Intelligenza artificiale e rischio nucleare

Nel dibattito pubblico, e anche sui media, si sente spesso paragonare la nuova tensione internazionale tra potenze alla Guerra fredda. In realtà il sistema internazionale odierno sembra prendere più una forma multipolare, mentre la Guerra Fredda conclusasi con la fine dell’Impero sovietico era caratterizzata soprattutto dal bipolarismo Usa-Urss. Per approfondire il confronto tra ieri eContinua a leggere “Intelligenza artificiale e rischio nucleare”

AGGIORNAMENTI DALLA STRATOSFERA: BURIAN AD INIZIO ANNO?

Di fiorentinomarco Il Burian ritornerà ad inizio anno? Oggi i modelli ci mostrano un importante peggioramento a carattere freddo per i giorni di Natale e S. Stefano con l’entrata franca della prima onda di carattere artico-continentale, alla quale seguirebbe in veloce sequenza una saccatura polare marittima, che stando alle ultime eleaborazioni, potrebbe interessare principalmente ilContinua a leggere “AGGIORNAMENTI DALLA STRATOSFERA: BURIAN AD INIZIO ANNO?”

IL TST EVENT SI COMPIE: STRATWARMING, INIZIA L’INVERNO QUELLO VERO

Si era detto più volte dell’andamento molto particolare della stratosfera quest’anno. Il VP non è stato mai stabile nel corso di questi mesi e nelle ultime settimane si è sviluppato un raro fenomeno di TST event che nei prossimi giorni porterà a termine un evento di STRATWARMING, da valutarne nell’entità e nei risvolti sul tempoContinua a leggere “IL TST EVENT SI COMPIE: STRATWARMING, INIZIA L’INVERNO QUELLO VERO”

Alpi senza ghiaccio durante la vita dell’uomo tirolese venuto dal freddo

Ovvero: Vette alpine libere dai chiacci da 3.000 a 4.000 metri fino a 5.900 anni fa Pascal Bohleber1,2 *, Margit Schwikowski3,4,5, Martin Stocker – Waldhuber1, Ling Fang3,5 e Andrea Fischer1 Scientific Reports (2020) 10:20513 | https://doi.org/10.1038/s41598-020-77518-9 Una conoscenza dettagliata del clima dell’Olocene e delle dinamiche dei ghiacciai è essenziale per lo sviluppo sostenibile nelle regioniContinua a leggere “Alpi senza ghiaccio durante la vita dell’uomo tirolese venuto dal freddo”

L’Artico è una bomba climatica a tempo: imminente una PEG

28 settembre 2020 | Cap Allon La crescita record del ghiaccio artico marino a cui si è assistito in questa stagione potrebbe effettivamente essere una buona notizia, ma non per le stesse ragioni che credono le orde di allarmisti climatici. Contraddicendo TUTTO quello che è stato detto dalla lobby del global warming, si pensa cheContinua a leggere “L’Artico è una bomba climatica a tempo: imminente una PEG”

Scoperto pianeta con orbita stranissima simile a quella dell’ipotetico “pianeta nove”

Un team di astronomi si sta interessando ad un grosso pianeta gassoso, denominato HD 106906 b, orbitante intorno ad una stella binaria distante 366 anni luce da noi. La caratteristica più interessante di questo pianeta, infatti, sta nel fatto che ha un’orbita molto strana e distante dalla doppia stella, molto lontano anche da un discoContinua a leggere “Scoperto pianeta con orbita stranissima simile a quella dell’ipotetico “pianeta nove””

Negare il falso consenso

19 dicembre 2020 – Cap Allon Del dottor Roger Higgs L’abstract di 500 parole sotto è il culmine di 5 anni di ricerca indipendente sull’intera letteratura scientifica relativa al cambiamento climatico (non solo la “scienza del clima”, che è fatalmente influenzata dalla sua dipendenza “per i finanziamenti” dalla credenza pubblica in una emergenza climatica “dovutaContinua a leggere “Negare il falso consenso”

Ludhiana soffre il 16 dicembre più freddo nella storia registrata

17 dicembre 2020, Cap Allon Dalla fine di settembre, il freddo record è rimasto su 3,287 milioni di km² della nazione indiana, colpendo i suoi 1,4 miliardi di persone, e dalla fine di settembre questa notizia non è stata riportata dal MSM.

La Variabilità Climatica Multidecennale – Due tesi a Confronto

Due recenti  lavori (Scafetta et al, 2020 e Mann et al., 2020) ci portano a riflettere sulle cause e la rilevanza per il clima globale della variabilità multidecennale, quella cioè espressa da indici atmosferici e oceanici  come AMO, NAO e PDO.

Gli allarmisti climatici utilizzano la paura per infondere obbedienza totale

Ciò che tutta questa paura significa davvero è che gli esperti non saranno mai soddisfatti della quantità di potere che hanno, indipendentemente da quanto controllo abbiano sull’atmosfera terrestre e sulle politiche degli Stati. Vorranno sempre una pianificazione economica più centrale, più governance globale, più fondi per alterare la Terra e obbedienza perpetua ai loro programmiContinua a leggere “Gli allarmisti climatici utilizzano la paura per infondere obbedienza totale”