Morte improvvisa: la prima causa di morte per gli under 65 nel 2021

Stanno emergendo differenze sbalorditive nei tassi di mortalità – e nelle cause di morte – tra vaccinati e non vaccinati.

La storia in breve
  • Prove crescenti mostrano che i vaccini COVID stanno distruggendo il sistema immunitario delle persone e stanno innescando tumori turbo
  • Un sondaggio di Steve Kirsch ha rilevato che la morte improvvisa è la prima causa di morte tra le persone di età inferiore ai 65 anni che hanno ricevuto il vaccino COVID
  • La miocardite come causa di morte si sta ormai registrando in tutte le fasce di età ma solo per i vaccinati. Anche i decessi correlati al cuore sono significativamente elevati tra i giovani (sotto i 65 anni) che hanno ricevuto il vaccino rispetto ai loro coetanei non sottoposti a vaccino
  • Ricerche recenti mostrano che richiami ripetuti innescano un cambiamento nei tipi di anticorpi prodotti dal tuo corpo e riducono la tua capacità di eliminare i virus. Passando dagli anticorpi IgG neutralizzanti specifici del picco agli anticorpi IgG4, il tuo corpo passa dalla modalità di soppressione del tumore alla modalità di progressione del tumore
  • Oltre al potenziale per le cellule tumorali di impazzire, la dominanza di IgG4 può anche avere gravi implicazioni autoimmuni, poiché la proteina del vaccino COVID spike condivide somiglianze con le proteine ​​umane

Le prove che dimostrano che i vaccini COVID sono un disastro per la salute pubblica continuano a crescere. Alla fine di dicembre 2022, Steve Kirsch1 e Jessica Rose, Ph.D.2, hanno entrambi pubblicato articoli di Substack che descrivono in dettaglio alcune delle ultime prove che mostrano che i vaccini stanno distruggendo il sistema immunitario delle persone e hanno innescato una valanga di tumori turbo.

L’articolo di Kirsch3 presenta i risultati di un recente sondaggio da lui condotto. Comprendeva quattro domande: età, se il defunto era stato colpito o meno, anno di morte e causa della morte. Anche se il numero di risposte è basso, è ancora possibile raccogliere informazioni importanti osservando le tendenze.

Innanzitutto, abbiamo i dati di riferimento del 2020, che mostrano che il cancro è stato il killer n. 1 degli americani di età inferiore ai 65 anni, seguito dalle cure ospedaliere per COVID. I tumori turbo-caricati hanno rappresentato un nono delle segnalazioni di cancro e non ci sono state segnalazioni di morte per miocardite.

Tra gli anziani di età superiore ai 65 anni, le condizioni preesistenti sono state la principale causa di morte nel 2020. Il cancro è stato il secondo, l’infezione da COVID il terzo e gli eventi cardiaci il quarto. Non ci sono stati decessi per turbo cancro, né decessi per miocardite. Kirsch entra quindi nelle differenze tra vaccinati e non vaccinati nel 2021 e nel 2022.

Di cosa sono morti i non vaccinati nel 2021 e nel 2022

Nel 2021 e nel 2022, la principale causa di morte per le persone di età pari o inferiore a 65 anni è stata il trattamento ospedaliero per COVID. Le incidenze di morte improvvisa, embolia polmonare e tumori turbo-caricati erano tutte basse e non vi erano cause sconosciute di morte, né decessi per miocardite.

Lo stesso valeva per le persone di età superiore ai 65 anni. Il trattamento ospedaliero per COVID era il killer numero 1. Gli attacchi di cuore, il turbo-cancro e la morte improvvisa erano tutti bassi e non ci sono stati decessi per miocardite.

Di cosa è morto il vaccinato COVID nel 2021 e nel 2022

Tra le persone colpite da COVID di età pari o inferiore a 65 anni, la morte improvvisa è stata la prima causa di morte nel 2021 e nel 2022. La seconda è stata la morte per cause cardiache e il cancro è stata la terza. È importante sottolineare che l’incidenza del turbo-cancro tra i vaccinati era significativa in questo gruppo e la miocardite ha ucciso più del COVID-19.

Tra quelli di età superiore ai 65 anni, il cancro è stata la prima causa di morte e il tasso di turbo-cancro è “enorme rispetto a quelli senza vaccino”. Anche la morte improvvisa era significativamente elevata.

Netta differenza nelle morti per cancro tra vaccinati e non vaccinati

Kirsch riassume le tre differenze più sbalorditive tra jabbed e unjabbed:4

  1. “I tassi di mortalità improvvisa sono fuori scala per i vaccinati rispetto ai non vaccinati per i <65 anni… È la prima causa di morte per questa fascia di età…
  2. La miocardite come causa di morte si sta registrando ora per entrambe le fasce di età ma solo per i vaccinati…
  3. I problemi cardiaci come causa di morte nei giovani vaccinati (<65 anni) sono significativamente elevati rispetto ai loro coetanei non vaccinati.”
In che modo i vaccini COVID aumentano il rischio di infezioni e cancro

L’esplosione dei tassi di cancro è esattamente ciò che ti aspetteresti da un farmaco che danneggia e distrugge il tuo sistema immunitario, che è ciò che fanno i vaccini COVID. Il documento scientifico “Innate Immune Suppression by SARS-CoV-2 mRNA Vaccinations”5 descrive come le iniezioni del vaccino COVID sopprimono il sistema immunitario innato inibendo la via dell’interferone di tipo 1, che è la prima risposta a tutte le infezioni virali.

Il motivo per cui l’interferone di tipo 1 viene soppresso è perché risponde all’RNA virale e non c’è RNA virale nel vaccino COVID. L’RNA viene modificato per assomigliare all’RNA umano, quindi il percorso dell’interferone non viene attivato. Di conseguenza, il vaccino COVID ti rende più suscettibile alle infezioni.

Un meccanismo attraverso il quale il vaccino provoca il cancro ha a che fare con il fatto che la proteina spike SARS-CoV-2 cancella il 90% del meccanismo di riparazione del DNA nei linfociti,6 un tipo di globuli bianchi che aiuta il tuo corpo a combattere le infezioni e le malattie croniche come il cancro. È già abbastanza grave, eppure è solo uno dei tanti meccanismi.

In che modo il vaccino riduce la capacità di eliminazione virale

Recenti ricerche7, 8 mostrano anche che i richiami ripetuti innescano un cambiamento nei tipi di anticorpi prodotti dal tuo corpo e riducono la tua capacità di eliminare i virus. Jessica Rose esamina questi risultati nel suo articolo su Substack:9

«“Un articolo è stato pubblicato su Science Immunology il 22 dicembre 2022 dal titolo: “Class switch towards non-inflammatory, spike-specific IgG4 antibodies after repeated SARS-CoV-2 mRNA vaccination10

[Spiega] in modo meraviglioso in dettaglio come una classe di anticorpi che comanda una risposta non infiammatoria (più simile alla tolleranza) sia prominente nelle persone che sono state iniettate ripetutamente con i prodotti iniettabili di mRNA COVID-19 modificato.

Traduzione: invece del pool previsto di anticorpi IgG neutralizzanti specifici per il picco dominante nelle persone a cui è stata iniettata più volte, un pool di anticorpi associato alla tolleranza specifica per il picco è dominante nelle persone a cui è stata iniettata più volte.

Oltre alla capacità tollerante, hanno anche mostrato che le capacità abilitanti fagocitiche erano complessivamente molto ridotte. Queste attività portano all’eliminazione dei patogeni virali. Ridurli → riduzione della capacità di clearance virale…

Per essere chiari, questo non era un “forse il profilo anticorpale era un po’ diverso”… Questo era un “whoa, c’è un aumento” del 48.075% degli anticorpi specifici per il picco tra la 2a e la 3a iniezione…

Gli anticorpi IgG4 tra tutti gli anticorpi IgG specifici per il picco sono aumentati in media dallo 0,04% subito dopo la seconda vaccinazione al 19,27% dopo la terza … [I]mportante, questa non è una conseguenza tipica dell’esposizione ripetuta all’antigene da infezioni naturali e vaccinazione.”»

La sovraesposizione dei picchi apre anche la porta al cancro

Come notato dall’autore di Substack Brian Mowrey:11

«“Questa è una cosa totalmente folle per una cellula B anti-proteina spike che decide di fare, e riflette la sovraesposizione delle cellule B al picco, che riflette la produzione super-in eccesso di spike da parte del codice mRNA di Pfizer/BioNTech …

Non è normale produrre IgG4 quando l’incontro ripetuto con un virus è intervallato nel corso della vita, ma l’esposizione all’antigene provocata dall’iniezione promuove questa risposta ed i vaccini a mRNA accelerano questo effetto…

Non c’è motivo di prevedere che ciò sarebbe “buono” in una risposta antivirale… Si ritiene che “esaurire” la risposta immunitaria in questo modo contribuisca allo sviluppo della tolleranza contro i tumori”.»

Quindi, per riassumere gli effetti in parole povere, il passaggio dagli anticorpi IgG neutralizzanti specifici del picco agli anticorpi IgG4 fa passare il tuo corpo dalla modalità di soppressione del tumore alla modalità di progressione del tumore, poiché le cellule cancerose ora possono eludere il tuo sistema immunitario. Diventi “tollerante al tumore” poiché il tuo sistema immunitario non cerca più ed elimina le cellule tumorali. Mowrey sottolinea inoltre che:12

«“Una volta che una cellula B è passata a IgG4, non può passare a nessun’altra sottoclasse di IgG, poiché i geni per tutti gli altri modelli di base sono stati scartati. Tutti i cloni futuri di questa cellula B codificheranno per il recettore/anticorpo IgG4 per l’antigene in domanda.”»

Quali altri effetti sulla salute possono derivare?

Per chiarimenti, IgG4 è una sottoclasse del tipo di anticorpo immunoglobulina G (IgG) che risponde all’esposizione ripetuta e/oa lungo termine a un antigene. L’iniezione di mRNA valutata qui era quella di Pfizer ed è stata confrontata con l’iniezione basata su vettori virali di Janssen. Lo scatto di Moderna non è stato incluso. In particolare, questi risultati non sono stati trovati tra le persone che hanno ricevuto il colpo di Janssen, solo il colpo Comirnaty di Pfizer.

Comirnaty … induce uno spostamento da una compensazione virale a una classe di anticorpi che induce tolleranza, e questo non è lo status quo per i vaccini tradizionali o le infezioni naturali. Il problema principale qui è… non abbiamo idea degli effetti di questo “effetto”.

~ Jessica Rose, Ph.D.

Come notato da Rose: 13

«“… la linea di fondo qui è che il prodotto Comirnaty … induce uno spostamento da una compensazione virale a una classe di anticorpi che induce tolleranza, e questo non è lo status quo per i vaccini tradizionali o le infezioni naturali. Il problema principale qui è… non abbiamo idea degli effetti di questo ‘effetto'”.»

Detto questo, possiamo guardare cosa succede nelle persone con malattia correlata a IgG4 e iniziare a formulare ipotesi da lì. Come spiegato da Rose, un segno distintivo della malattia correlata alle IgG4 è la fibrosi, cioè la cicatrizzazione dei tessuti, che può portare a disfunzione d’organo, insufficienza d’organo e persino morte se non trattata.

Rose sta ora ricercando i possibili collegamenti tra questo scambio di anticorpi ed i depositi bianchi filamentosi trovati nelle persone colpite da COVID che sono morte. Potrebbe essere una nuova forma di malattia del tessuto connettivo?

Oltre al potenziale per le cellule tumorali di impazzire (come discusso nella sezione precedente), il dominio IgG4 può anche avere gravi implicazioni autoimmuni visto come la proteina del vaccino COVID spike condivide somiglianze con le proteine ​​umane.

«“Il mimetismo molecolare è stato dimostrato14 in più pubblicazioni come un potenziale problema per quanto riguarda la proteina spike per cui è stato dimostrato che condivide motivi con proteine ​​​​umane”, scrive Rose.15 “Ciò significa che il potenziale di autoimmunità contro queste proteine ​​umane è chiaro e presente.

Nel contesto di questa recente pubblicazione che mostra un pool di IgG4 dominante, devo chiedermi quali siano le implicazioni di questo pool dominante per il mimetismo molecolare. Questi anticorpi IgG4 sono in grado di tollerare nel contesto della nostra stessa proteina?”»

Risorse per i feriti dal vaccino COVID

Se hai ricevuto uno o più vaccinazioni ed hai subito un infortunio, prima di tutto, non prendere mai un altro richiamo COVID, un’altra iniezione di terapia genica dell’mRNA o un vaccino regolare. Devi porre fine all’assalto al tuo sistema.

Lo stesso vale per chiunque abbia preso uno o più vaccini COVID e abbia avuto la fortuna di non sperimentare effetti collaterali debilitanti. La tua salute potrebbe ancora risentirne a lungo termine, quindi non fare altre iniezioni.

Quando si tratta di trattamento, ci sono ancora più domande che risposte e la maggior parte dei medici non ha idea di cosa fare, in parte perché non si sono mai presi la briga di somministrare un trattamento precoce per COVID e quindi non capiscono in che modo diversi farmaci e integratori influenzino il picco della proteina.

Finora, sembra che molti dei trattamenti che hanno funzionato contro la grave infezione da COVID-19 aiutino anche a migliorare gli effetti avversi del vaccino. Questo ha senso, poiché la parte tossica e più dannosa del virus è la proteina spike, ed è ciò che tutto il tuo corpo sta producendo se hai il vaccino.


Disclaimer: il contenuto di questo articolo si basa sulle opinioni del Dr. Mercola, se non diversamente specificato. I singoli articoli si basano sulle opinioni del rispettivo autore, che conserva i diritti d’autore come contrassegnati. Le informazioni contenute in questo sito Web non intendono sostituire un rapporto individuale con un operatore sanitario qualificato e non istituire un consiglio medico. È inteso come una condivisione di conoscenze e informazioni provenienti dalla ricerca e dall’esperienza del Dr. Mercola e della sua comunità. Il Dr. Mercola ti incoraggia a prendere le tue decisioni sanitarie sulla base della tua ricerca e in collaborazione con un professionista qualificato sanitario. In caso di gravidanza, allattamento, assunzione di farmaci o condizioni mediche, consultare il proprio medico prima di utilizzare prodotti su questo contenuto.

I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore, se non di giorni.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

NON CI SONO COMPLOTTI

CI SONO PERSONE E FATTI

DOCUMENTATI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: