La vitamina D nella prevenzione del COVID-19

È probabilmente la strategia più semplice, meno costosa e più vantaggiosa che chiunque possa adottare per ridurre al minimo il rischio di COVID-19. Inoltre regola naturalmente…

La storia in breve
  • L’Accademia nazionale francese di medicina sottolinea l’importanza della vitamina D contro COVID-19 e raccomanda a tutti di assumere vitamina D supplementare. Per i pazienti COVID-19 di età superiore ai 60 anni, raccomandano il test della vitamina D e, se viene rilevata una carenza, una dose in bolo da 50.000 a 100.000 UI
  • Sebbene il test della vitamina D non sia stressato per le persone di età inferiore ai 60 anni, l’Agenzia francese raccomanda a chiunque abbia meno di 60 anni che riceva un test COVID-19 positivo di iniziare comunque a prendere da 800 UI a 1.000 UI di vitamina D al giorno
  • La vitamina D modula (può sovraregolare e sottoregolare secondo necessità) la funzione del sistema immunitario stimolando le cellule dentritiche (che rilevano la presenza di antigeni come virus o batteri) e i macrofagi (responsabili dell’attivazione delle risposte immunitarie e della distruzione dei patogeni)
  • La vitamina D regola e sopprime anche la risposta infiammatoria delle citochine. Ciò è particolarmente importante per COVID-19, poiché l’infiammazione fuori controllo (tempesta di citochine) è una delle principali cause di morte
  • Anche la Scozia e il Regno Unito stanno iniziando a prendere più seriamente la vitamina D. Il British Frontline Immune Support Team sta fornendo agli operatori del Servizio Sanitario Nazionale del Regno Unito vitamina C liposomiale, vitamina D e zinco gratuiti per rafforzare e regolare la loro funzione immunitaria
  • Modula (nel senso che può sovraregolare e sottoregolare secondo necessità) la funzione del sistema immunitario stimolando le cellule dendritiche (che rilevano la presenza di antigeni come virus o batteri) e i macrofagi (responsabili dell’attivazione delle risposte immunitarie e della distruzione dei patogeni)
  • Regola e sopprime la risposta infiammatoria delle citochine.4 La capacità di sottoregolare la risposta infiammatoria è particolarmente importante per COVID-19, poiché l’infiammazione fuori controllo (tempesta di citochine) è una delle principali cause di morte

Vitamina D — Un eccellente coadiuvante per qualsiasi terapia

La vitamina D può ridurre il rischio di infezione abbassando la velocità con cui il virus si replica e riducendo le citochine pro-infiammatorie che danneggiano i polmoni, portando alla polmonite. Aiuta anche ad aumentare le concentrazioni di citochine antinfiammatorie che possono aiutare a proteggere i polmoni.

SARS-CoV-2 è un virus avvolto, il che significa che è più difficile per il tuo sistema immunitario identificarlo e distruggerlo. Tuttavia, livelli più elevati di vitamina D sono inversamente associati all’infezione da molti altri virus avvolti, tra cui dengue, epatite, herpes, HIV, rotavirus, virus respiratorio sinciziale e influenza.19, 20 Dovremo aspettare e vedere se lo stesso vale per SARS-CoV-2, ma è probabile che lo farà.
La vitamina D rafforza le giunzioni cellulari, rendendo così più difficile l’ingresso dei virus attraverso gli occhi, le orecchie, i polmoni e le mucose. Questo a sua volta rende meno probabile che l’infezione migri verso i polmoni.21
La vitamina D può ridurre il rischio di infezione abbassando la velocità con cui il virus si replica e può ridurre le citochine pro-infiammatorie che danneggiano i polmoni, portando alla polmonite. Aiuta anche ad aumentare le concentrazioni di citochine antinfiammatorie che possono aiutare a proteggere i polmoni. Per questi motivi, i ricercatori suggeriscono che le persone a rischio di COVID-19 dovrebbero assumere:22 “… 10.000 UI/die di vitamina D3 per alcune settimane per aumentare rapidamente le concentrazioni di 25(OH)D, seguite da 5000 UI/die. L’obiettivo dovrebbe essere quello di aumentare le concentrazioni di 25(OH)D sopra i 40-60 ng/ mL (100-150 nmol/L).”
La vitamina D è un componente importante nella prevenzione e nel trattamento dell’influenza23 e delle infezioni del tratto respiratorio superiore.24 Sebbene la vitamina D non sembri avere un effetto diretto sul virus stesso, rafforza la funzione immunitaria, consentendo così all’organismo ospite di combattere il virus in modo più efficace.25 Come dettagliato in “La vitamina D previene le infezioni”, la ricerca mostra che l’integrazione di vitamina D ad alte dosi riduce del 40% il rischio di malattie respiratorie e infezioni polmonari negli anziani. Come notato da un autore di quello studio, “la vitamina D può migliorare la capacità del sistema immunitario di combattere le infezioni perché rafforza la prima linea di difesa del sistema immunitario”. Come accennato in precedenza, la vitamina D sopprime anche i processi infiammatori e inibisce la produzione eccessiva di citochine proinfiammatorie che danno origine a una tempesta di citochine.26 Nel complesso, questo potrebbe rendere la vitamina D molto utile contro il COVID-19, perché mentre il tuo corpo richiede una robusta funzione immunitaria per combattere il virus, un sistema immunitario iperattivato è anche responsabile della tempesta di citochine che vediamo nell’infezione da COVID-19 e che può portare alla morte.
La vitamina D sovraregola la produzione di catelicidina umana, LL-37, che ha attività antimicrobiche e antiendotossine.27
È stato dimostrato che l’integrazione di vitamina D protegge dalle infezioni respiratorie acute.28 L’integrazione giornaliera o settimanale (rispetto a dosi in bolo non frequenti) di vitamina D ha avuto il massimo effetto protettivo in quelli con i livelli di vitamina D più bassi.29 In uno studio,30 persone con grave carenza di vitamina D che hanno assunto un supplemento giornaliero o settimanale hanno dimezzato il rischio di infezione respiratoria, mentre la somministrazione acuta di alte dosi in bolo di vitamina D non ha avuto un impatto significativo sul rischio di infezione.
L’analisi dei dati31 di GrassrootsHealth mostra che le persone con un livello di vitamina D di almeno 40 ng/ml hanno ridotto il rischio di raffreddore del 15% e di influenza del 41%, rispetto a quelle con un livello inferiore a 20 ng/ml.
Il documento di revisione della vitamina D32 “Evidence That Vitamin D Supplementation Could Reduce Risk of Influenza and COVID-19 Infections and Death”, pubblicato sulla rivista Nutrients, 2 aprile 2020, in cui si afferma che: “Per ridurre il rischio di infezione, si raccomanda alle persone a rischio di influenza e/o COVID-19 di prendere in considerazione l’assunzione di 10.000 UI/die di vitamina D35000 per alcune settimane per aumentare rapidamente le concentrazioni di 25(OH)D, seguite da UI/gg. L’obiettivo dovrebbe essere quello di aumentare le concentrazioni di 25(OH)D al di sopra di 40–60 ng/mL (100–150 nmol/L). più elevate di vitamina D3″. Per il trattamento delle persone che vengono infettate da COVID- 19, potrebbero essere utili dosi
In uno studio33 che ha esaminato i dati di 780 pazienti COVID-19 in Indonesia, quelli con un livello di vitamina D compreso tra 20 ng/mL e 30 ng/mL avevano un rischio di morte sette volte superiore rispetto a quelli con un livello superiore a 30 ng/mL . Avere un livello inferiore a 20 ng/ml era associato a un rischio di morte 12 volte superiore.
La ricerca34, 35 pubblicata sul server di prestampa MedRxiv il 10 giugno 2020, riporta che una combinazione di vitamina D3, B12 e magnesio ha inibito la progressione di COVID-19 nei pazienti di età superiore ai 50 anni, con conseguente “una significativa riduzione della percentuale di pazienti con deterioramento clinico che richiede supporto di ossigeno e/o supporto di terapia intensiva”.
“The Role of Vitamin D in the Prevention of Coronavirus Disease 2019 Infection and Mortality”36 – che ha esaminato i livelli medi di vitamina D e il numero di casi di COVID-19 e i tassi di mortalità in 20 paesi europei – ha riscontrato livelli inferiori di vitamina D correlati con maggiori casistiche e mortalità. Gli autori hanno concluso: “Riteniamo di poter consigliare l’integrazione di vitamina D per proteggere dall’infezione da SARS-CoV2”.
I ricercatori della Northwestern University riferiscono di aver trovato una relazione inversa tra vitamina D e CRP, un marker per l’infiammazione. Quelli con CRP più alto avevano vitamina D più bassa e viceversa. Secondo gli autori:37 “I dati a livello di paziente COVID-19 mostrano un OR notevole di 3,4 … per un’elevata CRP nei pazienti con COVID-19 grave. Dato che la PCR è un marcatore surrogato per la tempesta di citochine ed è associata alla carenza di vitamina D, sulla base di dati retrospettivi e prove indirette vediamo un possibile ruolo della vitamina D nel ridurre le complicanze attribuite all’infiammazione non regolata e alla tempesta di citochine. Sono necessarie ulteriori ricerche per tenere conto di altri fattori attraverso la misurazione diretta dei livelli di Vit D nei pazienti con COVID-19″.
“The Possible Role of Vitamin D in Suppressing Cytokine Storm and Associated Mortality in COVID-19 Patients”,38, 39 pubblicato sul portale di prestampa medRxiv il 18 maggio 2020, riferisce di aver trovato una forte correlazione tra grave carenza di vitamina D e tassi di mortalità più elevati in paesi in tutto il mondo. I ricercatori attribuiscono questo a una connessione tra bassa vitamina D e alto rischio di tempeste di citochine. L’analisi suggerisce che livelli più elevati di vitamina D nella popolazione generale potrebbero dimezzare la mortalità riducendo le complicanze.40

Disclaimer: il contenuto di questo articolo si basa sulle opinioni del Dr. Mercola, se non diversamente specificato. I singoli articoli si basano sulle opinioni del rispettivo autore, che conserva i diritti d’autore come contrassegnati. Le informazioni contenute in questo sito Web non intendono sostituire un rapporto individuale con un operatore sanitario qualificato e non istituire un consiglio medico. È inteso come una condivisione di conoscenze e informazioni provenienti dalla ricerca e dall’esperienza del Dr. Mercola e della sua comunità. Il Dr. Mercola ti incoraggia a prendere le tue decisioni sanitarie sulla base della tua ricerca e in collaborazione con un professionista qualificato sanitario. In caso di gravidanza, allattamento, assunzione di farmaci o condizioni mediche, consultare il proprio medico prima di utilizzare prodotti su questo contenuto.

I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore, se non di giorni.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

NON CI SONO COMPLOTTI

CI SONO PERSONE E FATTI

DOCUMENTATI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: