La classe dei parassiti

Sono un maledetto ipocrita. Continuo a parlare di “alterazione” delle persone, denunciando l'”oggettivazione” accusatoria dei gruppi sociali; Deploro il gioco della colpa fascista, così spesso usato per distogliere l’attenzione dal vero problema o questione; Inveisco contro le divisioni, deliberatamente create per dividerci e dominarci e poi vado a chiamare gli oligarchi miliardari e il loro establishment politico, accademico e scientifico “la classe dei parassiti”.

Che intorpidimento!

Come sottolineato da uno dei miei critici più divertenti e costruttivi, sembra che io stia proiettando. Sono colpevole di “altro”. Incolpo e oggettivo un gruppo sociale per i mali del mondo. Mi sono arroccato con arroganza sul mio ridicolo podio morale, avverte.

Temo che possa avere ragione.

Quindi, essendo un ipocrita arrogante e moralista, ho esplorato la mia logica e ho concluso che dopotutto avevo ragione. Anche se lo farei, no?

Tuttavia, gli oligarchi sono la “classe dei parassiti”.

Lasciatemi spiegare.

Presentazione della teoria dell’élite

Il termine comune che ci viene dato per riferirci a questi bastardi — uso il termine sia in modo impreciso che consapevole — è “l’élite”. Se questa non è ingegneria sociale, non so cosa lo sia.

Tutto questo deriva dalla “teoria dell’élite”: una branca della scienza politica che sorse tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo. La teoria dell’élite cerca di spiegare perché la società è divisa tra l’ampia massa del popolo e una minoranza dominante che detiene sempre il potere.

La teoria dell’élite presumibilmente fornisce una motivazione scientifica per spiegare perché, non importa dove o quando guardiamo, una piccola cricca controlla quasi tutte le risorse e possiede un’autorità finanziaria, economica e politica schiacciante, che poi usano per governare. A volte riconosciuto e compreso dal pubblico ed a volte no.

In generale, la teoria dell’élite ha rimaneggiato idee vecchie di migliaia di anni, senza scoprire nulla di nuovo. Anche se spesso rafforza molte delle bugie che ci si aspetta di ingoiare.

Rivela che tutte le forme di governo sono essenzialmente oligarchie. Un’attuale ricerca su Internet sul termine “oligarchia” cercherà ripetutamente di convincerti che l’oligarchia si riferisce specificamente alla Russia. Questa è spazzatura completa.

Un oligarca è qualcuno che ha accumulato un’immensa ricchezza e l’ha convertita in autorità politica. Questo è ciò che è sempre stato un oligarca, da quando l’umanità ha iniziato a chiamarli “oligarchi”. La Russia è un’oligarchia ma, come rivela quasi tutta la teoria dell’élite, e le migliaia di anni di filosofia politica, scienza e storia che ribadisce, lo è anche ogni altro stato-nazione.

Nella teoria dell’élite la parola “élite” è un termine polisemico che può significare “aristocrazia”, in senso classico. Viene dal francese “aristocracie”, che significa “governo di coloro che sono i migliori cittadini”. Questo deriva dal greco “aristokratia“, che significa “comando o governo del [dei] il migliore”.

Per evitare di elogiare troppo gli oligarchi, “elite” è usato da altri per denotare una “classe dirigente”, in assenza dell’inferenza “aristokratia”. L’etimologia della parola “elite” è formata dal francese “élite” che significa “elevare, scegliere”, derivato dal latino eligere, che significa “scegliere”.

Gaetano Mosca

La teoria dell’élite percepisce alternativamente “l’élite” come i migliori tra noi che guidano per merito o come la classe dirigente o “politica” che a volte scegliamo. L’interpretazione della classe politica deriva dall’opera di Gaetano Mosca (1858-1941) che notò che gli oligarchi spesso acquisivano il potere usando la coercizione e la violenza, ma erano particolarmente ben organizzati e quindi, con il controllo di quasi tutte le risorse, governavano.

Ad ogni modo, si suggerisce che gli oligarchi beneficino di una sorta di meritocrazia. L’uso di “meritocrazia” può essere fatto risalire a Platone (c. 424/423 – 348/347 a.C.) – ne parleremo tra poco – ed è ora usato per denotare, secondo l’OED, “una classe dirigente o influente di persone istruite o popolo capace” o “governo o possesso del potere da parte di persone scelte in base al merito”. L’oligarca o è il migliore tra noi o è potente e fa parte di una cricca ben organizzata. Secondo i teorici dell’élite.

Nell’uso moderno, la parola “meritocrazia” è stata resa popolare dal sociologo Michael Dunlop Young (1915-2002). Lo ha usato come una parodia ironica, avvertendo le persone che selezionare “leader”, in base al loro status sociale e alle qualifiche educative formali, era un modo infallibile per finire con un governo completamente schifoso. Quella “meritocrazia” è arrivata a significare qualcosa di “buono” lo ha deluso fino al giorno della sua morte.

Il problema con l’accettazione da parte dei truffatori della parola “élite”, basata sulla “teoria dell’élite”, è che suggerisce un’inevitabilità. Come se ricevere ordini da un branco di nob neri, petrolieri, azionisti capitalisti e banchieri fosse proprio così. È come è sempre stato, quindi abituati. La resistenza è inutile!

Vilfredo Pareto (1848-1923) è stato accreditato di aver coniato il termine “l’élite”. Ha offerto la sua teoria della “circolazione dell’élite” che postulava che il conflitto tra “élite” vede spesso un gruppo soppiantarne un altro al vertice della struttura sociale gerarchica. L’altro aspetto della “circolazione” era che gli individui entravano e uscivano dai circoli elitari.

Pareto osservava che le élite erano esseri umani capaci di fare il bene ma anche di commettere grandi mali. Sebbene sostenesse che governassero grazie alle loro distinte capacità e virtù eccezionali.

Vilfredo Pareto

Wikipedia, utile per nomi, date e storie ufficiali ma poco altro, l’efficace compendio di Goebles per ogni ricercatore che si rispetti, sostiene che il filosofo americano C. Wright Mills (1916 – 1962), che parlò di “élite del potere, “è il ragazzo giusto a cui rivolgersi se vuoi capire tutto quello che c’è da sapere sull’élite”. Essendo Wikipedia, quell’opinione, offerta come una sorta di dato di fatto, è sbagliata.

Mills ha sostenuto che l ‘”élite di potere” è appena arrivata. Sono una conseguenza inevitabile della moderna società burocratica e tecnologica. Ciò pone necessariamente l’autorità nelle mani di coloro che ne guidano le istituzioni. Se l’élite, con il suo controllo delle risorse, non guidasse queste istituzioni, sosteneva che non avrebbero funzionato.

Mills ha respinto il concetto di Mosca della “classe politica”. Invece “l’élite” ha circolato, come ha suggerito Valfredo, ed è uscita dalle organizzazioni aziendali che dominavano l’economia statunitense per diventare i “ricchi aziendali”.

Mills ha suggerito un modello “tripartito” della società statunitense, ampiamente diviso tra “l’élite di potere”, gli “opinion leader” e il pubblico. Questo è stato un po’ uno shock per gli americani degli anni ’50 che vedevano gli Stati Uniti come una “meritocrazia egualitaria”.

Ha detto che il governo, i leader locali e i gruppi di interesse formavano gli “opinion leader” e il pubblico era costituito da proletari impotenti e all’oscuro che, inconsapevolmente, dipendevano completamente dall’élite del potere per la loro sopravvivenza economica. Il pubblico ha erroneamente immaginato che fossero gli opinion leader a prendere le decisioni. Mentre, come ha dimostrato Mills, “l’élite del potere” ha pervaso le istituzioni dell’economia (corporazioni), l’esercito e il governo. Condividevano una prospettiva comune ed erano in realtà i responsabili delle decisioni.

Ma per Mills non c’era nessuna “cospirazione” da vedere. L’élite del potere controllava le risorse, l’economia e la vita della piccola gente. Ha riconosciuto che potevano prendere decisioni sia benefiche che disastrose, ma questa era solo una funzione necessaria e inevitabile di una società gerarchica, ha detto.

In breve, il punto di vista di Mills sulla “teoria dell’élite” era in linea con la sua traiettoria generale. È costantemente favorevole a coloro a cui piace essere considerati “l’élite”, anche quando li critica. Qualcuno deve essere al comando e, secondo quasi tutti i teorici dell’élite, è “l’élite”.

C.Wright Mills

La ferrea legge dell’oligarchia

La “ferrea legge dell’oligarchia” di Roberto Michels (1876 – 1936) sembrava dimostrare che la società moderna, piena di istituzioni burocratiche, divisione del lavoro e controllo gerarchico delle risorse, conduce inevitabilmente (di nuovo) a una casta di oligarchi.

Michels ha affermato che le esigenze tecniche della società hanno reso la leadership dell’oligarca indifendibile per la sopravvivenza di un’organizzazione. Come Mills, Mosca e Pareto, ecc. Michels credeva che gli oligarchi raggiungessero il loro status perché possedevano conoscenze, abilità e ricchezza superiori. Michels ha aggiunto che ciò ha consentito loro non solo di controllare le proprie reti compiacenti, ma anche i gruppi dissenzienti.

Mentre Mosca vedeva le capacità organizzative dell’élite come uno strumento che permetteva loro di formare la “classe politica”, Michels identificava le stesse capacità come la chiave per trasformare la struttura politica in un’oligarchia. In sostanza, i partiti politici erano governati da oligarchi che detenevano tutto il potere e modellavano tutte le politiche. Ciò ha lasciato i membri e gli attivisti del partito “di base” a dibattersi immaginando di avere una sorta di voce in capitolo sulla direzione del partito.

La “teoria dell’élite”, secondo cui una società è gestita al meglio da un piccolo sottoinsieme dei suoi membri costituenti e che in qualche modo questa presunta inevitabilità è una prova della meritocrazia, può essere fatta risalire ai “Guardiani” della “Repubblica” di Platone.

Platone credeva che ci fossero tre aspetti della natura dell’uomo: appetito, spirito e ragione.

Questi elementi dell ‘”anima” o “psiche” sono in costante flusso dentro tutti noi e sono dominanti o sottomessi. Pertanto, pensava Platone, la società umana era divisa in una struttura “tripartita”: gli Artigiani (produttori), gli Ausiliari (militari) ed i Guardiani (governanti).

Così ordinati, possiamo tutti stare zitti, lavorare fino allo sfinimento, morire in guerra o, nel caso dei governanti, dire alla gente di lavorare fino allo sfinimento e morire in guerra.

Platone, che era un aristocratico di una famiglia estremamente ricca e potente di governanti (Guardiani), pensava che i Guardiani (governanti) fossero così speciali — dotati di saggezza, intelletto e virtù morale — che avevano bisogno di ricevere la meglio istruzione, immenso vantaggio e tutto il tempo per diventare i governanti filosofi. Proprio come Platone e i suoi compagni.

Mentre i teorici dell’élite del XIX e dell’inizio del XX secolo consideravano le oligarchie dominanti negli stati-nazione, ora viviamo in un mondo globalizzato (apparentemente) e la governance globale è molto in gioco. L’oligarca è diventato internazionale. Lo sono sempre stati, ma questo è un argomento per un’altra volta.

David Rothkopf, un membro del Council on Foreign Relations, quindi nessun conflitto di interessi lì, ha scritto un intero libro sulla classe dei parassiti globali (oligarchi) ma li ha chiamati, ovviamente, la Superclasse. La sua opinione era molto in linea con la “teoria dell’élite”.

La “Superclasse” può spostare miliardi e modellare i mercati globali, possiede l’industria delle lobby e sono i patroni delle carriere politiche in tutto il mondo, facilmente in grado di “influenzare” e controllare la politica governativa e intergovernativa. Ma, ancora una volta, i cosiddetti Superclass sono il prodotto imprescindibile della meritocrazia.

Queste persone estremamente motivate e ben informate — secondo Rothkopf — forse non più di 6.000 – 7.000, possiedono un vero potere globale. Sebbene spesso agiscano di concerto, sono “leader globali” perché si dà il caso che siano i leader globali. Non c’è bisogno di pensieri cospiratori, ha detto. Sembra che non ci siano.

Se la teoria di Platone avesse qualche merito, ci si potrebbe aspettare che circa un terzo della popolazione sia governante. Tuttavia, nonostante il fatto che la teoria dell’élite essenzialmente non abbia aggiunto nulla alle idee di Platone, secondo David Rothkopf, solo circa lo 0,0000000875% di noi finisce per essere re filosofi “Guardiani”.

Questa, ci viene detto, è solo l’inevitabile conseguenza della meritocrazia.

Comprensione della classe dei parassiti

Se vogliamo davvero capire la classe dei parassiti, allora possiamo iniziare risalendo più di duemila anni e mezzo al filosofo e poliedrico greco Aristotele (c. 384-322 a.C.).

Aristotele, allievo di Platone, descrisse le “vere” forme di governo come “monarchia” (governo di uno), “aristocrazia” (governo di pochi) e “sistema politico” (governo di molti). Ciascuno potrebbe governare efficacemente nell'”interesse comune”, ha detto. Ha anche affermato che ciascuno potrebbe essere “pervertito” da “interesse privato”.

Una monarchia potrebbe essere pervertita in una “tirannia”, che Aristotele considerava la peggiore forma di governo possibile, un’aristocrazia potrebbe degenerare in una “oligarchia” (oligarchia) e il sistema politico potrebbe essere sufficientemente corrotto da trasformarsi in una “democrazia”.

Aristotele suggeriva che il governo fosse comunemente pervertito dall'”interesse privato”. In quanto tale, era probabile che si trattasse di un’oligarchia o di una democrazia.

La distribuzione della ricchezza, e soprattutto il potere politico che poteva acquistare, era la chiave del concetto di Aristotele su oligarchie e democrazie:

«La vera differenza tra democrazia e oligarchia è la povertà e la ricchezza. Dove gli uomini governano in ragione della loro ricchezza, siano essi pochi o molti, quella è un’oligarchia, e dove governano i poveri, quella è una democrazia.»

Ha aggiunto:

«L’oligarchia è quando gli uomini di proprietà hanno il governo nelle loro mani; la democrazia è l’opposto, quando gli indigenti, e non i possidenti, sono i governanti.»

L’apparente nozione di “democrazia” di Aristotele, certamente messa insieme dai resti del suo lavoro sulla costituzione ateniese, non era affatto democrazia. Era qualcosa di più vicino alla “democrazia rappresentativa”, che è più simile al governo della folla.

Anche senza l’influenza degli “oligarchi”, il dominio della folla è esattamente ciò che otteniamo dalle nostre moderne delusioni sulla “democrazia”. Quando un gruppo abbastanza grande di noi “elegge” la nostra banda preferita, fanno la legge. Presumibilmente lo fanno per conto della folla dominante. Quindi impongono “la volontà del popolo” con minacce di violenza contro chiunque non si conformi.

Regola della mafia.

Per cogliere cosa sia la vera “democrazia”, ​​per quanto contraria all’errata interpretazione aristotelica che immaginiamo, dobbiamo tornare indietro di oltre 150 anni prima di Aristotele al riformista politico greco Clistene (c. 570 – 508 a.C.), che stabilì genuina la “demokratia”.

Democrazia (demokratia), a differenza di “democrazia rappresentativa”, significa governo mediante processo con giuria, in cui le giurie del popolo selezionate a caso sono sia il legislatore supremo che l’arbitro finale della giustizia (legge naturale). Non politici, giudici o “oligarchi”, ma genuinamente “il popolo”.

Sto divagando, ma il punto è che, mentre Aristotele faceva molte osservazioni significative sui sistemi politici, criticava un tipo simile di “democrazia” a quella che dobbiamo sopportare oggi. Non la “vera” demokratia.

Clistene

Andando avanti di circa un secolo da Aristotele allo storico greco Polibio (c. 200 – 118 aC), che lottò con le contraddizioni nella “Politica” di Aristotele, otteniamo una visione molto oscura dell’esercizio del potere. Polibio ha affermato che il potere offerto dalla ricchezza corrompe tutti i sistemi politici. Un po’ come la teoria della circolazione di Valfredo, questo porta alla rivoluzione delle strutture politiche.

Le monarchie diventano tirannie che governano con la forza e non con la ragione. Questo porta le aristocrazie a prendere il potere che poi vengono corrotte e diventano ingiuste. Nascono così le democrazie, ma anch’esse sono pervertite dalla ricchezza e diventano “democrazie estreme” guidate da demagoghi. Alla fine creando un nuovo tipo di monarchia. Il Terzo Reich, per esempio.

La storia politica, la teoria delle élite e le scienze politiche rivelano che gli oligarchi ci governano. Non “elegiamo” nessuno di loro, non l’abbiamo mai fatto e l’idea che qualcuno di noi abbia mai vissuto in una vera democrazia è una finzione.

Più di 2.500 anni fa è stata posta la domanda: il potere di un gruppo di persone privilegiate dovrebbe superare di gran lunga le loro dimensioni in percentuale della popolazione? La risposta più o meno immediata, da Platone et al., è stata un “sì” definitivo. Da allora, secondo il mondo accademico “mainstream” e un miscuglio di commentatori appositamente selezionati, con l’eccezione dei marxisti e degli anarchici, la domanda non è mai stata più posta.

Il marxismo e in particolare l’anarchismo sono tabù (c’è una ragione per questo), quindi ciò che ci rimane è andato oltre le asserzioni normative verso argomentazioni empiriche. Il tutto sulla base del presupposto fondamentale che le strutture gerarchiche sono una necessità imprescindibile della società umana e che queste devono “inevitabilmente” portare alle oligarchie.

Niente di tutto questo è un fatto inattaccabile. È solo un’opinione che, guarda caso, serve gli interessi degli oligarchi che hanno finanziato il mondo accademico per millenni.

Etienne de La Boétie (1530 – 1563) ha sottolineato che il potere politico non è il prodotto della meritocrazia ma di solito il risultato di una conquista di qualche tipo. O per mano di una potenza straniera, un colpo di stato interno o attraverso l’uso di “misure di emergenza” politiche in risposta a una crisi percepita. La forza è usata costantemente e si traduce invariabilmente nella centralizzazione del potere in un gruppo selezionato o “leader”.

Etienne de La Boétie

Accettiamo questo dispotismo, non perché non ci piaccia l’idea di libertà, ma perché ci siamo abituati a essere governati e ce lo aspettiamo. Ci sono solo due certezze nella vita, giusto?

Morte e tasse.

Solo che uno di loro non è affatto una certezza. Crediamo solo che sia perché le persone che ci hanno sempre tassato ci hanno insegnato a crederci. La Boétie ha sottolineato che hanno progettato il nostro consenso.

Questa obbedienza consente ai nostri governanti di utilizzare più facilmente la retorica per convincerci ad accettare ogni sorta di farsa. Etienne de La Boétie ha osservato:

«Governanti […] non intraprendere mai una politica ingiusta, anche di una certa importanza, senza farla precedere da qualche bel discorso sul benessere pubblico e sul bene comune.»

L’economista francese Claude-Frédéric Bastiat (1801 – 1850) si chiedeva se l’ordine sociale suggerito fosse un qualche tipo di ordine, chiedendosi “non è vero che ciò che è più notevole nella società è l’ assenza di ogni ordine?”

Attualmente le corporazioni farmaceutiche degli oligarchi, promosse dal governo per “risolvere” la crisi dichiarata dalle istituzioni accademiche degli oligarchi, sono state tutte giudicate colpevoli di frode medica, scientifica e finanziaria. Sentenze che non hanno avuto alcun impatto su di loro.

Il sistema monetario e finanziario internazionale è supervisionato da una banca che è riconosciuta per aver riciclato l’oro nazista rubato agli ebrei durante l’Olocausto. I criminali di guerra, che hanno mentito per ingannare sia il pubblico che i legislatori per sostenere guerre illegali che hanno ucciso milioni di persone, stanno pronunciando discorsi ben accolti agli eventi di gala e sono spesso festeggiati dai media mainstream mentre continuano a darci i loro “consigli”.

Gli oligarchi, che guidano questo sistema globale, iniziano le guerre, prestano il denaro che hanno evocato dal nulla alle nazioni combattenti, poi si lanciano all’indomani, con le loro società bancarie e i loro “piani di ristrutturazione del debito”, per recuperare tutti i beni rimanenti per centesimi. Quindi costringono gli stessi paesi a spendere i soldi che hanno prestato loro in contratti di ricostruzione ridicolmente costosi, consentendo così alle loro società di ingegneria di trarre profitto dalla ricostruzione della nazione che hanno distrutto con le loro società di armamenti.

Che razza di ordine è? Dov’è lo stato di diritto?

Oligarchia inevitabile?

Aristotele considerava uno stato di diritto una “virtù”. Perché avesse valore pensava che dovesse essere morale, capace di amministrare giusta giustizia a tutti. Dovrebbe anche essere flessibile e in grado di adattarsi alle mutevoli circostanze:

«Ci sono due parti del buon governo; una è l’effettiva obbedienza dei cittadini alle leggi, l’altra è la bontà delle leggi alle quali obbediscono.»

Come Aristotele, Bastiat ha riconosciuto che la legge significa più che semplici parole scritte su pezzi di carta. Ha messo in dubbio l’ipotesi che, senza la legge del governo, l’umanità inizierebbe a stuprarsi, saccheggiarsi e uccidersi a vicenda con abbandono:

«La resistenza a tali atti si manifesterebbe infatti anche se mancassero leggi specifiche contro di essi, […] questa resistenza è una legge generale dell’umanità. […] È molto lontano da un ordine sociale fondato sulle leggi generali dell’umanità a un ordine artificiale, artificioso e inventato che non tiene conto di queste leggi o le nega o le disprezza – un ordine, in una parola, tale come alcune delle nostre moderne scuole di pensiero, a quanto pare, ci imporrebbero.»

Queste “leggi generali dell’umanità” costituiscono la base delle nostre interazioni sociali. Questa è la legge naturale a cui tutti obbediamo in modo innato, indipendentemente dalle leggi aggiuntive scritte dai governi per conto degli oligarchi.

Lysander Spooner (1808-1887) ha spiegato perché la legge naturale è tutto ciò di cui abbiamo bisogno per vivere in pace:

«In tutti i tempi, per quanto la storia ci informa, ovunque gli uomini abbiano tentato di vivere in pace gli uni con gli altri, sia gli istinti naturali, sia la saggezza collettiva della razza umana, hanno riconosciuto e prescritto, come condizione indispensabile, l’obbedienza a questo un solo obbligo universale: vale a dire che ciascuno dovrebbe vivere onestamente verso l’altro. L’antica massima rende la somma dei doveri legali di un uomo verso i suoi simili essere semplicemente questa: “Vivere onestamente, non ferire nessuno, dare a ciascuno ciò che gli è dovuto”. Tutta questa massima è realmente espressa nelle singole parole, vivere onestamente; poiché vivere onestamente è non fare del male a nessuno e dare a ciascuno ciò che gli è dovuto.»

Abbiamo solo bisogno di guardare gli eventi mondiali per renderci conto che il dominio degli oligarchi non porta né pace né giustizia. È un “ordine sociale” senza valore di cui, ammesso che esista, nessuno ha bisogno.

Lisandro Cucchiaio

Possiamo anche studiare i principi del diritto naturale per renderci conto che le leggi scritte di governo, che formano il cosiddetto “ordinamento giuridico”, non si occupano della giustizia morale. Proteggono semplicemente gli interessi degli oligarchi e sono usati per soggiogarci. Ma abbiamo la legge naturale e non abbiamo bisogno di queste “regole”.

Sappiamo anche che ciò che chiamiamo “democrazia” non è demokratia. È perfettamente possibile per noi creare un “ordine sociale” che abbia una vera regola di legge naturale, amministrata da noi, utilizzando il processo con giuria come richiesto.

Allora dov’è la presunta necessità del dominio degli oligarchi? I teorici dell’élite affermano che le organizzazioni su larga scala non funzioneranno a meno che le risorse di cui hanno bisogno non siano distribuite dagli oligarchi. Questa è una totale assurdità.

Il filosofo scozzese di diritto naturale Adam Smith (1723 – 1790), in “ The Wealth of Nations”, spiegò come il desiderio umano di servire il proprio interesse personale, di fronte alla concorrenza degli altri, portò a una struttura economica che non Non ho bisogno di alcun ordine imposto su di esso. La natura umana era la “mano invisibile” che creava l’ordine spontaneo nei liberi mercati.

Il collega filosofo dell’Illuminismo scozzese di Smith, Adam Ferguson (1723-1816), notò che l’ordine spontaneo era “il risultato dell’azione umana ma non del disegno umano”. Più tardi l’economista Friedrich Hayek (F. A Hayak 1899 – 1992), basandosi sull’idea di ordine spontaneo, esplorò che il prezzo in un mercato libero competitivo è un mezzo di comunicazione.

Il prezzo “segnalava”, sia al produttore che al consumatore, lo spostamento dei costi sottostanti dei materiali e della produzione. Lasciato libero da oligarchi che interferiscono, questo ha permesso agli esseri umani di cooperare, producendo i sistemi altamente complessi che conosciamo oggi, senza alcun controllo da parte di un’oligarchia superflua.

L’ordine spontaneo è una realtà, come esemplificato nel meraviglioso saggio del 1958 “I Pencil” di Leonard E. Read (1898 – 1983). In seguito esaltato dall’economista Milton Friedman (1912 – 2006).

In “I Pencil”, Read ha esaminato come è fatta l’umile matita. Il processo di produzione richiede una vasta rete globale. Eppure da nessuna parte, in questa tentacolare catena di approvvigionamento internazionale, qualcuno è obbligato a fare qualcosa.

Dalla prospettiva in prima persona della matita, Read ha scritto:

«Né l’operaio del giacimento petrolifero, né il chimico, né lo scavatore di grafite o argilla, né chi equipaggia o costruisce le navi o i treni o i camion, né colui che fa funzionare la macchina che fa la zigrinatura sulla mia punta di metallo, né il presidente del la compagnia svolge il suo singolare compito perché mi vuole. […] La loro motivazione è diversa da me. Forse è qualcosa del genere: ciascuno di questi milioni vede che può così scambiare il suo minuscolo know-how con i beni e i servizi di cui ha bisogno o desidera. […] C’è un fatto ancora più sbalorditivo: l’assenza di una mente superiore, di qualcuno che detta o dirige con la forza queste innumerevoli azioni che mi portano in essere. Nessuna traccia di tale persona può essere trovata. Troviamo invece all’opera la Mano Invisibile.»

È così che funziona la maggior parte della nostra “economia globale”. A quelli, come i teorici dell’élite e gli oligarchi, che dicono che l’ordine spontaneo è impossibile, possiamo tranquillamente dire: sappiamo che funziona perché lo usiamo tutti i giorni. È così che la maggior parte delle interazioni umane già opera.

Quindi cos’è questa ridicola idea che abbiamo bisogno di un gruppo di violenti baroni rapinatori per accumulare tutte le risorse in modo che possano controllare quando e dove ci è permesso usarle? Su quale pianeta è “inevitabile” che una minuscola cricca di governanti autoproclamati debba semplicemente comandare, non solo l’economia del pianeta e il suo sistema monetario, ma anche le sue reti di distribuzione ei suoi processi politici?

Immaginate l’esplosione dell’innovazione tecnologica se la ricerca e lo sviluppo non fossero controllati dagli oligarchi. Pensa ai veri progressi della medicina e della sanità se non possedessero l’intero settore e non lo gestissero per il proprio profitto. Considera le soluzioni che troveremmo ai molti problemi che affrontiamo se accademici, scienziati, ingegneri, filosofi, costruttori, insegnanti, giornalisti e chiunque altro nella società fosse libero di esplorare i propri interessi, le proprie passioni e i propri talenti senza dover lavorare per un’agenda artificiale creato per servire le ambizioni degli eugenisti.

Nonostante tutto quello che ci hanno fatto e continuano a fare, non abbiamo il diritto di danneggiare gli oligarchi. Dove sono stati commessi crimini, dovrebbero affrontare la giustizia, proprio come il resto di noi. Ma quella giustizia deve essere migliore di qualsiasi giustizia che potremmo aspettarci da loro. Altrimenti cosa abbiamo ottenuto?

La bugia più grande che abbiamo ingoiato è che l’oligarca è “speciale”. Non lo sono, sono solo esseri umani esattamente uguali al resto di noi, con tutte le stesse qualità e difetti.

Mentre collaborano e guidano le agende per soddisfare i loro obiettivi generali, gli oligarchi non sono tutti unanimi e non sempre sono d’accordo. La storia, in particolare la storia politica, è in gran parte una registrazione dei conflitti tra di loro tanto quanto è una cronaca della nostra lotta.

Gli oligarchi non sono unicamente malvagi o virtuosi. Non possiedono abilità straordinarie, ma non sono nemmeno insolitamente inetti. Sono gli stessi del resto di noi. Come hanno osservato i filosofi dell’Illuminismo scozzese e molti altri, agiamo tutti solo nel nostro interesse personale.

Aristotele e Polibio hanno capito che il problema è, ed è sempre stato, che la grande ricchezza conferisce potere politico alle persone. Quando persone incommensurabilmente ricche agiscono per i propri interessi qual è il loro scopo? Non può essere semplicemente accumulare più ricchezza. Perché vuoi di più di qualcosa che hai già in eccessiva abbondanza.

L’interesse personale degli oligarchi è servito estendendo il loro potere. Questo non è un argomento contro la ricchezza, è un argomento contro un sistema politico guidato da coloro il cui obiettivo primario è più potere.

Collettivamente, siamo ugualmente responsabili della nostra oppressione per mano degli oligarchi. Abbiamo permesso loro passivamente di governare da dietro il sipario pur sapendo che erano lì.

Non possiamo assolverci dalla nostra responsabilità per ciò che hanno fatto. Né possiamo evitare la responsabilità di porre fine a questo sistema pernicioso, non più di quanto possiamo esonerarci dalla nostra responsabilità di costruirne uno migliore.

Il dominio degli oligarchi non contribuisce assolutamente alla società. Semplicemente ci sfruttano per i propri fini e limitano lo sviluppo sociale, economico e politico umano. Le parti della teoria dell’élite che affermano di spiegare “scientificamente” l’inevitabilità degli oligarchi sono pap.

La definizione di parassita è:

«Un organismo che vive su o in un altro e ne trae il nutrimento.»

La definizione di classe sociale è:

«Un gruppo di persone all’interno di una società che possiedono lo stesso status socioeconomico.»

L’unico pari socioeconomico di un oligarca è un altro oligarca. Il loro effetto collettivo sulla società globale è parassitario.

Tutte le istituzioni dello stato sono allineate per incoraggiarci a chiamare gli oligarchi “l’élite”. Ora ci viene detto che parlarne in termini denigratori costituisce un “crimine d’odio”. Eppure parlarne con sfrenata riverenza è perfettamente accettabile.

Il punto centrale della censura e delle minacce è di ingegnerizzarci socialmente e controllarci. Ci viene detto di rispettare gli oligarchi e se non lo facciamo possiamo aspettarci di essere puniti. A meno che non ci liberiamo dalle catene linguistiche che vincolano i nostri pensieri e controlliamo il modo in cui discutiamo dei nostri problemi sociali, che sicuramente è la regola dell’oligarca, siamo fregati.

Mi oppongo, per motivi morali, a arrecare danno a chiunque. Voglio vedere prevalere la giustizia. Ma non sarò costretto da nessuno a riferirmi a persone che rappresentano una minaccia per me e per i miei cari con rispetto senza riserve.

Gli oligarchi sono la “classe dei parassiti”.


I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore, se non di giorni.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

NON CI SONO COMPLOTTI

CI SONO PERSONE E FATTI

DOCUMENTATI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: