Ultime cattive notizie sui vaccini COVID

Source: May 24, 2022; analysis by Dr. Joseph Mercola [>Fact Checked<]

Funzionari del governo continuano a negare le morti legate al colpo di mRNA COVID-19 di Pfizer. Negli Stati Uniti, al 10 maggio 2022, hanno riconosciuto solo nove decessi come causalmente associati all’iniezione di COVID-19 di Johnson e Johnson. Ma questo caso, che si è verificato nel Regno Unito, evidenzia i potenziali pericoli della miocardite indotta da iniezione.


La storia in breve
  • Una madre di due figli di 36 anni precedentemente sana è morta 11 giorni dopo aver ricevuto un’iniezione Pfizer COVID-19; la sua morte è stata ritenuta causata da miocardite dovuta al vaccino
  • Le chiamate di emergenza per arresto cardiaco e sindrome coronarica acuta sono aumentate di oltre il 25% tra i 16 e i 39 anni da gennaio a maggio 2021, rispetto allo stesso periodo di tempo nel 2019 e nel 2020
  • Pfizer ha deliberatamente escluso le donne incinte dalle prove di iniezione di COVID-19; la raccomandazione che i vaccini siano sicuri ed efficaci per le donne in gravidanza si basava su uno studio di 42 giorni che ha coinvolto 44 ratti
  • Una ricerca condotta dal Dipartimento della Salute dello Stato di New York ha rilevato che l’efficacia dei colpi è diminuita rapidamente tra i 5 e gli 11 anni, passando dal 68% a solo il 12%
  • Considerati gli effetti negativi e la mancanza di efficacia, in molti hanno chiesto l’immediato ritiro dei colpi

Una madre di due figli di 36 anni precedentemente in buona salute è morta 11 giorni dopo aver ricevuto un’iniezione Pfizer COVID-19.1 Inizialmente, la sua causa di morte era considerata inconcludente, ma in un’inchiesta, il patologo Dr. Sukhvinder Ghataura ha spiegato di credere al COVID-19 -19 è stato il colpo da incolpare. Ha detto al medico legale:2

« Sulla bilancia delle probabilità, aveva problemi legati al vaccino. Non c’è nient’altro per me su cui appendere il mio cappello. È la ragione più probabile, nella mia conclusione. È più che probabile che Dawn sia morta in risposta al vaccino Covid. »

Funzionari del governo continuano a negare le morti legate al colpo di mRNA COVID-19 di Pfizer. Negli Stati Uniti, al 10 maggio 2022, hanno riconosciuto solo nove decessi come causalmente associati all’iniezione di COVID-19 di Johnson e Johnson.3 Ma questo caso, che si è verificato nel Regno Unito, evidenzia i potenziali pericoli della miocardite indotta da iniezione.

Secondo Ghataura, la donna aveva diversi segni di miocardite o infiammazione del muscolo cardiaco, inclusa l’infiammazione del cuore, liquido nei polmoni e un piccolo coagulo nei polmoni.

Aveva anche riferito di irregolarità mestruali, dolore alla mascella e al braccio.4 Quando un membro della famiglia gli è stato chiesto se credeva che la donna sarebbe ancora viva oggi se non avesse ricevuto l’iniezione, Ghataura ha detto: “È una domanda difficile, ma lo farei dire di sì”.5


I vaccini contro il COVID-19 aumentano il rischio di infarto del 25% nei giovani

Al termine dell’inchiesta sulla morte della donna, l’assistente medico legale Alison McCormick ha dichiarato: “Fornisco la conclusione narrativa che la sua morte è stata causata da miocardite acuta, a causa della recente immunizzazione Covid-19”.6 La miocardite è un effetto avverso riconosciuto dell’mRNA Colpi di COVID-19,7 e uno che è stato nominato in altri decessi.

Il dottor Neil Singh Dhalla, amministratore delegato di un’importante clinica sanitaria, si è addormentato quattro giorni dopo aver ricevuto un’iniezione di richiamo per il COVID-19 ed è morto per un attacco di cuore.8 L’autopsia ha dichiarato la miocardite. Aveva solo 48 anni e non aveva mai avuto problemi cardiaci in vita sua. In un altro esempio, gli epidemiologi hanno confermato che due adolescenti di diversi stati degli Stati Uniti sono morti di miocardite pochi giorni dopo aver ricevuto l’iniezione di Pfizer.9

Entrambi avevano ricevuto una seconda dose di iniezione. In uno studio che ha esaminato i risultati dell’autopsia, è stato riferito che la “miocardite” descritta nella morte dei ragazzi “non è una tipica patologia della miocardite”:10

« La lesione miocardica osservata in questi cuori post-vaccino è diversa dalla tipica miocardite e ha un aspetto molto simile a una cardiomiopatia da stress (tossico) mediata da catecolamine. Comprendere che questi casi sono diversi dalla miocardite tipica e che la tempesta di citochine ha un noto circuito di feedback con le catecolamine può aiutare a guidare lo screening e la terapia. »

Uno straordinario studio pubblicato su Scientific Reports ha inoltre rivelato che le chiamate ai servizi medici di emergenza nazionali (EMS) israeliani per l’arresto cardiaco e la sindrome coronarica acuta sono aumentate di oltre il 25% tra i 16 e i 39 anni da gennaio 2021 a maggio 2021, rispetto a lo stesso periodo nel 2019 e nel 2020.11

I ricercatori hanno valutato l’associazione tra il volume delle chiamate e altri fattori, inclusi i colpi di COVID-19 e l’infezione da COVID-19, ma è stato trovato un collegamento solo per i vaccini:12

« Il conteggio settimanale delle chiamate di emergenza era significativamente associato ai tassi di 1a e 2a dose di vaccino somministrata a questo gruppo di età, ma non ai tassi di infezione da COVID-19.

Pur non stabilendo relazioni causali, i risultati sollevano preoccupazioni per quanto riguarda gli effetti collaterali cardiovascolari gravi non rilevati indotti dal vaccino e sottolineano la relazione causale già stabilita tra vaccini e miocardite, una causa frequente di arresto cardiaco inaspettato nei giovani. »


Le vaccinazioni COVID non sono state testate su donne in gravidanza

La Food and Drug Administration e la Pfizer degli Stati Uniti hanno tentato di nascondere i dati degli studi clinici sui colpi di COVID-19 per 75 anni. “Quando l’ho visto, è stato allora che sono diventato molto vocale e ho detto che si è verificata una frode. Come faccio a saperlo? Non ci mostreranno i dati clinici”, ha affermato l’ex portfolio manager di Blackrock Edward Dowd.13 Questa dovrebbe essere una bandiera rossa per tutti gli americani.

Ora che una causa ha costretto la FDA a rilasciare migliaia di documenti, stanno uscendo dati su ciò che stavano cercando di nascondere. Tra le rivelazioni c’è la prova che Pfizer ha deliberatamente escluso le donne incinte dalle prove di iniezione di COVID-19. Quindi, come hanno fatto a raccomandare che i colpi siano sicuri ed efficaci per le donne incinte?

Ciò si basava su uno studio di 42 giorni che ha coinvolto 44 ratti.14 Inoltre, uno studio sui ratti Pfizer-BioNTech ha rivelato che l’iniezione ha più che raddoppiato l’incidenza della perdita preimpianto e ha anche portato a una bassa incidenza di malformazioni della bocca/mascella, gastroschisi (un difetto alla nascita della parete addominale) e anomalie dell’arco aortico destro e delle vertebre cervicali nei feti.15

Secondo l’Institute for Pure and Applied Knowledge (IPAK), uno studio sponsorizzato dal CDC che è stato ampiamente utilizzato per supportare la raccomandazione degli Stati Uniti di iniettare le donne in gravidanza “presenta statistiche falsamente rassicuranti relative al rischio di aborto spontaneo all’inizio della gravidanza”.16

Quando il rischio di aborto spontaneo è stato ricalcolato per includere tutte le donne iniettate prima della 20 settimana di gestazione, l’incidenza era da sette a otto volte superiore a quella indicata dallo studio originale, con un’incidenza cumulativa di aborto spontaneo compresa tra l’82% e il 91%.

In uno dei documenti è anche sepolta la dichiarazione: “La valutazione clinica di laboratorio ha mostrato una diminuzione transitoria dei linfociti che è stata osservata in tutte le età e gruppi di dosaggio dopo la Dose 1, che si è risolta entro circa una settimana …”17 Ciò significa che Pfizer sapeva che, nella prima settimana dopo l’iniezione, persone di tutte le età hanno sperimentato un’immunosoppressione transitoria, o in altre parole, un temporaneo indebolimento del sistema immunitario, dopo la prima dose.


Pfizer e FDA sapevano che i vaccini non erano “sicuri ed efficaci”

“Mi sembra – questa non è un’esagerazione rispetto a quello che ho visto – che si trattasse di una sperimentazione clinica che nell’agosto 2021, Pfizer e la FDA sapevano che i vaccini non erano sicuri ed efficaci”, ha affermato l’autrice investigativa Naomi Wolf. “Che non stavano funzionando. Che l’efficacia stava diminuendo… e che erano seriamente pericolosi. E lo hanno lanciato comunque.”18

Per quanto riguarda i colpi per le donne incinte, Wolf ha detto, in un’intervista con Stephen Bannon su “War Room”, che un picco di gravi eventi avversi tra le donne incinte coincide con il lancio di colpi di COVID-19.

Gli informatori del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti (DOD) hanno eseguito il datamining nel database sanitario del DOD, rivelando aumenti significativi dei tassi di aborto spontaneo e nati morti, insieme a cancro e malattie neurologiche, da quando sono stati lanciati i vaccini COVID-19.19 “Questo è onestamente una delle peggiori cose che io abbia mai visto nei miei 35 anni da giornalista”, ha detto Wolf.20

Non solo i dati di IPAK mostrano che le iniezioni di COVID-19 prima delle 20 settimane non sono sicure per le donne in gravidanza, ma il 12,6% delle donne che l’hanno ricevuto nel terzo trimestre hanno riportato eventi avversi di Grado 3, che sono gravi o clinicamente significativi ma non immediatamente pericolosi per la vita . Un altro 8% ha anche riportato una febbre di 38 gradi C (100,4 gradi F), che può portare ad aborto spontaneo o parto prematuro.21

Anche i bambini piccoli stanno sviluppando una grave epatite e nessuno sa perché.22 I vaccini COVID-19 sono stati collegati a casi di malattie del fegato23 e il danno epatico in seguito ai colpi è stato ritenuto “plausibile”.24


Confermato: i vaccini contro il COVID influiscono sui cicli mestruali

È chiaro che ci sono molte incognite su come i colpi di COVID-19 influenzino la gravidanza e la riproduzione, compresi i loro effetti sui cicli mestruali. Le donne di tutto il mondo hanno segnalato cambiamenti nei loro cicli mestruali a seguito di colpi di COVID-19 e i funzionari sanitari hanno cercato di spazzare via i rapporti o etichettarli tutti come aneddotici.

Ma uno studio pubblicato su Ostetricia e ginecologia – e finanziato dal National Institute of Child Health and Human Development (NICHD) e dall’Office of Research on Women’s Health del National Institutes of Health (NIH) – conferma un’associazione tra durata del ciclo mestruale e COVID- 19 colpi.25

Gli studi clinici per i colpi di COVID-19 non hanno raccolto dati sui cicli mestruali dopo l’iniezione e nemmeno il Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS) non raccoglie attivamente informazioni sul ciclo mestruale, rendendo difficile inizialmente determinare se i colpi stavano avendo un effetto. Le segnalazioni aneddotiche sui social media, tuttavia, sono numerose e, secondo lo studio, “suggeriscono che i disturbi mestruali siano molto più comuni…”26

Lo studio Ostetricia e Ginecologia ha coinvolto 3.959 individui di età compresa tra 18 e 45 anni. Coloro che non avevano ricevuto un’iniezione di COVID-19 non hanno notato cambiamenti significativi nel quarto ciclo durante lo studio rispetto ai primi tre cicli.

Coloro che hanno ricevuto i colpi di COVID-19, tuttavia, avevano cicli mestruali più lunghi, in genere di meno di un giorno, quando hanno ricevuto i colpi. I cicli più lunghi sono stati osservati per entrambe le dosi dell’iniezione, con un aumento di 0,71 giorni dopo la prima dose e un aumento di 0,91 giorni dopo la seconda dose.27

Mentre i ricercatori hanno descritto il cambiamento come non clinicamente significativo, il che significa che non è degno di nota dal punto di vista della salute, ci sono state alcune donne che hanno sperimentato cambiamenti mestruali ancora maggiori, in particolare quelle che hanno ricevuto due iniezioni nello stesso ciclo mestruale. Queste modifiche includevano un aumento di due giorni della durata del ciclo e, in alcuni casi, modifiche della durata del ciclo di otto giorni o più.


Vaccini Pfizer: Solo il 12% efficace nei bambini

Aggiungendo la beffa al danno, la ricerca condotta dal Dipartimento della Salute dello Stato di New York mostra la triste realtà sull’efficacia dei vaccini COVID-19 nei bambini.28 Dal 13 dicembre 2021 al 24 gennaio 2022, hanno analizzato i risultati tra 852.384 bambini di 12 anni a 17 anni e 365.502 bambini di età compresa tra 5 e 11 anni, che avevano ricevuto due dosi di colpi.

L’efficacia è diminuita rapidamente tra i bambini di età compresa tra 5 e 11 anni, passando dal 68% a solo il 12%. Anche la protezione contro il ricovero è diminuita, dal 100% al 48%. Solo tra gli undici anni, l’efficacia del vaccino è precipitata all’11%.29 La scarsa risposta è stata attribuita alle discrepanze di dosaggio tra i gruppi di età, poiché i bambini di età compresa tra 5 e 11 anni ricevono due colpi di Pfizer da 10 microgrammi, mentre 12- ai diciassettenni vengono somministrate iniezioni da 30 microgrammi.30

Nella fascia di età più giovane, i colpi non hanno fornito quasi alcuna protezione. E non sono solo i bambini a essere colpiti dall’efficacia in rapido declino dei colpi. Anche i colpi di richiamo del COVID-19 perdono rapidamente efficacia, con la protezione che crolla entro il quarto mese dopo lo scatto.31 Uno studio finanziato dal CDC ha coinvolto i dati di 10 stati raccolti dal 26 agosto 2021 al 22 gennaio 2022, periodi durante i quali sia circolavano varianti di omicron.

Sono state analizzate le visite ai pronto soccorso e alle strutture di assistenza urgente, nonché i ricoveri, tra le persone in cerca di assistenza medica per COVID-19. Lo studio non ha incluso casi più lievi di COVID-19, per i quali non è stata richiesta assistenza medica.

Mentre inizialmente l’efficacia del vaccino contro il pronto soccorso associato al COVID-19 o le visite di cure urgenti e i ricoveri era maggiore dopo l’iniezione di richiamo, rispetto alla seconda iniezione di COVID-19, l’efficacia è diminuita con il passare del tempo dalla vaccinazione.32

Entro due mesi dal secondo colpo di COVID-19, la protezione contro il pronto soccorso e le visite di assistenza urgente relative al COVID-19 era del 69%. Questo è sceso al 37% dopo cinque mesi dallo scatto. La bassa efficacia cinque mesi dopo la serie di iniezioni iniziali è ciò che ha spinto i funzionari a raccomandare una dose di richiamo e la terza dose ha “aumentato” l’efficacia all’87%.

Questa spinta fu tuttavia di breve durata. Entro quattro o cinque mesi dopo il richiamo, la protezione contro il pronto soccorso e le visite di assistenza urgente è scesa al 66%, per poi scendere a solo il 31% dopo cinque mesi o più dopo il richiamo.33

Considerati gli effetti negativi e la mancanza di efficacia, in molti hanno chiesto l’immediato ritiro dei colpi. IPAK ritiene che i dati siano già abbastanza convincenti per ritirare le vaccinazioni per le popolazioni vulnerabili, comprese le donne in gravidanza e allattamento, i bambini e quelli in età fertile.34

Janci Chunn Lindsay, Ph.D., un importante tossicologo e biologo molecolare che lavora con l’M.D. Anderson Cancer Center-Houston, ha parlato alla riunione del Comitato consultivo sulle pratiche di immunizzazione del CDC tenutasi il 23 aprile 2021 e ha anche chiesto “tutti i vaccini per la terapia genica ” a “essere fermato immediatamente a causa di problemi di sicurezza su più fronti”, inclusa la fertilità.35

Fonti & Referenze

Dr. Joseph Mercola


Disclaimer: il contenuto di questo articolo si basa sulle opinioni del Dr. Mercola, se non diversamente specificato. I singoli articoli si basano sulle opinioni del rispettivo autore, che conserva i diritti d’autore come contrassegnati. Le informazioni contenute in questo sito Web non intendono sostituire un rapporto individuale con un operatore sanitario qualificato e non istituire un consiglio medico. È inteso come una condivisione di conoscenze e informazioni provenienti dalla ricerca e dall’esperienza del Dr. Mercola e della sua comunità. Il Dr. Mercola ti incoraggia a prendere le tue decisioni sanitarie sulla base della tua ricerca e in collaborazione con un professionista qualificato sanitario. In caso di gravidanza, allattamento, assunzione di farmaci o condizioni mediche, consultare il proprio medico prima di utilizzare prodotti su questo contenuto


Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo.

NON CI SONO COMPLOTTI

CI SONO PERSONE E FATTI

DOCUMENTATI


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: