I nuovi signori del carbonio circolare: ArcelorMittal, finanziamento completo dell’UE del progetto Steelanol


18 maggio 2020 | Jim Lane

A Bruxelles, la Banca europea per gli investimenti, con il sostegno della Commissione europea, ha concesso un prestito di 75 milioni di EUR (quasi $ 82 milioni di USD) ad ArcelorMittal per Steelanol, l’impianto di dimostrazione su scala industriale da 165 milioni di EUR ($ 180 milioni di USD) basato su Il processo di LanzaTech, che cattura i gas di scarico dall’altoforno e li converte biologicamente in etanolo da carbonio riciclato.

Resta da chiedersi se Taranto beneficerà di qualcosa in termini di soldi o di tecnologia per la riconversione.

Continua a leggere “I nuovi signori del carbonio circolare: ArcelorMittal, finanziamento completo dell’UE del progetto Steelanol”

DARPA: UNA VISIONE DI INSIEME DELLA GUERRA A MOSAICO

Di Stew Magnuson
Inizia con una selezione di piastrelle di diversi colori e forme e puoi assemblare migliaia di immagini di mosaico diverse. La composizione del mosaico è diventata una metafora importante per il Dr. Thomas J. Burns, che con i suoi colleghi della DARPA immagina i comandanti combattenti del futuro spillare da una lista di sistemi di armi con equipaggio e senza equipaggio e affiancarli in un piano di battaglia.

Continua a leggere “DARPA: UNA VISIONE DI INSIEME DELLA GUERRA A MOSAICO”

Il COVID19 e le Emissioni di PM10 di origine Zootecnica in Lombardia

Scrive il sito ClimateMonitor: Ho avuto occasione di leggere lo scritto di Luigi Mariani “EMISSIONI DI PM10 DI ORIGINE ZOOTECNICA IN LOMBARDIA – Impatto ambientale e rapporti con l’epidemia di Covid19“, uscito nella sezione “Agricoltura è cultura” della Società agraria di Lombardia, associazione culturale nata nel 1861 per iniziativa di imprenditori agricoltori e scienziati con lo scopo di promuovere l’innovazione nell’agricoltura lombarda. A questo link trovate il PDF.

Continua a leggere “Il COVID19 e le Emissioni di PM10 di origine Zootecnica in Lombardia”

Programmi di modifica clandestini – Avvelenamento da metalli pesanti e lesioni cerebrali


Questo documento è un po’ datato. Ho dovuto ricostruire i link in quanto dei siti risultano chiusi e quindi non raggiungibili. La fortuna è che c’è una rete di attivisti e stiti internet dedicati a questo spinoso e ultra decennale problema, che lo hanno salvato e pubblicato. L’articolo descrive quanto succedeva un decennio fa in USA e Canada ma l’atmosfera non ha confini politici, l’aria permea l’intero pianeta e quindi tutti ne respiriamo i veleni in essa contenuti. L’Europa non è da meno, anzi in questo ultimo decennio abbiamo tutti visto (quelli che si sono preoccupati di guardare il cielo) come siano aumentate le operazioni di geoingegneria clandestina e di conseguenza l’inquinamento da nano particolati metallici. Ho aggiunto anche dei link dove necessitava un approfondimento aggiornato e dove trovare i libri citati. L’articolo originale in lingua inglese è conservato nella sezione documenti del sito geoengineeringwatch. Buona lettura.

7 maggio 2010

© A cura della dott.ssa Ilya Sandra Perlingieri

Da decenni sappiamo che i metalli pesanti e le sostanze chimiche possono causare gravi danni fisici. Tornando a “Silent Spring” di Rachel Carson, abbiamo conosciuto e siamo stati ampiamente avvertiti delle gravi conseguenze dell’uso o dell’esposizione a questi veleni nelle nostre attività quotidiane. Migliaia di questi sono agenti cancerogeni ben documentati.

Continua a leggere “Programmi di modifica clandestini – Avvelenamento da metalli pesanti e lesioni cerebrali”

Bill Gates spiega che il vaccino Covid utilizzerà la tecnologia sperimentale e altererà permanentemente il tuo DNA

Pubblicato il 15 maggio 2020
Alex Pietrowski

“Attualmente, non esistono vaccini RNA approvati per uso umano.” ~ Wikipedia

Un vaccino RNA è un nuovo tipo di vaccino per fornire l’immunità acquisita attraverso un vettore contenente RNA, come le nanoparticelle lipidiche. Proprio come i normali vaccini, i vaccini RNA hanno lo scopo di indurre la produzione di anticorpi che si legano a potenziali agenti patogeni. La sequenza di RNA codifica per antigeni, proteine ​​identiche o simili a quelle dell’agente patogeno. Al momento della consegna del vaccino nel corpo, questa sequenza viene tradotta dalle cellule ospiti per produrre gli antigeni codificati, che quindi stimolano il sistema immunitario adattativo del corpo a produrre anticorpi contro il patogeno. Attualmente, non esistono vaccini RNA approvati per uso umano. I vaccini a RNA offrono molteplici vantaggi rispetto ai vaccini a DNA in termini di produzione, somministrazione e sicurezza e hanno dimostrato di essere promettenti negli studi clinici che hanno coinvolto l’uomo. Si ritiene inoltre che i vaccini a base di RNA possano essere utilizzati per il cancro oltre alle malattie infettive. Molte aziende tra cui CureVac lavorano nello sviluppo di vaccini RNA e un certo numero di vaccini RNA sono in fase di sviluppo per combattere la pandemia di COVID-19. Invece di istruire le persone su come migliorare la loro salute generale o aumentare la loro immunità con cibi sani, integratori di qualità e attività fisica, i poteri che stanno dicendo al mondo che l’unico modo per sopravvivere alla crisi del Coronavirus è accelerare lo sviluppo di un vaccino e quindi iniettare ogni essere umano sul pianeta. Il governo degli Stati Uniti e le principali città come Chicago stanno già andando avanti con piani per utilizzare le risorse del governo e le forze armate per distribuire centinaia di milioni di dosi di vaccini agli americani entro la fine dell’anno.

Continua a leggere “Bill Gates spiega che il vaccino Covid utilizzerà la tecnologia sperimentale e altererà permanentemente il tuo DNA”

Defense Advanced Research Projects Agency – DARPA

DARPA L’icona dell’innovazione a 60 anni dalla fondazione

Di Richard H. Van Atta(1)

L’Agenzia per la difesa avanzata dei progetti di ricerca (DARPA) è un’icona dell’innovazione. Ha creato molte tecnologie rivoluzionarie che hanno rivoluzionato la difesa, tra cui la segretezza, i sistemi aerei senza equipaggio e le munizioni guidate con precisione. Molte tecnologie sviluppate dalla DARPA hanno avuto impatti sociali ed economici tra cui ricevitori GPS portatili, nuovi tipi di chip per computer, software di riconoscimento vocale, computer interattivi e personali e, soprattutto, ARPANET e il suo successore, Internet. L’attuale ricerca DARPA potrebbe anche avere un impatto drammatico sul futuro, compresi i veicoli a guida autonoma, i robot e gli esoscheletri e il calcolo cognitivo: computer che emulano l’elaborazione simile al cervello. Inoltre, DARPA ha promosso la creazione di importanti comunità tecniche, tra cui i campi della scienza dei materiali, delle reti di computer e della biologia ingegneristica.

Continua a leggere “Defense Advanced Research Projects Agency – DARPA”

IL “THIRD OFFSET” AMERICANO E LA IPER-GUERRA DEL FUTURO

5G, IOT, POLVERI INTELLIGENTI, A.I. …Tali sistemi costituiranno la base delle guerre future ancora più disumane. 


Articolo di Antonio Vecchio
Con il termine “Offset”(1), letteralmente compensazione, si intende nella dottrina militare USA una capacità operativa che consenta di bilanciare un divario esistente con un competitor.
L’arma nucleare fu considerata il “First Offset”. Durante la guerra fredda, l’ingente disponibilità di vettori e la capacità di reazione immediata per assicurare la Mutual Assured Distruction (MAD), consentirono a Washington di controbilanciare il vantaggio di Mosca sul piano delle forze schierate e in quello degli armamenti a disposizione.
Il “Second Offset” fu costituito, negli anno 80-90 del secolo scorso, dalla implementazione della Information Technology (IT), che assicurò agli USA, nella fase multilaterale apertasi al crollo dell’Unione Sovietica, la necessaria superiorità tecnologica per bilanciare le minacce multiformi, gran parte delle quali di natura asimmetrica, provenienti da attori statuali e non.

Continua a leggere “IL “THIRD OFFSET” AMERICANO E LA IPER-GUERRA DEL FUTURO”

‘O scienziato ‘nnamurato

Qualche giorno fa, timidamente, nelle note di cronaca rosa di qualche quotidiano nostrano, era emersa una storia piccante, da tabloid scandalistico britannico: un celebre scienziato inglese dell’Imperial College era stato sorpreso a violare il lockdown per andare a trovare la sua amante. Spinto da stato di necessità, si suppone (ognuno ha le sue, di necessità). Fatto sta, a seguito dello scandalo seguito alla violazione del lockdown, Neil Ferguson ha dovuto rassegnare le dimissioni da consulente scientifico del governo britannico in materia di coronavirus.

Continua a leggere “‘O scienziato ‘nnamurato”

Limiti di rilevazione dei cambiamenti dell’albedo indotti dall’ingegneria climatica

Dian J. Seidel1*, Graham Feingold2, Andrew R. Jacobson3 e Norman Loeb4

Una domanda chiave che circonda le proposte di ingegneria climatica aumentando il riflesso della Terra della luce solare è la fattibilità di rilevare aumenti di albedo ingegnerizzati da esperimenti di breve durata o attuazione prolungata della gestione delle radiazioni solari. Mostriamo che le osservazioni satellitari consentono il rilevamento di grandi aumenti, ma la variabilità interannuale travolge gli aumenti massimi possibili dell’albedo per alcuni schemi. Il rilevamento di un brusco aumento della media globale dell’albedo <0,002 (paragonabile a una riduzione di ~ 0,7 W m− 2 del forzante radiativo) sarebbe improbabile entro un anno, dato un record precedente di cinque anni. Un esperimento di tre mesi nella zona equatoriale (5°N – 5°S), un potenziale bersaglio per l’iniezione di aerosol stratosferico, dovrebbe causare un aumento di ~ 0,03 albedo, tre volte più grande di quello dovuto all’eruzione del Monte Pinatubo, per essere rilevato. I limiti di rilevazione per esperimenti di tre mesi in 1° (latitudine e longitudine) regioni del Pacifico subtropicale, possibili bersagli per schiarimento delle nuvole, sono ~ 0,2, che è maggiore di quanto ci si potrebbe aspettare da alcune simulazioni di modello.

Continua a leggere “Limiti di rilevazione dei cambiamenti dell’albedo indotti dall’ingegneria climatica”

AI GIOVANI. Tratto da: La ricerca della felicita’ di Jiddu Krishnamurti

Jiddu Krishnamurti

Sono quasi certo del fatto che questo scritto non arriverà, se non con grosse limitazioni e difficoltà a chi è indirizzato. I nostri giovani o pochissimi di essi conoscono e capiscono i tempi in cui viviamo, del resto anche molti cosiddetti adulti si rifiutano di comprendere la gravità del momento. Del resto, anche se forzatamente a casa i loro interessi non comprendono pensieri e parole che li aiutino nel loro futuro di uomini e donne consapevoli della loro appartenenza ad una società, ad una storia e ad un futuro condiviso. I nostri giovani per larga parte del loro tempo sono proprietà della scuola alla quale noi adulti li consegniamo fiduciosi… più che altro fiduciosi di saperli in un posto sicuro e che noi possiamo andare a lavorare senza troppi patemi d’animo. Ma sembra che la scuola stessa sia preda di interessi che hanno poco a che fare con l’uomo e che sia inglobata in una ideologia per creare schegge isolate in un sistema a cui non interessa la cultura ma che si sappia lo stretto necessario a quel che si deve fare nella vita. E meno si sa del mondo che ci governa più questo ha la certezza di prosperare a lungo.

Il futuro dei nostri giovani si chiama ignoranza cognitiva e schiavitù.

Continua a leggere “AI GIOVANI. Tratto da: La ricerca della felicita’ di Jiddu Krishnamurti”