Il senatore australiano prende una dura posizione contro i vaccini COVID

Il video di Canadian Independent presenta un discorso parlamentare di inizio dicembre 2022 di Gerard Rennick, senatore per il Queensland, Australia, e membro del Liberal National Party.

La storia in breve
  • In un discorso parlamentare di inizio dicembre 2022, Gerard Rennick, senatore per il Queensland, in Australia, ha rivisto alcune delle bugie raccontate dai membri del Parlamento e dal Dipartimento della Salute sui vaccini COVID
  • A settembre 2022 l’Australia aveva registrato più di 10 milioni di casi COVID-19, anche se 20 milioni della popolazione totale australiana di 26 milioni avevano ricevuto i loro vaccini COVID
  • Nel 2021, l’Australia ha avuto 8.706 morti in più rispetto alla norma, anche se il New South Wales è rimasto bloccato per tre mesi, quindi, in teoria, il bilancio delle vittime avrebbe dovuto essere inferiore, non superiore
  • L’Australia ha registrato 140.000 ferite da vaccino COVID – più di tutte le lesioni riportate dai vaccini dal 1971 – eppure l’Australian Therapeutic Goods Administration (TGA) si rifiuta di guardare o riconoscere il segnale di sicurezza. Gli ufficiali sanitari ammettono anche di non aver letto i documenti scientifici chiave che descrivono in dettaglio i rischi del vaccino COVID
  • L’efficacia calante è la giustificazione per ripetuti richiami, ma gli anticorpi gonfiati artificialmente causati da ripetuti richiami segnalano al tuo corpo che sei cronicamente infetto e la risposta immunitaria risultante può finire per accelerare lo sviluppo di condizioni autoimmuni come il morbo di Parkinson, la malattia di Kawasaki e molteplici sclerosi

Il video Canadian Independent1 qui sopra presenta un discorso parlamentare di inizio dicembre 2022 di Gerard Rennick, senatore per il Queensland, Australia, e membro del Liberal National Party.

Come notato da Rennick, l’Australia aveva registrato più di 10 milioni di casi di COVID-19 entro settembre 2022, a quel punto il Dipartimento della salute australiano ha smesso di contare – una decisione presa per imbarazzo, suggerisce Rennick, visto che più della metà del paese ha contratto il COVID nonostante il fatto che 20 milioni su una popolazione totale australiana di 26 milioni2 abbiano ricevuto i loro vaccini COVID.

Rennick prosegue evidenziando l’aumento del tasso di mortalità in eccesso. Nel 2021, l’Australia ha registrato 8.706 morti in più rispetto alla norma, anche se il New South Wales è rimasto bloccato per tre mesi interi. “In teoria, i decessi avrebbero dovuto essere inferiori, come lo erano nel 2020”, afferma Rennick.

Quando verranno affrontate le lesioni da vaccino COVID?

Poi ci sono le ferite da vaccino, che secondo Rennick sono oggi circa 140mila, “più di tutte le ferite riportate dai vaccini dal 1971”. Eppure, nonostante questa scioccante discrepanza, l’Australian Therapeutic Goods Administration (TGA) – proprio come la Food and Drug Administration e i Centers for Disease Control and Prevention negli Stati Uniti – si rifiuta di guardare o addirittura riconoscere il segnale.

«[Questo è] il punto centrale di avere un database in cui i medici segnalano queste lesioni, dove spuntano la casella “Sospetto [danno da vaccino]” – e come dicono i medici, non compilano questi moduli perché hanno tempo libero […] no, spuntano queste caselle perché credono che il vaccino abbia causato il danno che stanno segnalando, eppure il TGA vuole fingere che qui non ci sia niente da vedere”. Dice Rennick.

“E perché non dovrebbero? Perché il professor [John] Skerritt [direttore del TGA] è a capo di un’organizzazione finanziata da Big Pharma. Se vuoi parlare di un conflitto di interessi, è così []

Negli ultimi 15 mesi sono stato contattato da persone che hanno avuto la vita distrutta dal vaccino, un vaccino che il governo ha dichiarato essere sicuro ed efficace. E se ciò non bastasse […] voi persone in quest’aula qui oggi, non avete letto i documenti […]

Hai preso il controllo sui corpi di altre persone perché si adattava alla tua narrativa di controllo e comando. Non hai mostrato umanità. Ci sono persone là fuori che non solo sono ferite, ma hanno perso il lavoro e non possono ricevere assistenza medica. Mariti e mogli […] hanno dovuto lasciare il lavoro per restare a casa e prendersi cura di [loro] […] [Soffrono] un’incredibile quantità di dolore […]

Il fatto che il Partito dei Verdi possa sedersi in quell’angolo laggiù e deridere e ridere del vaccinato ferito – Queste persone non sono no-vax. Hanno creduto a ciò che il governo ha detto loro, come ho fatto io quando sono arrivato qui. Ma ti dico una cosa, non è altro che un pozzo nero di bugie in questo posto.»

L’ufficiale sanitario capo non ha letto i rapporti scientifici chiave

Rennick rivede come chiese al professor Brendan Murphy, che all’epoca era l’ufficiale sanitario capo, se avesse effettivamente letto il rapporto di sperimentazione non clinica per l’iniezione Pfizer. A quanto pare, non l’aveva fatto. E poiché non l’aveva fatto, quello che ha detto al pubblico era una totale finzione.

«“Questi ragazzi NON HANNO IDEA di cosa stiano parlando”, dice Rennick. “[Murphy] aveva detto… che la proteina spike non era nel sangue. Beh, se avesse letto il rapporto avrebbe saputo che non avevano mai testato [per] la proteina spike.

Avrebbe anche saputo che quando hanno fatto le prove sugli animali, il rapporto diceva che non c’era differenza nell’infiammazione polmonare tra il gruppo placebo e il gruppo vaccinato dopo nove giorni. Non c’era una sola [arguzia] di prova che dimostrasse che il vaccino fosse efficace.

Ma qualcuno in quest’aula… ha davvero letto quel rapporto? Scommetto di no. Ma siete andati tutti là fuori e avete detto che era sicuro ed efficace, quando non avevate la più pallida idea di cosa stavate parlando.

Vergognatevi, perché la legge in questo paese, nel registro australiano delle vaccinazioni, dice che non puoi essere costretto a prendere un vaccino, n. 1, e n. 2 è che devi essere adeguatamente informato su cosa c’è nel vaccino […]

La proteina spike del cappello nel vaccino non è nemmeno la stessa del virus. No, no, no, in realtà hanno cambiato uno dei nucleotidi e hanno un gene sintetico nel vaccino… progettato per farlo durare più a lungo”.»

Rennick sottolinea che quando è stato scoperto che il carico di proteina spike è raddoppiato nelle ovaie tra il giorno 1 e il giorno 2 dopo il vaccino, hanno semplicemente interrotto il processo e hanno continuato a dire che la proteina spike è rimasta nel sito di iniezione, che era un palese menzogna.

I politici disinformati sono super diffusori di disinformazione

Rennick continua:

«“Se vuoi parlare di disinformazione, dai un’occhiata a pagina 44 del rapporto sulla sperimentazione non clinica di Pfizer. È stato rilasciato sul registro di divulgazione FOI 239-6 del TGA […] Dovresti anche leggere il paragrafo in alto a pagina 8 che dice che lo studio suggerisce che la proteina spike può essere inserita nella membrana o secreta dalla cellula.

Che cosa vi dice? […] Ti dice che invece di uccidere effettivamente l’agente patogeno, che è ciò che avrebbe fatto un normale vaccino, questo particolare vaccino entra nella tua cellula, prende il controllo della riproduzione del ribosoma, che è ciò che produce la proteina, e poi inizia a produrre più sostanza tossica.

Questo non è il nome del gioco. Vorresti davvero uccidere il virus. Non vuoi riprodurlo. E, naturalmente, Murphy, l’ufficiale sanitario capo, afferma che non c’è nulla di cui preoccuparsi. Non ha mai letto il documento.

E poi abbiamo il professor [Paul] Kelly [deputy chief medical officer per l’Australian Department of Health] […] è uscito e ha fatto l’audace dichiarazione che interrompe la trasmissione. Beh, stava MENTENDO, perché la FDA [Food and Drug Administration degli Stati Uniti] è uscita il 20 dicembre e ha affermato che NON c’erano prove che il vaccino avesse interrotto la trasmissione”.»

I vaccini hanno effettivamente un’efficacia negativa

Ora disponiamo di dati che dimostrano che non solo i vaccini non prevengono l’infezione o la trasmissione, ma hanno un’efficacia negativa. La loro efficacia diminuisce rapidamente,3,4 e dopo 90 giorni, sia i vaccini di Moderna che quelli di Pfizer ti rendono PIÙ suscettibile al COVID.

Come mostrato nel grafico5 sottostante, i dati danesi rivelano che i casi di Omicron tra i vaccinati sono aumentati drasticamente dopo tre mesi per entrambe le iniezioni, dando a Pfizer un’efficacia negativa del 76,5% a 90 giorni post-vaccino e Moderna un’efficacia negativa del 39,3%.

I booster ripetuti hanno un costo aggiuntivo

L’efficacia calante è la giustificazione per ripetuti richiami, ma gli anticorpi gonfiati artificialmente causati da ripetuti richiami segnalano al tuo corpo che sei cronicamente infetto, il che non è mai una buona cosa.

Come notato dall’analista di COVID Marc Girardot,6 la risposta immunitaria risultante potrebbe finire per accelerare lo sviluppo di condizioni autoimmuni come il Parkinson, la malattia di Kawasaki e la sclerosi multipla.

I nostri corpi montano un’intensa risposta all’infezione, che include febbre alta per danneggiare i patogeni, elevazione delle cellule T e aumento della produzione di anticorpi per liberare il corpo dai “detriti virali”. Questa dovrebbe essere una risposta temporanea; dopo che la minaccia è stata neutralizzata, il tuo corpo riduce la sua risposta immunitaria.

Questo è previsto, poiché una febbre perpetua ed alti livelli di anticorpi mantengono il tuo corpo in uno stato pericoloso. Proprio come lo stress cronico (mantenere il tuo corpo in uno stato prolungato di “modalità lotta o fuga”) aumenta i rischi di malattia, così anche livelli di anticorpi permanentemente elevati. Girardot descrive tre motivi per cui:7

«1. Una febbre troppo lunga finirebbe per abbattere tutte le cellule sane, e quindi il rimedio sarebbe peggiore del male.

2. Anche i linfociti T specializzati perpetui sono pericolosi in quanto possono avviare attacchi fuori bersaglio di cellule sane (come spesso accade con i trattamenti di blocco del checkpoint immunitario contro il cancro) […]

3. Infine, anche livelli molto alti di anticorpi che non hanno dove andare sono estremamente pericolosi. Possono legarsi passivamente ai recettori delle cellule sane e dare il via a una cascata di malattie autoimmuni.” […]»

Florida, petizioni, Grand Jury Investigation e altro

Se i rappresentanti politici si preoccupassero davvero delle persone che presumibilmente servono, ci sarebbero decine di loro che parlerebbero e prenderebbero posizione contro i vaccini COVID come sta facendo Rennick in Australia. Al momento, il senatore degli Stati Uniti Ron Johnson, R-Minn., si distingue come un guerriero solitario e sostenitore dei feriti da vaccinazione contro il COVID negli Stati Uniti.

Detto questo, a metà dicembre 2022, il governatore della Florida Ron DeSantis ha presentato una petizione alla Corte Suprema della Florida per un’indagine del gran giurì su crimini e illeciti commessi in relazione ai vaccini COVID-19,8 quindi c’è ancora speranza per la giustizia. Secondo il comunicato stampa del governatore:9

«“L’industria farmaceutica e la FDA si sono rifiutate di rilasciare dati a livello di paziente per ricercatori indipendenti. Nel frattempo, i vaccini COVID-19 […] continuano a essere commercializzati come sicuri ed efficaci, anche se i vaccini non impediscono la trasmissione e gli eventi avversi sono stati ridotti al minimo e ignorati […]

Alla tavola rotonda odierna il Governatore e gli esperti sanitari hanno discusso i dati riguardanti gli eventi avversi gravi. Questi rischi includono disturbi della coagulazione, lesioni cardiache acute, paralisi di Bell, encefalite, appendicite e fuoco di Sant’Antonio […]

In risposta, il governatore DeSantis ha presentato una petizione per coinvolgere un gran giurì in tutto lo stato per indagare sui crimini e gli errori in Florida relativi ai vaccini COVID-19 […]»

DeSantis sta inoltre implementando la sorveglianza dell’autopsia delle morti improvvise post-vaccino e ha istituito un comitato indipendente per l’integrità della salute pubblica per valutare la guida sanitaria federale “per garantire che le politiche di salute pubblica della Florida siano adattate alle comunità e alle priorità della Florida”.10 Come notato dal chirurgo generale della Florida Dr. Joseph Ladapo:11

«“Gli operatori sanitari dovrebbero sempre comunicare i rischi di un intervento medico ai loro pazienti in modo clinicamente appropriato e conforme agli standard di pratica etica.

Il presidente Biden e Big Pharma hanno completamente impedito che ciò accadesse: è sbagliato. Con queste nuove azioni, faremo luce sulle forze che hanno oscurato la comunicazione veritiera sui vaccini COVID-19″.»


Disclaimer: il contenuto di questo articolo si basa sulle opinioni del Dr. Mercola, se non diversamente specificato. I singoli articoli si basano sulle opinioni del rispettivo autore, che conserva i diritti d’autore come contrassegnati. Le informazioni contenute in questo sito Web non intendono sostituire un rapporto individuale con un operatore sanitario qualificato e non istituire un consiglio medico. È inteso come una condivisione di conoscenze e informazioni provenienti dalla ricerca e dall’esperienza del Dr. Mercola e della sua comunità. Il Dr. Mercola ti incoraggia a prendere le tue decisioni sanitarie sulla base della tua ricerca e in collaborazione con un professionista qualificato sanitario. In caso di gravidanza, allattamento, assunzione di farmaci o condizioni mediche, consultare il proprio medico prima di utilizzare prodotti su questo contenuto.

I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore, se non di giorni.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

NON CI SONO COMPLOTTI

CI SONO PERSONE E FATTI

DOCUMENTATI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: