Totalitarismo: che cos’è? (parte 2)

Intervista con Ariane Bilheran, PhD – Parte 2: La controversia Desmet/Breggin; la questione della responsabilità; il concetto di contagio delirante e altro ancora

Stiamo vivendo una “guerra” contro l’umanità, contro i nostri diritti umani, contro le popolazioni. Non abbiamo altra scelta che resistere e proteggere la dimensione sacra dell’essere umano.

Questa è la seconda parte della nostra intervista con Ariane Bilheran, Ph.D., filosofa, psicologa clinica, dottore in psicopatologia e autrice.

Secondo lo psichiatra americano Peter Breggin, saremmo la “preda” di alcuni individui eccessivamente influenti e forse, secondo alcuni, di alcuni psicopatici, che mirano a controllare il futuro del mondo. Quali sono le tue idee riguardo a questo?

Certo, c’è una cricca di plutocrati (ricchissimi) che ha deciso di imporre la propria agenda a esseri umani che spesso considerano parassiti (troppo numerosi, inquinatori, portatori di virus, ecc.). Non si nascondono: testi e dichiarazioni esistono all’aria aperta.

Ho già stabilito una sorta di cartografia psicologica dei profili al potere in epoca totalitaria: schematicamente, potremmo dire che i pervertiti tirano i fili nell’ombra, i paranoici elaborano il “programma” di controllo, e gli psicopatici fanno i lavori sporchi. È come una sfilata di disturbi narcisistici!

Aggiungo che, sebbene la paranoia sia classificata come psicosi perché è un delirio di persecuzione che presenta l’apparenza della ragione, difendo da anni l’idea della penalizzazione di questi profili, perché sanno benissimo che fanno del male. L’intenzione di nuocere è caratterizzata, è legittimata: chiaramente, il paranoico si dice autorizzato a perseguitare perché si ritiene (erroneamente) perseguitato.

Oggi siamo nel mezzo di un delirio paranoico a cielo aperto: la confusione dei confini tra umano e animale con le chimere, la confusione dei sessi, la confusione delle generazioni, la confusione della macchina e dell’uomo con il transumanesimo, l’uomo che pensa è Dio al posto di Dio, per non parlare dell’ipocondria delirante, delle molestie permanenti, ecc. Quello che stiamo vivendo è nel registro della paranoia.

Un altro autore che ha ricevuto molta attenzione è Mathias Desmet dal Belgio, e la sua teoria del totalitarismo che ha chiamato “formazione di massa”? Cosa ne pensi?

Penso che il merito del lavoro di Mathias Desmet sia quello di richiamare l’attenzione sulla natura dell’indottrinamento totalitario che, molto semplicemente, fa impazzire le persone e le porta ad agire come se fossero in una setta, a commettere atti e a pronunciare discorsi che non avrebbe mai commesso o pronunciato in altre circostanze.

Questo è il segno distintivo della certezza delirante. Ad esempio, ho sentito persone molto brave che erano molto umane ed empatiche prima di questa crisi, che desiderano chiaramente la negazione dell’assistenza sanitaria a determinati gruppi della popolazione, o addirittura chiedendo più abusi sui minori. Mi sembra che sia proprio questo il punto che Mathias Desmet sta cercando di spiegare, parlando di “formazione di massa” o “psicosi di formazione di massa”.

Secondo Breggin, la teoria di Desmet non è credibile. Renderebbe le persone responsabili della psicosi di cui sarebbero anch’esse vittime. Cosa ne pensi di questo?

Dal mio punto di vista, penso che la questione della responsabilità sia fondamentale, ed è una questione che dobbiamo affrontare imperativamente e rapidamente.

Mi sembra ovvio che coloro che hanno consapevolmente messo in atto misure pericolose, abusive e talvolta mortali, in nome della “salute”, utilizzando manipolazioni su vasta scala, debbano essere penalmente responsabili delle loro azioni. Sanno quello che fanno, non ci sono dubbi sul loro sadismo e sul loro cinismo, tanto più che lo rivendicano pubblicamente, in molti casi.

Hannah Arendt diceva che più si sale nella gerarchia del sistema totalitario, più si caratterizza il cinismo.

Inoltre, e ci tengo a insistere su questo, pur parlando di psicosi paranoica, vorrei dire che per me la testa pensante del sistema totalitario, che può essere un consorzio di individui, è una somma di paranoico e di patologie perverse.

Sul piano legale, la perversione non può essere esentata dalla responsabilità penale perché non c’è delirio. Sostengo da anni la responsabilità penale delle psicosi paranoiche, perché anche se in delirio, la molestia dell’altro è “legittimata” dal sentimento di persecuzione (“lo’ sto molestando perché vuole farmi del male”), nella realtà dell’esperienza psichica del paranoico si assume chiaramente l’intenzione di nuocere, con durata e ripetizione nella fissazione/ossessione della vittima.

Alcuni individui sono vittime complete di ciò che sta accadendo e non hanno causato alcun danno ad altri. Ma non è così per tutti nella popolazione.

Quando, per esempio, come mi è stato detto, le infermiere che vaccinano le donne incinte hanno detto “O fa o si rompe”, erano consapevoli che stavano causando un rischio di aborto, quindi sapevano che la loro azione aveva un esito potenzialmente dannoso.

Concretamente: chi dovrebbe essere ritenuto responsabile?

È una delicata riflessione filosofica quella che dobbiamo svolgere nei confronti di questa fascia di popolazione, che è allo stesso tempo vittima di manipolazioni e autrice di atti trasgressivi. Penso che i due criteri che non dovrebbero mai essere scartati siano l’intenzione di nuocere e la consapevolezza delle conseguenze delle proprie azioni.

Considerare che noi, cittadini adulti, saremmo solo vittime, è infantilizzante e non è giusto. Facciamo parte di un sistema in cui ognuno ha una parte di responsabilità, così come anche noi abbiamo una responsabilità se lasciamo che le cose accadano, se non ci opponiamo, se non ci informiamo.

Ciò non significa, tuttavia, che saremmo colpevoli allo stesso modo di coloro che attuarono sadicamente e cinicamente un programma totalitario sulla popolazione. Perché non possiamo respingere la gigantesca impresa della propaganda di massa, tra le altre cose.

Dobbiamo anche determinare il grado di responsabilità in base alle rispettive professioni. Non ho avuto il tempo di seguire nel dettaglio l’intero dibattito, ma mi sembra che ci sia un paradosso nell’accusa rivolta a Desmet: se la popolazione è sotto “psicosi di massa”, allora è sotto illusione. Ciò significa, dal punto di vista del diritto penale classico, che è esente da ogni responsabilità perché essere sotto ipnosi e compiere atti sotto ipnosi, soprattutto nel contesto della psicosi di massa, rischia di rendere irresponsabile dal punto di vista legale.

Secondo me, Desmet non fa sentire in colpa la popolazione se la rende vittima di una psicosi di massa. Anzi! Anzi, penso che potrebbe insistere di più sull’esistenza di una cricca di “cospiratori” plutocratici, ma d’altronde, se ci fosse stata solo questa cricca e se nessuno le avesse obbedito, la deriva totalitaria non sarebbe mai avvenuta. Torniamo così alla questione della manipolazione delle masse, a ciò che genera a livello psichico – quello che io chiamo “contagio delirante” – attraverso il delirio paranoico.

Torniamo anche sulla questione di stabilire le diverse responsabilità secondo criteri che non possono essere il semplice esonero di responsabilità per non sapere, o per essere stati manipolati.

Mi sembra che abbiamo detto alla fine del nazismo, che la semplice obbedienza cieca agli ordini non poteva essere considerata come un fattore di esonero di responsabilità. C’è un dovere di disobbedienza in determinate circostanze.

Credo sia fondamentale chiarire il più possibile tutto questo. Sto anche lavorando con l’avvocato Virginie de Araujo-Recchia per stabilire tutte queste sfumature, è uno studio comune tra la filosofia del diritto e il diritto, che è essenziale fare, e dobbiamo pensarci ora, per evitare nuove ingiustizie, future vendette o processi arbitrari. La civiltà deve essere ricostruita secondo i principi fondamentali del Diritto. Questo è comunque il mio punto di vista.

Puoi spiegarci il concetto di “contagio delirante” a cui sottoscrivi? Quali sono i parallelismi con ciò che osserviamo nelle sette?

Se un adulto è sotto l’influenza di una setta che lo spinge a commettere reati, di chi è la responsabilità? La setta che lo ha spinto a commettere il delitto ma non l’ha commesso? L’adulto che ha commesso il reato? L’attuale deriva totalitaria, provocando shock traumatici sulla psiche degli individui e incitando all’odio, attraverso i mass media, porta a una perdita di empatia negli individui.

Chiaramente, più qualcuno si confronta psichicamente con la violenza, meno è in grado di proteggersi, e più svilupperà quella che in psicologia viene chiamata una “desensibilizzazione”, una perdita di emozioni. Ciò porta a comportamenti automatizzati per incanalare la propria angoscia, nonché un’identificazione con il proprio aguzzino, di cui l’individuo diventerà il “portavoce” e l’esecutore testamentario. Non c’è più bisogno di sentire o pensare, solo di applicare “protocolli” in modo robotico.

Ecco cosa invita la deriva totalitaria: a questa regressione psichica, che trasforma gran parte della popolazione in esecutori che non riflettono più sulle conseguenze dei loro atti, che non sono più capaci di pensiero critico o di empatia verso gli altri esseri umani, se non condividono i loro punti di vista o non sono d’accordo con loro.

Ad esempio, alcuni dicono, a proposito di quegli operatori sanitari che hanno detto “no” alla falsa scelta tra il consenso libero e informato sul proprio corpo e il diritto al lavoro (e quindi al proprio sostentamento): “Gli sta bene”, oppure “lascia che muoiono”.

L’individuo chiaramente non sa quello che sta dicendo in quel momento e non si rende conto della carica di odio e intolleranza che il suo stesso discorso veicola, privo di empatia per un altro che, molto semplicemente, non la pensa come lui e ha un’altra visione di questo crisi. Tuttavia, è sempre essenziale discutere.

Hai fatto paragoni tra l’era attuale e i tempi più antichi. La “natura umana” e “l’arte del potere”, dai Romani agli attuali dominatori, passando per Machiavelli, non cambiano?

Ciò che mi interessa personalmente sono le invarianti della natura umana. Non credo che ci siamo evoluti dal punto di vista della psicologia umana.

D’altra parte, ora disponiamo di strumenti e strumenti tecnologici molto sofisticati e pericolosi, tra cui armi convenzionali, nucleari e biologiche, e questo è il nostro problema principale.

Un altro grosso problema è il transumanesimo, che secondo me è solo un riciclaggio del concetto di Übermensch, il “superuomo”, caro ai nazisti, con tecnologie molto più avanzate e pericolose.

Tutti questi strumenti vanno oltre la nostra capacità di immaginazione per quanto riguarda il danno che possono causare all’umanità.

Hai altri commenti da fare per concludere questa intervista?

Credo che più diventiamo consapevoli di ciò che è pianificato per la nostra umanità, più diventiamo anche consapevoli che stiamo vivendo una “guerra” contro gli esseri umani/l’umanità, contro i nostri diritti umani, contro le popolazioni.

Non abbiamo altra scelta che resistere e proteggere la dimensione sacra dell’essere umano.

Può essere pericoloso parlare, ma è ancora più pericoloso tacere.

Vedi la parte 1 dell’intervista:

L’originale in francese si trova qui.

Guarda anche il nostro video intervista con lo psichiatra americano Mark McDonald


I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore, se non di giorni.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

NON CI SONO COMPLOTTI

CI SONO PERSONE E FATTI

DOCUMENTATI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: