo di sorveglianza di massa non è solo primaria ma anche fondamentale.

Il motivo per cui la sorveglianza è così cruciale è perché il funzionamento di questo sistema dipende dall’ingegneria sociale guidata dall’intelligenza artificiale e dalla manipolazione delle masse. A meno che le persone non siano rinchiuse in quella che potrebbe essere descritta come una prigione digitale, non si conformeranno a ciò che sta arrivando.

Collega tutti a un sistema bancario centralizzato digitale, un ID digitale e un punteggio di credito sociale, tuttavia, e pochi avranno la forza d’animo di opporsi o parlare contro i governanti non eletti. La tua intera vita potrebbe essere facilmente sconvolta con la semplice pressione di un pulsante.

Abbiamo già visto quante persone non solo sono state depiattaformate per essersi espresse contro una cosa o l’altra lo scorso anno, ma hanno anche chiuso i loro conti di pagamento digitali, distruggendo di fatto la loro capacità di guadagnarsi da vivere. Immagina se non ci fosse nient’altro che un sistema di valuta digitale centralizzato e i tuoi account venissero chiusi. Come vivresti?

La paura è uno strumento di manipolazione altamente efficace

Nessuna persona sana di mente accetterebbe questo piano del Grande Reset se fosse a conoscenza di tutti i dettagli e delle sue implicazioni ultime per l’umanità nel suo insieme. Quindi, per implementarlo, hanno dovuto usare la manipolazione psicologica e la paura è lo strumento più efficace che ci sia.

Come spiegato dallo psichiatra Dr. Peter Breggin, c’è un’intera scuola di ricerca sulla salute pubblica che si concentra sull’identificazione dei modi più efficaci per spaventare le persone affinché accettino le misure di salute pubblica desiderate.

In chiusura, testare gli asintomatici e isolare le persone che risultano positive anche quando non hanno sintomi è una strategia chiave che mantiene alto il livello di paura. Semplicemente non ci sono abbastanza pazienti COVID-19 ricoverati in ospedale per mantenere lo stratagemma, e troppo pochi muoiono effettivamente per far funzionare la narrazione. Ecco perché non sentiamo più nulla di quelle statistiche.

Invece, tutto ciò di cui sentiamo parlare sono i “casi”, i test positivi che non hanno alcuna incidenza sui tassi di mortalità. La paura degli asintomatici guida anche la narrazione secondo cui tutti dobbiamo indossare mascherine ovunque andiamo, perché non sai chi potrebbe essere infetto e non lo sai. Instilla la paura degli altri, poiché anche persone apparentemente sane potrebbero farti ammalare mortalmente.

Lo studio presentato da Wuhan dimostra l’errore di tali paure. Le persone che risultano positive al test ma non presentano sintomi non sono contagiose e non rappresentano un rischio per gli altri. Non hanno bisogno di indossare maschere e non hanno bisogno di essere isolati. Insomma, non dobbiamo temerci l’un l’altro.


Disclaimer: il contenuto di questo articolo si basa sulle opinioni del Dr. Mercola, se non diversamente specificato. I singoli articoli si basano sulle opinioni del rispettivo autore, che conserva i diritti d’autore come contrassegnati. Le informazioni contenute in questo sito Web non intendono sostituire un rapporto individuale con un operatore sanitario qualificato e non istituire un consiglio medico. È inteso come una condivisione di conoscenze e informazioni provenienti dalla ricerca e dall’esperienza del Dr. Mercola e della sua comunità. Il Dr. Mercola ti incoraggia a prendere le tue decisioni sanitarie sulla base della tua ricerca e in collaborazione con un professionista qualificato sanitario. In caso di gravidanza, allattamento, assunzione di farmaci o condizioni mediche, consultare il proprio medico prima di utilizzare prodotti su questo contenuto.

I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore, se non di giorni.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

NON CI SONO COMPLOTTI

CI SONO PERSONE E FATTI

DOCUMENTATI

2 pensieri riguardo “Le persone asintomatiche non diffondono il COVID-19

  1. della serie a saperlo prima avrebbero evitato tutte ste chiusure e tutta sta farsa, che soprattutto in Cina ha avuto un impatto devastante. Che poi la cosa ridicola della Cina è che dopo anni di segregazioni in casa, hanno deciso di aprire tutto come se niente fosse, ora dicono che si stanno ammalando in massa, dicono. Però guarda caso non se ne preoccupano più 🤔🙄 della serie roba da matti…🤦‍♂️

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: