Riscaldamento globale: una prospettiva agghiacciante

  • Una breve storia di ere glaciali e riscaldamento
  • Cause del cambiamento climatico globale
  • Giocare con i numeri
  • Una questione di opinione
  • Svelare il record di temperatura della Terra
  • Arresto del cambiamento climatico

Una breve storia di ere glaciali e riscaldamento

Il riscaldamento globale è iniziato molto prima della “Rivoluzione industriale” e dell’invenzione del motore a combustione interna. Il riscaldamento globale iniziò 18.000 anni fa quando la terra iniziò a scappare dall’era glaciale del Pleistocene, un periodo in cui gran parte del Nord America, Europa e Asia giacevano sepolti sotto grandi lastre di ghiaccio glaciale.

Continua a leggere “Riscaldamento globale: una prospettiva agghiacciante”

Geoingegneria: cieli più bianchi?

Geoingegneria: cieli più bianchi?

Ben Kravitz,1 Douglas G. MacMartin,2 e Ken Caldeira1
Ricevuto il 9 marzo 2012; rivisto il 1 maggio 2012; accettato il 2 maggio 2012; pubblicato il 1 giugno 2012.

  1. Dipartimento di ecologia globale, Carnegie Institution for Science, Stanford, California, USA.
  2. Dipartimento di controllo e sistemi dinamici, California Institute of Technology, Pasadena, California, USA.
    Autore corrispondente: B. Kravitz, Dipartimento di ecologia globale, Carnegie Institution for Science, 260 Panama St., Stanford, CA 94305, USA. (Bkravitz@carnegie.stanford.edu)
    Copyright 2012 dell’American Geophysical Union.
    0094-8276/12/2012GL051652

[1] Un effetto collaterale proposto della geoingegneria con aerosol di solfato stratosferico è lo sbiancamento del cielo durante il giorno e il bagliore vicino al tramonto, come si vede dopo grandi eruzioni vulcaniche. Gli aerosol di solfato nella stratosfera aumenterebbero la luce diffusa ricevuta in superficie, ma con una distribuzione spettrale non uniforme. Usiamo un modello di trasferimento radiativo per calcolare l’irradiazione spettrale per distribuzioni idealizzate delle dimensioni degli aerosol di solfato. Una riduzione del 2% dell’irraggiamento totale, circa sufficiente per compensare il riscaldamento antropogenico per un raddoppio delle concentrazioni di CO2, illumina il cielo (aumento della luce diffusa) da 3 a 5 volte, a seconda della distribuzione delle dimensioni dell’aerosol. L’aumento relativo è inferiore quando nelle nostre simulazioni sono inclusi cirri otticamente sottili. Le particelle con raggi piccoli hanno poca influenza sulla forma degli spettri.
Le particelle di raggio ~ 0,5 mm aumentano preferenzialmente l’irradiazione diffusa nelle lunghezze d’onda rosse, mentre le particelle grandi (~ 0,9 mm) aumentano preferibilmente l’irradiazione diffusa nelle lunghezze d’onda blu. Gli spettri mostrano pochi cambiamenti nella lunghezza d’onda dominante, indicando piccoli cambiamenti nella tonalità del cielo, ma tutte le distribuzioni delle dimensioni delle particelle producono un aumento della luce bianca rispetto alle condizioni di cielo sereno. Gli spettri del cielo diffuso nelle nostre simulazioni di geoingegneria con aerosol stratosferici sono simili a quelli delle condizioni medie nelle aree urbane di oggi.
Citazione: Kravitz, B., D. G. MacMartin e K. Caldeira (2012), Geoingegneria: cieli più bianchi ?, Geophys. Res. Lett., 39, L11801, doi:10.1029/2012GL051652.

Continua a leggere “Geoingegneria: cieli più bianchi?”

Non c’è alcuna emergenza climatica!

Di Charles Rotter – 22 Maggio 2020

Ripubbicato da edmhdotme

Cosa succede se non vi è alcun rischio catastrofico dal riscaldamento globale causato dall’uomo?

Cosa accadrebbe se le emissioni di CO2 generate dall’uomo non fossero la “manopola del controllo climatico”?

Cosa succede se le emissioni di CO2 o artificiali in realtà sono  un non-problema?

E se ci fosse una vera catastrofe di raffreddamento globale in arrivo?

È la propaganda degli allarmisti catastrofici del riscaldamento globale/cambiamento climatico che ha confuso illogicamente l’anidride carbonica, il benefico gas traccia che sostiene la fotosintesi e quindi tutta la vita sulla Terra e che può causare un lieve riscaldamento, con inquinanti reali e pericolosi per creare il “Grande Spavento del riscaldamento globale/Spavento dei cambiamenti climatici/Emergenza climatica/eccetera”, con la loro  “narrazione di tutti” nei prossimi anni.

Continua a leggere “Non c’è alcuna emergenza climatica!”

Doppia catastrofe: geoingegneria stratosferica intermittente indotta dal collasso della società

Questo paper è uno scenario e deve essere letto come tale. È un documento redatto con fini politici per indurre Stati e governi a non interrompere i programmi di modifica del tempo. I programmi di geoingegneria attuati degli stati possiamo senza giri di parole definirli illegali in quanto non sono stati discussi in nessuna aula di parlamento, e se lo sono stati erano e sono inseriti all’interno di altri pacchetti di leggi che poco hanno a che fare con la difesa dell’ambiente, delle persone e delle comunità umane, nonché dell’agricoltura e della natura in generale. È stato dimostrato scientificamente che la CO2 non è un gas serra ed è svincolata dal dogma imperante «anidride carbonica-temperature globali». È stato altresì dimostrato che non esiste nessun «global warming» se non una normale ciclicità del clima dovuta essenzialmente alle variazioni solari undecadali: i cicli solari. La diffusione di questo tipo di documenti esiste attraverso un vasto programma di propaganda atto a mantenere in essere la geoingegneria clandestina e i lauti guadagni che essa comporta, a partire dalle sovvenzioni che atenei e Tink-Tank d’assalto si spartiscono con grande soddisfazione. Questo documento inizia con il falso assioma che l’aumento delle temperature causerebbe un aumento significativo di fenomeni atmosferici e climatici fuori scala, con gravi danni ad infrastrutture, industrie e qualità della vita in rapida discesa se non addirittura il collasso generalizzato della società. Nella vita e nella storia climatica reale esiste invece la certezza che la società umana si espande e si evolve durante i periodi caldi piuttosto che in quelli freddi. Clima umido e/o freddo causa invece un declino della stessa con perdita di raccolti agricoli e crisi di approvvigionamento alimentare, malattie, guerre per il controllo di aree adatte alla coltivazione e migrazioni di popolazioni da ambienti freddi verso ambienti più caldi. Questo documento è agli antipodi con le più banali conoscenze sul clima, un atto di terrorismo scientifico che i governi usano per blandire ed ingannare la popolazione a favore di enormi interessi economici. (I grassetti sono miei)

Megachiroptera

Continua a leggere “Doppia catastrofe: geoingegneria stratosferica intermittente indotta dal collasso della società”

Meditazioni sull’odio

Pubblicato da Andrew Joyce • May 18, 2020

“La natura sembra fatta di antipatie: senza qualcosa da odiare, dovremmo perdere la primavera stessa del pensiero e dell’azione. … L’odio da solo è immortale.”
William Hazlitt, 1826

Nessun sentimento umano è stato più diffamato, calunniato, abusato e sottratto alla cultura contemporanea dell’odio umile e dignitoso. Guerre sono state dichiarate contro di esso. La legislazione cerca ovunque di strangolarlo. È stato presentato come la fonte di tutti i mali e come il grande nemico del nostro tempo. Questa emozione primordiale è il figliastro dai capelli rossi del nostro spettro psicologico contemporaneo e l’esilio del nostro linguaggio politico, sempre presente ma coperto da imbarazzo, vergogna o sotterfugio. Intere categorie di delitti e discorsi sono stati segregati sotto la rubrica dell’odio e messi da parte per punizioni particolarmente dure. I “fatti di odio” sono realtà provabili presumibilmente contaminate dall’odio, e rappresentano quindi aspetti dell’esistenza materiale ritenuti così terribili da essere negati nonostante la loro evidente verità.

Continua a leggere “Meditazioni sull’odio”

Il picco “lunare” di 18.6 anni in 63 spettri di dati mareografici

Postato da Franco Zavatti il 21 maggio 2020

In articoli precedenti (quiquiqui e qui) della serie che ha cercato situazioni climatiche in cui si manifestasse il massimo spettrale di 18.6 anni (ciclo della linea dei nodi lunare), si è messo in evidenza come in alcuni casi di misure del livello marino questo massimo fosse presente. D’altra parte l’influenza lunare sulle maree è indiscutibile e quindi dobbiamo aspettarci che anche l’oscillazione della linea dei nodi lasci qualche traccia nelle serie di misure di marea.

Continua a leggere “Il picco “lunare” di 18.6 anni in 63 spettri di dati mareografici”

FURTHERMOORE La storia intrecciata della DARPA e della Legge di Moore

Di William Chappell

Nel 1965, il leggendario pioniere della tecnologia Gordon Moore ci ha messo in un’odissea di 50 anni così consequenziale che è difendibile pensare ai nostri tempi come “l’era della microelettronica”. In un breve articolo pubblicato quell’anno nella rivista Electronics intitolato “Cramming more component” sui circuiti integrati, “Moore ha predetto una traiettoria di progresso in cui il conteggio dei transistor dei circuiti integrati raddoppierà all’incirca ogni due anni mentre il costo per transistor diminuirà”. Quando il giornale di tre pagine fu pubblicato per la prima volta in questa rivista di settore di nicchia, i primi lettori non avrebbero potuto immaginare l’impatto che avrebbe avuto sull’industria elettronica. Tuttavia, da questi umili inizi è emersa la linea di progresso che oggi conosciamo come la Legge di Moore.

Continua a leggere “FURTHERMOORE La storia intrecciata della DARPA e della Legge di Moore”

Nord Atlantico: La Corrente del Golfo si raffredda insolitamente, poiché i sistemi a bassa pressione portano aria più fredda dal Nord America, Incidendo sulla Corrente Oceanica

Di Andrej Flis  |  Meteo globale  |  20 maggio 2020

I modelli di pressione nelle ultime settimane sono stati molto dinamici. Soprattutto nel Nord America, abbiamo assistito a forti sistemi di bassa pressione nelle zone di est/nord-est. Questi sistemi di bassa pressione trasportano aria più fredda giù da nord e fuori nell’Oceano Atlantico settentrionale, raffreddando la regione della Corrente del Golfo a temperature inferiori alle normali.  

Continua a leggere “Nord Atlantico: La Corrente del Golfo si raffredda insolitamente, poiché i sistemi a bassa pressione portano aria più fredda dal Nord America, Incidendo sulla Corrente Oceanica”

Dr. Blaylock: le maschere per il viso pongono seri rischi per i sani

Pubblicato da: Russell Blaylock, MD, 11 maggio 2020

Il Dr. Russell Blaylock avverte che non solo le maschere per il viso non riescono a proteggere i sani dall’ammalarsi, ma creano anche gravi rischi per la salute di chi li indossa. La linea di fondo è che se non sei malato, non dovresti indossare una maschera.

Quando le aziende riaprono, molti richiedono agli acquirenti e ai dipendenti di indossare una maschera. Costco, ad esempio, non consentirà agli acquirenti di entrare nel negozio senza indossare una maschera. Molti datori di lavoro richiedono a tutti i dipendenti di indossare una maschera mentre sono al lavoro. In alcune giurisdizioni, tutti i cittadini devono indossare una maschera se si trovano al di fuori della propria casa. ⁃ Editor TN

Continua a leggere “Dr. Blaylock: le maschere per il viso pongono seri rischi per i sani”

I nuovi signori del carbonio circolare: ArcelorMittal, finanziamento completo dell’UE del progetto Steelanol

18 maggio 2020 | Jim Lane

A Bruxelles, la Banca europea per gli investimenti, con il sostegno della Commissione europea, ha concesso un prestito di 75 milioni di EUR (quasi $ 82 milioni di USD) ad ArcelorMittal per Steelanol, l’impianto di dimostrazione su scala industriale da 165 milioni di EUR ($ 180 milioni di USD) basato su Il processo di LanzaTech, che cattura i gas di scarico dall’altoforno e li converte biologicamente in etanolo da carbonio riciclato.

Resta da chiedersi se Taranto beneficerà di qualcosa in termini di soldi o di tecnologia per la riconversione.

Continua a leggere “I nuovi signori del carbonio circolare: ArcelorMittal, finanziamento completo dell’UE del progetto Steelanol”