L’ARCA e il RESET

Forse questo re-blog è un po’ tardivo, sia come tempistica che intrinseco nei temi che propone, eppure ci sono informazioni che imho ritengo basilari per la nostra conoscenza/coscienza. Anche le soluzioni che propone vanno relazionate alle proprie possibilità, siano la volontà di fare cose.. che le risorse economiche che certe soluzioni comportano. E’ facile pensare che nel momento del bisogno si riescano a tirare fuori energie che non si supponeva esistessero ma assisteremo anche a crolli emotivi sia privati che di massa e le conseguenze potrebbero essere non piacevoli.

L’EVENTO in corso sta cominciando a mostrare il suo VERO volto.

Andando sul sito del WORLD ECONOMIC FORUM si nota un gran lavoro attorno al RESET Globale, forse invece sarà una FORMATTAZIONE con cambio del SISTEMA OPERATIVO, comunque se non vogliamo essere RESETTATI/FORMATTATI … trasformati, dobbiamo darci da fare. E alla svelta!

Continua a leggere “L’ARCA e il RESET”

Il Ritorno del Global Warming

Articolo di Massimo Lupicino 2 Luglio, 2020 ClimateMonitor

Sembra ieri, ma sono passati esattamente due anni da quando su questo Blog è comparso il post in cui si decretava la “Morte del Global Warming”. Ne sono successe di cose, in questi due anni. Non solo in termini di fatti concreti, ma ancor più in generale in fatto di “clima”, laddove con questo termine si vuole intendere, metaforicamente, l’ambiente politico, sociale ed economico in cui siamo immersi.

Al termine di quel post si scriveva: “morto un Global Warming, se ne farà semplicemente un altro”. E così è stato: il Global Warming è di nuovo tra noi, si chiama “Crisi Climatica”, e con la scienza e la politica non ha più niente a che vedere.

Continua a leggere “Il Ritorno del Global Warming”

Gli archivi dimostrano che l’Artico non è mai stato esente da forti ondate di calore nei secoli passati

by Enzo Ragusa

Negli ultimi giorni, gli organi di informazione hanno ancora intrapreso una grande “campagna catastrofica” sul record di temperatura di 100,4 gradi Fahrenheit (circa 38 gradi Celsius) raggiunti nella zona artica russa a Verkhoyansk, città nel nord-est della Russia, a circa 420 km a sud della costa artica e circa 10 km a nord del Circolo Polare Artico.

Continua a leggere “Gli archivi dimostrano che l’Artico non è mai stato esente da forti ondate di calore nei secoli passati”

Il primo movimento eugenetico e la psichiatria professionale emergente

Trasferimenti concettuali e relazioni personali tra Germania e Nord America, dal 1880 al 1930

Frank W. Stahnisch

Astratto. Lo psichiatra franco-austriaco Bénédict Augustin Morel (1809-1873), autore de «Traité des dégénérescences Physics, intellectuelles et morales de l’espèce humaine» (1857) era interamente dedicato al problema sociale della “degenerazione” e divenne molto famoso per gli psichiatri di lingua tedesca durante la seconda metà del XIX secolo. Auguste Forel (1848-1931) e Constantin von Monakow (1853-1930) a Zurigo integrarono l’approccio di Morel e cercarono le alterazioni somatiche e morfologiche nel cervello umano; una prospettiva di ricerca che Ernst Ruedin (1874-1952) a Monaco prolungò ulteriormente in un’analisi approfondita delle influenze ereditarie sulla salute mentale. Questo documento indaga le continuità e le principali differenze all’interno di alcune antiche tradizioni eugenetiche del campo emergente della psichiatria nei paesi di lingua tedesca e nel Nord America.

Parole chiave. eugenetica, psichiatria, relazioni transatlantiche, paesi di lingua tedesca e Nord America

Continua a leggere “Il primo movimento eugenetico e la psichiatria professionale emergente”

Apocalisse sì, ma della ragione

Articolo di Guido Guidi, 24 giugno 2020 ClimateMonitor

I tempi difficili che stiamo vivendo, forse contrariamente a quanto si pensava (e sperava) inizialmente, pur in un contesto di grande impegno e spirito di sacrificio di alcuni, hanno purtroppo fatto emergere, una volta di più, gli enormi difetti e le altrettanto enormi contraddizioni di molti altri.

Continua a leggere “Apocalisse sì, ma della ragione”

Ricerca scientifica pubblicata su piccole celle 4G, 5G, radiazione wireless e salute

La scienza pubblicata peer review indica già che le attuali tecnologie wireless di 2G, 3G e 4G – in uso oggi con i nostri telefoni cellulari, computer e tecnologia indossabile – creano esposizioni a radiofrequenze che rappresentano (pongono) un grave rischio per la salute di esseri umani, animali e l’ambiente. Gli scienziati stanno avvertendo che prima di distribuire il 5G, devono essere urgentemente condotte ricerche sugli effetti sulla salute umana prima di garantire che il pubblico e l’ambiente siano protetti.

Continua a leggere “Ricerca scientifica pubblicata su piccole celle 4G, 5G, radiazione wireless e salute”

Il Tempo “bloccato” sull’Europa e i Coralli che ne sanno più di noi

Articolo di Guido Guidi, 13 Giugno

È incredibile come la “persistenza” citata nell’articolo sia solo nei crani di scienziati globalisti e warmisti di ogni censo e cultura nell’arroccarsi tra le vette più alte della disinformazione ed arrampicarsi sugli specchi nel tentativo di dimostrare che esiste un riscaldamento globale catastrofico causato dalle attività umane. Da tempo ormai le evidenze sono tutte volte ad un periodo climatico in direzione del freddo.

Continua a leggere “Il Tempo “bloccato” sull’Europa e i Coralli che ne sanno più di noi”

Raffreddamento In Eurasia, Nord America, Africa, Australia, Sud America, Groenlandia, Antartide “Riscaldamento globale” Sminuito

Negli ultimi decenni ci sono state “notevoli tendenze di raffreddamento” in molte regioni del globo secondo numerosi nuovi studi.

Di Kenneth Richard, 11 giugno 2020

Continua a leggere “Raffreddamento In Eurasia, Nord America, Africa, Australia, Sud America, Groenlandia, Antartide “Riscaldamento globale” Sminuito”

“Cambiamento climatico”: Un piano Rockefeller

Pubblicato per la prima volta nel dicembre 2016, questo articolo è rilevante per la comprensione del dibattito sul clima, Extinction Rebellion in corso.

Chi sta finanziando il “movimento di protesta”

“A partire dagli anni ’80, il Rockefeller Brothers Fund è diventato il principale sostenitore dell’agenda sul riscaldamento globale. … Nella loro revisione del programma di sviluppo sostenibile, il Rockefeller Brothers Fund si vanta di essere uno dei primi principali attivisti del riscaldamento globale, citando la sua forte difesa sia per la formazione del 1988 del pannello intergovernativo delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (IPCC) sia per l’istituzione del 1992 del Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici” (estratto dal rapporto).
Il seguente testo è il rapporto integrale di The Energy & Environmental Legal Institute pubblicato nel 2016.

L’importante è riconoscere il ruolo della famiglia Rockefeller – che storicamente era l’architetto di “Big Oil” – nel sostenere il dibattito sui cambiamenti climatici, nonché il finanziamento di scienziati, ambientalisti e ONG coinvolti nell’attivismo di base contro “Big Oil”e l’industria dei combustibili fossili.
Il dibattito sul clima mondiale è di cruciale importanza. Ma chi controlla quel dibattito?
Esiste un’ovvia relazione contraddittoria: mentre “Big Oil” è l’obiettivo dell’attivismo sul riscaldamento globale, “Big Oil” attraverso la famiglia Rockefeller e Rockefeller Brothers Trusts finanziano generosamente il movimento mondiale di protesta per il clima. Chiediti perché?
Michel Chossudovsky, Global Research, 24 maggio 2019, 24 novembre 2019

Continua a leggere ““Cambiamento climatico”: Un piano Rockefeller”

Tossicità delle nanoparticelle metalliche nel sistema nervoso centrale

Da Wikipedia, Con il termine nanoparticella si identificano normalmente delle particelle formate da aggregati atomici o molecolari con un diametro compreso indicativamente fra 1 e 100 nm. Per dare un’idea dell’ordine di grandezza, le celle elementari dei cristalli hanno lunghezze dell’ordine di un nanometro; la doppia elica del DNA ha un diametro di circa 2 nm. La comunità scientifica non ha ancora determinato una misura univoca: possono essere definite misure diverse a seconda se l’approccio è dal punto di vista chimico, fisico, o della biologia molecolare o anatomia patologica. La dimensione minima è quella della molecola oggetto di studio o valutazione.

Continua a leggere “Tossicità delle nanoparticelle metalliche nel sistema nervoso centrale”